EUR-Lex L'accesso al diritto dell'Unione europea

Torna alla homepage di EUR-Lex

Questo documento è un estratto del sito web EUR-Lex.

Cultura

L’articolo 167 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE) definisce il ruolo dell’Unione europea (Unione) nell’ambito della cultura. In tale settore, l’Unione punta a «sostenere, coordinare o completare le azioni degli Stati membri», come stabilito nell’articolo 6 TFUE.

«Ispirandosi alle eredità culturali, religiose e umanistiche dell’Europa», gli obiettivi della politica culturale dell’Unione sono «rispetta[re] la ricchezza della sua diversità culturale e linguistica e […] vigila[re] sulla salvaguardia e sullo sviluppo del patrimonio culturale europeo» (articolo 3 del trattato sull’Unione europea). L’Unione può inoltre aiutare il settore culturale e creativo a riprendersi in caso di una crisi e a rafforzare la propria resilienza per renderlo più sostenibile in futuro.

Se da un lato gli Stati membri dell’Unione sono responsabili delle proprie politiche culturali, dall’altro l’Unione li aiuta ad affrontare sfide comuni, spaziando dall’impatto delle tecnologie digitali al sostegno dell’innovazione nel settore culturale e creativo.

L’Unione sostiene altresì azioni volte a preservare il patrimonio culturale e a promuovere la cooperazione e gli scambi transnazionali tra le istituzioni culturali degli Stati membri. Il settore culturale può inoltre trarre beneficio da opportunità di finanziamento specifiche nell’ambito di Orizzonte Europa, il programma per il mercato unico, il dispositivo per la ripresa e la resilienza e i fondi della politica di coesione.

Il nuovo programma di finanziamento, Europa creativa (2021-2027), sostiene il settore culturale e creativo, la cooperazione transfrontaliera e attività di rete per tutti i settori correlati. Tra le altre iniziative figurano le «Giornate europee del patrimonio» e le «Capitali della cultura», entrambe avviate nel 1985.

Inoltre, l’Unione collabora con organizzazioni internazionali, quali l’UNESCO, il Consiglio d’Europa e l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico per contrastare il traffico di beni culturali e promuovere lo sviluppo locale tramite la cultura.