ISSN 1977-0944

doi:10.3000/19770944.C_2011.349.ita

Gazzetta ufficiale

dell'Unione europea

C 349

European flag  

Edizione in lingua italiana

Comunicazioni e informazioni

54o anno
30 novembre 2011


Numero d'informazione

Sommario

pagina

 

II   Comunicazioni

 

COMUNICAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA

 

Commissione europea

2011/C 349/01

Non opposizione ad un'operazione di concentrazione notificata (Caso COMP/M.6388 — Ecolab/Nalco Holding Company) ( 1 )

1

 

IV   Informazioni

 

INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA

 

Consiglio

2011/C 349/02

Decisione del Consiglio, del 14 novembre 2011, del recante nomina e sostituzione di membri del consiglio di direzione del Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale

2

 

Commissione europea

2011/C 349/03

Tassi di cambio dell'euro

3

2011/C 349/04

Decisione della Commissione, del 28 novembre 2011, che istituisce la piattaforma multilaterale europea delle parti interessate sulla normalizzazione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC)

4

2011/C 349/05

Decisione della Commissione, del 29 novembre 2011, che nomina i membri del gruppo di esperti chiamati a fornire una consulenza tecnica sul programma Frutta nelle scuole

7

 

INFORMAZIONI PROVENIENTI DAGLI STATI MEMBRI

2011/C 349/06

Informazioni comunicate dagli Stati membri sugli aiuti di Stato concessi ai sensi del regolamento (CE) n. 1857/2006 della Commissione relativo all'applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti di Stato a favore delle piccole e medie imprese attive nella produzione di prodotti agricoli e recante modifica del regolamento (CE) n. 70/2001

9

 

V   Avvisi

 

PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

 

Commissione europea

2011/C 349/07

Invito a presentare proposte — EACEA/38/11 — Programma di cooperazione nel campo dell’istruzione ICI — Cooperazione in materia di istruzione superiore e di formazione tra l’Unione europea e il Commonwealth dell’Australia e tra l’Unione europea e la Repubblica di Corea — Invito a presentare proposte 2011 per progetti di mobilità comune (JMP) e progetti di laurea comune (JDP)

11

 

PROCEDIMENTI RELATIVI ALL'ATTUAZIONE DELLA POLITICA DELLA CONCORRENZA

 

Commissione europea

2011/C 349/08

Notifica preventiva di una concentrazione (Caso COMP/M.6442 — Virgin Money/Northern Rock) — Caso ammissibile alla procedura semplificata ( 1 )

15

 


 

(1)   Testo rilevante ai fini del SEE

IT

 


II Comunicazioni

COMUNICAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA

Commissione europea

30.11.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 349/1


Non opposizione ad un'operazione di concentrazione notificata

(Caso COMP/M.6388 — Ecolab/Nalco Holding Company)

(Testo rilevante ai fini del SEE)

2011/C 349/01

In data 8 novembre 2011 la Commissione ha deciso di non opporsi alla suddetta operazione di concentrazione notificata e di dichiararla compatibile con il mercato comune. La presente decisione si basa sull'articolo 6, paragrafo 1, lettera b) del regolamento (CE) n. 139/2004 del Consiglio. Il testo integrale della decisione è disponibile unicamente in lingua inglese e verrà reso pubblico dopo che gli eventuali segreti aziendali in esso contenuti saranno stati espunti. Il testo della decisione sarà disponibile:

sul sito Internet della Commissione europea dedicato alla concorrenza, nella sezione relativa alle concentrazioni (http://ec.europa.eu/competition/mergers/cases/). Il sito offre varie modalità per la ricerca delle singole decisioni, tra cui indici per impresa, per numero del caso, per data e per settore,

in formato elettronico sul sito EUR-Lex (http://eur-lex.europa.eu/it/index.htm) con il numero di riferimento 32011M6388. EUR-Lex è il sistema di accesso in rete al diritto comunitario.


IV Informazioni

INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA

Consiglio

30.11.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 349/2


DECISIONE DEL CONSIGLIO

del 14 novembre 2011

del recante nomina e sostituzione di membri del consiglio di direzione del Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale

2011/C 349/02

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA,

visto il regolamento (CEE) n. 337/75 del Consiglio, del 10 febbraio 1975, relativo all'istituzione di un Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale, in particolare l'articolo 4 (1),

vista la candidatura presentata al Consiglio dalla Commissione nella categoria dei rappresentanti dei lavoratori,

considerando quanto segue:

(1)

Con decisione del 14 settembre 2009 (2) il Consiglio ha nominato i membri del consiglio di direzione del Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale per il periodo dal 18 settembre 2009 al 17 settembre 2012.

(2)

Un posto di membro del consiglio di direzione del Centro nella categoria dei rappresentanti dei lavoratori si è reso vacante a seguito delle dimissioni di Leslie MANASSEH,

DECIDE:

Articolo unico

La persona seguente è nominata membro del consiglio di direzione del Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale per la restante durata del mandato, ossia fino al 17 settembre 2012:

RAPPRESENTANTI DELLE ORGANIZZAZIONI DEI LAVORATORI:

REGNO UNITO

Iain MURRAY

TUC (UK)

Fatto a Bruxelles, il 14 novembre 2011

Per il Consiglio

Il presidente

M. SAWICKI


(1)  GU L 39 del 13.2.1975, pag. 1.

(2)  GU C 226 del 19.9.2009, pag. 2.


Commissione europea

30.11.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 349/3


Tassi di cambio dell'euro (1)

29 novembre 2011

2011/C 349/03

1 euro =


 

Moneta

Tasso di cambio

USD

dollari USA

1,3336

JPY

yen giapponesi

103,82

DKK

corone danesi

7,4377

GBP

sterline inglesi

0,85365

SEK

corone svedesi

9,2195

CHF

franchi svizzeri

1,2282

ISK

corone islandesi

 

NOK

corone norvegesi

7,8495

BGN

lev bulgari

1,9558

CZK

corone ceche

25,548

HUF

fiorini ungheresi

309,08

LTL

litas lituani

3,4528

LVL

lats lettoni

0,6980

PLN

zloty polacchi

4,5270

RON

leu rumeni

4,3518

TRY

lire turche

2,4692

AUD

dollari australiani

1,3332

CAD

dollari canadesi

1,3717

HKD

dollari di Hong Kong

10,3929

NZD

dollari neozelandesi

1,7519

SGD

dollari di Singapore

1,7306

KRW

won sudcoreani

1 523,71

ZAR

rand sudafricani

11,1472

CNY

renminbi Yuan cinese

8,4778

HRK

kuna croata

7,5010

IDR

rupia indonesiana

12 211,39

MYR

ringgit malese

4,2255

PHP

peso filippino

58,174

RUB

rublo russo

41,8100

THB

baht thailandese

41,715

BRL

real brasiliano

2,4621

MXN

peso messicano

18,6147

INR

rupia indiana

69,4210


(1)  Fonte: tassi di cambio di riferimento pubblicati dalla Banca centrale europea.


30.11.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 349/4


DECISIONE DELLA COMMISSIONE

del 28 novembre 2011

che istituisce la piattaforma multilaterale europea delle parti interessate sulla normalizzazione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC)

2011/C 349/04

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

considerando quanto segue:

(1)

La strategia Europa 2020, quale definita nella comunicazione della Commissione dal titolo Europa 2020: una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva  (1), traccia il quadro di un'economia sociale di mercato per l’Europa del XXI secolo che tragga pieno vantaggio dai benefici economici e sociali di una società digitale. Tale comunicazione pone in risalto quanto sia importante rafforzare la crescita dell'economia europea così da ottenere al contempo alti livelli di produttività del lavoro, un'economia a basse emissioni di carbonio e la coesione sociale.

(2)

Una delle iniziative faro della strategia Europa 2020, definita nella comunicazione della Commissione dal titolo Un'agenda digitale europea  (2), attribuisce un ruolo di primo piano al miglioramento della definizione delle norme nel settore delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) con l’obiettivo di garantire l’interoperabilità tra le applicazioni, i servizi e i prodotti TIC, per ridurre la frammentazione del mercato unico del digitale promuovendo nel contempo l'innovazione e la concorrenza.

(3)

Un'altra iniziativa faro della strategia Europa 2020, definita nella comunicazione della Commissione dal titolo Una politica industriale integrata per l'era della globalizzazione — Riconoscere il ruolo centrale di concorrenzialità e sostenibilità  (3), invita l'Europa a sviluppare un sistema di norme che soddisfi le aspettative degli operatori del mercato e delle autorità pubbliche europee promuovendo al contempo l'influenza dell'Europea oltre i confini del mercato unico in un'economia globalizzata.

(4)

La comunicazione della Commissione dal titolo Una visione strategica per le norme europee: compiere passi avanti per favorire e accelerare la crescita sostenibile dell'economia europea entro il 2020  (4) stabilisce che nel 2011 la Commissione istituirà e presiederà una piattaforma multilaterale dedicata, per assisterla su questioni riguardanti l'attuazione della politica di normalizzazione nel campo delle TIC, compreso il programma di lavoro per la normalizzazione delle TIC, la definizione degli obiettivi prioritari da perseguire a sostegno della legislazione e delle politiche nonché l'identificazione delle specifiche elaborate da organizzazioni globali di elaborazione delle norme TIC.

(5)

È pertanto necessario istituire una piattaforma multilaterale delle parti interessate nel settore della normalizzazione delle TIC nonché definirne i compiti e la struttura.

(6)

È opportuno che la piattaforma multilaterale delle parti interessate sia costituita da rappresentanti delle autorità nazionali degli Stati membri e dei paesi EFTA, dalle organizzazioni di parti interessate rappresentanti l'industria, le piccole e medie imprese, i consumatori e altre parti sociali interessate nonché da organismi europei e internazionali di normalizzazione e altre organizzazioni senza scopo di lucro che siano enti professionali, associazioni industriali o commerciali o altre organizzazioni associative attive in Europa che sviluppino standard nel settore delle TIC.

(7)

È parimenti opportuno provvedere a regolamentare la diffusione delle informazioni da parte dei membri della piattaforma nel rispetto delle norme della Commissione sulla sicurezza, fissate nell'allegato alla decisione 2001/844/CE, CECA, Euratom della Commissione.

(8)

Per il trattamento dei dati personali vige il regolamento (CE) n. 45/2001 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 dicembre 2000, concernente la tutela delle persone fisiche in relazione al trattamento dei dati personali da parte delle istituzioni e degli organismi comunitari nonché la libera circolazione di tali dati,

DECIDE:

Articolo 1

Oggetto

È istituita la piattaforma multilaterale europea delle parti interessate sulla normalizzazione delle TIC, nel seguito denominata «la piattaforma».

Articolo 2

Compiti

La piattaforma si occuperà di:

a)

consigliare la Commissione in merito a tutte le questioni relative alla politica europea di normalizzazione delle TIC e la sua efficace attuazione;

b)

consigliare la Commissione quanto al programma di lavoro sulla normalizzazione delle TIC nonché le sue priorità;

c)

individuare potenziali future esigenze in tema di normalizzazione delle TIC a sostegno della legislazione, delle politiche e degli appalti pubblici in ambito europeo;

d)

consigliare la Commissione in merito ad eventuali mandati di normalizzazione riguardanti le TIC per organismi e attività europei di normalizzazione che possono essere svolti da altri organismi in collaborazione con organismi europei di normalizzazione;

e)

consigliare la Commissione quanto allo stato di avanzamento della normalizzazione delle TIC nonché sulle attività inerenti a sostegno della legislazione e delle politiche;

f)

consigliare la Commissione in merito alle specifiche tecniche nel campo delle TIC che non sono norme nazionali, europee o internazionali riguardo ai requisiti di cui all'allegato II della proposta di regolamento sulla normalizzazione europea (5);

g)

consigliare la Commissione quanto alla collaborazione tra organizzazioni di elaborazione delle norme e organismi europei di normalizzazione al fine di migliorare l'integrazione delle loro attività nella formazione delle TIC in Europa nonché garantire la disponibilità delle norme relative alle TIC a sostegno dell'interoperabilità;

h)

raccogliere informazioni sui programmi di lavoro delle organizzazioni che si occupano di elaborare le norme TIC al fine di concorrere al coordinamento ed evitare una inutile duplicazione o frammentazione degli sforzi.

Articolo 3

Consultazione

La Commissione può consultare la piattaforma su qualsiasi questione relativa a:

a)

altre iniziative che possono essere adottate a livello dell'Unione per eliminare gli ostacoli all'interoperabilità delle TIC;

b)

iniziative nazionali, europee ed internazionali in tema di normalizzazione a sostegno dell'interoperabilità delle TIC.

Articolo 4

Composizione — Nomina

1.   La piattaforma è composta da 67 membri.

2.   I membri della piattaforma sono le autorità nazionali degli Stati membri e dei paesi EFTA nonché le organizzazioni rappresentanti le parti interessate alla normalizzazione delle TIC nominati dalla Commissione secondo le modalità indicate di seguito:

a)

fino a 18 organizzazioni rappresentanti l'industria, le piccole e medie imprese e le parti sociali interessate;

b)

fino a 14 organismi europei e internazionali di normalizzazione e altre organizzazioni senza scopo di lucro che siano società professionali, associazioni industriali o commerciali o altre organizzazioni associative attive in Europa che sviluppino standard nel settore delle TIC.

3.   I membri di cui al paragrafo 2 lettere a) e b) sono nominati per conto della Commissione dai direttori generali della DG Imprese e industria e della DG Società dell'informazione e media tra le organizzazioni interessate pertinenti per raggiungere una rappresentanza equilibrata tenendo conto dei compiti e delle competenze necessarie.

4.   Le autorità nazionali e le organizzazioni designate dalla Commissione nominano un proprio rappresentante nonché un supplente per partecipare alle attività della piattaforma.

5.   I membri della piattaforma sono nominati per una durata di 3 anni e restano in carica fino alla loro sostituzione oppure fino alla scadenza del mandato. Il mandato può essere rinnovato.

6.   I membri che non siano più in grado di contribuire efficacemente alle attività della piattaforma, che si dimettano o che non rispondano più alle condizioni di cui all'articolo 339 del trattato possono essere sostituiti per il resto della durata del mandato.

7.   I nomi dei membri di cui all'articolo 4, paragrafo 2, lettere a) e b) sono pubblicati nel registro dei gruppi di esperti e altre entità simili della Commissione (nel seguito «il registro»).

8.   I dati personali sono raccolti, trattati e pubblicati in conformità al regolamento (CE) n. 45/2001.

Articolo 5

Operazioni

1.   La piattaforma è presieduta dalla DG Imprese e industria e dalla DG Società dell’informazione e media.

2.   Previo consenso del rappresentante della Commissione la piattaforma ha la facoltà di istituire sottogruppi per esaminare questioni specifiche sulla base di un mandato definito dalla piattaforma stessa. Tali sottogruppi sono sciolti non appena espletato il mandato.

3.   Il rappresentante della Commissione può invitare esperti con competenze specifiche su argomenti all’ordine del giorno a partecipare al lavoro della piattaforma a seconda delle necessità. Il rappresentante della Commissione può inoltre conferire lo status di osservatore a persone fisiche o organizzazioni quali definite nelle regole orizzontali per i gruppi di esperti (regola 8 paragrafo 3) nonché a paesi candidati all’adesione.

4.   I membri della piattaforma e i loro rappresentanti, così come gli esperti e gli osservatori invitati, sono tenuti a rispettare gli obblighi del segreto professionale stabiliti dai trattati e dalle relative norme di attuazione, nonché le disposizioni della Commissione in tema di sicurezza riguardanti la protezione delle informazioni classificate UE, stabilite nell’allegato della decisione 2001/844/CE, CECA, Euratom della Commissione. In caso di mancato rispetto di tali obblighi la Commissione può prendere tutti i provvedimenti ritenuti idonei.

5.   Le riunioni della piattaforma e dei sottogruppi si svolgono presso i locali della Commissione, che assicura i servizi di segreteria. Alle riunioni della piattaforma e dei suoi sottogruppi possono eventualmente partecipare altri funzionari della Commissione interessati ai lavori.

6.   La piattaforma adotta il proprio regolamento interno, che comprende la normativa in tema di conflitti di interesse, sulla base del modello di regolamento interno per i gruppi di esperti adottato dalla Commissione.

7.   La Commissione pubblica informazioni pertinenti alle attività svolte dalla piattaforma includendole nel registro o tramite un link nel registro verso un apposito sito Internet.

8.   Il Centro comune di ricerca può fornire pareri scientifici e servizi nel proprio settore di competenza.

Articolo 6

Spese di riunione

1.   I partecipanti alle attività della piattaforma non sono retribuiti per i servizi resi.

2.   La Commissione rimborsa le spese di viaggio e di soggiorno sostenute dai partecipanti alle attività della piattaforma in base alle proprie disposizioni interne.

3.   Le spese sono rimborsate nei limiti degli stanziamenti disponibili fatti nel quadro della procedura annuale di assegnazione delle risorse.

Articolo 7

Applicabilità

La presente decisione si applica a decorrere dal 1o gennaio 2012.

Fatto a Bruxelles, il 28 novembre 2011

Per la Commissione

Antonio TAJANI

Vicepresidente


(1)  COM(2010) 2020 definitivo del 3.3.2010.

(2)  COM(2010) 245 definitivo del 19.5.2010.

(3)  COM(2010) 614 definitivo del 28.10.2010.

(4)  COM(2011) 311 definitivo dell'1.6.2011.

(5)  COM(2011) 315 definitivo dell'1.6.2011.


30.11.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 349/7


DECISIONE DELLA COMMISSIONE

del 29 novembre 2011

che nomina i membri del gruppo di esperti chiamati a fornire una consulenza tecnica sul programma «Frutta nelle scuole»

2011/C 349/05

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

vista la decisione 2009/986/UE della Commissione, del 18 dicembre 2009, che istituisce il gruppo di esperti chiamati a fornire una consulenza tecnica sul programma «Frutta nelle scuole» (1), in particolare l'articolo 4,

considerando quanto segue:

(1)

La Commissione ha istituito un gruppo di esperti indipendenti e ne ha definito i compiti e la composizione mediante la decisione 2009/986/UE.

(2)

A norma del'articolo 4, paragrafo 2, lettera c), della decisione 2009/986/UE, sul sito Internet della DG Agricoltura e sviluppo rurale della Commissione e nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea  (2) è stato pubblicato un invito a presentare candidature. In base alle candidature ricevute e nel rispetto dei requisiti di raccolta, trattamento e pubblicazione dei pertinenti dati personali conformemente alle disposizioni del regolamento (CE) n. 45/2001 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 dicembre 2000, concernente la tutela delle persone fisiche in relazione al trattamento dei dati personali da parte delle istituzioni e degli organismi comunitari, nonché la libera circolazione di tali dati (3), è opportuno che la Commissione nomini i membri del gruppo di esperti fra gli specialisti aventi una formazione adeguata,

DECIDE:

Articolo 1

1.   I seguenti candidati sono nominati membri permanenti del gruppo di esperti per un mandato triennale rinnovabile a decorrere dalla data di adozione:

Saida Barnat,

Margherita Caroli,

Bela Franchini,

Victoria Anna Kovacs,

Athena Linos,

Charles Fergus Lowe,

Mario Mazzocchi,

Bent Egberg Mikkelsen,

Loes Neven,

Martine Padilla.

2.   I seguenti candidati sono nominati membri supplenti del gruppo di esperti per un mandato triennale rinnovabile a decorrere dalla data di adozione:

Alessandra Bordoni,

Michele Cecchini,

Inken Birte Christoph,

Piero Ferrari,

Susana González Manzano,

Michael Kenneth Heasman,

Vaios Karathanos,

Chrystalleni Lazarou,

Yannis Manios,

Timothy (Tim) Marsch,

Morten Kromann Nielsen,

Andrea Pezzana,

Ana Isabel Rito,

Aileen Robertson,

Inge Tetens,

Antonia Trichopoulou.

Articolo 2

La presente decisione entra in vigore il giorno dell'adozione ed è applicabile fino al 31 dicembre 2014.

Fatto a Bruxelles, il 29 novembre 2011

Per la Commissione

Dacian CIOLOȘ

Membro della Commissione


(1)  GU L 338 del 19.12.2009, pag. 99.

(2)  GU C 296 del 30.10.2010, pag. 25.

(3)  GU L 8 del 12.1.2001, pag. 1.


INFORMAZIONI PROVENIENTI DAGLI STATI MEMBRI

30.11.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 349/9


Informazioni comunicate dagli Stati membri sugli aiuti di Stato concessi ai sensi del regolamento (CE) n. 1857/2006 della Commissione relativo all'applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti di Stato a favore delle piccole e medie imprese attive nella produzione di prodotti agricoli e recante modifica del regolamento (CE) n. 70/2001

2011/C 349/06

Aiuto n.: SA.33768 (11/XA)

Stato membro: Ungheria

Regione: Hungary

Titolo del regime di aiuto o nome dell'impresa beneficiaria di un aiuto individuale: MFB Fagykár 2011. Forgóeszköz Hitelprogram

Base giuridica:

A 2011 májusában bekövetkezett fagykárok enyhítését szolgáló intézkedésekről szóló 1252/2011. (VII.21.) Korm. határozat 2. és 3. pontjai.

A 2011 májusában fagykárt szenvedett mezőgazdasági termelők hitelhez jutási lehetőségéről szóló …/2011. (… …) VM rendelettervezet.

Spesa annua prevista nell'ambito del regime o importo annuo totale concesso all'impresa: Importo totale annuo della dotazione prevista ai sensi del regime: 1 000 milioni di HUF.

Intensità massima di aiuti: 90 %

Data di applicazione: —

Durata del regime o dell'aiuto individuale: 22 novembre 2011-31 agosto 2012

Obiettivo dell'aiuto: Avversità atmosferiche [articolo 11 del regolamento (CE) n. 1857/2006]

Settore economico: Produzioni vegetali e animali, caccia e servizi connessi

Nome e indirizzo dell'autorità che eroga l'aiuto:

Ministry of Rural Development

Budapest

Kossuth Lajos tér 11.

1055

MAGYARORSZÁG/HUNGARY

Sito web:

 

http://www.kormany.hu/hu/dok?page=2&source=5&type=302#!DocumentBrowse

 

http://www.kormany.hu/download/8/e3/60000/fagykar%20jogszab%20tervezet.zip#!DocumentBrowse

Altre informazioni: —

Aiuto n.: SA.33818 (11/XA)

Stato membro: Belgio

Regione: Vlaams Gewest

Titolo del regime di aiuto o nome dell'impresa beneficiaria di un aiuto individuale: Investeringen in landbouwbedrijven

Base giuridica: Besluit van de Vlaamse Regering van 24 november 2000 betreffende steun aan de investeringen en aan de installatie in de landbouw, gewijzigd bij de besluiten van de Vlaamse Regering van 19 maart 2004, 14 juli 2004, 3 december 2004, 16 juni 2006, 27 juni 2008 en 23 december 2010.

Maatregel 121 van het plattelandsontwikkelingsprogramma.

Spesa annua prevista nell'ambito del regime o importo annuo totale concesso all'impresa: Importo totale annuo della dotazione prevista ai sensi del regime: 50 milioni di EUR.

Intensità massima di aiuti: 38 %

Data di applicazione: —

Durata del regime o dell'aiuto individuale: 19 novembre 2011-31 dicembre 2013

Obiettivo dell'aiuto: Investimenti nelle aziende agricole [articolo 4 del regolamento (CE) n. 1857/2006]

Settore economico: Produzioni vegetali e animali, caccia e servizi connessi

Nome e indirizzo dell'autorità che eroga l'aiuto:

Vlaamse Overheid

Vlaams Landbouwinvesteringsfonds (VLIF)

Ellips 4e verdieping

Koning Albert II-laan 35, bus 41

1030 Bruxelles/Brussel

BELGIQUE/BELGIË

Sito web: http://lv.vlaanderen.be/nlapps/docs/default.asp?id=1838

Altre informazioni: —

Aiuto n.: SA.33819 (11/XA)

Stato membro: Belgio

Regione: Vlaams Gewest

Titolo del regime di aiuto o nome dell'impresa beneficiaria di un aiuto individuale: Vestiging van jonge landbouwers

Base giuridica: Besluit van de Vlaamse Regering van 24 november 2000 betreffende steun aan de investeringen en aan de installatie in de landbouw, gewijzigd bij de besluiten van de Vlaamse Regering van 19 maart 2004, 14 juli 2004, 3 december 2004, 16 juni 2006, 27 juni 2008 en 23 december 2010.

Maatregel 112 van het plattelandsontwikkelingsprogramma.

Spesa annua prevista nell'ambito del regime o importo annuo totale concesso all'impresa: Importo totale annuo della dotazione prevista ai sensi del regime: 7 milioni di EUR.

Intensità massima di aiuti: 50 %

Data di applicazione: —

Durata del regime o dell'aiuto individuale: 19 novembre 2011-31 dicembre 2013

Obiettivo dell'aiuto: Insediamento di giovani agricoltori [articolo 7 del regolamento (CE) n. 1857/2006]

Settore economico: Produzioni vegetali e animali, caccia e servizi connessi

Nome e indirizzo dell'autorità che eroga l'aiuto:

Vlaamse Overheid

Vlaams Landbouwinvesteringsfonds (VLIF)

Ellips 4e verdieping

Koning Albert II-laan 35, bus 41

1030 Bruxelles/Brussel

BELGIQUE/BELGIË

Sito web: http://lv.vlaanderen.be/nlapps/docs/default.asp?id=1839

Altre informazioni: —


V Avvisi

PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

Commissione europea

30.11.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 349/11


INVITO A PRESENTARE PROPOSTE — EACEA/38/11

Programma di cooperazione nel campo dell’istruzione ICI

Cooperazione in materia di istruzione superiore e di formazione tra l’Unione europea e il Commonwealth dell’Australia e tra l’Unione europea e la Repubblica di Corea

Invito a presentare proposte 2011 per progetti di mobilità comune (JMP) e progetti di laurea comune (JDP)

2011/C 349/07

1.   Obiettivi e descrizione

L’obiettivo generale consiste nel promuovere la comprensione reciproca fra i popoli dell’UE e dei paesi partner, anche attraverso una conoscenza più diffusa delle rispettive lingue, culture e istituzioni, nonché nel migliorare la qualità dell’istruzione superiore e della formazione, stimolando partenariati equilibrati tra istituti di istruzione superiore e formazione professionale nell’UE e nei paesi partner.

2.   Candidati ammissibili

Il presente invito è aperto alle proposte provenienti da consorzi di istituti di istruzione superiore e/o di istituti di formazione professionale di livello post secondario.

Per poter essere ammessi i candidati devono provenire da uno dei paesi partner e da uno dei 27 Stati membri dell’Unione europea.

3.   Attività ammissibili

Nell’ambito del presente invito sono previsti due tipi di attività, ovvero progetti di mobilità comune e progetti di laurea comune.

Per i progetti di mobilità comune (JMP) il sostegno è concesso per consentire ai consorzi di istituti di formazione professionale di livello post secondario UE-paese partner di svolgere programmi di studio e di formazione comuni e per attuare la mobilità fra studenti e personale accademico. Il sostegno comprende un importo forfettario per finanziare l’amministrazione, i contributi per gli studenti e il personale del corpo accademico e amministrativo. Un consorzio che presenta la sua candidatura per un progetto di mobilità comune ICI-ECP deve includere almeno 3 istituti di formazione professionale di livello post secondario di 3 diversi Stati membri dell’UE e almeno 2 istituti del paese partner. La durata massima dei progetti JMP è di 36 mesi. Sarà prestata particolare attenzione ai progetti che prevedono tirocini.

Per i progetti di laurea comune (JDP) il sostegno è concesso per sviluppare e attuare programmi di laurea doppia o comune. Il sostegno comprende un importo forfettario per i lavori di sviluppo e l’amministrazione, contributi per gli studenti e il personale del corpo accademico e amministrativo. Un consorzio che presenta la sua candidatura per un progetto di laurea comune ICI-ECP deve includere almeno 2 istituti di istruzione superiore di 2 diversi Stati membri dell’UE e almeno 2 istituti provenienti dal paese partner. La durata massima dei progetti JDP è di 48 mesi. Si dedicherà particolare attenzione alle proposte di progetti di laurea comune.

Le attività devono iniziare nel mese di ottobre 2012.

4.   Criteri di aggiudicazione

A.   La rilevanza del progetto per la relazione tra l’UE e i paesi partner e il contributo alla qualità e all’eccellenza (20 %)

Saranno determinati analizzando:

a)   la rilevanza della proposta rispetto agli obiettivi dell’invito e alle relazioni tra l’UE e il paese partner;

la rilevanza della proposta rispetto agli obiettivi dell’invito e, in particolare, il valore aggiunto specifico del programma di studio nella disciplina e nella professione proposta, dal punto di vista delle relazioni tra l’UE e il paese partner;

b)   il contributo del progetto alla qualità educativa, all’eccellenza e all’innovazione nel relativo campo di attività;

il possibile contributo del progetto alla qualità educativa, all’eccellenza e all’innovazione, compreso il miglioramento dei metodi d’insegnamento e delle ulteriori opportunità professionali/di studio degli studenti, nonché la definizione di un sistema accademico efficiente di controllo della qualità.

B.   La qualità dell’attuazione del progetto (80 %)

sarà determinata analizzando i seguenti aspetti:

a)   gestione del partenariato e cooperazione tra i partner;

la misura in cui i meccanismi di cooperazione e la struttura amministrativa riflettono un partenariato efficace.

La conclusione di un ampio accordo di partenariato e/o di un protocollo d’intesa tra i partner entro l’inizio della mobilità.

Il livello di impegno dedicato dalle istituzioni partner al progetto;

b)   programma di mobilità fra studenti;

l’integrazione del programma di mobilità fra studenti tra le istituzioni partner (cioè la distribuzione delle attività di mobilità degli studenti tra i partner e la partecipazione equilibrata delle istituzioni partner all’attività).

Il rispetto dei requisiti in termini di numero e tipologia delle attività di mobilità e l’equilibrio dei flussi di mobilità proposti.

Lo sviluppo di efficaci meccanismi di selezione degli studenti, basati su principi di trasparenza, uguaglianza e merito applicabili a tutte le istituzioni partner nel quadro del progetto proposto.

La descrizione di standard comuni stabiliti dal partenariato per la candidatura comune, la selezione e le procedure di esame e ammissione;

c)   disposizioni in materia di trasferimento e riconoscimento dei crediti universitari;

La validità e la chiarezza delle disposizioni in materia di crediti universitari e trasferimento di crediti, compresa, se del caso, la misura in cui si farà ricorso ai meccanismi ECTS, quali le tabelle di classificazione e altri meccanismi per periodi di studio compatibili con il sistema ECTS.

L’uso di un supplemento al diploma (documento rilasciato congiuntamente per conto del partenariato a ogni studente che abbia completato con profitto gli studi, che fornisce informazioni sulla natura, sul livello, sul contesto, sui contenuti e sullo status degli studi effettuati);

d)   ospitalità offerta agli studenti e al personale accademico, servizi per gli studenti, preparazione linguistica e culturale;

La qualità delle risorse disponibili per ospitare studenti stranieri e personale accademico (in particolare alloggi, assistenza per visti, permesso di soggiorno e assicurazione, assistenza linguistica, ecc.).

La qualità del programma linguistico e culturale offerto agli studenti che beneficiano della mobilità;

e)   piano di mobilità del corpo accademico;

Il piano di mobilità del corpo accademico e l’equilibrio del flusso di mobilità tra le istituzioni partner. Le attività che saranno eseguite dal corpo accademico e dal personale che beneficia della mobilità. La relazione tra l’attività e il progetto e il modo in cui tale attività sarà registrata;

f)   piano di valutazione;

lo sviluppo di un sistema di monitoraggio continuo, la qualità del piano di valutazione e la partecipazione degli studenti all’autovalutazione del progetto;

g)   programma di diffusione;

la qualità delle attività di diffusione e il loro impatto in termini di visibilità e maggiore conoscenza della cooperazione tra l’UE e il paese partner;

h)   Piano di sostenibilità;

la qualità del piano di sostenibilità (entro e oltre il periodo contrattuale previsto) e la potenziale sostenibilità del progetto in termini di impatto a livello istituzionale (compresi il riconoscimento degli studi tra i partner, lo sviluppo della cooperazione internazionale, ecc.).

5.   Bilancio

Il bilancio disponibile ammonta all’incirca a 2,3 Mio EUR. Finanziamenti analoghi saranno forniti dai paesi partner conformemente alla normativa applicabile per ciascuno di essi.

L’importo massimo del finanziamento da parte dell’UE sarà di 350 000 EUR per un progetto JDP quadriennale con 2 o più istituti dell’UE e di 262 500 EUR per un progetto JMP triennale con tre o più istituti dell’UE.

6.   Scadenza

Le proposte devono essere presentate sia all’UE sia alle istituzioni incaricate dell’attuazione in Australia (Australian Department of Education — DEEWR) e nella Repubblica di Corea (National Research Foundation of Korea — NRF).

Le proposte trasmesse per conto dell’istituzione capofila dell’UE devono essere inviate all’Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura entro e non oltre il 30 marzo 2012. Le candidature recanti un timbro postale successivo a tale data non saranno prese in considerazione. Le candidature devono essere inviate al seguente indirizzo:

Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura

EU-ICI ECP Call for Proposals 2011

Avenue du Bourget/Bourgetlaan 1

BOUR 02/17

1140 Bruxelles/Brussel

BELGIQUE/BELGIË

Le proposte trasmesse per conto dell’istituzione capofila dell’UE devono essere presentate utilizzando l’apposito modulo, debitamente compilato, datato e firmato dalla persona autorizzata a rappresentare legalmente l’organismo richiedente.

Le candidature australiane e i documenti giustificativi devono essere inviati per lettera raccomandata a:

The Director International Engagement Section (C50MA10)

International Group

Department of Education, Employment and Workplace Relations

GPO Box 9880

Canberra ACT 2601

AUSTRALIA

Le candidature coreane e i documenti giustificativi devono essere consegnati di persona o tramite corriere privato a:

ICI Education Co-operation Programme

Team of European & American Cooperation Programme

Division of International Affairs

National Research Foundation of Korea

25, Heolleungno, Seocho-gu, Seoul

REPUBLIC OF KOREA 137-748

7.   Ulteriori informazioni

Le linee guida e i moduli di domanda sono disponibili sul seguente sito Internet:

http://eacea.ec.europa.eu/bilateral_cooperation/eu_ici_ecp/index_en.php

Le proposte devono essere presentate utilizzando il modulo appositamente fornito e devono contenere tutte le informazioni e gli allegati richiesti.


PROCEDIMENTI RELATIVI ALL'ATTUAZIONE DELLA POLITICA DELLA CONCORRENZA

Commissione europea

30.11.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 349/15


Notifica preventiva di una concentrazione

(Caso COMP/M.6442 — Virgin Money/Northern Rock)

Caso ammissibile alla procedura semplificata

(Testo rilevante ai fini del SEE)

2011/C 349/08

1.

In data 17 novembre 2011 è pervenuta alla Commissione la notifica di un progetto di concentrazione in conformità dell'articolo 4 del regolamento (CE) n. 139/2004 del Consiglio (1). Con tale operazione l'impresa Virgin Money Holdings (Regno Unito) Limited (controllata congiuntamente da Virgin Financial Services UK Holding Limited, una controllata di Virgin Group Holdings Limited, e da WLR IV VM LLC, una società veicolo i cui investitori sono controllati in ultima istanza da WL Ross Group L.P.) acquisisce, ai sensi dell’articolo 3, paragrafo 1, lettera b), del regolamento comunitario sulle concentrazioni, il controllo dell'insieme dell'impresa Northern Rock plc (UK) mediante acquisto di quote.

2.

Le attività svolte dalle imprese interessate sono le seguenti:

Virgin Money Holdings Limited: attività bancarie al dettaglio e distribuzione di prodotti assicurativi,

Northern Rock plc: attività bancarie al dettaglio e distribuzione di prodotti assicurativi.

3.

A seguito di un esame preliminare la Commissione ritiene che la concentrazione notificata possa rientrare nel campo d'applicazione del regolamento comunitario sulle concentrazioni. Tuttavia, si riserva la decisione definitiva al riguardo. Si rileva che, ai sensi della comunicazione della Commissione concernente una procedura semplificata per l'esame di determinate concentrazioni a norma del regolamento comunitario sulle concentrazioni (2), il presente caso potrebbe soddisfare le condizioni per l'applicazione della procedura di cui alla comunicazione stessa.

4.

La Commissione invita i terzi interessati a presentare eventuali osservazioni sulla concentrazione proposta.

Le osservazioni devono pervenire alla Commissione entro dieci giorni dalla data di pubblicazione della presente comunicazione. Le osservazioni possono essere trasmesse alla Commissione per fax (+32 22964301), per e-mail all’indirizzo COMP-MERGER-REGISTRY@ec.europa.eu o per posta, indicando il riferimento COMP/M.6442 — Virgin Money/Northern Rock, al seguente indirizzo:

Commissione europea

Direzione generale della Concorrenza

Protocollo Concentrazioni

J-70

1049 Bruxelles/Brussel

BELGIQUE/BELGIË


(1)  GU L 24 del 29.1.2004, pag. 1 («il regolamento comunitario sulle concentrazioni»).

(2)  GU C 56 del 5.3.2005, pag. 32 («la comunicazione sulla procedura semplificata»).