EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 41995D0021

Acquis di Schengen - Decisione del Comitato esecutivo del 20 dicembre 1995 riguardante lo scambio in tempi brevi tra Stati Schengen di statistiche e di dati concreti che evidenziano un'eventuale disfunzione alle frontiere esterne (SCH/Com-ex (95) 21)

OJ L 239, 22.9.2000, p. 176–179 (ES, DA, DE, EL, EN, FR, IT, NL, PT, FI, SV)
Special edition in Czech: Chapter 19 Volume 002 P. 151 - 154
Special edition in Estonian: Chapter 19 Volume 002 P. 151 - 154
Special edition in Latvian: Chapter 19 Volume 002 P. 151 - 154
Special edition in Lithuanian: Chapter 19 Volume 002 P. 151 - 154
Special edition in Hungarian Chapter 19 Volume 002 P. 151 - 154
Special edition in Maltese: Chapter 19 Volume 002 P. 151 - 154
Special edition in Polish: Chapter 19 Volume 002 P. 151 - 154
Special edition in Slovak: Chapter 19 Volume 002 P. 151 - 154
Special edition in Slovene: Chapter 19 Volume 002 P. 151 - 154
Special edition in Bulgarian: Chapter 19 Volume 002 P. 26 - 29
Special edition in Romanian: Chapter 19 Volume 002 P. 26 - 29
Special edition in Croatian: Chapter 19 Volume 009 P. 126 - 129

In force

ELI: http://data.europa.eu/eli/dec/1995/21(2)/oj

41995D0021

Acquis di Schengen - Decisione del Comitato esecutivo del 20 dicembre 1995 riguardante lo scambio in tempi brevi tra Stati Schengen di statistiche e di dati concreti che evidenziano un'eventuale disfunzione alle frontiere esterne (SCH/Com-ex (95) 21)

Gazzetta ufficiale n. L 239 del 22/09/2000 pag. 0176 - 0179


DECISIONE DEL COMITATO ESECUTIVO

del 20 dicembre 1995

riguardante lo scambio in tempi brevi tra Stati Schengen di statistiche e di dati concreti che evidenziano un'eventuale disfunzione alle frontiere esterne

(SCH/Com-ex (95) 21)

IL COMITATO ESECUTIVO,

visto l'articolo 132 della Convenzione di applicazione dell'Accordo di Schengen,

visti gli articoli 7 e 131 di tale Convenzione,

DECIDE:

Gli Stati Schengen debbono procedere quanto prima possibile allo scambio di statistiche e di dati concreti che evidenziano un'eventuale disfunzione alle frontiere esterne.

Gli Stati partner hanno l'obbligo di comunicare alla presidenza, attraverso il Segretariato generale, i dati concreti di cui sono a conoscenza.

Spetta al sottogruppo "Frontiere", nel corso di ogni riunione, analizzare tali dati e proporre soluzione concrete.

Ostenda, 20 dicembre 1995.

Il Presidente

J. vande Lanotte

NOTA AL GRUPPO CENTRALE

SCH/I-Front (95) 45, 2a rev. corr.

In seguito al mandato assegnato il 24 ottobre 1995 dal Comitato esecutivo al Gruppo centrale, il sottogruppo "Frontiere" è stato incaricato di esaminare le difficoltà sussistenti nel settore dei controlli alle frontiere esterne.

A tal fine, in virtù dell'articolo 7 della Convenzione di Schengen e per concretare il disposto del punto 4.1 del Manuale comune, è stato elaborato uno strumento statistico ispirato ai lavori realizzati in ambito CIREFI.

Ciascuno Stato s'impegna a trasmettere al Segretariato Schengen, entro il trentesimo giorno successivo al mese in cui sono stati raccolti i dati, le informazioni statistiche che consentono un controllo e una conoscenza migliori dei fenomeni migratori, servendosi delle tabelle che figurano in allegato.

Il Segretariato Schengen è incaricato di ritrasmettere senza indugio queste informazioni a tutti gli Stati Schengen.

Il Segretariato Schengen, congiuntamente ai FMAD, ne fa la sintesi. I FMAD possono procedere, per conto della presidenza, a una prima analisi dei problemi che possono emergere dall'esame di queste informazioni. Ciascuno Stato è peraltro libero di sollevare le questioni che gli sembrano presentare un certo interesse.

Parallelamente alla trasmissione delle informazioni statistiche, ogni Stato deve comunicare informazioni su difficoltà attuali inerenti all'esercizio dei controlli alle frontiere esterne, che possono essere sottoposte a loro volta a un'analisi ai sensi del paragrafo precedente.

A tale scopo, le autorità nazionali degli Stati Schengen raccolgono, per il tramite dei relativi servizi preposti ai controlli di frontiera e per il tramite degli ufficiali di collegamento - qualora gli accordi bilaterali sul distacco di tali ufficiali prevedano questo compito - tutte le informazioni sui problemi concreti che sorgono alle frontiere esterne e che sono forse sintomatici di una disfunzione a livello dei controlli a queste frontiere. Le autorità nazionali compilano e analizzano queste informazioni e ne informano la presidenza tramite il Segretariato.

Ogni riunione del gruppo "Frontiere" dovrà dedicare un punto dell'ordine del giorno alle eventuali osservazioni in merito a queste statistiche e a questi problemi.

>PIC FILE= "L_2000239IT.017801.EPS">

>PIC FILE= "L_2000239IT.017901.EPS">

Top