Help Print this page 

Summaries of EU Legislation

Title and reference
Additivi alimentari sicuri per un’elevata tutela dei consumatori

Summaries of EU legislation: direct access to the main summaries page.
Languages and formats available
Multilingual display
Text

Additivi alimentari sicuri per un’elevata tutela dei consumatori

SINTESI DI:

Regolamento (CE) n. 1333/2008 — additivi alimentari

SINTESI

CHE COSA FA IL REGOLAMENTO?

Sostituisce atti normativi dell’Unione europea (UE) precedenti riunendo in un unico atto giuridico tutti i tipi di additivi alimentari*.

Fornisce elenchi di:

articoli approvati, e

condizioni d’uso e di etichettatura.

Semplifica la procedura per l’autorizzazione di tali additivi.

PUNTI CHIAVE

Solo gli additivi che l’UE approva possono essere venduti e usati negli alimenti in base alle condizioni specificate.

Per rientrare nell’elenco approvato dall’UE, un additivo alimentare non deve presentare alcun rischio per la salute e non deve indurre in errore i consumatori. Esso deve essere utilizzato per un’esigenza ragionevole che non può essere soddisfatta in nessun altro modo.

L’additivo deve apportare benefici ai consumatori, tra cui:

conservare le qualità nutrizionali dell’alimento;

contribuire alla fabbricazione, trasformazione, preparazione, trattamento, imballaggio, trasporto o conservazione;

soddisfare esigenze alimentari speciali.

Agli additivi per gli edulcoranti o i coloranti si applicano condizioni specifiche.

Gli additivi dovrebbero essere usati nella quantità minima necessaria a ottenere l’effetto desiderato. Tale quantità deve tenere in considerazione una assunzione giornaliera ammissibile e le esigenze di gruppi speciali di consumatori.

Gli additivi non dovrebbero, di norma, essere usati negli alimenti non trasformati o negli alimenti per lattanti e per la prima infanzia, tranne qualora previsto in maniera specifica.

Gli additivi, destinati alla vendita al consumatore finale oppure no, devono rispettare requisiti di etichettatura chiara, come fornire la denominazione e/o il numero E (ad esempio, il colorante giallo arancio è E 110).

La normativa non si applica alle sostanze seguenti, a meno che non siano usate:

come coadiuvanti tecnologici, ossia sostanze intenzionalmente usate per trasformare le materie prime;

per la protezione delle piante e dei prodotti vegetali;

come nutrienti e sostanze aggiunte ad alimenti;

per il trattamento dell’acqua.

CONTESTO

La maggior parte delle valutazioni degli additivi risale agli anni ‘80 e ‘90. Attualmente sono in corso di rivalutazione e si prevede che il processo verrà completato entro il 2020. Ciò potrà spingere la Commissione europea a proporre modifiche alle attuali condizioni d’uso o la rimozione di alcune sostanze dagli elenchi approvati.

TERMINI CHIAVE

* Additivi alimentari: sostanze usate negli alimenti per vari motivi, ovvero come edulcoranti, coloranti o conservanti. Il loro uso è soggetto alle norme dell’UE per garantire un livello elevato di tutela della salute umana e dei consumatori.

ATTO

Regolamento (CE) n. 1333/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativo agli additivi alimentari (GU L 354 del 31.12.2008, pagg. 16-33)

Le modifiche successive agli allegati del regolamento (CE) n. 1333/2008 sono state integrate nel testo di base. La presente versione consolidata ha solo valore documentale

ATTI COLLEGATI

Regolamento (UE) n. 257/2010 della Commissione, del 25 marzo 2010, che istituisce un programma relativo a una nuova valutazione degli additivi alimentari autorizzati conformemente al regolamento (CE) n. 1333/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo agli additivi alimentari (GU L 80 del 26.3.2010, pagg. 19-27)

Regolamento (UE) n. 231/2012 della Commissione, del 9 marzo 2012, che stabilisce le specifiche degli additivi alimentari elencati negli allegati II e III del regolamento (CE) n. 1333/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 83 del 22.3.2012, pagg. 1-295). Cfr. la versione consolidata.

Ultimo aggiornamento: 12.11.2015

Top