ISSN 1977-0707

Gazzetta ufficiale

dell'Unione europea

L 316

European flag  

Edizione in lingua italiana

Legislazione

57° anno
4 novembre 2014


Sommario

 

II   Atti non legislativi

pagina

 

 

REGOLAMENTI

 

*

Regolamento di esecuzione (UE) n. 1173/2014 della Commissione, del 24 ottobre 2014, recante iscrizione di una denominazione nel registro delle denominazioni di origine protette e delle indicazioni geografiche protette [Salama da sugo (IGP)]

1

 

*

Regolamento di esecuzione (UE) n. 1174/2014 della Commissione, del 24 ottobre 2014, recante iscrizione di una denominazione nel registro delle denominazioni di origine protette e delle indicazioni geografiche protette [Piadina Romagnola/Piada Romagnola (IGP)]

3

 

*

Regolamento (UE) n. 1175/2014 della Commissione, del 30 ottobre 2014, che attua il regolamento (CE) n. 452/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla produzione e allo sviluppo di statistiche sull'istruzione e sull'apprendimento permanente per quanto riguarda le statistiche sulla partecipazione degli adulti all'apprendimento permanente e che abroga il regolamento (UE) n. 823/2010 della Commissione ( 1 )

4

 

*

Regolamento (UE) n. 1176/2014 della Commissione, del 30 ottobre 2014, recante divieto di pesca delle razze nelle acque dell'Unione della zona VIId per le navi battenti bandiera del Regno Unito

44

 

*

Regolamento (UE) n. 1177/2014 della Commissione, del 30 ottobre 2014, recante divieto di pesca della sogliola nella zona VIIa per le navi battenti bandiera irlandese

46

 

*

Regolamento (UE) n. 1178/2014 della Commissione, del 30 ottobre 2014, recante divieto di pesca del merluzzo carbonaro nelle acque norvegesi a sud di 62° N per le navi battenti bandiera svedese

48

 

*

Regolamento (UE) n. 1179/2014 della Commissione, del 30 ottobre 2014, recante divieto di pesca del merluzzo bianco nelle acque norvegesi a sud di 62° N per le navi battenti bandiera svedese

50

 

*

Regolamento (UE) n. 1180/2014 della Commissione, del 30 ottobre 2014, recante divieto di pesca del merluzzo bianco nella zona VIIa per le navi battenti bandiera irlandese

52

 

*

Regolamento (UE) n. 1181/2014 della Commissione, del 30 ottobre 2014, recante divieto di pesca delle razze nelle acque dell'Unione delle zone VIa, VIb, VIIa-c e VIIe-k per le navi battenti bandiera belga

54

 

*

Regolamento (UE) n. 1182/2014 della Commissione, del 30 ottobre 2014, recante divieto di pesca delle razze nelle acque dell'Unione delle zone VIa, VIb, VIIa-c e VIIe-k per le navi battenti bandiera dei Paesi Bassi

56

 

*

Regolamento (UE) n. 1183/2014 della Commissione, del 30 ottobre 2014, recante divieto di pesca della sogliola nella zona VIIa per le navi battenti bandiera belga

58

 

*

Regolamento (UE) n. 1184/2014 della Commissione, del 30 ottobre 2014, recante divieto di pesca del merluzzo carbonaro nelle zone IIIa e IV, nelle acque dell'Unione delle zone IIa, IIIb, IIIc e sottodivisioni 22-32 per le navi battenti bandiera svedese

60

 

 

Regolamento di esecuzione (UE) n. 1185/2014 della Commissione, del 3 novembre 2014, recante fissazione dei valori forfettari all'importazione ai fini della determinazione del prezzo di entrata di taluni ortofrutticoli

62

 

 

Regolamento di esecuzione (UE) n. 1186/2014 della Commissione, del 3 novembre 2014, recante fissazione dei dazi all'importazione nel settore dei cereali applicabili a decorrere dal 4 novembre 2014

64

 

 

DECISIONI

 

 

2014/773/UE

 

*

Decisione di esecuzione della Commissione, del 30 ottobre 2014, relativa alla concessione di deroghe all'attuazione del regolamento (CE) n. 452/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla produzione e allo sviluppo di statistiche sull'istruzione e sull'apprendimento permanente per quanto riguarda il Belgio, l'Irlanda, la Francia, Malta, e la Finlandia [notoficata con il numero C(2014) 7865]

67

 


 

(1)   Testo rilevante ai fini del SEE

IT

Gli atti i cui titoli sono stampati in caratteri chiari appartengono alla gestione corrente. Essi sono adottati nel quadro della politica agricola ed hanno generalmente una durata di validità limitata.

I titoli degli altri atti sono stampati in grassetto e preceduti da un asterisco.


II Atti non legislativi

REGOLAMENTI

4.11.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 316/1


REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1173/2014 DELLA COMMISSIONE

del 24 ottobre 2014

recante iscrizione di una denominazione nel registro delle denominazioni di origine protette e delle indicazioni geografiche protette [Salama da sugo (IGP)]

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (UE) n. 1151/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 novembre 2012, sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari (1), in particolare l'articolo 52, paragrafo 2,

considerando quanto segue:

(1)

A norma dell'articolo 50, paragrafo 2, lettera a), del regolamento (UE) n. 1151/2012, la domanda di registrazione della denominazione «Salama da sugo» presentata dall'Italia è stata pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea  (2).

(2)

Poiché alla Commissione non è stata notificata alcuna dichiarazione di opposizione ai sensi dell'articolo 51 del regolamento (UE) n. 1151/2012, la denominazione «Salama da sugo» deve essere registrata,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

La denominazione «Salama da sugo» (IGP) è stata registrata.

La denominazione di cui al primo comma identifica un prodotto della classe 1.2. Prodotti a base di carne (cotti, salati, affumicati ecc.) dell'allegato XI del regolamento di esecuzione (UE) n. 668/2014 della Commissione (3).

Articolo 2

Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 24 ottobre 2014

Per la Commissione,

a nome del presidente

Dacian CIOLOȘ

Membro della Commissione


(1)  GU L 343 del 14.12.2012, pag. 1.

(2)  GU C 178 del 12.6.2014, pag. 38.

(3)  Regolamento di esecuzione (UE) n. 668/2014 della Commissione, del 13 giugno 2014, recante modalità di applicazione del regolamento (UE) n. 1151/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari (GU L 179 del 19.6.2014, pag. 36).


4.11.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 316/3


REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1174/2014 DELLA COMMISSIONE

del 24 ottobre 2014

recante iscrizione di una denominazione nel registro delle denominazioni di origine protette e delle indicazioni geografiche protette [Piadina Romagnola/Piada Romagnola (IGP)]

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (UE) n. 1151/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 novembre 2012, sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari (1), in particolare l'articolo 52, paragrafo 2,

considerando quanto segue:

(1)

A norma dell'articolo 50, paragrafo 2, lettera a), del regolamento (UE) n. 1151/2012, la domanda di registrazione della denominazione «Piadina Romagnola»/«Piada Romagnola» presentata dall'Italia è stata pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea  (2).

(2)

Poiché alla Commissione non è stata notificata alcuna dichiarazione di opposizione ai sensi dell'articolo 51 del regolamento (UE) n. 1151/2012, la denominazione «Piadina Romagnola»/«Piada Romagnola» deve essere registrata,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

La denominazione «Piadina Romagnola»/«Piada Romagnola» (IGP) è registrata.

La denominazione di cui al primo comma identifica un prodotto della classe 2.3. Prodotti di panetteria, pasticceria, confetteria o biscotteria dell'allegato XI del regolamento di esecuzione (UE) n. 668/2014 della Commissione (3).

Articolo 2

Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 24 ottobre 2014

Per la Commissione,

a nome del presidente

Dacian CIOLOȘ

Membro della Commissione


(1)  GU L 343 del 14.12.2012, pag. 1.

(2)  GU C 153 del 21.5.2014, pag. 9.

(3)  Regolamento di esecuzione (UE) n. 668/2014 della Commissione del 13.6.2014 recante modalità di applicazione del regolamento (UE) n. 1151/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari (GU L 179 del 19.6.2014, pag. 36).


4.11.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 316/4


REGOLAMENTO (UE) N. 1175/2014 DELLA COMMISSIONE

del 30 ottobre 2014

che attua il regolamento (CE) n. 452/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla produzione e allo sviluppo di statistiche sull'istruzione e sull'apprendimento permanente per quanto riguarda le statistiche sulla partecipazione degli adulti all'apprendimento permanente e che abroga il regolamento (UE) n. 823/2010 della Commissione

(Testo rilevante ai fini del SEE)

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (CE) n. 452/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2008, relativo alla produzione e allo sviluppo di statistiche sull'istruzione e sull'apprendimento permanente (1), in particolare l'articolo 6, paragrafo 1,

considerando quanto segue:

(1)

Il regolamento (CE) n. 452/2008 definisce un quadro comune per la produzione sistematica di statistiche europee sull'istruzione e sull'apprendimento permanente.

(2)

Il regolamento (UE) n. 823/2010 della Commissione (2) ha stabilito misure in vista dell'attuazione di singole iniziative statistiche finalizzate alla produzione delle statistiche relative alla partecipazione degli adulti all'apprendimento permanente di cui al settore 2 del regolamento (CE) n. 452/2008.

(3)

In sede di produzione e di diffusione delle statistiche europee sulla partecipazione degli adulti all'apprendimento permanente, le autorità statistiche nazionali e l'autorità statistica dell'UE devono tener conto dei principi sanciti dal codice delle statistiche europee approvato dal comitato del sistema statistico europeo nel settembre 2011.

(4)

La rilevazione di dati sulla partecipazione degli adulti all'apprendimento permanente deve essere regolarmente adeguata ai cambiamenti e ai nuovi sviluppi in materia di apprendimento permanente, oltre che aggiornata per rispondere alle nuove esigenze di informazioni.

(5)

Allo scopo di assicurare un elevato livello di armonizzazione dei risultati dell'indagine tra i paesi, la Commissione dovrebbe elaborare linee guida metodologiche per l'attuazione dell'indagine.

(6)

È pertanto opportuno abrogare il regolamento (UE) n. 823/2010.

(7)

Le misure di cui al presente regolamento sono conformi al parere del comitato del sistema statistico europeo,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

La rilevazione di dati per la seconda indagine sulla partecipazione e sulla mancata partecipazione degli adulti all'apprendimento permanente (in appresso «la seconda indagine sull'istruzione degli adulti») è effettuata tra il 1o luglio 2016 e il 31 marzo 2017. Il periodo di riferimento per il quale sono rilevati dati sulla partecipazione alle attività di apprendimento permanente corrisponde ai 12 mesi antecedenti all'intervista.

Articolo 2

L'indagine riguarda la popolazione compresa nella fascia di età tra 25 e 64 anni. In via facoltativa possono essere prese in considerazione le fasce di età 18-24 anni e 65-69 anni.

Articolo 3

L'allegato I del presente regolamento specifica le variabili riguardanti i temi oggetto della seconda indagine sull'istruzione degli adulti di cui al settore 2 dell'allegato del regolamento (CE) n. 452/2008 e le relative disaggregazioni.

Articolo 4

Le prescrizioni in tema di campionamento e di precisione necessarie per soddisfare i requisiti connessi alle fonti dei dati e alle dimensioni del campione di cui al settore 2 dell'allegato del regolamento (CE) n. 452/2008 figurano nell'allegato II del presente regolamento.

Articolo 5

Gli Stati membri trasmettono alla Commissione (Eurostat) una relazione standard sulla qualità della seconda indagine sull'istruzione degli adulti. La struttura della relazione è conforme a quella della relazione standard sulla qualità del sistema statistico europeo, tenendo conto, in particolare, dei criteri di qualità di cui all'articolo 4, paragrafo 1, lettera d), del regolamento (CE) n. 452/2008 e di ulteriori prescrizioni contenute nell'allegato III del presente regolamento.

Articolo 6

1.   Gli Stati membri trasmettono alla Commissione (Eurostat) file di microdati ripuliti per quanto riguarda la seconda indagine sull'istruzione degli adulti entro sei mesi dalla fine del periodo di rilevazione dei dati a livello nazionale.

2.   Gli Stati membri trasmettono alla Commissione (Eurostat) la relazione standard sulla qualità per quanto riguarda la seconda indagine sull'istruzione degli adulti entro tre mesi dall'invio dei file di microdati.

Articolo 7

Le prescrizioni contenute nel presente regolamento sono prescrizioni minime. Gli Stati membri hanno facoltà di stabilire ulteriori prescrizioni a livello nazionale per quanto riguarda la seconda indagine sull'istruzione degli adulti, a condizione che ciò non pregiudichi le disposizioni sulla qualità di cui al presente regolamento.

Articolo 8

Il regolamento (UE) n. 823/2010 è abrogato.

I riferimenti al regolamento abrogato si intendono fatti al presente regolamento.

Articolo 9

Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 30 ottobre 2014

Per la Commissione

Il presidente

José Manuel BARROSO


(1)  GU L 145 del 4.6.2008, pag. 227.

(2)  Regolamento (UE) n. 823/2010 della Commissione, del 17 settembre 2010, che attua il regolamento (CE) n. 452/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla produzione e allo sviluppo di statistiche sull'istruzione e sull'apprendimento permanente per quanto riguarda le statistiche sulla partecipazione degli adulti all'apprendimento permanente (GU L 246 del 18.9.2010, pag. 33).


ALLEGATO I

Variabili

Nota

Vanno trasmesse tutte le variabili. I dati e i metadati di cui all'articolo 6 sono trasmessi a Eurostat per il tramite del Punto unico di accesso. I codici e gli elenchi di codici contenuti nella tabella che segue sono forniti a titolo puramente indicativo. Le definizioni della struttura dei dati e i formati di trasmissione sono stabiliti dalla Commissione (Eurostat).

1.   Informazioni di base sugli individui

Denominazione della variabile

Codice

Descrizione

Filtro

COUNTRY

 

PAESE DI RESIDENZA

Tutti

 

2 cifre

Sulla base della classificazione ISO dei paesi

 

REGION

 

REGIONE DI RESIDENZA

Tutti

 

2 cifre

Codifica conformemente alla classificazione NUTS a due cifre

 

DEG_URB

 

GRADO DI URBANIZZAZIONE DELL'AREA IN CUI RISIEDE LA FAMIGLIA

Tutti

 

1

Zona densamente popolata

 

 

2

Zona intermedia

 

 

3

Zona scarsamente popolata

 

REFYEAR

 

ANNO DELL'INTERVISTA

Tutti

 

4 cifre

 

 

REFMONTH

 

MESE DELL'INTERVISTA

Tutti

 

1-12

 

 

RESPID

 

IDENTIFICAZIONE DEL RISPONDENTE

Tutti

 

numerico

Codice identificativo di ciascun record

 

RESPWEIGHT

 

COEFFICIENTE DI PONDERAZIONE PER GLI INDIVIDUI

Tutti

 

numerico

Coefficiente di ponderazione per gli individui (con 3 cifre decimali separate da un punto)

 

NFEACTWEIGHT

 

COEFFICIENTE DI PONDERAZIONE PER LE ATTIVITÀ NON FORMALI

NFENUM ≥ 1

 

numerico

Coefficiente di ponderazione per le attività non formali selezionate in NFERAND1 e NFERAND2 (con 3 cifre decimali separate da un punto)

 

 

0

NFENUM = 0

 

INTMETHOD

 

METODO DI RILEVAZIONE DEI DATI UTILIZZATO

Tutti

 

10

Rilevazione postale, non elettronica

 

 

11

Rilevazione postale, elettronica

 

 

20

Rilevazione diretta, non elettronica

 

 

21

Rilevazione diretta, elettronica

 

 

30

Rilevazione telefonica, non elettronica

 

 

31

Rilevazione telefonica, elettronica

 

 

40

Utilizzo di Internet

 

 

50

Metodo di rilevazione misto (ad esempio, intervista postale e diretta)

 

(HHNBPERS)

 

NUMERO DI COMPONENTI DELLA FAMIGLIA (COMPRESO IL RISPONDENTE)

Tutti

HHNBPERS_tot

0-98

Numero totale di componenti della famiglia

 

HHNBPERS_0_13

0-98

0-13 anni

 

HHNBPERS_14_24

0-98

14-24 anni

 

HHNBPERS_25plus

0-98

25 anni e più

 

 

-1

Nessuna risposta

 

HHTYPE

 

TIPOLOGIA FAMILIARE

Tutti

 

10

Famiglia unipersonale

 

 

21

Genitore solo con uno o più figli di meno di 25 anni

 

 

22

Coppia senza figli di meno di 25 anni

 

 

23

Coppia con uno o più figli di meno di 25 anni

 

 

24

Coppia o genitore solo con uno o più figli di meno di 25 anni e altri componenti della famiglia

 

 

30

Altra

 

 

-1

Nessuna risposta

 

HHINCOME

 

REDDITO NETTO MENSILE EQUIVALENTE DELLA FAMIGLIA

Tutti

 

1

Inferiore al 1o quintile

 

 

2

Tra il 1o e il 2o quintile

 

 

3

Tra il 2o e il 3o quintile

 

 

4

Tra il 3o e il 4o quintile

 

 

5

Superiore al 4o quintile

 

 

-1

Nessuna risposta

 

SEX

 

SESSO

Tutti

 

1

Maschio

 

 

2

Femmina

 

 

 

ANNO E MESE DI NASCITA

 

BIRTHYEAR

4 cifre

Le quattro cifre dell'anno di nascita

Tutti

BIRTHMONTH

1-12

Le due cifre del mese di nascita

Tutti

CITIZEN

 

CITTADINANZA

Tutti

 

0

Coincide con il paese di residenza

 

 

2 cifre

Sulla base della classificazione ISO dei paesi

 

 

-1

Nessuna risposta

 

BIRTHPLACE

 

PAESE DI NASCITA

Tutti

 

0

Persona nata in questo paese

 

 

2 cifre

Sulla base della classificazione ISO dei paesi

 

 

-1

Nessuna risposta

 

RESTIME

 

ANNI DI RESIDENZA IN QUESTO PAESE

BIRTHPLACE ≠ 0

 

1

Persona residente in questo paese da un anno o meno

 

 

2-10

Numero di anni di residenza per una persona residente in questo paese da 2 a 10 anni

 

 

11

Persona residente in questo paese da più di 10 anni

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (BIRTHPLACE = 0)

 

MARSTADEFACTO

 

STATO CIVILE DE FACTO (unione consensuale)

Tutti

 

1

Persona che vive in unione consensuale

 

 

2

Persona che non vive in unione consensuale

 

 

-1

Nessuna risposta

 

HATLEVEL

 

LIVELLO D'ISTRUZIONE RAGGIUNTO (livello di istruzione o di formazione più elevato conseguito, quale definito da ISCED 2011; codifiche basate sulle corrispondenze ISCED da trasmettere a Eurostat)

Tutti

 

000

Nessuna istruzione formale o istruzione di livello inferiore a ISCED 1

 

 

100

ISCED 1

 

 

200

ISCED 2 (inclusi i programmi ISCED 3 di durata inferiore a 2 anni)

 

 

302

Programma ISCED 3 di durata pari o superiore a 2 anni, progressivo (ossia con accesso esclusivamente al successivo programma ISCED 3)

 

 

303

Programma ISCED 3 di durata pari o superiore a 2 anni, finale o con accesso esclusivamente a ISCED 4

 

 

304

ISCED 3 con accesso a ISCED 5, 6 o 7

 

 

300

Programma ISCED 3 di durata pari o superiore a 2 anni, senza possibilità di distinzione di accesso ad altri livelli ISCED

 

 

400

ISCED 4

 

 

500

ISCED 5

 

 

600

ISCED 6

 

 

700

ISCED 7

 

 

800

ISCED 8

 

 

-1

Nessuna risposta

 

HATFIELD

 

SETTORE DELL'ISTRUZIONE O DELLA FORMAZIONE PORTATA A TERMINE (LIVELLO PIÙ ELEVATO RAGGIUNTO)

HATLEVEL = da 300 a 800

 

0000-9998

Livello 1 della classificazione dei settori di istruzione e formazione

 

 

oppure

facoltativo

o suddivisioni della classificazione dei settori di istruzione e formazione

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (HATLEVEL ≠ da 300 a 800)

 

HATYEAR

 

ANNO IN CUI È STATA PORTATA A TERMINE L'ISTRUZIONE O LA FORMAZIONE PROFESSIONALE (LIVELLO PIÙ ELEVATO RAGGIUNTO)

HATLEVEL ≠ 000, -1

 

4 cifre

Le 4 cifre dell'anno in cui è stata portata a termine l'istruzione o la formazione professionale (livello più elevato raggiunto)

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (HATLEVEL = 000, -1)

 

HATVOC

 

ORIENTAMENTO DELL'ISTRUZIONE O DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE PORTATA A TERMINE (LIVELLO PIÙ ELEVATO RAGGIUNTO)

HATLEVEL = da 300 a 400 e (REFYEAR — HATYEAR) ≤ 20

 

1

Istruzione generale

 

 

2

Formazione professionale

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (HATLEVEL ≠ da 300 a 400 o (REFYEAR — HATYEAR) > 20)

 

DROPEDUC

 

ISTRUZIONE FORMALE O FORMAZIONE NON PORTATE A TERMINE (programma con il livello più elevato in caso di abbandono di più programmi)

HATLEVEL ≠ 000, -1 e (REFYEAR — HATYEAR) ≤ 20

 

1

 

 

2

No

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (HATLEVEL = 000, -1 o (REFYEAR — HATYEAR) > 20)

 

DROPEDUCLEVEL

 

LIVELLO DELL'ISTRUZIONE FORMALE O DELLA FORMAZIONE NON PORTATE A TERMINE

DROPEDUC = 1

 

100

ISCED 1

 

 

200

ISCED 2 (inclusi i programmi ISCED 3 di durata inferiore a 2 anni)

 

 

302

Programma ISCED 3 di durata pari o superiore a 2 anni, progressivo (ossia con accesso esclusivamente al successivo programma ISCED 3)

 

 

303

Programma ISCED 3 di durata pari o superiore a 2 anni, finale o con accesso esclusivamente a ISCED 4

 

 

304

ISCED 3 con accesso a ISCED 5, 6 o 7

 

 

300

Programma ISCED 3 di durata pari o superiore a 2 anni, senza possibilità di distinzione di accesso ad altri livelli ISCED

 

 

400

ISCED 4

 

 

500

ISCED 5

 

 

600

ISCED 6

 

 

700

ISCED 7

 

 

800

ISCED 8

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (DROPEDUC ≠ 1)

 

DROPEDUCVOC

 

ORIENTAMENTO DELL'ISTRUZIONE FORMALE O DELLA FORMAZIONE NON PORTATE A TERMINE

DROPEDUCLEVEL = da 300 a 400 e (REFYEAR — HATYEAR) ≤ 20

 

1

Istruzione generale

 

 

2

Formazione professionale

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (DROPEDUCLEVEL ≠ da 300 a 400 o (REFYEAR — HATYEAR) > 20)

 

MAINSTAT

 

PRINCIPALE SITUAZIONE LAVORATIVA ATTUALE

Tutti

 

 

Al momento dell'intervista, la persona esercita un'attività o una professione, incluso un lavoro non retribuito per un'azienda o un'impresa familiare, anche nell'ambito di un apprendistato o di un tirocinio retribuito, ecc.:

 

 

11

a tempo pieno

 

 

12

a tempo parziale

 

 

20

Disoccupato

 

 

31

Alunno, studente, lavoratore non retribuito, in formazione

 

 

32

Ritirato dal lavoro per pensione, pensione anticipata o cessazione di attività

 

 

33

Permanentemente inabile al lavoro

 

 

34

In servizio militare o civile obbligatorio

 

 

35

Persona che svolge mansioni domestiche

 

 

36

Altra persona inattiva

 

 

-1

Nessuna risposta

 

EMP12M

 

OCCUPAZIONE NEGLI ULTIMI 12 MESI

MAINSTAT = da 20 a 36

 

 

La persona ha esercitato, in un qualsiasi momento negli ultimi 12 mesi, un'attività o una professione, incluso un lavoro non retribuito per un'azienda o un'impresa familiare, anche nell'ambito di un apprendistato o di un tirocinio retribuito, ecc.:

 

 

1

 

 

2

No

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (MAINSTAT = 11, 12)

 

JOBSTAT

 

POSIZIONE NELLA PROFESSIONE

MAINSTAT = 11, 12

 

11

Lavoratore autonomo con dipendenti

 

 

12

Lavoratore autonomo senza dipendenti

 

 

21

Lavoratore dipendente con una occupazione permanente o un contratto di lavoro a tempo indeterminato

 

 

22

Lavoratore dipendente con un lavoro a termine o un contratto di lavoro a tempo determinato

 

 

30

Coadiuvante familiare

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (MAINSTAT ≠ 11, 12)

 

JOBISCO

 

PROFESSIONE

MAINSTAT = 11, 12

 

2 cifre

ISCO-08 a 2 cifre

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (MAINSTAT ≠ 11, 12)

 

LOCNACE

 

ATTIVITÀ ECONOMICA DELL'UNITÀ LOCALE

MAINSTAT = 11, 12

 

2 cifre

NACE Rev. 2 a 2 cifre

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (MAINSTAT≠11, 12)

 

LOCSIZEFIRM

 

NUMERO DI ADDETTI OCCUPATI NELL'UNITÀ LOCALE

JOBSTAT = 11, 21, 22, 30

 

1

1-9 addetti

 

 

2

10-19 addetti

 

 

3

20-49 addetti

 

 

4

50-249 addetti

 

 

5

250 addetti o più

 

 

7

Non sa esattamente, ma 10 o più addetti

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (JOBSTAT ≠ 11, 21, 22, 30)

 

JOBTIME

 

ANNO IN CUI LA PERSONA HA COMINCIATO A LAVORARE NELLA SITUAZIONE LAVORATIVA PRINCIPALE ATTUALE

MAINSTAT = 11, 12

 

4 cifre

Le quattro cifre dell'anno in questione

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (MAINSTAT ≠ 11, 12)

 

 

 

ISTRUZIONE O FORMAZIONE PORTATE A TERMINE DAI GENITORI (TUTORE) (LIVELLO PIÙ ELEVATO RAGGIUNTO)

 

HATFATHER

 

PADRE (TUTORE)

Tutti

 

1

Istruzione non superiore all'istruzione secondaria inferiore

 

 

2

Istruzione secondaria superiore

 

 

3

Istruzione terziaria

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (padre ignoto)

 

HATMOTHER

 

MADRE (TUTRICE)

Tutti

 

1

Istruzione non superiore all'istruzione secondaria inferiore

 

 

2

Istruzione secondaria superiore

 

 

3

Istruzione terziaria

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (madre ignota)

 

 

 

PAESE DI NASCITA DEI GENITORI

 

BIRTHFATHER

 

PAESE DI NASCITA DEL PADRE

Tutti

 

0

Persona nata in questo paese

 

 

2 cifre

Sulla base della classificazione ISO dei paesi

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (padre ignoto)

 

BIRTHMOTHER

 

PAESE DI NASCITA DELLA MADRE

Tutti

 

0

Persona nata in questo paese

 

 

2 cifre

Sulla base della classificazione ISO dei paesi

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (madre ignota)

 

2.   Accesso alle informazioni sulle possibilità di apprendimento e orientamento

Denominazione della variabile

Codice

Descrizione

Filtro

SEEKINFO

 

RICERCA NEL CORSO DEGLI ULTIMI 12 MESI DI INFORMAZIONI SULLE POSSIBILITÀ DI APPRENDIMENTO (formazione e istruzione formali e non formali)

Tutti

 

1

 

 

2

No

 

 

-1

Nessuna risposta

 

GUIDEINST

 

INFORMAZIONI O CONSULENZA/ASSISTENZA IN MERITO A OPPORTUNITÀ DI APPRENDIMENTO OTTENUTE DA ISTITUZIONI/ORGANIZZAZIONI NEGLI ULTIMI 12 MESI

Tutti

 

-1

Nessuna risposta

 

 

 

Elenco di ipotesi (sono possibili più risposte)

 

GUIDEINST_1

 

Sì, ho ottenuto gratuitamente da istituzioni/organizzazioni informazioni o consulenza/assistenza in merito a opportunità di apprendimento

 

GUIDEINST_2

 

Sì, ho ottenuto contro pagamento da istituzioni/organizzazioni informazioni o consulenza/assistenza in merito a opportunità di apprendimento

 

GUIDEINST_3

 

No, non ho ottenuto da istituzioni/organizzazioni informazioni o consulenza/assistenza in merito a opportunità di apprendimento

 

 

 

Ogni variabile GUIDEINST_x è codificata: 1 se selezionata, 2 se non selezionata, -1 in caso di mancata risposta

 

GUIDESOURCE

 

FONTE DELLE INFORMAZIONI O DELLA CONSULENZA/ASSISTENZA IN MERITO A OPPORTUNITÀ DI APPRENDIMENTO OTTENUTE GRATUITAMENTE NEGLI ULTIMI 12 MESI

GUIDEINST_1 = 1

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (GUIDEINST_1 ≠ 1)

 

 

 

Elenco di fonti (sono possibili più risposte)

 

GUIDESOURCE_1

 

Istituti d'insegnamento o di formazione (scuola, università, centro di istruzione e formazione professionale, istituto per l'istruzione degli adulti, centro di convalida)

 

GUIDESOURCE_2

 

Servizi per l'impiego

 

GUIDESOURCE_3

 

Datore di lavoro od organizzazioni di datori di lavoro

 

GUIDESOURCE_4

 

Sindacati o comitati aziendali

 

GUIDESOURCE_5

 

Altre istituzioni/organizzazioni che forniscono gratuitamente informazioni o consulenza/assistenza sulle opportunità di apprendimento (diverse da quelle sopramenzionate)

 

 

 

Ogni variabile GUIDESOURCE_x è codificata: 1 se selezionata, 2 se non selezionata, -2 se non pertinente (GUIDEINST_1 ≠ 1), -1 in caso di mancata risposta

 

GUIDETYPE

 

TIPO DI INFORMAZIONI O DI CONSULENZA/ASSISTENZA IN MERITO A OPPORTUNITÀ DI APPRENDIMENTO OTTENUTE GRATUITAMENTE NEGLI ULTIMI 12 MESI

GUIDEINST_1 = 1

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (GUIDEINST_1 ≠ 1)

 

 

 

Tipologie (sono possibili più risposte)

 

GUIDETYPE_1

 

Informazioni o consulenza/assistenza in merito a opportunità di apprendimento

 

GUIDETYPE_2

 

Valutazione delle capacità e delle competenze mediante test, verifiche delle competenze o interviste

 

GUIDETYPE_3

 

Informazioni o consulenza/assistenza riguardo alle procedure di convalida/riconoscimento delle capacità, competenze o apprendimento precedente

 

GUIDETYPE_4

 

Informazioni o consulenza/assistenza di altro tipo

 

 

 

Ogni variabile GUIDETYPE_x è codificata: 1 se selezionata, 2 se non selezionata, -2 se non pertinente (GUIDEINST_1 ≠ 1), -1 in caso di mancata risposta

 

GUIDEMODE

 

MODALITÀ DI COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI O DI PRESTAZIONE DI CONSULENZA/ASSISTENZA IN MERITO A OPPORTUNITÀ DI APPRENDIMENTO OTTENUTE GRATUITAMENTE NEGLI ULTIMI 12 MESI

GUIDEINST_1 = 1

 

0

Nessuna delle ipotesi di seguito elencate

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (GUIDEINST_1 ≠ 1)

 

 

 

Modalità (sono possibili più risposte)

 

GUIDEMODE_1

 

Interazione faccia a faccia

 

GUIDEMODE_2

 

Interazione con una persona tramite Internet, telefono, posta elettronica o qualunque altro mezzo di comunicazione

 

GUIDEMODE_3

 

Interazione con un'applicazione informatica per la comunicazione di informazioni o la prestazione di consulenza/assistenza (compresi strumenti di autovalutazione in linea)

 

GUIDEMODE_4

 

Nessuna interazione, esclusivamente informazioni attraverso appositi sussidi (libri, poster, siti Internet, brochure, programmi televisivi, ecc.)

 

 

 

Ogni variabile GUIDEMODE_x è codificata: 1 se selezionata, 2 se non selezionata, -2 se non pertinente (GUIDEINST_1 ≠ 1), -1 in caso di mancata risposta

 

3.   Partecipazione alla formazione e all'istruzione formali

Denominazione della variabile

Codice

Descrizione

Filtro

FED

 

PARTECIPAZIONE ALL'ISTRUZIONE FORMALE NEGLI ULTIMI 12 MESI

Tutti

 

1

 

 

2

No

 

FEDNUM

 

NUMERO DI ATTIVITÀ DI ISTRUZIONE FORMALE CUI LA PERSONA HA PARTECIPATO NEGLI ULTIMI 12 MESI

Tutti

 

0

Nessuna (FED = 2)

 

 

1-99

Numero di attività

 

FEDLEVEL

 

LIVELLO DELLA PIÙ RECENTE ATTIVITÀ DI ISTRUZIONE FORMALE

FEDNUM ≥ 1

 

100

ISCED 1

 

 

200

ISCED 2 (inclusi i programmi ISCED 3 di durata inferiore a 2 anni)

 

 

302

Programma ISCED 3 di durata pari o superiore a 2 anni, progressivo (ossia con accesso esclusivamente al successivo programma ISCED 3)

 

 

303

Programma ISCED 3 di durata pari o superiore a 2 anni, finale o con accesso esclusivamente a ISCED 4

 

 

304

ISCED 3 con accesso a ISCED 5, 6 o 7

 

 

300

Programma ISCED 3 di durata pari o superiore a 2 anni, senza possibilità di distinzione di accesso ad altri livelli ISCED

 

 

400

ISCED 4

 

 

500

ISCED 5

 

 

600

ISCED 6

 

 

700

ISCED 7

 

 

800

ISCED 8

 

 

-2

Non pertinente (FEDNUM = 0)

 

FEDFIELD

 

SETTORE DELLA PIÙ RECENTE ATTIVITÀ DI ISTRUZIONE FORMALE

FEDNUM ≥ 1 e FEDLEVEL = da 300 a 800

 

0000-9998

Livello 1 della classificazione dei settori d'istruzione e formazione

 

 

oppure

facoltativo

o suddivisioni della classificazione dei settori di istruzione e formazione

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (FEDNUM = 0 o FEDLEVEL ≠ da 300 a 800)

 

FEDVOC

 

ORIENTAMENTO DELLA PIÙ RECENTE ATTIVITÀ DI ISTRUZIONE FORMALE

FEDLEVEL= da 300 a 400

 

1

Istruzione generale

 

 

2

Formazione professionale

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (FEDLEVEL ≠ da 300 a 400)

 

FEDSTARTYEAR

 

ANNO DI INIZIO DELLA PIÙ RECENTE ATTIVITÀ DI ISTRUZIONE FORMALE

FEDNUM ≥ 1

 

4 cifre

Anno di inizio della più recente attività di istruzione formale

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (FEDNUM = 0)

 

FEDSTARTMONTH

 

MESE DI INIZIO DELLA PIÙ RECENTE ATTIVITÀ DI ISTRUZIONE FORMALE

FEDNUM ≥ 1

 

1-12

Mese di inizio della più recente attività di istruzione formale

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (FEDNUM = 0)

 

FEDCOMP

 

COMPLETAMENTO DELLA PIÙ RECENTE ATTIVITÀ DI ISTRUZIONE FORMALE

FEDNUM ≥ 1

 

1

No, abbandono prima della fine prevista

 

 

2

No, è ancora in corso

 

 

3

Sì, completata

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (FEDNUM = 0)

 

FEDDIST

 

ATTIVITÀ DI ISTRUZIONE FORMALE PIÙ RECENTE ORGANIZZATA COME FORMAZIONE A DISTANZA

FEDNUM ≥ 1

 

1

 

 

2

No

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (FEDNUM = 0)

 

FEDDISTOL

 

FORMAZIONE A DISTANZA ORGANIZZATA COME CORSO ONLINE

FEDDIST = 1

 

1

 

 

2

No

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (FEDDIST ≠ 1)

 

FEDOERA

 

UTILIZZO DI RISORSE DI ISTRUZIONE IN LINEA PER LA PIÙ RECENTE ATTIVITÀ DI ISTRUZIONE FORMALE

FEDNUM ≥ 1

 

1

Molto spesso

 

 

2

Spesso

 

 

3

Talvolta

 

 

4

Mai

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (FEDNUM = 0)

 

FEDOERB

 

INTERAZIONE CON ALTRE PERSONE (INSEGNANTI, DISCENTI) TRAMITE SITI WEB/PORTALI EDUCATIVI PER LA PIÙ RECENTE ATTIVITÀ DI ISTRUZIONE FORMALE

FEDNUM ≥ 1

 

1

 

 

2

No

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (FEDNUM = 0)

 

FEDREASON

 

MOTIVI DELLA PARTECIPAZIONE ALLA PIÙ RECENTE ATTIVITÀ DI ISTRUZIONE FORMALE

FEDNUM ≥ 1

 

0

Nessuno dei motivi di seguito elencati

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (FEDNUM = 0)

 

 

 

Elenco di motivi (sono possibili più risposte)

 

FEDREASON_01a

 

Svolgere meglio il proprio lavoro

 

FEDREASON_01b

 

Migliorare le prospettive di carriera

 

FEDREASON_02

 

Ridurre il rischio di perdere il lavoro

 

FEDREASON_03

 

Accrescere le possibilità di trovare lavoro o di cambiare lavoro/professione

 

FEDREASON_04

 

Avviare un'attività in proprio

 

FEDREASON_05

 

Partecipazione obbligatoria

 

FEDREASON_06

 

Acquisire competenze/conoscenze utili nella vita di ogni giorno

 

FEDREASON_07

 

Accrescere le competenze/approfondire le conoscenze su un tema di interesse personale

 

FEDREASON_08

 

Ottenere un diploma

 

FEDREASON_09

 

Fare nuovi incontri/svagarsi

 

 

 

Ogni variabile FEDREASON_x è codificata: 1 se selezionata, 2 se non selezionata, -2 se non pertinente (FEDNUM = 0), -1 in caso di mancata risposta

 

FEDWORKTIME

 

ATTIVITÀ DI ISTRUZIONE FORMALE PIÙ RECENTE DURANTE L'ORARIO DI LAVORO RETRIBUITO (COMPRESE FERIE O GIORNATE DI RECUPERO RETRIBUITE)

FEDNUM ≥ 1

 

1

Esclusivamente durante l'orario di lavoro retribuito

 

 

2

Principalmente durante l'orario di lavoro retribuito

 

 

3

Principalmente fuori dall'orario di lavoro retribuito

 

 

4

Esclusivamente fuori dall'orario di lavoro retribuito

 

 

5

In quel periodo la persona non lavorava

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (FEDNUM = 0)

 

FEDNBHOURS

 

NUMERO COMPLESSIVO DI ORE DI ISTRUZIONE DELLA PIÙ RECENTE ATTIVITÀ DI ISTRUZIONE FORMALE

FEDNUM ≥ 1

 

1-9999

Numero di ore di istruzione

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (FEDNUM = 0)

 

FEDPAID

 

COPERTURA DEI COSTI DI ISCRIZIONE, DI FREQUENZA E PER LA PARTECIPAZIONE AGLI ESAMI NONCHÉ DELLE SPESE PER L'ACQUISTO DI LIBRI O DI MATERIALE DIDATTICO PER LA PIÙ RECENTE ATTIVITÀ DI ISTRUZIONE FORMALE

FEDNUM ≥ 1

 

1

Interamente a carico della persona

 

 

2

In parte a carico della persona e in parte a carico di terzi

 

 

3

Interamente a carico di terzi

 

 

4

Attività gratuita

 

 

5

Non sa

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (FEDNUM = 0)

 

FEDPAIDBY

 

COPERTURA TOTALE O PARZIALE DEI COSTI DI ISCRIZIONE, DI FREQUENZA E PER LA PARTECIPAZIONE AGLI ESAMI NONCHÉ DELLE SPESE PER L'ACQUISTO DI LIBRI O DI MATERIALE DIDATTICO PER LA PIÙ RECENTE ATTIVITÀ DI ISTRUZIONE FORMALE DA PARTE DI:

FEDNUM ≥ 1 e FEDPAID = 2 o 3

 

0

Nessuno dei soggetti di seguito elencati

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (FEDNUM = 0 o (FEDPAID ≠ 2 e FEDPAID ≠ 3))

 

 

 

Elenco di soggetti (sono possibili più risposte)

 

FEDPAIDBY_1

 

Datore di lavoro attuale o potenziale

 

FEDPAIDBY_2

 

Servizi pubblici per l'impiego

 

FEDPAIDBY_3

 

Altro ente pubblico

 

FEDPAIDBY_4

 

Un familiare o un parente

 

 

 

Ogni variabile FEDPAIDBY_x è codificata: 1 se selezionata, 2 se non selezionata, -2 se non pertinente [FEDNUM = 0 o (FEDPAID ≠ 2 e FEDPAID ≠ 3)], -1 in caso di mancata risposta

 

FEDUSEA

 

USO ATTUALE DELLE COMPETENZE/CONOSCENZE ACQUISITE GRAZIE ALLA PIÙ RECENTE ATTIVITÀ DI ISTRUZIONE FORMALE

FEDNUM ≥ 1

 

1

Considerevole

 

 

2

Medio

 

 

3

Scarso

 

 

4

Nessuno

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (FEDNUM = 0)

 

FEDUSEB

 

USO PREVISTO DELLE COMPETENZE/CONOSCENZE ACQUISITE GRAZIE ALLA PIÙ RECENTE ATTIVITÀ DI ISTRUZIONE FORMALE

FEDNUM ≥ 1

 

1

Considerevole

 

 

2

Medio

 

 

3

Scarso

 

 

4

Nessuno

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (FEDNUM = 0)

 

FEDOUTCOME

 

RISULTATI OTTENUTI GRAZIE ALLE NUOVE COMPETENZE/CONOSCENZE ACQUISITE CON LA PIÙ RECENTE ATTIVITÀ DI ISTRUZIONE FORMALE

FEDNUM ≥ 1

 

0

Nessuno dei risultati di seguito elencati

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (FEDNUM = 0)

 

 

 

Elenco di risultati (sono possibili più risposte)

 

FEDOUTCOME_1

 

Ottenimento di un (nuovo) impiego

 

FEDOUTCOME_3

 

Retribuzione più elevata

 

FEDOUTCOME_2

 

Avanzamento di carriera

 

FEDOUTCOME_4

 

Nuove mansioni

 

FEDOUTCOME_5

 

Miglioramento delle performance lavorative

 

FEDOUTCOME_6

 

Risultati a livello personale (incontri con altre persone, aggiornamento delle conoscenze su temi generali, ecc.)

 

FEDOUTCOME_7

 

Nessun risultato finora

 

 

 

Ogni variabile FEDOUTCOME_x è codificata: 1 se selezionata, 2 se non selezionata, -2 se non pertinente (FEDNUM = 0), -1 in caso di mancata risposta

 

4.   Partecipazione alla formazione e all'istruzione non formali

Denominazione della variabile

Codice

Descrizione

Filtro

(NFE)

 

PARTECIPAZIONE A UNA QUALUNQUE DELLE SEGUENTI ATTIVITÀ CON L'INTENZIONE DI MIGLIORARE LE CONOSCENZE O LE COMPETENZE IN UN QUALCHE SETTORE (COMPRESI GLI HOBBY) NEGLI ULTIMI 12 MESI

Tutti

NFECOURSE

 

a)

CORSI

Tutti

 

1

 

 

2

No

 

NFEWORKSHOP

 

b)

WORKSHOP E SEMINARI

Tutti

 

1

 

 

2

No

 

NFEGUIDEDJT

 

c)

FORMAZIONE IMPARTITA SUL POSTO DI LAVORO CON L'AFFIANCAMENTO DI UN TUTOR

Tutti

 

1

 

 

2

No

 

NFELESSON

 

d)

LEZIONI PRIVATE

Tutti

 

1

 

 

2

No

 

NFENUM

 

NUMERO DI ATTIVITÀ DI FORMAZIONE E DI ISTRUZIONE NON FORMALI CUI LA PERSONA HA PARTECIPATO NEGLI ULTIMI 12 MESI

Tutti

 

0

Nessuna (NFECOURSE = 2 e NFEWORKSHOP = 2 e NFEGUIDEDJT = 2 e NFELESSON = 2)

 

 

1-99

Numero di attività

 

 

 

SPECIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ (FINO A 7)

 

(NFEACT01)

 

01 — Specificazione della prima attività

 

NFEACT01_TYPE

 

TIPO DI ATTIVITÀ

NFENUM ≥ 1

 

1

Corsi

 

 

2

Workshop e seminari

 

 

3

Formazione impartita sul posto di lavoro con l'affiancamento di un tutor

 

 

4

Lezioni private

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (NFENUM = 0)

 

NFEACT01_PURP

 

SCOPO DELL'ATTIVITÀ

NFENUM ≥ 1

 

1

Prevalentemente in relazione con l'attività lavorativa

 

 

2

Prevalentemente per motivi personali/non in relazione con l'attività lavorativa

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (NFENUM = 0)

 

NFEACT01_WORKTIME

 

ATTIVITÀ DI FORMAZIONE SVOLTA INTERAMENTE O PRINCIPALMENTE DURANTE L'ORARIO DI LAVORO RETRIBUITO (COMPRESE FERIE O GIORNATE DI RECUPERO RETRIBUITE)

NFENUM ≥ 1

 

1

 

 

2

No (comprese le persone che in quel periodo non lavoravano)

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (NFENUM = 0)

 

NFEACT01_PAIDBY

 

ATTIVITÀ DI FORMAZIONE A CARICO IN TUTTO O IN PARTE DEL DATORE DI LAVORO

NFENUM ≥ 1

 

1

 

 

2

No (comprese le persone che in quel periodo non lavoravano)

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (NFENUM = 0)

 

(NFEACT02)

 

02 — Specificazione della seconda attività

NFENUM ≥ 2

NFEACT02_TYPE

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

NFEACT02_PURP

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

NFEACT02_WORKTIME

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

NFEACT02_PAIDBY

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

(NFEACT03)

 

03 — Specificazione della terza attività

NFENUM ≥ 3

NFEACT03_TYPE

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

NFEACT03_PURP

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

NFEACT03_WORKTIME

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

NFEACT03_PAIDBY

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

(NFEACT04)

 

04 — Specificazione della quarta attività

NFENUM ≥ 4

NFEACT04_TYPE

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

NFEACT04_PURP

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

NFEACT04_WORKTIME

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

NFEACT04_PAIDBY

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

(NFEACT05)

 

05 — Specificazione della quinta attività

NFENUM ≥ 5

NFEACT05_TYPE

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

NFEACT05_PURP

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

NFEACT05_WORKTIME

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

NFEACT05_PAIDBY

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

(NFEACT06)

 

06 — Specificazione della sesta attività

NFENUM ≥ 6

NFEACT06_TYPE

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

NFEACT06_PURP

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

NFEACT06_WORKTIME

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

NFEACT06_PAIDBY

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

(NFEACT07)

 

07 — Specificazione della settima attività

NFENUM ≥ 7

NFEACT07_TYPE

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

NFEACT07_PURP

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

NFEACT07_WORKTIME

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

NFEACT07_PAIDBY

 

Codifiche come per la variabile NFEACT01

 

NFERAND1

 

CODICE DELLA PRIMA ATTIVITÀ SELEZIONATA CASUALMENTE

NFENUM ≥ 1

 

01-07

Codice identificativo della prima attività selezionata casualmente (codice dell'attività come per le variabili NFEACTxx)

 

 

-2

Non pertinente (NFENUM = 0)

 

NFERAND1_TYPE

 

Come indicato da NFEACT01_TYPE a NFEACT07_TYPE per la prima attività selezionata casualmente

 

NFEFIELD1

 

SETTORE DELLA PRIMA ATTIVITÀ

NFERAND1 ≠ -2

 

0000-9998

Livello 1 della classificazione dei settori di istruzione e formazione

 

 

oppure

facoltativo

o suddivisioni della classificazione dei settori di istruzione e formazione

 

 

-2

Non pertinente (NFERAND1 = -2)

 

NFEDIST1

 

PRIMA ATTIVITÀ ORGANIZZATA COME FORMAZIONE A DISTANZA

NFENUM ≥ 1

 

1

 

 

2

No

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (NFENUM = 0)

 

NFEDISTOL1

 

FORMAZIONE A DISTANZA PER LA PRIMA ATTIVITÀ ORGANIZZATA COME CORSO ONLINE

NFEDIST1 = 1

 

1

 

 

2

No

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (NFEDIST1 ≠ 1)

 

NFEOERA1

 

UTILIZZO DI RISORSE DI ISTRUZIONE IN LINEA PER LA PRIMA ATTIVITÀ

NFENUM ≥ 1

 

1

 

 

2

No

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (NFENUM = 0)

 

NFEOERB1

 

INTERAZIONE CON ALTRE PERSONE (INSEGNANTI, DISCENTI) TRAMITE SITI WEB/PORTALI EDUCATIVI PER LA PRIMA ATTIVITÀ

NFENUM ≥ 1

 

1

 

 

2

No

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (NFENUM = 0)

 

NFEREASON1

 

MOTIVI DELLA PARTECIPAZIONE ALLA PRIMA ATTIVITÀ

NFERAND1 ≠ -2

 

0

Nessuno dei motivi di seguito elencati

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (NFERAND1 = -2)

 

 

 

Elenco di motivi (sono possibili più risposte)

 

NFEREASON1_01a

 

Svolgere meglio il proprio lavoro

Attività connessa al lavoro

NFEREASON1_01b

 

Migliorare le prospettive di carriera

Attività connessa al lavoro

NFEREASON1_02

 

Ridurre il rischio di perdere il lavoro

Attività connessa al lavoro

NFEREASON1_03

 

Accrescere le possibilità di trovare lavoro o di cambiare lavoro/professione

Attività connessa al lavoro

NFEREASON1_04

 

Avviare un'attività in proprio

Attività connessa al lavoro

NFEREASON1_13

 

A causa di cambiamenti tecnologici e/o organizzativi sul posto di lavoro

Attività connessa al lavoro

NFEREASON1_11

 

Su richiesta del datore di lavoro o per legge

 

NFEREASON1_06

 

Acquisire competenze/conoscenze utili nella vita di ogni giorno

 

NFEREASON1_07

 

Accrescere le competenze/approfondire le conoscenze su un tema di interesse personale

 

NFEREASON1_08

 

Ottenere un diploma

 

NFEREASON1_09

 

Fare nuovi incontri/svagarsi

 

NFEREASON1_10

 

Per motivi di salute

 

NFEREASON1_12

 

Svolgere meglio attività di volontariato

 

 

 

Ogni variabile NFEREASON1_x è codificata: 1 se selezionata, 2 se non selezionata, -2 se non pertinente (NFERAND1 = -2), -1 in caso di mancata risposta

 

NFENBHOURS1

 

NUMERO COMPLESSIVO DI ORE DI ISTRUZIONE DELLA PRIMA ATTIVITÀ

NFERAND1 ≠ -2

 

1-9999

Numero di ore di istruzione

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (NFERAND1 = -2)

 

NFEPROVIDER1

 

FORNITORE DELLA PRIMA ATTIVITÀ

NFERAND1 ≠ -2

 

1

Istituzioni di istruzione formale

 

 

2

Istituzioni di formazione e di istruzione non formali

 

 

3

Organismi con finalità lucrativa che non impartiscono istruzione e formazione come loro attività principale (ad esempio, fornitori di attrezzature)

 

 

4

Datori di lavoro

 

 

5

Associazioni imprenditoriali, camere di commercio

 

 

6

Organizzazioni sindacali

 

 

7

Associazioni del terzo settore (ad esempio, circoli culturali, partiti politici)

 

 

8

Privati (ad esempio, studenti che impartiscono lezioni private)

 

 

9

Organismi senza scopo di lucro che non impartiscono istruzione e formazione come loro attività principale (ad esempio, biblioteche, musei, ministeri)

 

 

10

Altri

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (NFERAND1 = -2)

 

NFECERT1

 

DIPLOMA OTTENUTO DOPO LA PRIMA ATTIVITÀ

NFERAND1 ≠ -2

 

1

Sì, richiesto dal datore di lavoro, da un ordine professionale o dalla legge

 

 

2

Sì, non richiesto dal datore di lavoro, da un ordine professionale o dalla legge

 

 

3

No (attestato di frequenza)

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (NFERAND1 = -2)

 

NFEPAID1

 

COPERTURA DEI COSTI DI ISCRIZIONE, DI FREQUENZA E PER LA PARTECIPAZIONE A ESAMI NONCHÉ DELLE SPESE PER L'ACQUISTO DI LIBRI O DI MATERIALE DIDATTICO

NFERAND1 ≠ -2

 

1

Interamente a carico della persona

 

 

2

In parte a carico della persona e in parte a carico di terzi

 

 

3

Interamente a carico di terzi

 

 

4

Attività gratuita

 

 

5

Non sa

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (NFERAND1 = -2)

 

NFEPAIDBY1

 

COPERTURA TOTALE O PARZIALE DEI COSTI DI ISCRIZIONE, DI FREQUENZA E PER LA PARTECIPAZIONE A ESAMI NONCHÉ DELLE SPESE PER L'ACQUISTO DI LIBRI O DI MATERIALE DIDATTICO PER LA PRIMA ATTIVITÀ

NFERAND1 ≠ -2 e NFEPAID1 = 2 o 3

 

0

Nessuno dei soggetti di seguito elencati

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente [NFERAND1 = -2 o (NFEPAID1 ≠ 2 o 3)]

 

 

 

Elenco di soggetti (sono possibili più risposte)

 

NFEPAIDBY1_1

 

Datore di lavoro attuale o potenziale

 

NFEPAIDBY1_2

 

Servizi pubblici per l'impiego

 

NFEPAIDBY1_3

 

Altro ente pubblico

 

NFEPAIDBY1_4

 

Un familiare o un parente

 

 

 

Ogni variabile NFEPAIDBY1_x è codificata: 1 se selezionata, 2 se non selezionata, -2 se non pertinente [NFERAND1 = -2 o (NFEPAID1 ≠ 2 o 3)], -1 in caso di mancata risposta

 

NFEPAIDVAL1

 

COSTI DI ISCRIZIONE, DI FREQUENZA E PER LA PARTECIPAZIONE AGLI ESAMI E SPESE PER L'ACQUISTO DI LIBRI E/O DI MATERIALE DIDATTICO PER LA PRIMA ATTIVITÀ, SOSTENUTI DALLA PERSONA STESSA O DA UN SUO FAMILIARE O PARENTE

NFEPAID1 = 1 o NFEPAID1 = 2 o (NFEPAID1 = 3 e NFEPAIDBY1_4 = 1)

 

 

In euro

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente [NFEPAID1 ≠ 1 e NFEPAID1 ≠ 2 e (NFEPAID1 = 3 e NFEPAIDBY1_4 ≠ 1)]

 

NFEUSEA1

 

USO DELLE COMPETENZE/CONOSCENZE ACQUISITE GRAZIE ALLA PRIMA ATTIVITÀ

NFERAND1 ≠ -2

 

1

Considerevole

 

 

2

Medio

 

 

3

Scarso

 

 

4

Nessuno

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (NFERAND1 = -2)

 

NFEUSEB1

 

USO PREVISTO DELLE COMPETENZE/CONOSCENZE ACQUISITE GRAZIE ALLA PRIMA ATTIVITÀ

NFERAND1 ≠ -2

 

1

Considerevole

 

 

2

Medio

 

 

3

Scarso

 

 

4

Nessuno

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (NFERAND1 = -2)

 

NFEOUTCOME1

 

RISULTATI OTTENUTI GRAZIE ALLE NUOVE COMPETENZE/CONOSCENZE ACQUISITE CON LA PRIMA ATTIVITÀ

NFERAND1 ≠ -2

 

0

Nessuna delle ipotesi di seguito elencate

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (NFERAND1 = -2)

 

 

 

Elenco di ipotesi (sono possibili più risposte)

 

NFEOUTCOME1_1

 

Ottenimento di un (nuovo) impiego

 

NFEOUTCOME1_3

 

Retribuzione più elevata

 

NFEOUTCOME1_2

 

Avanzamento di carriera

 

NFEOUTCOME1_4

 

Nuove mansioni

 

NFEOUTCOME1_5

 

Miglioramento delle performance lavorative

 

NFEOUTCOME1_6

 

Risultati a livello personale (incontri con altre persone, aggiornamento delle conoscenze su temi generali, ecc.)

 

NFEOUTCOME1_7

 

Nessun risultato finora

 

 

 

Ogni variabile NFEOUTCOME1_x è codificata: 1 se selezionata, 2 se non selezionata, -2 se non pertinente (NFERAND1 = -2), -1 in caso di mancata risposta

 

NFERAND2

 

CODICE DELLA SECONDA ATTIVITÀ SELEZIONATA CASUALMENTE

Variabili e codifiche come per la variabile NFERAND1

 

5.   Ostacoli alla partecipazione alla formazione e all'istruzione formali e non formali

Denominazione della variabile

Codice

Descrizione

Filtro

DIFFICULTY

 

OSTACOLI ALLA (O A UNA MAGGIORE) PARTECIPAZIONE AD ATTIVITÀ DI FORMAZIONE O ISTRUZIONE FORMALI O NON FORMALI NEGLI ULTIMI 12 MESI

Tutti

 

1

La persona ha partecipato ad attività di istruzione formale o non formale e non intende seguirne altre

 

 

2

La persona ha partecipato ad attività di istruzione formale o non formale e intende seguirne altre

 

 

3

La persona non ha partecipato ad attività di istruzione formale o non formale e non intende parteciparvi

 

 

4

La persona non ha partecipato ad attività di istruzione formale o non formale, ma intende parteciparvi

 

 

-1

Nessuna risposta

 

NEED

 

NESSUNA NECESSITÀ DI (ULTERIORE) FORMAZIONE O ISTRUZIONE

DIFFICULTY = 1 o 3

 

1

 

 

2

No

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (DIFFICULTY ≠ 1 o 3)

 

DIFFTYPE

 

TIPO DI OSTACOLI

(DIFFICULTY = 2 o 4) o NEED = 2

 

0

Nessuno degli ostacoli di seguito elencati

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente [(DIFFICULTY ≠ 2 o 4) e NEED ≠ 2]

 

 

 

Elenco di ostacoli (sono possibili più risposte)

 

DIFFTYPE_01

 

Ostacolo 01 — Prerequisiti

 

DIFFTYPE_02

 

Ostacolo 02 — Costi

 

DIFFTYPE_03

 

Ostacolo 03 — Mancanza di sostegno da parte del datore di lavoro o dei servizi pubblici

 

DIFFTYPE_04

 

Ostacolo 04 — Calendario

 

DIFFTYPE_05

 

Ostacolo 05 — Distanza

 

DIFFTYPE_06

 

Ostacolo 06 — Indisponibilità di computer o di una connessione a Internet

 

DIFFTYPE_07

 

Ostacolo 07 — Problemi familiari

 

DIFFTYPE_08a

 

Ostacolo 08a — Problemi di salute

 

DIFFTYPE_08b

 

Ostacolo 08b — Età

 

DIFFTYPE_09

 

Ostacolo 09 — Altri motivi personali

 

DIFFTYPE_10

 

Ostacolo 10 — Nessuna idonea attività di formazione o di istruzione

 

DIFFTYPE_12

 

Ostacolo 12 — Precedente esperienza di apprendimento negativa

 

 

 

Ogni variabile DIFFTYPE_xx è codificata: 1 se selezionata, 2 se non selezionata, -2 se non pertinente (DIFFICULTY ≠ 2 o 4), -1 in caso di mancata risposta

 

DIFFMAIN

 

OSTACOLO PRINCIPALE

(DIFFICULTY = 2 o 4) o NEED = 2

 

3 cifre

Codice dei motivi da 01 a 12 (codice degli ostacoli come per la variabile DIFFTYPE)

 

 

-2

Non pertinente [(DIFFICULTY ≠ 2 o 4) e NEED ≠ 2]

 

 

-1

Nessuna risposta

 

6.   Partecipazione all'apprendimento informale

Denominazione della variabile

Codice

Descrizione

Filtro

(INF)

 

PARTECIPAZIONE ALLE SEGUENTI ALTRE ATTIVITÀ NEGLI ULTIMI 12 MESI (APPRENDIMENTO VOLONTARIO ALLO SCOPO DI MIGLIORARE LE PROPRIE CONOSCENZE O COMPETENZE SUL POSTO DI LAVORO O DURANTE IL TEMPO LIBERO)

Tutti

INFFAMILY

 

APPRENDIMENTO DA UN FAMILIARE, AMICO O COLLEGA

 

 

1

 

 

2

No

 

INFMATERIAL

 

APPRENDIMENTO GRAZIE ALL'UTILIZZO DI SUSSIDI CARTACEI (LIBRI, RIVISTE SPECIALIZZATE, ECC.)

 

 

1

 

 

2

No

 

INFCOMPUTER

 

APPRENDIMENTO GRAZIE ALL'UTILIZZO DI COMPUTER (IN LINEA O NON IN LINEA)

 

 

1

 

 

2

No

 

INFMEDIA

 

APPRENDIMENTO GRAZIE A TELEVISIONE/RADIO/VIDEO

 

 

1

 

 

2

No

 

INFMUSEUM

 

APPRENDIMENTO GRAZIE A VISITE GUIDATE IN MUSEI O SITI STORICI, NATURALI O INDUSTRIALI

 

 

1

 

 

2

No

 

INFLIBRARIES

 

APPRENDIMENTO MEDIANTE LA VISITA DI CENTRI DI APPRENDIMENTO (COMPRESE LE BIBLIOTECHE)

 

 

1

 

 

2

No

 

7.   Lingue

Denominazione della variabile

Codice

Descrizione

Filtro

LANGMOTHER

 

LINGUA MATERNA O LINGUE MATERNE

Tutti

 

 

Codici basati sulla classificazione ISO dei paesi

 

 

2 cifre

Prima lingua

 

 

2 cifre

Seconda lingua (00 se nessuna)

 

LANGUSED

 

ALTRE LINGUE ESCLUSE LA LINGUA MATERNA O LE LINGUE MATERNE

Tutti

 

0-99

Numero di altre lingue

 

 

-1

Nessuna risposta

 

LANGUSED_1

2 cifre

1 — Codice della prima lingua o 00 (nessuna)

 

LANGUSED_2

2 cifre

2 — Codice della seconda lingua o 00 (nessuna)

 

LANGUSED_3

2 cifre

3 — Codice della terza lingua o 00 (nessuna)

 

LANGUSED_4

2 cifre

4 — Codice della quarta lingua o 00 (nessuna)

 

LANGUSED_5

2 cifre

5 — Codice della quinta lingua o 00 (nessuna)

 

LANGUSED_6

2 cifre

6 — Codice della sesta lingua o 00 (nessuna)

 

LANGUSED_7

2 cifre

7 — Codice della settima lingua o 00 (nessuna)

 

 

 

Ogni variabile LANGUSED_x è codificata sulla base della classificazione ISO dei paesi

 

LANGBEST1

 

LINGUA MEGLIO CONOSCIUTA (ESCLUSE LINGUA MATERNA/LINGUE MATERNE)

LANGUSED ≠ 0, -1

 

 

Sulla base della classificazione ISO dei paesi

 

 

2 cifre

Prima lingua (codice a 2 cifre)

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (LANGUSED = 0, -1)

 

LANGLEVEL1

 

COMPETENZA NELLA LINGUA MEGLIO CONOSCIUTA (ESCLUSE LINGUA MATERNA/LINGUE MATERNE)

LANGBEST1 ≠ -1, -2

 

0

Capacità di comprendere e di usare solo alcune parole ed espressioni.

 

 

1

Capacità di comprendere e di usare le espressioni quotidiane più comuni. Utilizzo della lingua in situazioni familiari.

 

 

2

Capacità di comprendere le linee generali di un discorso e di produrre un semplice testo. Capacità di descrivere esperienze ed eventi e di comunicare abbastanza fluentemente.

 

 

3

Capacità di comprendere un'ampia gamma di testi impegnativi e di utilizzare la lingua in modo flessibile. Padronanza quasi completa della lingua.

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (LANGBEST1 = -1, -2)

 

LANGBEST2

 

SECONDA LINGUA MEGLIO CONOSCIUTA (ESCLUSE LINGUA MATERNA/LINGUE MATERNE)

LANGUSED ≠ 0, 1, -1

 

 

Sulla base della classificazione ISO dei paesi

 

 

2 cifre

Seconda lingua (codice a 2 cifre)

 

 

-1

Nessuna risposta

 

 

-2

Non pertinente (LANGUSED = 0, 1, -1)

 

LANGLEVEL2

 

COMPETENZA NELLA SECONDA LINGUA MEGLIO CONOSCIUTA (ESCLUSE LINGUA MATERNA/LINGUE MATERNE)

LANGBEST2 ≠ -1, -2

 

 

Codifica come per LANGLEVEL1

 


ALLEGATO II

Campione e requisiti di precisione

1.

I dati della seconda indagine sull'istruzione degli adulti sono basati su campioni probabilistici rappresentativi a livello nazionale.

I coefficienti di ponderazione devono essere calcolati tenendo conto in particolare delle probabilità di selezione e dei dati esterni disponibili sulla distribuzione della popolazione oggetto di indagine, in funzione del sesso, dei gruppi d'età [25-34; 35-54; 55-64], dell'istruzione [non superiore all'istruzione secondaria inferiore (livello ISCED 1 o inferiore, programmi ISCED 2 e 3 di durata inferiore a 2 anni); istruzione secondaria superiore (livelli ISCED 3 e 4); istruzione terziaria (livelli da 5 a 8)]; dell'occupazione [occupati o disoccupati]; della regione [livello NUTS II], allorché tali dati esterni siano considerati sufficientemente attendibili a livello nazionale.

2.

Secondo l'allegato del regolamento (CE) n. 452/2008 le dimensioni del campione della seconda indagine sull'istruzione degli adulti sono determinate secondo requisiti di precisione che non richiedono che le dimensioni effettive del campione nazionale, calcolate sulla base di un campionamento casuale semplice, superino le 5 000 persone.

Il margine assoluto di errore per l'indicatore di cui al punto 3 non deve superare la soglia di cui allo stesso punto 3, salvo che ciò richieda dimensioni effettive del campione nazionale superiori a 5 000 persone. In quest'ultimo caso, la dimensione effettiva del campione nazionale richiesto è di 5 000 persone.

3.

La seconda indagine sull'istruzione degli adulti va concepita in modo che la stima del margine assoluto di errore non superi di 1,4 punti percentuali il previsto tasso di partecipazione alla formazione e all'istruzione non formali per la popolazione complessiva di riferimento di età compresa tra 25 e 64 anni.

Per lo stesso requisito è prevista una soglia di 1,7 punti percentuali per i paesi la cui popolazione nella fascia di età tra 25 e 64 anni è compresa tra un milione e tre milioni e mezzo di unità.

Per lo stesso requisito è prevista una soglia di 2,0 punti percentuali per i paesi la cui popolazione di età compresa tra 25 e 64 anni è inferiore a un milione.

4.

Il margine assoluto di errore di cui al punto 3 è la semilunghezza dell'intervallo di confidenza al 95 %.

La numerosità effettiva del campione nazionale deve essere adeguata per tener conto degli effetti del disegno e della prevista mancata risposta totale al fine di determinare la reale entità del campione in fase di pianificazione.

Tali prescrizioni si applicano a un campione di residenti di età compresa tra 25 e 64 anni. Nel caso di campioni nazionali più ampi, le stime per la popolazione residente di età compresa tra 25 e 64 anni devono soddisfare le prescrizioni in materia di precisione di cui sopra.


ALLEGATO III

Prescrizioni in tema di qualità e relazione standard sulla qualità

Una relazione sulla qualità è trasmessa secondo un formato conforme alla struttura della relazione standard sulla qualità del sistema statistico europeo. Particolare attenzione è riservata agli aspetti della pertinenza, della precisione, della tempestività e della puntualità, dell'accessibilità e della chiarezza, della comparabilità e della coerenza ai sensi dell'articolo 4, paragrafo 1, lettera d), del regolamento (CE) n. 452/2008.

Gli Stati membri trasmettono una relazione standard sulla qualità come precisato all'articolo 6 del presente regolamento. A tale scopo utilizzano i formati di trasmissione stabiliti dalla Commissione (Eurostat). Alla relazione sulla qualità va acclusa una copia del questionario nazionale.

Si applicano i criteri standard in tema di qualità di cui in appresso.

1.   PERTINENZA

Descrizione delle modalità di svolgimento dell'indagine e indicazione del grado di corrispondenza delle statistiche alle necessità attuali e potenziali degli utenti.

Descrizione e classificazione degli utilizzatori.

Necessità particolari di ciascuna categoria di utenti.

Valutazione se tali necessità sono state soddisfatte e, in caso affermativo, in quale misura.

2.   PRECISIONE

2.1.   Errori campionari

Descrizione del disegno di campionamento e del campione effettivo.

Descrizione del calcolo dei coefficienti di ponderazione definitivi, compreso il modello di trattamento delle mancate risposte e le variabili ausiliarie utilizzate.

Coefficienti di variazione delle stime secondo gli strati del campione con riferimento agli indicatori di interesse elencati nell'allegato II, punto 3.

Software di stima della varianza.

Descrizione delle variabili ausiliarie o delle informazioni utilizzate.

Riguardo all'analisi delle mancate risposte, descrizione delle distorsioni nel campione e nei risultati.

2.2.   Errori non campionari

2.2.1.   Errori di copertura

Descrizione del registro utilizzato per il campionamento e della sua qualità generale.

Informazioni figuranti nel registro e frequenza del loro aggiornamento.

Errori dovuti alle discrepanze tra la lista di campionamento e la popolazione e le sottopopolazioni oggetto di indagine (sovracopertura, sottocopertura, errori di classificazione).

Metodi utilizzati per ottenere queste informazioni.

Note relative al trattamento degli errori di classificazione.

2.2.2.   Errori di misurazione

Valutazione degli errori intervenuti nella fase di raccolta dei dati, dovuti ad esempio:

alla concezione del questionario (risultati dei pre-test o metodi di laboratorio, strategie d'intervista);

all'unità dichiarante/rispondente (reazioni dei rispondenti);

agli strumenti di rilevazione dei dati e all'uso di registrazioni amministrative (corrispondenza tra i concetti amministrativi e quelli dell'indagine, ad esempio periodo di riferimento, disponibilità di dati individuali);

alla modalità di raccolta dei dati.

2.2.3.   Errori di trattamento

Descrizione della procedura di editing dei dati.

Sistema e strumenti di trattamento utilizzati.

Errori dovuti a codifica, editing, ponderazione, tabulazione, ecc.

Controlli della qualità ai livelli macro/micro.

Ripartizione delle correzioni e degli errori di editing tra valori mancanti, errori e anomalie.

2.2.4.   Errori dovuti a mancate risposte

Descrizione delle misure adottate per ricontattare gli intervistati:

tassi di risposta totale e parziale;

valutazione delle mancate risposte totali e parziali;

relazione completa sulle procedure d'imputazione, compresi i metodi di imputazione e/o di riponderazione;

note metodologiche e risultati dell'analisi delle mancate risposte o di altri metodi di valutazione degli effetti delle mancate risposte.

3.   TEMPESTIVITÀ E PUNTUALITÀ

Tabella specificante le date in cui ciascuna delle seguenti fasi del progetto ha avuto inizio e si è conclusa: rilevazione dei dati, richiami e seguito, controllo e editing dei dati, ulteriore convalida e imputazione, indagine sulle mancate risposte (se del caso), stime, nonché trasmissione dei dati a Eurostat e diffusione dei risultati nazionali.

4.   ACCESSIBILITÀ E CHIAREZZA

Condizioni di accesso ai dati.

Piano di diffusione dei risultati.

Copia di ogni documento metodologico relativo alle statistiche fornite.

5.   COMPARABILITÀ

Ove opportuno e pertinente, i paesi esprimeranno le loro osservazioni:

sulle divergenze rispetto alle definizioni e al questionario europeo;

sull'eventuale collegamento con un'altra indagine a livello nazionale;

sulla misura in cui l'indagine è stata realizzata utilizzando dati contenuti nei registri;

sulle modalità con cui le prescrizioni del presente regolamento sono state soddisfatte in modo da poter valutare la comparabilità dei dati.

6.   COERENZA

Confronto con le statistiche relative allo stesso fenomeno o alla stessa variabile provenienti da altre indagini o fonti.

Descrizione delle modalità con cui le prescrizioni del presente regolamento sono state soddisfatte in modo da poter valutare la comparabilità geografica dei dati.

7.   COSTI E ONERI

Analisi degli oneri e dei benefici a livello nazionale, ad esempio prendendo in considerazione:

tempo medio di risposta al questionario;

domande o moduli dell'indagine che hanno posto problemi;

problemi di classificazione e di definizione delle attività di apprendimento, problemi con altre classificazioni;

variabili più utili e variabili meno utili nella rilevazione dei dati sulla partecipazione degli adulti all'apprendimento permanente;

grado di soddisfazione stimata o reale degli utenti dei dati a livello nazionale;

onere di risposta.

Iniziative adottate per ridurre l'onere di risposta.


4.11.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 316/44


REGOLAMENTO (UE) N. 1176/2014 DELLA COMMISSIONE

del 30 ottobre 2014

recante divieto di pesca delle razze nelle acque dell'Unione della zona VIId per le navi battenti bandiera del Regno Unito

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (CE) n. 1224/2009 del Consiglio, del 20 novembre 2009, che istituisce un regime di controllo comunitario per garantire il rispetto delle norme della politica comune della pesca (1), in particolare l'articolo 36, paragrafo 2,

considerando quanto segue:

(1)

Il regolamento (UE) n. 43/2014 del Consiglio (2) fissa i contingenti per il 2014.

(2)

In base alle informazioni pervenute alla Commissione, le catture dello stock di cui all'allegato del presente regolamento da parte di navi battenti bandiera dello Stato membro ivi indicato o in esso immatricolate hanno determinato l'esaurimento del contingente assegnato per il 2014.

(3)

È quindi necessario vietare le attività di pesca di detto stock,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

Esaurimento del contingente

Il contingente di pesca assegnato per il 2014 allo Stato membro di cui all'allegato del presente regolamento per lo stock ivi indicato si ritiene esaurito a decorrere dalla data stabilita nello stesso allegato.

Articolo 2

Divieti

Le attività di pesca dello stock di cui all'allegato del presente regolamento da parte di navi battenti bandiera dello Stato membro ivi indicato o in esso immatricolate sono vietate a decorrere dalla data stabilita nello stesso allegato. In particolare è vietato conservare a bordo, trasferire, trasbordare o sbarcare le catture di tale stock effettuate dalle navi suddette dopo tale data.

Articolo 3

Entrata in vigore

Il presente regolamento entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 30 ottobre 2014

Per la Commissione,

a nome del presidente

Lowri EVANS

Direttrice generale degli Affari marittimi e della pesca


(1)  GU L 343 del 22.12.2009, pag. 1.

(2)  Regolamento (UE) n. 43/2014 del Consiglio, del 20 gennaio 2014, che stabilisce, per il 2014, le possibilità di pesca per alcuni stock ittici o gruppi di stock ittici, applicabili nelle acque dell'Unione e, per le navi dell'Unione, in determinate acque non dell'Unione (GU L 24 del 28.1.2014, pag. 1).


ALLEGATO

N.

63/TQ43

Stato membro

Regno Unito

Stock

SRX/07D.

Specie

Razze (Rajiformes)

Zona

Acque dell'Unione della zona VIId

Data di chiusura

3.10.2014


4.11.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 316/46


REGOLAMENTO (UE) N. 1177/2014 DELLA COMMISSIONE

del 30 ottobre 2014

recante divieto di pesca della sogliola nella zona VIIa per le navi battenti bandiera irlandese

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (CE) n. 1224/2009 del Consiglio, del 20 novembre 2009, che istituisce un regime di controllo comunitario per garantire il rispetto delle norme della politica comune della pesca (1), in particolare l'articolo 36, paragrafo 2,

considerando quanto segue:

(1)

Il regolamento (UE) n. 43/2014 del Consiglio (2) fissa i contingenti per il 2014.

(2)

In base alle informazioni pervenute alla Commissione, le catture dello stock di cui all'allegato del presente regolamento da parte di navi battenti bandiera dello Stato membro ivi indicato o in esso immatricolate hanno determinato l'esaurimento del contingente assegnato per il 2014.

(3)

È quindi necessario vietare le attività di pesca di detto stock,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

Esaurimento del contingente

Il contingente di pesca assegnato per il 2014 allo Stato membro di cui all'allegato del presente regolamento per lo stock ivi indicato si ritiene esaurito a decorrere dalla data stabilita nello stesso allegato.

Articolo 2

Divieti

Le attività di pesca dello stock di cui all'allegato del presente regolamento da parte di navi battenti bandiera dello Stato membro ivi indicato o in esso immatricolate sono vietate a decorrere dalla data stabilita nello stesso allegato. In particolare è vietato conservare a bordo, trasferire, trasbordare o sbarcare le catture di tale stock effettuate dalle navi suddette dopo tale data.

Articolo 3

Entrata in vigore

Il presente regolamento entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 30 ottobre 2014

Per la Commissione,

a nome del presidente

Lowri EVANS

Direttrice generale degli Affari marittimi e della pesca


(1)  GU L 343 del 22.12.2009, pag. 1.

(2)  Regolamento (UE) n. 43/2014 del Consiglio, del 20 gennaio 2014, che stabilisce, per il 2014, le possibilità di pesca per alcuni stock ittici o gruppi di stock ittici, applicabili nelle acque dell'Unione e, per le navi dell'Unione, in determinate acque non dell'Unione (GU L 24 del 28.1.2014, pag. 1).


ALLEGATO

N.

62/TQ43

Stato membro

Irlanda

Stock

SOL/07 A.

Specie

Sogliola (Solea solea)

Zona

VIIa

Data di chiusura

2.10.2014


4.11.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 316/48


REGOLAMENTO (UE) N. 1178/2014 DELLA COMMISSIONE

del 30 ottobre 2014

recante divieto di pesca del merluzzo carbonaro nelle acque norvegesi a sud di 62° N per le navi battenti bandiera svedese

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (CE) n. 1224/2009 del Consiglio, del 20 novembre 2009, che istituisce un regime di controllo comunitario per garantire il rispetto delle norme della politica comune della pesca (1), in particolare l'articolo 36, paragrafo 2,

considerando quanto segue:

(1)

Il regolamento (UE) n. 43/2014 del Consiglio (2) fissa i contingenti per il 2014.

(2)

In base alle informazioni pervenute alla Commissione, le catture dello stock di cui all'allegato del presente regolamento da parte di navi battenti bandiera dello Stato membro ivi indicato o in esso immatricolate hanno determinato l'esaurimento del contingente assegnato per il 2014.

(3)

È quindi necessario vietare le attività di pesca di detto stock,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

Esaurimento del contingente

Il contingente di pesca assegnato per il 2014 allo Stato membro di cui all'allegato del presente regolamento per lo stock ivi indicato si ritiene esaurito a decorrere dalla data stabilita nello stesso allegato.

Articolo 2

Divieti

Le attività di pesca dello stock di cui all'allegato del presente regolamento da parte di navi battenti bandiera dello Stato membro ivi indicato o in esso immatricolate sono vietate a decorrere dalla data stabilita nello stesso allegato. In particolare è vietato conservare a bordo, trasferire, trasbordare o sbarcare le catture di tale stock effettuate dalle navi suddette dopo tale data.

Articolo 3

Entrata in vigore

Il presente regolamento entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 30 ottobre 2014

Per la Commissione,

a nome del presidente

Lowri EVANS

Direttrice generale degli Affari marittimi e della pesca


(1)  GU L 343 del 22.12.2009, pag. 1.

(2)  Regolamento (UE) n. 43/2014 del Consiglio, del 20 gennaio 2014, che stabilisce, per il 2014, le possibilità di pesca per alcuni stock ittici o gruppi di stock ittici, applicabili nelle acque dell'Unione e, per le navi dell'Unione, in determinate acque non dell'Unione (GU L 24 del 28.1.2014, pag. 1).


ALLEGATO

N.

59/TQ43

Stato membro

Svezia

Stock

POK/04-N.

Specie

Merluzzo carbonaro (Pollachius virens)

Zona

Acque norvegesi a sud di 62° N

Data di chiusura

6.10.2014


4.11.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 316/50


REGOLAMENTO (UE) N. 1179/2014 DELLA COMMISSIONE

del 30 ottobre 2014

recante divieto di pesca del merluzzo bianco nelle acque norvegesi a sud di 62° N per le navi battenti bandiera svedese

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (CE) n. 1224/2009 del Consiglio, del 20 novembre 2009, che istituisce un regime di controllo comunitario per garantire il rispetto delle norme della politica comune della pesca (1), in particolare l'articolo 36, paragrafo 2,

considerando quanto segue:

(1)

Il regolamento (UE) n. 43/2014 del Consiglio (2) fissa i contingenti per il 2014.

(2)

In base alle informazioni pervenute alla Commissione, le catture dello stock di cui all'allegato del presente regolamento da parte di navi battenti bandiera dello Stato membro ivi indicato o in esso immatricolate hanno determinato l'esaurimento del contingente assegnato per il 2014.

(3)

È quindi necessario vietare le attività di pesca di detto stock,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

Esaurimento del contingente

Il contingente di pesca assegnato per il 2014 allo Stato membro di cui all'allegato del presente regolamento per lo stock ivi indicato si ritiene esaurito a decorrere dalla data stabilita nello stesso allegato.

Articolo 2

Divieti

Le attività di pesca dello stock di cui all'allegato del presente regolamento da parte di navi battenti bandiera dello Stato membro ivi indicato o in esso immatricolate sono vietate a decorrere dalla data stabilita nello stesso allegato. In particolare è vietato conservare a bordo, trasferire, trasbordare o sbarcare le catture di tale stock effettuate dalle navi suddette dopo tale data.

Articolo 3

Entrata in vigore

Il presente regolamento entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 30 ottobre 2014

Per la Commissione,

a nome del presidente

Lowri EVANS

Direttrice generale degli Affari marittimi e della pesca


(1)  GU L 343 del 22.12.2009, pag. 1.

(2)  Regolamento (UE) n. 43/2014 del Consiglio, del 20 gennaio 2014, che stabilisce, per il 2014, le possibilità di pesca per alcuni stock ittici o gruppi di stock ittici, applicabili nelle acque dell'Unione e, per le navi dell'Unione, in determinate acque non dell'Unione (GU L 24 del 28.1.2014, pag. 1).


ALLEGATO

N.

60/TQ43

Stato membro

Svezia

Stock

COD/04-N.

Specie

Merluzzo bianco (Gadus Morhua)

Zona

Acque norvegesi a sud di 62° N

Data di chiusura

6.10.2014


4.11.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 316/52


REGOLAMENTO (UE) N. 1180/2014 DELLA COMMISSIONE

del 30 ottobre 2014

recante divieto di pesca del merluzzo bianco nella zona VIIa per le navi battenti bandiera irlandese

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (CE) n. 1224/2009 del Consiglio, del 20 novembre 2009, che istituisce un regime di controllo comunitario per garantire il rispetto delle norme della politica comune della pesca (1), in particolare l'articolo 36, paragrafo 2,

considerando quanto segue:

(1)

Il regolamento (UE) n. 43/2014 del Consiglio (2) fissa i contingenti per il 2014.

(2)

In base alle informazioni pervenute alla Commissione, le catture dello stock di cui all'allegato del presente regolamento da parte di navi battenti bandiera dello Stato membro ivi indicato o in esso immatricolate hanno determinato l'esaurimento del contingente assegnato per il 2014.

(3)

È quindi necessario vietare le attività di pesca di detto stock,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

Esaurimento del contingente

Il contingente di pesca assegnato per il 2014 allo Stato membro di cui all'allegato del presente regolamento per lo stock ivi indicato si ritiene esaurito a decorrere dalla data stabilita nello stesso allegato.

Articolo 2

Divieti

Le attività di pesca dello stock di cui all'allegato del presente regolamento da parte di navi battenti bandiera dello Stato membro ivi indicato o in esso immatricolate sono vietate a decorrere dalla data stabilita nello stesso allegato. In particolare è vietato conservare a bordo, trasferire, trasbordare o sbarcare le catture di tale stock effettuate dalle navi suddette dopo tale data.

Articolo 3

Entrata in vigore

Il presente regolamento entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 30 ottobre 2014

Per la Commissione,

a nome del presidente

Lowri EVANS

Direttrice generale degli Affari marittimi e della pesca


(1)  GU L 343 del 22.12.2009, pag. 1.

(2)  Regolamento (UE) n. 43/2014 del Consiglio, del 20 gennaio 2014, che stabilisce, per il 2014, le possibilità di pesca per alcuni stock ittici o gruppi di stock ittici, applicabili nelle acque dell'Unione e, per le navi dell'Unione, in determinate acque non dell'Unione (GU L 24 del 28.1.2014, pag. 1).


ALLEGATO

N.

61/TQ43

Stato membro

Irlanda

Stock

COD/07A.

Specie

Merluzzo bianco (Gadus morhua)

Zona

VIIa

Data di chiusura

2.10.2014


4.11.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 316/54


REGOLAMENTO (UE) N. 1181/2014 DELLA COMMISSIONE

del 30 ottobre 2014

recante divieto di pesca delle razze nelle acque dell'Unione delle zone VIa, VIb, VIIa-c e VIIe-k per le navi battenti bandiera belga

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (CE) n. 1224/2009 del Consiglio, del 20 novembre 2009, che istituisce un regime di controllo comunitario per garantire il rispetto delle norme della politica comune della pesca (1), in particolare l'articolo 36, paragrafo 2,

considerando quanto segue:

(1)

Il regolamento (UE) n. 43/2014 del Consiglio (2) fissa i contingenti per il 2014.

(2)

In base alle informazioni pervenute alla Commissione, le catture dello stock di cui all'allegato del presente regolamento da parte di navi battenti bandiera dello Stato membro ivi indicato o in esso immatricolate hanno determinato l'esaurimento del contingente assegnato per il 2014.

(3)

È quindi necessario vietare le attività di pesca di detto stock,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

Esaurimento del contingente

Il contingente di pesca assegnato per il 2014 allo Stato membro di cui all'allegato del presente regolamento per lo stock ivi indicato si ritiene esaurito a decorrere dalla data stabilita nello stesso allegato.

Articolo 2

Divieti

Le attività di pesca dello stock di cui all'allegato del presente regolamento da parte di navi battenti bandiera dello Stato membro ivi indicato o in esso immatricolate sono vietate a decorrere dalla data stabilita nello stesso allegato. In particolare è vietato conservare a bordo, trasferire, trasbordare o sbarcare le catture di tale stock effettuate dalle navi suddette dopo tale data.

Articolo 3

Entrata in vigore

Il presente regolamento entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 30 ottobre 2014

Per la Commissione,

a nome del presidente

Lowri EVANS

Direttrice generale degli Affari marittimi e della pesca


(1)  GU L 343 del 22.12.2009, pag. 1.

(2)  Regolamento (UE) n. 43/2014 del Consiglio, del 20 gennaio 2014, che stabilisce, per il 2014, le possibilità di pesca per alcuni stock ittici o gruppi di stock ittici, applicabili nelle acque dell'Unione e, per le navi dell'Unione, in determinate acque non dell'Unione (GU L 24 del 28.1.2014, pag. 1).


ALLEGATO

N.

64/TQ43

Stato membro

Belgio

Stock

SRX/67AKXD

Specie

Razze (Rajiformes)

Zona

Acque dell'Unione delle zone VIa, VIb, VIIa-c e VIIe-k

Data di chiusura

11.10.2014


4.11.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 316/56


REGOLAMENTO (UE) N. 1182/2014 DELLA COMMISSIONE

del 30 ottobre 2014

recante divieto di pesca delle razze nelle acque dell'Unione delle zone VIa, VIb, VIIa-c e VIIe-k per le navi battenti bandiera dei Paesi Bassi

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (CE) n. 1224/2009 del Consiglio, del 20 novembre 2009, che istituisce un regime di controllo comunitario per garantire il rispetto delle norme della politica comune della pesca (1), in particolare l'articolo 36, paragrafo 2,

considerando quanto segue:

(1)

Il regolamento (UE) n. 43/2014 del Consiglio (2) fissa i contingenti per il 2014.

(2)

In base alle informazioni pervenute alla Commissione, le catture dello stock di cui all'allegato del presente regolamento da parte di navi battenti bandiera dello Stato membro ivi indicato o in esso immatricolate hanno determinato l'esaurimento del contingente assegnato per il 2014.

(3)

È quindi necessario vietare le attività di pesca di detto stock,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

Esaurimento del contingente

Il contingente di pesca assegnato per il 2014 allo Stato membro di cui all'allegato del presente regolamento per lo stock ivi indicato si ritiene esaurito a decorrere dalla data stabilita nello stesso allegato.

Articolo 2

Divieti

Le attività di pesca dello stock di cui all'allegato del presente regolamento da parte di navi battenti bandiera dello Stato membro ivi indicato o in esso immatricolate sono vietate a decorrere dalla data stabilita nello stesso allegato. In particolare è vietato conservare a bordo, trasferire, trasbordare o sbarcare le catture di tale stock effettuate dalle navi suddette dopo tale data.

Articolo 3

Entrata in vigore

Il presente regolamento entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 30 ottobre 2014

Per la Commissione,

a nome del presidente

Lowri EVANS

Direttrice generale degli Affari marittimi e della pesca


(1)  GU L 343 del 22.12.2009, pag. 1.

(2)  Regolamento (UE) n. 43/2014 del Consiglio, del 20 gennaio 2014, che stabilisce, per il 2014, le possibilità di pesca per alcuni stock ittici o gruppi di stock ittici, applicabili nelle acque dell'Unione e, per le navi dell'Unione, in determinate acque non dell'Unione (GU L 24 del 28.1.2014, pag. 1).


ALLEGATO

N.

67/TQ43

Stato membro

Paesi Bassi

Stock

SRX/67AKXD

Specie

Razze (Rajiformes)

Zona

Acque dell'Unione delle zone VIa, VIb, VIIa-c e VIIe-k

Data di chiusura

16.10.2014


4.11.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 316/58


REGOLAMENTO (UE) N. 1183/2014 DELLA COMMISSIONE

del 30 ottobre 2014

recante divieto di pesca della sogliola nella zona VIIa per le navi battenti bandiera belga

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (CE) n. 1224/2009 del Consiglio, del 20 novembre 2009, che istituisce un regime di controllo comunitario per garantire il rispetto delle norme della politica comune della pesca (1), in particolare l'articolo 36, paragrafo 2,

considerando quanto segue:

(1)

Il regolamento (UE) n. 43/2014 del Consiglio (2) fissa i contingenti per il 2014.

(2)

In base alle informazioni pervenute alla Commissione, le catture dello stock di cui all'allegato del presente regolamento da parte di navi battenti bandiera dello Stato membro ivi indicato o in esso immatricolate hanno determinato l'esaurimento del contingente assegnato per il 2014.

(3)

È quindi necessario vietare le attività di pesca di detto stock,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

Esaurimento del contingente

Il contingente di pesca assegnato per il 2014 allo Stato membro di cui all'allegato del presente regolamento per lo stock ivi indicato si ritiene esaurito a decorrere dalla data stabilita nello stesso allegato.

Articolo 2

Divieti

Le attività di pesca dello stock di cui all'allegato del presente regolamento da parte di navi battenti bandiera dello Stato membro ivi indicato o in esso immatricolate sono vietate a decorrere dalla data stabilita nello stesso allegato. In particolare è vietato conservare a bordo, trasferire, trasbordare o sbarcare le catture di tale stock effettuate dalle navi suddette dopo tale data.

Articolo 3

Entrata in vigore

Il presente regolamento entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 30 ottobre 2014

Per la Commissione,

a nome del presidente

Lowri EVANS

Direttrice generale degli Affari marittimi e della pesca


(1)  GU L 343 del 22.12.2009, pag. 1.

(2)  Regolamento (UE) n. 43/2014 del Consiglio, del 20 gennaio 2014, che stabilisce, per il 2014, le possibilità di pesca per alcuni stock ittici o gruppi di stock ittici, applicabili nelle acque dell'Unione e, per le navi dell'Unione, in determinate acque non dell'Unione (GU L 24 del 28.1.2014, pag. 1).


ALLEGATO

N.

68/TQ43

Stato membro

Belgio

Stock

SOL/07A.

Specie

Sogliola (Solea solea)

Zona

VIIa

Data di chiusura

21.10.2014


4.11.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 316/60


REGOLAMENTO (UE) N. 1184/2014 DELLA COMMISSIONE

del 30 ottobre 2014

recante divieto di pesca del merluzzo carbonaro nelle zone IIIa e IV, nelle acque dell'Unione delle zone IIa, IIIb, IIIc e sottodivisioni 22-32 per le navi battenti bandiera svedese

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (CE) n. 1224/2009 del Consiglio, del 20 novembre 2009, che istituisce un regime di controllo comunitario per garantire il rispetto delle norme della politica comune della pesca (1), in particolare l'articolo 36, paragrafo 2,

considerando quanto segue:

(1)

Il regolamento (UE) n. 43/2014 del Consiglio (2) fissa i contingenti per il 2014.

(2)

In base alle informazioni pervenute alla Commissione, le catture dello stock di cui all'allegato del presente regolamento da parte di navi battenti bandiera dello Stato membro ivi indicato o in esso immatricolate hanno determinato l'esaurimento del contingente assegnato per il 2014.

(3)

È quindi necessario vietare le attività di pesca di detto stock,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

Esaurimento del contingente

Il contingente di pesca assegnato per il 2014 allo Stato membro di cui all'allegato del presente regolamento per lo stock ivi indicato si ritiene esaurito a decorrere dalla data stabilita nello stesso allegato.

Articolo 2

Divieti

Le attività di pesca dello stock di cui all'allegato del presente regolamento da parte di navi battenti bandiera dello Stato membro ivi indicato o in esso immatricolate sono vietate a decorrere dalla data stabilita nello stesso allegato. In particolare è vietato conservare a bordo, trasferire, trasbordare o sbarcare le catture di tale stock effettuate dalle navi suddette dopo tale data.

Articolo 3

Entrata in vigore

Il presente regolamento entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 30 ottobre 2014

Per la Commissione,

a nome del presidente

Lowri EVANS

Direttrice generale degli Affari marittimi e della pesca


(1)  GU L 343 del 22.12.2009, pag. 1.

(2)  Regolamento (UE) n. 43/2014 del Consiglio, del 20 gennaio 2014, che stabilisce, per il 2014, le possibilità di pesca per alcuni stock ittici o gruppi di stock ittici, applicabili nelle acque dell'Unione e, per le navi dell'Unione, in determinate acque non dell'Unione (GU L 24 del 28.1.2014, pag. 1).


ALLEGATO

N.

65/TQ43

Stato membro

Svezia

Stock

POK/2A34.

Specie

Merluzzo carbonaro (Pollachius virens)

Zona

Zone IIIa e IV, acque dell'Unione delle zone IIa, IIIb, IIIc e sottodivisioni 22-32

Data di chiusura

20.10.2014


4.11.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 316/62


REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1185/2014 DELLA COMMISSIONE

del 3 novembre 2014

recante fissazione dei valori forfettari all'importazione ai fini della determinazione del prezzo di entrata di taluni ortofrutticoli

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il Regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013, recante organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli e che abroga i regolamenti (CEE) n. 922/72, (CEE) n. 234/79, (CE) n. 1037/2001 e (CE) n. 1234/2007 del Consiglio (1),

visto il regolamento di esecuzione (UE) n. 543/2011 della Commissione, del 7 giugno 2011, recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio nei settori degli ortofrutticoli freschi e degli ortofrutticoli trasformati (2), in particolare l'articolo 136, paragrafo 1,

considerando quanto segue:

(1)

Il regolamento di esecuzione (UE) n. 543/2011 prevede, in applicazione dei risultati dei negoziati commerciali multilaterali dell'Uruguay round, i criteri per la fissazione da parte della Commissione dei valori forfettari all'importazione dai paesi terzi, per i prodotti e i periodi indicati nell'allegato XVI, parte A, del medesimo regolamento.

(2)

Il valore forfettario all'importazione è calcolato ciascun giorno feriale, in conformità dell'articolo 136, paragrafo 1, del regolamento di esecuzione (UE) n. 543/2011, tenendo conto di dati giornalieri variabili. Pertanto il presente regolamento entra in vigore il giorno della pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

I valori forfettari all'importazione di cui all'articolo 136 del regolamento di esecuzione (UE) n. 543/2011 sono quelli fissati nell'allegato del presente regolamento.

Articolo 2

Il presente regolamento entra in vigore il giorno della pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 3 novembre 2014

Per la Commissione,

a nome del presidente

Jerzy PLEWA

Direttore generale dell'Agricoltura e dello sviluppo rurale


(1)  GU L 347 del 20.12.2013, pag. 671.

(2)  GU L 157 del 15.6.2011, pag. 1.


ALLEGATO

Valori forfettari all'importazione ai fini della determinazione del prezzo di entrata di taluni ortofrutticoli

(EUR/100 kg)

Codice NC

Codice dei paesi terzi (1)

Valore forfettario all'importazione

0702 00 00

AL

55,3

MA

90,6

MK

57,9

ZZ

67,9

0707 00 05

AL

71,2

JO

193,6

TR

126,5

ZZ

130,4

0709 93 10

MA

43,5

TR

137,0

ZZ

90,3

0805 50 10

AR

72,8

TR

86,7

UY

29,5

ZZ

63,0

0806 10 10

BR

292,5

LB

283,5

MD

36,9

PE

351,3

TR

146,2

US

400,6

ZZ

251,8

0808 10 80

BA

34,8

BR

51,7

CA

88,6

CL

86,8

NZ

145,5

US

231,6

ZA

139,5

ZZ

111,2

0808 30 90

CN

75,3

TR

99,6

ZZ

87,5


(1)  Nomenclatura dei paesi stabilita dal Regolamento (UE) n. 1106/2012 della Commissione, del 27 novembre 2012, che attua il regolamento (CE) n. 471/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, relativo alle statistiche comunitarie del commercio estero con i paesi terzi, per quanto riguarda l'aggiornamento della nomenclatura dei paesi e territori (GU L 328 del 28.11.2012, pag. 7). Il codice «ZZ» corrisponde a «altre origini».


4.11.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 316/64


REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1186/2014 DELLA COMMISSIONE

del 3 novembre 2014

recante fissazione dei dazi all'importazione nel settore dei cereali applicabili a decorrere dal 4 novembre 2014

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013, recante organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli e che abroga i regolamenti (CEE) n. 922/72, (CEE) n. 234/79, (CE) n. 1037/2001 e (CE) n. 1234/2007 del Consiglio (1), in particolare l'articolo 183,

considerando quanto segue:

(1)

A norma dell'articolo 1, paragrafo 1, del regolamento (UE) n. 642/2010, della Commissione (2) il dazio all'importazione per i prodotti dei codici NC 1001 11 00, 1001 19 00, ex 1001 91 20 [frumento (grano) tenero da seme], ex 1001 99 00 [frumento (grano) tenero di alta qualità, diverso da quello da seme], 1002 10 00, 1002 90 00, 1005 10 90, 1005 90 00, 1007 10 90 e 1007 90 00 è pari al prezzo d'intervento applicabile a tali prodotti all'atto dell'importazione e maggiorato del 55 %, deduzione fatta del prezzo cif all'importazione applicabile alla spedizione in causa. Tale dazio, tuttavia, non può essere superiore all'aliquota dei dazi della tariffa doganale comune.

(2)

A norma dell'articolo 1, paragrafo 2, del regolamento (UE) n. 642/2010, ai fini del calcolo del dazio all'importazione di cui al paragrafo 1 del medesimo articolo, per i prodotti in questione sono fissati regolarmente prezzi rappresentativi all'importazione cif.

(3)

A norma dell'articolo 2, paragrafo 1, del regolamento (UE) n. 642/2010, il prezzo da prendere in considerazione per calcolare il dazio all'importazione per i prodotti di cui all'articolo 1, paragrafo 1, del suddetto regolamento è il prezzo rappresentativo cif all'importazione giornaliero, determinato in base al metodo previsto all'articolo 5 del medesimo regolamento.

(4)

Occorre fissare i dazi all'importazione per il periodo a decorrere dal 4 novembre 2014, applicabili fino all'entrata in vigore di una nuova fissazione.

(5)

Conformemente all'articolo 2, paragrafo 2, del regolamento (UE) n. 642/2010, occorre che il presente regolamento entri in vigore il giorno della sua pubblicazione,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

A decorrere dal 4 novembre 2014, i dazi all'importazione nel settore dei cereali, di cui all'articolo 1, paragrafo 1, del regolamento (UE) n. 642/2010, sono quelli fissati nell'allegato I del presente regolamento sulla base degli elementi riportati nell'allegato II.

Articolo 2

Il presente regolamento entra in vigore il giorno della pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 3 novembre 2014

Per la Commissione,

a nome del presidente

Jerzy PLEWA

Direttore generale dell'agricoltura e dello sviluppo rurale


(1)  GU L 347 del 20.12.2013, pag. 671.

(2)  Regolamento (UE) n. 642/2010 della Commissione, del 20 luglio 2010, recante modalità d' applicazione del regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio in ordine ai dazi all'importazione nel settore dei cereali (GU L 187 del 21.7.2010, pag. 5).


ALLEGATO I

Dazi all'importazione dei prodotti di cui all'articolo 1, paragrafo 1, del regolamento (UE) n. 642/2010 applicabili a decorrere dal 4 novembre 2014

Codice NC

Designazione delle merci

Dazi all'importazione (1)

(EUR/t)

1001 11 00

FRUMENTO (grano) duro da seme

0,00

1001 19 00

FRUMENTO (grano) duro di alta qualità, diverso da quello da seme

0,00

di qualità media, diverso da quello da seme

0,00

di qualità bassa, diverso da quello da seme

0,00

ex 1001 91 20

FRUMENTO (grano) tenero da seme

0,00

ex 1001 99 00

FRUMENTO (grano) tenero di alta qualità, diverso da quello da seme

0,00

1002 10 00

SEGALA da seme

4,49

1002 90 00

SEGALA non destinata alla semina

4,49

1005 10 90

GRANTURCO da seme, diverso dal granturco ibrido

4,49

1005 90 00

GRANTURCO, diverso dal granturco da seme (2)

4,49

1007 10 90

SORGO da granella, diverso da quello ibrido destinato alla semina

4,49

1007 90 00

SORGO da granella, diverso dal sorgo destinato alla semina

4,49


(1)  A norma dell'articolo 2, paragrafo 4, del regolamento (UE) n. 642/2010, l'importatore può beneficiare di una riduzione dei dazi pari a:

3 EUR/t se il porto di sbarco si trova nel Mar Mediterraneo (al di là dello stretto di Gibilterra) o nel Mar Nero e se le merci arrivano nell'Unione attraverso l'Oceano Atlantico o il Canale di Suez,

2 EUR/t se il porto di sbarco si trova in Danimarca, in Estonia, in Irlanda, in Lettonia, in Lituania, in Polonia, in Finlandia, in Svezia, nel Regno Unito oppure sulla costa atlantica della Penisola iberica e se le merci arrivano nell'Unione attraverso l'Oceano Atlantico.

(2)  L'importatore può beneficiare di una riduzione forfettaria di 24 EUR/t se sono soddisfatte le condizioni fissate all'articolo 3 del regolamento (UE) n. 642/2010.


ALLEGATO II

Elementi per il calcolo dei dazi fissati nell'allegato I

1.

Medie nel periodo di riferimento di cui all'articolo 2, paragrafo 2, del regolamento (UE) n. 642/2010:

(EUR/t)

 

Frumento tenero (1)

Granturco

Borsa

Minneapolis

Chicago

Quotazione

179,86

112,48

Premio sul Golfo

25,89

Premio sui Grandi Laghi

68,56

2.

Medie nel periodo di riferimento di cui all'articolo 2, paragrafo 2, del regolamento (UE) n. 642/2010:

Spese di nolo: Golfo del Messico-Rotterdam

14,17 EUR/t

Spese di nolo: Grandi laghi-Rotterdam

47,21 EUR/t


(1)  Premio positivo di 14 EUR/t incluso [articolo 5, paragrafo 3, del regolamento (UE) n. 642/2010].


DECISIONI

4.11.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 316/67


DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

del 30 ottobre 2014

relativa alla concessione di deroghe all'attuazione del regolamento (CE) n. 452/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla produzione e allo sviluppo di statistiche sull'istruzione e sull'apprendimento permanente per quanto riguarda il Belgio, l'Irlanda, la Francia, Malta, e la Finlandia

[notoficata con il numero C(2014) 7865]

(I testi in lingua finlandese, francese, inglese, maltese, neerlandese e svedese sono i soli facenti fede)

(2014/773/UE)

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (CE) n. 452/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2008, relativo alla produzione e allo sviluppo di statistiche sull'istruzione e sull'apprendimento permanente (1), in particolare l'articolo 6, paragrafo 3,

viste le richieste presentate dal Regno del Belgio, dall'Irlanda, dalla Repubblica francese, dalla Repubblica di Malta e dalla Repubblica di Finlandia,

considerando quanto segue:

(1)

Il regolamento (CE) n. 452/2008 definisce un quadro comune per la produzione sistematica di statistiche europee sull'istruzione e sull'apprendimento permanente. Esso si applica alla produzione di statistiche sulla partecipazione degli adulti all'apprendimento permanente.

(2)

L'articolo 6, paragrafo 3, del regolamento (CE) n. 452/2008 stabilisce che, se necessario e sulla base di ragioni oggettive, possono essere accordate agli Stati membri deroghe limitate.

(3)

Il Regno del Belgio, l'Irlanda, la Repubblica francese, la Repubblica di Malta e la Repubblica di Finlandia hanno chiesto che siano loro accordate deroghe in ragione della necessità di apportare rilevanti modifiche ai rispettivi sistemi statistici nazionali al fine di conformarsi appieno al regolamento (CE) n. 452/2008.

(4)

A questi Stati membri dovrebbero pertanto essere accordate tali deroghe.

(5)

Le misure di cui alla presente decisione sono conformi al parere del comitato del sistema statistico europeo,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

In Irlanda, la rilevazione di dati per la seconda indagine sulla partecipazione e sulla mancata partecipazione degli adulti all'apprendimento permanente (in appresso «la seconda indagine sull'istruzione degli adulti») è effettuata tra il 1o gennaio e il 31 dicembre 2017. Il periodo di riferimento per il quale sono rilevati dati sulla partecipazione alle attività di apprendimento permanente corrisponde ai 12 mesi antecedenti all'intervista.

In Francia e in Finlandia, la rilevazione di dati per la seconda indagine sull'istruzione degli adulti è effettuata tra il 1o gennaio e il 30 giugno 2017. Il periodo di riferimento per il quale sono rilevati dati sulla partecipazione alle attività di apprendimento permanente corrisponde ai 12 mesi antecedenti all'intervista.

Il Belgio e Malta trasmettono alla Commissione (Eurostat) file di microdati ripuliti per quanto riguarda la seconda indagine sull'istruzione degli adulti entro nove mesi dalla fine del periodo di rilevazione dei dati a livello nazionale.

Articolo 2

Il Regno del Belgio, l'Irlanda, la Repubblica francese, la Repubblica di Malta e la Repubblica di Finlandia sono destinatari della presente decisione.

Fatto a Bruxelles, il 30 ottobre 2014

Per la Commissione

Algirdas ŠEMETA

Membro della Commissione


(1)  GU L 145 del 4.6.2008, pag. 227.