EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 61978CJ0133

Sentenza della Corte del 22 febbraio 1979.
Henri Gourdain contro Franz Nadler.
Domanda di pronuncia pregiudiziale: Bundesgerichtshof - Germania.
Convenzione di Bruxelles - Fallimento - Azione per coprire il passivo.
Causa 133/78.

European Court Reports 1979 -00733

ECLI identifier: ECLI:EU:C:1979:49

61978J0133

SENTENZA DELLA CORTE DEL 22 FEBBRAIO 1979. - HENRI GOURDAIN CONTRO FRANZ NADLER. - (DOMANDA DI PRONUNZIA PREGIUDIZIALE, PROPOSTA DAL BUNDESGERICHTSHOF). - CONVENZIONE DI BRUXELLES. FALLIMENTO. AZIONE PER COPRIRE IL PASSIVO. - CAUSA 133/78.

raccolta della giurisprudenza 1979 pagina 00733
edizione speciale greca pagina 00383
edizione speciale portoghese pagina 00383
edizione speciale spagnola pagina 00421


Massima
Parti
Oggetto della causa
Motivazione della sentenza
Decisione relativa alle spese
Dispositivo

Parole chiave


1 . CONVENZIONE 27 SETTEMBRE 1968 CONCERNENTE LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE E L ' ESECUZIONE DELLE DECISIONI - INTERPRETAZIONE - NOZIONI CHE SERVONO AD INDICARE IL CAMPO D ' APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE - INTERPRETAZIONE AUTONOMA

( CONVENZIONE 27 SETTEMBRE 1968 , ART . 1 )

2 . CONVENZIONE 27 SETTEMBRE 1968 CONCERNENTE LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE E L ' ESECUZIONE DELLE DECISIONI - CAMPO D ' APPLICAZIONE - MATERIE ESCLUSE - DECISIONI RELATIVE AD UN FALLIMENTO - ESCLUSIONE DAL CAMPO D ' APPLICAZIONE - PRESUPPOSTI

( CONVENZIONE 27 SETTEMBRE 1968 , ART . 1 , 2* COMMA )

Massima


1 . LE NOZIONI USATE NELL ' ART . 1 DELLA CONVENZIONE E CHE SERVONO AD INDICARNE IL CAMPO DI APPLICAZIONE VANNO CONSIDERATE COME NOZIONI AUTONOME DA INTERPRETARSI CON RIFERIMENTO AGLI SCOPI ED AL SISTEMA DELLA CONVENZIONE NONCHE AI PRINCIPI GENERALI CHE SI DESUMONO DAL COMPLESSO DEGLI ORDINAMENTI NAZIONALI .

2 . I ' FALLIMENTI , CONCORDATI ED ALTRE PROCEDURE AFFINI ' , AI SENSI DELL ' ART . 1 , 2* COMMA , N . 2 DELLA CONVENZIONE , SONO PROCEDIMENTI BASATI , SECONDO LE VARIE LEGISLAZIONI DELLE PARTI CONTRAENTI , SULLO STATO DI CESSAZIONE DEI PAGAMENTI , SULL ' INSOLVENZA O SUL VENIR MENO DEL CREDITO DEL DEBITORE IMPLICANTI L ' INTERVENTO DELL ' AUTORITA GIUDIZIARIA CHE SI RISOLVE NELLA LIQUIDAZIONE FORZATA E COLLETTIVA DEI BENI O , QUANTO MENO , NEL CONTROLLO DA PARTE DI DETTE AUTORITA . PERCHE LE DECISIONI CHE SI RIFERISCONO AL FALLIMENTO SIANO ESCLUSE DAL CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE OCCORRE CHE ESSE DERIVINO DIRETTAMENTE DAL FALLIMENTO E SI INSERISCANO STRETTAMENTE NELL ' AMBITO DEL PROCEDIMENTO FALLIMENTARE O DI AMMINISTRAZIONE CONTROLLATA , COSI CARATTERIZZATO .

Parti


NEL PROCEDIMENTO 133/78

AVENTE AD OGGETTO LA DOMANDA DI PRONUNZIA PREGIUDIZIALE PROPOSTA ALLA CORTE , A NORMA DEL PROTOCOLLO 3 GIUGNO 1971 RELATIVO ALL ' INTERPRETAZIONE DA PARTE DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELLA CONVENZIONE 27 SETTEMBRE 1968 CONCERNENTE LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE E L ' ESECUZIONE DELLE DECISIONI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE , DAL BUNDESGERICHTSHOF NELLA CAUSA DINANZI AD ESSO PENDENTE FRA

HENRI GOURDAIN , AVVOCATO , DOMICILIATO IN PARIGI , NELLA SUA QUALITA DI CURATORE DEL FALLIMENTO DELLA SOCIETA FROMME FRANCE MANUTENTION

E

FRANZ NADLER , DOMICILIATO IN WETZLAR ( REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA )

Oggetto della causa


DOMANDA VERTENTE SULL ' INTERPRETAZIONE DELL ' ART . 1 , 1* COMMA , N . 2 , DELLA CONVENZIONE , RELATIVO ALL ' ESCLUSIONE DEL FALLIMENTO DALL ' APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE STESSA .

Motivazione della sentenza


1CON ORDINANZA 22 MAGGIO 1978 , PERVENUTA IN CANCELLERIA IL 12 GIUGNO SEGUENTE , IL BUNDESGERICHTSHOF HA SOTTOPOSTO ALLA CORTE DI GIUSTIZIA , A NORMA DEL PROTOCOLLO 3 GIUGNO 1971 RELATIVO ALL ' INTERPRETAZIONE DELLA CONVENZIONE 27 SETTEMBRE 1968 CONCERNENTE LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE E L ' ESECUZIONE DELLE DECISIONI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE ( IN PROSIEGUO : LA CONVENZIONE ), UNA QUESTIONE VERTENTE SULL ' INTERPRETAZIONE DELL ' ART . 1 , 2* COMMA , N . 2 , IL QUALE ESCLUDE ' I FALLIMENTI , I CONCORDATI ED ALTRE PROCEDURE AFFINI ' DAL CAMPO D ' APPLICAZIONE DI DETTA CONVENZIONE ;

2DETTA QUESTIONE E STATA SOLLEVATA IN SEGUITO AD UNA SENTENZA DELLA CORTE D ' APPELLO DI PARIGI , IN DATA 15 MARZO 1976 - CHE CONDANNA L ' AMMINISTRATORE DI FATTO DI UNA SOCIETA FRANCESE , DICHIARATA FALLITA , A SOPPORTARE UNA PARTE DEI DEBITI SOCIALI , A NORMA DELL ' ART . 99 DELLA LEGGE FRANCESE 13 LUGLIO 1967 N . 563 SULL ' AMMINISTRAZIONE CONTROLLATA , IL FALLIMENTO , IL FALLIMENTO PERSONALE E LE BANCAROTTE - DI CUI IL CURATORE AVEVA CHIESTO CHE FOSSE MUNITA DELLA FORMULA ESECUTIVA PER LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA , SOSTENENDO CHE SI TRATTAVA DI UN CASO PARTICOLARE DI RESPONSABILITA CIVILE CHE RIENTRAVA NEL CAMPO DI APPLICAZIONE DELL ' ART . 1 , 1* COMMA DELLA CONVENZIONE ;

L ' OBERLANDESGERICHT DI FRANCOFORTE SUL MENO , PRIMA DEL RICORSO AL BUNDESGERICHTSHOF , AVEVA RESPINTO LA DOMANDA D ' ESECUZIONE , MOTIVANDO CHE LA CONDANNA PERSONALE A NORMA DELL ' ART . 99 DELLA LEGGE FRANCESE , IGNOTA ALL ' ORDINAMENTO GIURIDICO TEDESCO , NON RIENTRAVA NELL ' AMBITO DELLE DECISIONI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE DELLA CONVENZIONE , MA FACEVA PARTE DEL PROCEDIMENTO FALLIMENTARE ;

IN QUESTE CIRCOSTANZE IL BUNDESGERICHTSHOF HA SOTTOPOSTO ALLA CORTE LA SEGUENTE QUESTIONE :

' SE LA SENTENZA DI CONDANNA A PAGARE ALLA MASSA FALLIMENTARE , PRONUNZIATA DAL GIUDICE CIVILE FRANCESE - IN FORZA DELL ' ART . 99 DELLA LEGGE FRANCESE 13 LUGLIO 1967 , N . 563 - NEI CONFRONTI DEL DIRIGENTE DI FATTO DI UNA PERSONA GIURIDICA , VADA CONSIDERATA COME EMESSA IN UN FALLIMENTO O ALTRA PROCEDURA AFFINE ( ART . 1 , 2* COMMA , N . 2 , DELLA CONVENZIONE ), OVVERO COME UNA DECISIONE IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE ( ART . 1 , 1* COMMA , DELLA CONVENZIONE ) ' .

3LA CONVENZIONE - LA QUALE HA IN PARTICOLARE LO SCOPO DI GARANTIRE LA SEMPLIFICAZIONE DELLE FORMALITA CUI SONO SUBORDINATE IL RICONOSCIMENTO E L ' ESECUZIONE RECIPROCHE DEI PROVVEDIMENTI GIUDIZIARI E DI RAFFORZARE NELLA COMUNITA LA TUTELA GIURISDIZIONALE DELLE PERSONE CHE VI SONO STABILITE - HA POSTO COME PRINCIPIO CHE IL SUO CAMPO D ' APPLICAZIONE COMPRENDE ' LA MATERIA CIVILE E COMMERCIALE ' , SENZA TUTTAVIA DEFINIRE IL CONTENUTO DI QUESTA ESPRESSIONE ;

TUTTAVIA , A CAUSA DELLA SPECIFICITA DI DETERMINATE MATERIE E DELLE PROFONDE DIVERGENZE FRA LE LEGISLAZIONI DEGLI STATI CONTRAENTI , SONO STATE ESCLUSE DAL SUO CAMPO D ' APPLICAZIONE GENERALE DETERMINATE MATERIE FRA CUI ' I FALLIMENTI , I CONCORDATI ED ALTRE PROCEDURE AFFINI ' , SENZA CHE SIA PRECISATO - NEMMENO IN QUESTO CASO - IL SIGNIFICATO DI QUESTE NOZIONI ;

DATO CHE L ' ART . 1 SERVE A DELIMITARE IL CAMPO D ' APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE , OCCORRE - ONDE GARANTIRE , NELLA MISURA DEL POSSIBILE , LA PARITA E L ' UNIFORMITA DEI DIRITTI E DELLE OBBLIGAZIONI CHE DERIVANO DA QUESTA NEGLI STATI CONTRAENTI E PER LE PERSONE INTERESSATE - CHE QUESTA DISPOSIZIONE NON SIA INTERPRETATA COME UN SEMPLICE RINVIO AL DIRITTO NAZIONALE DI QUESTO O DI QUELLO STATO CONTRAENTE ;

L ' ART . 1 , 1* COMMA , COL PRECISARE CHE LA CONVENZIONE SI APPLICA ' INDIPENDENTEMENTE DALLA NATURA DELL ' ORGANO GIURISDIZIONALE ' , INDICA CHE LA NOZIONE DI MATERIA CIVILE E COMMERCIALE NON PUO ESSERE INTERPRETATA IN FUNZIONE DELLA SEMPLICE RIPARTIZIONE DI COMPETENZE TRA LE VARIE GIURISDIZIONI ESISTENTE IN DETERMINATI STATI .

LE NOZIONI USATE NELL ' ART . 1 VANNO QUINDI CONSIDERATE COME NOZIONI AUTONOME DA INTERPRETARSI CON RIFERIMENTO AGLI SCOPI ED AL SISTEMA DELLA CONVENZIONE NONCHE AI PRINCIPI GENERALI CHE SI DESUMONO DAL COMPLESSO DEGLI ORDINAMENTI NAZIONALI .

4PER QUANTO RIGUARDA I FALLIMENTI , I CONCORDATI E GLI ALTRI PROCEDIMENTI AFFINI CHE SONO PROCEDIMENTI BASATI , SECONDO LE VARIE LEGISLAZIONI DELLE PARTI CONTRAENTI , SULLO STATO DI CESSAZIONE DEI PAGAMENTI , SULL ' INSOLVENZA O SUL VENIR MENO DEL CREDITO DEL DEBITORE IMPLICANTI L ' INTERVENTO DELL ' AUTORITA GIUDIZIARIA CHE SI RISOLVE NELLA LIQUIDAZIONE FORZATA E COLLETTIVA DEI BENI O , QUANTO MENO , NEL CONTROLLO DA PARTE DI DETTE AUTORITA , PERCHE LE DECISIONI CHE SI RIFERISCONO AL FALLIMENTO SIANO ESCLUSE DAL CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE OCCORRE CHE ESSE DERIVINO DIRETTAMENTE DAL FALLIMENTO E SI INSERISCANO STRETTAMENTE NELL ' AMBITO DEL PROCEDIMENTO FALLIMENTARE O DI AMMINISTRAZIONE CONTROLLATA , COSI CARATTERIZZATO ;

PER RISOLVERE LA QUESTIONE SOLLEVATA DAL GIUDICE NAZIONALE , SI DEVE QUINDI ACCERTARE SE UN ' AZIONE DEL GENERE DI QUELLA CONTEMPLATA DALL ' ART . 99 DELLA LEGGE FRANCESE TRAGGA IL PROPRIO FONDAMENTO GIURIDICO DAL DIRITTO FALLIMENTARE COME INTERPRETATO CON RIFERIMENTO ALLA CONVENZIONE .

5L ' AZIONE DI CUI ALL ' ART . 99 , DETTA DI COMPLETAMENTO DEL PASSIVO SOCIALE , CONTEMPLATA ESPRESSAMENTE DA UNA LEGGE SUL FALLIMENTO , VIENE ESPERITA ESCLUSIVAMENTE DINANZI AL GIUDICE CHE HA PRONUNZIATO L ' AMMINISTRAZIONE CONTROLLATA O IL FALLIMENTO ;

SOLO IL CURATORE - A PARTE IL GIUDICE , CHE PUO AGIRE D ' UFFICIO - PUO ESPERIRE QUEST ' AZIONE IN NOME E NELL ' INTERESSE DELLA MASSA FALLIMENTARE ALLO SCOPO DEL RIMBORSO PARZIALE DEI CREDITORI , RISPETTANDO FRA ESSI IL PRINCIPIO D ' UGUAGLIANZA , TENUTO CONTO DEI DIRITTI DI PRELAZIONE REGOLARMENTE ACQUISTATI ;

QUEST ' AZIONE , CHE DEROGA AI PRINCIPI GIURIDICI GENERALI DELLE RESPONSABILITA , FA GRAVARE SUI DIRIGENTI SOCIALI DI DIRITTO O DI FATTO UNA PRESUNZIONE DI RESPONSABILITA DALLA QUALE ESSI POSSONO LIBERARSI SOLO PROVANDO DI AVER SPIEGATO NELLA GESTIONE DEGLI AFFARI SOCIALI TUTTA L ' ATTIVITA E LA DILIGENZA NECESSARIE ;

LA PRESCRIZIONE DELL ' AZIONE ( 3 ANNI ) DECORRE DALL ' ESECUTIVITA DELLO STATO PASSIVO ED E SOSPESA PER TUTTA LA DURATA DELL ' EVENTUALE CONCORDATO E RICOMINCIA A DECORRERE IN CASO DI RISOLUZIONE O DI ANNULLAMENTO DI QUESTO ;

SE L ' AZIONE CONTRO IL DIRIGENTE SOCIALE HA BUON ESITO , NE TRAE VANTAGGIO IL COMPLESSO DEI CREDITORI , DATO CHE UN ELEMENTO DELL ' ATTIVO ENTRA NEL SUO PATRIMONIO , COME QUANDO IL CURATORE FA ACCERTARE L ' ESISTENZA DI UN CREDITO A PROFITTO DELLA MASSA FALLIMENTARE ;

INOLTRE , IL GIUDICE PUO DISPORRE L ' AMMINISTRAZIONE CONTROLLATA O IL FALLIMENTO DI COLORO FRA I DIRIGENTI A CARICO DEI QUALI E STATO POSTO , IN TUTTO O IN PARTE , IL PASSIVO DI UNA PERSONA GIURIDICA E CHE NON PAGANO QUESTO DEBITO , SENZA CHE OCCORRA ACCERTARE SE DETTI DIRIGENTI SIANO COMMERCIANTI E IN ISTATO D ' INSOLVENZA ;

6DAL COMPLESSO DI QUESTE CONSIDERAZIONI SI DESUME CON CERTEZZA CHE L ' ART . 99 , IL QUALE HA LO SCOPO , IN CASO DI FALLIMENTO DI UNA SOCIETA COMMERCIALE , DI RAGGIUNGERE , AL DILA DELLA PERSONA GIURIDICA , I SUOI DIRIGENTI NEL LORO PATRIMONIO , TRAE IL PROPRIO FONDAMENTO GIURIDICO UNICAMENTE DALLE NORME DEL DIRITTO FALLIMENTARE COME INTERPRETATO CON RIFERIMENTO ALLA CONVENZIONE ;

SI DEVE QUINDI CONSIDERARE COME PRONUNZIATA NELL ' AMBITO DI UN FALLIMENTO O DI UN PROCEDIMENTO AFFINE , AI SENSI DELL ' ART . 1 , 2* COMMA DELLA CONVENZIONE , LA DECISIONE DEL GENERE DI QUELLA DEL GIUDICE CIVILE FRANCESE BASATA SULL ' ART . 99 DELLA LEGGE FRANCESE 13 LUGLIO 1967 , N . 563 E CHE CONDANNA I DIRIGENTI DI FATTO DI UNA PERSONA GIURIDICA A VERSARE UNA DETERMINATA SOMMA ALLA MASSA DEL FALLIMENTO .

Decisione relativa alle spese


SULLE SPESE

7LE SPESE SOSTENUTE DALLA COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE E DAL GOVERNO DELLA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA , CHE HANNO PRESENTATO OSSERVAZIONI IN FORZA DELL ' ART . 20 DEL PROTOCOLLO SULLO STATUTO DELLA CORTE , NON POSSONO DAR LUOGO A RIFUSIONE ;

NEI CONFRONTI DELLE PARTI NELLA CAUSA PRINCIPALE , QUESTO PROCEDIMENTO HA IL CARATTERE DI UN INCIDENTE SOLLEVATO DINANZI AL BUNDESGERICHTSHOF , AL QUALE SPETTA QUINDI STATUIRE SULLE SPESE .

Dispositivo


PER QUESTI MOTIVI ,

LA CORTE ,

PRONUNZIANDOSI SULLA QUESTIONE SOTTOPOSTALE DAL BUNDESGERICHTSHOF , CON ORDINANZA 22 MAGGIO 1978 , DICHIARA :

SI DEVE CONSIDERARE COME PRONUNZIATA NELL ' AMBITO DI UN FALLIMENTO O DI UN PROCEDIMENTO AFFINE , AI SENSI DELL ' ART . 1 , 2* COMMA , DELLA CONVENZIONE 27 SETTEMBRE 1968 CONCERNENTE LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE E L ' ESECUZIONE DELLE DECISIONI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE , LA DECISIONE DEL GENERE DI QUELLA DEL GIUDICE CIVILE FRANCESE BASATA SULL ' ART . 99 DELLA LEGGE FRANCESE 13 LUGLIO 1967 , N . 563 E CHE CONDANNA I DIRIGENTI DI FATTO DI UNA PERSONA GIURIDICA A VERSARE UNA DETERMINATA SOMMA ALLA MASSA DEL FALLIMENTO .

Top