EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 32001D0677

2001/677/CE: Decisione della Commissione, del 10 agosto 2001, sul formato della relazione che gli Stati membri devono trasmettere in ottemperanza all'articolo 9 della direttiva 1999/94/CE (Testo rilevante ai fini del SEE) [notificata con il numero C(2001) 1883]

OJ L 237, 6.9.2001, p. 5–15 (ES, DA, DE, EL, EN, FR, IT, NL, PT, FI, SV)
Special edition in Czech: Chapter 15 Volume 006 P. 185 - 195
Special edition in Estonian: Chapter 15 Volume 006 P. 185 - 195
Special edition in Latvian: Chapter 15 Volume 006 P. 185 - 195
Special edition in Lithuanian: Chapter 15 Volume 006 P. 185 - 195
Special edition in Hungarian Chapter 15 Volume 006 P. 185 - 195
Special edition in Maltese: Chapter 15 Volume 006 P. 185 - 195
Special edition in Polish: Chapter 15 Volume 006 P. 185 - 195
Special edition in Slovak: Chapter 15 Volume 006 P. 185 - 195
Special edition in Slovene: Chapter 15 Volume 006 P. 185 - 195
Special edition in Bulgarian: Chapter 15 Volume 007 P. 150 - 160
Special edition in Romanian: Chapter 15 Volume 007 P. 150 - 160
Special edition in Croatian: Chapter 15 Volume 017 P. 22 - 32

In force

ELI: http://data.europa.eu/eli/dec/2001/677/oj

32001D0677

2001/677/CE: Decisione della Commissione, del 10 agosto 2001, sul formato della relazione che gli Stati membri devono trasmettere in ottemperanza all'articolo 9 della direttiva 1999/94/CE (Testo rilevante ai fini del SEE) [notificata con il numero C(2001) 1883]

Gazzetta ufficiale n. L 237 del 06/09/2001 pag. 0005 - 0015


Decisione della Commissione

del 10 agosto 2001

sul formato della relazione che gli Stati membri devono trasmettere in ottemperanza all'articolo 9 della direttiva 1999/94/CE

[notificata con il numero C(2001) 1883]

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(2001/677/CE)

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

vista la direttiva 1999/94/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 1999, relativa alla disponibilità di informazioni sul risparmio di carburante e sulle emissioni di CO2 da fornire ai consumatori per quanto riguarda la commercializzazione di autovetture nuove(1), in particolare l'articolo 9,

considerando quanto segue:

(1) Gli Stati membri trasmettono alla Commissione, entro il 31 dicembre 2003, una relazione sull'efficacia delle disposizioni della direttiva 1999/94/CE, che copre il periodo dal 18 gennaio 2001 fino al 31 dicembre 2002.

(2) Il formato di tale relazione è stabilito entro il 18 gennaio 2001.

(3) Le misure previste dalla presente decisione sono conformi al parere del comitato istituito ai sensi dell'articolo 10 della direttiva 1999/94/CE.

(4) Le risposte fornite nella relazione devono basarsi sui dati e sulle informazioni raccolti nel paese mediante opportune metodologie su scala nazionale e devono essere quanto più esaustive possibile,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

Gli Stati membri trasmettono alla Commissione le relazioni di cui all'articolo 9 della direttiva 1999/94/CE rispettando il formato contenuto nell'allegato.

Articolo 2

Gli Stati membri sono destinatari della presente decisione.

Fatto a Bruxelles, il 10 agosto 2001.

Per la Commissione

Margot Wallström

Membro della Commissione

(1) GU L 12 del 18.1.2000, pag. 16.

ALLEGATO

Formato della relazione che gli Stati membri devono trasmettere in ottemperanza all'articolo 9 della direttiva 1999/94/CE

GLOSSARIO

Come ausilio interpretativo le seguenti definizioni valgono limitatamente ai fini del presente documento.

Sistema di classificazione delle autovetture: un sistema che classifica le autovetture ad esempio in funzione del tipo o del segmento di mercato (ad esempio familiare, mini, monovolume, berlina, sportiva, ecc.)

Consumatore commerciale: un'entità commerciale o un soggetto singolo privato che effettua un pagamento per l'acquisto o il leasing di un'autovettura che è utilizzata principalmente a scopi inerenti alla sua attività.

Rivenditore: una persona che rappresenta l'impresa attraverso la quale il consumatore acquista o effettua il leasing dell'autovettura.

Impresa di distribuzione: l'entità commerciale da cui il consumatore acquista o prende in leasing l'autovettura.

Concessionaria plurimarca: un'impresa di distribuzione che vende più di una marca (ad esempio vende autovetture di più di un produttore).

Punto di vendita: uno spazio, ad esempio una sala di esposizione o uno spazio all'aperto, nel quale le autovetture nuove sono esposte o offerte in vendita o in leasing ai potenziali clienti. Rientrano nella presente definizione le fiere in cui le autovetture nuove sono presentate al pubblico.

Consumatore privato: un soggetto singolo privato che paga per prendere in leasing o acquistare un'autovettura che non è utilizzata per la sua attività lavorativa.

Concessionaria monomarca: un'impresa di rivendita che vende un'unica marca (cioè vende autovetture di un solo produttore).

Abbreviazioni:

(O) Obbligatorio

(F) Facoltativo

A. COORDINATE DELLA O DELLE AUTORITÀ CHE PRESENTANO LA RELAZIONE(1)

TUTTE QUESTE INFORMAZIONI SONO OBBLIGATORIE

1. Nome della persona che compila il questionario:

2. Qualifica ufficiale della persona che compila il questionario:

3. Nome dell'organismo e unità amministrativa dell'organismo:

4. Tipo di organismo:

5. Indirizzo:

6. Telefono (con prefisso internazionale):

7. Fax (con prefisso internazionale):

8. E-mail:

9. Indicare se l'autorità è stata designata in forza dell'articolo 8 della direttiva.

B. CONTESTO DI APPLICAZIONE

1. Fornire informazioni sulla regolamentazione o su regimi di mercato che hanno incidenza sulla scelta di una autovettura nuova o che possono influenzare in altro modo la reazione alle informazioni specificate dalla direttiva. (O)

1.1. Indicare brevemente eventuali misure economiche connesse con le autovetture o il carburante applicate a livello nazionale. Comunicare le caratteristiche di queste misure e le loro modalità di applicazione. Specificare chiaramente se e come queste misure economiche differiscono qualora siano applicate al leasing o all'acquisto di autovetture nuove da parte di organismi commerciali e consumatori privati (ad esempio sgravi fiscali per autovetture delle società). (O)

1.2. Indicare se tali misure economiche descritte in risposta al punto 1.1 sono connesse all'etichetta, alla guida o al poster. In caso affermativo specificare. (O)

1.3. Indicare se esistono regolamentazioni statali o regimi di mercato connessi col settore autovetture, in aggiunta a quanto sopra indicato, che possono incidere sulla scelta delle autovetture nuove o sulla reazione alle informazioni elencate dalla direttiva. In caso affermativo specificare. (O)

1.4. Indicare se risulta l'esistenza di regimi di mercato di origine non pubblica connessi con il settore autovetture, in aggiunta a quanto sopra indicato, che possono incidere sulla scelta delle autovetture nuove o sulla reazione alle informazioni di cui alla direttiva. In caso affermativo specificare. (O)

2. Indicare eventuali iniziative coincidenti o precedenti in materia di informazioni atte a suscitare l'attenzione sulla problematica del risparmio di carburante. (O)

2.1. Indicare brevemente le caratteristiche delle iniziative o programmi introdotti prima del recepimento a livello nazionale delle disposizioni della direttiva, atti a suscitare l'attenzione degli automobilisti alla problematica connessa con il risparmio di carburante (ad esempio etichettatura relativa al risparmio di carburante, campagne radiotelevisive). (O)

2.1.1. Per i programmi di questo tipo che sono stati introdotti, specificare la durata di applicazione. (O)

2.1.2. Per i programmi di questo tipo che sono stati introdotti fornire un breve riepilogo che ponga in evidenza se è stata constatata o no una loro incidenza e le conclusioni che possono essere tratte sul loro eventuale successo o insuccesso (cfr. sopra). In alternativa presentare eventuali relazioni di valutazione che sono state elaborate e che soddisfano alle informazioni sopra richieste. (O)

2.2. Indicare se sono stati utilizzati altri "strumenti" di informazione ad integrazione delle disposizioni specificate dalla direttiva 1999/94/CE (ad esempio campagne radiotelevisive o di stampa, giornate di sensibilizzazione, conferenze). Per ciascuno strumento utilizzato specificare il tipo usato, il mezzo di comunicazione impiegato, la durata d'applicazione, una stima dei costi e una stima del numero delle persone raggiunte. (O)

3. Fornire una descrizione sintetica della struttura del mercato delle autovetture. (O)

3.1. Numero di imprese di distribuzione registrate nello Stato membro. (O)

3.2. Percentuale di imprese di distribuzione indipendenti (vale a dire non controllate da un produttore) e non indipendenti (vale a dire controllate da un produttore). (O)

3.3. Percentuale di concessionarie monomarca e percentuale di concessionarie multimarca. (O)

3.4. Percentuale di autovetture nuove immatricolate (acquistate o prese in leasing) da consumatori privati. (F)

3.5. Percentuale di autovetture nuove immatricolate (acquistate o prese in leasing) da consumatori commerciali. (F)

C. VALUTAZIONE DELL'EFFICACIA DELLE DISPOSIZIONI DELLA DIRETTIVA E LORO APPLICAZIONE

1. Indicare se a livello nazionale sono stati condotti studi relativi all'efficacia della direttiva 1999/94/CE per quanto riguarda l'eventuale riduzione delle emissioni totali di CO2 o delle emissioni specifiche di CO2 causate dalle autovetture. Presentare i risultati e un'analisi di questi studi. (F)

2. Indicare se a livello nazionale sono stati condotti studi relativi ai costi e benefici connessi con l'attuazione della direttiva 1999/94/CE (ad esempio, per i rivenditori, il governo o i produttori) per quanto riguarda la produzione e la distribuzione della guida, dell'etichetta e dei poster. (F)

2.1. Presentare i risultati delle stime relative ai costi o delle analisi costi/benefici e precisare le ipotesi e metodologie utilizzate. Le stime dei costi devono essere rigorosamente relative al costo addizionale rispetto alla spesa in caso di assenza della direttiva. (F)

2.2. Indicare se tutti gli organismi considerano i costi accettabili. In caso negativo specificare. (F)

2.3. Precisare le modalità possibili per ridurre i costi, se esiste tale possibilità. (F)

3. Valutazione dell'efficacia della direttiva a fini di informazione e orientamento dei consumatori. (O)

Metodi di valutazione

3.1. Indicare se a livello nazionale era stata valutata la consapevolezza da parte dei consumatori della problematica connessa al risparmio di carburante prima dell'attuazione delle disposizioni della direttiva. In caso affermativo trasmettere i risultati, le conclusioni ricavate, gli elementi dei metodi di valutazione utilizzati e il grado stimato di approssimazione. Se sono state effettuate inchieste, specificare tra l'altro il numero di soggetti intervistati, le stime dell'approssimazione e la rappresentatività. Indicare altresì l'arco di tempo al quale si riferiscono queste valutazioni. (O)

3.2. Indicare se sono stati sperimentati sul campo vari tipi di guida, etichetta o poster. In caso affermativo precisare i metodi e le condizioni nonché i risultati delle sperimentazioni. (O)

3.3. Indicare se a livello nazionale è stata valutata l'efficacia delle disposizioni della direttiva (vale a dire etichetta, guida, poster e materiale promozionale) nel senso di agevolare una scelta informata del consumatore. Indicare se a livello nazionale è stata valutata la percezione del consumatore e la sua reazione alle informazioni sul risparmio di carburante fornite dalla direttiva. In caso affermativo specificare le valutazioni effettuate, i metodi utilizzati e il grado stimato di approssimazione. Se sono state effettuate inchieste, specificare tra l'altro il numero di soggetti intervistati, le stime dell'approssimazione e la rappresentatività. Indicare altresì il lasso di tempo al quale si riferiscono tali valutazioni. (O)

Consapevolezza e comprensione da parte del consumatore della problematica in materia di risparmio di carburante

3.4. Specificare il grado di consapevolezza e comprensione da parte dei consumatori della problematica in materia di risparmio del carburante. (F)

3.4.1. Precisare come i consumatori privati e commerciali valutano i vari fattori, compreso il risparmio di carburante, che possono essere presi in considerazione nella scelta di un'autovettura nuova da acquistare o prendere in leasing. (F)

3.4.2. Indicare l'importanza che i consumatori privati e commerciali assegnano alle differenze di consumo di carburante di autovetture della stessa dimensione. (F)

3.4.3. Indicare la diversa importanza che i consumatori commerciali riconoscono al risparmio di carburante in funzione dell'impiego previsto della vettura, del guidatore, di fattori economici diversi dai costi del carburante, della politica in materia di ambiente dell'impresa o di altri importanti fattori. (F)

3.4.4. Indicare il grado di consapevolezza dei consumatori privati e commerciali della problematica in materia di riscaldamento globale e di cambiamenti climatici e relativa connessione con l'impiego di carburanti (carburanti fossili). (F)

3.4.5. Indicare la differente consapevolezza e comprensione da parte dei consumatori della problematica in materia di risparmio di carburante in funzione della loro classe socio-economica di appartenenza, età, sesso, importanza data ai costi di carburante e alle tasse di circolazione e altri fattori che sono considerati rilevanti. (F)

3.4.6. Indicare qual è il grado di priorità, secondo i rivenditori, del risparmio di carburante per i consumatori privati e commerciali. (F)

3.4.7. Indicare la frequenza delle domande relative al risparmio di carburante dei consumatori privati e commerciali constatata dai rivenditori. (F)

Atteggiamento dei consumatori per quanto riguarda le fonti di informazione in materia di risparmio di carburante

3.5. Indicare come i consumatori privati e commerciali considerano le fonti di informazioni in materia di risparmio di carburante. (F)

3.5.1. Indicare le fonti di informazioni che i consumatori privati e commerciali ritengono importanti nella scelta di un'autovettura nuova in caso di acquisto o di leasing, comprese le fonti di informazioni sul risparmio di carburante previste dalla direttiva. (F)

3.5.2. Indicare il grado di facilità incontrato dai consumatori privati e commerciali per ottenere dati sul risparmio di carburante e confrontare il risparmio di carburante di autovetture diverse. (F)

3.5.3. Indicare il grado di facilità per i consumatori privati e commerciali di procurarsi dati sull'impatto ambientale e confrontare i dati relativi all'impatto ambientale di autovetture diverse. (F)

Efficacia delle disposizioni della direttiva in genere

3.6. Specificare il grado di efficacia delle disposizioni della direttiva (etichetta, guida, poster, materiale promozionale) nel loro insieme per consentire al consumatore di procedere ad una scelta informata. (O)

3.6.1. Indicare l'efficacia a fini di informazione assegnata dai consumatori privati e commerciali (nonché dai rivenditori) al sistema di informazioni in materia di risparmio di carburante (cioè etichette, guide, poster, materiale promozionale) considerato nel suo insieme e specificare come essa vari in funzione della consapevolezza del consumatore in ordine alla problematica del risparmio di carburante, della classe socio-economica del consumatore, della sua età, del sesso, dell'importanza che il consumatore attribuisce ai costi del carburante e alle tasse di circolazione e a eventuali altri fattori che sono ritenuti di interesse. (F)

3.7. Indicare il grado di influenza che le disposizioni della direttiva nel suo insieme hanno sul comportamento del consumatore. (O)

3.7.1. Indicare il grado di influenza che i consumatori privati e commerciali (nonché i rivenditori) ritengono abbia il sistema di informazione in materia di risparmio di carburante nel suo insieme (vale a dire etichette, guide, poster, materiale promozionale). Specificare come variano le risposte dei consumatori in funzione della loro consapevolezza della problematica in materia di risparmio di carburante, della loro classe socio-economica, età, sesso, dell'importanza che attribuiscono ai costi del carburante e alle tasse di circolazione e a qualsiasi altro fattore ritenuto di interesse. (F)

3.7.2. Indicare in che misura i consumatori privati modificano il loro comportamento nella scelta di un'autovettura per effetto delle informazioni ottenute dal sistema di informazioni in materia di risparmio di carburante definito dalle disposizioni della direttiva. Precisare come variano le risposte dei consumatori in funzione della loro consapevolezza della problematica in materia di risparmio di energia, dell'opinione che i consumatori hanno del grado di influenza delle disposizioni della direttiva, della loro classe socio-economica, età, sesso, dell'importanza che essi attribuiscono ai costi del carburante e alle tasse di circolazione nonché a qualsiasi altro fattore ritenuto di interesse. (F)

Efficacia della guida

3.8. Specificare il grado di efficacia della guida nel dar modo al consumatore di effettuare una scelta informata. (O)

3.8.1. Indicare la percentuale di consumatori privati e commerciali che sono informati dell'esistenza della guida e le modalità con le quali sono stati informati della guida. (F)

3.8.2. Indicare le modalità seguite dai consumatori privati e commerciali per ottenere un esemplare della guida. Specificare le ragioni per le quali, pur conoscendone l'esistenza, i consumatori privati e commerciali non sono riusciti ad ottenere un esemplare della guida. Indicare la percentuale di consumatori privati e commerciali che hanno dichiarato di non aver ottenuto una guida dopo averla chiesta in un punto di vendita. (F)

3.8.3. Indicare la percentuale di consumatori privati e commerciali che si conformano alle indicazioni contenute nella guida. (F)

3.8.4. Indicare il grado di chiarezza e comprensibilità che i consumatori privati e commerciali (nonché rivenditori) riconoscono alla guida. (F)

3.8.5. Indicare se i consumatori privati e commerciali (nonché rivenditori) reputano utile la guida. (F)

3.8.6. Indicare se i consumatori privati e commerciali (nonché rivenditori) ritengono la guida migliorabile e i miglioramenti raccomandati. (F)

3.9. Indicare il grado di influenza che ha la guida. (O)

3.9.1. Specificare il grado di influenza che i consumatori privati e commerciali (nonché i rivenditori) attribuiscono alla guida per quanto riguarda la promozione di autovetture efficienti sotto il profilo del consumo di carburante. (F)

Efficacia dell'etichetta

3.10. Indicare il grado di efficacia dell'etichetta per dar modo al consumatore di effettuare una scelta informata. (O)

3.10.1. Indicare la percentuale di consumatori privati e commerciali che vedono l'etichetta sull'autovettura o in prossimità. (F)

3.10.2. Indicare la percentuale di consumatori privati e commerciali che dichiarano che l'addetto alle vendite ha richiamato l'attenzione sull'etichetta. Indicare la percentuale di consumatori privati e commerciali che dichiarano che l'addetto alle vendite ha illustrato loro l'etichetta. Indicare la percentuale di questi consumatori che ha chiesto all'addetto alle vendite di spiegare loro l'etichetta. (F)

3.10.3. Indicare la percentuale di consumatori privati e commerciali che legge l'etichetta. (F)

3.10.4. Indicare il grado di chiarezza e di comprensibilità che i consumatori privati e commerciali (nonché rivenditori) riconoscono all'etichetta. (F)

3.10.5. Indicare il grado di utilità che i consumatori privati e commerciali (nonché i rivenditori) attribuiscono all'etichetta. (F)

3.10.6. Indicare se i consumatori privati e commerciali preferiscono l'etichetta per confrontare il risparmio di carburante di varie autovetture. Specificare il metodo di confronto preferito dai consumatori. (F)

3.10.7. Indicare se i consumatori privati sono al corrente dell'etichetta europea riguardante l'energia per gli elettrodomestici. Specificare le preferenze dei consumatori privati tra il modello di questa etichetta europea per l'energia per gli elettrodomestici e il modello utilizzato per l'etichetta relativa al risparmio di carburante. Chiarire se i consumatori privati preferiscono che le etichette per qualsiasi prodotto che utilizza l'energia siano configurate su un modello simile. (F)

3.10.8. Indicare se i consumatori privati e commerciali (nonché i rivenditori) ritengono migliorabile l'etichetta e i miglioramenti raccomandati. (F)

3.11. Indicare il grado di influenza che ha l'etichetta. (O)

3.11.1. Indicare il grado di influenza che i consumatori privati e commerciali (nonché rivenditori) assegnano all'etichetta per quanto riguarda la promozione di autovetture efficienti sotto il profilo del consumo di carburante. (F)

Efficacia del poster (della pagina visualizzata)

3.12. Indicare il grado di efficacia del poster (della pagina visualizzata) per dar modo al consumatore di effettuare una scelta informata. (O)

3.12.1. Indicare la percentuale di consumatori privati e commerciali che vedono i poster (le pagine visualizzate). (F)

3.12.2. Specificare le informazioni ricavate dai consumatori privati e commerciali dal poster (dalla pagina visualizzata). (F)

3.12.3. Indicare il grado di chiarezza e di comprensibilità che i consumatori privati e commerciali (nonché i rivenditori) assegnano al poster (alla pagina visualizzata). (F)

3.12.4. Indicare il grado di utilità che i consumatori privati e commerciali (nonché i rivenditori) assegnano al poster (alla pagina visualizzata). (F)

3.12.5. Indicare se i consumatori privati e commerciali (nonché i rivenditori) ritengono il poster (la pagina visualizzata) migliorabile e i miglioramenti raccomandati. (F)

3.13. Indicare il grado di influenza che ha il poster (la pagina visualizzata). (O)

3.13.1. Indicare il grado di influenza che consumatori privati e commerciali (nonché i rivenditori) assegnano al poster (alla pagina visualizzata) per quanto riguarda la promozione di autovetture efficienti sotto il profilo del carburante. (F)

Efficacia dell'altro materiale promozionale a stampa

3.14. Indicare il grado di efficacia delle disposizioni della direttiva relative all'altro materiale promozionale a stampa per dar modo al consumatore di effettuare una scelta informata. (O)

3.14.1. Indicare la frequenza di constatazione da parte dei consumatori privati e commerciali di informazioni in materia di risparmio di carburante in altro materiale promozionale a stampa. (F)

3.14.2. Specificare il grado di utilità che i consumatori privati e commerciali assegnano ad una presentazione chiara in tutto il materiale promozionale a stampa dei dati relativi al risparmio di carburante. (F)

3.15. Indicare il grado di influenza delle disposizioni della direttiva relative all'altro materiale promozionale a stampa. (O)

3.15.1. Indicare il grado di influenza che i consumatori privati e commerciali (nonché i rivenditori) assegnano alle disposizioni della direttiva relative all'altro materiale promozionale a stampa al fine di promuovere le autovetture efficienti sotto il profilo del carburante. (F)

3.16. Trasmettere le conclusioni tratte per quanto riguarda l'efficacia delle disposizioni della direttiva sotto il profilo dell'informazione e dell'influenza sui consumatori. (O)

D. CONFIGURAZIONE E APPLICAZIONE DEGLI STRUMENTI DI INFORMAZIONE

Configurazione dell'etichetta

1. Indicare la configurazione dell'etichetta utilizzata a livello nazionale e fornire esempi. (O)

1.1. Indicare se l'etichetta confronta il risparmio di carburante dell'autovettura a cui si riferisce a quello di altre autovetture. In caso affermativo spiegare le modalità con le quali è fatto il confronto (ad esempio autovetture comparate normalizzando il risparmio di carburante; autovetture classificate in base a un sistema di classificazione che consente comparazioni con altre autovetture nell'ambito della medesima classe). (O)

1.2. In caso di classificazione delle autovetture in funzione del risparmio di carburante indicare come il sistema di classificazione è applicato alla serie di modelli sul mercato. Indicare la frequenza di aggiornamento della classificazione. Specificare dove si situa nella classificazione il valore medio di risparmio di carburante dell'intero parco autovetture. (O)

1.3. Qualora i costi per il carburante siano inclusi nell'etichetta, specificare la base del loro calcolo (ad esempio distanza percorsa e costo del carburante al litro o gallone per ciascun tipo di carburante e numero di anni, ecc.) (O)

1.4. Qualora nell'etichetta sia inserito un "indice o classe ambientale" per confrontare l'impatto sull'ambiente del veicolo rispetto ad altri, specificare le modalità seguite per ricavare ed esprimere i dati. (O)

1.5. Qualora nell'etichetta siano inseriti dati relativi alla rumorosità, indicare le modalità seguite per ricavare ed esprimere i dati. Se i dati relativi alla rumorosità sono confrontati con quelli di altre autovetture, specificarne le modalità. (O)

1.6. Se l'etichetta riporta dati sulle emissioni tossiche, indicare le modalità seguite per ricavare ed esprimere i dati. Se tali dati sono confrontati con quelli di altre autovetture, specificarne le modalità. (O)

1.7. Indicare se per l'etichetta è stato elaborato un sistema di classificazione per assegnare le autovetture a classi particolari. In caso affermativo specificare come funziona tale sistema. (O)

1.8. Indicare se l'etichetta riporta riferimenti a vantaggi o svantaggi economici connessi al veicolo, ad esempio tasse che possono incidere sul tipo di autovettura scelta e quindi collegarsi al risparmio di carburante, spiegando le modalità di presentazione delle informazioni relative. (O)

1.9. In aggiunta a quanto sopra, indicare se l'etichetta relativa al risparmio di carburante del paese in questione oltrepassa in qualche modo le specifiche minime di cui all'allegato I della direttiva 1999/94/CE. Spiegare le modalità seguite per ottenere i dati e le motivazioni che hanno indotto a elaborare l'etichetta in tale maniera. (O)

1.10. Indicare se è prevista una modifica della configurazione dell'etichetta in futuro. In caso affermativo specificare, precisando le o la data prevista, le modalità seguite per ricavare gli elementi aggiuntivi e le motivazioni per le modifiche in programma. (O)

Configurazione della guida

2. Precisare la configurazione della guida utilizzata a livello nazionale e fornire uno o più esempi. (O)

2.1. Precisare se nello Stato membro in questione la guida relativa al risparmio di carburante è solo una (a prescindere dall'esistenza di varie versioni linguistiche). (O)

2.2. Qualora i costi del carburante siano inseriti nella guida, specificare la base di calcolo (ad esempio distanza percorsa e costo del carburante al litro o al gallone per ciascun tipo di carburante e numero di anni, ecc.) (precisare se si tratta della stessa base utilizzata per l'etichetta). (O)

2.3. Qualora sia utilizzato un "indice o classe ambientale" per confrontare l'impatto sull'ambiente del veicolo rispetto ad altri veicoli, specificare le modalità seguite per ottenere tale dato (precisare se è il medesimo utilizzato per l'etichetta). (O)

2.4. Se nella guida sono inclusi dati relativi alla rumorosità, specificare le modalità seguite per ottenerli ed esprimerli. Se questi dati sono confrontati a quelli di altre autovetture, specificarne le modalità (precisare se si tratta degli stessi dati utilizzati per l'etichetta). (O)

2.5. Se nella guida sono presentati dati relativi alle emissioni tossiche, indicare come sono espressi questi dati. Se tali dati sono confrontati con quelli di altre autovetture, specificarne le modalità. (O)

2.6. Precisare se per la guida è stato elaborato un sistema di classificazione per assegnare le autovetture a classi particolari. In caso affermativo specificare come funziona questo sistema (indicare se è il medesimo utilizzato per l'etichetta). (O)

2.7. Specificare se la guida riporta vantaggi o svantaggi economici connessi al veicolo, ad esempio tasse, che possono incidere sul tipo di autovettura scelta e quindi collegarsi al risparmio di carburante e precisare come sono presentate queste informazioni. (O)

2.8. Indicare se nella guida è inserita una classificazione di merito basata sul risparmio di carburante. Spiegare le modalità di presentazione delle informazioni. (O)

2.9. Indicare se la o le guide nazionali oltrepassano, in aggiunta a quanto sopra specificato, le specifiche minime presentate nell'allegato II della direttiva 1999/94/CE. In caso affermativo precisare come la guida oltrepassa le specifiche della direttiva e motivare le disposizioni aggiuntive. (O)

2.10. Indicare se esiste una versione elettronica della guida, comunicare l'indirizzo del sito web, precisare da quando funziona e il numero di consultazioni finora registrate. Indicare se sono disponibili strumenti di selezionamento e ricerca. Indicare la frequenza di aggiornamento della guida elettronica. Specificarne brevemente il contenuto e la configurazione. (O)

2.11. Indicare se è previsto per il futuro un adattamento della configurazione della guida su supporto cartaceo o in rete. In caso affermativo specificare tra l'altro la data o le date previste, le modalità di ottenimento dei dati da aggiungere e i motivi dei cambiamenti in programma. (O)

Configurazione del poster (della pagina visualizzata)

3. Indicare la configurazione del poster (della pagina visualizzata) utilizzato a livello nazionale e fornire esempi. (O)

3.1. Indicare se a livello nazionale sono state prese disposizioni in aggiunta a quelle della direttiva 1999/94/CE per i poster (pagina visualizzata) relativi al risparmio di carburante. In caso affermativo comunicare le disposizioni supplementari quali definite nella normativa o misure nazionali e indicare le motivazioni per le disposizioni supplementari. (O)

3.2. Indicare se è prevista nel futuro una modifica della configurazione del poster (della pagina visualizzata). In caso affermativo specificare, tra l'altro, la data o le date previste, le modalità di ottenimento dei dati da aggiungere e i motivi per le modifiche in programma. (O)

Configurazione del materiale promozionale a stampa

4. Indicare qual è la configurazione adottata per il materiale promozionale a stampa. (O)

4.1. Indicare se a livello nazionale sono state previste disposizioni aggiuntive a quelle della direttiva 1999/94/CE per l'"altro materiale promozionale a stampa". In caso affermativo comunicare le disposizioni aggiuntive definite nella normativa o nelle misure nazionali e i motivi di tali disposizioni supplementari. (O)

4.2. Indicare se a livello nazionale esistono disposizioni per materiale promozionale diverso da quello su supporto cartaceo (ad esempio Internet, televisione, radio). In caso affermativo specificare. (O)

4.3. Indicare se è previsto in futuro l'adattamento delle disposizioni in vigore per il materiale promozionale a stampa o diverso (in caso affermativo specificare tra l'altro la o le date previste, le modalità di ottenimento dei dati da aggiungere e i motivi per le modifiche in programma. (O)

Adattamenti della configurazione posteriori all'attuazione della direttiva

5. Indicare se qualche disposizione della direttiva attuata a livello nazionale (ad esempio relativa al poster, alla guida, all'etichetta) è stata modificata durante il periodo di valutazione (ad esempio dopo che le disposizioni della direttiva sono state per la prima volta attuate a livello nazionale). (O)

5.1. Specificare quali disposizioni della direttiva 1999/94/CE che sono state attuate dal 18 gennaio 2001 sono state in seguito modificate e fornire, se possibile, esempi (ad esempio etichetta, guida). (O)

5.2. Indicare i motivi delle varie modifiche. (O)

E. ASPETTI APPLICATIVI

Generalità

1. Indicare il riparto di competenze tra autorità pubbliche, distributori, produttori e importatori. (O)

1.1. Specificare chi è responsabile della supervisione della progettazione, produzione e distribuzione della guida. (O)

1.2. Specificare chi è responsabile della supervisione della progettazione, produzione e distribuzione delle etichette. (O)

1.3. Specificare chi finanzia la produzione e distribuzione della guida, dell'etichetta e del poster. (O)

2. Precisare i sistemi che sono stati instaurati per produrre, gestire e distribuire le informazioni. (O)

2.1. Numero di guide stampate ogni anno. Modalità di distribuzione e destinatari delle guide. (O)

2.2. Modalità di ottenimento delle etichette da parte dei rivenditori. (O)

2.3. Modalità di ottenimento dei poster da parte dei rivenditori. (O)

2.4. Indicare quali sono le modalità migliori, a parere dei rivenditori, di ottenere le etichette, le guide e i poster (pagine visualizzate) e quali sono gli ostacoli che a loro parere impediscono l'adozione di tali modalità preferibili. (F)

3. Indicare se a livello nazionale si intende continuare ad utilizzare gli attuali sistemi di produzione e di distribuzione della guida, dell'etichetta e dei poster. In caso negativo specificare e indicare i motivi per cui si intende introdurre modifiche e precisare quando tali modifiche dovrebbero entrare in vigore. (O)

4. Indicare a quale data a livello nazionale sono state attuate le disposizioni della direttiva 1999/94/CE. Specificare se certe disposizioni sono state poste in applicazione in tempi diversi. (O)

5. Precisare se è stato valutato il grado di conformità con le disposizioni della direttiva. In caso affermativo indicare gli eventuali metodi di valutazione impiegati e i livelli stimati di accuratezza. Indicare chiaramente se la valutazione presenta aspetti diversi per l'etichetta, il poster, la guida e il materiale promozionale a stampa. In caso di attuazione di inchieste, specificare tra l'altro il numero di persone intervistate, le stime della precisione e la rappresentatività. Indicare inoltre il periodo di tempo cui si riferiscono le valutazioni. (O)

6. Precisare il grado di conformità con le disposizioni della direttiva. (O)

Conformità dell'etichetta

6.1. Precisare se il contenuto e la configurazione dell'etichetta è conforme alle disposizioni della direttiva e se l'apposizione dell'etichetta è anch'essa conforme alle disposizioni della direttiva. (O)

6.1.1. Precisare se le etichette sono standardizzate per consentire una maggiore riconoscibilità da parte dei consumatori. (O)

6.1.2. Precisare se tutte le etichette sono del formato A4 (cioè 297 mm × 210 mm). (O)

6.1.3. Precisare se le etichette contengono le informazioni relative al risparmio di carburante e alle emissioni di CO2 conformemente all'allegato I della direttiva. (O)

6.1.4. Precisare se le etichette contengono un testo come prescritto dall'allegato I della direttiva relativo alla disponibilità della guida e alle emissioni di CO2. (O)

6.1.5. Indicare quale percentuale di autovetture è dotata di un'etichetta equivalente che è conforme a tutte le disposizioni della direttiva. (F)

6.1.6. Indicare la percentuale di autovetture sulle quali è apposta l'etichetta. (F)

6.1.7. Indicare la percentuale di autovetture per le quali l'etichetta è sufficientemente vicina all'autovettura. (F)

6.1.8. Indicare la percentuale di autovetture sulle quali non è apposta un'etichetta o per le quali l'etichetta non è affissa nelle vicinanze. Precisare i motivi per i quali, secondo i rivenditori, le etichette non sono apposte sulle autovetture o non sono vicine ad esse. (F)

6.1.9. Indicare la percentuale di autovetture la cui etichetta è nascosta. (F)

6.1.10. Indicare la percentuale di autovetture la cui etichetta è danneggiata. (F)

6.1.11. Indicare la percentuale di autovetture che portano etichette non corrispondenti adeguatamente all'autovettura. (F)

6.1.12. Indicare la percentuale di autovetture sulle quali sono apposte etichette il cui contenuto non è conforme alla direttiva. Nei casi in cui il contenuto dell'etichetta non è conforme alla direttiva, indicare le ragioni di questa mancata conformità. (F)

6.1.13. Indicare la percentuale di autovetture che portano etichette la cui configurazione non è conforme alla direttiva. Nei casi in cui la configurazione dell'etichetta non è conforme alla direttiva indicare le ragioni di questa mancata conformità. (F)

6.1.14. Fornire elementi circa i casi in cui l'indicazione poco chiara di marchi, simboli o iscrizioni sulle etichette relative al risparmio di carburante o alle emissioni di CO2 non è conforme alle prescrizioni della direttiva. (O)

6.1.15. Indicare se è stata riscontrata l'apposizione sulle autovetture di etichette concorrenti contenenti informazioni relative al risparmio di carburante contrastanti con le informazioni dell'etichetta ufficiale. In caso affermativo specificare. (F)

6.2. Fornire le conclusioni tratte relativamente all'etichetta e alla sua conformità con le disposizioni della direttiva. (O)

Conformità della guida

6.3. Indicare se il contenuto e la configurazione della guida è conforme alle disposizioni della direttiva e se la sua distribuzione ottempera a sua volta alle disposizioni della direttiva. (O)

6.3.1. Indicare le dimensioni della guida e il relativo numero di pagine. (O)

6.3.2. Indicare se i modelli di autovetture sono raggruppati per marca e in ordine alfabetico. (O)

6.3.3. Oltre ad essere raggruppati in ordine alfabetico, indicare se i modelli di autovetture sono raggruppati in altro modo e descrivere le modalità di raggruppamento. (O)

6.3.4. Indicare la frequenza di aggiornamento della guida. (O)

6.3.5. Indicare se in sede di aggiornamento la guida contiene un elenco di tutti i nuovi modelli di autovetture disponibili alla data di pubblicazione della versione aggiornata. (O)

6.3.6. Per ciascun modello elencato indicare se il tipo di carburante, il valore numerico del consumo ufficiale di carburante e le emissioni specifiche ufficiali di CO2 sono indicate correttamente in conformità alle disposizioni della direttiva. (O)

6.3.7. Indicare se per ciascun modello elencato sono forniti altri dati in aggiunta a quelli specificati dalla direttiva. In caso affermativo specificare e indicare i motivi per l'inclusione nella guida. (O)

6.3.8. Indicare se nella guida sono stati utilizzati con rischio di confusione altri marchi, simboli o iscrizioni relative al consumo di carburante o alle emissioni di CO2, che non ottemperano alle disposizioni della direttiva. In caso affermativo, specificare. (O)

6.3.9. Precisare se nelle sale di esposizione sono presentate eventualmente guide concorrenti che contengono informazioni relative al consumo di carburante contrastanti con le informazioni della guida ufficiale. In caso affermativo specificare. (F)

6.3.10. Indicare la percentuale di concessionarie che offrono gratuitamente guide nei punti di vendita e quale percentuale di concessionarie non mette a disposizione alcuna guida. Specificare i motivi per cui nei punti di vendita non sono disponibili guide gratuite. (F)

6.3.11. Indicare se le concessionarie hanno incontrato problemi di fornitura delle guide. (F)

6.3.12. Indicare se le guide sono esposte nel punto di vendita. Specificare perché i rivenditori non espongono le guide. (F)

6.4. Fornire le conclusioni tratte per quanto riguarda la guida e la conformità alle disposizioni della direttiva. (O)

Conformità del poster (della pagina visualizzata)

6.5. Indicare se il contenuto e la configurazione del poster (della pagina visualizzata) è conforme alle disposizioni della direttiva e la sua affissione o presentazione ottempera a sua volta alle disposizioni della direttiva. (O)

6.5.1. Indicare la percentuale di rivenditori che non affigge il poster (non fornisce una schermata) nel punto di vendita. (F)

6.5.2. Indicare la percentuale di rivenditori che non affigge il poster (non fornisce una schermata) in una posizione visibile nel punto di vendita. (F)

6.5.3. Specificare perché i poster (le schermate) esposti o presentati nel punto di vendita non sono conformi con la direttiva. (F)

6.5.4. Indicare le ragioni fornite dai rivenditori per la mancata affissione di un poster (mancata presentazione della schermata) relativo al consumo di carburante. (F)

6.5.5. Indicare le ragioni fornite dai rivenditori per la mancata affissione del poster relativo al consumo di carburante (la mancata presentazione di una schermata) in una posizione visibile. (F)

6.5.6. Indicare le ragioni fomite dai rivenditori per i poster (schermate) non conformi alla direttiva per quanto riguarda la configurazione o il contenuto. (F)

6.6. Fornire le conclusioni tratte per quanto riguarda il poster (la pagina visualizzata) e la conformità alle disposizioni della direttiva. (O)

Conformità dell'altro materiale promozionale a stampa

6.7. Indicare se il materiale promozionale a stampa è conforme alle disposizioni della direttiva. (O)

6.8. Fornire esempi di casi in cui tale materiale promozionale a stampa è stato riscontrato non conforme alle disposizioni della direttiva. (O)

6.9. Fornire le conclusioni per quanto riguarda la conformità del materiale promozionale a stampa con le disposizioni della direttiva. (O)

Valutazione delle tendenze in materia di conformità

6.10. Precisare come varia per regione e tipo di concessionaria (indipendente o non indipendente, monomarca o multimarca, fabbricante) il rispetto della direttiva da parte dei rivenditori per quanto riguarda l'apposizione dell'etichetta e l'affissione del poster e la distribuzione della guida. (F)

6.11. Indicare come varia il rispetto della direttiva da parte dei rivenditori per quanto riguarda l'apposizione dell'etichetta, l'affissione del poster e la distribuzione della guida in funzione dei sistemi di premi (provvigioni) utilizzati per compensare gli addetti alle vendite. (F)

6.12. Indicare come varia il rispetto della direttiva a livello nazionale in funzione della consapevolezza dei consumatori della problematica relativa al risparmio di carburante e dell'influenza stimata delle disposizioni della direttiva sul comportamento dei consumatori. (F)

Sistema di sanzioni

6.13. Indicare il sistema di sanzioni previsto a livello nazionale applicabile alle violazioni delle disposizioni nazionali adottate in ottemperanza alla direttiva. (O)

6.13.1. Indicare se a livello nazionale sono definite le sanzioni applicabili alle violazioni delle disposizioni nazionali adottate in ottemperanza alla direttiva. (O)

6.13.2. Descrivere il sistema di sanzioni. (O)

6.13.3. Indicare se sono state applicate sanzioni. In caso affermativo indicare i soggetti cui sono state applicate le sanzioni e il tipo di sanzione applicata. (O)

Sistema di raggruppamento

7. L'articolo 2 (punti 5 e 6) della direttiva specifica che più varianti e versioni di un tipo di veicolo possono essere raggruppate in un unico modello. Indicare se è stato sviluppato un sistema di raggruppamento di questo genere. Indicare i criteri in base ai quali tale sistema è stato sviluppato. Indicare le modalità di applicazione di tale sistema alle disposizioni della direttiva. (F)

F. ESTENSIONE AD ALTRI MEZZI DI COMUNICAZIONE

1. Indicare se a livello nazionale si è già proceduto o si intende sviluppare il sistema di informazioni ad esempio estendendolo ad altri mezzi di comunicazione. In caso affermativo indicare le modalità e gli obiettivi. (F)

2. Indicare se a livello nazionale sono sperimentati sul campo altri tipi alternativi di mezzi di comunicazione. In caso affermativo specificare i metodi e le condizioni di sperimentazione nonché i risultati. (F)

3. Precisare se sono stati individuati ostacoli giuridici e istituzionali per estendere le prescrizioni sul materiale promozionale ad altri mezzi di comunicazione. In caso affermativo, specificare. (F)

G. VALUTAZIONE COMPLESSIVA

1. Indicare gli insegnamenti principali tratti dall'attuazione della direttiva (e dalle disposizioni nazionali aggiuntive). (F)

2. Indicare l'azione che a vostro parere è più urgente per migliorare l'efficacia della direttiva sia a livello di ciascuno Stato membro che a livello di Unione europea. (F)

(1) Se il questionario (relazione) è compilato da più di una persona (o organismi/unità) le informazioni sopra richieste devono essere fornite per ciascuno/ciascuna di esse.

Top