Help Print this page 
Title and reference
Imballatori in pellicola di cellulosa rigenerata a contatto con gli alimenti

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Multilingual display
Text

Imballatori in pellicola di cellulosa rigenerata a contatto con gli alimenti

SINTESI DI:

Direttiva 2007/42/CE relativa ai materiali e agli oggetti di pellicola di cellulosa rigenerata che vengono a contatto con gli alimenti

SINTESI

CHE COSA FA QUESTA DIRETTIVA?

Si tratta di una direttiva specifica prevista dal regolamento (CE) n. 1935/2004 relativo ai materiali e agli oggetti che vengono a contatto con gli alimenti.

Definisce la pellicola di cellulosa rigenerata*.

Elenca una serie di sostanze autorizzate nella produzione della pellicola di cellulosa rigenerata, nonché le quantità da non superare per tutelare la salute dei consumatori.

PUNTI CHIAVE

Ambito di applicazione

La direttiva si applica alla pellicola di cellulosa rigenerata, sotto forma di prodotto finito oppure come parte di un prodotto finito contenente altri materiali, destinata a venire a contatto con gli alimenti.

Essa riguarda le seguenti categorie:

1.

pellicole di cellulosa rigenerata non rivestita;

2.

pellicole di cellulosa rigenerata con un rivestimento derivato dalla cellulosa;

3.

pellicole di cellulosa rigenerata con un rivestimento in materia plastica.

Essa non si applica ai budelli sintetici di cellulosa rigenerata.

Elenco delle sostanze autorizzate

L’allegato II della direttiva elenca una serie di sostanze autorizzate nella produzione della pellicola di cellulosa rigenerata nonché le limitazioni sull’utilizzo.

Le pellicole di cellulosa rigenerata non rivestite o rivestite in materia plastica possono essere prodotte con sostanze diverse da quelle specificate nell’allegato II qualora vengano utilizzate come coloranti o come adesivi, a condizione che non vi sia traccia di migrazione di dette sostanze all’interno o sulla superficie degli alimenti.

Le pellicole di cellulosa rigenerata rivestite in materia plastica devono essere conformi al regolamento (UE) n. 10/2011 riguardante i materiali e gli oggetti di materia plastica destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari.

Le superfici stampate in pellicola di cellulosa rigenerata non devono venire a contatto con i prodotti alimentari.

Commercializzazione ed etichettatura

Nelle fasi di commercializzazione, i materiali e gli oggetti di pellicola di cellulosa rigenerata destinati a venire a contatto con gli alimenti sono accompagnati da una dichiarazione scritta, secondo il disposto del regolamento (CE) n. 1935/2004. Tuttavia, i materiali e gli oggetti che, per loro natura, siano chiaramente destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari, non saranno soggetti a questo obbligo.

In presenza di condizioni di utilizzo speciali, il materiale o l’oggetto in pellicola di cellulosa rigenerata deve essere etichettato di conseguenza.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA LA DIRETTIVA?

È entrata in vigore il 20 luglio 2007.

CONTESTO

TERMINE CHIAVE

*Pellicola di cellulosa rigenerata: un foglio sottile prodotto a partire da cellulosa raffinata ottenuta da legno o cotone non riciclati. La pellicola di cellulosa rigenerata può essere rivestita su uno o entrambi i lati.

ATTO

Direttiva 2007/42/CE della Commissione, del 29 giugno 2007, relativa ai materiali e agli oggetti di pellicola di cellulosa rigenerata destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari (GU L 172 del 30.6.2007, pag. 71-82)

ATTI COLLEGATI

Regolamento (CE) n. 1935/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 ottobre 2004, riguardante i materiali e gli oggetti destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari e che abroga le direttive 80/590/CEE e 89/109/CEE (GU L 338 del 13.11.2004, pag. 4-17). Le successive modifiche e correzioni al regolamento (CE) n. 1935/2004 sono state integrate nel testo originale. Questa versione consolidata è da utilizzarsi a solo scopo di riferimento.

Regolamento (UE) n. 10/2011 della Commissione, del 14 gennaio 2011, riguardante i materiali e gli oggetti di materia plastica destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari (GU L 12 del 15.1.2011, pag. 1-89). Si veda la versione consolidata.

Ultimo aggiornamento: 02.12.2015

Top