ISSN 1725-2466

doi:10.3000/17252466.C_2011.203.ita

Gazzetta ufficiale

dell'Unione europea

C 203

European flag  

Edizione in lingua italiana

Comunicazioni e informazioni

54o anno
9 luglio 2011


Numero d'informazione

Sommario

pagina

 

II   Comunicazioni

 

COMUNICAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA

 

Commissione europea

2011/C 203/01

Non opposizione ad un'operazione di concentrazione notificata (Caso COMP/M.6236 — Dana/Bosch Rexroth/Dana Rexroth Transmission Services JV) ( 1 )

1

2011/C 203/02

Non opposizione ad un'operazione di concentrazione notificata (Caso COMP/M.6271 — RWE Deutschland/Aesop/Vitronet Holding) ( 1 )

1

2011/C 203/03

Non opposizione ad un'operazione di concentrazione notificata (Caso COMP/M.6226 — Media-Saturn/Redcoon) ( 1 )

2

 

III   Atti preparatori

 

BANCA CENTRALE EUROPEA

 

Banca centrale europea

2011/C 203/04

Parere della Banca centrale europea, del 19 maggio 2011, sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Sistema europeo dei conti nazionali e regionali nell'Unione europea (CON/2011/44)

3

 

IV   Informazioni

 

INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA

 

Commissione europea

2011/C 203/05

Tassi di cambio dell'euro

11

 

INFORMAZIONI PROVENIENTI DAGLI STATI MEMBRI

2011/C 203/06

Pubblicazione presentata a norma dell'articolo 6 della direttiva 2001/24/CE del Parlamento europeo e del Consiglio in materia di risanamento e liquidazione degli enti creditizi

12

2011/C 203/07

Aggiornamento dell'elenco dei valichi di frontiera di cui all'articolo 2, paragrafo 8, del regolamento (CE) n. 562/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, che istituisce un codice comunitario relativo al regime di attraversamento delle frontiere da parte delle persone (codice frontiere Schengen) (GU C 316 del 28.12.2007, pag. 1; GU C 134 del 31.5.2008, pag. 16; GU C 177 del 12.7.2008, pag. 9; GU C 200 del 6.8.2008, pag. 10; GU C 331 del 31.12.2008, pag. 13; GU C 3 dell’8.1.2009, pag. 10; GU C 37 del 14.2.2009, pag. 10; GU C 64 del 19.3.2009, pag. 20; GU C 99 del 30.4.2009, pag. 7; GU C 229 del 23.9.2009, pag. 28; GU C 263 del 5.11.2009, pag. 22; GU C 298 dell’8.12.2009, pag. 17; GU C 74 del 24.3.2010, pag. 13; GU C 326 del 3.12.2010, pag. 17; GU C 355 del 29.12.2010, pag. 34; GU C 22 del 22.1.2011, pag. 22; GU C 37 del 5.2.2011, pag. 12; GU C 149 del 20.5.2011, pag. 8; GU C 190 del 30.6.2011, pag. 17)

14

 

INFORMAZIONI RELATIVE ALLO SPAZIO ECONOMICO EUROPEO

 

Commissione europea

2011/C 203/08

Aggiornamento degli importi di riferimento per l'attraversamento delle frontiere esterne, a norma dell'articolo 5, paragrafo 3, del regolamento (CE) n. 562/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, che istituisce un codice comunitario relativo al regime di attraversamento delle frontiere da parte delle persone (codice frontiere Schengen) (GU C 247 del 13.10.2006, pag. 19; GU C 153 del 6.7.2007, pag. 22; GU C 182 del 4.8.2007, pag. 18; GU C 57 dell’1.3.2008, pag. 18; GU C 134 del 31.5.2008, pag. 19; GU C 37 del 14.2.2009, pag. 8; GU C 35 del 12.2.2010, pag. 7; GU C 304 del 10.11.2010, pag. 5; GU C 24 del 26.1.2011, pag. 6 e GU C 157 del 27.5.2011, pag. 8)

16

 

V   Avvisi

 

PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

 

Consiglio

2011/C 203/09

Invito aperto — Cooperazione europea nei settori della scienza e della tecnica (COST)

17

 

PROCEDIMENTI RELATIVI ALL'ATTUAZIONE DELLA POLITICA DELLA CONCORRENZA

 

Commissione europea

2011/C 203/10

Comunicazione del Ministero dell’ambiente della Repubblica ceca ai sensi dell’articolo 3, paragrafo 2, della direttiva 94/22/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle condizioni di rilascio e di esercizio delle autorizzazioni alla prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi

19

2011/C 203/11

Notifica preventiva di una concentrazione (Caso COMP/M.6232 — Allianz/Banco Popular/Popular Gestión) — Caso ammissibile alla procedura semplificata ( 1 )

20

2011/C 203/12

Notifica preventiva di una concentrazione (Caso COMP/M.6240 — Temasek/E. OPPENHEIMER/Tana JV) — Caso ammissibile alla procedura semplificata ( 1 )

21

2011/C 203/13

Notifica preventiva di una concentrazione (Caso COMP/M.6316 — Aurubis/Luvata Rolled Products) ( 1 )

22

 

Rettifiche

2011/C 203/14

Rettifica dell'autorizzazione degli aiuti di Stato sulla base degli articoli 107 e 108 del TFUE — Casi contro i quali la Commissione non solleva obiezioni (GU C 187 del 28.6.2011)

23

 


 

(1)   Testo rilevante ai fini del SEE

IT

 


II Comunicazioni

COMUNICAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA

Commissione europea

9.7.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 203/1


Non opposizione ad un'operazione di concentrazione notificata

(Caso COMP/M.6236 — Dana/Bosch Rexroth/Dana Rexroth Transmission Services JV)

(Testo rilevante ai fini del SEE)

2011/C 203/01

In data 27 giugno 2011 la Commissione ha deciso di non opporsi alla suddetta operazione di concentrazione notificata e di dichiararla compatibile con il mercato comune. La presente decisione si basa sull'articolo 6, paragrafo 1, lettera b) del regolamento (CE) n. 139/2004 del Consiglio. Il testo integrale della decisione è disponibile unicamente in lingua inglese e verrà reso pubblico dopo che gli eventuali segreti aziendali in esso contenuti saranno stati espunti. Il testo della decisione sarà disponibile:

sul sito Internet della Commissione europea dedicato alla concorrenza, nella sezione relativa alle concentrazioni (http://ec.europa.eu/competition/mergers/cases/). Il sito offre varie modalità per la ricerca delle singole decisioni, tra cui indici per impresa, per numero del caso, per data e per settore,

in formato elettronico sul sito EUR-Lex (http://eur-lex.europa.eu/it/index.htm) con il numero di riferimento 32011M6236. EUR-Lex è il sistema di accesso in rete al diritto comunitario.


9.7.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 203/1


Non opposizione ad un'operazione di concentrazione notificata

(Caso COMP/M.6271 — RWE Deutschland/Aesop/Vitronet Holding)

(Testo rilevante ai fini del SEE)

2011/C 203/02

In data 30 giugno 2011 la Commissione ha deciso di non opporsi alla suddetta operazione di concentrazione notificata e di dichiararla compatibile con il mercato comune. La presente decisione si basa sull'articolo 6, paragrafo 1, lettera b) del regolamento (CE) n. 139/2004 del Consiglio. Il testo integrale della decisione è disponibile unicamente in lingua tedesco e verrà reso pubblico dopo che gli eventuali segreti aziendali in esso contenuti saranno stati espunti. Il testo della decisione sarà disponibile:

sul sito Internet della Commissione europea dedicato alla concorrenza, nella sezione relativa alle concentrazioni (http://ec.europa.eu/competition/mergers/cases/). Il sito offre varie modalità per la ricerca delle singole decisioni, tra cui indici per impresa, per numero del caso, per data e per settore,

in formato elettronico sul sito EUR-Lex (http://eur-lex.europa.eu/it/index.htm) con il numero di riferimento 32011M6271. EUR-Lex è il sistema di accesso in rete al diritto comunitario.


9.7.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 203/2


Non opposizione ad un'operazione di concentrazione notificata

(Caso COMP/M.6226 — Media-Saturn/Redcoon)

(Testo rilevante ai fini del SEE)

2011/C 203/03

In data 23 giugno 2011 la Commissione ha deciso di non opporsi alla suddetta operazione di concentrazione notificata e di dichiararla compatibile con il mercato comune. La presente decisione si basa sull'articolo 6, paragrafo 1, lettera b) del regolamento (CE) n. 139/2004 del Consiglio. Il testo integrale della decisione è disponibile unicamente in lingua tedesco e verrà reso pubblico dopo che gli eventuali segreti aziendali in esso contenuti saranno stati espunti. Il testo della decisione sarà disponibile:

sul sito Internet della Commissione europea dedicato alla concorrenza, nella sezione relativa alle concentrazioni (http://ec.europa.eu/competition/mergers/cases/). Il sito offre varie modalità per la ricerca delle singole decisioni, tra cui indici per impresa, per numero del caso, per data e per settore,

in formato elettronico sul sito EUR-Lex (http://eur-lex.europa.eu/it/index.htm) con il numero di riferimento 32011M6226. EUR-Lex è il sistema di accesso in rete al diritto comunitario.


III Atti preparatori

BANCA CENTRALE EUROPEA

Banca centrale europea

9.7.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 203/3


PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA

del 19 maggio 2011

sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Sistema europeo dei conti nazionali e regionali nell'Unione europea

(CON/2011/44)

2011/C 203/04

Introduzione e base giuridica

Il 3 febbraio 2011, la Banca centrale europea (BCE) ha ricevuto dal Consiglio dell’Unione europea una richiesta di parere in merito a una proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Sistema europeo dei conti nazionali e regionali nell’Unione europea (1) (di seguito la «proposta di regolamento»).

La BCE è competente a formulare un parere in virtù dell’articolo 127, paragrafo 4, e dell’articolo 282, paragrafo 5, del trattato sul funzionamento dell’Unione europea, in quanto la proposta di regolamento ricade nella sfera di competenza della BCE. Conformemente al primo periodo dell’articolo 17.5 del regolamento interno della Banca centrale europea, il Consiglio direttivo ha adottato il presente parere.

Osservazioni di carattere generale

1.

La BCE, in qualità di produttore e utente di statistiche europee, accoglie la proposta di regolamento come un passo importante nella direzione dell’ulteriore miglioramento della qualità delle statistiche europee, in particolare dei conti nazionali, adattandoli ai mutamenti nell’ambiente economico e finanziario e al progresso metodologico. Il Sistema europeo dei conti nazionali e regionali costituisce il nucleo centrale delle statistiche macroeconomiche europee ed è pertanto essenziale ai fini di politica monetaria.

2.

La BCE accoglie con favore anche la voluta coerenza dei concetti e delle definizioni statistici descritti nella proposta di regolamento, tra gli altri, rispetto al Sistema dei conti nazionali (SCN 2008) adottato dalla Commissione statistica delle Nazioni unite, alla sesta edizione del manuale della bilancia dei pagamenti del Fondo monetario internazinoale e della posizione patrimoniale all'estero (BPM6), alla quarta edizione della definizione di riferimento degli investimenti diretti all'estero dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e alla classificazione europea delle attività industriali (NACE Rev. 2). La proposta di regolamento ha inoltre tratto vantaggio dagli strumenti summenzionati in termini di coerenza e metodologie armonizzate.

Osservazioni di carattere specifico

3.

Il trattato ha assegnato sia al Sistema europeo di banche centrali (SEBC), sia al Sistema statistico europeo (SSE), il compito di sviluppare, produrre e diffondere le statistiche europee, ma nell’ambito di quadri giuridici distinti, tali da rispecchiare le rispettive strutture di governance. La proposta di regolamento incide sulle statistiche prodotte da entrambi tali sistemi. Il regolamento (CE) n. 2533/98 del 23 novembre 1998 del Consiglio sulla raccolta di informazioni statistiche da parte della Banca centrale europea (2) attribuisce alla BCE, assistita dalle banche centrali nazionali, la facoltà di raccogliere informazioni statistiche limitatamente agli operatori soggetti agli obblighi di segnalazione e a quanto risulti necessario a consentire lo svolgimento dei compiti del SEBC. Più specificamente, gli operatori soggetti agli obblighi di segnalazione comprendono le persone fisiche e giuridiche che risiedano in uno stato membro e rientrino nel settore delle «società finanziarie», ai sensi della definizione di cui al regolamento (CE) n. 2223/96, del 25 giugno 1996, relativo al Sistema europeo dei conti nazionali e regionali nella Comunità (3), nonché le persone fisiche e giuridiche residenti in uno Stato membro, nella misura in cui detengano posizioni transfrontaliere ovvero abbiano effettuato operazioni transfrontaliere.

4.

Assicurare stretta cooperazione e adeguato coordinamento tra il SEBC e il SEE riduce al minimo l’onere di segnalazione e garantisce la coerenza necessaria alla produzione delle statistiche europee. Tale bisogno di stretta collaborazione è riflesso anche nel protocollo d'intesa sulle statistiche economiche e finanziarie concluso tra la Direzione generale Statistiche della Banca centrale europea e l'Ufficio statistico delle Comunità europee (Eurostat), adottato il 10 marzo 2003 (4).

5.

In considerazione della stretta interrelazione con la preparazione del quadro metodologico della proposta di regolamento, la BCE ha accettato su richiesta di Eurostat di redigere diversi capitoli dell’allegato A strettamente connessi al quadro statistico del SEBC. In particolare, la BCE ha fornito un apporto sostanziale alla definizione di «società finanziarie» in termini di unità istituzionali e sottosettori, facenti parte del capitolo 2, nonché alla descrizione di attività e passività finanziarie e alla loro presentazione nella sequenza dei conti (capitolo 5 e parti dei capitoli 6 e 7). Sono state fornite anche delle bozze in merito al capitolo 17 (assicurazioni sociali, incluse le pensioni) e a parti del capitolo 21 (conti delle amministrazioni pubbliche) e del capitolo 19 (conti europei).

6.

In merito alla definizione del settore istituzionale delle «società finanziarie» e dei relativi sottosettori (allegato A alla proposta di regolamento, capitolo 2), la BCE accoglie con favore il fatto che la definizione del sottosettore delle istituzioni finanziarie monetarie segua la definizione della BCE di cui al paragrafo 2.67 dell’allegato A. Le definizioni dei sottosettori delle «altre società finanziarie» sono coerenti, in larga misura, con l’approccio seguito dalla BCE nei propri atti giuridici. Al fine di ridurre al minimo l’onere di segnalazione e di garantire la coerenza necessaria alla produzione delle statistiche europee, la BCE propone di allineare ulteriormente la definizione proposta di società veicolo finanziarie coinvolte in operazioni di cartolarizzazione con il regolamento BCE/2008/30, del 19 dicembre 2008, riguardante le statistiche sulle attività e passività delle società veicolo finanziarie coinvolte in operazioni di cartolarizzazione (5).

7.

Sulla base di quanto sopra e data l’interdipendenza deli quadri di riferimento statistico del SEBC e del SEE, la proposta di regolamento è fortemente attinente agli obblighi di segnalazione statistica della BCE, tra gli altri, nei settori delle statistiche monetarie, delle istituzioni e dei mercati finanziari, delle statistiche relative alla bilancia dei pagamenti e alla posizione patrimoniale sull’estero, delle statistiche sui conti finanziari trimestrali e sulla finanza pubblica. In linea con la prassi attuale e con la necessità di stretta collaborazione e adeguato coordinamento tra il SEBC e il SEE, in sede di modifica della proposta di regolamento per mezzo dei poteri ad essa delegati, la Commissione dovrebbe assicurare il dovuto coinvolgimento della BCE, preparando progetti di atti delegati ai sensi della proposta di regolamento.

8.

Inoltre, in considerazione dell’importanza degli atti delegati adottati ai sensi dell’articolo 290 del trattato, la BCE fa le seguenti osservazioni in merito all’esercizio del proprio ruolo consultivo ai sensi dell’articolo 127, paragrafo 4, e dell’articolo 282, paragrafo 5, del trattato.

In primo luogo, i progetti di atti delegati si qualificano come «proposte di atti dell’Unione» o «progetti di atti dell’Unione» ai sensi, rispettivamente, del primo trattino dell’articolo 127, paragrafo 4, e dell’articolo 282, paragrafo 5, del trattato (6). Gli atti delegati costituiscono atti giuridici dell’Unione (7). Significativamente, la maggioranza delle versioni linguistiche dell’articolo 282, paragrafo 5, del trattato si riferiscono al «progetto» di atti giuridici dell’Unione su cui la BCE deve essere consultata (8). Pertanto, la portata dell’obbligo di consultare la BCE non può limitarsi solo a quei progetti di atti basati su proposte della Commissione.

In secondo luogo, nella sentenza OLAF (9), la Corte di giustizia ha chiarito che l’obbligo di consultare la BCE mira «essenzialmente ad assicurare che l’autore di tale atto proceda alla sua adozione solo dopo aver consultato l’organismo che, per le attribuzioni specifiche che esercita nel contesto comunitario nell’ambito considerato e per l’elevato grado di competenza di cui gode, è particolarmente in grado di contribuire utilmente al previsto processo di adozione».

In tale contesto, al fine di sfruttare pienamente i benefici dell’esercizio da parte della BCE del suo ruolo consultivo, la BCE dovrebbe essere consultata in tempo utile su tutti i progetti di atti dell’Unione che rientrano nei settori di sua competenza, ivi inclusi i progetti di atti delegati. La BCE eserciterà il suo ruolo consultivo tenendo nella massima considerazione i termini per l’adozione di tali atti.

9.

In virtù dei propri compiti connessi alla politica monetaria, la BCE presta particolare attenzione agli aggregati europei. La BCE attribuisce particolare importanza ai conti trimestrali integrati dell'area dell'euro per settore istituzionale. A tal fine è necessario che una copertura dei dati sufficiente, in termini di contributi nazionali, sia fornita in tempo utile per le decisioni di politica monetaria.

10.

La rilevazione dei dati per i singoli Stati membri è di importanza ancora maggiore in considerazione delle nuove esigenze statistiche a fini di stabilità finanziaria e macroprudenziale, particolarmente in connessione alla recente creazione del Comitato europeo per il rischio sistemico e alla sua responsabilità per la vigilanza macroprudenziale del sistema finanziario dell’Unione. Statistiche sui conti nazionali tempestive e affidabili per i singoli Stati membri sono inoltre necessarie per perseguire gli obiettivi promossi dal Patto per l’euro plus (Euro Plus Pact) e ai fini del Meccanismo europeo di stabilità.

11.

Dal punto di vista della politica monetaria e della stabilità finanziaria, la BCE attribuisce alta priorità a dati trimestrali tempestivi di sufficiente affidabilità, che hanno precedenza rispetto a dati annuali dettagliati, o dati a frequenza inferiore. Inoltre, la compilazione di un sistema completo di tavole per gli anni recenti dovrebbe avere la priorità rispetto a una lunga serie di dati storici dettagliati.

12.

La BCE concorda in generale con il programma di trasmissione (allegato B alla proposta di regolamento). Tuttavia, il programma di trasmissione dovrebbe tenere conto della raccolta di statistiche da parte della BCE, assistita dalle banche centrali nazionali, e dovrebbe rispecchiare le priorità sviluppate tra gli utenti e i compilatori dei dati.

13.

La BCE accoglie con favore il miglioramento della tempestività per le voci trimestrali nn. 1-12, 27 e 28 nella tavola 1 sui Principali aggregati — esercizio trimestrale e annuale a t + 2 mesi. Tuttavia, la BCE non concorda con la proposta di differenziare le segnalazioni tra Stati membri grandi e piccoli, di cui alle note 4 e 7 del «Riepilogo delle tavole» e alla nota 10 della «Tavola 1», e con il relativo peggioramento nella tempestività per gli Stati membri piccoli a t + 80 giorni per i principali aggregati. Al momento, 17 Stati membri sarebbero soggetti alla segnalazione differenziata, e in seguito all’allargamento dell’Unione un numero sempre maggiore di Stati membri ricadrà nell’ambito di tale segnalazione differenziata. Di conseguenza, la qualità degli aggregati europei e delle informazioni statistiche per gli Stati membri piccoli subirà un peggioramento.

14.

Il Consiglio ECOFIN ha approvato, nel settembre 2000, il Piano d'azione sulle esigenze statistiche dell’UEM e ha stabilito che la tempistica di riferimento per i conti trimestrali integrati dell'area dell'euro per settore istituzionale sia t + 90 giorni dopo il trimestre di riferimento, al fine di soddisfare le esigenze di politica monetaria della BCE. Ciò ha comportato la necessità, per l’Eurostat e per la BCE, di rilevare i rispettivi dati nazionali entro t + 82 giorni. Alla luce del calendario delle riunioni del Consiglio direttivo della BCE per il 2015 e il 2016, una riduzione dei tempi a t + 85 dovrebbe essere sufficiente per il periodo dal 2015 al 2016. Di conseguenza, la BCE sostiene l’avanzamento dei termini per la segnalazione per i conti settoriali trimestrali ai sensi del programma di trasmissione del SEC a t + 85 giorni entro il 2014, mantenendo l’obiettivo di t + 82 entro il 2017 per sostenere la compilazione completa dei conti trimestrali integrati dell'area dell'euro entro t + 90 giorni. Ciò è anche in linea con l’iniziativa del G20 in tema di dati incompleti (G-20 data gaps initiative), che identifica i conti per settore come una delle priorità nell’ambito del superamento dell’incompletezza dei dati in risposta alla crisi finanziaria. Nel programma di trasmissione del SEC 2010, ciò incide sulla tavola 801.

15.

La BCE, inoltre, è in favore di un termine di trasmissione coerente per tutti i dati trimestrali e annuali relativi alle amministrazioni pubbliche, il che comporta una sincronizzazione dei dati trimestrali delle amministrazioni pubbliche alla tempistica stabilita per la tavola n. 801, che incide anche sulle tavole n. 27 e n. 28, nonché, similmente, sui termini per la segnalazione di cui alla tavola 2 e sui dati della procedura per i disavanzi eccessivi (PDE). La BCE, pertanto, sostiene l’anticipazione dei termini per la segnalazione dei conti trimestrali delle amministrazioni pubbliche ai sensi del programma per la trasmissione del SEC e dei dati della PDE a t + 85 entro il 2014, con l'obiettivo di raggiungere t + 82 entro il 2017, per sostenere la compilazione completa dei conti trimestrali integrati dell'area dell'euro entro t + 90 giorni.

16.

Nel parere CON/2010/28 del 31 marzo 2010, relativo a una proposta di regolamento del Consiglio che modifica il regolamento (CE) n. 479/2009 del Consiglio per quanto riguarda la qualità dei dati statistici nel contesto della procedura per i disavanzi eccessivi (10), la BCE ha sostenuto anche la necessità di migliorare la trasparenza del processo di segnalazione attraverso l’utilizzo del disavanzo (B.9) dei conti nazionali per la PDE. Escludendo dal disavanzo utilizzato per la PDE i flussi relativi ai contratti di swap e di forward rate agreement, i dati sul disavanzo stesso diverrebbero meno suscettibili di manipolazioni condotte attraverso operazioni finanziarie complesse. In tale contesto, la BCE accoglie con favore il fatto che l’allegato A della proposta di regolamento non contenga più le definizioni di EDP_B.9 e EDP_D.41. Ciò implica tuttavia che tutti i riferimenti a tali due variabili debbano di conseguenza essere eliminati dalla tavola 2 nell’allegato B. Di conseguenza, il regolamento (CE) n. 479/2009 dovrà essere modificato per rispecchiare il fatto che il disavanzo nei conti nazionali (B.9) dovrà essere utilizzato per la PDE, e per rispecchiare la definizione di valore nominale nella proposta di regolamento.

17.

Al fine di soddisfare le esigenze di natura pubblica e politica di misurazione della retribuzione per impiegato e per ora nel settore delle amministrazioni pubbliche, concentrandosi su una migliore comprensione delle dinamiche salariali e dei potenziali effetti di spillover tra il settore pubblico e quello privato, la BCE suggerisce di includere nella tavola 801 per il settore delle amministrazioni pubbliche dati trimestrali relativi al numero di impiegati e di ore lavorate, includendo già nel programma di trasmissione la retribuzione degli impiegati nelle amministrazioni pubbliche.

Quando la BCE raccomanda che le proposte della Commissione siano modificate, proposte redazionali specifiche, accompagnate da una nota esplicativa, sono contenute nell’allegato.

Fatto a Francoforte sul Meno, il 19 maggio 2011.

Il presidente della BCE

Jean-Claude TRICHET


(1)  COM(2010) 774 definitivo.

(2)  GU L 318 del 27.11.1998, pag. 8.

(3)  GU L 310 del 30.11.1996, pag. 1.

(4)  Disponibile presso il sito web della BCE http://www.ecb.europa.eu

(5)  GU L 15 del 20.1.2009, pag. 1.

(6)  Il primo trattino dell’articolo 127, paragrafo 4, del trattato, prevede che la BCE sia consultata «in merito a qualsiasi proposta di atto dell’Unione che rientri nelle sue competenze». L’articolo 282, paragrafo 5, del trattato prevede che: «Nei settori che rientrano nelle sue attribuzioni, la Banca centrale europea è consultata su ogni progetto di atto dell'Unione e su ogni progetto di atto normativo a livello nazionale, e può formulare pareri».

(7)  L’articolo 290 del trattato appartiene alla parte sei, capitolo 2, sezione 1 intitolata «Atti giuridici dell’Unione».

(8)  L’articolo 282, paragrafo 5, del trattato, fa uso del termine progetto di atto dell’Unione nelle seguenti versioni linguistiche: Bulgara («проект на акт на Съюза»); Spagnola («proyecto de acto de la Unión»); Danese («udkast»); Tedesca («Entwürfen für Rechtsakte der Union»); Estone («ettepanekute»); Greca («προτεινόμενη πράξη της Ένωσης»); Francese («projet d'acte de l'Union»); Italiana («progetto di atto dell'Unione»); Lettone («projektiem»); Lituana («Sąjungos aktų projektų»); Olandese («ontwerp van een handeling van de Unie»); Portoghese («projectos de acto da União»); Romena («proiect de act al Uniunii»); Slovacca («navrhovaných aktoch Únie»); Slovena («osnutki aktov Unije»); Finlandese («esityksistä»); Svedese («utkast»). La versione irlandese recita «gniomh Aontais arna bheartu», che corrisponde al concetto di atti dell’Unione «pianificati».

(9)  Causa C-11/00 Commissione delle Comunità europee contro Banca centrale europea [2003] Racc., pag. I-7147, in particolare i paragrafi 110 e 111.

(10)  GU C 103 del 22.4.2010, pag. 1.


ALLEGATO

Proposte redazionali

Testo proposto dalla Commissione

Modifiche proposte dalla BCE (1)

Modifica n. 1

Articolo 2, paragrafo 2

«2.   La Commissione, mediante l'adozione di atti delegati nel rispetto delle disposizioni di cui agli articoli 7, 8 e 9, può apportare modifiche alla metodologia del SEC 2010, destinate a precisarne e a migliorarne il contenuto, a condizione che tali atti non ne cambino i concetti base, che non richiedano risorse supplementari per la loro esecuzione e che non comportino l'aumento delle risorse proprie.»

«2.   La Commissione, mediante l'adozione di atti delegati nel rispetto delle disposizioni di cui agli articoli 7, 8 e 9, può apportare modifiche alla metodologia del SEC 2010, destinate a precisarne e a migliorarne il contenuto, a condizione che tali atti non ne cambino i concetti base, che non richiedano risorse supplementari per la loro esecuzione e che non comportino l'aumento delle risorse proprie. La Commissione prepara i progetti di atti delegati in stretta collaborazione con la Banca centrale europea.»

Nota esplicativa

La base giuridica dell’adozione della proposta di regolamento è l’articolo 338, paragrafo 1, del trattato, il quale chiarisce espressamente che l’adozione di misure ai sensi dell’articolo 338, paragrafo 1, avviene «fatto salvo l’articolo 5 del protocollo dello statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea» (di seguito lo «Statuto del SEBC»). A sua volta, l’articolo 5.3 dello statuto del SEBC sancisce che la BCE «contribuisce all’armonizzazione, ove necessario, delle norme e delle modalità relative alla raccolta, compilazione e distribuzione delle statistiche nelle aree di sua competenza». Nel contesto di tali specifiche disposizioni del trattato, la Commissione, nell’esercizio dei poteri ad essa delegati ai sensi della proposta di regolamento, dovrebbe preparare i progetti di atti delegati in stretta collaborazione con la BCE al fine di garantire, tra l’altro, la coerenza e la qualità dei dati e ridurre al minimo l’onere di segnalazione.

Modifica n. 2

Paragrafo 2.21. dell’allegato A

«2.21.

Una holding meramente proprietaria delle attività di consociate è un esempio di istituzione finanziaria captive. Altre unità ugualmente trattate come istituzioni finanziarie captive sono le unità che presentano le caratteristiche sopra descritte per le società veicolo, compresi i fondi di investimento e i fondi pensione, nonché le unità preposte a detenere e a gestire il patrimonio di singole persone o famiglie, a detenere attività a fini di cartolarizzazione, a emettere titoli di credito per conto di imprese collegate (una siffatta società può essere denominata “conduit”), servire da veicolo per operazioni di cartolarizzazione e svolgere altre funzioni finanziarie.»

«2.21.

Una holding meramente proprietaria delle attività di consociate è un esempio di istituzione finanziaria captive. Altre unità ugualmente trattate come istituzioni finanziarie captive sono le unità che presentano le caratteristiche sopra descritte per le società veicolo, compresi i fondi di investimento e i fondi pensione, nonché le unità preposte a detenere e a gestire il patrimonio di singole persone o famiglie, , a emettere titoli di credito per conto di imprese collegate (una siffatta società può essere denominata “conduit”), e svolgere altre funzioni finanziarie.»

Nota esplicativa

Le società veicolo finanziarie preposte a operazioni di cartolarizzazione di qualsiasi tipo non possono essere trattate alla stregua di istituzioni finanziarie captive — in particolare non sono consolidate con l’originator, a prescindere dal criterio di «indipendenza». Sono classificate come altri intermediari finanziari (S.125). Si veda l’articolo 1 del regolamento BCE/2008/30, del 19 dicembre 2008, riguardante le statistiche sulle attività e passività delle società veicolo finanziarie preposte a operazioni di cartolarizzazione  (2).

Modifica n. 3

Paragrafo 2.75. dell’allegato A

«2.75.

Definizione: il sottosettore degli istituti di deposito, escluse le autorità bancarie centrali, (S.122) è costituito da tutte le società e quasi-società finanziarie che svolgono principalmente la funzione di intermédiazione finanziaria, tranne quelle classificate nei sottosettori delle autorità bancarie centrali e dei fondi comuni monetari, la cui attività consiste nell'accettare depositi da unità istituzionali e nelconcedere crediti e/o effettuare investimenti mobiliari per proprio conto.»

«2.75.

Definizione: il sottosettore degli istituti di deposito, escluse le autorità bancarie centrali, (S.122) è costituito da tutte le società e quasi-società finanziarie che svolgono principalmente la funzione di intermediazione finanziaria, tranne quelle classificate nei sottosettori delle autorità bancarie centrali e dei fondi comuni monetari, la cui attività consiste nell'accettare depositi e/o strumenti ad essi strettamente assimilabili da unità istituzionali diverse dalle IFM e nel concedere crediti e/o effettuare investimenti mobiliari per proprio conto.»

Nota esplicativa

È necessario allineare il testo rispetto alla definizione di «altre IFM» di cui all’articolo 1 del regolamento BCE/2008/32, del 19 dicembre 2008, relativo al bilancio del settore delle istituzioni finanziarie monetarie (rifusione)  (3). Una formulazione simile è inclusa anche nel SCN 2008.

Modifica n. 4

Paragrafo 2.90. dell’allegato A

«2.90.

Definizione: — Le società veicolo finanziarie preposte a operazioni di cartolarizzazione sono società che effettuano operazioni di cartolarizzazione. Se rispondono ai criteri per la classificazione come unità istituzionali sono classificate nel sottosettore S.125, altrimenti sono considerate parte integrante della società madre.»

«2.90.

Definizione: — Le società veicolo finanziarie preposte a operazioni di cartolarizzazione sono società che effettuano operazioni di cartolarizzazione. »

Nota esplicativa

Le società veicolo finanziarie dovrebbero essere trattate come unità istituzionali separate, indipendentemente da criteri quale quello del «grado di autonomia rispetto alla società madre» (si veda il punto 2.22). Si veda l’articolo 1 del Regolamento BCE/2008/30.

Modifica n. 5

Paragrafo 5.108. dell’allegato A

«5.108.

È importante stabilire se … come istituzioni finanziarie captive.»

Nota esplicativa

È opportuno eliminare tale paragrafo, poiché non è coerente con le definizioni e i criteri applicabili ai veicoli per la cartolarizzazione. La sua applicazione potrebbe portare al consolidamento dei veicoli residenti con le unità «madri», dato che i veicoli per la cartolarizzazione tipicamente non soddisfano i criteri proposti di sopportare il rischio di credito e di mercato (si veda anche la modifica n. 4).

Modifica n. 6

Paragrafo 5.111. dell’allegato A

«5.111.

Le obbligazioni garantite (covered bond) sono titoli emessi da una società finanziaria o pienamente garantiti da una società finanziaria. In caso di insolvenza della società finanziaria emittente o di garanzia, i detentori dei titoli vantano una prelazione sul pool di copertura, in aggiunta ai loro diritti ordinari nei confronti della società finanziaria.»

«5.111.

Le obbligazioni garantite (covered bond) sono titoli emessi da una società finanziaria o pienamente garantiti da una società finanziaria. In caso di insolvenza della società finanziaria emittente o di garanzia, i detentori dei titoli vantano una prelazione sul pool di copertura, in aggiunta ai loro diritti ordinari nei confronti della società finanziaria. Le obbligazioni garantite differiscono dai titoli garantiti da attività emessi nell’ambito di un’operazione di cartolarizzazione per il fatto che l’emittente/il proprietario delle attività assume un obbligo incondizionato di ripagare il capitale e gli interessi a prescindere dal rendimento delle attività. Le attività fungono semplicemente da garanzia costituita a favore dei detentori delle obbligazioni per l'eventualità che tali obbligazioni non siano adempiute.»

Nota esplicativa

In assenza di una spiegazione della differenza tra obbligazioni garantite e titoli garantiti da attività, non è chiaro perché la sezione relativa alla cartolarizzazione faccia riferimento alle obbligazioni garantite. In alternativa, potrebbe eliminarsi qualsiasi riferimento alle obbligazioni garantite, dal momento che non sono collegate alla cartolarizzazione.

Modifica n. 7

Programma di trasmissione dei dati dei conti nazionali

Riepilogo delle tavole (allegato B)

Terza colonna «Termine di trasmissione t+mesi (o giorni se così specificato)» delle tavole n. 2, 801, 27, 28, e nuova nota

2/Principali aggregati delle amministrazioni pubbliche — tavola annuale/3/9

2/Principali aggregati delle amministrazioni pubbliche — tavola annuale/85 giorni  (4)/85 giorni nel terzo trimestre

801/Conti non finanziari per settore — tavola trimestrale/85 giorni

801/Conti non finanziari per settore — tavola trimestrale/85 giorni (4)

27/Conti finanziari delle amministrazioni pubbliche — tavola trimestrale/85 giorni

27/Conti finanziari delle amministrazioni pubbliche — tavola trimestrale/85 giorni (4)

28/Debito delle amministrazioni pubbliche — tavola trimestrale/3

28/Debito delle amministrazioni pubbliche — tavola trimestrale/85 giorni  (4)

Nota esplicativa

L’ECOFIN ha approvato, nel settembre 2000, il Piano d'azione sulle esigenze statistiche dell’UEM e ha stabilito che la tempistica di riferimento per i conti trimestrali integrati dell'area dell'euro per settore istituzionale sia t+90 giorni dopo il trimestre di riferimento, al fine di soddisfare le esigenze di politica monetaria della BCE. Ciò ha comportato la necessità, per l’Eurostat e per la BCE, di rilevare i rispettivi dati nazionali entro t+82 giorni. In virtù del calendario delle riunioni del Consiglio direttivo della BCE per il 2015 e il 2016, una riduzione dei tempi a t+85 sarebbe sufficiente per il periodo dal 2015 al 2016. Di conseguenza, la BCE sostiene l’anticipazione dei termini per la segnalazione per i conti trimestrali per settore ai sensi del programma di trasmissione del SEC a t+85 giorni entro il 2014, mantenendo l’obiettivo di t+82 entro il 2017 per sostenere la compilazione completa dei conti trimestrali integrati dell'area dell'euro entro t+90 giorni.

La BCE, inoltre, è in favore di un termine di trasmissione coerente per tutti i dati trimestrali e annuali relativi alle amministrazioni pubbliche, il che comporta una sincronizzazione dei dati trimestrali delle amministrazioni pubbliche alle tempistiche di riferimento stabilite per la tavola n. 801, che incidono anche sulle tavole n. 27 e n. 28, nonché, similmente, sui termini per la segnalazione di cui alla tavola 2 e ai dati della procedura per i disavanzi eccessivi (PDE). La BCE, pertanto, sostiene l’anticipazione dei termini per la segnalazione dei conti trimestrali delle amministrazioni pubbliche ai sensi del programma per la trasmissione del SEC, e dei dati della PDE, a t+85 entro il 2014, con l'obiettivo di raggiungere t+82 entro il 2017, per sostenere la compilazione completa dei conti trimestrali integrati dell'area dell'euro entro t+90 giorni.

Modifica n. 8

Fine della tavola 2 dell’allegato B — Principali aggregati delle amministrazioni pubbliche

EDP_D.41

Interessi inclusi i flussi inerenti a swap e forward rate agreement (1) (4)

S.13, S.1311, S.1312, S.1313, S.1314

EDP_B.9

Accreditamento (+)/indebitamento (–) nel quadro della procedura per i disavanzi eccessivi (4)

S.13, S.1311, S.1312, S.1313, S.1314

D.41

Interessi

S.13, S.1311, S.1312, S.1313, S.1314

B.9

Accreditamento (+)/indebitamento (–)

S.13, S.1311, S.1312, S.1313, S.1314

Nota esplicativa

L’allegato A della proposta di regolamento non definisce più EDP_D.41 e EDP_B.9. Ne consegue l’opportunità di eliminare tutti i riferimenti a tali due variabili dalla tavola n. 2 nell’allegato B. Ciò vale anche per la nota 4 della tavola 2.

Modifica n. 9

Fine della colonna S.13 nella tavola 801 — Conti non finanziari per settore — tavola trimestrale

OTE Totale della spesa delle amministrazioni pubbliche/x

OTE Totale della spesa delle amministrazioni pubbliche/x

OTR Totale delle entrate delle amministrazioni pubbliche/x

OTR Totale delle entrate delle amministrazioni pubbliche/x

 

EMH Ore lavorate/x

 

EMP Persone impiegate/x

Nota esplicativa

Al fine di soddisfare le esigenze di natura pubblica e politica di misurazione della retribuzione per impiegato e per ora nel settore delle amministrazioni pubbliche, è opportuno aggiungere al programma di trasmissione (tavola 801) dati relativi al numero di impiegati e alle ore lavorate per il settore delle amministrazioni pubbliche, su base trimestrale.


(1)  Il grassetto nel corpo del testo indica le parti di testo che la BCE propone di aggiungere. Il carattere barrato nel corpo del testo indica le parti di testo che la BCE propone di eliminare.

(2)  GU L 15 del 20.1.2009, pag. 1.

(3)  GU L 15 del 20.1.2009, pag. 14.

(4)  82 giorni a partire dal 2017.


IV Informazioni

INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA

Commissione europea

9.7.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 203/11


Tassi di cambio dell'euro (1)

8 luglio 2011

2011/C 203/05

1 euro =


 

Moneta

Tasso di cambio

USD

dollari USA

1,4242

JPY

yen giapponesi

115,98

DKK

corone danesi

7,4587

GBP

sterline inglesi

0,89320

SEK

corone svedesi

9,0838

CHF

franchi svizzeri

1,2102

ISK

corone islandesi

 

NOK

corone norvegesi

7,7450

BGN

lev bulgari

1,9558

CZK

corone ceche

24,224

HUF

fiorini ungheresi

263,08

LTL

litas lituani

3,4528

LVL

lats lettoni

0,7091

PLN

zloty polacchi

3,9401

RON

leu rumeni

4,2010

TRY

lire turche

2,3124

AUD

dollari australiani

1,3231

CAD

dollari canadesi

1,3645

HKD

dollari di Hong Kong

11,0824

NZD

dollari neozelandesi

1,7111

SGD

dollari di Singapore

1,7364

KRW

won sudcoreani

1 505,56

ZAR

rand sudafricani

9,5102

CNY

renminbi Yuan cinese

9,2072

HRK

kuna croata

7,3910

IDR

rupia indonesiana

12 133,26

MYR

ringgit malese

4,2565

PHP

peso filippino

60,892

RUB

rublo russo

39,8226

THB

baht thailandese

43,025

BRL

real brasiliano

2,2214

MXN

peso messicano

16,4491

INR

rupia indiana

63,2270


(1)  Fonte: tassi di cambio di riferimento pubblicati dalla Banca centrale europea.


INFORMAZIONI PROVENIENTI DAGLI STATI MEMBRI

9.7.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 203/12


Pubblicazione presentata a norma dell'articolo 6 della direttiva 2001/24/CE del Parlamento europeo e del Consiglio in materia di risanamento e liquidazione degli enti creditizi

2011/C 203/06

ORDINANZE RIGUARDANTI ANGLO IRISH BANK CORPORATION LIMITED E IRISH NATIONWIDE BUILDING SOCIETY AI SENSI DELL'ARTICOLO 50 DEL CREDIT INSTITUTIONS (STABILISATION) ACT 2010

Il 7 aprile 2011 il ministro delle finanze irlandese (nel seguito «il ministro») ha emanato, ai sensi dell'articolo 50 del Credit Institutions (Stabilisation) Act 2010, ordinanze riguardanti Anglo Irish Bank Corporation Limited (nel seguito «Anglo») e Irish Nationwide Building Society (nel seguito «INBS»):

1.

disponendo che Anglo:

1.1.

attui in tutti i punti essenziali il piano graduale di alto livello per la chiusura di talune agenzie nel Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord e di talune filiali a Vienna, Düsseldorf e Jersey;

1.2.

attui in tutti i punti essenziali il piano graduale di alto livello per la cessione dell'attività di gestione dei patrimoni;

1.3.

attui in tutti i punti essenziali il piano graduale di alto livello per l'acquisizione di INBS e/o la fusione con essa; e

1.4.

rediga insieme a INBS e alla NTMA e, previa approvazione della NTMA, attui in tutti i punti essenziali un piano graduale di alto livello per la ristrutturazione e il risanamento di Anglo e INBS basato sul Joint EC Restructuring and Work Out Plan for Anglo and INBS presentato alla Commissione europea il 31 gennaio 2011 (fatte salve eventuali variazioni apportate a tale piano su istruzione della Commissione europea e da essa approvate); e

2.

disponendo che INBS:

2.1.

attui in tutti i punti essenziali il piano graduale di alto livello per l'acquisizione di INBS da parte di Anglo e/o la fusione con Anglo; e

2.2.

rediga insieme a Anglo e alla NTMA e, previa approvazione della NTMA, attui in tutti i punti essenziali un piano graduale di alto livello basato sul Joint EC Restructuring and Work Out Plan for Anglo and INBS presentato alla Commissione europea il 31 gennaio 2011 (fatte salve eventuali variazioni apportate a tale piano su istruzione della Commissione europea e da essa approvate),

(nel seguito «le disposizioni»);

3.

dichiarando che l'imposizione delle disposizioni è una misura di risanamento ai sensi della direttiva 2001/24/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4 aprile 2001, e degli atti di attuazione della predetta direttiva [European Communities (Reorganisation and Winding-Up of Credit Institutions) Regulations 2011] e che di conseguenza le disposizioni dovrebbero avere pieno effetto conformemente alla direttiva 2001/24/CE, ai Regulations 2011 e al Credit Institutions (Stabilisation) Act 2010, in particolare ma non solo al suo articolo 61; e

4.

dichiarando che le disposizioni entrano in vigore immediatamente.

Conformemente all'articolo 63 del Credit Institutions (Stabilisation) Act 2010, qualsiasi persona interessata dalle ordinanze di disposizioni può chiedere alla High Court of Ireland, Four Courts, Inns Quay, Dublin 7, Ireland, l'autorizzazione ad ottenere il controllo della legittimità di una decisione adottata a titolo del Credit Institutions (Stabilisation) Act 2010 e riguardante le ordinanze di disposizioni entro 14 giorni da quando la decisione le viene notificata o ne viene a conoscenza in altro modo.


9.7.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 203/14


Aggiornamento dell'elenco dei valichi di frontiera di cui all'articolo 2, paragrafo 8, del regolamento (CE) n. 562/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, che istituisce un codice comunitario relativo al regime di attraversamento delle frontiere da parte delle persone (codice frontiere Schengen) (GU C 316 del 28.12.2007, pag. 1; GU C 134 del 31.5.2008, pag. 16; GU C 177 del 12.7.2008, pag. 9; GU C 200 del 6.8.2008, pag. 10; GU C 331 del 31.12.2008, pag. 13; GU C 3 dell’8.1.2009, pag. 10; GU C 37 del 14.2.2009, pag. 10; GU C 64 del 19.3.2009, pag. 20; GU C 99 del 30.4.2009, pag. 7; GU C 229 del 23.9.2009, pag. 28; GU C 263 del 5.11.2009, pag. 22; GU C 298 dell’8.12.2009, pag. 17; GU C 74 del 24.3.2010, pag. 13; GU C 326 del 3.12.2010, pag. 17; GU C 355 del 29.12.2010, pag. 34; GU C 22 del 22.1.2011, pag. 22; GU C 37 del 5.2.2011, pag. 12; GU C 149 del 20.5.2011, pag. 8; GU C 190 del 30.6.2011, pag. 17)

2011/C 203/07

La pubblicazione dell'elenco dei valichi di frontiera di cui all'articolo 2, paragrafo 8, del regolamento (CE) n. 562/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 marzo 2006, che istituisce un codice comunitario relativo al regime di attraversamento delle frontiere da parte delle persone (codice frontiere Schengen), si basa sulle informazioni comunicate dagli Stati membri alla Commissione a norma dell'articolo 34 del codice frontiere Schengen.

Oltre alle pubblicazioni nella Gazzetta ufficiale, sul sito web della direzione generale degli Affari interni è possibile consultare un aggiornamento periodico.

SPAGNA

Modifica l'elenco pubblicato nella GU C 316 del 28.12.2007

La sezione «Frontiere aeree» è sostituita dalla seguente:

1)

Albacete;

2)

Alicante;

3)

Almería;

4)

Asturias;

5)

Barcelona;

6)

Bilbao;

7)

Castellón;

8)

Ciudad Real;

9)

Fuerteventura;

10)

Gerona;

11)

Gran Canaria;

12)

Granada;

13)

Huesca-Pirineos;

14)

Ibiza;

15)

Jerez de la Frontera;

16)

La Coruña;

17)

La Palma;

18)

Lanzarote;

19)

León;

20)

Madrid-Barajas;

21)

Málaga;

22)

Matacán (Salamanca);

23)

Menorca;

24)

Murcia;

25)

Palma de Mallorca;

26)

Pamplona;

27)

Reus;

28)

Santander;

29)

Santiago;

30)

Sevilla;

31)

Tenerife North;

32)

Tenerife South;

33)

Valencia;

34)

Valladolid;

35)

Vigo;

36)

Vitoria;

37)

Zaragoza.


INFORMAZIONI RELATIVE ALLO SPAZIO ECONOMICO EUROPEO

Commissione europea

9.7.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 203/16


Aggiornamento degli importi di riferimento per l'attraversamento delle frontiere esterne, a norma dell'articolo 5, paragrafo 3, del regolamento (CE) n. 562/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, che istituisce un codice comunitario relativo al regime di attraversamento delle frontiere da parte delle persone (codice frontiere Schengen) (GU C 247 del 13.10.2006, pag. 19; GU C 153 del 6.7.2007, pag. 22; GU C 182 del 4.8.2007, pag. 18; GU C 57 dell’1.3.2008, pag. 18; GU C 134 del 31.5.2008, pag. 19; GU C 37 del 14.2.2009, pag. 8; GU C 35 del 12.2.2010, pag. 7; GU C 304 del 10.11.2010, pag. 5; GU C 24 del 26.1.2011, pag. 6 e GU C 157 del 27.5.2011, pag. 8)

2011/C 203/08

La pubblicazione degli importi di riferimento per l'attraversamento delle frontiere esterne, a norma dell'articolo 5, paragrafo 3, del regolamento (CE) n. 562/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 marzo 2006, che istituisce un codice comunitario relativo al regime di attraversamento delle frontiere da parte delle persone (codice frontiere Schengen), si basa sulle informazioni comunicate dagli Stati membri alla Commissione a norma dell'articolo 34 del codice frontiere Schengen.

Oltre alle pubblicazioni sulla Gazzetta ufficiale, sul sito web della direzione generale degli Affari interni è possibile consultare un aggiornamento mensile.

NORVEGIA

In sostituzione dell'elenco pubblicato sulla GU C 247 del 13.10.2006

Ai sensi dell'articolo 17, lettera f), della legge norvegese sull'immigrazione, ogni cittadino straniero che non sia in grado di dimostrare che dispone di mezzi sufficienti per il soggiorno nel Regno di Norvegia e per il viaggio di ritorno, o che può contare su tali mezzi, può essere respinto alla frontiera.

Gli importi ritenuti necessari sono determinati a titolo individuale e le decisioni sono adottate caso per caso. Si tiene conto della durata del soggiorno, del fatto che il cittadino straniero sarà alloggiato presso la sua famiglia o da conoscenti, che dispone di un titolo di trasporto per il viaggio di ritorno e che è stata fornita una garanzia per il suo soggiorno (a titolo indicativo, è ritenuto sufficiente un importo di 500 NOK al giorno per i visitatori che non soggiornano presso la famiglia o conoscenti).


V Avvisi

PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

Consiglio

9.7.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 203/17


INVITO APERTO

Cooperazione europea nei settori della scienza e della tecnica (COST)

2011/C 203/09

La COST riunisce ricercatori ed esperti in vari paesi che lavorano su materie specifiche. La COST NON finanzia la ricerca in quanto tale, ma sostiene attività di collegamento in rete quali riunioni, conferenze, scambi scientifici a breve termine e azioni a largo raggio. Attualmente ricevono sostegno più di 250 reti scientifiche (azioni).

La COST invita a presentare proposte per azioni che contribuiscano allo sviluppo scientifico, tecnologico, economico, culturale e societale dell'Europa. Le proposte che svolgono un ruolo di precursore per altri programmi europei e/o che implicano le idee di ricercatori nella fase iniziale di ricerca sono particolarmente gradite.

Lo sviluppo di legami più forti tra ricercatori europei è essenziale per la creazione dello Spazio europeo della ricerca (SER). La COST incentiva in Europa reti di ricerca nuove, innovative, interdisciplinari e di ampio respiro. Le attività COST sono svolte da gruppi di ricerca allo scopo di rafforzare le fondamenta per creare l'eccellenza scientifica in Europa.

La COST è strutturata in nove vasti settori (biomedicina e scienze biologiche molecolari; chimica e scienze e tecnologie molecolari; scienza del sistema terrestre e gestione dell'ambiente; prodotti alimentari e agricoltura; foreste e relativi prodotti e servizi; persone, società, culture e salute; tecnologie dell'informazione e della comunicazione; materiali, fisica e nanoscienze; trasporti e sviluppo urbano). Il campo di applicazione previsto per ciascun settore è illustrato sul sito http://www.cost.eu

I candidati sono invitati a collocare il loro tema all'interno di un settore. Tuttavia, le proposte interdisciplinari che non corrispondono chiaramente ad un unico settore sono particolarmente gradite e saranno valutate separatamente.

Le proposte dovrebbero includere ricercatori provenienti da almeno cinque paesi della COST. È possibile prevedere la concessione di un sostegno finanziario di circa 100 000 EUR all'anno per un periodo di regola di 4 anni, in funzione del bilancio disponibile.

Le proposte saranno valutate in due fasi. Le proposte preliminari (al massimo 1 500 parole/3 pagine), presentate utilizzando il modello elettronico disponibile all'indirizzo http://www.cost.eu/opencall dovrebbero fornire una sintesi della proposta e dell'impatto previsto. Le proposte non conformi ai criteri di ammissibilità della COST (per es. contenenti richieste di finanziamenti per la ricerca) saranno escluse. Le proposte ammissibili saranno valutate dai pertinenti comitati di settore conformemente ai criteri pubblicati sul sito (http://www.cost.eu). I candidati che hanno presentato proposte preliminari selezionate saranno invitati a presentare una proposta completa. Le proposte complete saranno oggetto di una valutazione reciproca effettuata in base ai criteri che figurano all'indirizzo (http://www.cost.eu/opencall). La decisione sarà di norma presa entro sei mesi dalla data limite di presentazione e le azioni dovrebbero iniziare entro il termine successivo di tre mesi.

La data limite di presentazione delle proposte preliminari è il 30 settembre 2011, ore 17:00 (ora di Bruxelles). Saranno ammesse 80 proposte complete al massimo, per la selezione finale di circa 30 nuove azioni, in funzione del bilancio disponibile. Le proposte complete saranno richieste entro il 25 novembre 2011 per essere presentate entro il 27 gennaio 2012; le decisioni sono attese per giugno 2012. La data prevista per la presentazione successiva è il 30 marzo 2012.

I candidati possono contattare il rispettivo coordinatore nazionale COST per ottenere informazioni e orientamenti — si veda http://www.cost.eu/cnc

Le proposte devono essere inviate elettronicamente al sito web dell'ufficio COST.

La COST riceve un sostegno finanziario per le sue attività di coordinamento dal programma quadro RST dell'UE. L'ufficio COST, istituito dalla Fondazione europea della scienza (FES) che agisce in qualità di agente operativo per la COST, fornisce e gestisce il segretariato amministrativo, scientifico e tecnico, per la COST, i settori e le azioni COST.


PROCEDIMENTI RELATIVI ALL'ATTUAZIONE DELLA POLITICA DELLA CONCORRENZA

Commissione europea

9.7.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 203/19


Comunicazione del Ministero dell’ambiente della Repubblica ceca ai sensi dell’articolo 3, paragrafo 2, della direttiva 94/22/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle condizioni di rilascio e di esercizio delle autorizzazioni alla prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi

2011/C 203/10

Il Ministero dell’ambiente della Repubblica ceca si pregia comunicare di aver ricevuto una domanda di istituzione di un’area di prospezione e ricerca di idrocarburi nella parte sudorientale della Repubblica ceca (Trutnovsko), come indicato sulla mappa di cui all’allegato 1.

Con riferimento alla direttiva menzionata nel titolo e all’articolo 11 della legge n. 44/1988 sulla protezione e lo sfruttamento delle risorse minerarie («Legge sulle miniere»), e successive modifiche, e all’articolo 4, lettera d), della legge n. 62/1988 del Consiglio nazionale ceco relativa alle attività geologiche, e successive modifiche, il Ministero dell’ambiente invita le persone fisiche e giuridiche in possesso di un’autorizzazione a effettuare attività estrattive (entità aggiudicatrici) a presentare candidature in concorrenza al fine di istituire un’area di prospezione e ricerca di idrocarburi nella parte sudorientale della Repubblica ceca (Trutnovsko).

L’autorità competente per la concessione dell’autorizzazione è il Ministero dell’ambiente della Repubblica ceca. I criteri, le condizioni e i requisiti di cui all’articolo 5, paragrafi 1 e 2, e all’articolo 6, paragrafo 2, della direttiva summenzionata sono recepiti integralmente nella legislazione ceca, specificamente nella legge n. 62/1988 del Consiglio nazionale ceco relativa alle attività geologiche, e successive modifiche.

Il termine per la presentazione delle candidature è di 13 settimane dalla pubblicazione del presente invito nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea. Le candidature devono essere inviate al seguente indirizzo:

Martin Holý

Direttore del dipartimento per la protezione delle risorse minerali e dei suoli

Ministero dell’ambiente della Repubblica ceca

Vršovická 65

100 10 Praha 10

ČESKÁ REPUBLIKA

Le domande presentate successivamente a tale data non saranno prese in considerazione. La decisione in merito alle candidature sarà presa entro 12 mesi dalla scadenza del termine di cui sopra.

Per ulteriori informazioni si prega di contattare Jaroslav Česnek (tel. +420 267122652).


9.7.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 203/20


Notifica preventiva di una concentrazione

(Caso COMP/M.6232 — Allianz/Banco Popular/Popular Gestión)

Caso ammissibile alla procedura semplificata

(Testo rilevante ai fini del SEE)

2011/C 203/11

1.

In data 1o luglio 2011 è pervenuta alla Commissione la notifica di un progetto di concentrazione in conformità dell’articolo 4 del regolamento (CE) n. 139/2004 del Consiglio (1). Con tale operazione le imprese Allianz SE («Allianz», Germania) e Banco Popular Español SA («BPE», Spagna) acquisiscono, ai sensi dell’articolo 3, paragrafo 1, lettera b), del regolamento comunitario sulle concentrazioni, il controllo comune dell’impresa Popular Gestión, SGIIC, SA («PG», Spagna) mediante acquisto di quote.

2.

Le attività svolte dalle imprese interessate sono le seguenti:

Allianz: fornitura di servizi assicurativi e finanziari a livello internazionale,

BPE: servizi di banca commerciale, factoring, gestione attivi, gestione fondi pensione, gestione titoli, leasing e servizi assicurativi,

PG: servizi di gestione di attivi.

3.

A seguito di un esame preliminare la Commissione ritiene che la concentrazione notificata possa rientrare nel campo d'applicazione del regolamento comunitario sulle concentrazioni. Tuttavia, si riserva la decisione definitiva al riguardo. Si rileva che, ai sensi della comunicazione della Commissione concernente una procedura semplificata per l'esame di determinate concentrazioni a norma del regolamento comunitario sulle concentrazioni (2), il presente caso potrebbe soddisfare le condizioni per l'applicazione della procedura di cui alla comunicazione stessa.

4.

La Commissione invita i terzi interessati a presentare eventuali osservazioni sulla concentrazione proposta.

Le osservazioni devono pervenire alla Commissione entro dieci giorni dalla data di pubblicazione della presente comunicazione. Le osservazioni possono essere trasmesse alla Commissione per fax (+32 22964301), per e-mail all’indirizzo COMP-MERGER-REGISTRY@ec.europa.eu o per posta, indicando il riferimento COMP/M.6232 — Allianz/Banco Popular/Popular Gestión, al seguente indirizzo:

Commissione europea

Direzione generale della Concorrenza

Protocollo Concentrazioni

J-70

1049 Bruxelles/Brussel

BELGIQUE/BELGIË


(1)  GU L 24 del 29.1.2004, pag. 1 («il regolamento comunitario sulle concentrazioni»).

(2)  GU C 56 del 5.3.2005, pag. 32 («la comunicazione sulla procedura semplificata»).


9.7.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 203/21


Notifica preventiva di una concentrazione

(Caso COMP/M.6240 — Temasek/E. OPPENHEIMER/Tana JV)

Caso ammissibile alla procedura semplificata

(Testo rilevante ai fini del SEE)

2011/C 203/12

1.

In data 29 giugno 2011 è pervenuta alla Commissione la notifica di un progetto di concentrazione in conformità dell'articolo 4 del regolamento (CE) n. 139/2004 del Consiglio (1). Con tale operazione le imprese Temasek Holdings (Private) Limited («Temasek», Singapore) e E. OPPENHEIMER & Son International Ltd («E. OPPENHEIMER», Isole Vergini britanniche) acquisiscono, ai sensi dell'articolo 3, paragrafo 1, lettera b), del regolamento comunitario sulle concentrazioni, il controllo comune di due imprese, Tana Africa Capital Limited e Tana Africa Investment Managers Limited (denominate collettivamente Tana), mediante acquisto di quote in una società di nuova costituzione che si configura come impresa comune.

2.

Le attività svolte dalle imprese interessate sono le seguenti:

Temasek: holding di investimento il cui portafoglio comprende un'ampia gamma di settori: servizi finanziari; telecomunicazioni, media e tecnologia; trasporti e industria; scienze della vita, consumatori e beni immobili; energia e risorse,

E. OPPENHEIMER: strumento d'investimento familiare il cui attivo principale è una partecipazione sostanziale in De Beers, oltre ad altri interessi sotto forma di investimenti,

Tana: nuova impresa comune che investirà in imprese private e pubbliche del settore in rapida evoluzione dei beni di consumo in Africa. Attualmente Tana non ha alcuna attività.

3.

A seguito di un esame preliminare la Commissione ritiene che la concentrazione notificata possa rientrare nel campo d'applicazione del regolamento comunitario sulle concentrazioni. Tuttavia, si riserva la decisione definitiva al riguardo. Si rileva che, ai sensi della comunicazione della Commissione concernente una procedura semplificata per l'esame di determinate concentrazioni a norma del regolamento comunitario sulle concentrazioni (2), il presente caso potrebbe soddisfare le condizioni per l'applicazione della procedura di cui alla comunicazione stessa.

4.

La Commissione invita i terzi interessati a presentare eventuali osservazioni sulla concentrazione proposta.

Le osservazioni devono pervenire alla Commissione entro dieci giorni dalla data di pubblicazione della presente comunicazione. Le osservazioni possono essere trasmesse alla Commissione per fax (+32 22964301), per e-mail all’indirizzo COMP-MERGER-REGISTRY@ec.europa.eu o per posta, indicando il riferimento COMP/M.6240 — Temasek/E. OPPENHEIMER/Tana JV, al seguente indirizzo:

Commissione europea

Direzione generale della Concorrenza

Protocollo Concentrazioni

J-70

1049 Bruxelles/Brussel

BELGIQUE/BELGIË


(1)  GU L 24 del 29.1.2004, pag. 1 («il regolamento comunitario sulle concentrazioni»).

(2)  GU C 56 del 5.3.2005, pag. 32 («la comunicazione sulla procedura semplificata»).


9.7.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 203/22


Notifica preventiva di una concentrazione

(Caso COMP/M.6316 — Aurubis/Luvata Rolled Products)

(Testo rilevante ai fini del SEE)

2011/C 203/13

1.

In data 1o luglio 2011 è pervenuta alla Commissione la notifica di un progetto di concentrazione in conformità dell’articolo 4 del regolamento (CE) n. 139/2004 del Consiglio (1). Con tale operazione l’impresa Aurubis AG (Aurubis, «Germania») acquisisce, ai sensi dell’articolo 3, paragrafo 1, lettera b), del regolamento comunitario sulle concentrazioni, il controllo di determinati soggetti giuridici e di attivi, attualmente di proprietà delle controllate di Luvata Oy («Luvata», Finlandia) e che costituiscono la divisione prodotti laminati (Rolled Products Division, «LRP») di Luvata, mediante acquisto di quote e attivi.

2.

Le attività svolte dalle imprese interessate sono le seguenti:

Aurubis: uno dei principali produttori di rame in Europa. La sua attività principale è la produzione di catodi di rame commercializzabili da concentrati di rame, rottami di rame e materie prime riciclate. Vengono trasformati in vergella, forme e prodotti laminati,

Luvata: fornisce metalli e offre soluzioni, servizi, componenti e materiali per il settore manifatturiero e della costruzione. L’oggetto dell’operazione proposta (LRP) è una delle quattro divisioni di Luvata,

LRP: produttore di prodotti laminati in rame sottile e lega di rame per uso industriale.

3.

A seguito di un esame preliminare, la Commissione ritiene che la concentrazione notificata possa rientrare nel campo d'applicazione del regolamento comunitario sulle concentrazioni. Tuttavia, si riserva la decisione finale al riguardo.

4.

La Commissione invita i terzi interessati a presentare eventuali osservazioni sulla concentrazione proposta.

Le osservazioni devono pervenire alla Commissione entro dieci giorni dalla data di pubblicazione della presente comunicazione. Le osservazioni possono essere trasmesse alla Commissione per fax (+32 22964301), per e-mail all’indirizzo COMP-MERGER-REGISTRY@ec.europa.eu o per posta, indicando il riferimento COMP/M.6316 — Aurubis/Luvata Rolled Products, al seguente indirizzo:

Commissione europea

Direzione generale della Concorrenza

Protocollo Concentrazioni

J-70

1049 Bruxelles/Brussel

BELGIQUE/BELGIË


(1)  GU L 24 del 29.1.2004, pag. 1 («il regolamento comunitario sulle concentrazioni»).


Rettifiche

9.7.2011   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 203/23


Rettifica dell'autorizzazione degli aiuti di Stato sulla base degli articoli 107 e 108 del TFUE — Casi contro i quali la Commissione non solleva obiezioni

( Gazzetta ufficiale dell'Unione europea C 187 del 28 giugno 2011 )

2011/C 203/14

A pagina 6:

anziché:

«Importo totale dell'aiuto previsto 10 625 700 Mio EUR»,

leggi:

«Importo totale dell'aiuto previsto 10 625 700 EUR».