ISSN 1725-258X

Gazzetta ufficiale

dell'Unione europea

L 12

European flag  

Edizione in lingua italiana

Legislazione

49o anno
18 gennaio 2006


Sommario

 

I   Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità

pagina

 

*

Regolamento (CE) n. 73/2006 del Consiglio, del 13 gennaio 2006, recante modifica del regolamento (CE) n. 92/2002 del Consiglio che istituisce un dazio antidumping definitivo e riscuote definitivamente i dazi provvisori istituiti sulle importazioni di urea originarie della Bielorussia, della Bulgaria, della Croazia, dell’Estonia, della Libia, della Lituania, della Romania e dell’Ucraina

1

 

 

Regolamento (CE) n. 74/2006 della Commissione, del 17 gennaio 2006, recante fissazione dei valori forfettari all'importazione ai fini della determinazione del prezzo di entrata di alcuni ortofrutticoli

3

 

 

Regolamento (CE) n. 75/2006 della Commissione, del 17 gennaio 2006, relativo al rilascio dei titoli d'esportazione del sistema A3 nel settore degli ortofrutticoli (pomodori, arance, limoni e mele)

5

 

*

Regolamento (CE) n. 76/2006 della Commissione, del 17 gennaio 2006, recante sessantunesima modifica del regolamento (CE) n. 881/2002 che impone specifiche misure restrittive nei confronti di determinate persone ed entità associate a Osama bin Laden, alla rete Al-Qaeda e ai Talibani e abroga il regolamento (CE) n. 467/2001 del Consiglio

7

 

*

Direttiva 2006/5/CE della Commissione, del 17 gennaio 2006, che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio per iscrivere il warfarin come sostanza attiva ( 1 )

17

 

*

Direttiva 2006/6/CE della Commissione, del 17 gennaio 2006, che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio per iscrivere il tolilfluanide come sostanza attiva ( 1 )

21

 


 

(1)   Testo rilevante ai fini del SEE

IT

Gli atti i cui titoli sono stampati in caratteri chiari appartengono alla gestione corrente. Essi sono adottati nel quadro della politica agricola ed hanno generalmente una durata di validità limitata.

I titoli degli altri atti sono stampati in grassetto e preceduti da un asterisco.


I Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità

18.1.2006   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 12/1


REGOLAMENTO (CE) N. 73/2006 DEL CONSIGLIO

del 13 gennaio 2006

recante modifica del regolamento (CE) n. 92/2002 del Consiglio che istituisce un dazio antidumping definitivo e riscuote definitivamente i dazi provvisori istituiti sulle importazioni di urea originarie della Bielorussia, della Bulgaria, della Croazia, dell’Estonia, della Libia, della Lituania, della Romania e dell’Ucraina

IL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

visto il regolamento (CE) n. 384/96 del Consiglio, del 22 dicembre 1995, relativo alla difesa contro le importazioni oggetto di dumping da parte di paesi non membri della Comunità europea (1), in particolare gli articoli 8 e 9,

vista la proposta presentata dalla Commissione dopo aver sentito il comitato consultivo,

considerando quanto segue:

A.   PROCEDIMENTO PRECEDENTE

(1)

Il 21 ottobre 2000 la Commissione ha annunciato, con un avviso pubblicato nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee, l’apertura di un procedimento antidumping (2) relativo alle importazioni di urea (di seguito «il prodotto in esame») originarie della Bielorussia, della Bulgaria, della Croazia, dell’Egitto, dell’Estonia, della Libia, della Lituania, della Polonia, della Romania e dell’Ucraina.

(2)

Il procedimento ha portato nel luglio 2001 all’istituzione, con regolamento (CE) n. 1497/2001 della Commissione (3), di dazi antidumping provvisori sulle importazioni di urea originarie della Bielorussia, della Bulgaria, della Croazia, dell’Estonia, della Libia, della Lituania, della Romania e dell’Ucraina ed è stato chiuso, invece, per quanto riguarda le importazioni di urea originarie dell’Egitto e della Polonia.

(3)

Con lo stesso regolamento, la Commissione ha accettato l’impegno offerto da un produttore esportatore della Bulgaria, Chimco AD. Alle condizioni stabilite nel regolamento (CE) n. 1497/2001, le importazioni nella Comunità del prodotto in esame realizzate dalla società in questione sono state esentate dai dazi antidumping provvisori di cui sopra, ai sensi dell’articolo 3, paragrafo 1, del medesimo regolamento.

(4)

Successivamente, con regolamento (CE) n. 92/2002 del Consiglio (4) sono stati istituiti dazi definitivi sulle importazioni di urea originarie della Bielorussia, della Bulgaria, della Croazia, dell’Estonia, della Libia, della Lituania, della Romania e dell’Ucraina. Fatte salve le condizioni in esso stabilite, anche tale regolamento ha concesso alle merci prodotte ed esportate direttamente da Chimco AD al primo cliente indipendente nella Comunità un’esenzione dal pagamento dei dazi antidumping definitivi, in considerazione del fatto che un impegno offerto da questa società era già stato accettato in via definitiva nella fase provvisoria del procedimento. Come menzionato al considerando 137 del regolamento definitivo, il prezzo minimo dell’impegno è stato adeguato onde tener conto della modifica del livello necessario per eliminare il pregiudizio.

B.   MANCATO RISPETTO DELL’IMPEGNO

(5)

L’impegno offerto da Chimco AD impone a detta società, tra l’altro, di esportare il prodotto in esame nella Comunità a prezzi non inferiori a determinati livelli minimi specificati nell’impegno stesso. Tale livello minimo di prezzo deve essere rispettato in base a una media ponderata trimestrale. La società si impegna inoltre a non eludere l’impegno mediante accordi di compensazione conclusi con un’altra parte. Chimco AD è inoltre tenuta ad inviare alla Commissione europea relazioni trimestrali su tutte le sue vendite all’esportazione del prodotto in esame nella Comunità europea.

(6)

Chimco AD non ha presentato in modo tecnicamente accettabile ulteriori dati nel caso di due di queste relazioni trimestrali. Non solo, ma in seguito la società non ha più inviato dati nel quadro della presentazione delle relazioni trimestrali. Si è quindi accertato che tale società non ha rispettato l’obbligo di inviare alla Commissione europea relazioni trimestrali su tutte le sue vendite all’esportazione del prodotto in esame nella Comunità europea, e che, pertanto, ha violato l’impegno.

(7)

Il regolamento (CE) n. 2082/2005 della Commissione (5) specifica in dettaglio la natura delle violazioni riscontrate.

(8)

In considerazione di tali violazioni, l’accettazione dell’impegno offerto da Chimco AD (codice addizionale TARIC A272) è stata revocata con il regolamento (CE) n. 2082/2005; inoltre, è opportuno che sulle importazioni del prodotto in esame fabbricato ed esportato da Chimco AD sia immediatamente imposto un dazio antidumping definitivo.

(9)

In conformità dell’articolo 8, paragrafo 9, del regolamento (CE) n. 384/96, l’aliquota del dazio antidumping deve essere stabilita in base ai fatti accertati nel corso dell’inchiesta nel cui ambito è stato accettato l’impegno. Poiché l’inchiesta in questione si è conclusa con l’accertamento definitivo del dumping e del pregiudizio con il regolamento (CE) n. 92/2002, si ritiene opportuno fissare l’aliquota del dazio antidumping definitivo al livello e nella forma stabiliti da detto regolamento, vale a dire 21,43 EUR per tonnellata da aggiungere al prezzo netto franco frontiera comunitaria, dazio non corrisposto.

C.   MODIFICA DEL REGOLAMENTO (CE) N. 92/2002

(10)

Alla luce di quanto precede, è necessario apportare le opportune modifiche al regolamento (CE) n. 92/2002,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

Il regolamento (CE) n. 92/2002 è così modificato:

1)

all’articolo 1, paragrafo 2, la riga relativa alla Bulgaria è sostituita dalla seguente:

«Paese di origine

Società

Dazio antidumping definitivo (EUR/t)

Codice addizionale TARIC

Bulgaria

Tutte le società

21,43

—»

2)

all’articolo 2, paragrafo 1, nella tabella è soppressa la seguente riga relativa alla Bulgaria:

«Paese

Società

Codice addizionale TARIC

Bulgaria

Chimco AD, Shose az Mezdra, 3037 Vratza

A272»

Articolo 2

Il presente regolamento entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, addì 13 gennaio 2006.

Per il Consiglio

La presidente

U. PLASSNIK


(1)  GU L 56 del 6.3.1996, pag. 1. Regolamento modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 461/2004 (GU L 77 del 13.3.2004, pag. 12).

(2)  GU C 301 del 21.10.2000, pag. 2.

(3)  GU L 197 del 21.7.2001, pag. 4.

(4)  GU L 17 del 19.1.2002, pag. 1. Regolamento modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 1107/2002 (GU L 168 del 27.6.2002, pag. 1).

(5)  GU L 333 del 20.12.2005, pag. 26.


18.1.2006   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 12/3


REGOLAMENTO (CE) N. 74/2006 DELLA COMMISSIONE

del 17 gennaio 2006

recante fissazione dei valori forfettari all'importazione ai fini della determinazione del prezzo di entrata di alcuni ortofrutticoli

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

visto il regolamento (CE) n. 3223/94 della Commissione, del 21 dicembre 1994, recante modalità di applicazione del regime di importazione degli ortofrutticoli (1), in particolare l'articolo 4, paragrafo 1,

considerando quanto segue:

(1)

Il regolamento (CE) n. 3223/94 prevede, in applicazione dei risultati dei negoziati commerciali multilaterali nel quadro dell'Uruguay Round, i criteri in base ai quali la Commissione fissa i valori forfettari all'importazione dai paesi terzi, per i prodotti e per i periodi precisati nell'allegato.

(2)

In applicazione di tali criteri, i valori forfettari all'importazione devono essere fissati ai livelli figuranti nell'allegato del presente regolamento,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

I valori forfettari all'importazione di cui all'articolo 4 del regolamento (CE) n. 3223/94 sono fissati nella tabella riportata nell'allegato.

Articolo 2

Il presente regolamento entra in vigore il 18 gennaio 2006.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 17 gennaio 2006.

Per la Commissione

J. L. DEMARTY

Direttore generale dell'Agricoltura e dello sviluppo rurale


(1)  GU L 337 del 24.12.1994, pag. 66. Regolamento modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 386/2005 (GU L 62 del 9.3.2005, pag. 3).


ALLEGATO

al regolamento della Commissione, del 17 gennaio 2006, recante fissazione dei valori forfettari all'importazione ai fini della determinazione del prezzo di entrata di alcuni ortofrutticoli

(EUR/100 kg)

Codice NC

Codice paesi terzi (1)

Valore forfettario all'importazione

0702 00 00

052

103,2

204

52,1

212

92,7

624

111,0

999

89,8

0707 00 05

052

137,8

204

83,8

999

110,8

0709 10 00

220

94,1

999

94,1

0709 90 70

052

73,1

204

135,9

999

104,5

0805 10 20

052

47,3

204

53,7

220

47,6

388

66,5

624

45,3

999

52,1

0805 20 10

052

74,2

204

75,7

999

75,0

0805 20 30, 0805 20 50, 0805 20 70, 0805 20 90

052

71,1

204

100,6

400

87,5

464

133,0

624

78,3

662

27,9

999

83,1

0805 50 10

052

49,5

220

60,9

999

55,2

0808 10 80

400

114,7

404

91,4

512

58,4

720

73,7

999

84,6

0808 20 50

400

91,1

720

35,9

999

63,5


(1)  Nomenclatura dei paesi stabilita dal regolamento (CE) n. 750/2005 della Commissione (GU L 126 del 19.5.2005, pag. 12). Il codice «999» rappresenta le «altre origini».


18.1.2006   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 12/5


REGOLAMENTO (CE) N. 75/2006 DELLA COMMISSIONE

del 17 gennaio 2006

relativo al rilascio dei titoli d'esportazione del sistema A3 nel settore degli ortofrutticoli (pomodori, arance, limoni e mele)

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

visto il regolamento (CE) n. 2200/96 del Consiglio, del 28 ottobre 1996, relativo all'organizzazione comune dei mercati nel settore degli ortofrutticoli (1), in particolare l'articolo 35, paragrafo 3, terzo comma,

considerando quanto segue:

(1)

Il regolamento (CE) n. 2078/2005 della Commissione (2) ha indetto una gara fissando i tassi indicativi di restituzione ed i quantitativi indicativi titoli d'esportazione del sistema A3 per cui possono essere rilasciati.

(2)

In funzione delle offerte presentate, è necessario fissare i tassi massimi di restituzione e le percentuali di rilascio delle quantità sulla base delle offerte effettuate a titolo dei suddetti tassi massimi.

(3)

Per i pomodori, le arance, i limoni e le mele, il tasso massimo necessario per la concessione di titoli a concorrenza del quantitativo indicativo, nel limite dei quantitativi offerti, non è superiore ad una volta e mezza il tasso indicativo di restituzione,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

Per i pomodori, le arance, i limoni e le mele, il tasso massimo di restituzione e la percentuale di rilascio relativi alla gara indetta dal regolamento (CE) n. 2078/2005 sono fissati nell'allegato.

Articolo 2

Il presente regolamento entra in vigore il 18 gennaio 2006.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 17 gennaio 2006.

Per la Commissione

J. L. DEMARTY

Direttore generale dell'Agricoltura e dello sviluppo rurale


(1)  GU L 297 del 21.11.1996, pag. 1. Regolamento modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 47/2003 della Commissione (GU L 7 dell'11.1.2003, pag. 64).

(2)  GU L 333 del 20.12.2005, pag. 3.


ALLEGATO

Rilascio di titoli d'esportazione del sistema A3 nel settore degli ortofrutticoli (pomodori, arance, limoni e mele)

Prodotto

Tasso di restituzione massimo

(EUR/t netto)

Percentuale di rilascio delle quantità richieste al livello del tasso di restituzione massimo

Pomodori

100 %

Arance

52

100 %

Limoni

70

100 %

Mele

45

100 %


18.1.2006   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 12/7


REGOLAMENTO (CE) N. 76/2006 DELLA COMMISSIONE

del 17 gennaio 2006

recante sessantunesima modifica del regolamento (CE) n. 881/2002 che impone specifiche misure restrittive nei confronti di determinate persone ed entità associate a Osama bin Laden, alla rete Al-Qaeda e ai Talibani e abroga il regolamento (CE) n. 467/2001 del Consiglio

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

visto il regolamento (CE) n. 881/2002 del Consiglio che impone specifiche misure restrittive nei confronti di determinate persone ed entità associate a Osama bin Laden, alla rete Al-Qaeda e ai Talibani e abroga il regolamento (CE) n. 467/2001 che vieta l’esportazione di talune merci e servizi in Afghanistan, inasprisce il divieto dei voli e estende il congelamento dei capitali e delle altre risorse finanziarie nei confronti dei Talibani dell’Afghanistan (1), in particolare l’articolo 7, paragrafo 1, primo trattino,

considerando quanto segue:

(1)

Nell’allegato I del regolamento (CE) n. 881/2002 figura l'elenco delle persone, dei gruppi e delle entità a cui si applica il congelamento dei capitali e delle risorse economiche a norma del regolamento.

(2)

Il 20 dicembre 2005, il Comitato per le sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha deciso di modificare l'elenco delle persone, dei gruppi e delle entità a cui si applica il congelamento dei capitali e delle risorse economiche; occorre quindi modificare opportunamente l’allegato I.

(3)

Il presente regolamento deve entrare in vigore immediatamente per garantire l'efficacia delle misure ivi contemplate,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

L’allegato I del regolamento (CE) n. 881/2001 è modificato conformemente all’allegato del presente regolamento.

Articolo 2

Il presente regolamento entra in vigore il giorno della pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 17 gennaio 2006.

Per la Commissione

Eneko LANDÁBURU

Direttore generale delle Relazioni esterne


(1)  GU L 139 del 29.5.2002, pag. 9. Regolamento modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 2100/2005 della Commissione (GU L 335 del 21.12.2005, pag. 34).


ALLEGATO

L’allegato I del regolamento (CE) n. 881/2002 è così modificato:

1)

La voce «Global Relief Foundation (alias (a) GRF, (b) Fondation Secours Mondial, (c) Secours mondial de Francia, (d) SEMONDE), (e) Fondation Secours Mondial – Belgique a.s.b.l., (f) Fondation Secours Mondial vzw, (g) FSM, (h) Stichting Wereldhulp – Belgie, v.z.w., (i) Fondation Secours Mondial – Kosova, (j) Fondation Secours Mondial “World Relief”. Indirizzo:

a)

9935 South 76th Avenue, Unit 1, Bridgeview, Illinois 60455, Stati Uniti d’America,

b)

P.O. Box 1406, Bridgeview, Illinois 60455, Stati Uniti d’America,

c)

49 rue du Lazaret, 67100 Strasburgo, Francia,

d)

Vaatjesstraat 29, 2580 Putte, Belgio,

e)

Rue des Bataves 69, 1040 Etterbeek (Bruxelles), Belgio,

f)

Casella postale 6, 1040 Etterbeek 2 (Bruxelles), Belgio,

g)

Mula Mustafe Baseskije Street No. 72, Sarajevo, Bosnia-Erzegovina,

h)

Put Mladih Muslimana Street 30/A, Sarajevo, Bosnia,

i)

Rr. Skenderbeu 76, Lagjja Sefa, Gjakova, Kosovo,

j)

Ylli Morina Road, Djakovica, Kosovo,

k)

Rruga e Kavajes, Building No. 3, Apartment No. 61, P.O. Box 2892, Tirana, Albania,

l)

House 267 Street No. 54, Sector F – 11/4, Islamabad, Pakistan,

m)

Saray Cad. No. 37 B Blok, Yesilyurt Apt. 2/4, Sirinevler, Turchia.

Altre informazioni:

a)

altre sedi straniere: Afghanistan, Azerbaigian, Bangladesh, Cecenia (Russia), Cina, Eritrea, Etiopia, Georgia, India, Inguscezia (Russia), Iraq, Giordania, Kashmir, Libano, Cisgiordania e Striscia di Gaza, Sierra Leone, Somalia e Siria.

b)

N. d'identificazione datore di lavoro federale statunitense: 36-3804626.

c)

Partita IVA: BE 454,419,759.

d)

Gli indirizzi in Belgio sono quelli della Fondation Secours Mondial – Belgique a.s.b.l e della Fondation Secours Mondial vzw. dal 1998.»

dell’elenco «Persone giuridiche, gruppi ed entità» è sostituita dal seguente:

Global Relief Foundation (alias (a) GRF, (b) Fondation Secours Mondial, (c) Secours mondial de Francia, (d) SEMONDE, (e) Fondation Secours Mondial — Belgique a.s.b.l., (f) Fondation Secours Mondial v.z.w, (g) FSM, (h) Stichting Wereldhulp — Belgie, v.z.w., (i) Fondation Secours Mondial — Kosova, (j) Fondation Secours Mondial «World Relief». Indirizzo:

a)

9935 South 76th Avenue, Unit 1, Bridgeview, Illinois 60455, Stati Uniti d'America,

b)

PO Box 1406, Bridgeview, Illinois 60455, Stati Uniti d'America,

c)

49 rue du Lazaret, 67100 Strasburgo, Francia,

d)

Vaatjesstraat 29, 2580 Putte, Belgio,

e)

Rue des Bataves 69, 1040 Etterbeek (Bruxelles), Belgio,

f)

Casella postale 6, 1040 Etterbeek 2 (Bruxelles), Belgio,

g)

Mula Mustafe Baseskije Street No. 72, Sarajevo, Bosnia ed Erzegovina,

h)

Put Mladih Muslimana Street 30/A, Sarajevo, Bosnia ed Erzegovina,

i)

Rr. Skenderbeu 76, Lagjja Sefa, Gjakova, Kosovo,

j)

Ylli Morina Road, Djakovica, Kosovo,

k)

Rruga e Kavajes, Building No. 3, Apartment No. 61, PO Box 2892, Tirana, Albania,

l)

House 267 Street No. 54, Sector F — 11/4, Islamabad, Pakistan.

Altre informazioni:

a)

altre sedi straniere: Afghanistan, Azerbaigian, Bangladesh, Cecenia (Russia), Cina, Eritrea, Etiopia, Georgia, India, Inguscezia (Russia), Iraq, Giordania, Kashmir, Libano, Cisgiordania e Striscia di Gaza, Sierra Leone, Somalia e Siria.

b)

N. d'identificazione datore di lavoro federale statunitense: 36-3804626.

c)

Partita IVA: BE 454,419,759.

d)

Gli indirizzi in Belgio sono quelli della Fondation Secours Mondial – Belgique a.s.b.l e della Fondation Secours Mondial vzw. dal 1998.

2)

La voce «NASCO NASREDDIN HOLDING A.S., Zemin Kat, 219 Demirhane Caddesi, Zeytinburnu, Istanbul, Turchia.» dell’elenco «Persone giuridiche, gruppi ed entità» è sostituita dal seguente:

Nasco Nasreddin Holding A.S. Indirizzo: (a) Demirhane Caddesi, n. 219, Zemin Kat, Zeytinburnu, Istanbul, Turchia, (b) Cobancesme San. Genc Osman Sok. n. 12, Yenibosna, Istanbul, Turchia. N.B.: l’indirizzo di cui alla lettera (b) è l’ultimo indirizzo indicato per questa voce nell’archivio Investimenti esteri del ministero del Tesoro turco.

3)

La voce «Youssef Abdaoui (alias (a) Abu Abdullah, (b) Abdellah, (c) Abdullah). Indirizzo: (a) via Romagnosi 6, Varese (Italia), (b) Piazza Giovane Italia 2, Varese (Italia). Data di nascita: (a) 4 giugno 1966, (b) 4 settembre 1966. Luogo di nascita: Kairouan (Tunisia). Codice fiscale: BDA YSF 66P04 Z352Q.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Youssef Ben Abdul Baki Ben Youcef Abdaoui (alias (a) Abu Abdullah, (b) Abdellah, (c) Abdullah). Indirizzo: (a) via Romagnosi 6, Varese, Italia, (b) Piazza Giovane Italia 2, Varese, Italia. Data di nascita: (a) 4.6.1966, (b) 4.9.1966. Luogo di nascita: Kairouan, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n. G025057 (passaporto tunisino rilasciato il 23.6.1999, scaduto il 5.2.2004). Altre informazioni: codice fiscale italiano: BDA YSF 66P04 Z352Q.

4)

La voce «Mohamed Ben Mohamed Abdelhedi. Indirizzo: via Catalani 1, Varese (Italia). Data di nascita: 10 agosto 1965. Luogo di nascita: Sfax (Tunisia). Codice fiscale: BDL MMD 65M10 Z352S.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Mohamed Ben Mohamed Ben Khalifa Abdelhedi. Indirizzo: via Catalani 1, Varese, Italia. Data di nascita: 10.8.1965. Luogo di nascita: Sfax, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Altre informazioni: codice fiscale italiano: BDL MMD 65M10 Z352S.

5)

La voce «Nasri Ait El Hadi MUSTAPHA. Luogo di nascita: Tunisi. Data di nascita: 5 marzo 1962. Altre informazioni: figlio di Abdelkader e Amina Aissaoui.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Mustapha Nasri Ait El Hadi. Data di nascita: 5.3.1962. Luogo di nascita: Tunisi, Tunisia. Nazionalità: (a) algerina, (b) tedesca. Altre informazioni: figlio di Abdelkader e Amina Aissaoui.

6)

La voce «Mehrez Amdouni (alias (a) Fabio Fusco, (b) Mohamed Hassan, (c) Abu Thale). Indirizzo: senza domicilio fisso in Italia. Luogo di nascita: Asima-Tunis (Tunisia). Data di nascita: 18.12.1969. Nazionalità: Bosnia-Erzegovina. Passaporto n.: 0801888. Altre informazioni: sarebbe stato arrestato in Turchia ed estradato in Italia.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Mehrez Ben Mahmoud Ben Sassi Al-Amdouni (alias (a) Fabio Fusco, (b) Mohamed Hassan, (c) Abu Thale). Data di nascita: 18.12.1969. Luogo di nascita: Asima-Tunisi, Tunisia. Nazionalità: (a) tunisina, (b) bosniaco-erzegovina. Passaporto n. (a) G737411 (passaporto tunisino rilasciato il 24.10.1990, scaduto il 20.9.1997), (b) 0801888 (bosniaco-erzegovino). Altre informazioni: sarebbe stato arrestato a Istanbul, Turchia, ed estradato in Italia.

7)

La voce «Aoudi Mohamed ben Belgacem Ben Abdallah (alias Aouadi, Mohamed Ben Belkacem). Indirizzo: (a) Via A. Masina n. 7, Milano, Italia, (b) Via Dopini n. 3, Gallarate, Italia. Data di nascita: 12.11.1974. Luogo di nascita: Tunisi, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n. L191609 rilasciato il 28 febbraio 1996. Numero di identificazione nazionale: 04643632, attribuito il 18 giugno 1999. Codice fiscale: DAOMMD74T11Z352Z. Altre informazioni: (a) il nome della madre è Bent Ahmed Ourida, (b) condannato a tre anni e mezzo di reclusione in Italia l’11.12.2002.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Mohamed Ben Belgacem Ben Abdallah Al-Aouadi (alias Aouadi, Mohamed Ben Belkacem). Indirizzo: (a) Via A. Masina 7, Milano, Italia, (b) Via Dopini 3, Gallarate, Italia. Data di nascita: 11.12.1974. Luogo di nascita: Tunisi, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n. L191609 (rilasciato il 28.2.1996, scaduto il 27.2.2001). Numero di identificazione nazionale: 04643632 attribuito il 18.6.1999. Altre informazioni: (a) codice fiscale italiano: DAOMMD74T11Z352Z, (b) il nome della madre è Bent Ahmed Ourida, (c) condannato a tre anni e mezzo di reclusione in Italia l’11.12.2002.

8)

La voce «Ayadi Shafiq Ben Mohamed (alias (a) Bin Muhammad, Ayadi Chafiq, (b) Ayadi Chafik, Ben Muhammad, (c) Aiadi, Ben Muhammad, (d) Aiady, Ben Muhammad, (e) Ayadi Shafig Ben Mohamed, (f) Ben Mohamed, Ayadi Chafig, (g) Abou El Baraa). Indirizzo: (a) Helene Meyer Ring 10-1415-80809, Monaco, Germania, (b) 129 Park Road, NW8, Londra, Regno Unito, (c) 28 Chaussée De Lille, Mouscron, Belgio, (d) Street of Provare 20, Sarajevo, Bosnia-Erzegovina (ultimo indirizzo registrato in Bosnia-Erzegovina). Data di nascita: (a) 21.3.1963, (b) 21.1.1963. Luogo di nascita: Sfax, Tunisia. Nazionalità: (a) tunisina, (b) bosniaca. Passaporto n.: (a) E423362 rilasciato a Islamabad il 15.5.1988, (b) passaporto bosniaco n. 0841438 rilasciato il 30.12.1998 e scaduto il 30.12.2003. Numero di identificazione nazionale: 1292931. Altre informazioni: (a) l’indirizzo in Belgio è una casella postale, (b) il nome del padre è Mohamed, il nome della madre è Medina Abid; (c) a quanto risulta, vive attualmente a Dublino, Irlanda.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Shafiq Ben Mohamed Ben Mohamed Al-Ayadi (alias (a) Bin Muhammad, Ayadi Chafiq, (b) Ayadi Chafik, Ben Muhammad, (c) Aiadi, Ben Muhammad, (d) Aiady, Ben Muhammad, (e) Ayadi Shafig Ben Mohamed, (f) Ben Mohamed, Ayadi Chafig, (g) Abou El Baraa). Indirizzo: (a) Helene Meyer Ring 10-1415-80809, Monaco, Germania, (b) 129 Park Road, NW8, Londra, Regno Unito, (c) 28 Chaussée De Lille, Mouscron, Belgio, (d) Street of Provare 20, Sarajevo, Bosnia ed Erzegovina (ultimo indirizzo registrato in Bosnia ed Erzegovina). Data di nascita: (a) 21.3.1963, (b) 21.1.1963. Luogo di nascita: Sfax, Tunisia. Nazionalità: (a) tunisina, (b) bosniaco-erzegovina. Passaporto n. (a) E423362 rilasciato a Islamabad il 15.5.1988, (b) 0841438 (passaporto della Bosnia ed Erzegovina rilasciato il 30.12.1998, scaduto il 30.12.2003). Numero di identificazione nazionale: 1292931. Altre informazioni: (a) l’indirizzo in Belgio è una casella postale, (b) il nome del padre è Mohamed, il nome della madre è Medina Abid; (c) a quanto risulta, vive attualmente a Dublino, Irlanda.

9)

La voce «Chiheb Ben Mohamed AYARI (alias Abu Hchem HICHEM), Via di Saliceto 51/9, Bologna, Italia. Luogo di nascita: Tunisi» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Chiheb Ben Mohamed Ben Mokhtar Al-Ayari (alias Hichem Abu Hchem). Indirizzo: Via di Saliceto 51/9, Bologna, Italia. Data di nascita: 19.12.1965. Luogo di nascita: Tunisi, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n. L246084 (passaporto tunisino rilasciato il 10.6.1996, scaduto il 9.7.2001).

10)

La voce «Mondher BAAZAOUI (alias HAMZA), Via di Saliceto 51/9, Bologna, Italia. Luogo di nascita: Kairouan (Tunisia). Data di nascita: 18 marzo 1967» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Mondher Ben Mohsen Ben Ali Al-Baazaoui (alias Hamza). Indirizzo: Via di Saliceto 51/9, Bologna, Italia. Data di nascita: 18.3.1967. Luogo di nascita: Kairouan, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: K602878 (passaporto tunisino rilasciato il 5.11.1993, scaduto il 9.6.2001).

11)

La voce «Charaabi Tarek Ben Bechir BEN AMARA (alias (a) Sharaabi, Tarek (b) Haroun, Frank), Viale Bligny n. 42, Milano, Italia; data di nascita: 31 marzo 1970; luogo di nascita: Tunisi, Tunisia; nazionalità: tunisina; passaporto n.: L579603 rilasciato a Milano il 19 novembre 1997; numero di identificazione nazionale: 007-99090; codice fiscale: CHRTRK70C31Z352U. Altre informazioni: il nome della madre è Charaabi Hedia» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Tarek Ben Al-Bechir Ben Amara Al-Charaabi (alias (a) Sharaabi, Tarek (b) Haroun, (c) Frank). Indirizzo: Viale Bligny 42, Milano, Italia. Data di nascita: 31.3.1970. Luogo di nascita: Tunisi, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: L579603 (rilasciato a Milano il 19.11.1997, scaduto il 18.11.2002). Numero di identificazione nazionale: 007-99090. Altre informazioni (a) codice fiscale italiano: CHRTRK70C31Z352U, (b) il nome della madre è Charaabi Hedia.

12)

La voce «Cherif Said BEN ABDELHAKIM (alias (a) DJALLAL, (b) YOUCEF, (c) ABOU SALMAN), Corso Lodi 59, Milano, Italia. Luogo di nascita: Menzel Temine (Tunisia). Data di nascita: 25 gennaio 1970» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Said Ben Abdelhakim Ben Omar Al-Cherif (alias (a) Djallal, (b) Youcef, (c) Abou Salman). Indirizzo: Corso Lodi 59, Milano, Italia. Data di nascita: 25.1.1970. Luogo di nascita: Menzel Temine, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: M307968 (passaporto tunisino rilasciato l’8.9.2001, che scade il 7.9.2006).

13)

(La voce «Drissi NOUREDDINE, Via Plebiscito 3, Cremona, Italia. Luogo di nascita: Tunisi (Tunisia). Data di nascita: 30 aprile 1969» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Noureddine Al-Drissi. Indirizzo: Via Plebiscito 3, Cremona, Italia. Data di nascita: 30.4.1964. Luogo di nascita: Tunisi, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: L851940 (passaporto tunisino rilasciato il 9.9.1998, scaduto l’8.9.2003).

14)

La voce «Fethi Ben Hassen Haddad. Data di nascita: (a) 28.3.1963, (b) 28.6.1963. Luogo di nascita: Tataouene, Tunisia. Indirizzo: (a) Via Fulvio Testi, 184 — Cinisello Balsamo (MI), Italia, (b) Via Porte Giove, 1 — Mortara (PV), Italia (domicilio). Codice fiscale: HDDFTH63H28Z352V» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Fethi Ben Hassen Ben Salem Al-Haddad. Indirizzo: (a) Via Fulvio Testi 184, Cinisello Balsamo (MI), Italia, (b) Via Porte Giove 1, Mortara (PV), Italia (domicilio). Data di nascita: 28.6.1963. Luogo di nascita: Tataouene, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: L183017 (passaporto tunisino rilasciato il 14.2.1996, scaduto il 13.2.2001). Altre informazioni: codice fiscale italiano: HDDFTH63H28Z352V.

15)

La voce «Brahim Ben Hedili HAMAMI, Via de' Carracci 15, Casalecchio di Reno (Bologna), Italia. Luogo di nascita: Goubellat (Tunisia). Data di nascita: 20 novembre 1971» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente

Ibrahim Ben Hedhili Al-Hamami. Indirizzo: Via de' Carracci 15, Casalecchio di Reno (Bologna), Italia. Data di nascita: 20.11.1971. Luogo di nascita: Koubellat, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: Z106861 (passaporto tunisino rilasciato il 18.2.2004, che scade il 17.2.2009).

16)

La voce «Hamraoui Kamel BENN MOULDI (alias KAMEL o KIMO), Via Bertesi 27, Cremona, Italia o Via Plebiscito 3, Cremona, Italia. Luogo di nascita: Beja (Tunisia). Data di nascita: 21 ottobre 1977.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Kamal Ben Maoeldi Al-Hamraoui (alias (a) Kamel, (b) Kimo). Indirizzo: (a) Via Bertesi 27, Cremona, Italia, (b) Via Plebiscito 3, Cremona, Italia. Data di nascita: 21.10.1977. Luogo di nascita: Beja, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: P229856 (passaporto tunisino rilasciato l’1.11.2002, che scade il 31.10.2007.

17)

La voce «Imed Ben Bechir Jammali. Indirizzo: via Dubini 3, Gallarate (Varese, Italia). Data di nascita: 25 gennaio 1968. Luogo di nascita: Menzel Temine (Tunisia). Codice fiscale: JMM MDI 68A25 Z352D» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Imad Ben Bechir Al-Jammali. Indirizzo: via Dubini 3, Gallarate, Varese, Italia. Data di nascita: 25.1.1968. Luogo di nascita: Menzel Temine, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: K693812 (passaporto tunisino rilasciato il 23.4.1999, scaduto il 22.4.2004). Altre informazioni: codice fiscale italiano: JMM MDI 68A25 Z352D.

18)

La voce «Riadh Jelassi, data di nascita: 15 dicembre 1970; luogo di nascita: Tunisia.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Riadh Al-Jelassi. Data di nascita: 15.12.1970. Luogo di nascita: Al-Mohamedia, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: L276046 (passaporto tunisino rilasciato l’1.7.1996, scaduto il 30.6.2001).

19)

(La voce «Faouzi JENDOUBI (alias (a) SAID, (b) SAMIR) Via Agucchi 250, Bologna, Italia o Via di Saliceto 51/9, Bologna, Italia. Luogo di nascita: Beja (Tunisia). Data di nascita: 30 gennaio 1966.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Faouzi Al-Jendoubi (alias (a) Said, (b) Samir). Indirizzo: (a) Via Agucchi 250, Bologna, Italia, (b) Via di Saliceto 51/9, Bologna, Italia. Data di nascita: 30.1.1966. Luogo di nascita: Beja, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: K459698 (passaporto tunisino rilasciato il 6.3.1999, scaduto il 5.3.2004).

20)

La voce «Habib Ben Ahmed Loubiri. Indirizzo: via Brughiera 5, Castronno (Varese, Italia). Data di nascita: 17 novembre 1961. Luogo di nascita: Menzel Temine (Tunisia). Codice fiscale: LBR HBB 61S17 Z352F.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Habib Ben Ahmed Al-Loubiri. Indirizzo: via Brughiera 5, Castronno, Varese, Italia. Data di nascita: 17.11.1961. Luogo di nascita: Menzel Temine, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: M788439 (passaporto tunisino rilasciato il 20.10.2001, che scade il 19.10.2006). Altre informazioni: codice fiscale italiano: LBR HBB 61S17 Z352F.

21)

La voce «Tarek Ben Habib Maaroufi (alias Abu Ismail). Indirizzo: Gaucheret 193, 1030 Schaerbeek (Bruxelles), Belgio. Data di nascita: 23.11.1965. Luogo di nascita: Ghardimaou, Tunisia. Nazionalità: belga (dall’8.11.1993).» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Tarek Ben Habib Al-Maaroufi (alias Abu Ismail). Indirizzo: Gaucheret 193, 1030 Schaerbeek (Bruxelles), Belgio. Data di nascita: 23.11.1965. Luogo di nascita: Ghar el-dimaa, Tunisia. Nazionalità: (a) tunisina, (b) belga (dall’8.11.1993). Passaporto n.: E590976 (passaporto tunisino rilasciato il 19.6.1987, scaduto il 18.6.1992).

22)

La voce «Rihani LOFTI (alias ABDERRAHMANE), Via Bolgeri 4, Barni (Como), Italia. Luogo di nascita: Tunisi (Tunisia). Data di nascita: 1o luglio 1977» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Lofti Al-Rihani (alias Abderrahmane). Indirizzo: Via Bolgeri 4, Barni (Como), Italia. Data di nascita: 1.7.1977. Luogo di nascita: Tunisi, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: L886177 (passaporto tunisino rilasciato il 14.12.1998, scaduto il 13.12.2003).

23)

La voce «Lazhar Ben Mohammed Tlili, Via Carlo Porta no. 97, Legnano, Italia; data di nascita: 26 marzo 1969; luogo di nascita: Tunisi, Tunisia; codice fiscale italiano: TLLLHR69C26Z352G» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Al-Azhar Ben Mohammed Al-Tlili. Indirizzo: Via Carlo Porta 97, Legnano, Italia. Data di nascita: 1.11.1971. Luogo di nascita: Ben Aoun, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: Z417830 (passaporto tunisino rilasciato il 4.10.2004, che scade il 3.10.2009). Altre informazioni: codice fiscale italiano: TLLLHR69C26Z352G.

24)

La voce «Chabaane Ben Mohamed Trabelsi. Indirizzo: via Cuasso 2, Porto Ceresio (Varese, Italia). Data di nascita: 1o maggio 1966. Luogo di nascita: Menzel Temine (Tunisia). Codice fiscale: TRB CBN 66E01 Z352O.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Chabaane Ben Mohamed Ben Mohamed Al-Trabelsi. Indirizzo: via Cuasso 2, Porto Ceresio, Varese, Italia. Data di nascita: 1.5.1966. Luogo di nascita: Rainneen, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: L945660 (passaporto tunisino rilasciato il 4.12.1998, scaduto il 3.12.2001). Altre informazioni: codice fiscale italiano: TRB CBN 66E01 Z352O.

25)

La voce «Mourad TRABELSI (alias ABOU DJARRAH), Via Geromini 15, Cremona, Italia. Luogo di nascita: Menzel Temine (Tunisia). Data di nascita: 20 maggio 1969.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Mourad Ben Ali Ben Al-Basheer Al-Trabelsi (alias Abou Djarrah). Indirizzo: Via Geromini 15, Cremona, Italia. Data di nascita: 20.5.1969 Luogo di nascita: Menzel Temine, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: G827238 (passaporto tunisino rilasciato l’1.6.1996, scaduto il 31.5.2001).

26)

La voce «Habib Waddani, Via unica Borighero no. 1, San Donato M.se (MI), Italia; data di nascita: 10 giugno 1970; luogo di nascita: Tunisi, Tunisia; codice fiscale italiano: WDDHBB70H10Z352O» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Habib Al-Wadhani Indirizzo: Via unica Borighero 1, San Donato M.se (MI), Italia. Data di nascita: 1.6.1970. Luogo di nascita: Tunisi, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: L550681 (passaporto tunisino rilasciato il 23.9.1997, scaduto il 22.9.2002). Altre informazioni: codice fiscale italiano: WDDHBB70H10Z352O.

27)

La voce «Najib OUAZ, Vicolo dei Prati 2/2, Bologna, Italia. Luogo di nascita: Hekaima (Tunisia). Data di nascita: 12 aprile 1960.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Najib Ben Mohamed Ben Salem Al-Waz. Indirizzo: Vicolo dei Prati 2/2, Bologna, Italia. Data di nascita: 12.4.1960. Luogo di nascita: Hekaima Al-Mehdiya, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: K815205 (passaporto tunisino rilasciato il 17.9.1994, scaduto il 16.9.1999).

28)

La voce «Zarkaoui Imed BEN MEKKI (alias ZARGA o NADRA), Via Col. Aprosio 588, Vallecrosia (IM), Italia. Luogo di nascita: Tunisi (Tunisia). Data di nascita: 15 gennaio 1973. Altre informazioni: ordine di custodia del tribunale di Milano, 30.09.2002, 36601/2001 R.G.N.R. — 7464/2001 R.G.GIP.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Imad Ben al-Mekki Al-Zarkaoui (alias (a) Zarga, (b) Nadra). Indirizzo: Via Col. Aprosio 588, Vallecrosia (IM), Italia. Data di nascita: 15.1.1973. Luogo di nascita: Tunisi (Tunisia). Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: M174950 (passaporto tunisino rilasciato il 27.4.1999).

29)

La voce «Nabil Benattia, data di nascita: 11 maggio 1966; luogo di nascita: Tunisi, Tunisia.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Nabil Ben Attia. Data di nascita: 11.5.1966. Luogo di nascita: Tunisi, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: L289032 (passaporto tunisino rilasciato il 22.8.2001, che scade il 21.8.2006).

30)

La voce «Adel Ben Soltane, Via Latisana n. 6, Milano, Italia, data di nascita: 14 luglio 1970; luogo di nascita: Tunisi, Tunisia; codice fiscale italiano: BNSDLA70L14Z352B.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Adel Ben Al-Azhar Ben Youssef Ben Soltane. Indirizzo: Via Latisana 6, Milano, Italia. Data di nascita: 14.7.1970. Luogo di nascita: Tunisi, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: M408665 (passaporto tunisino rilasciato il 4.10.2000, scaduto il 3.10.2005). Altre informazioni: (a) codice fiscale italiano: BNSDLA70L14Z352B, (b) attualmente in carcere in Tunisia.

31)

La voce «Bouchoucha Mokhtar Ben Mohamed Ben Mokhtar (alias Bushusha, Mokhtar). Indirizzo: Via Milano n. 38, Spinadesco (CR), Italia. Data di nascita: 13.10.1969. Luogo di nascita: Tunisi, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: K/754050 rilasciato il 26.5.1999. Numero di identificazione nazionale: 04756904 attribuito il 14.9.1987. Codice fiscale: BCHMHT69R13Z352T. Altre informazioni: (a) il nome della madre è Bannour Hedia, (b) condannato in Italia a tre anni e mezzo di reclusione.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Al-Mokhtar Ben Mohamed Ben Al-Mokhtar Bouchoucha (alias Bushusha, Mokhtar). Indirizzo: Via Milano 38, Spinadesco (CR), Italia. Data di nascita: 13.10.1969. Luogo di nascita: Tunisi, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: K754050 (passaporto tunisino rilasciato il 26.5.1999, scaduto il 25.5.2004). Numero di identificazione nazionale: 04756904 attribuito il 14.9.1987. Altre informazioni: (a) codice fiscale italiano: BCHMHT69R13Z352T, (b) il nome della madre è Bannour Hedia, (c) condannato in Italia l’11.12.2002 a tre anni e mezzo di reclusione.

32)

La voce «Bouyahia HAMADI, Corso XXII Marzo 39, Milano, Italia. Luogo di nascita: Tunisia. Data di nascita: 22 maggio 1966. (alias GAMEL MOHMED. Luogo di nascita: Marocco. Data di nascita: 25 maggio 1966.)» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Hamadi Ben Ali Bouyehia (alias Gamel Mohmed). Indirizzo: Corso XXII Marzo 39, Milano, Italia. Data di nascita: (a) 29.5.1966, (b) 25.5.1966 (Gamel Mohmed). Luogo di nascita: (a) Tunisia, (b) Marocco (Gamel Mohmed). Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: L723315 (passaporto tunisino rilasciato il 5.5.1998, scaduto il 4.5.2003).

33)

La voce «Kamel Darraji. Indirizzo: via Belotti 16, Busto Arsizio (Varese, Italia). Data di nascita: 22 luglio 1967. Luogo di nascita: Menzel Bouzelfa (Tunisia). Codice fiscale: DRR KML 67L22 Z352Q o DRR KLB 67L22 Z352S.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Kamal Ben Mohamed Ben Ahmed Darraji. Indirizzo: via Belotti 16, Busto Arsizio (Varese), Italia. Data di nascita: 22.7.1967. Luogo di nascita: Menzel Bouzelfa, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: L029899 (passaporto tunisino rilasciato il 14.8.1995, scaduto il 13.8.2000). Altre informazioni: codice fiscale italiano: (a) DRR KML 67L22 Z352Q, (b) DRR KLB 67L22 Z352S.

34)

La voce «Essid Sami Ben Khemais Ben Salah (alias (a) Omar El Mouhajer, (b) Saber). Indirizzo: Via Dubini 3, Gallarate (VA), Italia. Data di nascita: 10.2.1968. Luogo di nascita: Menzel Jemil Bizerte, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n. K/929139 rilasciato il 14.12.1995; numero di identificazione nazionale 00319547 attribuito l’8.12.1994; codice fiscale: SSDSBN68B10Z352F. Altre informazioni: (a) il nome della madre è Saidani Beya, (b) è stato arrestato in Italia.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Sami Ben Khamis Ben Saleh Elsseid (alias (a) Omar El Mouhajer, (b) Saber). Indirizzo: Via Dubini 3, Gallarate (VA), Italia. Data di nascita: 10.2.1968. Luogo di nascita: Menzel Jemil Bizerte, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: K929139 (passaporto tunisino rilasciato il 14.12.1995, scaduto il 13.2.2000). Numero di identificazione nazionale 00319547 attribuito l’8.12.1994. Altre informazioni: (a) codice fiscale italiano: SSDSBN68B10Z352F, (b) il nome della madre è Beya al-Saidani, (c) è stato arrestato in Italia.

35)

La voce «Moussa Ben Amor ESSAADI (alias (a) DAH DAH, (b) ABDELRAHMMAN, (c) BECHIR), Via Milano 108, Brescia, Italia. Luogo di nascita: Tabarka (Tunisia). Data di nascita: 4 dicembre 1964.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Moussa Ben Omar Ben Ali Essaadi (alias (a) Dah Dah, (b) Abdelrahmman, (c) Bechir). Indirizzo: Via Milano 108, Brescia, Italia. Data di nascita: 4.12.1964. Luogo di nascita: Tabarka, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: L335915 (passaporto tunisino rilasciato l’8.11.1996, scaduto il 7.11.2001).

36)

La voce «Haqqan, Sayyed, Maulavi (Ministro degli affari amministrativi)» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Sayyed Mohammed Haqqani. Titolo: Maulavi. Nazionalità: afgana. Altre informazioni: (a) direttore degli affari amministrativi (regime dei Talibani), (b) diplomato presso la madrasa Haqqaniya in Pakistan.

37)

La voce «Hassan, Hadji Mohammad, Mullah (Primo vice presidente del Consiglio dei ministri, Governatore di Kandahar)» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Mohammad Hassan. Titolo: (a) Mullah, (b) Hadji. Data di nascita: intorno al 1958. Luogo di nascita: Kandahar, Afghanistan. Nazionalità: afgana. Altre informazioni: (a) primo vice presidente del Consiglio dei ministri (regime dei Talibani), (b) appartiene alla fazione Malwhavi Khaalis, una delle sette fazioni della Jihad contro i sovietici, (c) diplomato presso una madrasa di Queta, Pakistan, (d) stretto collaboratore del Mullah Omar.

38)

La voce «Khalil Jarraya (alias (a) Khalil Yarraya, (b) Ben Narvan Abdel Aziz, (c) Amro, (d) Omar, (e) Amrou, (f) Amr). Indirizzo: (a) Via Bellaria 10, Bologna, Italia, (b) Via Lazio 3, Bologna, Italia, (c) Dr Fetah Becirbegovic St. 1, Sarajevo, Bosnia ed Erzegovina. Data di nascita: 8.2.1969. Luogo di nascita: Sfax (Tunisia). Identificato anche come Ben Narvan Abdel Aziz, nato a Sereka (ex Iugoslavia) il 15.8.1970.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Khalil Ben Ahmed Ben Mohamed Jarraya (alias (a) Khalil Yarraya, (b) Ben Narvan Abdel Aziz, (c) Amro, (d) Omar, (e) Amrou, (f) Amr). Indirizzo: (a) Via Bellaria 10, Bologna, Italia, (b) Via Lazio 3, Bologna, Italia, (c) Dr Fetah Becirbegovic St. 1, Sarajevo, Bosnia ed Erzegovina. Data di nascita: 8.2.1969. Luogo di nascita: Sfax (Tunisia). Nazionalità: (a) tunisina, (b) bosniaco-erzegovina. Altre informazioni: identificato anche come Ben Narvan Abdel Aziz, nato a Sereka (ex Iugoslavia) il 15.8.1970.

39)

La voce «Mounir Ben Habib JARRAYA (alias YARRAYA), Via Mirasole 11, Bologna, Italia o Via Ariosto 8, Casalecchio di Reno (Bologna), Italia. Luogo di nascita: Sfax (Tunisia). Data di nascita: 25 ottobre 1963.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Mounir Ben Habib Ben Al-Taher Jarraya (alias Yarraya). ). Indirizzo: (a) Via Mirasole 11, Bologna, Italia, (b) Via Ariosto 8, Casalecchio di Reno (Bologna), Italia. Data di nascita: 25.10.1963. Luogo di nascita: Sfax, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: L065947 (passaporto tunisino rilasciato il 28.10.1995, scaduto il 27.10.2000).

40)

La voce «Kabir, Abdul, Maulavi (Secondo vice presidente del Consiglio dei Ministri, Governatore della Provincia di Nangahar, Capo del settore orientale)» dell’elenco«Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Abdul Kabir (alias A. Kabir). Titolo: Maulavi. Data di nascita: tra il 1958 e il 1963. Luogo di nascita: tribù di Zardran, provincia di Paktja, Afghanistan. Nazionalità: afgana. Altre informazioni: (a) secondo vice presidente del Consiglio dei Ministri (regime dei Talibani), (b) governatore della provincia di Nangahar, (c) capo del settore orientale, (d) partecipa a operazioni terroristiche nell’Afghanistan orientale.

41)

La voce «Mehdi Kammoun, Via Masina n. 7, Milano, Italia; data di nascita: 3 aprile 1968; luogo di nascita: Tunisi, Tunisia; codice fiscale italiano: KMMMHD68D03Z352N.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Mehdi Ben Mohamed Ben Mohamed Kammoun. Indirizzo: Via Masina 7, Milano, Italia. Data di nascita: 3.4.1968. Luogo di nascita: Tunisi, Tunisia. Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: M307707 (passaporto tunisino rilasciato il 12.4.2000, scaduto l’11.4.2005). Altre informazioni: codice fiscale italiano: KMMMHD68D03Z352N.

42)

La voce «Fethi Ben Rebai MNASRI (alias (a) AMOR, (b) Omar ABU, (c) Fethi ALIC), Via Toscana 46, Bologna, Italia o Via di Saliceto 51/9, Bologna, Italia. Luogo di nascita: Nefza (Tunisia). Data di nascita: 6 marzo 1969.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Fethi Ben Al-Rabei Mnasri (alias (a) Fethi Alic, (b) Amor, (c) Omar Abu). Indirizzo: (a) Via Toscana 46, Bologna, Italia, (b) Via di Saliceto 51/9, Bologna, Italia. Data di nascita: 6.3.1969. Luogo di nascita: Nefza, Tunisia. Nazionalità: tunisina.

43)

La voce «Momand, Qalamudin, Maulavi (Vice ministro dell’Haj)» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Qalamudin Muhmand (alias Qalamuddin). Titolo: Maulavi. Data di nascita: tra il 1958 e il 1963. Luogo di nascita: provincia di Ningarhar, Afghanistan. Nazionalità: afgana. Altre informazioni: (a) vice ministro dell’Haj (regime dei Talibani), (b) capo del comitato olimpico, (c) nel luglio 2003 si trovava in custodia cautelare a Kabul, Afghanistan.

44)

La voce «Saadi NASSIM (alias ABOU ANIS), (a) Via Monte Grappa 15, Arluno (Milano), Italia, (b) Via Cefalonia 11, Milano, Italia. Luogo di nascita: Haidra (Tunisia). Data di nascita: 30 novembre 1974.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Saadi Nassim (alias Abou Anis). Indirizzo: (a) Via Monte Grappa 15, Arluno (Milano), Italia, (b) Via Cefalonia 11, Milano, Italia. Data di nascita: 30.11.1974. Luogo di nascita: Haidra Al-Qasreen (Tunisia). Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: M788331 (passaporto tunisino rilasciato il 28.11.2001, che scade il 27.9.2006).

45)

La voce «Rabbani, Mohammad, Mullah (Presidente del Consiglio dirigente, Presidente del Consiglio dei Ministri)» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Mohammad Rabbani. Titolo: Mullah. Data di nascita: intorno al 1961. Luogo di nascita: Kandahar, Afghanistan. Nazionalità: afgana. Altre informazioni: (a) presidente del Consiglio dirigente (regime dei Talibani), (b) presidente del Consiglio dei ministri (regime dei Talibani), (c) sarebbe deceduto nell’aprile 2001.

46)

La voce «Razaq, Abdul, Maulavi (Ministro del commercio)» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Abdul Razaq. Titolo: Maulavi. Data di nascita: intorno al 1958. Luogo di nascita: distretto di Arghandab, provincia di Kandahar, Afghanistan. Nazionalità: afgana. Altre informazioni: (a) ministro del commercio (regime dei Talibani), (b) arrestato nel 2003 nella provincia di Kandhar in Afghanistan.

47)

La voce «Lazher Ben Khalifa Ben Ahmed ROUINE (alias (a) SALMANE, (b) LAZHAR), Vicolo S. Giovanni, Rimini, Italia. Luogo di nascita: Sfax (Tunisia). Data di nascita: 20 novembre 1975.» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Al-Azhar Ben Khalifa Ben Ahmed Rouine (alias (a) Salmane, (b) Lazhar). Indirizzo: Vicolo S. Giovanni, Rimini, Italia. Data di nascita: 20.11.1975. Luogo di nascita: Sfax (Tunisia). Nazionalità: tunisina. Passaporto n.: P182583 (passaporto tunisino rilasciato il 13.9.2003, che scade il 12.9.2007).

48)

La voce «Shahidkhel, S. Ahmed, Maulavi (Vice ministro della pubblica istruzione)» dell’elenco «Persone fisiche» è sostituita dal seguente:

Said Ahmed Shahidkhel. Titolo: Maulavi. Data di nascita: intorno al 1975. Luogo di nascita: provincia di Ghazni, Afghanistan centrale. Nazionalità: afgana. Altre informazioni: (a) vice ministro della pubblica istruzione (regime dei Talibani), (b) nel luglio 2003 si trovava in custodia cautelare a Kabul, Afghanistan.


18.1.2006   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 12/17


DIRETTIVA 2006/5/CE DELLA COMMISSIONE

del 17 gennaio 2006

che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio per iscrivere il warfarin come sostanza attiva

(Testo rilevante ai fini del SEE)

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

vista la direttiva 91/414/CEE del Consiglio, del 15 luglio 1991, relativa all'immissione in commercio dei prodotti fitosanitari (1), in particolare l'articolo 6, paragrafo 1,

considerando quanto segue:

(1)

Il regolamento (CEE) n. 3600/92 della Commissione, dell'11 dicembre 1992, recante disposizioni d'attuazione della prima fase del programma di lavoro di cui all'articolo 8, paragrafo 2, della direttiva 91/414/CEE del Consiglio relativa all'immissione in commercio dei prodotti fitosanitari (2), fissa un elenco di sostanze attive da valutare ai fini della loro eventuale iscrizione all'allegato I della direttiva 91/414/CEE. Tale elenco comprende il warfarin.

(2)

Gli effetti del warfarin sulla salute umana e sull'ambiente sono stati valutati in conformità delle disposizioni stabilite dal regolamento (CEE) n. 3600/92 per diversi impieghi proposti dai notificanti. Conformemente al regolamento (CE) n. 933/94 della Commissione, del 27 aprile 1994, che determina le sostanze attive dei prodotti fitosanitari e designa gli Stati membri relatori per l'attuazione del regolamento (CEE) n. 3600/92 (3), l’Irlanda è stata designata Stato membro relatore. L’8 maggio 1996, l’Irlanda ha presentato alla Commissione le relative relazione di valutazione e raccomandazioni, conformemente all'articolo 7, paragrafo 1, lettera c), del regolamento (CEE) n. 3600/92.

(3)

Detta relazione di valutazione è stata riesaminata dagli Stati membri e dalla Commissione nell'ambito del comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali. Il riesame si è concluso il 23 settembre 2005 sotto forma di rapporto di riesame della Commissione in merito al warfarin.

(4)

La relazione ed altre informazioni sul warfarin sono state sottoposte anche al comitato scientifico per le piante. È stato chiesto al comitato di pronunciarsi sull’opportunità di utilizzare i dati clinici ricavati da un uso ripetuto del warfarin come anticoagulante nella medicina umana per determinare la dose giornaliera ammissibile (DGA) e il livello ammissibile di esposizione dell’operatore (LAEO). Nel suo parere (4), il comitato scientifico conclude che non è necessario attribuire una DGA al warfarin. Inoltre, è probabile che i dati disponibili provenienti dall’utilizzo clinico su larga scala del warfarin come anticoagulante sostengano la definizione di una DGA, qualora ciò si riveli necessario. Analogamente, un LAEO può essere determinato sulla base di dati umani, tenuto conto del fatto che, nei ratti, il 15 % della dose applicata è assorbita per via cutanea.

(5)

Dalle valutazioni effettuate, è lecito supporre che i prodotti fitosanitari contenenti warfarin possano soddisfare, nelle linee generali, i requisiti di cui all'articolo 5, paragrafo 1, lettere a) e b), della direttiva 91/414/CEE, in particolare per quanto riguarda gli usi presi in considerazione e specificati nel rapporto di riesame della Commissione. È quindi opportuno iscrivere il warfarin nell'allegato I, affinché in tutti gli Stati membri le autorizzazioni per i prodotti fitosanitari contenenti tale sostanza possano essere concesse conformemente alle disposizioni della summenzionata direttiva.

(6)

Il warfarin è utilizzato come rodenticida. Tutte le altre sostanze attive utilizzate come rodenticidi sono coperte dal regolamento (CE) n. 1112/2002 della Commissione, del 20 giugno 2002, che stabilisce le modalità attuative della quarta fase del programma di lavoro di cui all'articolo 8, paragrafo 2, della direttiva 91/414/CEE del Consiglio (5). Inoltre, la sostanza è attualmente oggetto di una valutazione nel quadro della direttiva 98/8/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 febbraio 1998, relativa all’immissione sul mercato dei biocidi (6). Come avviene per tutte le sostanze iscritte nell’allegato I della direttiva 91/414/CEE, lo statuto del warfarin può essere riesaminato in virtù dell’articolo 5, paragrafo 5, di tale direttiva, alla luce delle nuove informazioni disponibili, in particolare sulla base della valutazione di sostanze analoghe o del warfarin stesso, conformemente alla direttiva 98/8/CE.

(7)

Le esperienze ottenute con le precedenti iscrizioni nell'allegato I della direttiva 91/414/CEE di sostanze attive valutate nel quadro del regolamento (CEE) n. 3600/92 hanno dimostrato che possono presentarsi difficoltà di interpretazione degli obblighi di chi detiene autorizzazioni esistenti in relazione all'accesso ai dati. Per evitare ulteriori difficoltà, è quindi necessario chiarire gli obblighi degli Stati membri, specialmente quello di verificare che il titolare di un'autorizzazione dimostri l'accesso ad un fascicolo conforme alle prescrizioni dell'allegato II alla direttiva stessa. Tale chiarimento non impone tuttavia nessun nuovo obbligo agli Stati membri o ai titolari di autorizzazioni rispetto alle direttive finora adottate e che modificano l'allegato I.

(8)

È opportuno accordare un lasso di tempo ragionevole prima che una sostanza attiva venga iscritta nell'allegato I per consentire agli Stati membri e alle parti interessate di prepararsi ad ottemperare ai nuovi requisiti derivanti dall'iscrizione.

(9)

Fermi restando gli obblighi stabiliti dalla direttiva 91/414/CEE come conseguenza dell'iscrizione di una sostanza attiva nell'allegato I, agli Stati membri va concesso un periodo di sei mesi a decorrere dall'iscrizione affinché possano rivedere le autorizzazioni esistenti per fitofarmaci contenenti warfarin in modo da garantire il rispetto delle prescrizioni di cui alla direttiva 91/414/CEE, in particolare dell'articolo 13 e delle pertinenti condizioni elencate nell'allegato I. Gli Stati membri dovrebbero modificare o ritirare, se del caso, le autorizzazioni esistenti o rilasciare nuove autorizzazioni conformi alle prescrizioni della direttiva 91/414/CEE. In deroga a quanto appena affermato, occorre prevedere un periodo più lungo per la presentazione e la valutazione del fascicolo completo, previsto dall'allegato III, relativo a ciascun prodotto fitosanitario e ad ogni suo impiego previsto, conformemente ai principi uniformi di cui alla direttiva 91/414/CEE.

(10)

È pertanto opportuno modificare la direttiva 91/414/CEE di conseguenza.

(11)

Le misure previste dalla presente direttiva sono conformi al parere del comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DIRETTIVA:

Articolo 1

L'allegato I della direttiva 91/414/CEE è modificato come specificato nell'allegato della presente direttiva.

Articolo 2

Gli Stati membri adottano e pubblicano entro il 31 marzo 2007 le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie per conformarsi alla presente direttiva. Essi comunicano immediatamente alla Commissione il testo di tali disposizioni nonché una tavola di concordanza tra queste ultime e la presente direttiva.

Essi applicano dette disposizioni dal 1o aprile 2007.

Quando gli Stati membri adottano tali disposizioni, queste contengono un riferimento alla presente direttiva o sono corredate di un siffatto riferimento all'atto della pubblicazione ufficiale. Le modalità del riferimento sono decise dagli Stati membri.

Articolo 3

1.   A norma della direttiva 91/414/CEE, gli Stati membri, qualora necessario, modificano o ritirano le autorizzazioni esistenti per fitofarmaci contenenti come sostanza attiva il warfarin entro il 31 marzo 2007. Entro tale data essi verificano in particolare il rispetto delle condizioni di cui all'allegato I della suddetta direttiva riguardanti il warfarin, ad eccezione di quelle della parte B dell'iscrizione relativa alla sostanza attiva in questione; gli Stati membri verificano anche che il titolare dell'autorizzazione possegga o possa accedere ad un fascicolo conforme alle prescrizioni dell'allegato II della direttiva, conformemente alle condizioni di cui all'articolo 13 della direttiva stessa.

2.   In deroga al paragrafo 1, ciascun prodotto fitosanitario autorizzato contenente warfarin come unica sostanza attiva presente o come una di più sostanze attive iscritte nell'allegato I della direttiva 91/414/CEE entro il 30 settembre 2006, è oggetto di riesame da parte degli Stati membri conformemente ai principi uniformi di cui all'allegato VI della direttiva 91/414/CEE, sulla base di un fascicolo conforme alle prescrizioni dell'allegato III della suddetta direttiva e tenendo conto della parte B dell'iscrizione nell'allegato I della suddetta direttiva per quanto riguarda il warfarin. In base a tale valutazione, essi stabiliscono se il prodotto è conforme o meno alle condizioni di cui all'articolo 4, paragrafo 1, lettere b), c), d) ed e), della direttiva 91/414/CEE.

Sulla base di quanto stabilito, gli Stati membri:

a)

nel caso di un prodotto contenente warfarin come unica sostanza attiva, ove necessario, modificano o revocano l'autorizzazione entro il 30 settembre 2010; oppure

b)

nel caso di un prodotto contenente warfarin come una di più sostanze attive, ove necessario, modificano o revocano l'autorizzazione entro il 30 settembre 2010 ovvero entro il termine, qualora più esteso, fissato per la modifica o la revoca in parola rispettivamente dalla direttiva o dalle direttive che hanno iscritto la sostanza o le sostanze nell'allegato I della direttiva 91/414/CEE.

Articolo 4

La presente direttiva entra in vigore il 1o ottobre 2006.

Articolo 5

Gli Stati membri sono destinatari della presente direttiva.

Fatto a Bruxelles, il 17 gennaio 2006.

Per la Commissione

Markos KYPRIANOU

Membro della Commissione


(1)  GU L 230 del 19.8.1991, pag. 1. Direttiva modificata da ultimo dal regolamento (CE) n. 396/2005 del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 70 del 16.3.2005, pag. 1).

(2)  GU L 366 del 15.12.1992, pag. 10. Regolamento modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 2266/2000 (GU L 259 del 13.10.2000, pag. 27).

(3)  GU L 107 del 28.4.1994, pag. 8. Regolamento modificato dal regolamento (CE) n. 2230/95 (GU L 225 del 22.9.1995, pag. 1).

(4)  Parere del comitato scientifico delle piante sulla possibile inclusione del warfarin nell’allegato I della direttiva 91/414/CEE del Consiglio relativa all’immissione in commercio dei prodotti fitosanitari (SCP/WARFAR/002 finale, adottato il 6 giugno 2000).

(5)  GU L 168 del 27.6.2002, pag. 14.

(6)  GU L 123 del 24.4.1998, pag. 1. Direttiva modificata da ultimo dal regolamento (CE) n. 1882/2003 (GU L 284 del 31.10.2003, pag. 1).


ALLEGATO

Sostanze da inserire in fondo alla tabella dell'allegato I della direttiva 91/414/CEE

N.

Nome comune, numeri di identificazione

Denominazione IUPAC

Purezza (1)

Entrata in vigore

Scadenza dell’iscrizione

Disposizioni specifiche

«XX

Warfarin

n. CAS 81-81-2

n. CIPAC 70

(RS)-4-idrossi-3-(3-osso-1-fenilbutil)cumarina 3-(α-acetonil-benzil)-4-idrossicumarina

≥ 990 g/kg

1o ottobre 2006

30 settembre 2013

PARTE A

Ne è autorizzato l’impiego solo come rodenticida sotto forma di esche già pronte, eventualmente inserite in dosatrici appositamente costruite.

PARTE B

Per l'applicazione dei principi uniformi dell’allegato VI, si deve tener conto delle conclusioni del rapporto di riesame del warfarin, in particolare le relative appendici I e II, formulate dal comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali il 23 settembre 2005. In tale valutazione globale, gli Stati membri devono rivolgere particolare attenzione alla protezione degli operatori, degli uccelli e dei mammiferi non bersaglio.

Dovranno essere applicate, ove necessario, misure di attenuazione dei rischi.»


(1)  1 Ulteriori dati su identità e caratteristiche della sostanza attiva si trovano nella relazione di riesame.


18.1.2006   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 12/21


DIRETTIVA 2006/6/CE DELLA COMMISSIONE

del 17 gennaio 2006

che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio per iscrivere il tolilfluanide come sostanza attiva

(Testo rilevante ai fini del SEE)

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

vista la direttiva 91/414/CEE del Consiglio, del 15 luglio 1991, relativa all'immissione in commercio dei prodotti fitosanitari (1), in particolare l'articolo 6, paragrafo 1,

considerando quanto segue:

(1)

I regolamenti della Commissione (CE) n. 451/2000 (2) e (CE) n. 703/2001 (3) recano le disposizioni d'attuazione della seconda fase del programma di lavoro di cui all'articolo 8, paragrafo 2, della direttiva 91/414/CEE e fissano un elenco di sostanze attive da valutare ai fini della loro eventuale iscrizione nell'allegato I della direttiva 91/414/CEE. Tale elenco comprende il tolilfluanide.

(2)

Gli effetti del tolilfluanide sulla salute umana e sull'ambiente sono stati valutati in conformità delle disposizioni dei regolamenti (CE) n. 451/2000 e (CE) n. 703/2001 per diversi impieghi proposti dal notificante. Tali regolamenti designano inoltre gli Stati membri relatori tenuti a presentare all’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) i pertinenti rapporti di valutazione e le raccomandazioni, conformemente all'articolo 8, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 451/2000. Per il tolilfluanide, lo Stato membro relatore è la Finlandia e tutte le informazioni pertinenti sono state presentate il 13 giugno 2003.

(3)

Il rapporto di valutazione è stato esaminato con un processo inter pares dagli Stati membri e dall'EFSA in seno al gruppo di lavoro «Valutazione» e presentato alla Commissione il 14 marzo 2005 sotto forma di rapporto scientifico dell'EFSA per il tolilfluanide (4). Tale rapporto è stato riesaminato dagli Stati membri e dalla Commissione nell'ambito del comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali ed ultimato il 23 settembre 2005 sotto forma di rapporto di riesame della Commissione per il tolilfluanide.

(4)

Dalle valutazioni effettuate, è lecito supporre che i prodotti fitosanitari contenenti tolilfluanide possano ottemperare in linea di massima alle prescrizioni di cui all'articolo 5, paragrafo 1, lettere a) e b), della direttiva 91/414/CEE, in particolare per quanto riguarda gli usi presi in considerazione e specificati nel rapporto di riesame della Commissione. È quindi opportuno iscrivere il tolilfluanide nell'allegato I, affinché in tutti gli Stati membri le autorizzazioni per i prodotti fitosanitari contenenti tale sostanza attiva possano essere concesse conformemente alle disposizioni di tale direttiva.

(5)

Fatte salve queste conclusioni, è necessario ottenere ulteriori informazioni su alcuni punti specifici. A norma dell’articolo 6, paragrafo 1, della direttiva 91/414/CEE, l’iscrizione di una sostanza nell’allegato I può essere subordinata a condizioni. È pertanto opportuno richiedere che il tolilfluanide sia sottoposto ad ulteriori esami, al fine di confermare la valutazione del rischio a lungo termine per i mammiferi erbivori, e che tali studi siano presentati dal notificante.

(6)

È necessario accordare un lasso di tempo ragionevole prima che una sostanza attiva venga iscritta nell'allegato I, onde consentire agli Stati membri e alle parti interessate di prepararsi a ottemperare alle nuove prescrizioni derivanti dall'iscrizione.

(7)

Fermi restando gli obblighi stabiliti dalla direttiva 91/414/CEE come conseguenza dell'iscrizione di una sostanza attiva nell'allegato I, agli Stati membri va concesso un periodo di sei mesi a decorrere dall'iscrizione, affinché possano rivedere le autorizzazioni esistenti per i prodotti fitosanitari contenenti tolilfluanide in modo da garantire il rispetto delle prescrizioni di cui alla direttiva 91/414/CEE, in particolare dell'articolo 13 e delle pertinenti condizioni elencate nell'allegato I. Gli Stati membri dovrebbero modificare o ritirare, se del caso, le autorizzazioni esistenti o rilasciare nuove autorizzazioni conformi alle prescrizioni della direttiva 91/414/CEE. In deroga a quanto appena affermato, occorre prevedere un periodo più lungo per la presentazione e la valutazione del fascicolo completo, previsto dall'allegato III, relativo a ciascun prodotto fitosanitario e ad ogni suo impiego previsto, conformemente ai principi uniformi di cui alla direttiva 91/414/CEE.

(8)

Le esperienze ottenute con le precedenti iscrizioni nell'allegato I della direttiva 91/414/CEE di sostanze attive valutate nel quadro del regolamento (CEE) n. 3600/92 della Commissione (5) hanno dimostrato che possono presentarsi difficoltà di interpretazione degli obblighi di chi detiene autorizzazioni esistenti in relazione all'accesso ai dati. Per evitare ulteriori difficoltà, è quindi necessario chiarire gli obblighi degli Stati membri, specialmente quello di verificare che il titolare di un'autorizzazione dimostri di avere accesso ad un fascicolo conforme alle prescrizioni dell'allegato II della direttiva stessa. Tale chiarimento non impone tuttavia alcun nuovo obbligo agli Stati membri o ai titolari di autorizzazioni rispetto alle direttive finora adottate e che modificano l'allegato I.

(9)

È pertanto opportuno modificare di conseguenza la direttiva 91/414/CEE.

(10)

Le misure previste dalla presente direttiva sono conformi al parere del comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DIRETTIVA:

Articolo 1

L'allegato I della direttiva 91/414/CEE è modificato come specificato nell'allegato della presente direttiva.

Articolo 2

Gli Stati membri adottano e pubblicano entro il 31 marzo 2007 le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie per conformarsi alla presente direttiva. Essi trasmettono immediatamente alla Commissione il testo di tali disposizioni nonché una tavola di concordanza tra queste ultime e la presente direttiva.

Essi applicano tali disposizioni a decorrere dal 1o aprile 2007.

Quando gli Stati membri adottano tali disposizioni, queste contengono un riferimento alla presente direttiva o sono corredate di un siffatto riferimento all'atto della pubblicazione ufficiale. Le modalità del riferimento sono decise dagli Stati membri.

Articolo 3

1.   A norma della direttiva 91/414/CEE, gli Stati membri, qualora necessario, modificano o ritirano le autorizzazioni esistenti per fitofarmaci contenenti come sostanza attiva il tolilfluanide entro il 31 marzo 2007.

Entro tale data, essi verificano in particolare il rispetto delle condizioni di cui all'allegato I della suddetta direttiva per quanto riguarda il tolilfluanide, ad eccezione di quelle della parte B dell'iscrizione relativa alla sostanza attiva in questione; gli Stati membri verificano inoltre che il titolare dell'autorizzazione possegga o possa accedere ad un fascicolo conforme alle prescrizioni dell'allegato II della direttiva, conformemente alle condizioni di cui all'articolo 13 della direttiva stessa.

2.   In deroga al paragrafo 1, ciascun prodotto fitosanitario autorizzato contenente tolilfluanide come unica sostanza attiva presente o come una di più sostanze attive iscritte nell'allegato I della direttiva 91/414/CEE entro il 30 settembre 2006 è oggetto di riesame da parte degli Stati membri conformemente ai principi uniformi di cui all'allegato VI della direttiva 91/414/CEE, sulla base di un fascicolo conforme alle prescrizioni dell'allegato III della suddetta direttiva e tenendo conto della parte B dell'iscrizione nell'allegato I della suddetta direttiva per quanto riguarda il tolilfluanide. In base a tale valutazione, essi stabiliscono se il prodotto è conforme alle condizioni di cui all'articolo 4, paragrafo 1, lettere b), c), d) ed e), della direttiva 91/414/CEE.

Sulla base di quanto stabilito gli Stati membri:

a)

nel caso di un prodotto contenente tolilfluanide come unica sostanza attiva, ove necessario, modificano o revocano l'autorizzazione entro il 30 settembre 2010; oppure

b)

nel caso di prodotti contenenti tolilfluanide come sostanza attiva in combinazione con altre, ove necessario, modificano o revocano l'autorizzazione entro il 30 settembre 2010 ovvero entro il termine, qualora più esteso, fissato per la modifica o la revoca in parola rispettivamente dalla direttiva o dalle direttive che hanno iscritto la sostanza o le sostanze all'allegato I della direttiva 91/414/CEE.

Articolo 4

La presente direttiva entra in vigore il 1o ottobre 2006.

Articolo 5

Gli Stati membri sono destinatari della presente direttiva.

Fatto a Bruxelles, il 17 gennaio 2006.

Per la Commissione

Markos KYPRIANOU

Membro della Commissione


(1)  GU L 230 del 19.8.1991, pag. 1. Direttiva modificata da ultimo dal regolamento (CE) n. 396/2005 del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 70 del 16.3.2005, pag. 1).

(2)  GU L 55 del 29.2.2000, pag. 25. Regolamento modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 1044/2003 (GU L 151 del 19.6.2003, pag. 32).

(3)  GU L 98 del 7.4.2001, pag. 6.

(4)  Rapporto scientifico dell’EFSA (2005) 29, 1-76, Conclusions on the peer review of tolylfluanid (ultimato il 14 marzo 2005).

(5)  GU L 366 del 15.12.1992, pag. 10. Regolamento modificato da ultimo dal regolamento (CE) n. 2266/2000 (GU L 259 del 13.10.2000, pag. 27).


ALLEGATO

Sostanze da inserire in fondo alla tabella dell'allegato I della direttiva 91/414/CEE

N.

Nome comune, numeri d'identificazione

Denominazione IUPAC

Purezza (1)

Entrata in vigore

Scadenza dell'iscrizione

Disposizioni specifiche

 

«Tolilfluanide

CAS N. 731-27-1

CIPAC N. 275

N-dichlorofluoromethylthio-N',N'-dimethyl-N-p-tolylsulfamide

960 g/kg

1o ottobre 2006

30 settembre 2016

PARTE A

Può essere autorizzato solo l'utilizzo come fungicida.

PARTE B

Per l'applicazione dei principi uniformi dell'allegato VI, si deve tener conto delle conclusioni del rapporto di riesame del tolilfluanide, in particolare le relative appendici I e II, formulate dal comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali il 23 settembre 2005.

In tale valutazione globale gli Stati membri:

devono prestare particolare attenzione alla protezione di mammiferi erbivori, organismi acquatici e artropodi non bersaglio (diversi dalle api). Le condizioni di autorizzazione devono comprendere, ove necessario, misure di attenuazione dei rischi,

devono prestare particolare attenzione ai residui negli alimenti e valutare l’esposizione alimentare dei consumatori.

Gli Stati membri interessati chiedono la realizzazione di ulteriori studi per confermare la valutazione del rischio per i mammiferi erbivori (rischio a lungo termine). Essi garantiscono che i notificanti, su richiesta dei quali il tolilfluanide è stato iscritto nel presente allegato, forniscano tali studi alla Commissione entro due anni dall’entrata in vigore della presente direttiva.»


(1)  Ulteriori dettagli sull'identità e la specificazione della sostanza attiva sono contenuti nel rapporto di riesame.