Sentenza del Tribunale (Sesta Sezione) del 30 aprile 2014 – Tisza Erőmű / Commissione

(causa T‑468/08)

«Aiuti di Stato — Aiuti accordati dalle autorità ungheresi a taluni produttori di energia elettrica — Accordi di acquisto di energia elettrica stipulati fra un’impresa pubblica e taluni produttori di energia elettrica — Decisione che dichiara l’aiuto incompatibile con il mercato comune e ne ordina il recupero — Obbligo di motivazione — Nozione di aiuto di Stato — Vantaggio — Carattere selettivo — Risorse statali — Imputabilità allo Stato — Pregiudizio per gli scambi tra Stati membri — Diritti della difesa — Certezza del diritto — Legittimo affidamento — Parità di trattamento — Proporzionalità — Eccesso di potere — Articolo 10 del trattato sulla Carta dell’energia»

1. 

Aiuti concessi dagli Stati — Compatibilità di un aiuto con il mercato comune — Adesione di un nuovo Stato membro all’Unione europea — Data pertinente per la valutazione della compatibilità di un aiuto con il mercato comune (Art. 87, § 1, CE) (v. punti 63, 64, 86)

2. 

Procedimento giurisdizionale — Atto introduttivo del giudizio — Requisiti di forma — Esposizione sommaria dei motivi dedotti — Motivi di diritto non esposti nell’atto introduttivo — Rinvio globale ad altri documenti allegati al ricorso — Irricevibilità [Regolamento di procedura del Tribunale, art. 44, § 1, c)] (v. punto 65)

3. 

Aiuti concessi dagli Stati — Aiuti esistenti e aiuti nuovi — Adesione di un nuovo Stato membro all’Unione europea — Distinzione in funzione delle norme specifiche contenute nell’allegato IV dell’atto di adesione — Possibilità di qualificare come aiuto nuovo una misura che non costituiva inizialmente un aiuto di Stato — Condizioni favorevoli concesse a taluni produttori di energia elettrica ungheresi — Qualificazione di aiuto nuovo (Artt. 87, § 1, CE e 88, §§ 1 e 3, CE; atto di adesione del 2003, allegato IV; regolamento del Consiglio n. 659/1999, art. 1) (v. punti 70, 72, 73, 75, 78‑82)

4. 

Aiuti concessi dagli Stati — Nozione — Valutazione secondo il criterio dell’investitore privato — Valutazione economica complessa — Potere discrezionale della Commissione — Sindacato giurisdizionale — Limiti — Accordi a lungo termine per l’acquisto di energia elettrica che garantiscono ai produttori di energia elettrica una quantità di acquisto minima ad un prezzo che copre i costi fissi, variabili e di capitale — Inclusione (Art. 87, § 1, CE) (v. punti 84, 85, 91, 92, 96‑100, 102, 104, 105)

5. 

Aiuti concessi dagli Stati — Recupero di un aiuto illegale — Calcolo dell’importo da recuperare — Attuazione da parte dell’autorità competente del metodo indicato dalla Commissione — Conseguenze — Beneficiario del vantaggio che non ha alcun importo da rimborsare — Distinzione tra l’esistenza di un aiuto di Stato incompatibile con il mercato comune e il recupero di tale aiuto (Art. 87, § 1, CE) (v. punti 134‑138, 140‑143)

6. 

Aiuti concessi dagli Stati — Nozione — Carattere selettivo del provvedimento — Differenziazione tra imprese che si trovano in una situazione di fatto e di diritto analoga (Art. 87, § 1, CE) (v. punti 159, 160)

7. 

Aiuti concessi dagli Stati — Nozione — Aiuti concessi da un’impresa pubblica — Impresa controllata dallo Stato — Imputabilità automatica allo Stato della misura di aiuto — Esclusione — Considerazione di un insieme di indizi (Art. 87, § 1, CE) (v. punti 167‑170)

8. 

Aiuti concessi dagli Stati — Pregiudizio per gli scambi tra Stati membri — Lesione della concorrenza — Criteri di valutazione — Settore che è stato oggetto di una liberalizzazione (Art. 87, § 1, CE) (v. punti 181‑183)

9. 

Aiuti concessi dagli Stati — Procedimento amministrativo — Diritto degli interessati al contraddittorio — Limiti (Art. 88, § 2, CE; regolamento del Consiglio n. 659/1999, art. 20, § 1) (v. punti 206‑210)

10. 

Aiuti concessi dagli Stati — Disposizioni del Trattato — Ambito di applicazione ratione temporis — Adesione dell’Ungheria all’Unione europea — Atto di adesione — Applicazione delle disposizioni in materia di aiuti di Stato dalla data di adesione e unicamente in relazione a situazioni presentatesi a partire da tale data — Violazione dei principi di tutela del legittimo affidamento e di certezza del diritto — Insussistenza (Artt. 87 CE e 88 CE; atto di adesione 2003) (v. punti 220, 221, 223, 225‑227)

11. 

Concorrenza — Applicazione delle norme in materia di concorrenza — Parità di trattamento tra imprese pubbliche e private — Regime della proprietà pubblica — Irrilevanza (Artt. 86, § 1, CE, 87, § 1, CE e 295 CE) (v. punti 235‑237, 239, 241)

12. 

Aiuti concessi dagli Stati — Decisione con cui la Commissione accerta l’incompatibilità di un aiuto con il mercato comune — Obbligo di motivazione — Portata — Differenza tra insufficienza di motivazione e pertinenza nel merito della motivazione di una decisione (Artt. 88, § 2, CE e 253 CE) (v. punti 244, 260, 263)

13. 

Aiuti concessi dagli Stati — Divieto — Deroghe — Aiuti che possono essere considerati compatibili con il mercato comune — Portata — Aiuti di Stato a finalità regionale — Inclusione — Esclusione degli aiuti al funzionamento delle imprese salvo casi eccezionali [Art. 87, § 3, a) e c), CE; comunicazioni della Commissione 2006/C 54/13 e 2008/C 82/01] (v. punti 268‑273, 275)

14. 

Aiuti concessi dagli Stati — Decisione della Commissione che constata l’incompatibilità di un aiuto con il mercato comune e ne dispone la restituzione — Possibilità per la Commissione di lasciare alle autorità nazionali il compito di calcolare l’importo preciso da restituire — Indicazione di un metodo di restituzione nella decisione finale — Calcolo dell’importo da recuperare sulla base di una simulazione di mercato — Violazione del principio della certezza del diritto — Insussistenza (Art. 88 CE) (v. punti 284, 286, 287, 291, 292, 296, 297, 299)

15. 

Aiuti concessi dagli Stati — Recupero di un aiuto illegale — Ripristino della situazione anteriore — Violazione del principio di proporzionalità — Insussistenza (Art. 88, § 2, CE; regolamento del Consiglio n. 659/1999, art. 14, § 1) (v. punti 308, 311, 312, 315, 317)

16. 

Diritto internazionale pubblico — Principi — Buona fede — Diritto comunitario — Tutela del legittimo affidamento — Adozione di un atto comunitario contrario a un accordo internazionale non ancora entrato in vigore, ma il cui strumento di approvazione è già stato depositato dalla Comunità (Trattato sulla Carta dell’energia del 1994) (v. punto 321)

Oggetto

Domanda di annullamento della decisione 2009/609/CE della Commissione, del 4 giugno 2008, relativa agli aiuti di stato C 41/05 concessi dall’Ungheria nel quadro degli accordi a lungo termine per l’acquisto di energia elettrica (GU 2009, L 225, pag. 53).

Dispositivo

1) 

Il ricorso è respinto.

2) 

La Tisza Erőmű kft è condannata alle spese, ivi comprese quelle relative al procedimento sommario.