Responsabilità e partecipazione alla società civile dei giovani

La crisi economica e sociale che l’Unione europea (UE) vive dal 2008 grava particolarmente sui giovani europei. In queste conclusioni il Consiglio dell’Unione europea evidenzia i modi per ridare importanza ai giovani europei.

ATTO

Conclusioni del Consiglio sulla promozione dell’accesso dei giovani ai diritti al fine di favorirne l’autonomia e la partecipazione alla società civile (GU C 18 del 21.1.2015, pag. 1-4).

SINTESI

La crisi economica e sociale che l’Unione europea (UE) vive dal 2008 grava particolarmente sui giovani europei. In queste conclusioni il Consiglio dell’Unione europea evidenzia i modi per ridare importanza ai giovani europei.

CHE COSA FANNO LE PRESENTI CONCLUSIONI DEL CONSIGLIO?

Sottolineano l’importanza di sostenere l’autonomia dei giovani e il loro coinvolgimento nella società civile. Invitano inoltre i paesi dell’UE, la Commissione europea e le organizzazioni giovanili a incoraggiare, sostenere e studiare misure che contribuiscano a rendere più semplice un maggiore conferimento di responsabilità e partecipazione civile dei giovani.

PUNTI CHIAVE

Gli Stati membri dell’UE sono invitati a:

Gli Stati membri dell’UEinsieme alla Commissione europea sono invitati a:

Le organizzazioni giovanili sono invitate a:

La Commissione europea è chiamata a:

TERMINI CHIAVE

La partecipazione civile si riferisce all’impegno per portare a dei miglioramenti nella vita pubblica delle comunità attraverso lo sviluppo di conoscenze, competenze, valori e motivazione per raggiungere tali miglioramenti.

Per maggiori informazioni consultare:

Ultimo aggiornamento: 19.06.2015