ISSN 1977-0707

Gazzetta ufficiale

dell’Unione europea

L 280

European flag  

Edizione in lingua italiana

Legislazione

65° anno
28 ottobre 2022


Sommario

 

II   Atti non legislativi

pagina

 

 

REGOLAMENTI

 

*

Regolamento di esecuzione (UE) 2022/2073 del Consiglio, del 27 ottobre 2022, che attua il regolamento (UE) n. 101/2011, concernente misure restrittive nei confronti di determinate persone, entità e organismi in considerazione della situazione in Tunisia

1

 

*

Regolamento delegato (UE) 2022/2074 della Commissione, del 20 luglio 2022, recante modifica del regolamento (UE) n. 139/2014 per quanto riguarda la definizione di SNOWTAM

4

 

*

Regolamento di esecuzione (UE) 2022/2075 della Commissione, del 21 ottobre 2022, recante iscrizione di un nome nel registro delle denominazioni di origine protette e delle indicazioni geografiche protette [Oktoberfestbier (IGP)]

6

 

*

Regolamento di esecuzione (UE) 2022/2076 della Commissione, del 25 ottobre 2022, relativo alla classificazione di talune merci nella nomenclatura combinata

7

 

*

Regolamento di esecuzione (UE) 2022/2077 della Commissione, del 27 ottobre 2022, che designa il centro di riferimento dell’Unione europea incaricato di contribuire sotto il profilo scientifico e tecnico alla definizione e all’armonizzazione dei metodi utilizzati ai fini della conservazione di razze a rischio di estinzione e della protezione della diversità genetica di tali razze ( 1 )

10

 

 

DECISIONI

 

*

Decisione (UE) 2022/2078 del Consiglio, del 24 ottobre 2022, relativa alla posizione da adottare a nome dell’Unione europea in sede di comitato per la sicurezza marittima dell’Organizzazione marittima internazionale in occasione della sua 106a sessione e in sede di comitato per la protezione dell’ambiente marino dell’Organizzazione marittima internazionale in occasione della sua 79a sessione per quanto riguarda la modifica della convenzione internazionale per la salvaguardia della vita umana in mare (SOLAS), del codice internazionale 2011 sul programma di miglioramento delle ispezioni durante le visite alle navi portarinfuse e petroliere (codice ESP 2011) e dell’allegato VI della convenzione internazionale per la prevenzione dell’inquinamento causato da navi (Marpol)

12

 

*

Decisione di esecuzione (UE) 2022/2079 del Consiglio, del 25 ottobre 2022, recante modifica della decisione di esecuzione (UE) 2020/1348 che concede alla Repubblica della Croazia sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19

15

 

*

Decisione di esecuzione (UE) 2022/2080 del Consiglio, del 25 ottobre 2022, recante modifica della decisione di esecuzione (UE) 2020/1350 che concede alla Repubblica di Lituania sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19

19

 

*

Decisione di esecuzione (UE) 2022/2081 del Consiglio, del 25 ottobre 2022, recante modifica della decisione di esecuzione (UE) 2020/1346 che concede alla Repubblica ellenica sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19

23

 

*

Decisione di esecuzione (UE) 2022/2082 del Consiglio, del 25 ottobre 2022, recante modifica della decisione di esecuzione (UE) 2020/1344 che concede alla Repubblica di Cipro sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19

27

 

*

Decisione di esecuzione (UE) 2022/2083 del Consiglio, del 25 ottobre 2022, che modifica la decisione di esecuzione (UE) 2020/1354, che concede alla Repubblica portoghese sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19

32

 

*

Decisione di esecuzione (UE) 2022/2084 del Consiglio, del 25 ottobre 2022, recante modifica della decisione di esecuzione (UE) 2020/1345 che concede alla Repubblica ceca sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19

41

 

*

Decisione (PESC) 2022/2085 del Consiglio, del 27 ottobre 2022, che modifica la decisione 2010/573/PESC concernente misure restrittive nei confronti della dirigenza della regione transdnestriana della Repubblica moldova

46

 

*

Decisione di esecuzione (PESC) 2022/2086 del Consiglio, del 27 ottobre 2022, che attua la decisione 2011/72/PESC, concernente misure restrittive nei confronti di determinate persone ed entità in considerazione della situazione in Tunisia

47

 

*

Decisione di esecuzione (UE) 2022/2087 della Commissione, del 26 settembre 2022, che conferma o modifica il calcolo provvisorio delle emissioni specifiche medie di CO2 e degli obiettivi specifici per le emissioni per i costruttori di autovetture e veicoli commerciali leggeri per l'anno civile 2020 e che rende noti ai costruttori i valori da utilizzare per il calcolo degli obiettivi specifici per le emissioni e degli obiettivi in deroga per gli anni civili dal 2021 al 2024 a norma del regolamento (UE) 2019/631 del Parlamento europeo e del Consiglio [notificata con il numero C(2022) 6754]  ( 1 )

49

 

 

ATTI ADOTTATI DA ORGANISMI CREATI DA ACCORDI INTERNAZIONALI

 

*

Decisione n. 1/2022 del comitato speciale per le dogane e la facilitazione degli scambi commerciali, del 27 luglio 2022, per quanto riguarda il suo regolamento interno [2022/2088]

94

 

*

Decisione n. 1/2022 del sottocomitato doganale UE-Repubblica di Moldova, del 3 ottobre 2022, sul riconoscimento reciproco del programma di operatore economico autorizzato della Repubblica di Moldova e del programma di operatore economico autorizzato dell'Unione europea [2022/2089]

98

 


 

(1)   Testo rilevante ai fini del SEE.

IT

Gli atti i cui titoli sono stampati in caratteri chiari appartengono alla gestione corrente. Essi sono adottati nel quadro della politica agricola ed hanno generalmente una durata di validità limitata.

I titoli degli altri atti sono stampati in grassetto e preceduti da un asterisco.


II Atti non legislativi

REGOLAMENTI

28.10.2022   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

L 280/1


REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2022/2073 DEL CONSIGLIO

del 27 ottobre 2022

che attua il regolamento (UE) n. 101/2011, concernente misure restrittive nei confronti di determinate persone, entità e organismi in considerazione della situazione in Tunisia

IL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea,

visto il regolamento (UE) n. 101/2011 del Consiglio, del 4 febbraio 2011, concernente misure restrittive nei confronti di determinate persone, entità e organismi in considerazione della situazione in Tunisia (1), in particolare l’articolo 12,

vista la proposta dell’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza,

considerando quanto segue:

(1)

Il 4 febbraio 2011 il Consiglio ha adottato il regolamento (UE) n. 101/2011.

(2)

In esito a un riesame effettuato dal Consiglio risulta opportuno sopprimere le voci relative a sette persone e le informazioni relative ai loro diritti della difesa e al loro diritto a una tutela giurisdizionale effettiva.

(3)

È pertanto opportuno modificare di conseguenza l’allegato I del regolamento (UE) n. 101/2011,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

L’allegato I del regolamento (UE) n. 101/2011 è modificato come indicato nell’allegato del presente regolamento.

Articolo 2

Il presente regolamento entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 27 ottobre 2022

Per il Consiglio

Il presidente

M. BEK


(1)  GU L 31 del 5.2.2011, pag. 1.


ALLEGATO

Nelle sezioni A e B dell’allegato I del regolamento (UE) n. 101/2011, le voci relative alle persone seguenti sono soppresse:

«4.

Mohamed Ben Moncef Ben Mohamed TRABELSI»;

«36.

Kaïs Ben Slaheddine Ben Haj Hamda BEN ALI»;

«37.

Hamda Ben Slaheddine Ben Haj Hamda BEN ALI»;

«38.

Najmeddine Ben Slaheddine Ben Haj Hamda BEN ALI»;

«39.

Najet Bent Slaheddine Ben Haj Hamda BEN ALI»;

«43.

Imed Ben Habib Ben Bouali LTAIEF»;

«44.

Naoufel Ben Habib Ben Bouali LTAIEF».

28.10.2022   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

L 280/4


REGOLAMENTO DELEGATO (UE) 2022/2074 DELLA COMMISSIONE

del 20 luglio 2022

recante modifica del regolamento (UE) n. 139/2014 per quanto riguarda la definizione di SNOWTAM

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea,

visto il regolamento (UE) 2018/1139 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4 luglio 2018, recante norme comuni nel settore dell’aviazione civile, che istituisce un’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza aerea e che modifica i regolamenti (CE) n. 2111/2005, (CE) n. 1008/2008, (UE) n. 996/2010, (UE) n. 376/2014 e le direttive 2014/30/UE e 2014/53/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, e abroga i regolamenti (CE) n. 552/2004 e (CE) n. 216/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio e il regolamento (CEE) n. 3922/91 del Consiglio (1), in particolare l’articolo 39, paragrafo 1, lettera a),

considerando quanto segue:

(1)

Il regolamento (UE) n. 139/2014 (2) della Commissione stabilisce i requisiti tecnici e le procedure amministrative relativi agli aeroporti, comprese le disposizioni relative alla segnalazione delle condizioni della superficie della pista e alla creazione di un avviso che notifica la presenza o la rimozione di condizioni di pericolo dovute a neve, ghiaccio, neve mista ad acqua o acqua stagnante (SNOWTAM), nell’ambito del formato globale per la segnalazione.

(2)

Lo SNOWTAM dovrebbe essere creato in presenza di determinate condizioni, conformemente alle disposizioni dell’annesso 15 della convenzione sull’aviazione civile internazionale, firmata a Chicago il 7 dicembre 1944 («convenzione di Chicago») e alle disposizioni delle procedure ICAO per i servizi di navigazione aerea — gestione delle informazioni aeronautiche (PANS-AIM, documento 10066), adottate dall’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale (ICAO).

(3)

È opportuno modificare la definizione di SNOWTAM di cui all’allegato I del regolamento (UE) n. 139/2014 affinché risulti in linea con quella dell’annesso 15 della convenzione di Chicago e coerente con quella di altri atti giuridici dell’Unione in materia, come il regolamento di esecuzione (UE) 2017/373 della Commissione (3).

(4)

È pertanto opportuno modificare di conseguenza il regolamento (UE) n. 139/2014.

(5)

In conformità all’articolo 75, paragrafo 2, lettere b) e c), e all’articolo 76, paragrafo 1, del regolamento (UE) 2018/1139, l’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza aerea ha preparato e presentato alla Commissione il parere n. 03/2022 (4) per quanto riguarda il progetto di norme di attuazione,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

All’allegato I del regolamento (UE) n. 139/2014, il punto 41 ter) è sostituito dal seguente:

«41 ter)

“SNOWTAM”: una serie speciale di NOTAM emessi in un formato standard, che forniscono un riporto delle condizioni della superficie notificando la presenza o la cessazione di condizioni di pericolo dovute a neve, ghiaccio, neve mista ad acqua, brina, acqua stagnante o acqua associata a neve, neve mista ad acqua, ghiaccio o brina nell’area di movimento;».

Articolo 2

Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 20 luglio 2022

Per la Commissione

La presidente

Ursula VON DER LEYEN


(1)  GU L 212 del 22.8.2018, pag. 1.

(2)  Regolamento (UE) n. 139/2014 della Commissione, del 12 febbraio 2014, che stabilisce i requisiti tecnici e le procedure amministrative relativi agli aeroporti ai sensi del regolamento (CE) n. 216/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 44 del 14.2.2014, pag. 1).

(3)  Regolamento di esecuzione (UE) 2017/373 della Commissione, del 1o marzo 2017, che stabilisce i requisiti comuni per i fornitori di servizi di gestione del traffico aereo e di navigazione aerea e di altre funzioni della rete di gestione del traffico aereo e per la loro sorveglianza, che abroga il regolamento (CE) n. 482/2008 e i regolamenti di esecuzione (UE) n. 1034/2011, (UE) n. 1035/2011 e (UE) 2016/1377 e che modifica il regolamento (UE) n. 677/2011 (GU L 62 dell'8.3.2017, pag. 1).

(4)  https://www.easa.europa.eu/document-library/opinions


28.10.2022   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

L 280/6


REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2022/2075 DELLA COMMISSIONE

del 21 ottobre 2022

recante iscrizione di un nome nel registro delle denominazioni di origine protette e delle indicazioni geografiche protette [«Oktoberfestbier» (IGP)]

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea,

visto il regolamento (UE) n. 1151/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 novembre 2012, sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari (1), in particolare l’articolo 52, paragrafo 2,

considerando quanto segue:

(1)

A norma dell’articolo 50, paragrafo 2, lettera a), del regolamento (UE) n. 1151/2012, la domanda di registrazione del nome «Oktoberfestbier» presentata dalla Germania è stata pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea (2).

(2)

Poiché alla Commissione non è stata notificata alcuna dichiarazione di opposizione ai sensi dell’articolo 51 del regolamento (UE) n. 1151/2012, il nome «Oktoberfestbier» deve essere registrato,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

Il nome «Oktoberfestbier» (IGP) è registrato.

Il nome di cui al primo comma identifica un prodotto della classe 2.1 Birra di cui all’allegato XI del regolamento di esecuzione (UE) n. 668/2014 della Commissione (3).

Articolo 2

Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 21 ottobre 2022

Per la Commissione

a nome della presidente

Janusz WOJCIECHOWSKI

Membro della Commissione


(1)  GU L 343 del 14.12.2012, pag. 1.

(2)  GU C 252 dell’1.7.2022, pag. 21.

(3)  Regolamento di esecuzione (UE) n. 668/2014 della Commissione, del 13 giugno 2014, recante modalità di applicazione del regolamento (UE) n. 1151/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari (GU L 179 del 19.6.2014, pag. 36).


28.10.2022   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

L 280/7


REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2022/2076 DELLA COMMISSIONE

del 25 ottobre 2022

relativo alla classificazione di talune merci nella nomenclatura combinata

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea,

visto il regolamento (UE) n. 952/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 ottobre 2013, che istituisce il codice doganale dell’Unione (1), in particolare l’articolo 57, paragrafo 4, e l’articolo 58, paragrafo 2,

considerando quanto segue:

(1)

Al fine di garantire l’applicazione uniforme della nomenclatura combinata allegata al regolamento (CEE) n. 2658/87 del Consiglio (2), è necessario adottare disposizioni relative alla classificazione delle merci di cui in allegato al presente regolamento.

(2)

Il regolamento (CEE) n. 2658/87 ha fissato le regole generali relative all’interpretazione della nomenclatura combinata. Tali regole si applicano inoltre a qualsiasi nomenclatura che la riprenda, totalmente o in parte, o che aggiunga eventuali suddivisioni e che sia stabilita da specifiche disposizioni dell’Unione per l’applicazione di misure tariffarie o di altra natura nell’ambito degli scambi di merci.

(3)

In applicazione di tali regole generali, le merci descritte nella colonna 1 della tabella figurante nell’allegato del presente regolamento dovrebbero essere classificate nel corrispondente codice NC indicato nella colonna 2, in virtù delle motivazioni indicate nella colonna 3.

(4)

È opportuno disporre che le informazioni tariffarie vincolanti rilasciate per le merci interessate dal presente regolamento che non sono conformi al regolamento stesso possano continuare a essere invocate dal titolare per un determinato periodo, conformemente alle disposizioni dell’articolo 34, paragrafo 9, del regolamento (UE) n. 952/2013. Tale periodo dovrebbe essere fissato a tre mesi.

(5)

Le misure di cui al presente regolamento sono conformi al parere del comitato del codice doganale,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

Le merci descritte nella colonna 1 della tabella figurante in allegato sono classificate nella nomenclatura combinata nel codice NC indicato nella colonna 2 di detta tabella.

Articolo 2

Le informazioni tariffarie vincolanti che non sono conformi al presente regolamento possono continuare a essere invocate per un periodo di tre mesi dalla data di entrata in vigore del presente regolamento, in conformità alle disposizioni dell’articolo 34, paragrafo 9, del regolamento (UE) n. 952/2013.

Articolo 3

Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 25 ottobre 2022

Per la Commissione

Gerassimos THOMAS

Direttore generale

Direzione generale della Fiscalità e unione doganale


(1)  GU L 269 del 10.10.2013, pag. 1.

(2)  Regolamento (CEE) n. 2658/87 del Consiglio, del 23 luglio 1987, relativo alla nomenclatura tariffaria e statistica ed alla tariffa doganale comune (GU L 256 del 7.9.1987, pag. 1).


ALLEGATO

Descrizione delle merci

Classificazione

(Codice NC)

Motivazioni

1)

2)

3)

Articolo composto da diversi cavi elettrici isolati, di rame, raggruppati, progettati appositamente per l’installazione in un veicolo a motore di un dispositivo fisso a schermo tattile, viva voce, a comando vocale (di seguito «kit per auto»).

L’articolo comprende due commutatori e diversi connettori, compresi connettori conici. La composizione esatta dell’articolo (numero di cavi e connettori specifici) dipende dal modello specifico di veicolo a motore.

All’installazione l’articolo connette il cablaggio esistente dell’autoradio con il kit per auto, che consente il funzionamento di un telefono cellulare connesso via Bluetooth.

Questo consente la trasmissione di segnali elettrici dal kit per auto all’autoradio (anche per silenziare altri suoni durante le telefonate) e fornisce un’alimentazione elettrica.

8544 30 00

La classificazione è determinata dalle regole generali 1 e 6 per l’interpretazione della nomenclatura combinata e dal testo dei codici NC 8544 e 8544 30 00 .

L’articolo consiste in cavi della voce 8544 raggruppati in un insieme (cfr. anche le note esplicative del sistema armonizzato relative alla voce 8544 , ottavo paragrafo, ultima frase).

L’articolo è inoltre progettato appositamente per essere installato in un veicolo a motore al fine di creare un’interconnessione fra diversi apparecchi del veicolo e condurre elettricità nonché segnali elettrici.

L’articolo possiede quindi le caratteristiche oggettive di «altre serie di fili, dei tipi usati in veicoli» del codice NC 8544 30 00 . La classificazione nella sottovoce 8544 42 come «altri conduttori elettrici per tensioni inferiori o uguali a 1 000 V, muniti di pezzi di congiunzione» è quindi esclusa.

L’articolo va quindi classificato nel codice NC 8544 30 00 come «altre serie di fili dei tipi utilizzati nei mezzi di trasporto».


28.10.2022   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

L 280/10


REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2022/2077 DELLA COMMISSIONE

del 27 ottobre 2022

che designa il centro di riferimento dell’Unione europea incaricato di contribuire sotto il profilo scientifico e tecnico alla definizione e all’armonizzazione dei metodi utilizzati ai fini della conservazione di razze a rischio di estinzione e della protezione della diversità genetica di tali razze

(Testo rilevante ai fini del SEE)

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea,

visto il regolamento (UE) 2016/1012 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’8 giugno 2016, relativo alle condizioni zootecniche e genealogiche applicabili alla riproduzione, agli scambi commerciali e all’ingresso nell’Unione di animali riproduttori di razza pura, di suini ibridi riproduttori e del loro materiale germinale, che modifica il regolamento (UE) n. 652/2014, le direttive 89/608/CEE e 90/425/CEE del Consiglio, e che abroga taluni atti in materia di riproduzione animale («regolamento sulla riproduzione degli animali») (1), in particolare l’articolo 29, paragrafo 2,

considerando quanto segue:

(1)

Gli Stati membri e i portatori di interessi hanno espresso la necessità di promuovere la definizione e l’armonizzazione dei metodi utilizzati dagli enti selezionatori e dai terzi da essi designati conformemente all’articolo 27, paragrafo 1, lettera b), del regolamento (UE) 2016/1012 ai fini della conservazione di razze a rischio di estinzione o della protezione della diversità genetica di tali razze.

(2)

In conformità all’articolo 29, paragrafo 3, del regolamento (UE) 2016/1012, la Commissione ha emesso un invito pubblico per la selezione e la designazione del centro di riferimento dell’Unione europea incaricato di contribuire sotto il profilo scientifico e tecnico alla definizione e all’armonizzazione dei metodi utilizzati ai fini della conservazione di razze a rischio di estinzione e della protezione della diversità genetica di tali razze («centro di riferimento dell’Unione europea per le razze animali a rischio di estinzione»).

(3)

Il comitato di valutazione e selezione nominato per tale invito ha concluso che il consorzio guidato da Stichting Wageningen Research, Wageningen Livestock Research, Paesi Bassi, di cui fanno parte anche l’Institut de l’Elevage, Francia, e l’Ufficio federale per l’agricoltura e l’alimentazione, Germania, soddisfa i requisiti di cui all’allegato IV, punto 1, del regolamento (UE) 2016/1012 e ha la capacità di espletare i compiti di cui al punto 3 di tale allegato.

(4)

Il consorzio guidato da Stichting Wageningen Research, Wageningen Livestock Research, Paesi Bassi, di cui fanno parte anche l’Institut de l’Elevage, Francia, e l’Ufficio federale per l’agricoltura e l’alimentazione, Germania, dovrebbe pertanto essere designato come centro di riferimento dell’Unione europea per le razze animali a rischio di estinzione. Poiché l’ambito di applicazione del regolamento (UE) 2016/1012 è limitato agli animali riproduttori delle specie bovina, suina, ovina, caprina ed equina, le attività di tale centro di riferimento dell’Unione europea dovrebbero riguardare esclusivamente le razze a rischio di estinzione di tali specie animali.

(5)

La designazione del centro di riferimento dell’Unione europea per le razze animali a rischio di estinzione non dovrebbe essere limitata nel tempo, ma dovrebbe essere rivista regolarmente come previsto dall’articolo 29, paragrafo 3, del regolamento (UE) 2016/1012.

(6)

Il centro di riferimento dell’Unione europea per le razze animali a rischio di estinzione dovrebbe iniziare le sue attività il 1o gennaio 2023, in quanto contribuisce alle iniziative strategiche del Green Deal europeo, e pertanto il presente regolamento dovrebbe essere applicabile a decorrere da tale data.

(7)

Le misure di cui al presente regolamento sono conformi al parere del comitato zootecnico permanente,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

Il seguente centro è designato come centro di riferimento dell’Unione europea incaricato di contribuire sotto il profilo scientifico e tecnico alla definizione e all’armonizzazione dei metodi utilizzati ai fini della conservazione di razze a rischio di estinzione e della protezione della diversità genetica di tali razze:

consorzio guidato da Stichting Wageningen Research, Wageningen Livestock Research, P.O. Box 338, 6700 AH Wageningen, Paesi Bassi, di cui fanno parte anche l’Institut de l’Elevage, 149 Rue de Bercy, 75012 Parigi, Francia, e l’Ufficio federale per l’agricoltura e l’alimentazione, Deichmanns Aue 29, 53179 Bonn, Germania.

Articolo 2

Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Esso si applica a decorrere dal 1o gennaio 2023.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 27 ottobre 2022

Per la Commissione

La presidente

Ursula VON DER LEYEN


(1)  GU L 171 del 29.6.2016, pag. 66.


DECISIONI

28.10.2022   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

L 280/12


DECISIONE (UE) 2022/2078 DEL CONSIGLIO

del 24 ottobre 2022

relativa alla posizione da adottare a nome dell’Unione europea in sede di comitato per la sicurezza marittima dell’Organizzazione marittima internazionale in occasione della sua 106a sessione e in sede di comitato per la protezione dell’ambiente marino dell’Organizzazione marittima internazionale in occasione della sua 79a sessione per quanto riguarda la modifica della convenzione internazionale per la salvaguardia della vita umana in mare (SOLAS), del codice internazionale 2011 sul programma di miglioramento delle ispezioni durante le visite alle navi portarinfuse e petroliere («codice ESP 2011») e dell’allegato VI della convenzione internazionale per la prevenzione dell’inquinamento causato da navi (Marpol)

IL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea, in particolare l’articolo 100, paragrafo 2, in combinato disposto con l’articolo 218, paragrafo 9,

vista la proposta della Commissione europea,

considerando quanto segue:

(1)

L’azione dell’Unione nel settore dei trasporti marittimi dovrebbe mirare a migliorare la sicurezza marittima e a proteggere l’ambiente marino e la salute umana.

(2)

Il comitato per la sicurezza marittima dell’Organizzazione marittima internazionale («IMO»), in occasione della sua 106a sessione («MSC 106»), che si terrà dal 2 all’11 novembre 2022, dovrebbe adottare modifiche del capitolo II-2 della convenzione internazionale per la salvaguardia della vita umana in mare (SOLAS) e del codice internazionale 2011 sul programma di miglioramento delle ispezioni durante le visite alle navi portarinfuse e petroliere («codice ESP 2011»).

(3)

Il comitato per la protezione dell’ambiente marino dell’IMO, in occasione della sua 79a sessione («MEPC 79»), che si terrà dal 12 al 16 dicembre 2022, dovrebbe adottare modifiche del regolamento 14 della convenzione internazionale per la prevenzione dell’inquinamento causato da navi (Marpol) e delle appendici VII e IX dell’allegato VI della Marpol.

(4)

È opportuno stabilire la posizione da adottare a nome dell’Unione, in occasione della MSC 106, poiché le modifiche del capitolo II-2 della SOLAS e del codice ESP 2011 sono tali da incidere in modo determinante sul contenuto del diritto dell’Unione, in particolare sulla direttiva 2009/45/CE del Parlamento europeo e del Consiglio (1) e sul regolamento (UE) n. 530/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio (2).

(5)

Le modifiche del capitolo II-2 della SOLAS terranno conto dei fornitori di combustibili liquidi che non hanno soddisfatto i requisiti relativi al punto di infiammabilità, dei provvedimenti nei confronti dei fornitori di combustibili liquidi che hanno fornito combustibili liquidi non conformi ai requisiti minimi relativi al punto di infiammabilità e della documentazione inerente al punto di infiammabilità dello specifico lotto di combustibile al momento del bunkeraggio. L’Unione dovrebbe sostenere tali modifiche, in quanto miglioreranno la sicurezza delle navi.

(6)

Le modifiche del codice ESP 2011 mirano ad attuare requisiti più rigorosi per l’ispezione delle cisterne di zavorra e degli spazi vuoti al fine di risolvere i problemi di sicurezza individuati durante l’inchiesta sulla sicurezza marittima condotta dallo Stato di bandiera in relazione alla perdita della nave portarinfuse MV Stellar Daisy nel 2017. L’Unione dovrebbe sostenere tali modifiche, in quanto miglioreranno la sicurezza delle navi.

(7)

È opportuno stabilire la posizione da adottare a nome dell’Unione in occasione della MEPC 79, poiché le modifiche del regolamento 14 della Marpol e delle appendici VII e IX dell’allegato VI della Marpol sono tali da incidere in modo determinante sul contenuto del diritto dell’Unione, in particolare sul regolamento (UE) 2015/757 del Parlamento europeo e del Consiglio (3) e sulla direttiva (UE) 2016/802 del Parlamento europeo e del Consiglio (4).

(8)

Le modifiche della regola 14 della Marpol e dell’appendice VII dell’allegato VI della Marpol riguardano la designazione del Mar Mediterraneo nel suo insieme come zona di controllo delle emissioni di ossidi di zolfo (Med SOX ECA). L’Unione dovrebbe sostenere tali modifiche, poiché tale designazione comporterà riduzioni significative dei livelli ambientali di inquinamento atmosferico nel Mar Mediterraneo nel suo insieme e negli Stati costieri del Mediterraneo, il che apporterà notevoli benefici per la salute umana e per l’ambiente.

(9)

Le modifiche dell’appendice IX dell’allegato VI della Marpol includeranno maggiori informazioni sulle prestazioni relative all’intensità di carbonio delle navi nel sistema di rilevazione dei dati sul consumo di combustibile delle navi dell’IMO. L’Unione dovrebbe sostenere tali modifiche, poiché maggiori informazioni sull’intensità di carbonio delle navi forniranno informazioni essenziali sull’efficienza energetica della flotta mondiale e sulle prestazioni relative all’intensità di carbonio. Pertanto, tali informazioni dovrebbero essere comunicate al sistema di rilevazione dei dati dell’IMO.

(10)

L’Unione non è membro dell’IMO né parte contraente della SOLAS, del codice ESP 2011 o della Marpol. Il Consiglio dovrebbe pertanto autorizzare gli Stati membri a esprimere la posizione dell’Unione.

(11)

È opportuno limitare l’ambito di applicazione della presente decisione al contenuto delle modifiche proposte, nella misura in cui tali modifiche possono incidere sulle norme comuni dell’Unione e rientrano nella competenza esclusiva dell’Unione. La presente decisione non dovrebbe incidere sulla ripartizione delle competenze tra l’Unione e gli Stati membri,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

La posizione da adottare a nome dell’Unione in sede di comitato per la sicurezza marittima dell’Organizzazione marittima internazionale (IMO) in occasione della 106a sessione («MSC 106») è approvare l’adozione della modifica del capitolo II-2 della convenzione internazionale per la salvaguardia della vita umana in mare (SOLAS), di cui all’allegato 1 del documento MSC 106/3 dell’IMO, e del codice internazionale 2011 sul programma di miglioramento delle ispezioni durante le visite alle navi portarinfuse e petroliere («codice ESP 2011»), di cui all’allegato 5 del documento MSC 106/3 dell’IMO.

Articolo 2

La posizione da adottare a nome dell’Unione in sede di comitato per la protezione dell’ambiente marino dell’IMO in occasione della sua 79a sessione («MEPC 79») è approvare l’adozione della modifica della regola 14 della convenzione internazionale per la prevenzione dell’inquinamento causato da navi (Marpol) e dell’appendice VII dell’allegato VI della Marpol, di cui all’allegato del documento MEPC 79/3/2 dell’IMO, e l’adozione della modifica dell’appendice IX dell’allegato VI della Marpol, di cui all’allegato del documento MEPC 79/3/3 dell’IMO.

Articolo 3

1.   Le posizioni da adottare a nome dell’Unione di cui alla presente decisione riguardano le modifiche interessate nella misura in cui tali modifiche rientrano nella competenza esclusiva dell’Unione e possono incidere sulle norme comuni dell’Unione. Tali posizioni sono espresse congiuntamente, nell’interesse dell’Unione, dagli Stati membri, che sono tutti membri dell’IMO.

2.   Modifiche di lieve entità delle posizioni di cui agli articoli 1 e 2 possono essere concordate senza ulteriore decisione del Consiglio.

Articolo 4

Gli Stati membri sono autorizzati ad accettare, nell’interesse dell’Unione, di essere vincolati dalle modifiche di cui agli articoli 1 e 2, nella misura in cui tali modifiche rientrano nella competenza esclusiva dell’Unione.

Articolo 5

La presente decisione entra in vigore il giorno dell’adozione.

Fatto a Lussemburgo, il 24 ottobre 2022

Per il Consiglio

Il presidente

A. HUBÁČKOVÁ


(1)  Direttiva 2009/45/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 maggio 2009, relativa alle disposizioni e norme di sicurezza per le navi da passeggeri (GU L 163 del 25.6.2009, pag. 1).

(2)  Regolamento (UE) n. 530/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 giugno 2012, sull’introduzione accelerata delle norme in materia di doppio scafo o di tecnologia equivalente per le petroliere monoscafo (GU L 172 del 30.6.2012, pag. 3).

(3)  Regolamento (UE) 2015/757 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2015, concernente il monitoraggio, la comunicazione e la verifica delle emissioni di anidride carbonica generate dal trasporto marittimo e che modifica la direttiva 2009/16/CE (GU L 123 del 19.5.2015, pag. 55).

(4)  Direttiva (UE) 2016/802 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 maggio 2016, relativa alla riduzione del tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi (GU L 132 del 21.5.2016, pag. 58).


28.10.2022   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

L 280/15


DECISIONE DI ESECUZIONE (UE) 2022/2079 DEL CONSIGLIO

del 25 ottobre 2022

recante modifica della decisione di esecuzione (UE) 2020/1348 che concede alla Repubblica della Croazia sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19

IL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea,

visto il regolamento (UE) 2020/672 del Consiglio, del 19 maggio 2020, che istituisce uno strumento europeo di sostegno temporaneo per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza (SURE) a seguito dell’epidemia di COVID-19 (1), in particolare l’articolo 6, paragrafo 1,

vista la proposta della Commissione europea,

considerando quanto segue:

(1)

Facendo seguito a una richiesta presentata dalla Croazia il 6 agosto 2020, il Consiglio, con decisione di esecuzione (UE) 2020/1348 (2), ha concesso alla Croazia assistenza finanziaria sotto forma di un prestito dell’importo massimo di 1 020 600 000 EUR avente scadenza media massima di 15 anni, con periodo di disponibilità di 18 mesi, al fine di integrare gli sforzi nazionali della Croazia volti ad affrontare l’impatto dell’epidemia di COVID-19 e far fronte alle conseguenze socioeconomiche dell’epidemia per i lavoratori dipendenti e i lavoratori autonomi.

(2)

Il prestito doveva essere utilizzato dalla Croazia per finanziare i regimi di riduzione dell’orario lavorativo e le misure analoghe di cui all’articolo 3 della decisione di esecuzione (UE) 2020/1348.

(3)

L’epidemia di COVID-19 ha avuto ripercussioni negative su una parte significativa della forza lavoro in Croazia. Ciò ha continuato a determinare ripetuti aumenti repentini e severi della spesa pubblica croata connessa alle misure di cui all’articolo 3, lettere a) e b), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1348.

(4)

L’epidemia di COVID-19 e le misure straordinarie attuate dalla Croazia nel 2020, nel 2021 e nel 2022 per contenerla, nonché le relative ripercussioni socioeconomiche e sanitarie, hanno avuto un impatto drammatico sulle finanze pubbliche. Nel 2020 la Croazia registrava un disavanzo pubblico e un debito pubblico pari rispettivamente al 7,3 % e all’87,3 % del prodotto interno lordo (PIL), percentuali che risultavano scese rispettivamente al 2,9 % e al 79,8 % alla fine del 2021. Le previsioni di primavera 2022 della Commissione prospettavano per la Croazia un disavanzo pubblico e un debito pubblico pari rispettivamente all’1,8 % e al 73,1 % del PIL alla fine del 2022. Secondo le previsioni intermedie d’estate 2022 della Commissione, il PIL della Croazia aumenterà del 3,4 % nel 2022.

(5)

Il 25 luglio 2022 la Croazia ha richiesto un’ulteriore assistenza finanziaria dell’Unione per un importo pari a 550 000 000 EUR al fine di continuare a integrare gli sforzi nazionali profusi nel 2020, nel 2021 e nel 2022 per affrontare l’impatto dell’epidemia di COVID-19 e far fronte alle conseguenze socioeconomiche dell’epidemia per i lavoratori dipendenti e i lavoratori autonomi. In particolare la Croazia ha ulteriormente prorogato o modificato i regimi di riduzione dell’orario lavorativo e le misure analoghe di cui ai considerando 6 e 7.

(6)

Sulla base della «legge sul mercato del lavoro» (3), la Croazia ha introdotto una misura che garantisce il cofinanziamento delle retribuzioni dei lavoratori alle imprese che hanno registrato un calo di fatturato rispetto al 2019. I criteri relativi al fatturato sono: un calo pari al 20 % nel periodo da marzo a maggio 2020, al 50 % nel periodo da giugno a dicembre 2020, e a partire da gennaio 2021 l’unico requisito è una diminuzione del fatturato rispetto al corrispondente mese del 2019, a condizione che non si ponga fine al rapporto di lavoro. Per il mese di marzo 2020 l’importo dell’aiuto era fissato a 3 250 HRK per dipendente a tempo pieno, e a partire dal mese di aprile 2020 l’importo mensile dell’aiuto era fissato a 4 000 HRK per dipendente a tempo pieno. L’importo dell’aiuto per dipendente rimane invariato per tutto il periodo di vigenza della misura, ma i settori ammissibili al sostegno cambiano nel tempo a seconda delle condizioni economiche. Nel periodo tra novembre 2020 e giugno 2021, le aziende rimaste chiuse per decisione delle autorità nazionali hanno ricevuto per ogni dipendente a tempo pieno un sostegno proporzionato al numero di giorni di chiusura, ma non superiore a 4 000 HRK per un mese completo di chiusura. La misura è una proroga di quella descritta all’articolo 3, lettera a), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1348, secondo quanto previsto nella decisione del Consiglio amministrativo del Servizio croato per l’impiego adottata il 20 marzo 2020 e modificata il 25 marzo, il 7 aprile, il 9 aprile, il 6 maggio, il 28 maggio, il 18 giugno, il 25 giugno, il 10 luglio, il 29 luglio, il 7 settembre, il 22 ottobre, il 4 novembre e il 4 dicembre 2020. Il Servizio croato per l’impiego ha adottato ulteriori modifiche nel 2021 con decisioni dell’8 gennaio, del 21 gennaio, del 3 marzo, del 15 aprile, del 30 aprile, del 31 maggio, del 23 luglio, del 25 agosto, del 29 settembre, del 15 ottobre e del 4 novembre, e nel 2022 con decisioni del 27 gennaio e del 31 maggio. La misura è stata sospesa alla fine di giugno 2022.

(7)

Inoltre, sulla base della «legge sul mercato del lavoro», la Croazia ha introdotto una misura che fornisce sostegno per la temporanea riduzione dell’orario lavorativo nel periodo compreso tra giugno 2020 e dicembre 2022 alle imprese con 10 o più dipendenti operanti in qualsiasi settore. I requisiti per beneficiare di tale misura sono una diminuzione attesa dell’orario lavorativo mensile aggregato di tutti i dipendenti a tempo pieno pari ad almeno il 10 % a livello di datore di lavoro, o al 20 % a livello di unità aziendale, nel mese per cui il sostegno è richiesto. Il datore di lavoro che richiede il sostegno è inoltre tenuto a dimostrare un legame tra l’impatto dell’epidemia di COVID.19 sulla sua impresa e l’attesa diminuzione attraverso, in particolare, la prova di un calo del fatturato nel mese per cui il sostegno è richiesto di almeno il 20 % rispetto al corrispondente mese del 2019 o, eccezionalmente, nel caso di gennaio e febbraio 2022, rispetto al corrispondente mese del 2020. La domanda della misura è presentata nel mese precedente quello per cui il sostegno è richiesto. La misura può finanziare fino a un massimale di 2 000 HRK per lavoratore dipendente. La misura è una proroga di quella descritta all’articolo 3, lettera b), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1348, secondo quanto previsto nella decisione del Servizio croato per l’impiego adottata il 29 giugno 2020, modificata il 10 luglio e il 22 ottobre 2020 e ulteriormente modificata l’8 gennaio 2021 e il 27 gennaio 2022. È previsto che la misura sia applicata fino alla fine di dicembre 2022.

(8)

La Croazia soddisfa le condizioni per richiedere l’assistenza finanziaria di cui all’articolo 3 del regolamento (UE) 2020/672. La Croazia ha fornito alla Commissione le opportune evidenze del fatto che la spesa pubblica effettiva è aumentata di 2 220 567 523 EUR tra il 1o febbraio 2020 e la fine di aprile 2022 in esito alle misure nazionali adottate in risposta agli effetti socioeconomici dell’epidemia di COVID-19. Si tratta di un aumento repentino e severo perché anch’esso collegato alla proroga o alla modifica di misure nazionali esistenti direttamente connesse a regimi di riduzione dell’orario lavorativo e a misure analoghe di cui beneficia una parte significativa delle imprese e della forza lavoro in Croazia. La Croazia intende finanziare 631 536 540 EUR dell’aumento della spesa mediante fondi dell’Unione e 18 430 983 EUR mediante finanziamenti propri.

(9)

La Commissione, conformemente all’articolo 6 del regolamento (UE) 2020/672, ha consultato la Croazia e ha verificato l’aumento repentino e severo della spesa pubblica effettiva direttamente connessa a regimi di riduzione dell’orario lavorativo e a misure analoghe, cui si fa riferimento nella richiesta del 25 luglio 2022.

(10)

È pertanto opportuno fornire assistenza finanziaria per aiutare la Croazia a far fronte agli effetti socioeconomici delle gravi perturbazioni economiche causate dall’epidemia di COVID-19. La Commissione dovrebbe adottare le decisioni riguardanti la scadenza, l’importo e l’erogazione di rate e quote in stretta collaborazione con le autorità nazionali.

(11)

Dato che il periodo di disponibilità indicato nella decisione di esecuzione (UE) 2020/1348 è scaduto, è necessario stabilire un nuovo periodo di disponibilità dell’assistenza finanziaria supplementare. È opportuno prorogare di 21 mesi il periodo di disponibilità dell’assistenza finanziaria di 18 mesi concessa dalla decisione di esecuzione (UE) 2020/1348, portando così il periodo di disponibilità totale a 39 mesi a decorrere dal primo giorno dopo che la decisione di esecuzione (UE) 2020/1348 ha preso effetto.

(12)

La Croazia e la Commissione dovrebbero tenere conto della presente decisione nell’accordo di prestito di cui all’articolo 8, paragrafo 2, del regolamento (UE) 2020/672.

(13)

La presente decisione non dovrebbe pregiudicare l’esito di eventuali procedimenti in materia di distorsioni del funzionamento del mercato interno, che potrebbero essere in particolare promossi a norma degli articoli 107 e 108 del trattato. Essa non dispensa gli Stati membri dall’obbligo di comunicare alla Commissione i casi di potenziali aiuti di Stato a norma dell’articolo 108 del trattato.

(14)

È opportuno che la Croazia informi periodicamente la Commissione in merito all’esecuzione delle spese pubbliche programmate, affinché quest’ultima possa valutare in quale misura lo Stato membro abbia dato esecuzione a tali spese.

(15)

La decisione di fornire assistenza finanziaria è stata raggiunta tenendo conto delle esigenze attuali e attese della Croazia e delle richieste di assistenza finanziaria a norma del regolamento (UE) 2020/672 già presentate o programmate da altri Stati membri, applicando nel contempo i principi di parità di trattamento, solidarietà, proporzionalità e trasparenza,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

La decisione di esecuzione (UE) 2020/1348 è così modificata:

1)

l’articolo 2 è così modificato:

a)

i paragrafi 1 e 2 sono sostituiti dai seguenti:

«1.   L’Unione mette a disposizione della Croazia un prestito dell’importo massimo di 1 570 600 000 EUR. La scadenza media massima del prestito è di 15 anni.

2.   Il periodo di disponibilità dell’assistenza finanziaria concessa dalla presente decisione è di 39 mesi a decorrere dal primo giorno dopo che la stessa ha preso effetto.»;

b)

il paragrafo 4 è sostituito dal seguente:

«4.   La prima rata è erogata con riserva dell’entrata in vigore dell’accordo di prestito di cui all’articolo 8, paragrafo 2, del regolamento (UE) 2020/672. Eventuali rate successive sono erogate in conformità dei termini di tale accordo di prestito o, se del caso, con riserva dell’entrata in vigore di un addendum allo stesso, o di un accordo di prestito modificato concluso tra la Croazia e la Commissione che sostituisce l’accordo di prestito originario.»;

2)

l’articolo 3 è sostituito dal seguente:

«Articolo 3

La Croazia può finanziare le seguenti misure:

a)

i sussidi per la preservazione dei posti di lavoro nei settori colpiti dalla crisi COVID-19 ai sensi degli articoli 35 e 36 della “legge sul mercato del lavoro” e secondo quanto previsto nella “decisione del Servizio croato per l’impiego del 20 marzo 2020” come modificata da ultimo da una decisione adottata il 31 maggio 2022e; e

b)

i sussidi per l’orario lavorativo ridotto, ai sensi degli articoli 35 e 36 della “legge sul mercato del lavoro” e secondo quanto previsto nella “decisione del Servizio croato per l’impiego del 29 giugno 2020” come modificata da ultimo da una decisione adottata il 27 gennaio 2022.».

Articolo 2

La Repubblica di Croazia è destinataria della presente decisione.

Gli effetti della presente decisione decorrono dal giorno della notificazione al destinatario.

Articolo 3

La presente decisione è pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Fatto a Lussemburgo, il 25 ottobre 2022

Per il Consiglio

Il presidente

J. SÍKELA


(1)  GU L 159 del 20.5.2020, pag. 1.

(2)  Decisione di esecuzione (UE) 2020/1348 del Consiglio, del 25 settembre 2020, che concede alla Repubblica della Croazia sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19 (GU L 314 del 29.9.2020, pag. 28).

(3)  OG 118/18, 32/20, 18/22.


28.10.2022   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

L 280/19


DECISIONE DI ESECUZIONE (UE) 2022/2080 DEL CONSIGLIO

del 25 ottobre 2022

recante modifica della decisione di esecuzione (UE) 2020/1350 che concede alla Repubblica di Lituania sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19

IL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea,

visto il regolamento (UE) 2020/672 del Consiglio, del 19 maggio 2020, che istituisce uno strumento europeo di sostegno temporaneo per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza (SURE) a seguito dell’epidemia di COVID-19 (1), in particolare l’articolo 6, paragrafo 1,

vista la proposta della Commissione europea,

considerando quanto segue:

(1)

Facendo seguito a una richiesta presentata dalla Lituania il 7 agosto 2020, il Consiglio, con decisione di esecuzione (UE) 2020/1350 (2), ha concesso alla Lituania assistenza finanziaria sotto forma di un prestito dell’importo massimo di 602 310 000 EUR avente scadenza media massima di 15 anni, con periodo di disponibilità di 18 mesi, al fine di integrare gli sforzi nazionali della Lituania volti ad affrontare l’impatto dell’epidemia di COVID-19 e far fronte alle conseguenze socioeconomiche dell’epidemia per i lavoratori dipendenti e i lavoratori autonomi.

(2)

Il prestito doveva essere utilizzato dalla Lituania per finanziare regimi di riduzione dell’orario lavorativo e le misure analoghe di cui all’articolo 3 della decisione di esecuzione (UE) 2020/1350 del Consiglio.

(3)

Facendo seguito a una seconda richiesta presentata dalla Lituania l’11 marzo 2021, il Consiglio, con decisione di esecuzione (UE) 2021/678 (3) che modifica la decisione di esecuzione (UE) 2020/1350, ha concesso alla Lituania assistenza finanziaria supplementare del valore di 354 950 000 EUR innalzando a 957 260 000 EUR l’importo massimo del prestito avente scadenza media massima di 15 anni, con periodo di disponibilità di 18 mesi, al fine di integrare gli sforzi nazionali della Lituania volti ad affrontare l’impatto dell’epidemia di COVID-19 e far fronte alle conseguenze socioeconomiche dell’epidemia per i lavoratori dipendenti e i lavoratori autonomi.

(4)

Il prestito supplementare doveva essere utilizzato dalla Lituania per finanziare i regimi di riduzione dell’orario lavorativo e le misure analoghe di cui all’articolo 3 della decisione di esecuzione (UE) 2020/1350, come modificata dalla decisione di esecuzione (UE) 2021/678.

(5)

L’epidemia di COVID-19 ha avuto ripercussioni negative su una parte significativa della forza lavoro in Lituania. Ciò ha continuato a determinare ripetuti aumenti repentini e severi della spesa pubblica lituana connessa alle misure di cui all’articolo 3, lettere a) e b), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1350.

(6)

L’epidemia di COVID-19 e le misure straordinarie attuate dalla Lituania nel 2020, nel 2021 e nel 2022 per contenerla, nonché le relative ripercussioni socioeconomiche e sanitarie, hanno avuto e stanno tuttora avendo un impatto drammatico sulle finanze pubbliche. Nel 2020 la Lituania registrava un disavanzo pubblico e un debito pubblico pari rispettivamente al 7,3 % e al 46,6 % del prodotto interno lordo (PIL), percentuali che risultavano scese rispettivamente all’1,0 % e al 44,3 % alla fine del 2021. Le previsioni di primavera 2022 della Commissione prospettavano per la Lituania un disavanzo pubblico e un debito pubblico pari rispettivamente al 4,6 % e al 42,7 % del PIL alla fine del 2022. Secondo le previsioni intermedie d’estate 2022 della Commissione, il PIL della Lituania aumenterà dell’1,9 % nel 2022.

(7)

L’8 agosto 2022 la Lituania ha richiesto un’ulteriore assistenza finanziaria dell’Unione per un importo pari a 141 800 000 EUR al fine di continuare a integrare gli sforzi nazionali profusi nel 2020, nel 2021 e nel 2022 per affrontare l’impatto dell’epidemia di COVID-19 e far fronte alle conseguenze socioeconomiche dell’epidemia per i lavoratori dipendenti e i lavoratori autonomi. In particolare la Lituania ha ulteriormente prorogato o modificato i regimi di riduzione dell’orario lavorativo e le misure analoghe di cui ai considerando (8) e (9).

(8)

Nella «legge sull’occupazione n. XII-2470» del 21 giugno 2016, modificata dalla «legge n. XIII-2822» del 17 marzo 2020, dalla «legge n. XIII-2846» del 7 aprile 2020, dalla «legge n. XIII-3005» del 4 giugno 2020 e dalla «legge n. XIV-131» del 23 dicembre 2020, di cui all’articolo 3, lettera a), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1350, e successivamente modificata dalla «legge n. XIV-351» del 27 maggio 2021 e dalla «legge n. XIV-911» del 20 gennaio 2022, la Lituania ha introdotto un regime per erogare sovvenzioni ai datori di lavoro al fine di coprire gli stipendi stimati per ciascun lavoratore dipendente senza lavoro, come forma di sostegno durante la quarantena e lo stato di emergenza. Prima del 1o gennaio 2021 il datore di lavoro poteva scegliere tra sovvenzioni per coprire il 70 % dello stipendio, fino a un massimo pari a 1,5 volte il salario minimo, oppure il 90 % dello stipendio (100 % nel caso dei lavoratori dipendenti di età pari o superiore a 60 anni), fino a un massimo pari al salario minimo. A decorrere dal 1o gennaio 2021 il datore di lavoro potrebbe ricevere sovvenzioni per coprire il 100 % dello stipendio, fino a un massimo pari a 1,5 volte il salario minimo. I datori di lavoro che hanno partecipato al regime devono mantenere almeno il 50 % dei loro dipendenti per almeno tre mesi dopo la fine della sovvenzione.

(9)

A norma della «legge sull’occupazione n. XII-2470» del 21 giugno 2016, modificata dalla «legge n. XIII-3005» del 4 giugno 2020, di cui all’articolo 3, lettera b), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1350, e succesivamente modificata dalla «legge n. XIV-351» del 27 maggio 2021, prima del 1o luglio 2021 erano inoltre erogate sovvenzioni per i lavoratori dipendenti che ritornavano al lavoro dopo un periodo di inattività, per un periodo massimo di sei mesi dopo il rientro al lavoro. Fatto salvo il tetto pari al salario minimo o al doppio del salario minimo a seconda dell’attività economica svolta dal datore di lavoro, l’importo delle sovvenzioni erogate nel primo e nel secondo mese successivo al rientro al lavoro poteva raggiungere il 100 % dello stipendio di un lavoratore dipendente, nel terzo e nel quarto mese il 50 % e nel quinto e nel sesto mese il 30 %. A decorrere dal 1o luglio 2021 sono state erogate sovvenzioni per i lavoratori dipendenti che ritornano al lavoro dopo un periodo senza lavoro, per un periodo massimo di due mesi dopo il rientro. Nel primo mese la sovvenzione è pari al 100 % dello stipendio del lavoratore dipendente, ma non superiore a 0,9 volte il salario minimo, e nel secondo mese è pari al 100 % dello stipendio del lavoratore dipendente, ma non superiore a 0,6 volte il salario minimo. Tali sovvenzioni possono essere considerate una misura analoga ai regimi di riduzione dell’orario lavorativo di cui al regolamento (UE) 2020/672, in quanto miravano a fornire un sostegno al reddito dei lavoratori dipendenti e a contribuire al mantenimento dei rapporti di lavoro in essere.

(10)

La Lituania soddisfa le condizioni per richiedere l’assistenza finanziaria di cui all’articolo 3 del regolamento (UE) 2020/672. La Lituania ha fornito alla Commissione le opportune evidenze del fatto che la spesa pubblica effettiva e programmata è aumentata di 1 264 915 309 EUR dal 1o febbraio 2020 in esito alle misure nazionali adottate in risposta agli effetti socioeconomici dell’epidemia di COVID-19. Si tratta di un aumento repentino e severo perché anch’esso collegato alla proroga o alla modifica di misure nazionali esistenti direttamente connesse a regimi di riduzione dell’orario lavorativo e a misure analoghe di cui beneficia una parte significativa delle imprese e della forza lavoro in Lituania. La Lituania intende finanziare 144 350 000 EUR dell’aumento della spesa mediante fondi dell’Unione e 21 505 309 EUR mediante finanziamenti propri.

(11)

La Commissione, conformemente all’articolo 6 del regolamento (UE) 2020/672, ha consultato la Lituania e ha verificato l’aumento repentino e severo della spesa pubblica effettiva e programmata direttamente connessa ai regimi di riduzione dell’orario lavorativo e a misure analoghe, cui si fa riferimento nella richiesta dell’8 agosto 2022.

(12)

È pertanto opportuno fornire assistenza finanziaria per aiutare la Lituania a far fronte agli effetti socioeconomici delle gravi perturbazioni economiche causate dall’epidemia di COVID-19. La Commissione dovrebbe adottare le decisioni riguardanti la scadenza, l’importo e l’erogazione di rate e quote in stretta collaborazione con le autorità nazionali.

(13)

Dato che il periodo di disponibilità indicato nella decisione di esecuzione (UE) 2020/1350 è scaduto, è necessario stabilire un nuovo periodo di disponibilità dell’assistenza finanziaria supplementare. È opportuno prorogare di 21 mesi il periodo di disponibilità di 18 mesi dell’assistenza finanziaria concessa dalla decisione di esecuzione (UE) 2020/1350, portando così il periodo di disponibilità totale a 39 mesi a decorrere dal primo giorno dopo che la decisione di esecuzione (UE) 2020/1350 ha preso effetto.

(14)

La Lituania e la Commissione dovrebbero tenere conto della presente decisione nell’accordo di prestito di cui all’articolo 8, paragrafo 2, del regolamento (UE) 2020/672.

(15)

La presente decisione non dovrebbe pregiudicare l’esito di eventuali procedimenti in materia di distorsioni del funzionamento del mercato interno, che potrebbero essere in particolare promossi a norma degli articoli 107 e 108 del trattato. Essa non dispensa gli Stati membri dall’obbligo di comunicare alla Commissione i casi di potenziali aiuti di Stato a norma dell’articolo 108 del trattato.

(16)

È opportuno che la Lituania informi periodicamente la Commissione in merito all’esecuzione delle spese pubbliche programmate, affinché quest’ultima possa valutare in quale misura lo Stato membro abbia dato esecuzione a tali spese.

(17)

La decisione di fornire assistenza finanziaria è stata raggiunta tenendo conto delle esigenze attuali e attese della Lituania e delle richieste di assistenza finanziaria a norma del regolamento (UE) 2020/672 già presentate o programmate da altri Stati membri, applicando nel contempo i principi di parità di trattamento, solidarietà, proporzionalità e trasparenza,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

La decisione di esecuzione (UE) 2020/1350 è così modificata:

1)

l’articolo 2 è così modificato:

a)

i paragrafi 1 e 2 sono sostituiti dai seguenti:

«1.   L’Unione mette a disposizione della Lituania un prestito dell’importo massimo di 1 099 060 000 EUR. La scadenza media massima del prestito è di 15 anni.

2.   Il periodo di disponibilità dell’assistenza finanziaria concessa dalla presente decisione è di 39 mesi a decorrere dal primo giorno dopo che la stessa ha preso effetto.»;

b)

il paragrafo 4 è sostituito dal seguente:

«4.   La prima rata è erogata con riserva dell’entrata in vigore dell’accordo di prestito di cui all’articolo 8, paragrafo 2, del regolamento (UE) 2020/672. Eventuali rate successive sono erogate in conformità dei termini di tale accordo di prestito o, se del caso, con riserva dell’entrata in vigore di un addendum allo stesso, o di un accordo di prestito modificato concluso tra la Lituania e la Commissione che sostituisce l’accordo di prestito originario.»;

2)

l’articolo 3 è sostituito dal seguente:

«Articolo 3

La Lituania può finanziare le misure seguenti:

a)

sovvenzioni salariali durante il periodo senza lavoro, secondo quanto previsto nell’articolo 41 della «legge sull’occupazione n. XII-2470» del 21 giugno 2016, modificata da ultimo dalla «legge n. XIV-911» del 20 gennaio 2022;

b)

sovvenzioni salariali dopo il periodo senza lavoro, secondo quanto previsto nell’articolo 41 della «legge sull’occupazione n. XII-2470» del 21 giugno 2016, modificata da ultimo dalla «legge n. XIV-351» del 27 maggio 2021;

c)

prestazioni per i lavoratori autonomi, secondo quanto previsto nell’articolo 5-1 della «legge sull’occupazione n. XII-2470» del 21 giugno 2016, come modificato nel 2020;

d)

prestazioni per i lavoratori autonomi che svolgono un’attività agricola, secondo quanto previsto nell’articolo 5-2 della «legge sull’occupazione n. XII-2470» del 21 giugno 2016, come modificato nel 2020.».

Articolo 2

La Repubblica di Lituania è destinataria della presente decisione.

Gli effetti della presente decisione decorrono dal giorno della notificazione al destinatario.

Articolo 3

La presente decisione è pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Fatto a Lussemburgo, il 25 ottobre 2022

Per il Consiglio

Il presidente

J. SÍKELA


(1)  GU L 159 del 20.5.2020, pag. 1.

(2)  Decisione di esecuzione (UE) 2020/1350 del Consiglio, del 25 settembre 2020, che concede alla Repubblica di Lituania sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19 (GU L 314 del 29.9.2020, pag. 35).

(3)  Decisione di esecuzione (UE) 2021/678 del Consiglio, del 23 aprile 2021, che modifica la decisione di esecuzione (UE) 2020/1350 che concede alla Repubblica di Lituania sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19 (GU L 144 del 27.4.2021, pag. 12).


28.10.2022   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

L 280/23


DECISIONE DI ESECUZIONE (UE) 2022/2081 DEL CONSIGLIO

del 25 ottobre 2022

recante modifica della decisione di esecuzione (UE) 2020/1346 che concede alla Repubblica ellenica sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19

IL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea,

visto il regolamento (UE) 2020/672 del Consiglio, del 19 maggio 2020, che istituisce uno strumento europeo di sostegno temporaneo per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza (SURE) a seguito dell’epidemia di COVID-19 (1), in particolare l’articolo 6, paragrafo 1,

vista la proposta della Commissione europea,

considerando quanto segue:

(1)

Facendo seguito a una richiesta presentata dalla Grecia il 6 agosto 2020, il Consiglio, con decisione di esecuzione (UE) 2020/1346 (2), ha concesso alla Grecia assistenza finanziaria sotto forma di un prestito dell’importo massimo di 2 728 000 000 EUR avente scadenza media massima di 15 anni, con periodo di disponibilità di 18 mesi, al fine di integrare gli sforzi nazionali della Grecia volti ad affrontare l’impatto dell’epidemia di COVID-19 e far fronte alle conseguenze socioeconomiche dell’epidemia per i lavoratori dipendenti e i lavoratori autonomi.

(2)

Il prestito doveva essere utilizzato dalla Grecia per finanziare i regimi di riduzione dell’orario lavorativo e misure analoghe, di cui all’articolo 3 della decisione di esecuzione (UE) 2020/1346.

(3)

Facendo seguito a una seconda richiesta presentata dalla Grecia il 9 marzo 2021, il Consiglio, con decisione di esecuzione (UE) 2021/679 (3) che modifica la decisione di esecuzione (UE) 2020/1346, ha concesso alla Grecia assistenza finanziaria supplementare del valore di 2 537 000 000 EUR innalzando a 5 265 000 000 EUR l’importo massimo del prestito avente scadenza media massima di 15 anni, con periodo di disponibilità di 18 mesi, al fine di integrare gli sforzi nazionali della Grecia volti ad affrontare l’impatto dell’epidemia di COVID-19 e a far fronte alle conseguenze socioeconomiche dell’epidemia per i lavoratori dipendenti e i lavoratori autonomi.

(4)

Il prestito supplementare doveva essere utilizzato dalla Grecia per finanziare i regimi di riduzione dell’orario lavorativo e le misure analoghe di cui all’articolo 3 della decisione di esecuzione (UE) 2020/1346, come modificata dalla decisione di esecuzione (UE) 2021/679.

(5)

L’epidemia di COVID-19 ha avuto ripercussioni negative su una parte significativa della forza lavoro in Grecia. Ciò ha determinato ripetuti aumenti repentini e severi della spesa pubblica greca connessa alle misure di cui all’articolo 3, lettere a) e b), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1346.

(6)

L’epidemia di COVID-19 e le misure straordinarie attuate dalla Grecia nel 2020, nel 2021 e nel 2022 per contenerla, nonché le relative ripercussioni socioeconomiche e sanitarie, hanno avuto e continuano ad avere un impatto drammatico sulle finanze pubbliche. Nel 2020 la Grecia registrava un disavanzo pubblico e un debito pubblico pari rispettivamente al 10,2 % e al 206,3 % del prodotto interno lordo (PIL), percentuali che risultavano scese rispettivamente al 7,4 % e al 193,3 % alla fine del 2021. Le previsioni di primavera 2022 della Commissione prospettavano per la Grecia un disavanzo pubblico e un debito pubblico pari rispettivamente al 4,3 % e al 185,7 % del PIL alla fine del 2022. Secondo le previsioni intermedie d’estate 2022 della Commissione, il PIL della Grecia aumenterà del 4,0 % nel 2022.

(7)

Il 1o settembre 2022 la Grecia ha richiesto un’ulteriore assistenza finanziaria dell’Unione per un importo pari a 900 000 000 EUR al fine di continuare a integrare gli sforzi nazionali profusi nel 2020, nel 2021 e nel 2022 per affrontare l’impatto dell’epidemia di COVID-19 e far fronte alle conseguenze socioeconomiche dell’epidemia per i lavoratori. In particolare la Grecia ha ulteriormente prorogato i regimi di riduzione dell’orario lavorativo e le misure analoghe di cui ai considerando 8 e 9.

(8)

Più specificamente, la richiesta della Grecia riguarda l’«atto legislativo del 14 marzo 2020» (4) di cui all’articolo 3, lettera a), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1346, il quale ha introdotto un’indennità speciale per i lavoratori dipendenti del settore privato i cui contratti di lavoro sono stati sospesi. Tale misura mira a tutelare l’occupazione nelle imprese che cessano le loro attività in base all’ordinanza di un’autorità pubblica o che appartengono a settori economici fortemente colpiti dall’epidemia di COVID-19, e riguarda la concessione di un’indennità speciale mensile di 534 EUR ai lavoratori dipendenti i cui contratti di lavoro sono sospesi. Il presupposto per beneficiare del regime è che il datore di lavoro mantenga lo stesso numero di lavoratori dipendenti, vale a dire gli stessi dipendenti, per un periodo pari a quello della sospensione del contratto di lavoro. La misura è stata prorogata fino al 31 gennaio 2022.

(9)

Le autorità hanno inoltre introdotto il finanziamento da parte dello Stato della copertura previdenziale dei lavoratori dipendenti che beneficiano dell’indennità speciale di cui al considerando 8, oggetto dell’articolo 3, lettera b), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1346. Il presupposto per beneficiare del regime è che il datore di lavoro mantenga lo stesso numero di lavoratori dipendenti (vale a dire gli stessi dipendenti) per un periodo pari a quello della sospensione del contratto di lavoro.

(10)

La Grecia soddisfa le condizioni per richiedere l’assistenza finanziaria di cui all’articolo 3 del regolamento (UE) 2020/672. La Grecia ha fornito alla Commissione le opportune evidenze del fatto che la spesa pubblica effettiva e programmata è aumentata di 6 477 014 989 EUR dal 1o febbraio 2020 a causa delle misure nazionali adottate in risposta agli effetti socioeconomici dell’epidemia di COVID-19. Si tratta di un aumento repentino e severo perché anch’esso collegato alla proroga di misure nazionali esistenti direttamente connesse a regimi di riduzione dell’orario lavorativo e a misure analoghe di cui beneficia una parte significativa delle imprese e della forza lavoro in Grecia. La Grecia intende finanziare 312 014 989 EUR mediante finanziamenti propri.

(11)

La Commissione, conformemente all’articolo 6 del regolamento (UE) 2020/672, ha consultato la Grecia e ha verificato l’aumento repentino e severo della spesa pubblica effettiva e programmata direttamente connessa a regimi di riduzione dell’orario lavorativo e a misure analoghe cui si fa riferimento nella richiesta del 1o settembre 2022.

(12)

È pertanto opportuno fornire assistenza finanziaria per aiutare la Grecia a far fronte agli effetti socioeconomici delle gravi perturbazioni economiche causate dall’epidemia di COVID-19. La Commissione dovrebbe adottare le decisioni riguardanti la scadenza, l’entità e l’erogazione di rate e quote in stretta collaborazione con le autorità nazionali.

(13)

Dato che il periodo di disponibilità indicato nella decisione di esecuzione (UE) 2020/1346 è scaduto, è necessario stabilire un nuovo periodo di disponibilità dell’assistenza finanziaria supplementare. È opportuno prorogare di 21 mesi il periodo di disponibilità di 18 mesi dell’assistenza finanziaria concessa dalla decisione di esecuzione (UE) 2020/1346, portando così il periodo di disponibilità totale a 39 mesi a decorrere dal primo giorno dopo che la decisione di esecuzione (UE) 2020/1346 ha preso effetto.

(14)

La Grecia e la Commissione dovrebbero tenere conto della presente decisione nell’accordo di prestito di cui all’articolo 8, paragrafo 2, del regolamento (UE) 2020/672.

(15)

La presente decisione dovrebbe fare salvo l’esito di eventuali procedimenti in materia di distorsioni del funzionamento del mercato interno, che potrebbero essere in particolare promossi a norma degli articoli 107 e 108 del trattato. Essa non dispensa gli Stati membri dall’obbligo di comunicare alla Commissione i casi di potenziali aiuti di Stato a norma dell’articolo 108 del trattato.

(16)

È opportuno che la Grecia informi periodicamente la Commissione in merito all’esecuzione delle spese pubbliche programmate, affinché quest’ultima possa valutare in quale misura lo Stato membro abbia dato esecuzione a tali spese.

(17)

La decisione di fornire assistenza finanziaria è stata raggiunta tenendo conto delle esigenze attuali e attese della Grecia e delle richieste di assistenza finanziaria a norma del regolamento (UE) 2020/672 già presentate o programmate da altri Stati membri, applicando nel contempo i principi di parità di trattamento, solidarietà, proporzionalità e trasparenza,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

La decisione di esecuzione (UE) 2020/1346 è così modificata:

1)

l’articolo 2 è così modificato:

a)

i paragrafi 1 e 2 sono sostituiti dai seguenti:

«1.   L’Unione mette a disposizione della Grecia un prestito dell’importo massimo di 6 165 000 000 EUR. La scadenza media massima del prestito è di 15 anni.

2.   Il periodo di disponibilità dell’assistenza finanziaria concessa dalla presente decisione è di 39 mesi a decorrere dal primo giorno dopo che la stessa ha preso effetto.»;

b)

il paragrafo 4 è sostituito dal seguente:

«4.   La prima rata è erogata con riserva dell’entrata in vigore dell’accordo di prestito di cui all’articolo 8, paragrafo 2, del regolamento (UE) 2020/672. Eventuali rate successive sono erogate in conformità dei termini di detto accordo di prestito o, se del caso, con riserva dell’entrata in vigore di un addendum allo stesso, o di un accordo di prestito modificato concluso tra la Grecia e la Commissione che sostituisce l’accordo di prestito originario.»;

2)

l’articolo 3 è sostituito dal seguente:

«Articolo 3

La Grecia può finanziare le misure seguenti:

a)

un’indennità speciale concessa ai lavoratori dipendenti i cui contratti di lavoro sono stati sospesi, secondo quanto previsto nell’articolo 13 dell’atto legislativo del 14 marzo 2020, prorogata da ultimo dalla legge 4778/2021 del 19 febbraio 2021 e dalla “decisione ministeriale 3512/2022”;

b)

la copertura previdenziale dei lavoratori rientranti nell’ambito della misura di cui alla lettera a) del presente articolo, secondo quanto previsto nell’articolo 13 dell’atto legislativo del 14 marzo 2020, prorogata da ultimo dalla legge 4778/2021 del 19 febbraio 2021 e dalla “decisione ministeriale 3512/2022”;

c)

un’indennità speciale per i lavoratori autonomi, secondo quanto previsto nell’articolo 8 dell’”atto legislativo del 20 marzo 2020”;

d)

un regime di riduzione dell’orario lavorativo, secondo quanto previsto dall’articolo 31 della “legge 4690/2020”;

e)

i contributi di previdenza sociale a carico del datore di lavoro per i lavoratori dipendenti delle imprese stagionali del settore terziario, secondo quanto previsto nell’articolo 123 della “legge 4714/2020”.».

Articolo 2

La Repubblica ellenica è destinataria della presente decisione.

Gli effetti della presente decisione decorrono dal giorno della notifica al destinatario.

Articolo 3

La presente decisione è pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Fatto a Lussemburgo, il 25 ottobre 2022

Per il Consiglio

Il presidente

J. SÍKELA


(1)  GU L 159 del 20.5.2020, pag. 1.

(2)  Decisione di esecuzione (UE) 2020/1346 del Consiglio, del 25 settembre 2020, che concede alla Repubblica ellenica sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19 (GU L 314 del 29.9.2020, pag. 21).

(3)  Decisione di esecuzione (UE) 2021/679 del Consiglio, del 23 aprile 2021, che modifica la decisione di esecuzione (UE) 2020/1346 che concede alla Repubblica ellenica sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19 (GU L 144 del 27.4.2021, pag. 16).

(4)  Atto legislativo del 14 marzo 2020 (GU A’ 64/2020) ratificato dall’articolo 3 della legge 4682/2020 (GU A’ 76/2020); Atto legislativo del 1o maggio 2020 (GU A’ 90/2020) ratificato dall’articolo 2 della legge 4690/2020 (GU A’ 104/2020); legge 4714/2020 (GU A’ 148/2020); legge 4722/2020 (GU A’ 177/2020); legge 4756/2020 (GU A’ 235/2020); legge 4778/2021 (GU A’ 26/2021); decisione ministeriale 12998/232/2020 (GU B 1078/2020), decisione ministeriale 16073/287/2020 (GU B 1547/2020), decisione ministeriale 17788/346/2020 (GU B 1779/2020), decisione ministeriale 23102/477/2020 (GU B 2268/2020), decisione ministeriale 49989/1266/2020 (GU B 5391/2020); decisione ministeriale 45742/1748/2020 (GU B’ 5515/2020); decisione ministeriale 3208/108 (GU B’ 234/2021); decisione ministeriale 4374/131 (GU B’ 345); decisione ministeriale 9500/322/2021 (GU B’ 821/2021); decisione ministeriale 22547/2021 (GU B’ 1683/2021); decisione ministeriale 28631 (GU B’ 2012/2021); decisione ministeriale 47100/2021 (GU B’ 2975/2021); decisione ministeriale 51320/2021 (GU B’ 3127/2021); decisione ministeriale 58921/2021 (GU B’ 3637/2021); decisione ministeriale 74831/2021 (GU B’ 4593/2021); decisione ministeriale 105596/2021 (GU B’ 6076/2021); decisione ministeriale 109412/2021 (GU B’ 6368/2021); decisione ministeriale 3512/2022 (GU B’ 103/2022).


28.10.2022   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

L 280/27


DECISIONE DI ESECUZIONE (UE) 2022/2082 DEL CONSIGLIO

del 25 ottobre 2022

recante modifica della decisione di esecuzione (UE) 2020/1344 che concede alla Repubblica di Cipro sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19

IL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea,

visto il regolamento (UE) 2020/672 del Consiglio, del 19 maggio 2020, che istituisce uno strumento europeo di sostegno temporaneo per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza (SURE) a seguito dell’epidemia di COVID-19 (1), in particolare l’articolo 6, paragrafo 1,

vista la proposta della Commissione europea,

considerando quanto segue:

(1)

Facendo seguito a una richiesta presentata da Cipro il 6 agosto 2020, il Consiglio, con decisione di esecuzione (UE) 2020/1344 (2), ha concesso a Cipro assistenza finanziaria sotto forma di un prestito dell’importo massimo di 479 070 000 EUR avente scadenza media massima di 15 anni, con periodo di disponibilità di 18 mesi, al fine di integrare gli sforzi nazionali di Cipro volti ad affrontare l’impatto dell’epidemia di COVID-19 e far fronte alle conseguenze socioeconomiche dell’epidemia per i lavoratori dipendenti e i lavoratori autonomi.

(2)

Il prestito doveva essere utilizzato da Cipro per finanziare i regimi di riduzione dell’orario lavorativo e le misure analoghe di cui all’articolo 3 della decisione di esecuzione (UE) 2020/1344.

(3)

Facendo seguito a una seconda richiesta presentata da Cipro il 10 marzo 2021, il Consiglio, con decisione di esecuzione (UE) 2021/680 (3) che modifica la decisione di esecuzione (UE) 2020/1344, ha concesso a Cipro assistenza finanziaria supplementare del valore di 124 700 000 EUR innalzando a 603 770 000 EUR l’importo massimo del prestito avente scadenza media massima di 15 anni, con periodo di disponibilità di 18 mesi, al fine di integrare gli sforzi nazionali di Cipro volti ad affrontare l’impatto dell’epidemia di COVID-19 e far fronte alle conseguenze socioeconomiche dell’epidemia per i lavoratori dipendenti e i lavoratori autonomi.

(4)

Il prestito supplementare doveva essere utilizzato da Cipro per finanziare i regimi di riduzione dell’orario lavorativo e le misure analoghe di cui all’articolo 3 della decisione di esecuzione (UE) 2020/1344, modificata dalla decisione di esecuzione (UE) 2021/680.

(5)

L’epidemia di COVID-19 ha avuto ripercussioni negative su una parte significativa della forza lavoro a Cipro. Ciò ha determinato ripetuti aumenti repentini e severi della spesa pubblica cipriota connessa alle misure di cui all’articolo 3, lettere c), e), f), g), h) e i), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1344.

(6)

L’epidemia di COVID-19 e le misure straordinarie attuate da Cipro nel 2020, nel 2021 e nel 2022 per contenerla, nonché le relative ripercussioni socioeconomiche e sanitarie, hanno avuto e continuano ad avere un impatto drammatico sulle finanze pubbliche. Nel 2020 Cipro registrava un disavanzo pubblico e un debito pubblico pari rispettivamente al 5,8 % e al 115,0 % del prodotto interno lordo (PIL), percentuali che risultavano scese rispettivamente all’1,7 % e al 103,6 % alla fine del 2021. Le previsioni di primavera 2022 della Commissione prospettavano per Cipro un disavanzo pubblico e un debito pubblico pari rispettivamente allo 0,3 % e al 93,9 % del PIL alla fine del 2022. Secondo le previsioni intermedie d’estate 2022 della Commissione, il PIL di Cipro aumenterà del 3,2 % nel 2022.

(7)

Il 5 settembre 2022 Cipro ha richiesto un’ulteriore assistenza finanziaria dell’Unione per un importo pari a 29 200 000 EUR al fine di continuare a integrare gli sforzi nazionali profusi nel 2020, nel 2021 e nel 2022 per affrontare l’impatto dell’epidemia di COVID-19 e far fronte alle conseguenze socioeconomiche dell’epidemia per i lavoratori dipendenti e i lavoratori autonomi. In particolare Cipro ha ulteriormente prorogato o modificato i regimi di riduzione dell’orario lavorativo e le misure analoghe di cui ai considerando da 8 a 13.

(8)

La «legge 27(I)/2020» (4), la «legge 49(I)/2020» (5), la «legge 140(I)/2020» (6), la «legge 36(I)/2021» (7) e la «legge 120(I)2021» (8) hanno costituito la base per l’introduzione di una serie di atti normativi amministrativi mensili (9), che delineano misure finalizzate ad affrontare l’impatto dell’epidemia di COVID-19. Sulla base delle predette leggi le autorità hanno introdotto il «regime a sostegno delle imprese in caso di sospensione parziale delle attività» di cui all’articolo 3, lettera c), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1344. Tale regime prevede compensazioni salariali per i lavoratori dipendenti delle imprese che hanno subito un calo del fatturato a seguito della pandemia; tali compensazioni sono subordinate al mantenimento dell’occupazione. Le compensazioni coprono il 60 % dello stipendio del lavoratore o il 60 % dei contributi di sicurezza sociale del lavoratore maturati nel 2018, a seconda di quale valore sia superiore. L’importo delle compensazioni è compreso tra un massimo di 1 214 EUR e un minimo di 360 EUR al mese. La misura era inizialmente in vigore per il periodo compreso tra marzo 2020 e giugno 2020 ed è stata successivamente prorogata per coprire il periodo gennaio 2021 - agosto 2021.

(9)

Inoltre la «legge 27(I)/2020», la «legge 49(I)/2020», la «legge 140(I)/2020», la «legge 36(I)2021», la «legge 120(I)/2021» e una serie di atti normativi amministrativi mensili (10) hanno costituito la base per il «regime speciale per le strutture ricettive e gli alloggi turistici» di cui all’articolo 3, lettera e), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1344. Tale regime prevede compensazioni salariali a sostegno dei lavoratori dipendenti del settore alberghiero e di altre imprese che forniscono alloggio ai turisti il cui datore di lavoro ha completamente sospeso le attività o ha subito un calo del fatturato superiore al 40 %. La partecipazione al regime è subordinata al mantenimento dell’occupazione. La misura era inizialmente in vigore per il periodo compreso tra giugno 2020 e ottobre 2020 ed è stata successivamente prorogata per coprire il periodo novembre 2020 - ottobre 2021.

(10)

La «legge 27(I)/2020», la «legge 49(I)/2020», la «legge 140(I)/2020», la «legge 36(I)2021», la «legge 120(I)/2021» e una serie di atti normativi amministrativi mensili (11) hanno altresì costituito la base per il «regime speciale a sostegno delle imprese attive nel settore del turismo, condizionate dal turismo o associate a imprese soggette all’obbligo di sospensione totale» di cui all’articolo 3, lettera f), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1344. Tale regime prevede compensazioni salariali per i lavoratori dipendenti del settore alberghiero e di altre imprese che forniscono alloggio ai turisti che hanno completamente sospeso le attività o hanno subito un calo del fatturato superiore al 40 %, invece del 55 % previsto dal regime originario; tali compensazioni sono subordinate al mantenimento dell’occupazione. La misura era inizialmente in vigore per il periodo compreso tra giugno 2020 e agosto 2020 ed è stata successivamente prorogata e modificata per coprire il periodo settembre 2020 - ottobre 2021.

(11)

La «legge 27(I)/2020», la «legge 49(I)/2020», la «legge 140(I)/2020», la «legge 36(I)2021», la «legge 120(I)/2021» e una serie di atti normativi amministrativi mensili (12) hanno costituito la base anche per il «regime speciale a sostegno delle imprese che esercitano attività speciali predefinite» di cui all’articolo 3, lettera g), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1344. Tale regime prevede compensazioni salariali per il 50 % dei dipendenti delle imprese che vi aderiscono. Il sostegno copre il 60 % dello stipendio del lavoratore o il 60 % dei contributi di sicurezza sociale del lavoratore maturati nel pertinente anno di riferimento, a seconda di quale valore sia superiore. L’importo delle compensazioni è compreso tra un massimo di 1 214 EUR e un minimo di 360 EUR al mese. La partecipazione al regime è subordinata al mantenimento dell’occupazione. La misura, inizialmente in vigore per il periodo compreso tra giugno 2020 e agosto 2020, è stata prorogata per coprire il periodo settembre 2020 - ottobre 2021.

(12)

Inoltre il «regime di sovvenzionamento» previsto dal «bilancio supplementare — quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza dell’epidemia di COVID-19», di cui all’articolo 3, lettera h), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1344, ha introdotto sovvenzioni per le imprese piccole e molto piccole e per i lavoratori autonomi che danno lavoro a un massimo di 50 dipendenti. È stata richiesta soltanto la parte di spesa relativa al sostegno ai lavoratori autonomi e alle società unipersonali. Tali sovvenzioni forniscono contributi forfettari per sostenere le spese d’esercizio delle piccole imprese e dei lavoratori autonomi. Gli importi dei contributi forfettari sono stati riveduti per diverse categorie di imprese in funzione del numero di dipendenti. Sono state inoltre concordate sovvenzioni per le imprese che hanno sospeso le loro attività da marzo 2020, per un importo di 10 000 EUR fino a un massimo di nove dipendenti e 15 000 EUR oltre i nove dipendenti. Il regime di sovvenzionamento può essere considerato una misura analoga ai regimi di riduzione dell’orario lavorativo di cui al regolamento (UE) 2020/672, in quanto mira a proteggere i lavoratori autonomi o categorie simili di lavoratori dalla riduzione o dalla perdita di reddito. La misura, inizialmente in vigore per il periodo compreso tra aprile 2020 e maggio 2020, è stata prorogata e modificata per il mese di novembre 2020 nel mese di novembre 2020. Il regime è stato nuovamente prorogato a marzo 2021 e ad aprile 2021, ed è stato esteso alle imprese che hanno dovuto sospendere completamente le attività conformemente ai decreti del ministro della Salute, a prescindere dal numero di dipendenti.

(13)

La «legge 27(I)/2020», la «legge 49(I)/2020», la «legge 140(I)/2020», la «legge 36(I)2021», la «legge 120(I)/2021» e una serie di atti normativi amministrativi mensili (13) hanno inoltre costituito la base per il «regime di prestazioni di malattia» di cui all’articolo 3, lettera i), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1344. Tale regime prevede compensazioni salariali per i lavoratori dipendenti del settore privato e i lavoratori autonomi, a condizione che siano classificati come soggetti vulnerabili in base a un elenco pubblicato dal ministero della Salute, messi in quarantena dalle autorità o infettati dalla COVID-19. La misura era inizialmente in vigore per il periodo compreso tra marzo 2020 e giugno 2020 ed è stata prorogata per coprire il periodo novembre 2020 - giugno 2021.

(14)

Cipro soddisfa le condizioni per richiedere l’assistenza finanziaria di cui all’articolo 3 del regolamento (UE) 2020/672. Cipro ha fornito alla Commissione le opportune evidenze del fatto che la spesa pubblica effettiva e programmata è aumentata di 777 840 000 EUR dal 1o febbraio 2020 a seguito delle misure nazionali adottate in risposta agli effetti socioeconomici dell’epidemia di COVID-19. Si tratta di un aumento repentino e severo perché anch’esso collegato alla proroga o alla modifica di misure nazionali esistenti direttamente connesse a regimi di riduzione dell’orario lavorativo e a misure analoghe di cui beneficia una parte significativa delle imprese e della forza lavoro a Cipro. Cipro intende finanziare 144 870 000 EUR dell’aumento della spesa mediante fondi dell’Unione.

(15)

La Commissione, conformemente all’articolo 6 del regolamento (UE) 2020/672, ha consultato Cipro e ha verificato l’aumento repentino e severo della spesa pubblica effettiva e programmata direttamente connessa a regimi di riduzione dell’orario lavorativo e a misure analoghe cui si fa riferimento nella richiesta del 5 settembre 2022.

(16)

È pertanto opportuno fornire assistenza finanziaria per aiutare Cipro a far fronte agli effetti socioeconomici delle gravi perturbazioni economiche causate dall’epidemia di COVID-19. La Commissione dovrebbe adottare le decisioni riguardanti la scadenza, l’importo e l’erogazione di rate e quote in stretta collaborazione con le autorità nazionali.

(17)

Dato che il periodo di disponibilità indicato nella decisione di esecuzione (UE) 2020/1344 è scaduto, è necessario stabilire un nuovo periodo di disponibilità dell’assistenza finanziaria supplementare. È opportuno prorogare di 21 mesi il periodo di disponibilità di 18 mesi dell’assistenza finanziaria concessa dalla decisione di esecuzione (UE) 2020/1344, portando così il periodo di disponibilità totale a 39 mesi a decorrere dal primo giorno dopo che la decisione di esecuzione (UE) 2020/1344 ha preso effetto.

(18)

Cipro e la Commissione dovrebbero tenere conto della presente decisione nell’accordo di prestito di cui all’articolo 8, paragrafo 2, del regolamento (UE) 2020/672.

(19)

La presente decisione non dovrebbe pregiudicare l’esito di eventuali procedimenti in materia di distorsioni del funzionamento del mercato interno, che potrebbero essere in particolare promossi a norma degli articoli 107 e 108 del trattato. Essa non dispensa gli Stati membri dall’obbligo di comunicare alla Commissione i casi di potenziali aiuti di Stato a norma dell’articolo 108 del trattato.

(20)

È opportuno che Cipro informi periodicamente la Commissione in merito all’esecuzione delle spese pubbliche programmate, affinché quest’ultima possa valutare in quale misura lo Stato membro abbia dato esecuzione a tali spese.

(21)

La decisione di fornire assistenza finanziaria è stata raggiunta tenendo conto delle esigenze attuali e attese di Cipro e delle richieste di assistenza finanziaria a norma del regolamento (UE) 2020/672 già presentate o programmate da altri Stati membri, applicando nel contempo i principi di parità di trattamento, solidarietà, proporzionalità e trasparenza,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

La decisione di esecuzione (UE) 2020/1344 è così modificata:

1)

l’articolo 2 è così modificato:

a)

i paragrafi 1 e 2 sono sostituiti dai seguenti:

«1.   L’Unione mette a disposizione di Cipro un prestito dell’importo massimo di 632 970 000 EUR. La scadenza media massima del prestito è di 15 anni.

2.   Il periodo di disponibilità dell’assistenza finanziaria concessa dalla presente decisione è di 39 mesi a decorrere dal primo giorno dopo che la stessa ha preso effetto.»;

b)

il paragrafo 4 è sostituito dal seguente:

«4.   La prima rata è erogata con riserva dell’entrata in vigore dell’accordo di prestito di cui all’articolo 8, paragrafo 2, del regolamento (UE) 2020/672. Eventuali rate successive sono erogate in conformità dei termini di detto accordo di prestito o, se del caso, con riserva dell’entrata in vigore di un addendum dello stesso, o di un accordo di prestito modificato concluso tra Cipro e la Commissione che sostituisce l’accordo di prestito originario.»;

2)

l’articolo 3 è sostituito dal seguente:

«Articolo 3

Cipro può finanziare le seguenti misure:

a)

il regime speciale di congedo per i genitori, secondo quanto previsto dalla “legge 27(I)/2020” e dagli “atti normativi amministrativi 127/148/151/184/192/212/213/235/2020”, come prorogato;

b)

i regimi di sostegno alle imprese in caso di sospensione totale delle attività, secondo quanto previsto dalla “legge 27(I)/2020” e dagli “atti normativi amministrativi 130/148/151/187/212/213/238/243/271/273/2020”, come prorogati;

c)

i regimi di sostegno alle imprese in caso di sospensione parziale delle attività, secondo quanto previsto dalla “legge 27(I)/2020” e dagli “atti normativi amministrativi 131/188/239/2020”, modificati da ultimo dalla “legge 120(I)/2021” e dall’“atto normativo amministrativo 370/2021”;

d)

il regime speciale per i lavoratori autonomi, secondo quanto previsto dalla “legge 27(I)/2020” e dagli “atti normativi amministrativi 129/148/151/186/237/322/2020”, come prorogato;

e)

il regime speciale per le strutture ricettive e gli alloggi turistici, secondo quanto previsto dalla “legge 27(I)/2020” e dagli “atti normativi amministrativi 269/317/393/418/498/533/631/2020”, modificato da ultimo dalla “legge 120(I)/2021” e dall’“atto normativo amministrativo 431/2021”;

f)

il regime speciale a sostegno delle imprese attive nel settore del turismo, condizionate dal turismo o associate a imprese soggette all’obbligo di sospensione totale, secondo quanto previsto dalla “legge 27(I)/2020” e dagli “atti normativi amministrativi 270/318/394/419/499/534/632/2020”, modificato da ultimo dalla “legge 120(I)/2021” e dall’“atto normativo amministrativo 432/2021”;

g)

il regime speciale a sostegno delle imprese che esercitano attività speciali predefinite, secondo quanto previsto dalla “legge 27(I)/2020” e dagli “atti normativi amministrativi 272/320/396/420/500/535/633/2020”, modificato da ultimo dalla “legge 120(I)/2021” e dall’“atto normativo amministrativo 433/2021”;

h)

il regime di sovvenzionamento delle imprese piccole e molto piccole e dei lavoratori autonomi, secondo quanto previsto nel “bilancio supplementare — quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza dell’epidemia di COVID-19”, per la parte di spesa relativa al sostegno ai lavoratori autonomi e alle società unipersonali, come prorogato e modificato;

i)

il regime di prestazioni di malattia, secondo quanto previsto dalla “legge 27(I)/2020” e dagli “atti normativi amministrativi 128/185/236/539/637/2020”, modificato da ultimo dalla “legge 120(I)/2021” e dall’“atto normativo amministrativo 273/2021”.».

Articolo 2

La Repubblica di Cipro è destinataria della presente decisione.

Gli effetti della presente decisione decorrono dal giorno della notificazione al destinatario.

Articolo 3

La presente decisione è pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Fatto a Lussemburgo, il 25 ottobre 2022

Per il Consiglio

Il presidente

J. SÍKELA


(1)  GU L 159 del 20.5.2020, pag. 1.

(2)  Decisione di esecuzione (UE) 2020/1344 del Consiglio, del 25 settembre 2020, che concede alla Repubblica di Cipro sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19 (GU L 314 del 29.9.2020, pag. 13).

(3)  Decisione di esecuzione (UE) 2021/680 del Consiglio, del 23 aprile 2021, che modifica la decisione di esecuzione (UE) 2020/1344 che concede alla Repubblica di Cipro sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19 (GU L 144 del 27.4.2021, pag. 19).

(4)  Ε.Ε., Παρ.Ι(I), Αρ.4748, 27.3.2020.

(5)  Ε.Ε., Παρ.Ι(I), Αρ.4756, 26.5.2020.

(6)  Ε.Ε., Παρ.Ι(I), Αρ.4780, 12.10.2020.

(7)  Ε.Ε., Παρ.Ι(I), Αρ.4823, 29.3.2021.

(8)  Ε.Ε., Παρ.Ι(I), Αρ.4846, 16.7.2021.

(9)  Atti normativi amministrativi 131/188/239/2020 e atti normativi amministrativi 16/84/124/169/219/276/331/370/2021.

(10)  Atti normativi amministrativi 269/317/393/418/498/533/631/2020 e 13/81/121/166/216/271/329/368/402/431/2021.

(11)  Atti normativi amministrativi 270/318/394/419/499/534/632/2020 e atti normativi amministrativi 14/82/122/167/217/274/330/369/403/432/2021.

(12)  Atti normativi amministrativi 272/320/396/420/500/535/633/2020 e atti normativi amministrativi 404/433/2021.

(13)  Atti normativi amministrativi 128/185/236/539/637/2020 e atti normativi amministrativi 19/87/127/172/222/273/2021.


28.10.2022   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

L 280/32


DECISIONE DI ESECUZIONE (UE) 2022/2083 DEL CONSIGLIO

del 25 ottobre 2022

che modifica la decisione di esecuzione (UE) 2020/1354, che concede alla Repubblica portoghese sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19

IL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea,

visto il regolamento (UE) 2020/672 del Consiglio, del 19 maggio 2020, che istituisce uno strumento europeo di sostegno temporaneo per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza (SURE) a seguito dell’epidemia di COVID-19 (1), in particolare l’articolo 6, paragrafo 1,

vista la proposta della Commissione europea,

considerando quanto segue:

(1)

Facendo seguito a una richiesta presentata dal Portogallo l’11 agosto 2020, il Consiglio, con decisione di esecuzione (UE) 2020/1354 (2), ha concesso al Portogallo assistenza finanziaria sotto forma di un prestito dell’importo massimo di 5 934 462 488 EUR avente scadenza media massima di 15 anni, con periodo di disponibilità di 18 mesi, al fine di integrare gli sforzi nazionali del Portogallo volti ad affrontare l’impatto dell’epidemia di COVID-19 e far fronte alle conseguenze socioeconomiche dell’epidemia per i lavoratori dipendenti e i lavoratori autonomi.

(2)

Il prestito doveva essere utilizzato dal Portogallo per finanziare i regimi di riduzione dell’orario lavorativo, misure analoghe e misure di carattere sanitario di cui all’articolo 3 della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354.

(3)

Facendo seguito a una seconda richiesta presentata dal Portogallo il 9 dicembre 2021, il Consiglio, con decisione di esecuzione (UE) 2022/99 (3), ha ampliato l’elenco delle misure per le quali era già stata concessa un’assistenza finanziaria a norma della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354„ al fine di integrare gli sforzi nazionali del Portogallo volti ad affrontare l’impatto dell’epidemia di COVID-19 e far fronte alle conseguenze socioeconomiche dell’epidemia per i lavoratori dipendenti e i lavoratori autonomi.

(4)

L’epidemia di COVID-19 ha avuto ripercussioni negative su una parte significativa della forza lavoro in Portogallo. Ciò ha determinato ripetuti aumenti repentini e severi della spesa pubblica portoghese connessa alle misure di cui all’articolo 3 della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354.

(5)

L’epidemia di COVID-19 e le misure straordinarie attuate dal Portogallo nel 2020, 2021 e 2022 per contenerla, nonché le relative ripercussioni socioeconomiche e sanitarie, hanno avuto e stanno tuttora avendo un impatto drammatico sulle finanze pubbliche. Nel 2020 il Portogallo ha registrato un disavanzo pubblico e un debito pubblico pari rispettivamente al 5,8 % e al 135,2 % del prodotto interno lordo (PIL), percentuali che sono scese rispettivamente al 2,8 % e al 127,4 % alla fine del 2021. Le previsioni di primavera 2022 della Commissione, prospettavano per il Portogallo un disavanzo pubblico e un debito pubblico pari rispettivamente all’1,9 % e al 119,9 % del PIL alla fine del 2022. Secondo le previsioni intermedie d’estate 2022 della Commissione, il PIL del Portogallo aumenterà del 6,5 % nel 2022.

(6)

Il 17 settembre 2022 il Portogallo ha richiesto un’ulteriore assistenza finanziaria dell’Unione per un importo pari a 300 000 000 EUR al fine di continuare a integrare gli sforzi nazionali profusi nel 2020, 2021 e 2022 per affrontare l’impatto dell’epidemia di COVID-19 e far fronte alle conseguenze socioeconomiche dell’epidemia per i lavoratori dipendenti e i lavoratori autonomi. In particolare il Portogallo ha ulteriormente prorogato o modificato i regimi di riduzione dell’orario lavorativo e le misure analoghe di cui ai considerando da 7 a 21.

(7)

Gli articoli da 298 a 308 della «legge n. 7/2009 del 12 febbraio», come ulteriormente specificato dall’articolo 142 della «legge n. 75-B/2020 del 31 dicembre», hanno introdotto una misura a sostegno del mantenimento dei contratti di lavoro mediante l’interruzione temporanea del lavoro o la riduzione dell’orario di lavoro normale quale definito dal codice del lavoro portoghese. La misura figura all’articolo 3, lettera a), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354. Inizialmente la misura offriva alle imprese beneficiarie una prestazione volta a coprire il 70 % della compensazione dei lavoratori dipendenti, laddove tale compensazione ammontava ai due terzi della retribuzione lorda normale. La rettifica relativa ai due terzi era soggetta a un limite minimo pari al salario minimo nazionale e a un limite massimo pari a tre volte il salario minimo nazionale. Le imprese beneficiarie dovevano aver sospeso le attività oppure aver subito ingenti perdite di reddito. Successivamente la misura è stata prorogata, anche aumentando temporaneamente la compensazione dei lavoratori dipendenti al 100 % della loro retribuzione lorda normale;

(8)

Il «decreto-legge n. 10-G/2020 del 26 marzo», modificato dalla «dichiarazione di rettifica n. 14/2020 del 28 marzo», dall’articolo 4 del «decreto-legge n. 14-F/2020 del 13 aprile», dall’articolo 3 del «decreto-legge n. 20/2020 del 1o maggio», dall’articolo 6 del «decreto-legge 20-H/2020 del 14 maggio», dall’articolo 2 del «decreto-legge n. 27-B/2020 del 19 giugno» e dall’articolo 2 del «decreto-legge n. 6-C/2021 del 15 gennaio», e come ulteriormente specificato dall’articolo 142 della «legge n. 75-B/2020 del 31 dicembre», ha introdotto il nuovo sostegno speciale e semplificato per il mantenimento dei contratti di lavoro mediante l’interruzione temporanea del lavoro o la riduzione dell’orario di lavoro normale. La misura figura all’articolo 3, lettera b), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354. Questa misura, che era simile a quella di cui al considerando 7, aveva semplificato le procedure per consentire un accesso più rapido ai fondi. Inizialmente la misura offriva alle imprese beneficiarie una prestazione volta a coprire il 70 % della compensazione dei lavoratori dipendenti, laddove tale compensazione era pari ai due terzi della retribuzione lorda normale, e prevedeva altresì l’esenzione dai contributi di previdenza sociale a carico del datore di lavoro. La rettifica relativa ai due terzi era soggetta a un limite minimo pari al salario minimo nazionale e a un limite massimo pari a tre volte il salario minimo nazionale. Le imprese beneficiarie dovevano aver sospeso le attività oppure aver subito una perdita di reddito pari ad almeno il 40 % nel corso dei 30 giorni precedenti la richiesta di sostegno rispetto allo stesso mese dell’anno precedente o alla media mensile dei due mesi precedenti tale periodo. In seguito la misura è stata prorogata più volte, anche aumentando temporaneamente, in circostanze specifiche, la compensazione dei lavoratori dipendenti al 100 % della retribuzione lorda normale; Dal momento che lo sgravio dai contributi di previdenza sociale rappresenta gettito cui le amministrazioni pubbliche rinunciano, ai fini del regolamento (UE) 2020/672 esso può essere considerato equivalente a una spesa pubblica.

(9)

L’articolo 5, secondo comma, e gli articoli da 7 a 9 del «decreto-legge n. 10-G/2020 del 26 marzo» stabilivano che le imprese beneficiarie delle misure di cui al considerando 7 o 8 e che disponevano di un programma di formazione approvato dai servizi pubblici nazionali per l’impiego e la formazione («Instituto do Emprego e Formação Profissional», IEFP), nell’ambito di programmi speciali di formazione professionale, potevano ricevere un’indennità di formazione per coprire il reddito sostitutivo nonché i costi connessi alla formazione da svolgersi durante l’orario di lavoro in alternativa alla riduzione dell’orario di lavoro dei dipendenti. La misura figura all’articolo 3, lettera c), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354.

(10)

Gli articoli 4 e 5 del «decreto-legge n. 27-B/2020 del 19 giugno» e l’articolo 14-A del «decreto-legge n. 46-A/2020 del 30 luglio», modificato dall’articolo 4 del «decreto-legge n. 6-C/2021 del 15 gennaio», dall’articolo 2 del «decreto-legge n. 23-A/2021 del 24 marzo» e dall’articolo 2 del «decreto-legge n. 32/2021 del 12 maggio», e come specificato nel «decreto governativo n. 102-A/2021 del 14 maggio», hanno introdotto un nuovo sostegno speciale alle imprese per la ripresa delle attività. La misura figura all’articolo 3, lettera d), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354. Inizialmente, al fine di agevolare il ritorno al lavoro e sostenere il mantenimento dei posti di lavoro, le imprese i cui dipendenti avevano beneficiato delle misure di cui ai considerando 7 o 8 potevano ricevere una prestazione pari al salario minimo nazionale per i dipendenti in questione in unica rata, oppure pari al doppio del salario minimo un’nazionale per tali dipendenti versata gradualmente nell’arco di sei mesi. Nei casi in cui il sostegno era erogato in maniera graduale, le imprese beneficiavano anche di un’esenzione parziale del 50 % dai rispettivi contributi previdenziali a carico del datore di lavoro relativi ai dipendenti interessati. In seguito la misura è stata prorogata più volte, anche inserendo tra le imprese beneficiarie le microimprese i cui dipendenti avevano beneficiato della misura di cui al considerando 12, che pertanto potevano ricevere una prestazione pari al doppio del salario minimo nazionale per tale dipendente, versata gradualmente nell’arco di sei mesi.

(11)

L’articolo 3 del «decreto-legge n. 27-B/2020 del 19 giugno», modificato dall’articolo 2 del «decreto-legge n. 58-A/2020 del 14 agosto», ha introdotto un nuovo supplemento di stabilizzazione del reddito per i lavoratori dipendenti che avevano beneficiato delle misure di cui ai considerando 7 o 8 per almeno un mese (per 30 giorni consecutivi, come è stato specificato successivamente) nel periodo aprile-giugno 2020. La misura figura all’articolo 3, lettera e), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354. Potevano beneficiarne i dipendenti la cui retribuzione lorda relativa al mese di febbraio 2020 non superava il doppio del salario minimo nazionale. I dipendenti avevano diritto a beneficiare di una prestazione pari alla differenza tra la retribuzione lorda del mese di febbraio 2020 e quella del periodo in cui i lavoratori dipendenti avevano beneficiato di una delle due misure summenzionate, con un limite minimo di 100 EUR e un limite massimo di 351 EUR.

(12)

L’articolo 4 del «decreto-legge n. 46-A/2020 del 30 luglio», modificato dall’articolo 2 del «decreto legge n. 90/2020 del 19 ottobre», dall’articolo 142 della «legge n. 75-B/2020 del 31 dicembre», dall’articolo 3 del «decreto-legge n. 6-C/2021 del 15 gennaio», dall’articolo 2 del «decreto-legge» n. 23-A/2021 del 24 marzo» e dall’articolo 2 del «decreto-legge n. 71-A/2021 del 13 agosto», ha introdotto un nuovo sostegno speciale progressivo per il mantenimento dei contratti di lavoro mediante la riduzione temporanea dell’orario di lavoro normale. La misura figura all’articolo 3, lettera f), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354 del Consiglio. Inizialmente la misura offriva alle imprese beneficiarie una prestazione volta a coprire il 70 % della compensazione dei lavoratori dipendenti per le ore non lavorate, laddove tale compensazione era pari ai due terzi della loro retribuzione lorda normale corrispondente alle ore non lavorate nell’agosto e nel settembre 2020, oppure ai quattro quinti della retribuzione lorda normale corrispondente alle ore non lavorate da ottobre a dicembre 2020. La retribuzione lorda complessiva che ne derivava era vincolata a un limite inferiore pari al salario minimo nazionale.

La misura prevedeva altresì la totale o parziale esenzione dai contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, con variazioni relative alle dimensioni delle imprese beneficiarie (micro, piccole e medie imprese o grandi imprese). Le imprese beneficiarie dovevano aver sospeso le attività oppure aver subito una perdita di reddito pari ad almeno il 40 % nel corso dei 30 giorni precedenti la richiesta di sostegno rispetto allo stesso mese dell’anno precedente o alla media mensile dei due mesi precedenti tale periodo. La riduzione temporanea massima dell’orario di lavoro normale era strutturata in modo da aumentare in funzione dell’entità delle perdite di reddito subite dalle imprese beneficiarie. In seguito la misura è stata prorogata più volte, anche includendo tra le imprese beneficiarie le imprese che avevano subito perdite di reddito pari almeno al 25 %, ricalibrando la riduzione temporanea massima dell’orario di lavoro normale in funzione dell’entità delle perdite di reddito delle imprese beneficiarie, aumentando temporaneamente la compensazione dei lavoratori dipendenti al 100 % della retribuzione lorda normale corrispondente alle ore non lavorate e introducendo la graduale eliminazione dello sgravio dai contributi previdenziali a carico del datore di lavoro. Dal momento che lo sgravio dai contributi previdenziali rappresenta gettito cui le amministrazioni pubbliche rinunciano, ai fini del regolamento (UE) 2020/672 esso può essere considerato equivalente a una spesa pubblica.

(13)

L’articolo 26 del «decreto-legge n. 10-A/2020 del 13 marzo», modificato dall’articolo 2 del «decreto-legge n 12-A/2020 del 6 aprile», dall’articolo 2 del «decreto-legge n. 14-F/2020 del 13 aprile», dall’articolo 4 del «decreto-legge n. 20-C/2020 del 7 maggio», dall’articolo 9 della «legge n. 27-A/2020 del 24 luglio» e dall’articolo 2 della «legge n. 31/2020 dell’11 agosto», nonché l’articolo 325-G della «legge n. 2/2020 del 31 marzo», integrato dall’articolo 3 della «legge n. 27-A/2020 del 24 luglio», hanno introdotto un nuovo sostegno speciale per i lavoratori autonomi, per i lavoratori informali e i dirigenti. La misura figura all’articolo 3, lettera g), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354. Inizialmente la misura prevedeva una prestazione mensile pari al reddito registrato del singolo soggetto, con un limite massimo pari all’indice di sostegno sociale del Portogallo («Indexante dos Apoios Sociais», IAS, pari a 438,81 EUR nel 2020). Ne potevano beneficiare i soggetti che avevano sospeso l’attività. In seguito la misura è stata prorogata più volte, anche includendo tra i beneficiari i soggetti che avevano registrato perdite di reddito pari ad almeno il 40 % nel corso dei 30 giorni precedenti la richiesta di sostegno rispetto allo stesso mese dell’anno precedente o alla media mensile dei due mesi precedenti tale periodo, ricalibrandola in modo da rendere la prestazione mensile pari al reddito registrato dei soggetti, con un limite massimo pari all’indice di sostegno sociale del Portogallo se il reddito registrato era inferiore a 1,5 volte tale indice, oppure pari ai due terzi del reddito registrato, con un limite massimo pari al salario minimo nazionale, se tale reddito registrato era pari o superiore a 1,5 volte l’indice del sostegno sociale del Portogallo, con un limite minimo pari al 50 % dell’indice di sostegno sociale del Portogallo.

(14)

L’articolo 23 del «decreto-legge n. 10-A/2020 del 13 marzo», modificato dall’articolo 2 del «decreto-legge n. 12-A/2020 del 6 aprile», e l’articolo 3 della «legge n. 16/2021 del 7 aprile» hanno introdotto un assegno familiare per i lavoratori dipendenti impossibilitati a lavorare per accudire figli o altre persone a carico di età inferiore ai 12 anni o, indipendentemente dall’età, con una disabilità o una malattia cronica. La misura figura all’articolo 3, lettera h), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354. La misura prevedeva una prestazione corrispondente a due terzi della retribuzione lorda normale, versata in parti uguali dal datore di lavoro e dai regimi di previdenza sociale, con un limite minimo pari al salario minimo nazionale e un limite massimo pari a tre volte il salario minimo nazionale; Tale misura può essere considerata analoga ai regimi di riduzione dell’orario lavorativo ai sensi del regolamento (UE) 2020/672, poiché fornisce ai lavoratori dipendenti un sostegno al reddito che contribuirà a coprire le spese per la cura dei bambini durante la chiusura delle scuole e aiuterà così i genitori a proseguire l’attività lavorativa, evitando che il rapporto di lavoro sia messo a repentaglio.

(15)

Il «decreto governativo n. 3485-C/2020 del 19 marzo», il «decreto governativo n. 4395/2020 del 10 aprile» e il» decreto governativo n. 5897-B/2020 del 28 maggio» hanno introdotto una misura di sostegno speciale per il mantenimento dei contratti di lavoro dei formatori in considerazione dell’annullamento dei corsi di formazione professionale. La misura figura all’articolo 3, lettera i), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354 del Consiglio. Il sostegno pubblico consisteva in una prestazione a copertura della retribuzione dei formatori anche se i corsi di formazione professionale non si sono svolti.

(16)

Il «decreto del ministro del Lavoro, della solidarietà e della sicurezza sociale e del ministro della Salute n. 2875-A/2020 del 3 marzo», l’articolo 20 del «decreto-legge 10-A/2020 del 13 marzo», modificato dall’articolo 2 del «decreto-legge n. 62-A/2020 del 3 settembre», e l’articolo 325-F della «legge n. 2/2020 del 31 marzo», modificato dall’articolo 3 della «legge n. 27-A/2020 del 24 luglio», hanno introdotto un’indennità di malattia per aver contratto la COVID-19. La misura figura all’articolo 3, lettera m), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354. Rispetto al regime standard di indennità di malattia del Portogallo, la concessione dell’indennità di malattia per COVID-19 non era soggetta a un periodo di attesa. Il sostegno pubblico consisteva in una prestazione pari alla normale retribuzione lorda dei beneficiari.

(17)

L’articolo 19 del «decreto-legge 10-A/2020 del 13 marzo», modificato dall’articolo 2 del «decreto-legge n. 62-A/2020 del 3 settembre», e l’articolo 325-F della «legge n. 2/2020 del 31 marzo», modificato dall’articolo 3 della «legge n. 27-A/2020 del 24 luglio», hanno introdotto un’indennità per i lavoratori dipendenti e autonomi che si sono trovati temporaneamente nell’impossibilità di esercitare le loro attività professionali in quanto sottoposti a isolamento profilattico. La misura figura all’articolo 3, lettera l), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354. La concessione dell’indennità non era soggetta a un periodo di attesa. I lavoratori dipendenti o autonomi beneficiari avevano diritto a un’indennità pari alla loro retribuzione lorda normale.

(18)

La «risoluzione del consiglio del governo regionale delle Azzorre n. 97/2020 dell’8 aprile», la «risoluzione del consiglio del governo regionale delle Azzorre n. 120/2020 del 28 aprile», la «risoluzione del consiglio del governo regionale delle Azzorre n. 128/2020 del 5 maggio», la «risoluzione del consiglio del governo regionale delle Azzorre n. 129/2020 del 5 maggio», la «risoluzione del consiglio del governo regionale delle Azzorre n. 195/2020 del 15 luglio», la «risoluzione del consiglio del governo regionale delle Azzorre n. 196/2020 del 15 luglio» e la «risoluzione del consiglio del governo regionale delle Azzorre n. 200/2020 del 17 luglio» hanno introdotto una serie di misure regionali relative all’occupazione nella regione autonoma delle Azzorre. Le misure figurano nell’articolo 3, lettera j), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354 del Consiglio. Le misure specifiche, che comprendevano un’integrazione regionale ai regimi nazionali, segnatamente per la riduzione dell’orario lavorativo, nonché il sostegno ai lavoratori autonomi e alle imprese finalizzato alla ripresa delle attività, erano volte a preservare l’occupazione nelle Azzorre durante l’epidemia di COVID-19. Il sostegno a titolo di tali misure era subordinato al mantenimento dei contratti di lavoro e delle attività da parte delle imprese.

(19)

La «risoluzione del governo regionale di Madera n. 101/2020 del 13 marzo» e «l’ordinanza n. 133-B/2020 della vicepresidenza del governo regionale di Madera e del segretariato regionale per l’inclusione sociale e la cittadinanza del 22 aprile» hanno introdotto una serie di misure regionali relative all’occupazione nella regione autonoma di Madera. Le misure figurano nell’articolo 3, lettera k), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354 del Consiglio. Le misure specifiche, che comprendevano un’integrazione regionale ai regimi nazionali, segnatamente per la riduzione dell’orario lavorativo nonché un sostegno ai lavoratori autonomi e alle imprese finalizzato alla ripresa delle attività, erano volte a preservare l’occupazione a Madera durante l’epidemia di COVID-19,. Il sostegno a titolo di tali misure era subordinato al mantenimento dei contratti di lavoro e delle attività da parte delle imprese.

(20)

L’articolo 156 della «legge n. 75-B/2020 del 31 dicembre», alle condizioni di cui al secondo comma, lettere da c) a f), dello stesso articolo, come ulteriormente specificato nell’«ordinanza governativa n. 19-A/2021 del 25 gennaio» e prorogato dall’articolo 12 del «decreto-legge n. 104/2021 del 27 novembre», ha introdotto un regime di sostegno straordinario per i lavoratori autonomi, i lavoratori che non avevano accesso ad altri meccanismi di protezione sociale e i dirigenti il cui reddito aveva particolarmente risentito della pandemia di COVID-19. La misura figura nell’articolo 3, lettera r), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354. Nel caso dei lavoratori autonomi, la misura prevedeva una prestazione pari a due terzi della riduzione del reddito mensile dei lavoratori, con un limite massimo pari a 501,16 EUR. Ne potevano beneficiare i lavoratori autonomi che avevano subito una riduzione del reddito pari ad almeno il 40 % nel periodo marzo-dicembre 2020 rispetto al 2019.

Nel caso di lavoratori che non avevano accesso ad altri meccanismi di protezione sociale, la misura prevedeva: i) per i lavoratori dipendenti, una prestazione pari alla differenza tra il valore di riferimento mensile di 501,16 EUR e il salario mensile medio per adulto nei rispettivi nuclei familiari; o, ii) per i lavoratori autonomi, una prestazione pari a due terzi della diminuzione del reddito mensile dei lavoratori, con un limite massimo pari a 501,16 EUR. Nel caso dei dirigenti, la misura prevedeva una prestazione pari al loro reddito mensile medio di riferimento, se questo era inferiore a 1,5 volte l’indice di sostegno sociale del Portogallo («Indexante dos Apoios Sociais», IAS, 438,81 EUR nel 2021), oppure a due terzi del loro reddito mensile medio di riferimento, se questo era pari o superiore a tale indice. Ne potevano beneficiare i dirigenti le cui attività imprenditoriali erano state temporaneamente sospese a causa della pandemia di COVID-19 o che avevano registrato perdite di reddito pari ad almeno il 40 % nei 30 giorni precedenti la richiesta di sostegno rispetto allo stesso mese dell’anno precedente o alla media mensile dei due mesi precedenti tale periodo. In tutti i casi la prestazione aveva un limite minimo di 50 EUR, aumentato al 50 % della diminuzione di reddito mensile registrata se tale diminuzione era compresa tra il 50 % e il 100 % dell’indice di sostegno sociale del Portogallo, oppure al 50 % dell’indice di sostegno sociale del Portogallo se la diminuzione di reddito era superiore a tale indice.

(21)

Il punto 2.5.1 dell’«allegato della risoluzione del Consiglio dei ministri n. 41/2020 del 6 giugno», ulteriormente specificato negli articoli da 10 a 12 dell’«ordinanza governativa n. 180/2020 del 3 agosto» e prorogato dagli articoli da 5 a 7 dell’«allegato dell’ordinanza governativa n. 37-A/2021 del 15 febbraio», ha introdotto un regime di sostegno sociale per artisti, autori, tecnici e altri operatori del settore artistico. La misura figura nell’articolo 3, lettera s), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354. La misura prevedeva una prestazione mensile pari all’indice di sostegno sociale del Portogallo («Indexante dos Apoios Sociais», IAS, 438,81 EUR nel 2021).

(22)

Il Portogallo ha ulteriormente prorogato o modificato una serie di misure di carattere sanitario volte ad affrontare l’epidemia di COVID-19. Si tratta in particolare delle misure di cui ai considerando da 23 a 27.

(23)

La «circolare n. 012/2020 del 6 maggio», modificata il 14 maggio 2020, e la «circolare n. 013/2020 del 10 giugno», modificata il 23 giugno 2020, entrambe emanate dalla direzione generale della Sanità portoghese, nonché il «decreto-legge n. 10-A/2020 del 13 marzo» hanno consentito l’acquisto di dispositivi di protezione individuale da utilizzare sul posto di lavoro, in particolare in ospedali pubblici, ministeri, comuni e nelle regioni autonome delle Azzorre e di Madera. La misura figura nell’articolo 3, lettera n), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354.

(24)

Il «decreto-legge n. 10-A/2020 del 13 marzo» ha introdotto una campagna per l’igiene scolastica volta a garantire il rientro al lavoro in sicurezza per docenti, altri membri del personale e studenti. La misura figura nell’articolo 3, lettera o), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354.

(25)

La «circolare n. 012/2020 del 6 maggio», modificata il 14 maggio 2020 e la «circolare n. 013/2020 del 10 giugno», modificata il 23 giugno 2020, entrambe emanate dalla direzione generale della Sanità portoghese, hanno consentito la somministrazione di test per verificare se i degenti e i lavoratori degli ospedali pubblici, nonché i dipendenti delle residenze sanitarie assistenziali e delle strutture di assistenza all’infanzia, avessero contratto la COVID-19. La misura figura nell’articolo 3, lettera p), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354.

(26)

L’articolo 42-A della «legge n. 2/2020 del 31 marzo», modificato dall’articolo 3 della «legge n. 27-A/2020 del 24 luglio», e l’articolo 291 della «legge n. 75-B/2020 del 31 dicembre» hanno introdotto una nuova compensazione speciale per i lavoratori del Servizio sanitario nazionale impegnati nella lotta contro l’epidemia di COVID-19. La misura figura nell’articolo 3, lettera q), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354. La misura consisteva in un premio di rendimento, versato una tantum, corrispondente a un importo pari al 50 % della normale retribuzione lorda del dipendente.

(27)

L’articolo 6 del «decreto-legge n. 10-A/2020 del 13 marzo» e gli articoli da 4 a 8 del «decreto-legge n. 10-A/2021 del 2 febbraio» hanno disposto l’assunzione di personale sanitario supplementare e la compensazione del lavoro straordinario nel Servizio sanitario nazionale per contribuire ad affrontare i problemi provocati dalla pandemia. La misura figura nell’articolo 3, lettera t), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1354.

(28)

Il Portogallo soddisfa le condizioni per richiedere l’assistenza finanziaria di cui all’articolo 3 del regolamento (UE) 2020/672. Il Portogallo ha fornito alla Commissione prove adeguate del fatto che la spesa pubblica effettiva e programmata è aumentata di 6 920 192 416 EUR dal 1o febbraio 2020 in esito alle misure nazionali adottate in risposta agli effetti socioeconomici dell’epidemia di COVID-19. Si tratta di un aumento repentino e severo perché anch’esso collegato alla proroga o alla modifica di misure nazionali esistenti direttamente connesse a regimi di riduzione dell’orario lavorativo e a misure analoghe di cui beneficia una parte significativa delle imprese e della forza lavoro in Portogallo. Il Portogallo intende finanziare 386 417 324 EUR dell’aumento della spesa mediante fondi dell’Unione e 299 312 604 EUR mediante finanziamenti propri.

(29)

La Commissione, conformemente all’articolo 6 del regolamento (UE) 2020/672, ha consultato il Portogallo e ha verificato l’aumento repentino e severo della spesa pubblica effettiva e programmata direttamente connessa a regimi di riduzione dell’orario lavorativo e misure analoghe, nonché il ricorso alle pertinenti misure di carattere sanitario in relazione all’epidemia di COVID-19 cui si fa riferimento nella richiesta del 17 settembre 2022.

(30)

Come richiesto dal Portogallo il 17 settembre 2022, la spesa per misure di carattere sanitario di cui ai considerando da 23 a 27 ammonta a 1 382 230 075 EUR.

(31)

È opportuno pertanto fornire assistenza finanziaria per aiutare il Portogallo a far fronte agli effetti socioeconomici delle gravi perturbazioni economiche causate dall’epidemia di COVID-19. La Commissione dovrebbe adottare le decisioni riguardanti le scadenze, l’entità e il rilascio di rate e quote in stretta collaborazione con le autorità nazionali.

(32)

Dato che il periodo di disponibilità indicato nella decisione di esecuzione (UE) 2020/1354 è scaduto, è necessario stabilire un nuovo periodo di disponibilità per l’assistenza finanziaria supplementare. È opportuno prorogare di 21 mesi il periodo di disponibilità di 18 mesi dell’assistenza finanziaria concessa dalla decisione di esecuzione (UE) 2020/1354, portando così il periodo di disponibilità totale a 39 mesi a decorrere dal primo giorno dopo che la decisione di esecuzione (UE) 2020/1354 ha preso effetto.

(33)

Il Portogallo e la Commissione dovrebbero tenere conto della presente decisione nell’accordo di prestito di cui all’articolo 8, paragrafo 2, del regolamento (UE) 2020/672.

(34)

La presente decisione non dovrebbe pregiudicare l’esito di eventuali procedimenti in materia di distorsioni del funzionamento del mercato interno che possano essere promossi, in particolare a norma degli articoli 107 e 108 del trattato. Essa non dispensa gli Stati membri dall’obbligo di comunicare alla Commissione i casi di potenziali aiuti di Stato a norma dell’articolo 108 del trattato.

(35)

È opportuno che il Portogallo informi periodicamente la Commissione in merito all’esecuzione delle spese pubbliche programmate, affinché quest’ultima possa valutare in quale misura lo Stato membro abbia dato esecuzione a tali spese.

(36)

La decisione di fornire assistenza finanziaria è stata raggiunta tenendo conto delle esigenze attuali e attese del Portogallo e delle richieste di assistenza finanziaria a norma del regolamento (UE) 2020/672 già presentate o programmate da altri Stati membri, applicando nel contempo i principi di parità di trattamento, solidarietà, proporzionalità e trasparenza,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

La decisione di esecuzione (UE) 2020/1354 è così modificata:

1)

l’articolo 2 è così modificato:

a)

i paragrafi 1 e 2 sono sostituiti dai seguenti:

«1.   L’Unione mette a disposizione del Portogallo un prestito dell’importo massimo di 6 234 462 488 EUR. La scadenza media massima del prestito è di 15 anni.

2.   Il periodo di disponibilità dell’assistenza finanziaria concessa dalla presente decisione è di 39 mesi a decorrere dal primo giorno dopo che la stessa ha preso effetto.»;

b)

il paragrafo 4 è sostituito dal seguente:

«4.   La prima rata è erogata con riserva dell’entrata in vigore dell’accordo sul prestito di cui all’articolo 8, paragrafo 2, del regolamento (UE) 2020/672. Eventuali rate successive sono erogate in conformità dei termini di tale accordo di prestito o, se del caso, con riserva dell’entrata in vigore di un addendum dello stesso, o di un accordo di prestito modificato concluso tra il Portogallo e la Commissione che sostituisce l’accordo di prestito originario.»;

2)

l’articolo 3 è sostituito dal seguente:

«Articolo 3

Il Portogallo può finanziare le seguenti misure:

a)

il sostegno al mantenimento dei contratti di lavoro mediante l’interruzione temporanea del lavoro o la riduzione dell’orario di lavoro normale, previsto dagli articoli da 298 a 308 della “legge n. 7/2009 del 12 febbraio”, come ulteriormente specificato dall’articolo 142 della “legge n. 75-B/2020 del 31 dicembre”;

b)

il nuovo sostegno speciale e semplificato per il mantenimento dei contratti di lavoro mediante l’interruzione temporanea del lavoro o la riduzione dell’orario di lavoro normale, previsto nel “decreto-legge n. 10-G/2020 del 26 marzo”, modificato da ultimo dall’articolo 2 del “decreto-legge n. 27-B/2020 del 19 giugno”, e come ulteriormente specificato dall’articolo 142 della “legge n. 75-B/2020 del 31 dicembre”;

c)

i programmi speciali di formazione professionale per il mantenimento dei contratti di lavoro mediante l’interruzione temporanea del lavoro o la riduzione dell’orario di lavoro normale, previsti nell’articolo 5, paragrafo 2, e negli articoli da 7 a 9 del “decreto-legge n. 10-G/72020 del 26 marzo”;

d)

il nuovo sostegno speciale alle imprese per la ripresa delle attività, previsto dagli articoli 4 e 5 del “decreto-legge n. 27-B/2020 del 19 giugno” e dall’articolo 14-A del “decreto-legge n. 46-A/2020 del 30 luglio”, modificato da ultimo dall’articolo 2 del “decreto-legge n. 32/2021 del 12 maggio”, e come specificato nel “decreto governativo n. 102-A/2021 del 14 maggio”;

e)

il nuovo supplemento di stabilizzazione del reddito per i lavoratori dipendenti che hanno beneficiato delle misure di cui alle lettere a) o b) per il mantenimento dei contratti di lavoro mediante l’interruzione temporanea del lavoro o la riduzione dell’orario di lavoro normale, previsto dall’articolo 3 del “decreto-legge n. 27-B/2020 del 19 giugno”, modificato dall’articolo 2 del “decreto-legge n. 58-A/2020 del 14 agosto”;

f)

il nuovo sostegno speciale progressivo per il mantenimento dei contratti di lavoro mediante la riduzione temporanea dell’orario di lavoro normale, previsto dall’articolo 4 del “decreto-legge n. 46-A/2020 del 30 luglio”, modificato da ultimo dall’articolo 2 del “decreto legge n. 71-A/2021 del 13 agosto”;

g)

il nuovo sostegno speciale per i lavoratori autonomi, i lavoratori informali e i dirigenti, previsto nell’articolo 26 del “decreto-legge n. 10-A/2020 del 13 marzo”, modificato da ultimo dall’articolo 2 della “legge n. 31/2020 dell’11 agosto”, nonché nell’articolo 325-G della “legge n. 2/2020 del 31 marzo”, integrato dall’articolo 3 della “legge n. 24-A/2020 del 24 luglio”;

h)

il nuovo assegno familiare per i lavoratori dipendenti impossibilitati a lavorare per accudire figli o altre persone a carico di età inferiore ai 12 anni o, indipendentemente dall’età, con una disabilità o una malattia cronica, previsto nell’articolo 23 del “decreto-legge n. 10-A/2020 del 13 marzo”, modificato da ultimo dall’articolo 3 della “legge n. 16/2021 del 7 aprile”;

i)

il nuovo sostegno speciale per il mantenimento dei contratti di lavoro dei formatori in considerazione dell’annullamento dei corsi di formazione professionale, previsto nel “decreto governativo n. 3485-C/2020 del 19 marzo”, nel “decreto governativo n. 4395/2020 del 10 aprile” e nel “decreto governativo n. 5897-B/2020 del 28 maggio”;

j)

le misure regionali relative all’occupazione nella regione autonoma delle Azzorre, previste nella “risoluzione del consiglio del governo regionale delle Azzorre n. 97/2020 dell’8 aprile”, nella “risoluzione del consiglio del governo regionale delle Azzorre n. 120/2020 del 28 aprile”, nella “risoluzione del consiglio del governo regionale delle Azzorre n. 128/2020 del 5 maggio”, nella “risoluzione del consiglio del governo regionale delle Azzorre n. 129/2020 del 5 maggio”, nella “risoluzione del consiglio del governo regionale delle Azzorre n. 195/2020 del 15 luglio”, nella “risoluzione del consiglio del governo regionale delle Azzorre n. 196/2020 del 15 luglio” e nella “risoluzione del consiglio del governo regionale delle Azzorre n. 200/2020 del 17 luglio”;

k)

le misure regionali relative all’occupazione nella regione autonoma di Madera, previste nella “risoluzione del governo regionale di Madera n. 101/2020 del 13 marzo” e nell’“ordinanza n. 133-B/2020 della vicepresidenza del governo regionale di Madera e del segretariato regionale per l’inclusione sociale e la cittadinanza del 22 aprile”;

l)

la nuova indennità per i lavoratori dipendenti e autonomi che sono stati temporaneamente impossibilitati a esercitare le loro attività professionali in quanto sottoposti a isolamento profilattico, prevista nell’articolo 19 del “decreto-legge 10-A/2020 del 13 marzo”, modificato dall’articolo 2 del “decreto-legge n. 62-A/2020 del 3 settembre”, e nell’articolo 325-F della “legge n. 2/2020 del 31 marzo”, modificato dall’articolo 3 della “legge n. 27-A/2020 del 24 luglio”;

m)

la nuova indennità di malattia per aver contratto la COVID-19, prevista nel decreto del ministro del Lavoro, della solidarietà e della sicurezza sociale e del ministro della Salute n. 2875-A/2020 del 3 marzo”, nell’articolo 20 del “decreto-legge 10-A/2020 del 13 marzo”, modificato dall’articolo 2 del “decreto-legge n. 62-A/2020 del 3 settembre” e nell’articolo 325-F della “legge n. 2/2020 del 31 marzo”, modificato dall’articolo 3 della “legge n. 27-A/2020 del 24 luglio”;

n)

l’acquisto di dispositivi di protezione individuale da utilizzare sul posto di lavoro, in particolare in ospedali pubblici, ministeri, comuni e nelle regioni autonome delle Azzorre e di Madera, previsto nella “circolare n. 012/2020 del 6 maggio”, modificata il 14 maggio 2020, e nella “circolare n. 013/2020 del 10 giugno”, modificata il 23 giugno 2020, entrambe emanate dalla direzione generale della Sanità portoghese, nonché dal “decreto-legge n. 10-A/2020-A del 13 marzo”;

o)

la campagna per l’igiene scolastica volta a garantire il rientro al lavoro in sicurezza per docenti, altri membri del personale e studenti, prevista dal “decreto-legge n. 10-A/2020 del 13 marzo”;

p)

la somministrazione di test per verificare se i degenti e i lavoratori degli ospedali pubblici, nonché i dipendenti delle residenze sanitarie assistenziali e delle strutture di assistenza all’infanzia abbiano contratto la COVID-19, prevista dalla “circolare n. 012/2020 del 6 maggio”, modificata il 14 maggio 2020, e dalla “circolare n. 013/2020 del 10 giugno”, modificata il 23 giugno 2020, entrambe emanate dalla direzione generale della Sanità portoghese;

q)

la nuova compensazione speciale per i lavoratori del Servizio sanitario nazionale impegnati nella lotta contro l’epidemia di COVID-19, prevista dall’articolo 42-A della “legge n. 2/2020 del 31 marzo”, modificato dall’articolo 3 della “legge n. 27-A/2020 del 24 luglio”, e nell’articolo 291 della “legge n. 75-B/2020 del 31 dicembre”;

r)

il nuovo regime di sostegno straordinario per i lavoratori autonomi, i lavoratori che non hanno accesso ad altri meccanismi di protezione sociale e i dirigenti il cui reddito abbia particolarmente risentito della pandemia di COVID-19, previsto nell’articolo 156 della “legge n. 75-B/2020 del 31 dicembre”, alle condizioni di cui al secondo comma, lettere da c) a f), dello stesso articolo, come ulteriormente specificato nell’“ordinanza governativa n. 19-A/2021 del 25 gennaio” e prorogato dall’articolo 12 del “decreto-legge n. 104/2021 del 27 novembre”;

s)

il nuovo regime di sostegno sociale per artisti, autori, tecnici e altri operatori del settore artistico, previsto al punto 2.5.1 dell’“allegato della risoluzione del Consiglio dei ministri n. 41/2020 del 6 giugno”, ulteriormente specificato negli articoli da 10 a 12 dell’“ordinanza governativa n. 180/2020 del 3 agosto” e prorogato dagli articoli da 5 a 7 dell’“allegato dell’ordinanza governativa n. 37-A/2021 del 15 febbraio”;

t)

l’assunzione di personale sanitario supplementare e la compensazione del lavoro straordinario nel Servizio sanitario nazionale per contribuire ad affrontare i problemi della pandemia, previsti dall’articolo 6 del “decreto-legge n. 10-A/2020 del 13 marzo” e dagli articoli da 4 a 8 del “decreto-legge n. 10-A/2021 del 2 febbraio”.».

Articolo 2

La Repubblica portoghese è destinataria della presente decisione.

Gli effetti della presente decisione decorrono dal giorno della notifica al destinatario.

Articolo 3

La presente decisione è pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Fatto a Lussemburgo, il 25 ottobre 2022

Per il Consiglio

Il presidente

J. SÍKELA


(1)  GU L 159 del 20.5.2020, pag. 1.

(2)  Decisione di esecuzione (UE) 2020/1354 del Consiglio, del 25 settembre 2020, che concede alla Repubblica portoghese sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19 (GU L 314 del 29.9.2020, pag. 49).

(3)  Decisione di esecuzione (UE) 2022/99 del Consiglio, del 25 gennaio 2022, che modifica la decisione di esecuzione (UE) 2020/1354 che concede alla Repubblica portoghese sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19 (GU L 17 del 26.1.2022, pag. 47).


28.10.2022   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

L 280/41


DECISIONE DI ESECUZIONE (UE) 2022/2084 DEL CONSIGLIO

del 25 ottobre 2022

recante modifica della decisione di esecuzione (UE) 2020/1345 che concede alla Repubblica ceca sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19

IL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea,

visto il regolamento (UE) 2020/672 del Consiglio, del 19 maggio 2020, che istituisce uno strumento europeo di sostegno temporaneo per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza (SURE) a seguito dell’epidemia di COVID-19 (1), in particolare l’articolo 6, paragrafo 1,

vista la proposta della Commissione europea,

considerando quanto segue:

(1)

Facendo seguito a una richiesta presentata dalla Repubblica ceca il 7 agosto 2020, il Consiglio, con decisione di esecuzione (UE) 2020/1345 (2), ha concesso alla Repubblica ceca assistenza finanziaria sotto forma di un prestito dell’importo massimo di 2 000 000 000 EUR avente scadenza media massima di 15 anni, con periodo di disponibilità di 18 mesi, al fine di integrare gli sforzi nazionali della Repubblica ceca volti ad affrontare l’impatto dell’epidemia di COVID-19 e far fronte alle conseguenze socioeconomiche dell’epidemia per i lavoratori dipendenti e i lavoratori autonomi.

(2)

Il prestito doveva essere utilizzato dalla Repubblica ceca per finanziare i regimi di riduzione dell’orario lavorativo e le misure analoghe di cui all’articolo 3 della decisione di esecuzione (UE) 2020/1345.

(3)

L’epidemia di COVID-19 ha avuto ripercussioni negative su una parte significativa della forza lavoro in Repubblica ceca. Ciò ha determinato ripetuti un aumenti repentini e severi della spesa pubblica ceca connessa alle misure di cui all’articolo 3, lettere a), c), d) ed e), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1345.

(4)

L’epidemia di COVID-19 e le misure straordinarie attuate dalla Repubblica ceca nel 2020, 2021 e 2022 per contenerla e limitarne le ripercussioni socioeconomiche e sanitarie hanno avuto e stanno tuttora avendoun impatto considerevole sulle finanze pubbliche. Nel 2020 la Repubblica ceca ha registrato un disavanzo pubblico e un debito pubblico pari rispettivamente al 5,8 % e al 37,7 % del prodotto interno lordo (PIL), percentuali salite rispettivamente al 5,9 % e al 41,9 % alla fine del 2021. Le previsioni di primavera 2022 della Commissione prospettavano per la Repubblica ceca un disavanzo pubblico e un debito pubblico pari rispettivamente al 4,3 % e al 42,8 % del PIL alla fine del 2022. Secondo le previsioni intermedie d’estate 2022 della Commissione, il PIL della Repubblica ceca aumenterà del 2,3 % nel 2022.

(5)

Il 22 settembre 2022 la Repubblica ceca ha richiesto un’ulteriore assistenza finanziaria dell’Unione per un importo pari a 2 500 000 000 EUR al fine di continuare a integrare gli sforzi nazionali profusi nel 2020, 2021 e 2022 per affrontare l’impatto dell’epidemia di COVID-19 e far fronte alle conseguenze socioeconomiche dell’epidemia per i lavoratori dipendenti e i lavoratori autonomi. In particolare la Repubblica ceca ha ulteriormente prorogato o modificato i regimi di riduzione dell’orario lavorativo e le misure analoghe di cui ai considerando da 6 a 9.

(6)

Il regime di riduzione dell’orario lavorativo denominato programma «Antivirus», di cui all’articolo 3, lettera a), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1345, era inteso a compensare i costi salariali sostenuti dai datori di lavoro privati costretti a sospendere o ridurre in misura significativa la loro attività economica in conseguenza diretta delle misure adottate dalle autorità (opzione A) o indirettamente a causa delle ripercussioni economiche negative della pandemia di COVID-19 (opzione B). La base giuridica era costituita dalla «risoluzione n. 353 del governo, del 31 marzo 2020», come modificata, e dall’articolo 120 della «legge n. 435/2004 Racc. sull’occupazione» (3), come modificata. Il programma è stato prorogato e modificato dalla «risoluzione n. 1039 del governo, del 14 ottobre 2020» con l’opzione A plus, volta a compensare integralmente i costi salariali sostenuti dai datori di lavoro costretti a sospendere o ridurre in misura significativa la loro attività a causa delle misure adottate dalle autorità. Il programma è stato inoltre prorogato mediante diverse decisioni del governo, che hanno attivato l’opzione A dal 12 marzo 2020 al 28 febbraio 2022, l’opzione A plus dal 1o ottobre 2020 al 31 maggio 2021 e l’opzione B dal 12 marzo 2020 al 31 maggio 2021 e dal 1o novembre 2021 al 31 dicembre 2021.

(7)

Il primo credito di compensazione per i lavoratori autonomi, il cosiddetto programma «Pětadvacítka», di cui all’articolo 3, lettera c), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1345, introdotto dalla «legge n. 159/2020 Racc.» (4), garantiva ai lavoratori autonomi che erano stati costretti a sospendere o a ridurre in misura significativa la loro attività economica oltre la normale volatilità aziendale a causa dei rischi della COVID-19 per la salute pubblica o delle misure di crisi adottate dalle pubbliche autorità un credito di compensazione di 500 CZK pro capite per giorno civile. Tale programma è rimasto in vigore dal 12 marzo 2020 all’8 giugno 2020. La successiva modifica, il programma «credito di compensazione autunnale» introdotto dalla «legge n. 461/2020 Racc.» (5), e in vigore dal 5 ottobre 2020 al 15 febbraio 2021, garantiva ai lavoratori autonomi costretti a sospendere o ridurre in misura significativa la loro attività economica a causa dei rischi per la salute pubblica o delle misure di crisi adottate dalle pubbliche autorità un credito d’imposta di 500 CZK per giorno civile. La «legge n. 95/2021 Racc.» (6) e le relative risoluzioni del governo [n. 154/2021 (7) e n. 188/2021 (8)] hanno introdotto un’ulteriore modifica, denominata «nuovo credito di compensazione per il 2021», in vigore dal 1o febbraio 2021 al 31 maggio 2021, che ha aumentato l’importo del credito d’imposta a 1 000 CZK al giorno. Il «credito di compensazione per il 2022» introdotto dalla «legge n. 519/2021 Racc.» (9), ultima modifica di questo credito di compensazione per i lavoratori autonomi, prevedeva anch’esso un importo di 1 000 CZK al giorno ed è rimasto in vigore dal 22 novembre 2021 al 31 gennaio 2022.

(8)

La parziale esenzione dal versamento dei contributi previdenziali e sanitari dovuti dai lavoratori autonomi di cui all’articolo 3, lettera d), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1345 aveva per base giuridica la «legge n. 136/2020 Racc.» (10) (per la sicurezza sociale) e la «legge n. 134/2020 Racc.» (11) (per la sicurezza sanitaria). Lo Stato ha provveduto al pagamento del corrispondente contributo mensile da marzo ad agosto 2020 per i contributi previdenziali e sanitari dovuti dai lavoratori autonomi. Benché il programma sia arrivato a conclusione nell’agosto 2020, nel 2021 è stato necessario versare ulteriori importi per liquidare ai lavoratori autonomi gli importi degli anticipi da loro versati nel 2020. La misura rappresenta gettito cui il governo rinuncia e che, ai fini dell’attuazione del regolamento (UE) 2020/672, può essere considerato equivalente alla spesa pubblica.

(9)

L’«indennità di assistenza» per i lavoratori autonomi di cui all’articolo 3, lettera e), della decisione di esecuzione (UE) 2020/1345, ha per base giuridica le «risoluzioni del governo n. 262 del 19 marzo 2020 (12), n. 311 del 26 marzo 2020, n. 354 del 31 marzo 2020, n. 514 del 4 maggio 2020, n. 552 del 18 maggio 2020, n. 1053 del 16 ottobre 2020, n. 1260 del 30 novembre 2020 e n. 446 del 10 maggio 2021», l’articolo 14 della «legge n. 218/2000 Racc. (13) sulle norme di bilancio», come modificata, che si applica ai lavoratori autonomi nel settore della produzione agricola primaria e forestale, e l’articolo 3, lettera h), della «legge n. 47/2002 Racc. sul sostegno alle PMI», come modificata (14). Tale misura compensa la perdita di reddito subita dai lavoratori autonomi in conseguenza della necessità di prendersi cura dei figli o di persone non autosufficienti a causa della chiusura degli asili e delle strutture di assistenza sociale. L’importo giornaliero del sostegno era di 424 CZK per il mese di marzo 2020 e di 500 CZK da aprile a giugno 2020. Il programma è stato prorogato da ottobre 2020 a maggio 2021, con un sostegno giornaliero di 400 CZK.

(10)

La Repubblica ceca soddisfa le condizioni per richiedere l’assistenza finanziaria di cui all’articolo 3 del regolamento (UE) 2020/672. La Repubblica ceca ha fornito alla Commissione le opportune evidenze del fatto che la spesa pubblica effettiva e programmata è aumentata di 5 349 588 352 EUR dal 1o febbraio 2020 in esito alle misure nazionali adottate in risposta agli effetti socioeconomici dell’epidemia di COVID-19. Si tratta di un aumento repentino e severo in quanto connesso anche alla proroga o alla modifica di misure nazionali esistenti direttamente connesse a regimi di riduzione dell’orario lavorativo e a misure analoghe di cui beneficia una parte significativa delle imprese e della forza lavoro nella Repubblica ceca. La Repubblica ceca intende finanziare 215 333 982 EUR dell’aumento della spesa mediante fondi dell’Unione e 634 254 370 EUR mediante finanziamenti propri.

(11)

La Commissione, conformemente all’articolo 6 del regolamento (UE) 2020/672, ha consultato la Repubblica ceca e ha verificato l’aumento repentino e severo della spesa pubblica effettiva e programmata direttamente connessa a regimi di riduzione dell’orario lavorativo e a misure analoghe, cui si fa riferimento nella richiesta del 22 settembre 2022.

(12)

È pertanto opportuno fornire assistenza finanziaria per aiutare la Repubblica ceca a far fronte agli effetti socioeconomici delle gravi perturbazioni economiche causate dall’epidemia di COVID-19. La Commissione dovrebbe adottare le decisioni riguardanti la scadenza, l’importo e l’erogazione di rate e quote in stretta collaborazione con le autorità nazionali.

(13)

Dato che il periodo di disponibilità indicato nella decisione di esecuzione (UE) 2020/1345 è scaduto, è necessario stabilire un nuovo periodo di disponibilità dell’assistenza finanziaria supplementare. È opportuno prorogare di 21 mesi il periodo di disponibilità di 18 mesi dell’assistenza finanziaria concessa dalla decisione di esecuzione (UE) 2020/1345, portando così il periodo di disponibilità totale a 39 mesi a decorrere dal primo giorno dopo che la decisione di esecuzione (UE) 2020/1345 ha preso effetto.

(14)

La Repubblica ceca e la Commissione dovrebbero tenere conto della presente decisione nell’accordo di prestito di cui all’articolo 8, paragrafo 2, del regolamento (UE) 2020/672.

(15)

La presente decisione non dovrebbe pregiudicare l’esito di eventuali procedimenti in materia di distorsioni del funzionamento del mercato interno, che potrebbero essere in particolare promossi a norma degli articoli 107 e 108 del trattato. Essa non dispensa gli Stati membri dall’obbligo di comunicare alla Commissione i casi di potenziali aiuti di Stato a norma dell’articolo 108 del trattato.

(16)

È opportuno che la Repubblica ceca informi periodicamente la Commissione in merito all’esecuzione delle spese pubbliche programmate, affinché quest’ultima possa valutare in quale misura lo Stato membro abbia dato esecuzione a tali spese.

(17)

La decisione di fornire assistenza finanziaria è stata raggiunta tenendo conto delle esigenze attuali e attese della Repubblica ceca e delle richieste di assistenza finanziaria a norma del regolamento (UE) 2020/672 già presentate o programmate da altri Stati membri, applicando nel contempo i principi di parità di trattamento, solidarietà, proporzionalità e trasparenza.

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

La decisione di esecuzione (UE) 2020/1345 è così modificata:

1)

l’articolo 2 è così modificato:

a)

i paragrafi 1 e 2 sono sostituiti dai seguenti:

«1.   L’Unione mette a disposizione della Repubblica ceca un prestito dell’importo massimo di 4 500 000 000 EUR. La scadenza media massima del prestito è di 15 anni.

2.   Il periodo di disponibilità dell’assistenza finanziaria concessa dalla presente decisione è di 39 mesi a decorrere dal primo giorno dopo che la stessa ha preso effetto.»;

b)

il paragrafo 4 è sostituito dal seguente:

«4.   La prima rata è erogata con riserva dell’entrata in vigore dell’accordo di prestito di cui all’articolo 8, paragrafo 2, del regolamento (UE) 2020/672. Eventuali rate successive sono erogate in conformità dei termini di tale accordo di prestito o, se del caso, con riserva dell’entrata in vigore di un addendum allo stesso, o di un accordo di prestito modificato concluso tra la Repubblica ceca e la Commissione che sostituisce l’accordo di prestito originario.»;

2)

l’articolo 3 è sostituito dal seguente:

«Articolo 3

La Repubblica ceca può finanziare le misure seguenti:

a)

il programma “Antivirus”, secondo quanto stabilito nella “risoluzione n. 353 del governo, del 31 marzo 2020”, come modificata, la cui base giuridica è l’articolo 120 della “legge n. 435/2004 Racc. sull’occupazione”, come modificata e prorogata dalla risoluzione n. 1039 del governo, del 14 ottobre 2020 e da varie decisioni del governo;

b)

l’opzione C del programma “Antivirus” secondo quanto previsto nella “legge n. 300/2020 Racc.”;

c)

il programma “Pětadvacítka”, il credito di compensazione per i lavoratori autonomi, secondo quanto previsto nella “legge n. 159/2020 Racc.”, come modificato dal “credito di compensazione autunnale” previsto dalla “legge n. 461/2020 Racc.”, dal “nuovo credito di compensazione per il 2021” previsto dalla “legge n. 95/2021 Racc.” e le relative “risoluzioni del governo n. 154/2021 e n. 188/2021”, e dal “credito di compensazione per il 2022” previsto dalla “legge n. 519/2021 Racc.”;

d)

la parziale esenzione dal versamento dei contributi sociali e sanitari dovuti dai lavoratori autonomi, secondo quanto previsto nella “legge n. 136/2020 Racc.” (per la sicurezza sociale) e nella “legge n. 134/2020” (per la sicurezza sanitaria);

e)

l’“indennità di assistenza” per i lavoratori autonomi, secondo quanto previsto nelle “risoluzioni del governo n 262 del 19 marzo 2020, n. 311 del 26 marzo 2020, n. 354 del 31 marzo 2020, n. 514 del 4 maggio 2020 e n. 552 del 18 maggio 2020”, modificate e prorogate da ultimo dalla “risoluzione n. 446 del governo, del 10 maggio 2021” e nell’articolo 14 della “legge n. 218/2000 Racc. sulle norme di bilancio”, come modificata, che si applica ai lavoratori autonomi nel settore della produzione agricola primaria e forestale, e nell’articolo 3, lettera h), della “legge n. 47/2002 Racc.” sul sostegno alle PMI, come modificata, che si applica a tutti gli altri lavoratori autonomi.».

Articolo 2

La Repubblica ceca è destinataria della presente decisione.

Gli effetti della presente decisione decorrono dal giorno della notifica al destinatario.

Articolo 3

La presente decisione è pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Fatto a Lussemburgo, 25 ottobre 2022

Per il Consiglio

Il presidente

J. SÍKELA


(1)  GU L 159 del 20.5.2020, pag. 1.

(2)  Decisione di esecuzione (UE) 2020/1345 del Consiglio, del 25 settembre 2020, che concede alla Repubblica ceca sostegno temporaneo a norma del regolamento (UE) 2020/672 per attenuare i rischi di disoccupazione nello stato di emergenza a seguito dell’epidemia di COVID-19 (GU L 314 del 29.9.2020, pag. 17).

(3)  Legge n. 435/2004 Racc. sull’occupazione, come modificata, pubblicata nella Raccolta di leggi n. 143 del 23 luglio 2004.

(4)  Legge n. 159/2020 Racc. su un credito di compensazione connesso alle misure di crisi correlate all’incidenza del coronavirus SARS CoV-2, come modificata, pubblicata nella Raccolta di leggi n. 59 del 14 aprile 2020.

(5)  Legge n. 461/2020 Racc. su un credito di compensazione legato alle misure di divieto o limitazioni delle attività lavorative connesse all’insorgenza del coronavirus SARS CoV-2, come modificata, pubblicata nella Raccolta di leggi n. 189 del 13 novembre 2020.

(6)  Legge n. 95/2021 Racc. sul credito di compensazione per il 2021, come modificata, pubblicata nella Raccolta di leggi n. 38 del 26 febbraio 2021.

(7)  Risoluzione n. 154/2021 Racc. del governo sul credito di compensazione per il 2021, come modificata, pubblicata nella Raccolta di leggi n. 60 del 31 marzo 2021.

(8)  Risoluzione n. 188/2021 Racc. del governo sulla determinazione del prossimo periodo del credito di compensazione per il credito di compensazione per il 2021, come modificata, pubblicata nella Raccolta di leggi n. 79 del 7 maggio 2021.

(9)  Legge n. 519/2021 Racc. sul credito di compensazione per il 2022, come modificata, pubblicata nella Raccolta di leggi n. 226 del 23 dicembre 2021.

(10)  Legge n. 136/2020 Racc. su taluni adeguamenti nel settore dei contributi previdenziali e dei contributi alla politica statale in materia di occupazione e pensioni in relazione alle misure di emergenza adottate nel 2020 durante l’epidemia, come modificata, pubblicata nella raccolta di leggi n. 48 del 27 marzo 2020.

(11)  Legge n. 134/2020 Racc., che modifica la legge n. 592/1992 Racc. sui premi dell’assicurazione sanitaria pubblica, come modificata, pubblicata nella Raccolta di leggi n. 48 del 27 marzo 2020.

(12)  Risoluzione n. 262/2020 Racc. del governo sull’adozione di una misura di crisi, come modificata, pubblicata nella Raccolta di leggi n. 42 del 19 marzo 2020.

(13)  Legge n. 218/2000 Racc. sulle norme di bilancio, come modificata, pubblicata nella Raccolta di leggi n. 65 del 21 luglio 2000.

(14)  Legge n. 47/2002 Racc. sul sostegno alle piccole e medie imprese, come modificata, pubblicata nella Raccolta di leggi n. 20 dell’8 febbraio 2002.


28.10.2022   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

L 280/46


DECISIONE (PESC) 2022/2085 DEL CONSIGLIO

del 27 ottobre 2022

che modifica la decisione 2010/573/PESC concernente misure restrittive nei confronti della dirigenza della regione transdnestriana della Repubblica moldova

IL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA,

visto il trattato sull’Unione europea, in particolare l’articolo 29,

vista la proposta dell’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza,

considerando quanto segue:

(1)

Il 27 settembre 2010 il Consiglio ha adottato la decisione 2010/573/PESC (1).

(2)

In base a un riesame della decisione 2010/573/PESC, è opportuno prorogare le misure restrittive nei confronti della dirigenza della regione transdnestriana della Repubblica di Moldova fino al 31 ottobre 2023. Il Consiglio effettuerà un riesame della situazione per quanto riguarda le misure restrittive dopo sei mesi.

(3)

È pertanto opportuno modificare di conseguenza la decisione 2010/573/PESC,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

All’articolo 4 della decisione 2010/573/PESC, il paragrafo 2 è sostituito dal seguente:

«2.   La presente decisione si applica fino al 31 ottobre 2023. Essa è costantemente riesaminata. È prorogata o modificata, a seconda del caso, qualora il Consiglio ritenga che i suoi obiettivi non siano stati raggiunti.».

Articolo 2

La presente decisione entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Fatto a Bruxelles, il 27 ottobre 2022

Per il Consiglio

Il presidente

M. BEK


(1)  Decisione 2010/573/PESC del Consiglio, del 27 settembre 2010, concernente misure restrittive nei confronti della dirigenza della regione transdnestriana della Repubblica moldova (GU L 253 del 28.9.2010, pag. 54).


28.10.2022   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

L 280/47


DECISIONE DI ESECUZIONE (PESC) 2022/2086 DEL CONSIGLIO

del 27 ottobre 2022

che attua la decisione 2011/72/PESC, concernente misure restrittive nei confronti di determinate persone ed entità in considerazione della situazione in Tunisia

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA,

visto il trattato sull'Unione europea, in particolare l'articolo 31, paragrafo 2,

vista la decisione 2011/72/PESC del Consiglio, del 31 gennaio 2011, concernente misure restrittive nei confronti di determinate persone ed entità in considerazione della situazione in Tunisia (1), in particolare l'articolo 2, paragrafo 1,

vista la proposta dell'alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza,

considerando quanto segue:

(1)

Il 31 gennaio 2011 il Consiglio ha adottato la decisione 2011/72/PESC.

(2)

In esito a un riesame effettuato dal Consiglio risulta opportuno sopprimere le voci relative a sette persone e le informazioni relative ai loro diritti della difesa e al loro diritto a una tutela giurisdizionale effettiva.

(3)

È pertanto opportuno modificare di conseguenza l'allegato della decisione 2011/72/PESC,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

L'allegato della decisione 2011/72/PESC è modificato come indicato nell'allegato della presente decisione.

Articolo 2

La presente decisione entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Fatto a …, il 27 ottobre 2022

Per il Consiglio

Il presidente

M. BEK


(1)  GU L 28 del 2.2.2011, pag. 62.


ALLEGATO

Nelle sezioni A e B dell'allegato della decisione 2011/72/PESC, le voci relative alle persone seguenti sono soppresse:

«4.

Mohamed Ben Moncef Ben Mohamed TRABELSI»;

«36.

Kaïs Ben Slaheddine Ben Haj Hamda BEN ALI»;

«37.

Hamda Ben Slaheddine Ben Haj Hamda BEN ALI»;

«38.

Najmeddine Ben Slaheddine Ben Haj Hamda BEN ALI»;

«39.

Najet Bent Slaheddine Ben Haj Hamda BEN ALI»;

«43.

Imed Ben Habib Ben Bouali LTAIEF»;

«44.

Naoufel Ben Habib Ben Bouali LTAIEF».


28.10.2022   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

L 280/49


DECISIONE DI ESECUZIONE (UE) 2022/2087 DELLA COMMISSIONE

del 26 settembre 2022

che conferma o modifica il calcolo provvisorio delle emissioni specifiche medie di CO2 e degli obiettivi specifici per le emissioni per i costruttori di autovetture e veicoli commerciali leggeri per l'anno civile 2020 e che rende noti ai costruttori i valori da utilizzare per il calcolo degli obiettivi specifici per le emissioni e degli obiettivi in deroga per gli anni civili dal 2021 al 2024 a norma del regolamento (UE) 2019/631 del Parlamento europeo e del Consiglio

[notificata con il numero C(2022) 6754]

(I testi in lingua ceca, francese, inglese, italiana, neerlandese, polacca, spagnola, svedese, tedesca e ungherese sono i soli facenti fede)

(Testo rilevante ai fini del SEE)

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (UE) 2019/631 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 aprile 2019, che definisce i livelli di prestazione in materia di emissioni di CO2 delle autovetture nuove e dei veicoli commerciali leggeri nuovi e che abroga i regolamenti (CE) n. 443/2009 e (UE) n. 510/2011 (1), in particolare l'articolo 7, paragrafo 5,

considerando quanto segue:

(1)

In conformità del regolamento (UE) 2019/631, la Commissione è tenuta a determinare, ogni anno, le emissioni specifiche medie di CO2 e l'obiettivo specifico per le emissioni per ciascun costruttore responsabile di autovetture nuove e veicoli commerciali leggeri nuovi immatricolati nell'Unione, in Islanda, in Norvegia e, fino all'anno civile 2020, nel Regno Unito, come pure per ciascun raggruppamento di costruttori. In base a ciò sono stabiliti i risultati raggiunti dai costruttori o dai raggruppamenti di costruttori nell'ottemperare all'obbligo di non superare i rispettivi obiettivi specifici per le emissioni.

(2)

Il calcolo delle emissioni specifiche medie di CO2 e degli obiettivi specifici per le emissioni per l'anno civile 2020 si basa sui dati dettagliati relativi alle immatricolazioni di autovetture nuove e veicoli commerciali leggeri nuovi nell'anno civile in questione comunicati dalle autorità dichiaranti.

(3)

Tutti i paesi hanno trasmesso alla Commissione i dati relativi al 2020, seppur in alcuni casi con un certo ritardo rispetto alla scadenza del 28 febbraio 2021. Dopo aver verificato i dati e constatato che alcuni di essi erano mancanti o manifestamente errati, la Commissione ha contattato le autorità dichiaranti interessate e, con riserva del loro accordo, li ha corretti o completati conseguenza. Nei casi in cui non è stato possibile raggiungere un accordo con l'autorità dichiarante i dati provvisori trasmessi dal paese non sono stati corretti.

(4)

Il 29 giugno 2021 i dati provvisori sono stati pubblicati e la Commissione ha trasmesso a 93 costruttori di autovetture e 68 costruttori di veicoli commerciali leggeri, nonché ai rispettivi raggruppamenti, i calcoli provvisori delle loro emissioni specifiche medie di CO2 e i loro obiettivi specifici per le emissioni nel 2020.

(5)

Ai costruttori è stato chiesto di verificare i dati provvisori in conformità dell'articolo 7, paragrafo 5, del regolamento (UE) 2019/631 e di comunicare alla Commissione eventuali errori entro tre mesi dal ricevimento della notifica. 63 costruttori di autovetture e 42 costruttori di veicoli commerciali leggeri hanno notificato errori.

(6)

I dati provvisori comprendevano fattori di correzione sia per le autovetture, calcolati in conformità dell'articolo 7, paragrafo 2, del regolamento di esecuzione (UE) 2017/1153 (2) della Commissione, sia per i veicoli commerciali leggeri, calcolati in conformità dell'articolo 6, paragrafo 2, del regolamento di esecuzione (UE) 2017/1152 (3) della Commissione. In considerazione del fatto che i fattori di correzione finali erano pari a uno per tutti i costruttori e i loro raggruppamenti, non è stato necessario correggere il calcolo delle emissioni specifiche medie.

(7)

Nel caso di due costruttori di autovetture e di un costruttore di veicoli commerciali leggeri, tutti i veicoli riportati nell'insieme di dati provvisori esulavano dall'ambito di applicazione del regolamento (UE) 2019/631. Nel caso di un costruttore di autovetture, non sono stati comunicati i valori delle emissioni specifiche di CO2 basate sulla procedura NEDC per nessuno dei veicoli di cui all'insieme di dati provvisori e tale costruttore non è pertanto compreso nella presente decisione.

(8)

Per i restanti 30 costruttori di autovetture e 26 costruttori di veicoli commerciali leggeri che non hanno notificato errori nelle serie di dati né hanno risposto altrimenti, è opportuno confermare i dati e i calcoli provvisori relativi alle emissioni specifiche medie e agli obiettivi specifici per le emissioni.

(9)

La Commissione ha verificato gli errori notificati dai costruttori e le giustificazioni per la loro correzione e le serie di dati provvisori sono state confermate o modificate, a seconda dei casi. Di conseguenza per 93 costruttori di autovetture e 68 costruttori di veicoli commerciali leggeri è opportuno confermare o modificare i dati provvisori.

(10)

Conformemente all'articolo 4 del regolamento (UE) 2019/631, un costruttore è da considerarsi adempiente rispetto al proprio obiettivo specifico per le emissioni quando le sue emissioni specifiche medie di CO2 indicate nella presente decisione non superano l'obiettivo specifico per le emissioni. Per i costruttori che sono membri di un raggruppamento l'adempimento degli obiettivi dovrebbe essere valutato a livello di raggruppamento, conformemente all'articolo 6 di tale regolamento. Per i costruttori o i raggruppamenti cui è stata concessa una deroga agli obiettivi specifici per le emissioni per l'anno civile 2020 conformemente all'articolo 10 di tale regolamento, la conformità delle emissioni specifiche medie di CO2 è valutata rispetto agli obiettivi in deroga loro concessi.

(11)

In conformità dell'articolo 4, paragrafo 3, del regolamento (UE) 2019/631, per determinare le emissioni specifiche medie di CO2 di ogni costruttore o raggruppamento si tiene conto solo del 95 % delle sue autovetture nuove immatricolate durante l'anno civile 2020, selezionate in base ai loro livelli di emissione

(12)

In conformità dell'articolo 5 del regolamento (UE) 2019/631, nel computo delle emissioni specifiche medie di CO2 dei costruttori di autovetture, ogni nuova autovettura con emissioni specifiche di CO2 inferiori a 50 g CO2/km (NEDC) conta come due autovetture nell'anno civile 2020, fino a un contributo di "supercrediti" pari a 7,5 g CO2/km per ciascun costruttore o raggruppamento.

(13)

Nel calcolo delle emissioni specifiche medie di CO2 si tiene conto dei risparmi di CO2, fino a un totale di 7 g CO2/km per ciascun costruttore o raggruppamento, realizzati attraverso l'uso di tecnologie innovative che forniscono un contributo comprovato alla riduzione di CO2 e che sono state approvate dalla Commissione in conformità dell'articolo 11 del regolamento (UE) 2019/631 ("ecoinnovazioni"). Nell'anno civile 2020, si tiene conto solo dei risparmi di CO2 realizzati grazie alle ecoinnovazioni e determinati con riferimento alla NEDC.

(14)

Nel calcolo degli obiettivi specifici per le emissioni e delle emissioni specifiche medie di CO2 dovrebbero essere inclusi anche i dati registrati con codice di errore B, vale a dire dati completi riguardanti la massa in ordine di marcia e le emissioni di CO2, anche se con parametri di identificazione del veicolo mancanti o errati. Tuttavia occorre tener conto del fatto che i costruttori non sono in grado di verificarli o correggerli. È pertanto opportuno applicare un margine di errore per determinare lo scostamento del costruttore dall'obiettivo.

(15)

Il margine di errore è calcolato come differenza tra lo scostamento tra le emissioni specifiche medie di CO2 e l'obiettivo specifico per le emissioni calcolato, da un lato, tenendo conto di tutte le immatricolazioni che non possono essere verificate dai costruttori e, dall'altro lato, senza tenerne conto. Indipendentemente dal fatto che si tratti di una differenza positiva o negativa, il margine di errore è applicato in modo da migliorare sempre la posizione del costruttore per quanto riguarda il suo obiettivo specifico per le emissioni.

(16)

Se tenendo conto del margine di errore, lo scostamento dall'obiettivo del costruttore o del raggruppamento, a seconda dei casi, è superiore a zero, deve essere imposto il versamento di un'indennità per le emissioni in eccesso in conformità dell'articolo 8 del regolamento (UE) 2019/631. Ciò vale per sei costruttori singoli di autovetture (Subaru, Jaguar Land Rover, Bentley, DR Motor, Lamborghini e McLaren), due raggruppamenti di costruttori di autovetture (il raggruppamento Suzuki e il raggruppamento Volkswagen-SAIC) e un costruttore singolo di veicoli commerciali leggeri (Ssangyong).

(17)

In conformità dell'articolo 2, paragrafo 4, del regolamento (UE) 2019/631, l'obiettivo specifico per le emissioni non si applica ai costruttori responsabili di un numero di nuove immatricolazioni inferiore a 1 000 unità. È tuttavia opportuno calcolare e comunicarne le emissioni specifiche medie e il numero di veicoli nuovi immatricolati.

(18)

Ai costruttori dovrebbero anche essere comunicati i valori da utilizzare ai fini del calcolo degli obiettivi specifici per le emissioni e degli obiettivi in deroga per gli anni civili dal 2021 al 2024 in conformità dell'allegato I, parti A e B, punti 4 e 5, del regolamento (UE) 2019/631.

(19)

I valori dei risultati raggiunti dai costruttori, confermati o modificati dalla presente decisione, potrebbero essere rivisti se le autorità nazionali competenti confermano la presenza di irregolarità nei valori riguardanti la massa o le emissioni di CO2 forniti per stabilire se il costruttore ha raggiunto gli obiettivi specifici per le emissioni,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

1.   I valori relativi ai risultati raggiunti dai costruttori di autovetture e veicoli commerciali leggeri e dai loro raggruppamenti per l'anno civile 2020 sono specificati nell'allegato I, parti A e B, della presente decisione.

2.   I valori da utilizzare ai fini del calcolo degli obiettivi specifici per le emissioni e degli obiettivi in deroga per gli anni civili dal 2021 al 2024 in conformità dell'allegato I, parti A e B, punti 4 e 5, del regolamento (UE) 2019/631 sono specificati nell'allegato II, parti A e B, della presente decisione.

Articolo 2

Sono destinatari della presente decisione i seguenti singoli costruttori e raggruppamenti di costruttori costituiti a norma dell'articolo 6 del regolamento (UE) 2019/631:

1)

ADAM OPEL GmbH

Bahnhofsplatz 1 IPC 39-13

65423 Rüsselsheim

Germania

2)

ADDAX MOTOR NV

Kleine Tapuitstraat 18

8540 Deerlijk

Belgio

3)

ADIDOR VOITURES SAS

2/4 rue Hans List

78290 Croissy-sur-Seine

Francia

4)

ALFA ROMEO SpA

Corso G. Agnelli, 200

10135 Torino

Italia

5)

ALKE SRL

via Vigonovese, 123

35127 Padova

Italia

6)

ALPINA BURKARD BOVENSIEPEN GMBH E CO KG

Alpenstraße 35-37

86807 Buchloe

Germania

7)

ANHUI JIANGHUAI AUTOMOBILE

Via Lanzo 27

10071 Borgaro Torinese

Italia

8)

ASTON MARTIN LAGONDA LIMITED

Rappresentato nell'Unione da:

Aston Martin Lagonda of Europe GmbH

Unterschweinstiege 2-14

60549 Francoforte sul Meno

Germania

9)

AUDI AG

Casella postale 011/1882

38436 Wolfsburg

Germania

10)

AUDI HUNGARIA MOTOR KFT

Casella postale 011/1882

38436 Wolfsburg

Germania

11)

AUDI SPORT GmbH

Casella postale 011/1882

38436 Wolfsburg

Germania

12)

AUTOMOBILE DACIA SA

122-122 bis avenue du Général Leclerc

92100 Boulogne-Billancourt

Francia

13)

AUTOMOBILES CITROEN

2-10 boulevard de l'Europe

78300 Poissy

Francia

14)

AUTOMOBILES PEUGEOT

2-10 boulevard de l'Europe

78300 Poissy

Francia

15)

AUTOMOBILI LAMBORGHINI SpA

via Modena 12

40019 Sant'Agata Bolognese (BO)

Italia

16)

AVTOVAZ JSC

Rappresentato nell'Unione da:

CS AUTOLADA

211 Konevova

130 00 Praga 3

Repubblica ceca

17)

BAYERISCHE MOTOREN WERKE AG

Petuelring 130

80788 Monaco di Baviera

Germania

18)

BEIJING BORGWARD AUTOMOTIVE CO LTD

Rappresentato nell'Unione da:

Borgward Group AG

Kriegsbergstraße 11

70174 Stoccarda

Germania

19)

BENTLEY MOTORS LTD

Rappresentato nell'Unione da:

Bentley Motors Germany GmbH

Zeppelinstraẞe 1

85399 Hallbergmoos

Germania

20)

BLUECAR SAS

31-32 quai de Dion Bouton

92800 Puteaux

Francia

21)

BMW M GmbH

Petuelring 130

80788 Monaco di Baviera

Germania

22)

Raggruppamento BMW (M1)

Responsabile del raggruppamento:

Bayerische Motoren Werke AG

Petuelring 130

80788 Monaco di Baviera

Germania

23)

BUGATTI AUTOMOBILES SAS

Casella postale 011/1882

38436 Wolfsburg

Germania

24)

BYD AUTO INDUSTRY COMPANY LIMITED

Rappresentato nell'Unione da:

presso BYD Europe B.V.

's-Gravelandseweg 256

3125 BK Schiedam

Paesi Bassi

25)

CATERHAM CARS LIMITED

Rappresentato nell'Unione da:

Caterham Competition France

Vallon de Fontanes

30520 Saint-Martin-de-Valgalgues

Francia

26)

CHEVROLET ITALIA SPA

viale Alexandre Gustave Eiffel 15

00148 Roma

Italia

27)

CNG-TECHNIK GmbH

Henry Ford Straße 1

50725 Colonia

Germania

28)

DFSK MOTOR CO LTD

Rappresentato nell'Unione da:

GIOTTI VICTORIA SRL

via Pisana, 11/a

50021 Barberino, Val D'Elsa (FI)

Italia

29)

DONKERVOORT AUTOMOBIELEN BV

Pascallaan 96

8218 NJ Lelystad

Paesi Bassi

30)

DR AUTOMOBILES SRL

Zona industriale snc

86070 Macchia d'Isernia (IS)

Italia

31)

DR ING HCF PORSCHE AG

Casella postale 011/1882

38436 Wolfsburg

Germania

32)

DR MOTOR COMPANY SRL

SS 85 Venafrana km 37500

86070 Macchia d'Isernia (IS)

Italia

33)

ESAGONO ENERGIA SRL

via Puecher 9

20060 Pozzuolo Martesana (MI)

Italia

34)

FABBRICA DALLARA SRL

via Guglielmo Marconi 18

43040 Varano de' Melegari (PR)

Italia

35)

FABRYKA SAMOCHODÓW OSOBOWYCH SPÓŁKA AKCYJNA

ul. Jagiellońska 88

00-992 Varsavia

Polonia

36)

FCA ITALY SpA

corso G. Agnelli 200

10135 Torino

Italia

37)

Raggruppamento FCA (M1)

Responsabile del raggruppamento:

FCA Italy SpA

corso G. Agnelli 200

10135 Torino

Italia

38)

Raggruppamento FCA-PSA (N1)

Responsabile del raggruppamento:

FCA Italy SpA

corso G. Agnelli 200

10135 Torino

Italia

39)

FCA US LLC

Rappresentato nell'Unione da:

FCA Italy SpA

corso G. Agnelli 200

10135 Torino

Italia

40)

FERRARI SpA

via Emilia Est 1163

41122 Modena

Italia

41)

FORD INDIA PRIVATE LIMITED

Rappresentato nell'Unione da:

Ford-Werke GmbH

Henry Ford Straße 1

50725 Colonia

Germania

42)

FORD MOTOR COMPANY

Rappresentato nell'Unione da:

Ford-Werke GmbH

Henry Ford Straße 1

50725 Colonia

Germania

43)

FORD MOTOR COMPANY OF AUSTRALIA LIMITED

Rappresentato nell'Unione da:

Ford-Werke GmbH

Henry Ford Straße 1

50725 Colonia

Germania

44)

FORD-WERKE GmbH

Henry Ford Straße 1

50725 Colonia

Germania

45)

Raggruppamento FORD-VOLKSWAGEN (N1)

Responsabile del raggruppamento:

Ford-Werke GmbH

Henry Ford Straße 1

50725 Colonia

Germania

46)

Raggruppamento FORD-VOLVO (M1)

Responsabile del raggruppamento:

Ford-Werke GmbH

Henry Ford Straße 1

50725 Colonia

Germania

47)

GENERAL MOTORS HOLDINGS LLC

Rappresentato nell'Unione da:

KnowMotive

Bouwhuispad 1

8121 PX Olst

Paesi Bassi

48)

GOUPIL INDUSTRIE SAS

route de Villeneuve

47320 Bourran

Francia

49)

GREAT WALL MOTOR COMPANY LIMITED

Rappresentato nell'Unione da:

Great Wall Motor Europe Technical Center

Otto-Hahn-Straße 5

63128 Dietzenbach

Germania

50)

GUMPERT AIWAYSAUTOMOBILE GmbH

Carl-Hahn-Straße 5

85053 Ingolstadt

Germania

51)

HENAN SUDA ELECTRIC VEHICLE TECHNOLOGY CO LTD

Rappresentato nell'Unione da:

DCKD Gmbh

Am Falder 4

40589 Düsseldorf

Germania

52)

HONDA MOTOR CO LTD

Rappresentato nell'Unione da:

Honda Motor Europe Ltd.

Wijngaardveld 1 (Noord V)

9300 Aalst

Belgio

53)

HYUNDAI ASSAN OTOMOTIV SANAYI VE TICARET AS

Hyundai-Platz

65428 Rüsselsheim am Main

Germania

54)

Raggruppamento HYUNDAI (M1)

Responsabile del raggruppamento:

Hyundai Motor Company

Rappresentato nell'Unione da:

Hyundai Motor Europe Technical Center GmbH

Hyundai-Platz

65428 Rüsselsheim am Main

Germania

55)

Raggruppamento HYUNDAI (N1)

Responsabile del raggruppamento:

Hyundai Motor Company

Rappresentato nell'Unione da:

Hyundai Motor Europe Technical Center GmbH

Hyundai-Platz

65428 Rüsselsheim am Main

Germania

56)

HYUNDAI MOTOR COMPANY

Rappresentato nell'Unione da:

Hyundai Motor Europe Technical Center GmbH

Hyundai-Platz

65428 Rüsselsheim am Main

Germania

57)

HYUNDAI MOTOR MANUFACTURING CZECH SRO

Hyundai-Platz

65428 Rüsselsheim am Main

Germania

58)

ISUZU MOTORS LIMITED

Rappresentato nell'Unione da:

Isuzu Motors Europe NV

Bist 12

B-2630 Aartselaar

Belgio

59)

IVECO SPA

via Puglia, 35

10156 Torino

Italia

60)

JAGUAR LAND ROVER LIMITED

Rappresentato nell'Unione da:

JLR Ireland (Services) Ltd, Software Engineering Centre,

Three Airport Avenue, Shannon Industrial Estate

V14 YH92 Shannon (Co. Clare)

Irlanda

61)

JIANGLING MOTOR HOLDING CO LTD

Rappresentato nell'Unione da:

Aiways Automobile Europe GmbH,

Moosacher Straβe 82 a

80809 Monaco di Baviera

Germania

62)

Raggruppamento KIA (M1)

Responsabile del raggruppamento:

Kia Corporation

Rappresentato nell'Unione da:

Hyundai Motor Europe Technical Center GmbH

Hyundai-Platz

65428 Rüsselsheim am Main

Germania

63)

Raggruppamento KIA (N1)

Responsabile del raggruppamento:

Kia Corporation

Rappresentato nell'Unione da:

Hyundai Motor Europe Technical Center GmbH

Hyundai-Platz

65428 Rüsselsheim am Main

Germania

64)

KIA CORPORATION

Rappresentato nell'Unione da:

Hyundai Motor Europe Technical Center GmbH

Hyundai-Platz

65428 Rüsselsheim am Main

Germania

65)

KIA SLOVAKIA SRO

Hyundai-Platz

65428 Rüsselsheim am Main

Germania

66)

LADA AUTOMOBILE GmbH

Erlengrund 7

21614 Buxtehude

Germania

67)

LANZHOU ZHIDOU ELECTRIC VEHICLE CO LTD

Rappresentato nell'Unione da:

Nextem Italia Srl

via Marradi 14

57126 Livorno

Italia

68)

LIGIER GROUP

route d'Hauterive 105

3200 Abrest

Francia

69)

LONDON EV COMPANY

Rappresentato nell'Unione da:

China-Euro Vehicle Technology (CEVT)

Theres Svenssons Gata 7

41755 Göteborg

Svezia

70)

LOTUS CARS LIMITED

Rappresentato nell'Unione da:

China-Euro Vehicle Technology (CEVT)

Theres Svenssons Gata 7

41755 Göteborg

Svezia

71)

MAGYAR SUZUKI CORPORATION LTD

Schweidel József u. 52.

2500 Esztergom

Ungheria

72)

MAHINDRA & MAHINDRA LTD

Rappresentato nell'Unione da:

Mahindra Europe Srl

via Cancelliera, 35

00072 Ariccia (Roma)

Italia

73)

Raggruppamento MAN-SAIC (N1)

Responsabile del raggruppamento:

MAN Truck & Bus SE

Casella postale 011/1882

38436 Wolfsburg

Germania

74)

MAN TRUCK & BUS SE

Casella postale 011/1882

38436 Wolfsburg

Germania

75)

MARUTI SUZUKI INDIA LTD

Rappresentato nell'Unione da:

Magyar Suzuki Corporation Ltd.

Schweidel József u. 52.

2500 Esztergom

Ungheria

76)

MASERATI SpA

viale Ciro Menotti 322

41122 Modena

Italia

77)

MAZDA MOTOR CORPORATION

Rappresentato nell'Unione da:

Mazda Motor Europe GmbH

European R&D Centre

Hiroshimastraße 1

61440 Oberursel/Taunus

Germania

78)

MAZDA MOTOR LOGISTIC EUROPE N.V.

Blaasveldstraat 162

2830 Willebroek

Belgio

79)

MCLAREN AUTOMOTIVE LIMITED

Rappresentato nell'Unione da:

McLaren Automotive Europe S.L.U.

Pol. Ind. L'Albornar S/N

43710 Santa Oliva, Tarragona

Spagna

80)

MERCEDES-AMG GmbH

Daimlerstrasse 1,

71563 Affalterbach

Germania

81)

MERCEDES-BENZ AG

Mercedesstraße 120

70372 Stoccarda

Germania

82)

Raggruppamento MERCEDES-BENZ (M1)

Responsabile del raggruppamento:

Mercedes-Benz AG

Mercedesstraße 120

70372 Stoccarda

Germania

83)

Raggruppamento MERCEDES-BENZ (N1)

Responsabile del raggruppamento:

Mercedes-Benz AG

Mercedesstraße 120

70372 Stoccarda

Germania

84)

MG MOTOR UK LIMITED

Rappresentato nell'Unione da:

SAIC Motor Europe B.V.

Professor W.H. Keesomlaan 12

Amstelveen

Paesi Bassi

85)

MITSUBISHI MOTORS CORPORATION MMC

Rappresentato nell'Unione da:

Mitsubishi Motor R&D Europe GmbH

Diamantstraße 1

65468 Trebur

Germania

86)

MITSUBISHI MOTORS THAILAND CO LTD

Rappresentato nell'Unione da:

Mitsubishi Motor R&D Europe GmbH

Diamantstraße 1

65468 Trebur

Germania

87)

MORGAN TECHNOLOGIES LTD

Rappresentato nell'Unione da:

Corbital Limited

8 Priory Office Park

Stillgorgan Road

Blackrock

Co. Dublin

Irlanda

88)

NEXT E.GO MOBILE SE

Lilienthalstraße 1

52068 Aquisgrana

Germania

89)

NISSAN INTERNATIONAL SA

Nissan Automotive Europe SAS

8 rue Jean-Pierre Timbaud,

78180 Montigny-le-Bretonneux

Francia

90)

OPEL AUTOMOBILE GmbH

Bahnhofsplatz 1 IPC 39-13

65423 Rüsselsheim am Main

Germania

91)

PAGANI AUTOMOBILI SpA

via dell'Artigianato 5

41018 San Cesario sul Panaro (Modena)

Italia

92)

PIAGGIO & C SPA

viale Rinaldo Piaggio 25

56025 Pontedera (Pisa)

Italia

93)

PSA AUTOMOBILES SA

2-10 boulevard de l'Europe

78300 Poissy

Francia

94)

Raggruppamento PSA-OPEL (M1)

Responsabile del raggruppamento:

PSA Automobiles SA

2-10 boulevard de l'Europe

78300 Poissy

Francia

95)

Raggruppamento RENAULT-NISSAN-MITSUBISHI (M1)

Responsabile del raggruppamento:

Renault SAS

122-122 bis avenue du Général Leclerc

92100 Boulogne-Billancourt

Francia

96)

Raggruppamento RENAULT-NISSAN-MITSUBISHI (N1)

Responsabile del raggruppamento:

Renault SAS

122-122 bis avenue du Général Leclerc

92100 Boulogne-Billancourt

Francia

97)

RENAULT SAS

122-122 bis avenue du Général Leclerc

92100 Boulogne-Billancourt

Francia

98)

RENAULT TRUCKS

99 route de Lyon TER L10 0 01

69806 Saint Priest Cedex

Francia

99)

ROLLS-ROYCE MOTOR CARS LTD

Petuelring 130

80788 Monaco di Baviera

Germania

100)

ROMANITAL SRL

via delle Industrie 107

90040 Isola delle Femmine (PA)

Italia

101)

SAIC MAXUS AUTOMOTIVE CO LTD

Rappresentato nell'Unione da:

SAIC Europe Sarl

rue Robert Stümper 4,

2557 Lussemburgo

Lussemburgo

102)

SAIC MOTOR CORPORATION

Rappresentato nell'Unione da:

SAIC Motor Europe BV

Professor W.H. Keesomlaan 12,

1183 DJ Amstelveen

Paesi Bassi

103)

SEAT SA

Casella postale 011/1882

38436 Wolfsburg

Germania

104)

SECMA SAS

rue Denfert Rochereau

59580 Aniche

Francia

105)

SKODA AUTO AS

Casella postale 011/1882

38436 Wolfsburg

Germania

106)

SOCIÉTÉ DES AUTOMOBILES ALPINE

122-122 bis avenue du Général Leclerc

92100 Boulogne-Billancourt

Francia

107)

SSANGYONG MOTOR COMPANY

Rappresentato nell'Unione da:

SsangYongEuropean Parts Center B.V.

IABC 5253 - 5254

4814 RD Breda

Paesi Bassi

108)

STREETSCOOTER GMBH

Jülicher Straße 191

52070 Aquisgrana

Germania

109)

SUBARU CORPORATION

Rappresentato nell'Unione da:

Subaru Europe NV/SA

Leuvensesteenweg 555 B/8

1930 Zaventem

Belgio

110)

SUZUKI MOTOR CORPORATION

Rappresentato nell'Unione da:

Suzuki Magyar Corporation Ltd.

Schweidel József u. 52.

2500 Esztergom

Ungheria

111)

SUZUKI MOTOR THAILAND CO LTD

Rappresentato nell'Unione da:

Suzuki Magyar Corporation Ltd.

Schweidel József u. 52.

2500 Esztergom

Ungheria

112)

Raggruppamento SUZUKI (M1)

Responsabile del raggruppamento:

Suzuki Motor Corporation

Rappresentato nell'Unione da:

Suzuki Magyar Corporation Ltd.

Schweidel József u. 52.

2500 Esztergom

Ungheria

113)

TECNO MECCANICA IMOLA SpA

via Selice, Provinciale 42E

40026 Imola, Bologna

Italia

114)

TESLA INC

Rappresentato nell'Unione da:

Tesla Motors Netherlands B.V.

Burgemeester Stramanweg 122

1101 EN Amsterdam

Paesi Bassi

115)

Raggruppamento TOYOTA-MAZDA (M1)

Responsabile del raggruppamento:

Toyota Motor Europe NV SA

avenue du Bourget, 60

1140 Bruxelles

Belgio

116)

TOYOTA MOTOR EUROPE NV SA

avenue du Bourget, 60

1140 Bruxelles

Belgio

117)

UAZ

Rappresentato nell'Unione da:

C&P Motor Group s.n.c.

via E. Mattei 65

Asciano (SI)

Italia

118)

UNIVERS VE HELEM

14, rue Federico Garcia Lorca

32000 Auch

Francia

119)

VOLKSWAGEN AG

Casella postale 011/1882

38436 Wolfsburg

Germania

120)

Raggruppamento VOLKSWAGEN-SAIC (M1)

Responsabile del raggruppamento:

Volkswagen AG

Casella postale 011/1882

38436 Wolfsburg

Germania

121)

VOLVO CAR CORPORATION

Regulatory Affairs Environment (Dep 58832)

PV3A1, PVE Reception, Assar Gabrielssons väg

40531 Göteborg

Svezia

122)

XYT

6 ruelle de l'église

91350 Grigny

Francia

Fatto a Bruxelles, il 26 settembre 2022

Per la Commissione

Frans TIMMERMANS

Vicepresidente esecutivo


(1)  GU L 111 del 25.4.2019, pag. 13.

(2)  Regolamento di esecuzione (UE) 2017/1153 della Commissione, del 2 giugno 2017, che stabilisce un metodo per determinare i parametri di correlazione necessari per tener conto del cambio di procedura regolamentare di prova e che modifica il regolamento (UE) n. 1014/2010 (GU L 175 del 7.7.2017, pag. 679).

(3)  Regolamento di esecuzione (UE) 2017/1152 della Commissione, del 2 giugno 2017, che stabilisce un metodo per determinare i parametri di correlazione necessari per tener conto del cambio di procedura regolamentare di prova per quanto riguarda i veicoli commerciali leggeri e che modifica il regolamento (UE) n. 293/2012 (GU L 175 del 7.7.2017, pag. 644).


ALLEGATO I

Parte A

RISULTATI RAGGIUNTI DAI COSTRUTTORI DI AUTOVETTURE

Tabella 1

Risultati raggiunti nell'anno civile 2020 dai singoli costruttori di autovetture in conformità dell'articolo 9 del regolamento (UE) 2019/631

A

B

C

D

E

F

G

H

I

J

K

Nome del costruttore

Raggruppamenti di costruttori

Deroghe

Esenzioni

Numero totale di immatricolazioni

Numero di immatricolazioni considerate (95 %)

Massa media

Emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC

Obiettivo specifico per le emissioni

Scostamento dall'obiettivo

Supercrediti

Risparmi di CO2 dovuti alle ecoinnovazioni

Margine di errore

ADAM OPEL GmbH

 

2

1

1 691,00

0

105,36

- 105,36

0

0

0

ADIDOR VOITURES SAS

DMD

16

15

1 315,00

137,000

 

 

0

0

 

ALFA ROMEO SpA

P2

34 483

32 758

1 622,57

143,334

103,082

40,252

0

0,619

0

ALPINA BURKARD BOVENSIEPEN GMBH E CO KG

D

605

574

2 053,02

199,279

214,000

-14,721

0

0

0

ANHUI JIANGHUAI AUTOMOBILE

DMD

114

108

1 535,00

0

 

 

0

0

 

ASTON MARTIN LAGONDA LTD

D

1 487

1 412

1 962,08

255,471

290,000

-34,529

0

0

0

AUDI AG

P11

564 595

536 365

1 683,79

104,588

105,120

-0,532

7,5

0,646

0

AUDI HUNGARIA MOTOR KFT

P11

3 824

3 632

1 416,83

148,052

96,230

51,822

0

0,001

0

AUDI SPORT GmbH

P11

13 505

12 829

1 905,33

227,140

112,497

114,643

0

0

0

AUTOMOBILE DACIA SA

P8

278 828

264 886

1 184,74

111,233

88,502

22,730

0,729

0,955

0,001

AUTOMOBILES CITROEN

P7

340 836

323 794

1 167,80

95,997

87,938

8,058

0,607

0,971

0,001

AUTOMOBILES PEUGEOT

P7

351 543

333 965

1 395,74

94,306

95,528

-1,222

3,073

0,481

0

AUTOMOBILI LAMBORGHINI SpA

D

1 537

1 460

2 021,67

319,607

304,000

15,607

0

0,241

0

AVTOVAZ JSC

P8

884

839

1 313,44

183,838

92,788

91,050

0

0

0

BAYERISCHE MOTOREN WERKE AG

P1

801 925

761 828

1 647,62

98,137

103,916

-5,779

7,5

2,114

0

BEIJING BORGWARD AUTOMOTIVE CO LTD

DMD

1

0

1 854,00

 

 

 

 

 

 

BENTLEY MOTORS LTD

D

2 753

2 615

2 452,10

255,614

245,000

10,614

0

0,006

0

BLUECAR SAS

DMD

6

5

1 515,00

0

 

 

0

0

 

BMW M GmbH

P1

14 510

13 784

1 863,37

228,218

111,100

117,118

0

0,283

0

BUGATTI AUTOMOBILES SAS

P11

7

6

2 070,00

522,833

117,981

404,852

0

0

0

CATERHAM CARS LIMITED

DMD

127

120

693,70

167,142

 

 

0

0

 

CNG-TECHNIK GmbH

P3

12 060

11 457

1 508,72

100,219

99,290

0,929

0

0

0

DFSK MOTOR CO LTD

DMD

733

696

1 628,78

223,672

 

 

2,893

0

 

DONKERVOORT AUTOMOBIELEN BV

DMD

1

0

865,00

 

 

 

 

 

 

DR AUTOMOBILES SRL

D

3 329

3 162

1 409,93

139,400

148,000

-8,600

0

0

0

DR ING HCF PORSCHE AG

P11

68 130

64 723

2 004,95

136,493

115,815

20,662

7,5

0,770

0,016

DR MOTOR COMPANY SRL

D

7

6

1 352,86

175,667

148,000

27,667

0

0

0

FABBRICA DALLARA SRL

DMD

12

11

1 010,00

230,000

 

 

0

0

 

FABRYKA SAMOCHODÓW OSOBOWYCH SYRENA W KUTNIE SA

DMD

5

4

1 300,00

145,000

 

 

0

0

 

FERRARI SpA

D

3 591

3 411

1 688,05

277,964

280,000

-2,036

0

0

0

FCA ITALY SpA

P2

488 321

463 904

1 184,89

104,803

88,507

16,296

2,039

1,412

0

FCA US LLC

P2

105 438

100 166

1 612,46

132,733

102,745

29,988

3,182

0,905

0

FORD INDIA PRIVATE LIMITED

P3

53

50

1 149,79

118,380

87,338

31,042

0

0

0

FORD MOTOR COMPANY OF AUSTRALIA LIMITED

P3

2

1

2 370,50

204,000

127,988

76,012

0

0

0

FORD MOTOR COMPANY

P3

10 220

9 709

1 938,21

233,057

113,592

119,463

0

0,558

0,002

FORD-WERKE GmbH

P3

648 948

616 500

1 442,12

99,956

97,073

2,882

2,779

2,289

0,001

GENERAL MOTORS HOLDINGS LLC

D

53

50

1 816,57

167,360

245,000

-77,640

0

0

0

GREAT WALL MOTOR COMPANY LIMITED

DMD

371

352

1 605,90

160,000

 

 

0

0

 

GUMPERT SPORTWAGENMANUFAKTUR GMBH

DMD

1

0

1 825,00

 

 

 

 

 

 

HENAN SUDA ELECTRIC VEHICLES TECHNOLOGY

DMD

27

25

1 465,00

0

 

 

0

0

 

HONDA MOTOR CO LTD

P2

78 277

74 363

1 425,25

102,240

96,511

5,729

5,410

0,677

0

HYUNDAI ASSAN OTOMOTIV SANAYI VE TICARET AS

P4

114 691

108 956

1 063,25

110,538

84,456

26,081

0

0,610

0,001

HYUNDAI MOTOR COMPANY

P4

143 251

136 088

1 505,31

68,226

99,177

-30,964

7,5

0,057

0,013

HYUNDAI MOTOR MANUFACTURING CZECH SRO

P4

158 777

150 838

1 525,98

110,238

99,865

10,364

7,5

0,239

0,009

ISUZU MOTORS LTD

DMD

1

0

1 605,00

 

 

 

 

 

 

JAGUAR LAND ROVER LIMITED

ND

157 013

149 162

2 096,03

134,657

131,823

2,834

7,5

0,571

0

JIANGLING MOTOR HOLDING CO LTD

P11

697

662

1 837,75

0

110,247

- 110,247

0

0

0

KIA CORPORATION

P5

273 022

259 370

1 358,97

83,073

94,304

-11,301

7,5

0,077

0,070

KIA SLOVAKIA SRO

P5

144 848

137 605

1 460,96

110,891

97,700

13,189

7,5

0,074

0,002

LADA AUTOMOBILE GmbH

DMD

334

317

1 265,00

224,019

 

 

0

0

 

LANZHOU ZHIDOU ELECTRIC VEHICLE

DMD

3

2

865,00

0

 

 

0

0

 

LONDON EV COMPANY

P11

1

0

2 305,00

 

 

 

 

 

 

LOTUS CARS LIMITED

D

484

459

1 099,88

199,200

225,000

-25,800

0

0

0

MAGYAR SUZUKI CORPORATION LTD

P9/ND

58 881

55 936

1 273,35

111,247

90,283

20,964

0,005

1,997

0

MAHINDRA & MAHINDRA LTD

D

1 135

1 078

1 223,78

148,000

160,000

-12,000

0

0

0

MARUTI SUZUKI INDIA LTD

P9/ND

1 749

1 661

953,00

106,966

90,283

16,683

0

0,004

0

MASERATI SpA

D

3 152

2 994

2 144,94

234,649

235,000

-0,452

0

0

0,101

MAZDA MOTOR CORPORATION

P10

132 705

126 069

1 438,36

105,609

96,947

8,662

7,5

0,669

0

MAZDA MOTOR LOGISTIC EUROPE N.V.

P10

11 823

11 231

1 377,24

111,346

94,912

16,434

0

1,236

0

MCLAREN AUTOMOTIVE LIMITED

D

571

542

1 533,52

258,530

250,000

8,530

0

0

0

MERCEDES-AMG GmbH

P6

3 251

3 088

1 920,49

244,803

113,002

131,748

0,475

0,001

0,053

MERCEDES-BENZ AG

P6

735 395

698 625

1 727,51

103,530

106,576

-3,049

7,5

0,710

0,003

MG MOTOR UK LIMITED

P11

17 943

17 045

1 446,76

88,537

97,227

-8,690

7,5

0

0

MITSUBISHI MOTORS CORPORATION MMC

P8

64 215

61 004

1 694,45

99,593

105,475

-5,899

7,5

0,295

0,017

MITSUBISHI MOTORS THAILAND CO LTD MMTH

P8

33 958

32 260

947,48

104,223

80,601

23,622

0

0,689

0

MORGAN TECHNOLOGIES LTD

DMD

353

335

1 125,45

179,042

 

 

0

0

 

NEXT EGO MOBILE SE

P11

490

465

1 231,00

0

90,042

-90,042

0

0

0

NISSAN INTERNATIONAL SA

P8

289 734

275 247

1 394,38

95,509

95,483

0,026

7,5

0,642

0

OPEL AUTOMOBILE GmbH

P7

276 745

262 907

1 382,49

98,496

95,087

3,406

3,402

1,600

0,003

PAGANI AUTOMOBILI SpA

DMD

8

7

1 471,63

343,000

 

 

0

0

 

PSA AUTOMOBILES SA

P7

788 835

749 393

1 313,85

80,907

92,801

-11,895

7,5

1,048

1 E-03

RENAULT SAS

P8

961 689

913 604

1 352,49

88,321

94,088

-5,769

7,5

0,765

0,002

RENAULT TRUCKS

DMD

5

4

2 226,00

171,250

 

 

0

0

 

ROLLS-ROYCE MOTOR CARS LTD

P1

508

482

2 655,53

349,923

137,479

212,444

0

0

0

SAIC MAXUS AUTOMOTIVE CO LTD

 

121

114

1 889,55

0

111,972

- 111,972

0

0

0

SAIC MOTOR CORPORATION LTD

P11

7 726

7 339

1 590,54

0

102,015

- 102,015

0

0

0

SEAT SA

P11

363 821

345 629

1 344,30

106,315

93,815

12,472

3,822

1,062

0,028

SKODA AUTO AS

P11

606 638

576 306

1 385,40

101,771

95,184

6,587

4,766

1,362

0

SOCIÉTÉ DES AUTOMOBILES ALPINE

P8

1 124

1 067

1 174,24

146,736

88,152

58,581

0

0

0,003

SSANGYONG MOTOR COMPANY

D

8 957

8 509

1 498,37

155,452

159,000

-3,548

0

0

0

SUBARU CORPORATION

ND

17 028

16 176

1 646,44

154,605

120,718

33,886

0

1,378

0,001

SUZUKI MOTOR CORPORATION

P9/ND

107 242

101 879

1 013,49

95,445

90,283

5,162

1,396

2,028

0

SUZUKI MOTOR THAILAND CO LTD

P9/ND

1 150

1 092

890,08

89,016

90,283

-1,267

0

0

0

TECNO MECCANICA IMOLA SpA

DMD

3

2

712,00

0

 

 

0

0

 

TESLA INC

P2

92 526

87 899

1 928,15

0

113,257

- 113,257

0

0

0

TOYOTA MOTOR EUROPE NV SA

P10

684 726

650 489

1 372,60

91,781

94,758

-2,981

0,728

0,220

0,004

VOLKSWAGEN AG

P11

1 307 003

1 241 652

1 461,45

96,833

97,716

-0,888

7,5

0,467

0,005

VOLVO CAR CORPORATION

P3

286 645

272 312

1 873,11

95,900

111,425

-15,532

7,5

0,149

0,007


Tabella 2

Risultati raggiunti nell'anno civile 2020 dai raggruppamenti di costruttori di autovetture in conformità dell'articolo 9 del regolamento (UE) 2019/631

A

B

C

D

E

F

G

H

I

J

K

Nome del raggruppamento di costruttori

Raggruppamenti di costruttori

Deroghe

Numero totale di immatricolazioni

Numero di immatricolazioni considerate (95 %)

Massa media

Emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC

Obiettivo specifico per le emissioni

Scostamento dall'obiettivo

Supercrediti

Risparmi di CO2 dovuti alle ecoinnovazioni

Margine di errore

BMW

P1

816 943

776 095

1 652,08

99,211

104,064

-4,853

7,5

2,130

0

FCA

P2

799 045

759 092

1 369,81

90,935

94,665

-3,730

7,5

0,974

0

FORD-VOLVO

P3

957 928

910 031

1 577,21

96,090

101,571

-5,484

7,5

1,497

0,003

HYUNDAI

P4

416 719

395 883

1 391,52

93,232

95,388

-2,164

7,5

0,255

0,008

KIA

P5

417 870

396 976

1 394,32

92,716

95,481

-2,800

7,5

0,076

0,035

MERCEDES-BENZ

P6

738 646

701 713

1 728,36

103,883

106,604

-2,725

7,5

0,708

0,004

PSA-OPEL

P7

1 757 959

1 670 061

1 312,71

88,504

92,763

-4,260

5,324

1,010

0,001

RENAULT-NISSAN-MITSUBISHI

P8

1 630 432

1 548 910

1 336,13

92,566

93,543

-0,979

7,5

0,749

0,002

SUZUKI

P9/ND

169 022

160 570

1 102,55

100,713

90,283

10,430

0,953

1,983

0

TOYOTA-MAZDA

P10

829 254

787 791

1 383,19

93,992

95,110

-1,121

1,745

0,318

0,003

VW-SAIC

P11

2 954 380

2 806 661

1 488,70

99,569

98,624

0,945

7,5

0,746

0

Note esplicative per le tabelle 1 e 2

Per tutti i calcoli sottostanti ai valori elencati in queste tabelle sono stati presi in considerazione solo i veicoli per i quali sono state comunicate sia le emissioni di CO2 basate sulla procedura NEDC che la massa in ordine di marcia.

Colonna A:

Tabella 1: «Nome del costruttore» è il nome del costruttore notificato alla Commissione dallo stesso costruttore o, in assenza di tale notifica, il nome comunicato del paese dichiarante.

Tabella 2: «Nome del raggruppamento di costruttori» è il nome del raggruppamento dichiarato dal responsabile del raggruppamento.

Colonna B:

«D» significa che è stata concessa una deroga in conformità dell'articolo 10, paragrafo 3, del regolamento (UE) 2019/631 per l'anno civile 2020 (per un costruttore di volumi ridotti);

«ND» significa che è stata concessa una deroga in conformità dell'articolo 10, paragrafo 4, del regolamento (UE) 2019/631 per l'anno civile 2020 (per un costruttore di nicchia);

«DMD» significa che si applica un'esenzione de minimis a norma dell'articolo 2, paragrafo 4, del regolamento (UE) 2019/631, in modo che il costruttore non sia tenuto a soddisfare un obiettivo specifico per le emissioni nel 2020;

«P» significa che il costruttore è membro di un raggruppamento costituito a norma dell'articolo 6 del regolamento (UE) 2019/631 per il quale l'accordo stipulato per il raggruppamento è valido per l'anno civile 2020.

Colonna C:

«Numero totale di immatricolazioni» è il numero totale di autovetture nuove immatricolate nell'anno civile 2020 nell'Unione europea, in Islanda, in Norvegia e nel Regno Unito per le quali il costruttore (tabella 1) o i membri del raggruppamento (tabella 2) sono responsabili.

Colonna D:

«Numero di immatricolazioni considerate (95 %)» è il 95 % del numero totale di autovetture nuove immatricolate nell'anno civile 2020 nell'Unione europea, in Islanda, in Norvegia e nel Regno Unito per le quali il costruttore (tabella 1) o i membri del raggruppamento (tabella 2) sono responsabili (95 % del numero nella colonna C). In conformità dell'articolo 4, paragrafo 3, del regolamento (UE) 2019/631 e della comunicazione della Commissione 2017/C 218/01, per l'anno civile 2020 si tiene conto solo del 95 % delle autovetture nuove che emettono le emissioni più basse per determinare le emissioni specifiche medie di CO2 di ciascun costruttore o raggruppamento.

Colonna E:

«Massa media" (kg) è la massa media in ordine di marcia di tutte (100 %) le autovetture nuove immatricolate nell'Unione europea, in Islanda, in Norvegia e nel Regno Unito nell'anno civile 2020 per le quali il costruttore (tabella 1) o i membri del raggruppamento (tabella 2) sono responsabili.

Colonna F:

«Emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC" (g CO2/km) sono le emissioni specifiche medie di CO2 determinate in conformità dell'articolo 3 del regolamento di esecuzione (UE) 2017/1153 della Commissione per il 95 % delle autovetture nuove che emettono le emissioni più basse (in conformità dell'articolo 4, paragrafo 3, del regolamento (UE) 2019/631) immatricolate nel 2020 nell'Unione europea, in Islanda, in Norvegia e nel Regno Unito per le quali il costruttore (tabella 1) o i membri del raggruppamento (tabella 2) sono responsabili.

Nel calcolo delle emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC si è tenuto conto, ove applicabile, dei seguenti elementi:

l'uso di supercrediti (colonna I);

i risparmi di emissioni di CO2 derivanti dall'uso di ecoinnovazioni (colonna J).

Colonna G:

«Obiettivo specifico per le emissioni» (g CO2/km) è l'obiettivo specifico per le emissioni del costruttore (tabella 1) o del raggruppamento (tabella 2) calcolato in conformità dell'allegato I, parte A, punti 1 e 2, del regolamento (UE) 2019/631 e con il valore M0 pari a 1 379,88, oppure, se del caso («D» o «ND» nella colonna B), l'obiettivo in deroga concesso a norma dell'articolo 10 del regolamento (UE) 2019/631. Se il costruttore beneficia di un'esenzione a norma dell'articolo 2, paragrafo 4, del regolamento (UE) 2019/631 («DMD» nella colonna B), non si applica alcun obiettivo specifico per le emissioni e non è pertanto indicato alcuno «scostamento dall'obiettivo» (colonna H) o «margine di errore» (colonna K).

Colonna H:

«Scostamento dall'obiettivo» (g CO2/km) è la differenza tra le emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC (colonna F) e l'obiettivo specifico per le emissioni (colonna G), da cui è sottratto il margine di errore (colonna K).

Se il valore dello scostamento dall'obiettivo è superiore a zero, ciò significa che l'obiettivo specifico per le emissioni è stato superato.

Per un costruttore membro di un raggruppamento («P» nella colonna B), la conformità all'obiettivo specifico per le emissioni è valutata solo a livello di raggruppamento.

Colonna I:

«Supercrediti» (g CO2/km) sono i crediti di emissioni di cui all'articolo 5 del regolamento (UE) 2019/631, determinati in conformità del punto 4.1, lettera g), della comunicazione della Commissione 2017/C 218/01, di cui si tiene conto per il calcolo delle emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC (colonna F), con un massimo di 7,5 g CO2/km. Per determinare la quantità di supercrediti assegnati a un costruttore o raggruppamento, ciascuna delle sue autovetture nuove immatricolate nel 2020 nell'Unione europea, in Islanda, in Norvegia e nel Regno Unito con emissioni specifiche di CO2 inferiori a 50 g CO2/km (NEDC) conta come due autovetture.

Colonna J:

«Risparmi di CO2 dovuti alle ecoinnovazioni» (g CO2/km) sono i risparmi di emissioni di cui si tiene conto per il calcolo delle emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC (colonna F) derivanti dall'uso di tecnologie innovative che forniscono un contributo comprovato alle riduzioni di CO2 e che sono state approvate dalla Commissione a norma dell'articolo 11 del regolamento (UE) 2019/631. Sono state prese in considerazione solo le ecoinnovazioni approvate in relazione alla procedura di verifica delle emissioni basate sulla procedura NEDC. I risparmi di CO2 dovuti alle ecoinnovazioni sono calcolati in conformità del punto 4.1, lettera f), della comunicazione della Commissione 2017/C 218/01.

Colonna K:

«Margine di errore» (g CO2/km) è il valore in base al quale è stata corretta la differenza tra le emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC (colonna F) e l'obiettivo specifico per le emissioni (colonna G) per il calcolo dello scostamento dall'obiettivo (colonna H), al fine di tenere conto dei dati notificati alla Commissione dal costruttore (tabella 1) o dal raggruppamento (tabella 2) con il codice di errore B di cui all'articolo 6 del regolamento di esecuzione (UE) 2021/392 della Commissione.

Il margine di errore è calcolato con la seguente formula:

Margine di errore = valore assoluto di [(AC1 – TG1) – (AC2 – TG2)]

AC1

=

emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC, inclusi i dati con codice di errore B (come da colonna F);

TG1

=

obiettivo specifico per le emissioni, inclusi i dati con codice di errore B (come da colonna G);

AC2

=

emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC, calcolate dopo aver escluso i dati con codice di errore B;

TG2

=

obiettivo specifico per le emissioni calcolato dopo aver escluso i dati con codice di errore B.

Parte B

RISULTATI RAGGIUNTI DAI COSTRUTTORI DI VEICOLI COMMERCIALI LEGGERI

Tabella 1

Risultati raggiunti nell'anno civile 2020 dai singoli costruttori di veicoli commerciali leggeri in conformità dell'articolo 9 del regolamento (UE) 2019/631

A

B

C

D

E

F

G

H

I

Nome del costruttore

Raggruppamenti di costruttori

Deroghe

Esenzioni

Numero totale di immatricolazioni

Massa media

Emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC

Obiettivo specifico per le emissioni

Scostamento dall'obiettivo

Risparmi di CO2 dovuti alle ecoinnovazioni

Margine di errore

ADDAX MOTOR NV

DMD

26

1 104,14

0

 

 

0

 

ALFA ROMEO SpA

P1

150

1 736,13

138,475

144,094

-5,619

1,058

0

ALKE SRL

DMD

109

1 081,23

0

 

 

0

 

AUDI AG

P5

36

1 859,58

140,839

155,945

-15,106

0,633

0

AUDI SPORT GmbH

P5

1

2 390,00

276,000

206,866

69,134

0

0

AUTOMOBILE DACIA SA

P7

20 445

1 300,73

119,841

102,296

17,543

0,908

0,002

AUTOMOBILES CITROEN

P1

67 812

1 876,32

146,134

157,552

-11,418

0,007

0

AUTOMOBILES PEUGEOT

P1

124 203

1 864,06

145,768

156,375

-10,607

0,001

0

AVTOVAZ JSC

P7

98

1 271,94

226,122

99,532

126,590

0

0

BAYERISCHE MOTOREN WERKE AG

DMD

52

1 813,75

134,854

 

 

3,108

 

BYD AUTO INDUSTRY COMPANY LIMITED

DMD

40

1 775,00

0

 

 

0

 

CHEVROLET ITALIA SPA

DMD

1

2 445,00

243,000

 

 

0

 

CNG-TECHNIK GmbH

P2

2

1 716,00

102,000

142,162

-40,162

0

0

DFSK MOTOR CO LTD

DMD

333

1 267,36

195,360

 

 

0

 

DR ING HCF PORSCHE AG

 

5

2 320,00

142,620

200,146

-57,526

0,780

0

ESAGONO ENERGIA SRL

DMD

15

1 186,20

0

 

 

0

 

FCA ITALY SpA

P1

110 365

1 816,94

160,447

151,852

8,595

0,788

0

FCA US LLC

P1

680

1 553,87

124,113

126,597

-2,484

0,918

0

FORD MOTOR COMPANY OF AUSTRALIA LIMITED

P2

38 859

2 372,22

210,323

205,159

5,163

0

0,001

FORD-WERKE GmbH

P2

214 364

1 973,38

157,615

166,870

-9,255

0,007

0

GOUPIL INDUSTRIE SAS

P5

691

1 019,78

0,000

75,324

-75,387

0

0,063

GREAT WALL MOTOR COMPANY LIMITED

DMD

386

1 948,72

235,396

 

 

0

 

HONDA MOTOR CO LTD

DMD

2

1 521,50

104,000

 

 

0

 

HYUNDAI ASSAN OTOMOTIV SANAYI VE

P3/DMD

99

1 084,58

116,424

 

 

0

 

HYUNDAI MOTOR COMPANY

P3/DMD

296

1 797,87

153,283

 

 

0,004

 

HYUNDAI MOTOR MANUFACTURING CZECH SRO

P3/DMD

45

1 517,38

119,316

 

 

0,107

 

ISUZU MOTORS LIMITED

D

4 932

2 170,25

202,973

213,000

-10,027

0

0

IVECO SPA

 

13 924

2 431,82

205,163

210,880

-5,717

0

0

JAGUAR LAND ROVER LIMITED

 

1 617

2 389,57

198,508

206,824

-8,316

0,005

0

KIA CORPORATION

P4/DMD

466

1 467,85

108,935

 

 

0,003

 

KIA SLOVAKIA SRO

P4/DMD

50

1 595,26

113,720

 

 

0

 

LADA AUTOMOBILE GmbH

DMD

2

1 265,00

224,000

 

 

0

 

LIGIER GROUP

DMD

86

720,62

0

 

 

0

 

LONDON EV COMPANY

DMD

4

2 271,00

34,000

 

 

0

 

MAHINDRA & MAHINDRA LTD

D

147

2 133,57

237,762

246,000

-8,238

0

0

MAN TRUCK & BUS SE

P5

11 382

2 262,37

200,472

194,613

5,859

0

0

MAZDA MOTOR CORPORATION

DMD

26

1 580,69

140,654

 

 

0,269

 

MERCEDES-BENZ AG

P6

137 341

2 203,94

183,977

189,004

-5,031

0,027

0,004

MITSUBISHI MOTORS CORPORATION MMC

P7

35

1 930,29

50,800

162,733

- 111,933

0

0

MITSUBISHI MOTORS THAILAND CO LTD MMTH

P7

12 038

2 082,08

200,723

177,305

23,418

1,154

0

NISSAN INTERNATIONAL SA

P7

25 500

2 043,11

137,925

173,564

-35,655

0,127

0,016

OPEL AUTOMOBILE GmbH

P1

48 000

1 700,67

139,155

140,690

-1,536

0,013

0,001

PIAGGIO & C SPA

D

3 564

1 007,54

148,564

152,000

-3,436

0

0

PSA AUTOMOBILES SA

P1

128 280

1 434,79

110,514

115,165

-4,652

0,017

0,001

RENAULT SAS

P7

181 277

1 784,82

141,266

148,768

-7,503

0,639

0,001

RENAULT TRUCKS

 

6 812

2 321,60

183,374

200,299

-16,925

0,726

0

ROMANITAL SRL

DMD

43

1 330,02

171,442

 

 

0

 

SAIC MAXUS AUTOMOTIVE CO LTD

P5

1 561

2 060,98

62,006

175,280

- 113,274

0

0

SAIC MOTOR CORPORATION

P5

1

1 607,00

0

131,698

- 131,698

0

0

SEAT SA

P5

160

1 365,52

113,106

108,516

4,590

0,250

0

SKODA AUTO AS

P5

49

1 441,84

117,484

115,842

1,642

0,945

0

SSANGYONG MOTOR COMPANY

D

863

2 162,17

220,973

209,000

11,973

0

0

STREETSCOOTER GMBH

 

2 828

1 691,03

0

139,764

- 139,764

0

0

SUBARU CORPORATION

DMD

8

1 719,13

155,150

 

 

2,100

 

SUZUKI MOTOR CORPORATION

DMD

10

1 165,00

138,000

 

 

0

 

TOYOTA MOTOR EUROPE NV SA

 

49 758

1 919,73

156,490

161,720

-5,230

0,015

0

UAZ

DMD

3

1 946,33

235,000

 

 

0

 

UNIVERS VE HELEM

DMD

1

1 188,00

0

 

 

0

 

VOLKSWAGEN AG

P2

157 441

1 951,96

172,760

164,814

7,944

0,001

0,002

VOLVO CAR CORPORATION

DMD

1 181

1 732,82

125,954

 

 

0,033

 

XYT

DMD

4

940,00

0

 

 

0

 


Tabella 2

Risultati raggiunti nell'anno civile 2020 dai raggruppamenti di costruttori di veicoli commerciali leggeri in conformità dell'articolo 9 del regolamento (UE) 2019/631

A

B

C

D

E

F

G

H

I

Nome del raggruppamento di costruttori

Raggruppamenti di costruttori

Esenzioni

Numero totale di immatricolazioni

Massa media

Emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC

Obiettivo specifico per le emissioni

Scostamento dall'obiettivo

Risparmi di CO2 dovuti alle ecoinnovazioni

Margine di errore

FCA-PSA

P1

479 490

1 723,27

139,072

142,860

-3,788

0,190

0

FORD-VOLKSWAGEN

P2

410 666

2 002,91

168,408

169,705

-1,297

0,004

0

HYUNDAI

P3/DMD

440

1 608,69

141,516

 

 

0,014

 

KIA

P4/DMD

516

1 480,19

109,398

 

 

0,003

 

MAN-SAIC

P5

13 881

2 163,55

173,457

185,126

-11,695

0,008

0,026

MERCEDES-BENZ

P6

137 341

2 203,94

183,977

189,004

-5,031

0,027

0,004

RENAULT-NISSAN-MITSUBISHI

P7

239 393

1 785,75

142,091

148,858

-6,768

0,633

0,001

Note esplicative per le tabelle 1 e 2

Per tutti i calcoli sottostanti ai valori elencati in queste tabelle sono stati presi in considerazione solo i veicoli per i quali sono state comunicate sia le emissioni di CO2 basate sulla procedura NEDC che la massa in ordine di marcia.

Colonna A:

Tabella 1: «Nome del costruttore» è il nome del costruttore notificato alla Commissione dallo stesso costruttore o, in assenza di tale notifica, il nome comunicato del paese dichiarante.

Tabella 2: «Nome del raggruppamento di costruttori» è il nome del raggruppamento dichiarato dal responsabile del raggruppamento.

Colonna B:

«D» significa che è stata concessa una deroga in conformità dell'articolo 10, paragrafo 3, del regolamento (UE) 2019/631 per l'anno civile 2020 (per un costruttore di volumi ridotti);

«DMD» significa che si applica un'esenzione de minimis a norma dell'articolo 2, paragrafo 4, del regolamento (UE) 2019/631, in modo che il costruttore non sia tenuto a soddisfare un obiettivo specifico per le emissioni nel 2020;

«P» significa che il costruttore è membro di un raggruppamento costituito a norma dell'articolo 6 del regolamento (UE) 2019/631 per il quale l'accordo stipulato per il raggruppamento è valido per l'anno civile 2020.

Colonna C:

«Numero totale di immatricolazioni» è il numero totale di veicoli commerciali leggeri nuovi immatricolati nell'anno civile 2020 nell'Unione europea, in Islanda, in Norvegia e nel Regno Unito per i quali il costruttore (tabella 1) o i membri del raggruppamento (tabella 2) sono responsabili.

Colonna D:

«Massa media» (kg) è la massa media in ordine di marcia di tutti i veicoli commerciali leggeri nuovi immatricolati nell'anno civile 2020 nell'Unione europea, in Islanda, in Norvegia e nel Regno Unito per i quali il costruttore (tabella 1) o i membri del raggruppamento (tabella 2) sono responsabili.

Colonna E:

«Emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC» sono le emissioni specifiche medie di CO2 determinate in conformità dell'articolo 3 del regolamento di esecuzione (UE) 2017/1152 della Commissione per tutti i veicoli commerciali leggeri nuovi immatricolati nell'anno civile 2020 nell'Unione europea, in Islanda, in Norvegia e nel Regno Unito per i quali il costruttore (tabella 1) o i membri del raggruppamento (tabella 2) sono responsabili.

Nel calcolo delle emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC si è tenuto conto, se del caso, dei risparmi di emissioni di CO2 derivanti dall'uso di ecoinnovazioni (colonna H).

Colonna F:

«Obiettivo specifico per le emissioni» (g CO2/km) è l'obiettivo specifico per le emissioni del costruttore (tabella 1) o del raggruppamento (tabella 2) calcolato in conformità dell'allegato I, parte B, punti 1 e 2, del regolamento (UE) 2019/631 e con il valore M0 pari a 1 766,4, oppure, se del caso («D» nella colonna B), l'obiettivo in deroga concesso a norma dell'articolo 10 del regolamento (UE) 2019/631. Se il costruttore beneficia di un'esenzione a norma dell'articolo 2, paragrafo 4, del regolamento (UE) 2019/631 («DMD» nella colonna B), non si applica alcun obiettivo specifico per le emissioni e non è pertanto indicato alcuno «scostamento dall'obiettivo» (colonna G) o «margine di errore» (colonna I).

Colonna G:

«Scostamento dall'obiettivo» (g CO2/km) è la differenza tra le emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC (colonna E) e l'obiettivo specifico per le emissioni (colonna F), da cui è sottratto il margine di errore (colonna I).

Se il valore dello scostamento dall'obiettivo è superiore a zero, ciò significa che l'obiettivo specifico per le emissioni è stato superato.

Per un costruttore membro di un raggruppamento («P» nella colonna B), la conformità all'obiettivo specifico per le emissioni è valutata solo a livello di raggruppamento.

Colonna H:

«Risparmi di CO2 dovuti alle ecoinnovazioni» (g CO2/km) sono i risparmi di emissioni di cui si tiene conto per il calcolo delle emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC (colonna E) derivanti dall'uso di tecnologie innovative che forniscono un contributo comprovato alle riduzioni di CO2 e che sono state approvate dalla Commissione a norma dell'articolo 11 del regolamento (UE) 2019/631. Sono state prese in considerazione solo le ecoinnovazioni approvate in relazione alla procedura di verifica delle emissioni basate sulla procedura NEDC. I risparmi di CO2 dovuti alle ecoinnovazioni sono calcolati in conformità del punto 4.1, lettera f), della comunicazione della Commissione 2017/C 218/01.

Colonna I:

«Margine di errore» (g CO2/km) è il valore in base al quale è stata corretta la differenza tra le emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC (colonna E) e l'obiettivo specifico per le emissioni (colonna F) per il calcolo dello scostamento dall'obiettivo (colonna G), al fine di tenere conto dei dati notificati alla Commissione dal costruttore (tabella 1) o dal raggruppamento (tabella 2) con il codice di errore B di cui all'articolo 6 del regolamento di esecuzione (UE) 2021/392 della Commissione.

Il margine di errore è calcolato con la seguente formula:

Margine di errore = valore assoluto di [(AC1 – TG1) – (AC2 – TG2)]

AC1

=

emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC, inclusi i dati con codice di errore B (come da colonna E);

TG1

=

obiettivo specifico per le emissioni, inclusi i dati con codice di errore B (come da colonna F);

AC2

=

emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC, calcolate dopo aver escluso i dati con codice di errore B;

TG2

=

obiettivo specifico per le emissioni calcolato dopo aver escluso i dati con codice di errore B.


ALLEGATO II

Parte A

Valori da utilizzare ai fini del calcolo degli obiettivi specifici per le emissioni e degli obiettivi in deroga per gli anni civili da 2021 a 2024 in conformità dell'allegato I, parte A, punti 4 e 5, del regolamento (UE) 2019/631 (autovetture)

1.

Si usano i valori seguenti ai fini del calcolo degli obiettivi specifici per le emissioni applicabili nel periodo compreso tra il 2021 e il 2024 in conformità dell'allegato I, parte A, punto 4, del regolamento (UE) 2019/631:

a)

obiettivo per le emissioni specifiche di riferimento WLTP

L'obiettivo WLTP per le emissioni specifiche di riferimento calcolato in conformità dell'allegato I, parte A, punto 3 o punto 3 bis, del regolamento (UE) 2019/631 corrisponde al valore indicato nella colonna G della tabella 1 sottoriportata per ciascun costruttore e nella colonna G della tabella 2 sottoriportata per ciascun raggruppamento.

L'obiettivo per le emissioni specifiche di riferimento WLTP calcolato in conformità dell'allegato I, parte A, punto 3 ter, del regolamento (UE) 2019/631 è pari a 118,137 g CO2/km calcolato come media degli obiettivi per le emissioni specifiche di riferimento WLTP di tutti i costruttori di autovetture di cui alla colonna G della tabella 1 sottoriportata, ponderata in base al numero di veicoli immatricolati per ciascuno dei costruttori secondo quanto indicato nella colonna C della tabella 1 sottoriportata.

b)

Mø2020

Il valore Mø2020 corrisponde al valore specificato per ciascun costruttore e raggruppamento nella colonna E dell'allegato I, parte A, tabelle 1 e 2 della presente decisione.

Per i costruttori e i raggruppamenti che soddisfano le condizioni di cui all'allegato I, parte A, punto 3 ter, del regolamento (UE) 2019/631, il valore Mø2020 è pari a 1 455,69 kg, calcolato come massa media in ordine di marcia di tutti i costruttori di autovetture di elencati nell'allegato I, parte A, tabella 1, colonna E della presente decisione, ponderata in base al numero di veicoli immatricolati per ciascuno dei costruttori elencati nell'allegato I, parte A, tabella 1, colonna C, della presente decisione.

2.

I valori NEDCCO2 e WLTPCO2 da utilizzare ai fini del calcolo degli obiettivi in deroga applicabili nel periodo compreso tra il 2021 e il 2024 in conformità dell'allegato I, parte A, punto 5, del regolamento (UE) 2019/631 sono i seguenti:

a)

per i costruttori e i raggruppamenti di cui all'allegato I, parte A, punto 5, lettera a), del regolamento (UE) 2019/631:

i)

NEDCCO2 è il valore specificato per il costruttore nella colonna E della tabella 1 sottoriportata;

ii)

WLTPCO2 è il valore specificato per il costruttore nella colonna F della tabella 1 sottoriportata.

b)

per i costruttori di cui all'allegato I, parte A, punto 5, lettera b), del regolamento (UE) 2019/631:

i)

NEDCCO2 è pari a 107,532 g CO2/km, calcolato come media di tutti i valori indicati nella colonna E della tabella 1 sottoriportata, ponderata in base al numero di veicoli immatricolati per ciascuno dei costruttori secondo quanto riportato nella colonna C;

ii)

WLTPCO2 è pari a 130,300 g CO2/km, calcolato come media di tutti i valori indicati nella colonna F della tabella 1 sottoriportata, ponderata in base al numero di veicoli immatricolati per ciascuno dei costruttori secondo quanto riportato nella colonna C.

Tabella 1

Singoli costruttori di autovetture

A

B

C

D

E

F

G

Nome del costruttore

Raggruppamenti di costruttori

Numero di immatricolazioni considerate

Obiettivo NEDC 2020

Emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura NEDC

Emissioni specifiche medie di CO2 basate sulla procedura WLTP

Obiettivo per le emissioni specifiche di riferimento WLTP

ADAM OPEL GmbH

 

2

105,360

0

0

105,360

ADIDOR VOITURES SAS

 

16

92,839

137,000

153,000

103,682

ALFA ROMEO SpA

P2

34 483

103,082

146,919

171,158

120,089

ALPINA BURKARD BOVENSIEPEN GMBH E CO KG

 

578

117,416

201,460

233,533

136,109

ANHUI JIANGHUAI AUTOMOBILE

 

113

100,165

0

0

100,165

ASTON MARTIN LAGONDA LTD

 

1 487

114,387

257,743

284,699

126,350

AUDI AG

P11

564 595

105,120

116,923

142,580

128,187

AUDI HUNGARIA MOTOR KFT

P11

3 824

96,230

148,954

167,871

108,451

AUDI SPORT GmbH

P11

13 505

112,497

230,628

253,307

123,559

AUTOMOBILE DACIA SA

P8

278 808

88,502

114,310

134,535

104,161

AUTOMOBILES CITROEN

P7

340 830

87,938

98,999

129,382

114,926

AUTOMOBILES PEUGEOT

P7

351 539

95,528

100,158

131,631

125,546

AUTOMOBILI LAMBORGHINI SpA

 

1 537

116,372

326,757

351,293

125,110

AVTOVAZ JSC

P8

884

92,788

186,093

195,285

97,371

BAYERISCHE MOTOREN WERKE AG

P1

801 924

103,916

111,504

133,353

124,278

BEIJING BORGWARD AUTOMOTIVE CO LTD

 

1

110,788

233,000

242,000

115,067

BENTLEY MOTORS LTD

 

2 585

130,705

259,668

285,503

143,709

BLUECAR SAS

 

6

99,499

0

0

99,499

BMW M GmbH

P1

14 510

111,100

231,883

242,690

116,278

BUGATTI AUTOMOBILES SAS

P11

7

117,981

527,143

506,000

113,249

CATERHAM CARS LIMITED

 

123

72,150

168,805

156,268

66,791

CNG-TECHNIK GmbH

P3

12 060

99,290

100,858

124,004

122,076

DFSK MOTOR CO LTD

 

442

103,288

221,428

241,952

112,862

DONKERVOORT AUTOMOBIELEN BV

 

1

77,854

199,000

191,000

74,724

DR AUTOMOBILES SRL

 

3 329

96,001

140,357

169,112

115,669

DR ING HCF PORSCHE AG

P11

68 125

115,815

150,700

175,838

135,134

DR MOTOR COMPANY SRL

 

0

94,100

 

 

114,049

FABBRICA DALLARA SRL

 

6

82,683

230,000

216,000

77,650

FABRYKA SAMOCHODÓW OSOBOWYCH SYRENA W KUTNIE SA

 

0

92,340

 

 

111,916

FERRARI SpA

 

3 591

105,262

281,455

303,011

113,324

FCA ITALY SpA

P2

488 321

88,507

110,669

135,717

108,539

FCA US LLC

P2

105 438

102,745

141,105

169,444

123,380

FORD INDIA PRIVATE LIMITED

P3

53

87,338

118,981

136,925

100,510

FORD MOTOR COMPANY OF AUSTRALIA LIMITED

P3

2

127,988

226,000

260,500

147,526

FORD MOTOR COMPANY

P3

10 219

113,592

236,293

240,803

115,760

FORD-WERKE GmbH

P3

648 945

97,073

108,416

134,271

120,223

GENERAL MOTORS HOLDINGS LLC

 

53

109,542

168,340

176,208

114,662

GREAT WALL MOTOR COMPANY LIMITED

 

0

102,526

 

 

124,262

GUMPERT SPORTWAGENMANUFAKTUR GMBH

 

1

109,822

0

0

109,822

HENAN SUDA ELECTRIC VEHICLES TECHNOLOGY

 

27

97,834

0

0

97,834

HONDA MOTOR CO LTD

P2

78 271

96,511

111,304

135,771

117,726

HYUNDAI ASSAN OTOMOTIV SANAYI VE TICARET AS

P4

114 690

84,456

112,191

127,372

95,884

HYUNDAI MOTOR COMPANY

P4

143 248

99,177

80,353

95,370

117,712

HYUNDAI MOTOR MANUFACTURING CZECH SRO

P4

158 751

99,865

120,892

140,780

116,294

ISUZU MOTORS LTD

 

0

102,496

 

 

124,225

JAGUAR LAND ROVER LIMITED

 

156 992

118,848

148,625

179,229

143,320

JIANGLING MOTOR HOLDING CO LTD

P11

697

110,247

0

0

110,247

KIA CORPORATION

P5

272 981

94,304

94,590

109,887

109,555

KIA SLOVAKIA SRO

P5

144 836

97,700

120,871

139,400

112,677

LADA AUTOMOBILE GmbH

 

328

91,174

224,140

232,829

94,708

LANZHOU ZHIDOU ELECTRIC VEHICLE

 

3

77,854

0

0

77,854

LONDON EV COMPANY

P11

1

125,806

24,000

20,000

104,838

LOTUS CARS LIMITED

 

391

85,676

204,476

203,499

85,267

MAGYAR SUZUKI CORPORATION LTD

P9

58 881

91,453

114,739

140,962

112,354

MAHINDRA & MAHINDRA LTD

 

1 135

89,802

149,836

180,236

108,022

MARUTI SUZUKI INDIA LTD

P9

1 749

80,785

107,685

122,891

92,193

MASERATI SpA

 

3 152

120,476

238,611

270,443

136,548

MAZDA MOTOR CORPORATION

P10

132 705

96,947

116,238

138,885

115,835

MAZDA MOTOR LOGISTIC EUROPE N.V.

P10

11 823

94,912

113,180

136,949

114,845

MCLAREN AUTOMOTIVE LIMITED

 

561

100,116

260,471

275,759

105,992

MERCEDES-AMG GmbH

P6

3 249

113,002

247,571

266,001

121,414

MERCEDES-BENZ AG

P6

733 243

106,576

117,238

134,681

122,433

MG MOTOR UK LIMITED

P11

17 943

97,227

99,088

111,056

108,970

MITSUBISHI MOTORS CORPORATION MMC

P8

64 000

105,475

110,702

123,944

118,092

MITSUBISHI MOTORS THAILAND CO LTD MMTH

P8

33 958

80,601

105,382

120,281

91,996

MORGAN TECHNOLOGIES LTD

 

337

86,527

182,534

181,650

86,108

NEXT EGO MOBILE SE

P11

490

90,042

0

0

90,042

NISSAN INTERNATIONAL SA

P8

289 734

95,483

106,485

132,147

118,494

OPEL AUTOMOBILE GmbH

P7

276 715

95,087

105,149

133,007

120,279

PAGANI AUTOMOBILI SpA

 

0