ISSN 1725-2466

Gazzetta ufficiale

dell'Unione europea

C 57

European flag  

Edizione in lingua italiana

Comunicazioni e informazioni

51o anno
1 marzo 2008


Numero d'informazione

Sommario

pagina

 

II   Comunicazioni

 

COMUNICAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI E DAGLI ORGANI DELL'UNIONE EUROPEA

 

Commissione

2008/C 057/01

Autorizzazione degli aiuti di Stato sulla base degli articoli 87 e 88 del trattato CE — Casi contro i quali la Commissione non solleva obiezioni ( 1 )

1

2008/C 057/02

Autorizzazione degli aiuti di Stato sulla base degli articoli 87 e 88 del trattato CE — Casi contro i quali la Commissione non solleva obiezioni ( 1 )

3

2008/C 057/03

Non opposizione ad un'operazione di concentrazione notificata (Caso COMP/M.4987 — IBM/Cognos) ( 1 )

4

 

IV   Informazioni

 

INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI E DAGLI ORGANI DELL'UNIONE EUROPEA

 

Commissione

2008/C 057/04

Tassi di cambio dell'euro

5

2008/C 057/05

Parere del comitato consultivo in materia di accordi restrittivi e posizioni dominanti formulato nella riunione del 26 ottobre 2007 relativo a un progetto di decisione concernente il caso COMP/38.432 — Videocassette professionali

6

2008/C 057/06

Relazione finale del consigliere-auditore relativa al caso COMP/38.432 — Videocassette professionali (a norma degli articoli 15 e 16 della decisione 2001/462/CE, CECA della Commissione, del 23 maggio 2001, relativa al mandato dei consiglieri-auditori per taluni procedimenti in materia di concorrenza — GU L 162 del 19.6.2001, pag. 21)

7

2008/C 057/07

Parere del comitato consultivo in materia di intese e posizioni dominanti formulato nella riunione del 16 novembre 2007 relativo a un progetto di decisione concernente il caso COMP/38.432 — Videocassette professionali

9

2008/C 057/08

Sintesi della decisione della Commissione, del 20 novembre 2007, relativa ad un procedimento a norma dell'articolo 81 del trattato CE e dell'articolo 53 dell'accordo SEE (Caso COMP/38.432 — Videocassette professionali) [notificata con il numero C(2007) 5469 def.]  ( 1 )

10

2008/C 057/09

Comunicazione della Commissione sulla disponibilità stimata di risorse finanziarie per la concessione dell'aiuto alla ristrutturazione per la campagna di commercializzazione 2008/2009 in applicazione del regolamento (CE) n. 320/2006 del Consiglio relativo a un regime temporaneo per la ristrutturazione dell'industria dello zucchero nella Comunità

13

 

INFORMAZIONI PROVENIENTI DAGLI STATI MEMBRI

2008/C 057/10

Publicazione delle decisioni prese dagli Stati membri in merito al rilascio o al ritiro delle licenze d'esercizio ai sensi dell'articolo 13, paragrafo 4, del regolamento (CEE) n. 2407/92 del Consiglio sul rilascio delle licenze ai vettori aerei ( 1 )

14

2008/C 057/11

Rassegna commentata dei mercati regolamentati e delle disposizioni nazionali che attuano i requisiti pertinenti della DSI (direttiva 93/22/CEE del Consiglio)

21

 

V   Avvisi

 

PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

 

Cedefop

2008/C 057/12

Invito aperto a presentare proposte — GP/RPA/ReferNet-FPA/002/08 — ReferNet — Rete europea di riferimento ed esperienza nel campo dell'istruzione e della formazione professionale

28

 

PROCEDIMENTI RELATIVI ALL'ATTUAZIONE DELLA POLITICA DELLA CONCORRENZA

 

Commissione

2008/C 057/13

Notifica preventiva di una concentrazione (Caso COMP/M.4874 — Itema/BarcoVision) ( 1 )

30

 

ALTRI ATTI

 

Commissione

2008/C 057/14

Aggiornamento dell'elenco dei permessi di soggiorno di cui all'articolo 2, paragrafo 15, del regolamento (CE) n. 562/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce un codice comunitario relativo al regime di attraversamento delle frontiere da parte delle persone (codice frontiere Schengen) [GU C 247 del 13.10.2006, pag. 1, GU C 153 del 6.7.2007, pag. 5, GU C 192 del 18.8.2007, pag. 11, GU C 271 del 14.11.2007, pag. 14]

31

2008/C 057/15

Aggiornamento degli importi di riferimento per l'attraversamento delle frontiere esterne, a norma dell'articolo 5, paragrafo 3, del regolamento (CE) n. 562/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce un codice comunitario relativo al regime di attraversamento delle frontiere da parte delle persone (codice frontiere Schengen) [GU C 247 del 13.10.2006, pag. 19, GU C 153 del 6.7.2007, pag. 22, GU C 182 del 4.8.2007, pag. 18]

38

2008/C 057/16

Pubblicazione di una domanda di registrazione a norma dell'articolo 6, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 510/2006 del Consiglio relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni d'origine dei prodotti agricoli ed alimentari

39

 


 

(1)   Testo rilevante ai fini del SEE

IT

 


II Comunicazioni

COMUNICAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI E DAGLI ORGANI DELL'UNIONE EUROPEA

Commissione

1.3.2008   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 57/1


Autorizzazione degli aiuti di Stato sulla base degli articoli 87 e 88 del trattato CE

Casi contro i quali la Commissione non solleva obiezioni

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(2008/C 57/01)

Data di adozione della decisione

17.1.2008

Numero dell'aiuto

N 179/07

Stato membro

Italia

Regione

Provincia autonoma di Trento

Titolo (e/o nome del beneficiario)

Modalità del regime di aiuto N 42/2000 — Aiuti agli investimenti nel settore della co-generazione di elettricità e di calore

Base giuridica

L.P. n. 6/99 — Criteri e modalità di attuazione della legge provinciale n. 6/99 approvati con deliberazione di Giunta provinciale n. 2369 del 17.11.2006

Tipo di misura

Regime

Obiettivo

Tutela dell'ambiente

Forma dell'aiuto

Aiuto agli investimenti

Dotazione di bilancio

Importo totale dell'aiuto previsto: 10 Mio EUR

Intensità

40 %

Durata

1.1.2007-31.12.2008

Settore economico

Cogenerazione di calore e di elettricità

Nome e indirizzo dell'autorità che eroga l'aiuto

Provincia autonoma di Trento

Altre informazioni

Il testo delle decisioni nelle lingue facenti fede, ad eccezione dei dati riservati, è disponibile sul sito:

http://ec.europa.eu/community_law/state_aids/

Data di adozione della decisione

14.1.2008

Numero dell'aiuto

N 663/07

Stato membro

Spagna

Regione

Andalucía

Titolo (e/o nome del beneficiario)

Modificación del régimen de Ayuda N 538/2000

Base giuridica

Decreto 22/2007

Tipo di misura

Regime

Obiettivo

Tutela dell'ambiente

Forma dell'aiuto

Sovvenzione a fondo perduto, Abbuono di interessi, Altre forme di apporto di capitale

Dotazione di bilancio

Spesa annua prevista: 75,6 Mio EUR

Importo totale dell'aiuto previsto: 75,6 Mio EUR

Intensità

50 %

Durata

1.1.2008-31.12.2008

Settore economico

Tutti i settori

Nome e indirizzo dell'autorità che eroga l'aiuto

Región Andalucía

Altre informazioni

Il testo delle decisioni nelle lingue facenti fede, ad eccezione dei dati riservati, è disponibile sul sito:

http://ec.europa.eu/community_law/state_aids/


1.3.2008   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 57/3


Autorizzazione degli aiuti di Stato sulla base degli articoli 87 e 88 del trattato CE

Casi contro i quali la Commissione non solleva obiezioni

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(2008/C 57/02)

Data di adozione della decisione

21.1.2008

Numero dell'aiuto

N 457/07

Stato membro

Italia

Regione

Marche

Titolo (e/o nome del beneficiario)

Promozione della ricerca industriale e dello sviluppo sperimentale in filiere tecnologico-produttive — Marche

Base giuridica

Bando per la promozione della ricerca industriale e dello sviluppo sperimentale in filiere tecnologico-produttive

Tipo di misura

Regime

Obiettivo

Ricerca e sviluppo

Forma dell'aiuto

Sovvenzione a fondo perduto

Dotazione di bilancio

Importo totale dell'aiuto previsto: 30 Mio EUR

Intensità

80 %

Durata

Fino al 31.12.2013

Settore economico

Tutti i settori

Nome e indirizzo dell'autorità che eroga l'aiuto

Regione Marche

Via Tiziano, 44

I-60100 Ancona

Altre informazioni

Il testo delle decisioni nelle lingue facenti fede, ad eccezione dei dati riservati, è disponibile sul sito:

http://ec.europa.eu/community_law/state_aids/


1.3.2008   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 57/4


Non opposizione ad un'operazione di concentrazione notificata

(Caso COMP/M.4987 — IBM/Cognos)

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(2008/C 57/03)

Il 24 gennaio 2008 la Commissione ha deciso di non opporsi alla suddetta operazione di concentrazione notificata e di dichiararla compatibile con il mercato comune. La decisione si basa sull'articolo 6, paragrafo 1, lettera b), del regolamento (CE) n. 139/2004 del Consiglio. Il testo integrale della decisione è disponibile unicamente in lingua inglese e verrà reso pubblico dopo che gli eventuali segreti commerciali in esso contenuti saranno stati espunti. Il testo della decisione sarà disponibile:

sul sito Internet di Europa nella sezione dedicata alla concorrenza (http://ec.europa.eu/comm/competition/mergers/cases/). Il sito offre varie modalità per la ricerca delle singole decisioni, tra cui indici per società, per numero del caso, per data e per settore,

in formato elettronico sul sito EUR-Lex, al documento 32008M4987. EUR-Lex è il sistema di accesso in rete al diritto comunitario (http://eur-lex.europa.eu).


IV Informazioni

INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI E DAGLI ORGANI DELL'UNIONE EUROPEA

Commissione

1.3.2008   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 57/5


Tassi di cambio dell'euro (1)

29 febbraio 2008

(2008/C 57/04)

1 euro=

 

Moneta

Tasso di cambio

USD

dollari USA

1,5167

JPY

yen giapponesi

158,03

DKK

corone danesi

7,4515

GBP

sterline inglesi

0,76520

SEK

corone svedesi

9,3948

CHF

franchi svizzeri

1,5885

ISK

corone islandesi

99,68

NOK

corone norvegesi

7,9140

BGN

lev bulgari

1,9558

CZK

corone ceche

25,228

EEK

corone estoni

15,6466

HUF

fiorini ungheresi

264,15

LTL

litas lituani

3,4528

LVL

lats lettoni

0,6970

PLN

zloty polacchi

3,5305

RON

leu rumeni

3,7330

SKK

corone slovacche

32,530

TRY

lire turche

1,8183

AUD

dollari australiani

1,6226

CAD

dollari canadesi

1,4895

HKD

dollari di Hong Kong

11,8027

NZD

dollari neozelandesi

1,8854

SGD

dollari di Singapore

2,1162

KRW

won sudcoreani

1 425,07

ZAR

rand sudafricani

11,7309

CNY

renminbi Yuan cinese

10,7860

HRK

kuna croata

7,2715

IDR

rupia indonesiana

13 800,00

MYR

ringgit malese

4,8451

PHP

peso filippino

61,153

RUB

rublo russo

36,4511

THB

baht thailandese

46,790

BRL

real brasiliano

2,5496

MXN

peso messicano

16,2363


(1)  

Fonte: tassi di cambio di riferimento pubblicati dalla Banca centrale europea.


1.3.2008   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 57/6


Parere del comitato consultivo in materia di accordi restrittivi e posizioni dominanti formulato nella riunione del 26 ottobre 2007 relativo a un progetto di decisione concernente il caso COMP/38.432 — Videocassette professionali

(2008/C 57/05)

1.

Il comitato consultivo concorda con la Commissione sul fatto che i destinatari del progetto di decisione hanno partecipato ad accordi e/o pratiche concordate ai sensi dell'articolo 81, paragrafo 1, del trattato CE e dell'articolo 53 dell'accordo SEE.

2.

Il comitato consultivo concorda con la valutazione effettuata dalla Commissione del prodotto e dell'ambito geografico degli accordi e/o delle pratiche concordate.

3.

Il comitato consultivo concorda con la Commissione sul fatto che i destinatari del progetto di decisione hanno partecipato ad un'infrazione unica e continuata.

4.

Il comitato consultivo concorda con la Commissione sul fatto che l'accordo e/o la pratica concordata tra i fornitori di videocassette professionali nel SEE poteva avere un effetto significativo sugli scambi tra Stati membri.

5.

Il comitato consultivo concorda con la Commissione sul fatto che l'accordo e/o la pratica concordata ha per oggetto e per effetto la restrizione della concorrenza ai sensi dell'articolo 81, paragrafo 1, del trattato CE e dell'articolo 53 dell'accordo SEE.

6.

Il comitato consultivo concorda con la valutazione effettuata dalla Commissione per quanto riguarda i destinatari del progetto di decisione, soprattutto in relazione all'attribuzione della responsabilità alle società madri dei gruppi interessati.

7.

Il comitato consultivo concorda con la valutazione effettuata dalla Commissione per quanto riguarda le circostanze aggravanti.

8.

Il comitato consultivo concorda con la valutazione effettuata dalla Commissione per quanto riguarda le circostanze attenuanti.

9.

Il comitato consultivo concorda con la Commissione per quanto guarda l'applicazione della comunicazione del 2002 sul trattamento favorevole.

10.

Il comitato consultivo raccomanda la pubblicazione del proprio parere nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

11.

Il comitato consultivo invita la Commissione a tener conto di altri punti sollevati durante la discussione.


1.3.2008   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 57/7


Relazione finale del consigliere-auditore relativa al caso COMP/38.432 — Videocassette professionali

(a norma degli articoli 15 e 16 della decisione 2001/462/CE, CECA della Commissione, del 23 maggio 2001, relativa al mandato dei consiglieri-auditori per taluni procedimenti in materia di concorrenza — GU L 162 del 19.6.2001, pag. 21)

(2008/C 57/06)

Il progetto di decisione dà adito alle seguenti osservazioni:

Introduzione

Nel maggio del 2002 la Commissione ha eseguito in cinque Stati membri una serie di ispezioni presso i locali di imprese appartenenti ai gruppi Sony, Fuji e Maxell. In seguito a tali ispezioni sono pervenute delle richieste di trattamento favorevole e la Commissione ha svolto ulteriori indagini. La Commissione è giunta alla conclusione preliminare che Fuji, Maxell e Sony avevano discusso e stipulato accordi e/o pratiche concordate in violazione dell'articolo 81 del trattato CE e dell'articolo 53 dell'accordo sullo Spazio economico europeo con l'obiettivo di aumentare e mantenere o stabilizzare i prezzi per due formati di videocassette professionali (Betacam SP e Digital Betacam) nel SEE e che si sono scambiate informazioni per facilitare e/o controllare la loro attuazione perlomeno dal 23 agosto 1999 al 16 maggio 2002.

Comunicazione degli addebiti e termine fissato per la risposta

L'8 marzo 2007 la Commissione ha avviato il procedimento e adottato una comunicazione degli addebiti («CA»). I destinatari della CA erano Sony France SA e le sue società madri Sony Europe Holding BV e Sony Corporation (in appresso denominate collettivamente «Sony»), FUJIFILM Recording Media GmbH e le sue società madri FUJIFILM Corporation e FUJIFILM Holdings Corporation (in appresso denominate collettivamente «Fuji») e Maxell Europe Limited e la sua società madre Hitachi Maxell Limited (in appresso denominate collettivamente «Maxell»).

I destinatari hanno ricevuto la CA tra il 13 e il 16 marzo 2007, con un termine di due mesi per l'invio della risposta. Su loro richiesta motivata, ho concesso una proroga a Fuji e Sony rispettivamente fino al 16 e al 21 maggio 2007. Tutte le parti hanno risposto nei tempi stabiliti.

Accesso al fascicolo

Le parti hanno avuto accesso al fascicolo della Commissione in formato CD-ROM, inviato ad esse insieme alla CA. Nessuna delle parti ha segnalato problemi per quanto riguarda l'accesso al fascicolo.

Richiesta di trattamento favorevole presentata da Maxell

Il 10 aprile 2007, Maxell ha presentato una richiesta di trattamento favorevole nel quadro della comunicazione del 2002 sul trattamento favorevole (1). La richiesta è stata trasmessa anche alle altre parti.

Audizione orale

Il 12 giugno 2007 si è tenuta un'audizione. Tutti i destinatari della CA hanno partecipato all'audizione orale ed hanno formulato le loro osservazioni.

Il progetto di decisione

Nel progetto di decisione la Commissione ha incluso una valutazione positiva della richiesta di trattamento favorevole presentata da Maxell e ha affermato che la risposta di Maxell confermava in maniera particolarmente significativa l'interpretazione dei fatti. La Commissione ha pertanto concesso una riduzione dell'ammenda inizialmente prevista per Maxell.

Il progetto di decisione rappresenta la prima decisione della Commissione nella quale vengono applicati gli orientamenti del 2006 sulle ammende (2).

Il progetto di decisione presentato alla Commissione riguarda soltanto gli addebiti per i quali è stata data alle parti la possibilità di far conoscere la loro posizione.

Concludo che nel caso in oggetto il diritto delle parti al contraddittorio è stato rispettato.

Bruxelles, 8 novembre 2007.

Karen WILLIAMS


(1)  GU C 45 del 19.2.2002, pag. 3.

(2)  GU C 210 dell'1.9.2006, pag. 2.


1.3.2008   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 57/9


Parere del comitato consultivo in materia di intese e posizioni dominanti formulato nella riunione del 16 novembre 2007 relativo a un progetto di decisione concernente il caso COMP/38.432 — Videocassette professionali

(2008/C 57/07)

1.

Il comitato consultivo concorda con la Commissione sull'importo di base delle ammende.

2.

Il comitato consultivo concorda con la Commissione sull'aumento dell'importo di base delle ammende dovuto a circostanze aggravanti.

3.

Il comitato consultivo concorda con la Commissione sull'aumento dell'ammenda per garantire un sufficiente effetto deterrente.

4.

Il comitato consultivo concorda con la Commissione sulla riduzione delle ammende in base alla comunicazione del 2002 sul trattamento favorevole.

5.

Il comitato consultivo concorda con la Commissione sull'importo finale delle ammende.

6.

Il comitato consultivo raccomanda la pubblicazione del proprio parere nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.


1.3.2008   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 57/10


Sintesi della decisione della Commissione

del 20 novembre 2007

relativa ad un procedimento a norma dell'articolo 81 del trattato CE e dell'articolo 53 dell'accordo SEE

(Caso COMP/38.432 — Videocassette professionali)

[notificata con il numero C(2007) 5469 def.]

(Il testo in lingua inglese è il solo facente fede)

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(2008/C 57/08)

I.   INTRODUZIONE

(1)

Il 20 novembre 2007 la Commissione ha adottato una decisione relativa a un procedimento ai sensi dell'articolo 81 del trattato CE e dell'articolo 53 dell'accordo SEE. Conformemente al disposto dell'articolo 30 del regolamento (CE) n. 1/2003 del Consiglio (1), la Commissione pubblica i nomi delle parti e il contenuto essenziale della decisione, comprese le sanzioni irrogate, tenuto conto del legittimo interesse delle imprese coinvolte alla protezione dei propri segreti aziendali. La versione non riservata della decisione figura nella lingua facente fede del caso sul sito web della DG Concorrenza: http://ec.europa.eu/comm/competition/index_en.html

II.   DESCRIZIONE DEL CASO

1.   Procedimento

(2)

Il caso in esame è iniziato mediante un'indagine d'ufficio con ispezioni a sorpresa condotte il 28 e 29 maggio 2002 in cinque Stati membri presso 11 locali appartenenti alle società dei gruppi Sony, Fuji e Maxell. Due irregolarità si sono verificate presso i locali della Sony (la prima riguardava la distruzione di documenti, la seconda il rifiuto di rispondere alle domande poste).

(3)

Il 5 dicembre 2006 Fuji ha formalmente chiesto la riduzione delle ammende nell'ambito della comunicazione del 2002 sul trattamento favorevole (2). La richiesta conteneva un riferimento alle informazioni precedentemente trasmesse alla Commissione a partire da giugno 2002. Con lettera datata 23 febbraio 2007 la Commissione ha comunicato a Fuji la propria intenzione di concederle una riduzione delle ammende compresa tra il 30 e il 50 % nell'ambito della comunicazione del 2002 sul trattamento favorevole.

(4)

La comunicazione degli addebiti è stata adottata l'8 marzo 2007 e notificata a tutte le parti entro il 16 marzo 2007.

(5)

Il 10 aprile 2007 Maxell ha formalmente chiesto la riduzione delle ammende nell'ambito della comunicazione del 2002 sul trattamento favorevole. La richiesta conteneva un riferimento alle informazioni precedentemente trasmesse alla Commissione a partire da ottobre 2004.

(6)

Il 12 giugno 2007 si è tenuta un'audizione.

2.   Sintesi dell'infrazione

(7)

Le emittenti televisive e i produttori indipendenti di contenuti televisivi e filmati pubblicitari sono i principali utilizzatori di videocassette professionali. La decisione riguarda soltanto i due formati più diffusi all'epoca dell'infrazione: la Betacam SP e la Digital Betacam, che insieme rappresentavano il 77 % del volume complessivo delle vendite di videocassette professionali nel SEE nel 2001. Nel SEE il valore di mercato per questi due formati è stato stimato a circa 118 Mio EUR nel 2001. In quell'anno le tre imprese coinvolte nell'infrazione detenevano una quota di mercato pari a circa l'89 %.

(8)

La decisione conclude che, tra il 23 agosto 1999 e il 16 maggio 2002, Sony, Fuji e Maxell hanno attuato un cartello, il cui obiettivo era aumentare e mantenere o stabilizzare i prezzi delle videocassette Betacam SP e Digital Betacam nel SEE, e si sono scambiate informazioni per facilitare e/o controllare l'attuazione di detta intesa.

(9)

Le società sono riuscite ad organizzare tre serie di aumenti dei prezzi impegnandosi nel contempo a stabilizzarli. Inoltre, esse discutevano puntualmente delle offerte precedenti e future provenienti solitamente da emittenti televisive pubbliche e private.

(10)

Nel periodo dell'infrazione i rappresentanti delle tre imprese hanno partecipato a 11 riunioni, nel corso delle quali hanno discusso e concordato i prezzi e/o si sono scambiati informazioni commerciali riservate. Tra le varie riunioni vi sono stati inoltre costanti contatti per discutere dei prezzi e di clienti specifici e per controllare l'attuazione degli accordi di cartello.

(11)

La decisione conclude inoltre che è stato stabilito che gli accordi sui prezzi sono stati generalmente attuati.

3.   Destinatari

(12)

La visione è indirizzata ai seguenti soggetti giuridici, che appartengono alle tre imprese partecipanti (Sony, Fuji e Maxell):

a)

Sony Corporation;

b)

Sony Europe Holding BV;

c)

Sony France SA;

d)

FUJIFILM Holdings Corporation;

e)

FUJFILM Corporation;

f)

FUJIFILM Recording Media GmbH;

g)

Hitachi Maxell, Ltd; e

h)

Maxell Europe Limited.

(13)

Le società madri sono considerate responsabili sia a causa della loro diretta partecipazione a una delle riunioni di cartello (tenutasi in Giappone) che per il presunto esercizio di un'influenza decisiva (confermato da numerosi indizi supplementari) sulle rispettive controllate.

4.   Mezzi d'impugnazione

(14)

Questo è il primo caso di cartello al quale sono state applicati gli orientamenti del 2006 per il calcolo delle ammende (3).

4.1.   Importo di base dell'ammenda

(15)

L'importo di base dell'ammenda viene calcolato in proporzione al valore delle vendite del prodotto in esame realizzate dalle singole imprese nell'area geografica interessata nel corso dell'ultimo intero esercizio in cui sussiste l'infrazione («importo variabile»), moltiplicato per il numero di anni di infrazione, più un importo aggiuntivo, («diritto di ingresso»), anch'esso calcolato in proporzione al valore delle vendite, al fine di scoraggiare ulteriormente gli accordi orizzontali di fissazione dei prezzi.

(16)

Avendo considerato i diversi fattori, in particolare la natura, la quota di mercato complessiva e la portata geografica dell'infrazione, la decisione applica in questo caso l'importo variabile del 18 % e un diritto di ingresso del 17 %.

(17)

Considerando che l'infrazione è durata due anni e otto mesi, l'importo variabile viene moltiplicato per tre.

4.2.   Adeguamenti dell'importo di base

4.2.1.   Circostanze aggravanti: rifiuto di collaborare o ostruzionismo

(18)

Come accennato al punto 2, nel corso dell'ispezione si sono verificate due irregolarità presso i locali della Sony. La decisione conclude che entrambe le irregolarità rappresentano un atto di ostruzionismo e giustificano un aumento del 30 % dell'importo di base imposto alla Sony.

4.2.2.   Circostanze attenuanti

(19)

Le parti hanno invocato l'applicazione di una serie di circostanze attenuanti, come ad esempio la cessazione anticipata dell'infrazione, la partecipazione limitata al infrazione, l'effettiva collaborazione al di fuori della comunicazione sul trattamento favorevole, l'azione isolata e non autorizzata, svolta all'insaputa degli alti dirigenti e l'avvio di un programma di adeguamento in seguito all'infrazione. Tutte queste richieste sono state respinte.

4.2.3.   Aumento specifico ai fini della deterrenza

(20)

Tenendo conto della necessità di garantire che le ammende producano un sufficiente effetto deterrente e considerando l'ingente fatturato della Sony (al di là delle vendite di beni e servizi interessate dall'infrazione), la decisione aumenta del 10 % l'ammenda inflitta alla Sony.

4.3.   Applicazione del limite del 10 % del fatturato

(21)

Per quanto riguarda l'eventuale ammenda da infliggere alle imprese, il limite del 10 % del fatturato mondiale previsto dall'articolo 23, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 1/2003 non è stato raggiunto.

4.4.   Applicazione della comunicazione del 2002 sul trattamento favorevole: riduzione delle ammende

(22)

Come accennato precedentemente ai punti 5 e 6, sia Fuji che Maxell hanno chiesto una riduzione delle ammende nel quadro della comunicazione del 2002 sul trattamento favorevole.

(23)

La decisione concede una riduzione del ammende del 40 % per Fuji e del 20 % per Maxell. Tali percentuali di riduzione tengono conto del valore aggiunto delle prove fornite dalle singole società e della data in cui tali prove sono state fornite.

(24)

La Sony si è limitata a non contestare la maggior parte dei fatti dopo aver ricevuto la comunicazione degli addebiti. La decisione conclude che ciò non costituisce un valore aggiunto significativo nel quadro della comunicazione sul trattamento favorevole.

III.   DECISIONE

(25)

Le seguenti imprese hanno violato l'articolo 81 del trattato e l'articolo 53 dell'accordo SEE partecipando, dal 23 agosto 1999 fino al 16 maggio 2002, ad un sistema di accordi e pratiche concordate con l'obiettivo di aumentare e mantenere o stabilizzare i prezzi delle videocassette Betacam SP e Digital Betacam nel mercato del SEE:

a)

Sony Corporation;

b)

Sony Europe Holding BV;

c)

Sony France SA;

d)

FUJIFILM Holdings Corporation;

e)

FUJFILM Corporation;

f)

FUJIFILM Recording Media GmbH;

g)

Hitachi Maxell, Ltd; e

h)

Maxell Europe Limited.

(26)

Per le infrazioni di cui al punto precedente vengono inflitte le seguenti ammende:

a)

Sony Corporation, Sony Europe Holding BV e Sony France SA, in solido: 47 190 000 EUR;

b)

FUJIFILM Holdings Corporation, FUJFILM Corporation e FUJIFILM Recording Media GmbH, in solido: 13 200 000 EUR;

c)

Hitachi Maxell, Ltd e Maxell Europe Limited, in solido: 14 400 000 EUR.

(27)

Alle imprese summenzionate viene ingiunto di porre immediatamente fine alle infrazioni, se non l'hanno già fatto, e di astenersi dal ripetere qualsiasi atto o comportamento descritto al punto 25, nonché da qualsiasi atto o comportamento avente un oggetto o effetto identico o simile.


(1)  GU L 1 del 4.1.2003, pag 1.

(2)  Comunicazione della Commissione relativa all'immunità dalle ammende e alla riduzione dell'importo delle ammende nei casi di cartelli tra imprese (GU C 45 del 19.2.2002, pag. 3).

(3)  Orientamenti per il calcolo delle ammende inflitte in applicazione dell'articolo 23, paragrafo 2, lettera a), del regolamento (CE) n. 1/2003 (GU C 210 dell'1.9.2006, pag. 2).


1.3.2008   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 57/13


Comunicazione della Commissione sulla disponibilità stimata di risorse finanziarie per la concessione dell'aiuto alla ristrutturazione per la campagna di commercializzazione 2008/2009 in applicazione del regolamento (CE) n. 320/2006 del Consiglio relativo a un regime temporaneo per la ristrutturazione dell'industria dello zucchero nella Comunità

(2008/C 57/09)

Conformemente all'articolo 10, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 968/2006 della Commissione, del 27 giugno 2006, recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 320/2006 relativo a un regime temporaneo per la ristrutturazione dell'industria dello zucchero nella Comunità (1), la Commissione informa gli Stati membri che le risorse finanziarie stimate di cui dispone il fondo temporaneo di ristrutturazione sono sufficienti ad erogare l'aiuto alla ristrutturazione in relazione a tutte le domande presentate entro il 31 gennaio 2008 per la campagna di commercializzazione 2008/2009 e giudicate ammissibili.


(1)  GU L 176 del 30.6.2006, pag. 32. Regolamento modificato dal regolamento (CE) n. 1261/2007 (GU L 283 del 27.10.2007, pag. 8).


INFORMAZIONI PROVENIENTI DAGLI STATI MEMBRI

1.3.2008   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 57/14


Publicazione delle decisioni prese dagli Stati membri in merito al rilascio o al ritiro delle licenze d'esercizio ai sensi dell'articolo 13, paragrafo 4, del regolamento (CEE) n. 2407/92 del Consiglio sul rilascio delle licenze ai vettori aerei (1)  (2)

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(2008/C 57/10)

Licenze di esercizio rilasciate

Categoria A:   Licenze d'esercizio rilasciate ai vettori che non rispondono ai criteri previsti dall'articolo 5, paragrafo 7, lettera a), del regolamento (CEE) n. 2407/92

GERMANIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

TRIPLE ALPHA — Luftfahrtgesellschaft mbH

Airport Trade Center

Wanheimer Str. 90-92

D-40468 Düsseldorf

Passeggeri, posta, merci

27.8.2007

HELOG Lufttransport KG

Sägewerkstr. 3

D-83404 Ainring

Passeggeri, posta, merci

27.8.2007

DCA GmbH

Epplestr. 225 — HPC 3000

D-70567 Stuttgart

Passeggeri, posta, merci

12.4.2007

AUSTRIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

A-Jet Aviation & Aircraft Management GmbH

Wächtergasse 1

A-1010 Wien

Passeggeri, posta, merci

7.1.2008

Mjet Aviation GmbH

Tegetthoffstraße 7

A-1010 Wien

Passeggeri, posta, merci

20.12.2007

Business Express Luftfahrtgesellschaft GmbH

Wielandgasse 14-16/4

A-8010 Graz

Passeggeri, posta, merci

18.12.2007

Vienna Jet Bedarfsluftfahrt GmbH

Franz Josefs Kai 13

A-1010 Wien

Passeggeri, posta, merci

19.12.2007

BANNERT AIR Bedarfsflugunternehmen GmbH

Wagramer Straße 56

A-1220 Wien

Passeggeri, posta, merci

5.12.2007

Austrien Airlines AG

Office Park 2

A-1300 Wien-Flughafen

Passeggeri, posta, merci

10.9.2007

BFS Business Flight Salzbourg Bedarfsflug GesmbH-Fläche

Franz Brötzner-Straße 12

A-5073 Wals-Himmelreich

Passeggeri, posta, merci

10.9.2007

Flynext Luftverkehrsgesellschaft mbH

Flughafen (1300 Wien Flughafen)

A-2320 Schwechat

Passeggeri, posta, merci

30.10.2007

Goldeck — Fluggesellschaft m.b.H (Fläche)

Ortenburgerstr.27

A-9800 Spittal an der Drau

Passeggeri, posta, merci

9.1.2008

Lauda Air Luftfahrt — GmbH

Flughafen, Office Park 2

A-1300 Wien

Passeggeri, posta, merci

16.10.2007

Amerer Air GesmbH

Flughafenstr. 22

A-4063 Hörsching

Passeggeri, posta, merci

15.1.2008

Majestic Executive Aviation AG

Landstraßer Hauptstraße 140

A-1030 Wien

Passeggeri, posta, merci

23.1.2008

FRANCIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

Pan Européenne

Aéroport de Chambéry-Aix-les-Bains

F-73420 Le Vivier du Lac

Passeggeri, posta, merci

2.1.2007

Transavia France

18, Avenue Louis Blériot

F-91551 Paray Vielle Poste

Passeggeri, posta, merci

11.5.2007

Société de Transport de l'Archipel Guadeloupéeen

Aéroport de Fort-de-France

F-97232 Le Lamentin

Passeggeri, posta, merci

27.6.2007

Air Corporate

Aéroport de Paris-Le Bourget

85, allée de Stockholm

F-93350 Le Bourget

Passeggeri, posta, merci

8.10.2007

Europe Air Lines

Aérogare d'affaires

Aéroport de Montpellier

F-34130 Mauguio

Passeggeri, posta, merci

8.8.2007

Aéro Services Corporate

Bât H5 — Zone aviation d'affaires

Aéroport du Bourget

F-93350 Le Bourget

Passeggeri, posta, merci

31.12.2007

GRECIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

K2smartJets —

Athens Airport — Eleftherios Venizekos Administration Office 17

GR-19019 Spata

Passeggeri, posta, merci

7.9.2007

LITUANIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

JSC HC Airways

A. Tumeno 4

LT-01109 Vilnius

Passeggeri, posta, merci

22.8.2007

ROMANIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

S.C. Jetran Air s.r.l.

77 Nicolae Caramfil Str., sector 1,

Bucharest — Romania

Passeggeri, posta, merci

10.12.2007

SVEZIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

Aerosyncro Aviation AB

556597-0919

Parklindsvägen 13

S-531 58 Lidköping

Passeggeri, posta, merci

7.9.2007

NEX Time Jet AB

556640-5170

Djupdalsvägen 25

S-192 51 Sollentuna

Passeggeri, posta, merci

12.10.2007

Categoria B:   Licenze di esercizio rilasciate ai vettori che rispondono ai criteri previsti dall'articolo 5, paragrafo 7, lettera a), del regolamento (CEE) n. 2407/92

GERMANIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

Mediair GmbH Flugdienst

Haidenburger Str. 2

D-94501 Haidenbach

Passeggeri, posta, merci

5.2.2007

AUSTRIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

Avcon Jet AG

Obere Donaustraße 37

A-1020 Wien

Passeggeri, posta, merci

21.11.2007

Pink Aviation Services Luftverkehrsunternehmen

Endresstraße 79/4

A-1238 Wien

Passeggeri, posta, merci

17.1.2008

FRANCIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

Aéralp

Aéroport de Grenoble

F-38590 Saint-Etienne de Saint Geoirs

Passeggeri, posta, merci

18.4.2007

Chamonix Mont Blanc Hélicoptères

130, chemin des morilles

F-74400 Chamonix Mont Blanc

Passeggeri, posta, merci

2.5.2007

JDP France

20, rue Royale

F-75008 Paris

Passeggeri, posta, merci

2.7.2007

Yankee Lima Hélicoptères

PK 16 Route Degrad des Cannes

F-97354 Remire Montjoly

Passeggeri, posta, merci

5.7.2007

Aquit'Air

9, allées Don Helder Camara

F-33600 Pessac

Passeggeri, posta, merci

1.10.2007

Smart Aviation

6, rue Galilée

F-75116 Paris

Passeggeri, posta, merci

2.10.2007

Iroise Aéro Services

Aéroport de Brest-Bretagne

F-29490 Guipavas

Passeggeri, posta, merci

28.11.2007

Take Air Lines

Zone aviation générale

Aéroport de Fort-de-France

F-97232 Le Lamentin

Passeggeri, posta, merci

3.10.2007

Atlantique Hélicoptère

Aéroport de Nantes-Atlantique

F-44340 Bourguenais

Passeggeri, posta, merci

29.10.2007

SPAGNA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

Canarias Aeronáutica, S.L.

c/ Luis Saavedra Miranda, 26

E-34014 Las Palmas de Gran Canaria

Passeggeri, posta, merci

13.12.2007

IRLANDA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

Vision Air Limited

Weston Airport, Leixlip

Co. Kildare

Ireland

Passeggeri, posta, merci

17.1.2008

LITUANIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

UAB Joanos avialinijos

Laisves av. 13-6

LT-06118 Vilnius

Passeggeri, posta, merci

9.11.2007

PAESI BASSI

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

Bikkair B.V.

RTM Airportlaan 55

3045 AP Rotterdam

Nederland

Passeggeri, posta, merci

21.12.2007

SVEZIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

Nordways Sweden AB

556383-5932

Box 23

S-230 32 Malmö-Sturup

Passeggeri, posta, merci

4.9.2007

Petter Solberg Aviation AB

556252-9544

Box 14

S-685 21 Torsby

Passeggeri, posta, merci

1.12.2007

Svensk Flygambulans AB

556061-5949

Säve flygplatsväg 16

S-423 73 Säve

Passeggeri, posta, merci

28.11.2007

Licenze d'esercizio ritirate

Categoria A:   Licenze d'esercizio rilasciate ai vettori che non rispondono ai criteri previsti dall'articolo 5, paragrafo 7, lettera a), del regolamento (CEE) n. 2407/92

GERMANIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

TRIPLE ALPHA — Luftfahrtgesellschaft mbH

Flughafenstr. 61

D-40474 Düsseldorf

Passeggeri, posta, merci

27.8.2007

HELOG Lufttransport KG

Scholssplatz 7

D-91217 Hersbruck

Passeggeri, posta, merci

27.8.2007

DaimlerChrysler Aviation GmbH

Epplestr. 225 — HPC 3000

D-70567 Stuttgart

Passeggeri, posta, merci

12.4.2007

AUSTRIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

LTU Flug Lufttransport Untemehmen GmbH

Flughafen (1300 Wien Flughafen)

A-2320 Schwechat

Passeggeri, posta, merci

30.10.2007

Lauda Air Luftfahrt — GmbH

Flughafen, World Trade Center

A-1300 Wien

Passeggeri, posta, merci

16.10.2007

FRANCIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

Europe Air Lines

Aérogare d'affaires

Aéroport de Montpellier

F-34130 Mauguio

Passeggeri, posta, merci

8.8.2007

Aéro Services Corporate

Bât H5 — Zone aviation d'affaires

Aéroport du Bourget

F-93350 Le Bourget

Passeggeri, posta, merci

31.12.2007

Categoria B:   Licenze d'esercizio rilasciate ai vettori che rispondono ai criteri previsti dall'articolo 5, paragrafo 7, lettera a), del regolamento (CEE) n. 2407/92

GERMANIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

CityHeli Helicopterdienste GmbH & Co

Am Coloneum 1

D-50829 Köln

Passeggeri, posta, merci

4.4.2007

HFD Hubschrauber & Flugzeugdienst GmbH

Flugplatz

D-14959 Schönhagen

Passeggeri, posta, merci

2.5.2007

Rieker Air Service Flugzeughandel und Charter GmbH

Flughafen Stuttgart

General Aviation Terminal, EG 20-21

D-70629 Leinfelden-Echterdingen

Passeggeri, posta, merci

14.8.2007

AUSTRIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

Business Express Luftfahrtgesellschaft GmbH

Wielandgasse 14-16/4

A-8010 Graz

Passeggeri, posta, merci

18.12.2007

Vienna Jet Bedarfsluftfahrt GmbH

Franz Josefs Kai 13

A-1010 Wien

Passeggeri, posta, merci

19.12.2007

BANNERT AIR Bedarfsflugunternehmen GmbH

Wagramer Straße 56

A-1220 Wien

Passeggeri, posta, merci

5.12.2007

Goldeck — Flug Gesellschaft m.b.H (Fläcge)

Ortenburgerstr.27

A-9800 Spittal an der Drau

Passeggeri, posta, merci

9.1.2008

Austrien Airlines AG

Office Park 2

A-1300 Wien-Flughafen

Passeggeri, posta, merci

10.9.2007

BFS Business Flight Salzbourg Bedarfsflug GesmbH-Fläche

Franz Brötzner-Straße 12

A-5073 Wals-Himmelreich

Passeggeri, posta, merci

10.9.2007

FRANCIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

Take Air Lines

Zone aviation générale

Aéroport de Fort-de-France

F-97232 Le Lamentin

Passeggeri, posta, merci

3.10.2007

Atlantique Hélicoptère

Aéroport de Nantes-Atlantique

F-44340 Bourguenais

Passeggeri, posta, merci

29.10.2007

IRLANDA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

Vision Air Limited

Weston Airport, Leixlip

Co. Kildare

Ireland

Passeggeri, posta, merci

17.1.2008

LITUANIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

UAB Joanos avialinijos

Laisves av. 13-6

LT-06118 Vilnius

Passeggeri, posta, merci

9.11.2007

SVEZIA

Nome del vettore aereo

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

HT Helikopter Transport

556363-2313

Box 42

S-740 81 Grillby

Passeggeri, posta, merci

31.10.2007

Just Air Scandinavian AB

556601-5458

Österskärsvägen 9

S-184 52 Österskär

Passeggeri, posta, merci

7.9.2007

SWT Aero AB

556591-3257

Box 7092

S-170 07 Solna

Passeggeri, posta, merci

31.12.2005

Modifica del nome del titolare della licenza

Categoria A:   Licenze d'esercizio rilasciate ai vettori che non rispondono ai criteri previsti dall'articolo 5, paragrafo 7, lettera a), del regolamento (CEE) n. 2407/92

AUSTRIA

Nuova denominazione

Indirizzo del vettore aereo

Autorizzato al trasporto di

Decisione in vigore dal

Pink Aviation Services Luftverkehrsunternehmen

Endresstraße 79/4

A-1238 Wien

Passeggeri, posta, merci

17.1.2008

Majestic Executive Aviation AG

Landstraßer Hauptstraße 140

A-1030 Wien

Passeggeri, posta, merci

23.1.2008


(1)  GU L 240 del 24.8.1992, pag. 1.

(2)  Comunicate alla Commissione europea prima del 31 agosto 2005


1.3.2008   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 57/21


Rassegna commentata dei mercati regolamentati e delle disposizioni nazionali che attuano i requisiti pertinenti della DSI (direttiva 93/22/CEE del Consiglio)

(2008/C 57/11)

L'articolo 47 della direttiva relativa ai mercati degli strumenti finanziari (direttiva 2004/39/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, GU L 145 del 30.4.2004, pag. 1) autorizza ciascuno Stato membro a conferire lo status di «mercato regolamentato» ai mercati costituiti sul suo territorio e conformi alla sua regolamentazione.

Ai sensi dell'articolo 4, paragrafo 1, punto 14, della direttiva 2004/39/CE si intende per «mercato regolamentato» un sistema multilaterale, amministrato e/o gestito dal gestore del mercato, che consente o facilita l'incontro — al suo interno ed in base alle sue regole non discrezionali — di interessi multipli di acquisto e di vendita di terzi relativi a strumenti finanziari, in modo da dare luogo a contratti relativi a strumenti finanziari ammessi alla negoziazione conformemente alle sue regole e/o ai suoi sistemi, e che è autorizzato e funziona regolarmente e ai sensi delle disposizioni del titolo III della direttiva 2004/39/CE.

Sempre a norma dell'articolo 47 della direttiva 2004/39/CE, spetta a ciascuno Stato membro aggiornare l'elenco dei mercati regolamentati da esso autorizzati e comunicarlo per informazione agli altri Stati membri e alla Commissione europea. Lo stesso articolo (articolo 47 della direttiva 2004/39/CE) stabilisce che, una volta l'anno, la Commissione pubblichi nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea un elenco dei mercati regolamentati che le sono stati notificati. Il presente elenco è stato compilato a norma di tale disposizione.

L'elenco allegato riporta la denominazione dei singoli mercati riconosciuti dalle autorità nazionali competenti come conformi alla definizione di «mercato regolamentato», e indica l'ente responsabile della loro gestione e l'autorità competente a emanare e approvare le regole del mercato.

La riduzione delle barriere all'ingresso e la specializzazione dei segmenti di mercato determinano ritocchi più frequenti all'elenco dei «mercati regolamentati» di quanto accadesse con la direttiva 93/22/CEE del Consiglio sui servizi di investimento. L'articolo 47 della direttiva relativa ai mercati degli strumenti finanziari impone inoltre alla Commissione europea di pubblicare l'elenco dei mercati regolamentati sul suo sito Internet e di aggiornarlo periodicamente.

La Commissione europea provvederà pertanto, oltre a pubblicare annualmente l'elenco nella Gazzetta ufficiale, a curarne una versione aggiornata sul suo sito Internet ufficiale [http://ec.europa.eu/internal_market/securities/isd/mifid_en.htm]. Questa sarà modificata periodicamente sulla base delle informazioni comunicate dalle autorità degli Stati membri che, dal canto loro, sono invitati a comunicare alla Commissione ogni aggiunta o cancellazione nell'elenco dei mercati regolamentati di cui essi costituiscano lo Stato membro d'origine.

Paese

Denominazione del mercato regolamentato

Società di gestione

Autorità competente a designare e sorvegliare i mercati

Austria

1.

Amtlicher Handel (mercato ufficiale)

Wiener Börse AG (1-2)

Finanzmarktaufsichtsbehörde (FMA — Autorità dei mercati finanziari)

2.

Geregelter Freiverkehr (Secondo mercato regolamentato)

Belgio

1.

Bourse de valeurs mobilières de Bruxelles (Euronext Brussels):

le marché «Euronext Brussels»,

le marché des instruments dérivés

1.

Euronext Brussels SA

1.

Ministre des Finances sur avis de la Commission bancaire, financière et des assurances (CBFA)

Autorité de marché = CBFA

2.

Le marché hors bourse des obligations linéaires, des titres scindés et des certificats de trésorerie

2.

Fonds des rentes

2.

Législateur (art. 144, §2 de la loi du 2.8.2002),

Autorité de marché = Comité du Fonds des rentes, pour compte de la CBFA

Bulgaria

1.

Официален пазар (mercato ufficiale)

Българска Фондова Борса — София АД (Borsa valori bulgara — Sofia JSCo)

Комисия за финансов надзор (Commissione per la vigilanza finanziaria)

2.

Неофициален пазар (mercato non ufficiale)

Cipro

Borsa valori di Cipro

Borsa valori di Cipro

Commissione di vigilanza sui titoli e la borsa di Cipro

Repubblica ceca

1.

Mercato principale (Hlavni Trh)

1-3.

Borsa valori di Praga (Burza cennych papírů Praha, a.s.)

Banca centrale ceca

2.

Mercato secondario (Vedlejsi trh)

3.

Libero mercato (Volny trh)

4.

Mercato ufficiale RM SYSTEM

4.

RM SYSTEM a.s. — organizzatore del mercato regolamentato

Danimarca

1.

Københavns Fondsbørs

Mercato azionario

Mercato obbligazionario

Mercato dei derivati

1.

Borsa valori di Copenaghen Ltd

Finanstilsynet (autorità di vigilanza finanziaria danese)

2.

Dansk Autoriseret Markedsplads A/S [Danish Authorised Market Place Ltd (DAMP)] [mercato autorizzato = commercio regolare in titoli ammessi alla negoziazione ma non quotati in borsa]

2.

Mercato danese autorizzato Ltd (DAMP)

Estonia

1.

Väärtpaberibörs (Borsa valori)

Põhinimekiri (Listino principale)

Investorinimekiri (Listino degli investitori)

Võlakirjade nimekiri (Listino per i titoli di debito)

Fondiosakute nimekri (Listino per quote di fondi)

AS Tallinna Börs (Borsa valori di Tallinn Ltd)

Finantsinspektsioon (Autorità di vigilanza finanziaria estone)

2.

Reguleeritud turg (Mercato regolamentato)

Vabaturg (Libero mercato)

Finlandia

Arvopaperipörssi (Borsa valori)

Pörssilista (Listino ufficiale)

Pre-lista ja Muut arvopaperit -lista (Prelistino e listino altri titoli)

OMX Nordic Exchange Helsinki Oy (OMX Nordic Exchange Helsinki Ltd)

Designazione: Ministero delle finanze.

Vigilanza:

Approvazione delle regole: Ministero delle finanze

Controllo del rispetto: Rahoitustarkastus/Autorità di vigilanza finanziaria finlandese

Francia

1.

Euronext Paris

Euronext Paris (1-3)

Proposition de l'Autorité des marchés financiers (AMF)

Reconnaissance par le ministre chargé de l'économie (cf. article L.421-1 du code monétaire et financier)

2.

MATIF

3.

MONEP

Germania

 

 

Börsenaufsichtsbehörden der Länder (autorità di vigilanza della borsa valori degli stati federali) e la Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsauf-sicht (BaFin).

Autorità statali:

1.

Börse Berlin-Bremen (Amtlicher Handel, Geregelter Markt)

1.

Börse Berlin AG

1.

Senatsverwaltung für Wirtschaft, Technologie und Frauen, Berlin

2.

Düsseldorfer Börse (Amtlicher Handel, Geregelter Markt)

2.

Börse Düsseldorf AG

2.

Finanzministerium des Landes Nordrhein-Westfalen, Düsseldorf

3.

Frankfurter Wertpapierbörse (Amtliche Markt, Geregelter Markt);

3.

Deutsche Börse AG.

3 e 4.

Hessisches Ministerium für Wirtschaft, Verkehr und Landesentwicklung, Wiesbaden

4.

Eurex Deutschland

4.

Eurex Frankfurt AG

5.

Hanseatische Wertpapierbörse Hamburg (Amtlicher Markt, Geregelter Markt, Startup market)

5.

BÖAG Börsen AG

5.

Freie und Hansestadt Hamburg, Behörde für Wirtschaft und Arbeit

6.

Niedersächsische Börse zu Hannover (Amtlicher Markt, Geregelter Markt)

6.

BÖAG Börsen AG

6.

Niedersächsisches Ministerium für Wirtschaft, Arbeit und Verkehr, Hannover

7.

Börse München(Amtlicher Markt, Geregelter Markt)

7.

Bayerische Börse AG

7.

Bayerisches Staatsministerium für Wirtschaft, Infrastruktur, Verkehr und Technologie, München

8.

Baden-Württembergische Wertpapierbörse(Amtlicher Markt, Geregelter Markt)

8.

Börse-Stuttgart AG

8.

Wirtschaftsministerium Baden-Württemberg, Stuttgart

9.

Risk Management Exchange Hannover (Geregelter Markt)

9.

RMX Hannover

9.

Niedersächsisches Ministerium für Wirtschaft, Arbeit und Verkehr, Hannover

10.

European Energy Exchange

10.

European Energy Exchange AG, Leipzig

10.

Sächsisches Staatsministerium für Wirtschaft und Arbeit, Dresden

Grecia

1.

Borsa di Atene

Mercato titoli

Mercato derivati

1.

Borsa di Atene

1.

Commissione vigilanza sul mercato dei capitali (HCMC)

2.

Mercato elettronico secondario titoli (HDAT-Debt Instrument's Market)

2.

Banca di Grecia

2.

Commissione vigilanza sul mercato dei capitali (HCMC)

Ungheria

1.

Budapesti Értéktőzsde Zrt. (Borsa di Budapest)

Részvényszekció (Sezione azioni)

Hitelpapír szekció (Sezione titoli di debito)

Származékos szekció (Sezione derivati)

Áru szekció (Sezione prodotti di base)

Budapesti Értéktőzsde Zrt. (Borsa valori di Budapest)

Pénzügyi Szervezetek Állami Felügyelete (Autorità di vigilanza finanziaria ungherese)

Irlanda

Mercato principale della Irish Stock Exchange

Irish Stock Exchange Ltd

La Irish Financial Services Regulatory Authority («Financial Regulator») autorizza «i mercati regolamentati» e (escluse le condizioni di quotazione) esamina ed approva le regole di funzionamento preparate dal gestore del mercato regolamentato

Italia

1.

Mercato telematico titoli (MTA)

1-7.

Borsa Italiana SpA

La Consob autorizza le società che gestiscono i mercati ed approva i loro regolamenti.

Per i mercati all'ingrosso dei titoli di Stato, la società di gestione è autorizzata dal ministero dell'economia e delle finanze sulla base del parere della Consob e della Banca d'Italia

2.

Mercato MTAX (MTAX)

3.

Mercato Expandi

4.

Mercato obbligazionario telematico (MOT)

5.

Mercato telematico fondi aperti e ETC (ETF-Plus)

6.

Mercato telematico dei Securitised Derivatives (SeDeX)

7.

Mercato italiano dei derivati per la negoziazione degli strumenti finanziari di cui agli articoli 1(2)(f) e 1(2)(i) del testo unico consolidato sulla finanza (IDEM)

8.

Mercato all'ingrosso dei titoli di Stato italiani ed esteri (MTS)

8-10.

Società per il Mercato dei Titoli di Stato — MTS SpA

9.

Negoziazione all'ingrosso in obbligazioni e titoli non governativi emessi da organismi internazionali partecipati da Stati (MTS Corporate)

10.

Negoziazione online all'ingrosso di titoli di Stato (BondVision)

11.

TLX Market

11.

TLX SpA

Lettonia

Borsa valori di Riga:

Listino principale

Listino titoli di debito

Listino secondario

Listino fondi

JSC Rigas Fondu Birza

Commissione di vigilanza sui mercati finanziari e dei capitali

Lituania

Borsa valori di Vilnius:

The Main List of the Vilnius Stock Exchange

The Secondary list of the Vilnius Stock Exchange

The Debt Securities List of the Vilnius Stock Exchange

Borsa valori di Vilnius

Commissione per la vigilanza sui titoli della Lituania

Lussemburgo

Bourse de Luxembourg

Société de la Bourse de Luxembourg S.A.

Commission de surveillance du Secteur Financier

Malta

Malta Stock Exchange

Malta Stock Exchange

Malta Financial Services Authority

Paesi Bassi

1.

a)

Euronext Amsterdam Cash Market:

Euronext Amsterdam

b)

Euronext Amsterdam Derivatives Market

1.

NYSE Euronext (International) BV, NYSE Euronext (Holding) BV, Euronext NV, Euronext (Holdings) NV en Euronext Amsterdam NV

Autorizzazione del Ministero delle finanze dietro consulenza dell'autorità di vigilanza sui mercati finanziari dei Paesi Bassi Vigilanza da parte dell'autorità per la vigilanza sui mercati finanziari e del ministero delle finanze olandese

2.

Endex

2.

ENDEX European Energy Derivatives Exchange N.V.

3.

MTS Amsterdam

3.

MTS Amsterdam N.V.

Polonia

1.

Rynek podstawowy (Mercato principale)

1 e 2.

Gielda Papierów Wartościowych w Warszawie (Borsa valori di Varsavia)

Komisja Nadzoru Finansowego (Commissione di vigilanza finanziaria)

2.

Rynek równolegly (Mercato parallelo)

3.

Rynek Papierów Wartosciowych CeTO (regulowany rynek pozagieldowy) (Mercato regolamentato titoli fuori borsa CeTO)

3.

MTS-CeTO S.A.

Portogallo

1.

Eurolist by Euronext Lisbon (Mercato di quotazione ufficiale)

Mercati 1 e 2:

Euronext Lisbon — Sociedade Gestora de Mercados Regulamentados, S.A.

Il ministero delle finanze autorizza i mercati su proposta del Comissão do Mercado de Valores Mobiliários (CMVM, responsabile per la regolamentazione e la vigilanza dei mercati)

2.

Mercado de Futuros e Opções (Mercato future e opzioni)

3.

MEDIP — Mercado Especial de Dívida Pública (Mercato speciale per il debito pubblico)

Mercato 3:

MTS Portugal — Sociedade Gestora do Mercado Especial de Dívida Pública, SGMR, S.A.

Romania

1.

Piaţa reglementată (Mercato regolamentato Spot — BVB)

1 e 2.

S.C. Bursa de Valori Bucureşti S.A. (Borsa valori Bucarest S.A.)

Comisia Naţională a Valorilor Mobiliare (Commissione nazionale vigilanza titoli rumena)

2.

Piaţa reglementată la termen (Mercato regolamentato dei derivati — BVB)

3.

Piaţa reglementată — (Mercato regolamentato dei derivati — BMFMS)

3.

S.C. Bursa Monetar-Financiară şi de Mărfuri S.A. Sibiu (Borsa monetaria-finanziaria e prodotti di base S.A. Sibiu)

Comisia Naţională a Valorilor Mobiliare (Commissione nazionale vigilanza titoli rumena)

Repubblica slovacca

1.

Mercato titoli quotati

Mercato quotazioni principali

Mercato quotazioni parallele

Mercato nuove quotazioni

Borsa valori di Bratislava

Banca centrale di Slovacchia

2.

Libero mercato regolamentato

Slovenia

1.

Borzni trg (Mercato ufficiale borsa valori di Lubiana)

Borsa valori di Lubiana (Ljubljanska borza)

Agenzia di vigilanza sui mercati dei titoli (Agencija za trg vrednostnih papirjev)

2.

Prosti trg (Mercato semiufficiale borsa valori di Lubiana)

Spagna

A.

Bolsas de Valores (tutte comprendenti primo mercato, secondo mercato e nuovo mercato)

1.

Bolsa de Valores de Barcelona

2.

Bolsa de Valores de Bilbao

3.

Bolsa de Valores de Madrid

4.

Bolsa de valores de Valencia

A.1.

Sociedad Rectora de la Bolsa de Valores de Barcelona S.A.

A.2.

Soc. Rectora de la Bolsa de Valores de Bilbao S.A.

A.3.

Soc. Rectora de la Bolsa de Valores de Madrid S.A.

A.4.

Soc. Rectora de la Bolsa de Valores de Valencia S.A.

CNMV (Comisión Nacional del Mercado de Valores) Banco de España responsabile per il mercato del debito pubblico

B.

Mercados oficiales de Productos Finacieros Derivados

1.

MEFF Renta Fija

2.

MEFF Renta Variable

B.1.

Soc. Rectora de Productos Financieros Derivados de RENTA Fija S.A.

B.2.

Soc. Rectora de Productos Financieros Derivados de Renta Variable S.A.

C.

Mercado MFAO de Futuros del Aceite de Oliva

C.

(MFAO) Sociedad rectora del Mercado de Futuros del Aceite de Oliva, S.A.

D.

AIAF Mercado de Renta Fija

D.

AIAF Mercado de Renta Fija

E.

Mercados de Deuda Pública en Anotaciones

E.

Banco de España

Svezia

1.

OMX Nordic Exchange Stockholm

Mercato azionario

Mercato obbligazionario

Mercato dei derivati

1.

OMX Nordic Exchange Stockholm AB

Finansinspektionen (Autorità di vigilanza finanziaria)

2.

Nordic Growth Market

Mercato azionario

Mercato obbligazionario

Mercato dei derivati

2.

Nordic Growth Market NGM AB

Regno Unito

1.

EDX

1.

EDX London Limited

1-7

Financial Services Authority

2.

PLUS-listed Market

2.

PLUS Markets plc

3.

virt-x Exchange Limited

3.

virt-x Exchange Limited

4.

The London International Financial Futures and Options Exchanges (LIFFE)

4.

LIFFE Administration and Management

5.

The London Metal Exchange

5.

The London Metal Exchange Limited

6.

ICE Futures Europe

6.

ICE Futures Europe

7.

London Stock Exchange — Regulated Market

7.

London Stock Exchange plc

Islanda

1.

OMX Nordic Exchange á Íslandi (mercato regolamentato)

1.

OMX Nordic Exchange

Fjármálaeftirlitið (Autorità di vigilanza finanziaria)

2.

[First North (sistema negoziazione multilaterale)]

2.

(OMX Nordic Exchange)

Norway

1.

Oslo Stock Exchange (quotazione ufficiale)

Mercato azionario

Mercato derivati (finanziari)

Mercato obbligazionario

1.

Oslo Børs ASA

Kredittilsynet (Autorità di vigilanza finanziaria della Norvegia)

2.

Oslo Axess

Mercato azionario

Mercato obbligazionario

2.

Oslo Børs ASA

3.

Nord Pool (quotazione ufficiale)

Mercato derivati (prodotti base)

3.

Nord Pool ASA

4.

Imarex

Mercato derivati (prodotti base)

4.

Imarex ASA

5.

Fish Pool

Mercato derivati (prodotti base)

5.

Fish Pool ASA

6.

Fishex

Mercato derivati (prodotti base)

6.

Fishex ASA


V Avvisi

PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

Cedefop

1.3.2008   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 57/28


INVITO APERTO A PRESENTARE PROPOSTE — GP/RPA/ReferNet-FPA/002/08

ReferNet — Rete europea di riferimento ed esperienza nel campo dell'istruzione e della formazione professionale

(2008/C 57/12)

1.   Obiettivi e descrizione

La rete europea di riferimento ed esperienza nel campo dell'istruzione e della formazione professionale (ReferNet) si avvale di un consorzio nazionale in ciascuno Stato membro, Islanda e Norvegia, costituito da organizzazioni rappresentative delle strutture d'istruzione e formazione professionale. Ogni consorzio è guidato da un responsabile nazionale.

Al fine di agevolare queste attività, questo invito a presentare proposte è rivolto a consorzi nazionali o a istituzioni chiave che operano nel campo dell'istruzione e della formazione professionale. Verrà selezionato un solo beneficiario per ciascuno Stato membro. Il consorzio nazionale collaborerà con il rappresentante nazionale di ReferNet e con il Cedefop nell'attuazione e convalida delle attività.

L'obiettivo generale di questo invito a presentare proposte è di selezionare e concludere un accordo quadro triennale di partenariato con il candidato vincente (un'organizzazione od un consorzio) in ciascuno dei paesi ammissibili, per istituire e guidare un consorzio nazionale e rappresentativo di organizzazioni chiave nel settore della VET allo scopo di sostenere il Cedefop e svolgere, assieme ai partner consortili, attività concordate di anno in anno secondo un piano d'azione annuale.

Le attività del piano d'azione di ciascun consorzio saranno selezionate tra quelle elencate nella sezione «ambito delle attività». Anche se il responsabile del consorzio deve dimostrare che il consorzio ha le capacità per portare a termine tutte le attività elencate, si noti che non tutte le attività elencate devono necessariamente essere portate a termine dal consorzio ogni anno.

L'azione annuale del consorzio sarà finanziata da una specifica convenzione di sovvenzione, che viene conclusa annualmente. L'ammontare della sovvenzione varia a seconda delle dimensioni del paese e dell'azione (insieme delle attività) svolta.

2.   Bilancio e durata del progetto

Il bilancio di previsione disponibile per la durata dell'accordo quadro di partenariato è pari a 4 000 000 EUR per tutti i paesi partecipanti (EU-27, NO, IS) in funzione delle decisioni dell'autorità di bilancio.

Il bilancio complessivo disponibile su base annua (all'incirca 1 Mio EUR) verrà erogato a tutti gli Stati partecipanti in base a tre gruppi di paesi, in funzione della popolazione:

Gruppo di paesi 1: Cipro, Estonia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Slovenia e Islanda.

Gruppo di paesi 2: Austria, Belgio, Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Grecia, Ungheria, Irlanda, Paesi Bassi, Portogallo, Romania, Repubblica Slovacca, Svezia e Norvegia.

Gruppo di paesi 3: Francia, Germania, Italia, Polonia, Spagna, Regno Unito.

La sovvenzione comunitaria è un contributo finanziario per i costi che il beneficiario (e/o i cobeneficiari) deve sostenere, che deve essere integrato con un contributo finanziario proprio e/o con altri contributi locali, regionali, nazionali e/o privati. Il contributo comunitario complessivo non dovrà superare il 70 % delle spese sovvenzionabili.

Il Cedefop si riserva il diritto di non concedere l'intero bilancio disponibile.

3.   Criteri di ammissione

Le candidature che rispondono ai criteri di ammissione saranno oggetto di una valutazione.

3.1.   Organizzazioni ammissibili

Per essere ammessi, i candidati (responsabili nazionali del consorzio) devono soddisfare i seguenti requisiti:

essere organizzazioni pubbliche o private, dotate di statuto e personalità giuridici (pertanto, le persone fisiche — ossia i singoli — non possono presentare candidature),

guidare un consorzio nazionale la cui composizione riflette la diversità delle parti interessate all'interno del paese,

essere in grado di portare a termine tutte le attività comprese nell'ambito di quelle specificate nella sezione 3 del testo integrale dell'invito a presentare proposte (raccolta e analisi di informazioni, ricerca, documentazione e banche dati, disseminazione e promozione).

3.2.   Paesi ammissibili

Sono ammissibili le candidature provenienti dai seguenti paesi:

Lussemburgo, Malta, Romania e Norvegia.

Le organizzazioni con sede in paesi diversi da quelli sopra elencati non sono ammesse.

3.3.   Proposte ammissibili

Devono essere rispettati sia il termine per la presentazione delle domande sia tutti gli altri criteri formali di ammissione specificati nell'invito a presentare proposte.

Il Cedefop si riserva il diritto di ignorare le proposte che risultino incomplete allo scadere del termine. Si riserva anche il diritto di richiedere ulteriori informazioni necessarie per prendere una decisione definitiva in merito alla concessione del sostegno finanziario.

4.   Termine

Le candidature per l'accordo quadro di partenariato devono essere inviate al più tardi entro e non oltre il 21 aprile 2008.

5.   Ulteriori informazioni

Le specifiche dettagliate dell'invito a presentare proposte, l'atto di candidatura e i suoi allegati sono disponibili sul sito web del Cedefop al seguente indirizzo:

http://www.cedefop.europa.eu/index.asp?section=3

Le candidature devono rispondere ai requisiti elencati nel testo integrale dell'invito ed essere presentate avvalendosi dei moduli ufficiali forniti.

La valutazione delle proposte si baserà sui principi di trasparenza e di equo trattamento.

Per quanto concerne i criteri di aggiudicazione quantitativi e qualitativi definiti nel testo integrale dell'invito, tutte le candidature ammissibili saranno valutate da un comitato. Esperti esterni saranno invitati a partecipare alla procedura di selezione.


PROCEDIMENTI RELATIVI ALL'ATTUAZIONE DELLA POLITICA DELLA CONCORRENZA

Commissione

1.3.2008   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 57/30


Notifica preventiva di una concentrazione

(Caso COMP/M.4874 — Itema/BarcoVision)

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(2008/C 57/13)

1.

In data 20 febbraio 2008 è pervenuta alla Commissione la notifica di un progetto di concentrazione in conformità all'articolo 4 del regolamento (CE) n. 139/2004 del Consiglio (1). Con tale operazione l'impresa Itema Holding SpA («Itema», Italia), controllata congiuntamente dai gruppi Radici e Mirco Radici, acquisisce ai sensi dell'articolo 3, paragrafo 1, lettera b), del regolamento del Consiglio il controllo dell'insieme dell'impresa Gebrueder Loepfe AG («BarcoVision», Svizzera) mediante acquisto di azioni.

2.

Le attività svolte dalle imprese interessate sono le seguenti:

per Itema: produzione e fornitura di macchinari tessili,

per BarcoVision: produzione e fornitura di sensori, sistemi di controllo e gestione informatizzata della produzione per il settore tessile.

3.

A seguito di un esame preliminare la Commissione ritiene che la concentrazione notificata possa rientrare nel campo d'applicazione del regolamento (CE) n. 139/2004. Tuttavia, si riserva la decisione finale al riguardo.

4.

La Commissione invita i terzi interessati a presentare le loro eventuali osservazioni sulla concentrazione proposta.

Le osservazioni debbono pervenire alla Commissione non oltre dieci giorni dalla data di pubblicazione della presente comunicazione. Le osservazioni possono essere trasmesse alla Commissione per fax [(32-2) 296 43 01 o 296 72 44] o per posta, indicando il riferimento COMP/M.4874 — Itema/BarcoVision, al seguente indirizzo:

Commissione europea

Direzione generale della Concorrenza

Protocollo Concentrazioni

J-70

B-1049 Bruxelles/Brussel


(1)  GU L 24 del 29.1.2004, pag. 1.


ALTRI ATTI

Commissione

1.3.2008   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 57/31


Aggiornamento dell'elenco dei permessi di soggiorno di cui all'articolo 2, paragrafo 15, del regolamento (CE) n. 562/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce un codice comunitario relativo al regime di attraversamento delle frontiere da parte delle persone (codice frontiere Schengen) [GU C 247 del 13.10.2006, pag. 1, GU C 153 del 6.7.2007, pag. 5, GU C 192 del 18.8.2007, pag. 11, GU C 271 del 14.11.2007, pag. 14]

(2008/C 57/14)

La pubblicazione dell'elenco dei permessi di soggiorno di cui all'articolo 2, paragrafo 15, del regolamento (CE) n. 562/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 marzo 2006, che istituisce un codice comunitario relativo al regime di attraversamento delle frontiere da parte delle persone (codice frontiere Schengen) si basa sulle informazioni comunicate dagli Stati membri alla Commissione a norma dell'articolo 34 del codice frontiere Schengen.

Oltre alle pubblicazioni nella GU, sul sito web della direzione generale della Giustizia, della libertà e della sicurezza è possibile consultare un aggiornamento mensile.

REPUBBLICA CECA

Sostituisce l'elenco pubblicato nella GU C 247 del 13.10.2006

Titoli di soggiorno:

 

A norma del regolamento (CE) n. 1030/2002 del Consiglio:

Povolení k pobytu

[permesso di soggiorno, sticker uniforme sul documento di viaggio — rilasciato dal 1o maggio 2004 ai cittadini di paesi terzi per soggiorni permanenti o di lunga durata (la pertinente categoria di soggiorno è indicata sullo sticker)]

 

Altri:

Průkaz o pobytu rodinného příslušníka občana Evropské unie

(carta di soggiorno per familiari di cittadini dell'Unione europea — rilasciata a cittadini di paesi terzi — familiari di cittadini dell'UE per soggiorni temporanei)

Průkaz o povolení k trvalému pobytu

[carta di soggiorno permanente, libretto verde — rilasciato dal 27 aprile 2006 a cittadini di paesi terzi — familiari di cittadini dell'UE e a cittadini SEE/svizzeri (fino al 21 dicembre 2007)]

Potvrzení o přechodném pobytu na území

(certificato di soggiorno temporaneo, documento pieghevole — rilasciato dal 27 aprile 2006 a cittadini UE/SEE/svizzeri)

Povolení k pobytu

(permesso di soggiorno, sticker sul documento di viaggio — rilasciato dal 15 marzo 2003 al 30 aprile 2004 a cittadini di paesi terzi che risiedono permanentemente)

Průkaz o povolení k pobytu pro cizince

(permesso di soggiorno, libretto verde — rilasciato dal 1996 al 1o maggio 2004 a cittadini di paesi terzi che risiedono permanentemente, dal 1o maggio 2004 al 27 aprile 2006 per il soggiorno temporaneo o permanente di cittadini SEE/svizzeri e loro familiari; rilasciato per soggiorno permanente di cittadini svizzeri)

Průkaz o povolení k pobytu pro cizince

(permesso di soggiorno, libretto verde — rilasciato a cittadini SEE/svizzeri dalla data di adesione della Repubblica ceca allo spazio Schengen)

Průkaz povolení k pobytu azylanta

(permesso di soggiorno per rifugiati, libretto grigio — rilasciato a coloro cui è stato concesso l'asilo)

Průkaz oprávnění k pobytu osoby požívající doplňkové ochrany

(permesso di soggiorno per persone sotto protezione sussidiaria, libretto giallo — rilasciato a coloro cui è stata concessa la protezione sussidiaria)

Altri documenti:

Cestovní doklad Úmluva z 28. července 1951

[documento di viaggio, convenzione del 28 luglio 1951 — rilasciato dal 1o gennaio 1995 (dal 1o settembre 2006 come passaporto elettronico)]

Cizinecký pas

[passaporto per stranieri — se rilasciato a un apolide (indicato nelle pagine interne con un timbro ufficiale dalla dicitura «Úmluva z 28. září 1954/convenzione del 28 settembre 1954» — rilasciato dal 17 ottobre 2004) (dal 1o settembre 2006 come passaporto elettronico)]

Seznam cestujících na školní výlet v rámci Evropské unie

(elenco dei partecipanti ad un viaggio scolastico all'interno dell'Unione europea, documento cartaceo — rilasciato dal 1o aprile 2006)

Documenti rilasciati dal ministero degli Affari esteri

 

Diplomatické identifikační průkazy s označením

(Carta di identità diplomatica con i codici seguenti)

D — pro členy diplomatického personálu diplomatických misí

(D — per i membri del personale diplomatico delle rappresentanze diplomatiche)

K — pro konzulární úředníky konzulárních úřadů

(K — per gli agenti consolari delle rappresentanze consolari)

MO/D — pro úředníky mezinárodních vládních organizací, kteří požívají diplomatických výsad a imunit ve stejném rozsahu jako diplomatičtí zástupci.

(MO/D — per i funzionari delle organizzazioni governative internazionali che godono, in virtù di un trattato internazionale o di una normativa nazionale, degli stessi privilegi e immunità del personale diplomatico)

 

Identifikační průkazy s označením

(Carte di identità con i codici seguenti)

ATP — pro členy administrativního a technického personálu diplomatických misí

(ATP — per i membri del personale amministrativo e tecnico delle rappresentanze diplomatiche)

KZ — pro konzulární zaměstnance konzulárních úřadů

(KZ — per il personale consolare delle rappresentanze consolari)

MO/ATP — pro úředníky mezinárodních vládních organizací, kteří požívají diplomatických výsad a imunit ve stejném rozsahu jako členové administrativního a technického personálu diplomatické mise

(MO/ATP — per i funzionari delle organizzazioni governative internazionali che godono, in virtù di un trattato internazionale o di una normativa nazionale, degli stessi privilegi e immunità del personale amministrativo e tecnico delle rappresentanze diplomatiche)

MO — pro úředníky mezinárodních vládních organizací, kteří požívají výsad a imunit podle příslušné mezinárodní smlouvy

(MO — per i funzionari delle organizzazioni governative internazionali che godono dei privilegi e delle immunità in forza dei pertinenti trattati internazionali)

SP, resp. SP/K — pro členy služebního personálu diplomatické mise, resp. konzulárního úřadu

(SP o SP/K — per i membri del personale di servizio delle rappresentanze diplomatiche o consolari)

SSO, resp. SSO/K — pro soukromé služebné osoby členů personálu diplomatické mise, resp. konzulárního úřadu.

(SSO o SSO/K — per i domestici privati del personale delle rappresentanze diplomatiche o consolari)

FRANCIA

Sostituisce l'elenco pubblicato nella GU C 153 del 6.7.2007

1.

Gli stranieri maggiorenni devono munirsi dei seguenti documenti:

Carte de séjour temporaire comportant une mention particulière qui varie selon le motif du séjour autorisé

(permesso di soggiorno temporaneo recante una menzione specifica che varia secondo il motivo del soggiorno autorizzato)

Carte de séjour portent la mention «compétences et talents»

(permesso di soggiorno recante la menzione «competenze e talenti»)

Carte de séjour portent la mention «retraité»

(permesso di soggiorno recante la menzione «pensionato»)

Carte de résident

(carta di soggiorno)

Carte de résident portent la mention «résident de longue durée-CE»

(carta di soggiorno recante la menzione «soggiornante di lungo periodo CE»)

Carte de résident délivrée aux ressortissants andorrans

(carta di soggiorno rilasciata ai cittadini di Andorra)

Certificat de résidence d'Algérien portant une mention particulière qui varie selon le motif du séjour autorisé

(certificato di residenza per cittadini algerini con una menzione specifica che varia secondo il motivo del soggiorno autorizzato)

Carte de résidence d'Algérien portant la mention «retraité»

(certificato di residenza per cittadini algerini recante la menzione «pensionato»)

Carte de séjour délivrée aux citoyens de l'Union européenne, aux ressortissants des Etats parties à L'Espace économique européenne et aux ressortissants suisses ainsi qu'aux membres de leur famille

(les membres de la famille peuvent être ressortissants de pays tiers)

(permesso di soggiorno rilasciato a cittadini dell'UE, cittadini SEE/svizzeri e loro familiari.

I familiari possono essere anche cittadini di paesi terzi)

Autorisation provisoire de séjour portant la mention «Volontariat associatif»

(autorizzazione temporanea di soggiorno recante la menzione «volontariato associativo»)

Autorisation provisoire de séjour portant la mention «Etudiant en recherche d'emploi»

(autorizzazione temporanea di soggiorno recante la menzione «studente in cerca di lavoro»)

Autorisation provisoire de séjour portant la mention «Parent accompagnant»

(autorizzazione temporanea di soggiorno recante la menzione «genitore che accompagna»)

Autorisation provisoire de séjour portant la mention «Bénéficiaire de la protection temporaire»

(autorizzazione temporanea di soggiorno recante la menzione «titolare di protezione temporanea»)

Fino al 31 dicembre 2006, i permessi di soggiorno di durata pari o inferiore a un anno possono presentarsi come sticker apposti sul passaporto.

Dal 13 maggio 2002, a prescindere dalla durata di validità, sono rilasciati invece sotto forma di carta plastificata secondo il modello uniforme europeo.

La produzione di permessi di soggiorno plastificati secondo il modello francese è stata interrotta il 12 maggio 2002, ma questo tipo di permesso è ancora valido, al massimo fino al 12 maggio 2012.

Cartes officielles valant de titre de séjour, délivrées par le Ministère des Affaires Etrangères

(permessi ufficiali con valore di titolo di soggiorno rilasciati dal ministero degli Affari esteri)

a)   Titres de séjours spéciaux

Titre de séjour spécial portant la mention CMD/A délivrée aux Chefs de Mission diplomatique

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione CMD/A rilasciato ai capi delle rappresentanze diplomatiche)

Titre de séjour spécial portant la mention CMD/M délivrée aux Chefs de Mission d'Organisation Internationale

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione CMD/M rilasciato ai capi delle rappresentanze di organizzazioni internazionali)

Titre de séjour spécial portant la mention CMD/D délivrée aux Chefs d'une délégation permanente auprès d'une Organisation Internationale

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione CMD/D rilasciato ai capi delle delegazioni permanenti presso le organizzazioni internazionali)

Titre de séjour spécial portant la mention CD/A délivrée aux agents du Corps Diplomatique

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione CD/A rilasciato agli agenti diplomatici)

Titre de séjour spécial portant la mention CD/M délivrée aux Hauts Fonctionnaires d'une organisation Internationale

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione CD/M rilasciato agli alti funzionari delle organizzazioni internazionali)

Titre de séjour spécial portant la mention CD/D délivrée aux assimilés diplomatiques membres d'une délégation permanente auprès d'une Organisation Internationale

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione CD/D rilasciato alle persone assimilate ai diplomatici membri delle delegazioni permanenti presso le organizzazioni internazionali)

Titre de séjour spécial portant la mention CC/C délivrée aux Fonctionnaires Consulaires

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione CC/C rilasciato agli agenti consolari)

Titre de séjour spécial portant la mention AT/A délivrée au personnel Administratif ou Technique d'une Ambassade

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione AT/A rilasciato al personale amministrativo o tecnico delle ambasciate)

Titre de séjour spécial portant la mention AT/C délivrée au personnel Administratif ou Technique d'un Consulat

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione AT/C rilasciato al personale amministrativo o tecnico dei consolati)

Titre de séjour spécial portant la mention AT/M délivrée au personnel Administratif ou Technique d'une Organisation Internationale

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione AT/M rilasciato al personale amministrativo o tecnico delle organizzazioni internazionali)

Titre de séjour spécial portant la mention AT/D délivrée au personnel Administratif ou Technique d'une Délégation auprès d'une Organisation Internationale

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione AT/D rilasciato al personale amministrativo o tecnico delle delegazioni presso le organizzazioni internazionali)

Titre de séjour spécial portant la mention SE/A délivrée au personnel de Service d'une Ambassade

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione SE/A rilasciato al personale di servizio delle ambasciate)

Titre de séjour spécial portant la mention SE/C délivrée au personnel de Service d'un Consulat

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione SE/C rilasciato al personale di servizio dei consolati)

Titre de séjour spécial portant la mention SE/M délivrée au personnel de Service d'une Organisation Internationale

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione SE/M rilasciato al personale di servizio delle organizzazioni internazionali)

Titre de séjour spécial portant la mention SE/D délivrée au personnel de Service d'une Délégation auprès d'une Organisation Internationale

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione SE/D rilasciato al personale di servizio delle delegazioni presso le organizzazioni internazionali)

Titre de séjour spécial portant la mention PP/A délivrée au Personnel Privé d'un diplomate

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione PP/A rilasciato al personale privato dei diplomatici)

Titre de séjour spécial portant la mention PP/C délivrée au Personnel Privé d'un Fonctionnaire consulaire

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione PP/C rilasciato al personale privato degli agenti consolari)

Titre de séjour spécial portant la mention PP/M délivrée au Personnel Privé d'un membre d'une Organisation Internationale

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione PP/M rilasciato al personale privato dei membri delle organizzazioni internazionali)

Titre de séjour spécial portant la mention PP/D délivrée au Personnel Privé d'un membre d'une Délégation permanente auprès d'une Organisation Internationale

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione PP/D rilasciato al personale privato dei membri delle delegazioni permanenti presso le organizzazioni internazionali)

Titre de séjour spécial portant la mention EM/A délivrée aux Enseignants ou Militaires à statut spécial attachés auprès d'une Ambassade

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione EM/A rilasciato agli insegnanti o ai militari aventi statuto speciale, addetti presso le ambasciate)

Titre de séjour spécial portant la mention EM/C délivrée aux Enseignants ou Militaires à statut spécial attachés auprès d'un Consulat

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione EM/C rilasciato agli insegnanti o ai militari aventi statuto speciale, addetti presso i consolati)

Titre de séjour spécial portant la mention EF/M délivrée aux Fonctionnaires internationaux domiciliés à l'étranger

(titolo di soggiorno speciale recante la menzione EF/M rilasciato ai funzionari internazionali domiciliati all'estero)

b)   Titoli monegaschi

la carte de séjour de résident temporaire de Monaco

(permesso di soggiorno per residente temporaneo di Monaco)

la carte de séjour de résident ordinaire de Monaco

(permesso di soggiorno per residente ordinario di Monaco)

la carte de séjour de résident privilégié de Monaco

(permesso di soggiorno per residente privilegiato di Monaco)

la carte de séjour de conjoint de ressortissant monégasque

(permesso di soggiorno per il coniuge di un cittadino monegasco)

2.

Gli stranieri minorenni devono essere muniti dei seguenti documenti:

Document de circulation pour étrangers mineurs

(Documento di circolazione per stranieri minori)

Titre d'identité républicain

(Documento d'identità della Repubblica francese)

Visa de retour (sans condition de nationalité et sans présentation du titre de séjour, auquel ne sont pas soumis les enfants mineurs)

(Visto di reingresso) (a prescindere dalla cittadinanza e senza presentazione del titolo di soggiorno, dal quale sono esentati i figli minori)

Passeport diplomatique/de service/ordinaire des enfants mineurs des titulaires d'une carte spéciale du Ministère des Affaires étrangères revêtu d'un visa de circulation

(Passaporto diplomatico/di servizio/ordinario di figli minorenni dei titolari di un permesso speciale del Ministero degli Affari esteri munito di un visto di viaggio)

3.

Elenco dei partecipanti ad un viaggio scolastico all'interno dell'Unione europea

N.B. 1:

Va notato che le ricevute rilasciate all'atto della prima domanda di titolo di soggiorno non consentono l'ingresso senza visto. Sono invece valide le ricevute delle domande di rinnovo o di modifica del titolo di soggiorno a condizione che siano accompagnate dal vecchio titolo di soggiorno.

N.B. 2:

Le «attestations de fonction» (attestati di funzione) rilasciate dal protocollo del ministero degli Affari esteri non hanno valore di titolo di soggiorno. I loro titolari devono inoltre possedere uno dei titoli di soggiorno ordinari.

ITALIA

Tipo di permesso di soggiorno suppletivo:

Ricevuta speciale di Poste italiane Spa della domanda di rinnovo del permesso di soggiorno.

L'uso di detta ricevuta è possibile esclusivamente insieme con il passaporto dello straniero ed il permesso di soggiorno scaduto. Questa ricevuta sarà valida dal 14 dicembre 2007 fino al 31 marzo 2008.

LETTONIA

Sostituisce l'elenco pubblicato nella GU C 247 del 13.10.2006

Pastāvīgās uzturēšanās atļauja

(permesso di soggiorno permanente — in forma di sticker, di colore verde)

Uzturēšanās atļauja

[permesso di soggiorno — in forma di sticker, rilasciato dal 1o maggio 2004 ai sensi del regolamento (CE) n. 1030/2002]

Nepilsoņa pase

(passaporto per stranieri, di colore viola)

Savienības pilsoņa ģimenes locekļa uzturēšanās atļauja

(permesso di soggiorno temporaneo per familiari di un cittadino UE/SEE/svizzero che sono cittadini di paesi terzi; foglio di formato A5 con elementi di sicurezza incorporati)

Savienības pilsoņa ģimenes locekļa pastāvīgās uzturēšanās atļauja

(permesso di soggiorno permanente per familiari di un cittadino UE/SEE/svizzero che siano cittadini di paesi terzi; foglio di formato A5 con elementi di sicurezza incorporati)

Ceļotāju saraksts izglītības iestādes ekskursijām Eiropas Savienībā

(elenco dei partecipanti ad un viaggio scolastico all'interno dell'Unione europea)

Carte d'identità rilasciate dal ministero degli Affari esteri:

carta d'identità di categoria A — per il personale diplomatico (di colore rosso)

Le carte d'identità di categoria A sono rilasciate al personale diplomatico delle rappresentanze (ad es. ambasciatore, primo segretario, addetto) e ai loro familiari; sul retro figura un testo secondo cui il titolare gode di tutti i privilegi e le immunità conformemente alla convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche: «Šīs apliecības uzrādītājs bauda visas privilēģijas un imunitātes, kas paredzētas 1961. gada 18. aprīļa Vīnes konvencijā “Par diplomātiskajām attiecībām”»

carta d'identità di categoria B — per il personale amministrativo e tecnico (di colore giallo)

Le carte d'identità di categoria B sono rilasciate al personale amministrativo e tecnico delle rappresentanze; sul retro figura un testo secondo cui il titolare gode di privilegi e immunità parziali riservati al personale amministrativo e tecnico di cui all'articolo 37, paragrafo 2, della convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche: «Šīs apliecības uzrādītājs bauda daļējas privilēģijas un imunitātes, kas paredzētas administratīvajiem un tehniskajiem darbiniekiem saskaņā ar 1961. gada 18. aprīļa Vīnes konvencijas “Par diplomātiskajām attiecībām” 37. panta 2. punktu.».

carta d'identità di categoria C — per il personale delle organizzazioni internazionali (di colore bianco)

Le carte d'identità di categoria C sono rilasciate al personale delle organizzazioni internazionali e ai relativi familiari; sul retro figura un testo secondo cui il titolare gode di privilegi e immunità conformemente all'accordo concluso tra la Repubblica di Lettonia e la rispettiva organizzazione internazionale: «Šīs apliecības uzrādītājs bauda privilēģijas un imunitātes, kas paredzētas līgumā starp Latvijas Republiku un attiecīgo starptautisko organizāciju»

carta d'identità di categoria D — per il personale di prima categoria degli uffici consolari (di colore blu)

Le carte d'identità di categoria D sono rilasciate agli agenti consolari di prima categoria delle rappresentanze consolari; sul retro figura un testo secondo cui il titolare gode di tutti i privilegi e le immunità previsti dalla convenzione di Vienna sulle relazioni consolari: «Šīs apliecības uzrādītājs bauda visas privilēģijas un imunitātes, kas paredzētas 1963. gada 24. aprīļa Vīnes konvencijā “Par konsulārajām attiecībām”»

carte d'identità di categoria F (di colore verde) — ne esistono due tipi:

le carte d'identità di categoria F sono rilasciate al personale di servizio delle rappresentanze; sul retro figura un testo secondo cui il titolare gode di privilegi e immunità parziali riservati al personale di servizio di cui all'articolo 37, paragrafo 3, della convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche: «Šīs apliecības uzrādītājs bauda daļējas privilēģijas un imunitātes, kas paredzētas vēstniecību apkalpojošam personālam saskaņā ar 1961. gada 18. aprīļa Vīnes konvencijas “Par diplomātiskajām attiecībām” 37. panta 3. punktu»

le carte d'identità di categoria F sono rilasciate ai domestici privati del personale delle rappresentanze; sul retro figura un testo secondo cui il titolare gode di privilegi e immunità parziali riservati al personale di servizio di cui all'articolo 37, paragrafo 4, della convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche: «Šīs apliecības uzrādītājs bauda daļējas privilēģijas un imunitātes, kas paredzētas vēstniecību apkalpojošam personālam saskaņā ar 1961. gada 18. aprīļa Vīnes konvencijas “Par diplomātiskajām attiecībām” 37. panta 4. punktu»

LITUANIA

Sostituisce l'elenco pubblicato nella GU C 247 del 13.10.2006

Leidimas laikinai gyventi Lietuvos Respublikoje

(permesso di soggiorno temporaneo della Repubblica di Lituania — tessera)

Leidimas nuolat gyventi Lietuvos Respublikoje (galioja iki 15.11.2009)

[permesso di soggiorno permanente della Repubblica di Lituania — tessera (valida fino al 15.11.2009)]

Europos Sąjungos valstybės narės piliečio šeimos nario leidimas gyventi Lietuvos Respublikoje

(permesso di soggiorno della Repubblica di Lituania rilasciato ai familiari dei cittadini di Stati membri dell'UE — tessera)

Lietuvos Respublikos ilgalaikio gyventojo leidimas gyventi Europos Bendrijoje

(permesso di soggiorno nella Comunità europea rilasciato ai soggiornanti di lungo periodo della Repubblica di Lituania — tessera)

Asmens grįžimo pažymėjimas

(certificato di ritorno, esclusivamente per il ritorno del titolare nella Repubblica di Lituania — di colore giallo-verde chiaro)

«A» kategorijos akreditacijos pažymėjimas (gelsvos/žalsvos/rausvos spalvos su raudona šonine juostele) suteikiamas diplomatiniams agentams, konsuliniams pareigūnams ir tarptautinių organizacijų atstovybių nariams, kurie pagal tarptautinę teisę naudojasi diplomatinėmis privilegijomis ir imunitetais

(certificato di accreditamento categoria «A» (di colore giallastro/verdastro/rosa con una striscia laterale rossa) — rilasciato agli agenti diplomatici, agli agenti consolari e ai membri degli uffici di rappresentanza delle organizzazioni internazionali, che godono delle immunità e dei privilegi diplomatici previsti dal diritto internazionale)

«B» kategorijos akreditacijos pažymėjimas (gelsvos/žalsvos/rausvos spalvos su žalia šonine juostele) suteikiamas administracinio techninio personalo nariams ir konsuliniams darbuotojams

(certificato di accreditamento categoria «B» (di colore giallastro/verdastro/rosa con una striscia laterale verde) — rilasciato ai membri del personale amministrativo e tecnico e agli impiegati consolari)

«C» kategorijos akreditacijos pažymėjimas (gelsvos/žalsvos/rausvos spalvos su geltona šonine juostele) suteikiamas aptarnaujančiojo personalo nariams ir privatiems namų darbininkams

(certificato di accreditamento categoria «C» (di colore giallastro/verdastro/rosa con una striscia laterale gialla) — rilasciato al personale di servizio delle rappresentanze diplomatiche e ai domestici privati dei diplomatici)

«E» kategorijos akreditacijos pažymėjimas (gelsvos/žalsvos/rausvos spalvos su pilka šonine juostele) suteikiamas tarptautinių organizacijų atstovybių nariams, kurie pagal tarptautinę teisę naudojasi ribotais imunitetais ir privilegijomis

[certificato di accreditamento categoria «E» (di colore giallastro/verdastro/rosa con una striscia laterale grigia) — rilasciato ai membri degli uffici di rappresentanza delle organizzazioni internazionali, che godono di privilegi e di immunità limitati previsti dal diritto internazionale]

SLOVACCHIA

Sostituisce l'elenco pubblicato nella GU C 247 del 13.10.2006

Povolenie na prechodný pobyt vo forme nálepky alebo identifikačnej karty

(permesso di soggiorno temporaneo sotto forma di sticker o carta d'identità)

Povolenie na trvalý pobyt vo forme identifikačnej karty

(permesso di soggiorno permanente sotto forma di carta d'identità)

Cestovný doklad pre utečenca (Dohovor OSN z 28. júla 1951)

[documento di viaggio per rifugiati (convenzione ONU del 28 luglio 1951)]

Cestovný doklad pre osoby bez štátnej príslušnosti (Dohovor OSN z 28. septembra 1954)

[documento di viaggio per apolidi (convenzione ONU del 28 settembre 1954)]

Cudzinecký pas v ktorom sa nachádza povolenie na pobyt vo forme nálepky vydanej osobe, ktorej bola poskytnutá doplnková ochrana na území Slovenskej republiky

(passaporto per stranieri con apposto permesso di soggiorno in formato sticker, rilasciato a titolari di protezione sussidiaria nel territorio della Repubblica slovacca)

Zoznam osôb zúčastňujúcich sa na školských výletoch v rámci Európskej únie

(elenco dei partecipanti ad un viaggio scolastico all'interno dell'Unione europea)

Identifikačný preukaz diplomatického zástupcu

(carta d'identità diplomatica)

Identifikačný preukaz administratívneho a technického personálu (vydávaný pre administratívny a technický personál veľvyslanectva alebo konzulátu)

(carta d'identità rilasciata al personale amministrativo e tecnico di un'ambasciata o di un consolato)

Identifikačný preukaz služobného a súkromného personálu (vydávaný pre služobný personál veľvyslanectva alebo konzulátu alebo pre súkromný personál diplomatického alebo administratívneho a technického alebo služobného personálu veľvyslanectva alebo konzulátu)

(carta d'identità rilasciata al personale di servizio di un'ambasciata o di un consolato e ai domestici privati del personale diplomatico o consolare)

Identifikačný preukaz pracovníkov medzinárodných organizácií

(carta d'identità per il personale delle organizzazioni internazionali)

SLOVENIA

Sostituisce l'elenco pubblicato nella GU C 247 del 13.10.2006

Dovoljenje za prebivanje (nalepka 74 × 105 mm)

Vrsta dovoljenja za prebivanje se označi na nalepki in se izda kot

a)

dovoljenje za stalno prebivanje

b)

dovoljenje za začasno prebivanje

[permesso di soggiorno (sticker 74 × 105 mm)]

(Il tipo di permesso di soggiorno è indicato sullo sticker:

a)

permesso di soggiorno permanente;

b)

permesso di soggiorno temporaneo)

Dovoljenje za stalno prebivanje (kartonček velikosti 12,5 × 8,8 cm)

Dovoljenje za stalno prebivanje v obliki kartončka se izda tujcu, katerega istovetnost ni sporna, nima in si ne more priskrbeti potne listine svoje matične države. Navedeno dovoljenje tujcu dovoljuje prebivanje v Republiki Sloveniji, ne dovoljuje pa mu prehajanja državne meje

(permesso di soggiorno permanente (tessera 12,5 × 8,8 mm)

(Il permesso di soggiorno permanente formato tessera è rilasciato allo straniero la cui identità sia certa e che non possegga o non possa esibire un passaporto del suo paese d'origine. Con questo permesso, lo straniero può risiedere nella Repubblica di Slovenia ma non può oltrepassare le frontiere dello Stato)

Dovoljenje za prebivanje za družinskega člana državljana EGP (kartična izvedba 91 × 60 mm)

Vrsta dovoljenja za prebivanje se označi na izkaznici in se izda kot:

a)

dovoljenje za stalno prebivanje

b)

dovoljenje za začasno prebivanje

(carta di soggiorno per familiari di cittadini SEE (tessera 91 × 60 mm)

(Il tipo di permesso di soggiorno è indicato sulla tessera:

a)

permesso di soggiorno permanente;

b)

permesso di soggiorno temporaneo)

Dovoljenje za prebivanje za družinskega člana slovenskega državljana (kartična izvedba 91 × 60 mm)

Vrsta dovoljenja za prebivanje se označi na izkaznici in se izda kot:

a)

dovoljenje za stalno prebivanje

b)

dovoljenje za začasno prebivanje

(carta di soggiorno per familiari di cittadini sloveni (tessera 91 × 60 mm)

(Il tipo di permesso di soggiorno è indicato sulla tessera:

a)

permesso di soggiorno permanente;

b)

permesso di soggiorno temporaneo)

Seznam potnikov za šolska potovanja znotraj Evropske unije

(elenco dei partecipanti ad un viaggio scolastico all'interno dell'Unione europea)

Titoli di soggiorno speciali rilasciati dal ministero degli Affari esteri:

Diplomatska izkaznica (kartična izvedba 54 × 85 mm)

(carta d'identità diplomatica (tessera 54 × 85 mm)

Službena izkaznica (kartična izvedba 54 × 85 mm)

(carta d'identità ufficiale (tessera 54 × 85 mm)

Konzularna izkaznica (kartična izvedba 54 × 85 mm)

(carta d'identità consolare (tessera 54 × 85 mm)

Konzularna izkaznica za častne konzularne funkcionarje (kartična izvedba 54 × 85 mm)

(carta d'identità consolare per consoli onorari (tessera 54 × 85 mm)


1.3.2008   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 57/38


Aggiornamento degli importi di riferimento per l'attraversamento delle frontiere esterne, a norma dell'articolo 5, paragrafo 3, del regolamento (CE) n. 562/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce un codice comunitario relativo al regime di attraversamento delle frontiere da parte delle persone (codice frontiere Schengen) [GU C 247 del 13.10.2006, pag. 19, GU C 153 del 6.7.2007, pag. 22, GU C 182 del 4.8.2007, pag. 18]

(2008/C 57/15)

La pubblicazione degli importi di riferimento per l'attraversamento delle frontiere esterne, a norma dell'articolo 5, paragrafo 3, del regolamento (CE) n. 562/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 marzo 2006, che istituisce un codice comunitario relativo al regime di attraversamento delle frontiere da parte delle persone (codice frontiere Schengen), si basa sulle informazioni comunicate dagli Stati membri alla Commissione a norma dell'articolo 34 del codice frontiere Schengen.

Oltre alle pubblicazioni nella Gazzetta ufficiale, sul sito web della direzione generale della Giustizia, della libertà e della sicurezza è possibile consultare un aggiornamento mensile.

SPAGNA

Sostituisce le informazioni pubblicate nella GU C 182 del 4.8.2007, pag. 18

L'ordinanza del ministero della Presidenza (PRE/1282/2007), del 10 maggio 2007, sui mezzi economici che gli stranieri sono tenuti a comprovare per entrare in territorio spagnolo stabilisce l'entità di tali mezzi:

a)

per il proprio sostentamento durante il soggiorno in Spagna si richiede un importo in euro equivalente al 10 % del salario minimo nazionale lordo (60,00 EUR per il 2008), o l'equivalente legale in moneta estera, moltiplicato per il numero di giorni da trascorrere in territorio spagnolo e per il numero di persone che viaggiano a carico dell'interessato. Tale importo sarà comunque pari ad almeno il 90 % del salario minimo nazionale lordo vigente (540,00 EUR per il 2008), o l'equivalente legale in moneta estera, per persona, indipendentemente dalla durata del soggiorno previsto;

b)

per il rientro nel paese di provenienza o per il transito verso paesi terzi, è necessario comprovare di disporre di biglietto o biglietti nominativi, non trasferibili e chiusi per il mezzo di trasporto che si intende utilizzare.

Lo straniero deve dimostrare di disporre dei mezzi economici previsti mediante esibizione degli stessi in caso di denaro contante, o mediante presentazione di assegni certificati, travellers cheque, lettere di credito o carte di credito che dovranno essere accompagnate dall'estratto del conto bancario o da un libretto di banca aggiornato (non saranno accettate lettere di istituti di credito né estratti conto via Internet), o di qualunque altro strumento che permetta di comprovare inequivocabilmente il credito disponibile nel conto bancario o nella carta di credito di cui sopra.

ROMANIA

Sostituisce le informazioni pubblicate nella GU C 77 del 5.4.2007, pag. 11

In conformità dell'articolo 6 della legge sugli stranieri n. 194/2002, può entrare in Romania lo straniero che dimostri di disporre di mezzi di sussistenza sufficienti per il soggiorno previsto e per il ritorno nel paese d'origine, ovvero per il transito verso un paese terzo nel quale l'ammissione è garantita.

Per quanto concerne gli importi richiesti per l'attraversamento delle frontiere esterne, è possibile ottenere un visto d'ingresso in Romania dimostrando di disporre dei mezzi di sussistenza per la durata del soggiorno, vale a dire l'equivalente di 50 EUR al giorno per l'intero periodo.

I cittadini dell'UE e degli Stati SEE sono esenti dalle condizioni sopraesposte ai fini del loro ingresso in Romania.


1.3.2008   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 57/39


Pubblicazione di una domanda di registrazione a norma dell'articolo 6, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 510/2006 del Consiglio relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni d'origine dei prodotti agricoli ed alimentari

(2008/C 57/16)

La presente pubblicazione conferisce il diritto di opporsi alla domanda di registrazione a norma dell'articolo 7 del regolamento (CE) n. 510/2006 del Consiglio (1). Le dichiarazioni di opposizione devono pervenire alla Commissione entro sei mesi dalla data della presente pubblicazione.

SCHEDA RIEPILOGATIVA

REGOLAMENTO (CE) N. 510/2006 DEL CONSIGLIO

«EDAM HOLLAND»

N. CE: NL/PGI/005/0329/27.11.2003

DOP ( ) IGP ( X )

La presente scheda riepilogativa contiene gli elementi principali del disciplinare ed è stata redatta a scopo informativo.

1.   Servizio competente dello Stato membro:

Nome:

Hoofdproductschap Akkerbouw

Indirizzo:

Postbus 29739

2502 LS 's-Gravenhage

Nederland

Tel.

(31-70) 370 87 08

Fax

(31-70) 370 84 44

E-mail:

plw@hpa.agro.nl

2.   Associazione:

Nome:

Nederlandse Zuivel Organisatie (NZO)

Indirizzo:

Postbus 165

2700 AD Zoetermeer

Nederland

Tel.

(31-79) 343 03 00

Fax

(31-79) 343 03 20

E-mail:

info@nzo.nl

Composizione:

Produttori/trasformatori ( X ) altro ( )

3.   Tipo di prodotto:

Categoria 1.3 — Formaggio

4.   Descrizione del disciplinare:

[riepilogo delle condizioni di cui all'articolo 4, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 510/2006]

4.1.   Nome: «Edam Holland»

4.2.   Descrizione: L'«Edam Holland» è un formaggio a stagionatura naturale, di tipo semiduro, che viene prodotto nei Paesi Bassi con latte vaccino proveniente da bestiame di allevatori dei Paesi Bassi e sottoposto a stagionatura, fino a divenire un prodotto pronto per il consumo, in appositi locali situati nei Paesi Bassi.

Composizione

Per la preparazione dell'«Edam Holland» si utilizzano una o più delle seguenti materie prime:

latte, panna, latte totalmente o parzialmente scremato (unicamente latte vaccino) proveniente da aziende zootecniche dei Paesi Bassi.

Caratteristiche specifiche

Il formaggio ha forma sferica con la superficie sia superiore che inferiore piatta, oppure anche la forma di un pane o di un parallelepipedo. Le specifiche figurano nella tabella riportata di seguito.

Il tenore di umidità vale per i 12 giorni successivi al primo giorno di preparazione, con l'eccezione rappresentata dal «Baby Edam Holland» per il quale vale 5 giorni dopo il primo giorno di preparazione.

Di seguito sono riportate le altre caratteristiche specifiche:

Sapore: da delicato a piccante, a seconda della stagionatura e del tipo.

Sezione: deve risultare di colore uniforme, con alcuni piccoli occhi rotondi. Il «Bros Edam» (Edam friabile) è caratterizzato da numerosissimi piccoli occhi. Il colore della pasta va dall'avorio al giallo.

Crosta: la crosta del formaggio è compatta, liscia, asciutta, pulita e priva di formazione di muffa. Si forma dall'essiccazione durante la stagionatura.

Consistenza: la pasta dell'«Edam Holland» giovane deve essere sufficientemente robusta e deve potersi tagliare senza difficoltà. Con il procedere della stagionatura del formaggio, la consistenza aumenta e la struttura si accorcia. Il «Bros Edam» deve essere sufficientemente robusto e friabile.

Durata di maturazione: almeno 28 giorni (per il «Baby Edam Holland» almeno 21 giorni). L'«Edam Holland» è un formaggio a stagionatura naturale. Per l'«Edam Holland» non è ammessa la stagionatura nella carta d'alluminio;

Temperatura di stagionatura: minimo 12 °C;

Età: il periodo che deve trascorrere affinché il prodotto sia pronto per essere consumato varia da un minimo di 28 giorni («Baby Edam Holland») a partire dal giorno di produzione a più di un anno.

Requisiti particolari di qualità

Il latte, la panna o il latte parzialmente scremato consegnati al produttore di formaggi non devono essere stati sottoposti ad alcun trattamento termico pastorizzante; è invece ammesso il trattamento termico non pastorizzante.

La panna e il latte totalmente o parzialmente scremato devono essere sottoposti, subito prima della preparazione dell'«Edam Holland», ad un trattamento termico pastorizzante per soddisfare i seguenti requisiti:

l'attività della fosfatasi non deve essere manifesta, a meno che non sia evidente l'attività della perossidasi,

il grado di acidità nel caso della panna, calcolato sul prodotto senza grasso, non deve superare 20 mmol NaOH per litro, a meno che il tenore di lattati raggiunga al massimo 200 mg per 100 g di sostanza senza grasso,

non devono essere presenti microrganismi di tipo coli in 0,1 ml.

Tutte le materie prime devono essere pastorizzate immediatamente prima della trasformazione nell'«Edam Holland», in modo tale che il tenore delle sieroproteine non denaturate non si discosti o si discosti solo in minima percentuale da quello della materia prima non pastorizzata di pari natura e qualità.

Nella fase di preparazione dell'«Edam Holland» si possono aggiungere solo colture non geneticamente modificate di microrganismi produttori di acido lattico e aromatizzanti. Tali colture consistono in batteri mesofili del caglio adatti all'«Edam Holland»: varianti di Lactococcus e Leuconostoc del tipo L o LD, eventualmente in combinazione con tipi termofili di Lactobacillus e/o Lactococcus. I cagli utilizzati svolgono un ruolo estremamente importante nel processo di stagionatura e ai fini dell'acquisizione del gusto e dell'aroma tipici;

Presame: Per la preparazione dell'«Edam Holland» si fa uso esclusivamente di presame di abomaso di vitello. Soltanto in casi eccezionali, ad esempio qualora si manifesti un'epizoozia, può essere necessario ricorrere ad altri tipi di presame: il presame utilizzato dovrà allora soddisfare i requisiti fissati dal decreto sui prodotti caseari (Warenwetbesluit Zuivel).

Il tenore in nitrito dell'«Edam Holland» non deve superare 2 mg per kg di formaggio, calcolato come ione di nitrito.

4.3.   Zona geografica: Il territorio geografico cui fa riferimento la domanda è costituito dai Paesi Bassi, ovvero la parte europea del Regno dei Paesi Bassi.

4.4.   Prova d'origine: Su ogni forma di «Edam Holland», prima della pressatura della cagliata, viene apposto un marchio di caseina (cfr. la figura). Su quest'ultimo è riportato, oltre alla denominazione «Edam Holland», un codice formato da cifre e lettere (in ordine ascendente alfabetico e numerico) e unico per ciascun formaggio.

Presso l'istituto olandese di controllo della produzione casearia (COKZ) è conservato un registro di tali numeri unici in cui sono riportati tutti i dati inerenti ai controlli (compresi luogo e data). Il consumatore può riconoscere facilmente detta indicazione. La verifica può essere effettuata da un organismo di controllo attraverso il marchio di caseina e il registro del COKZ.

4.5.   Metodo di ottenimento: Il formaggio «Edam Holland» viene prodotto con latte ottenuto in aziende zootecniche situate nei Paesi Bassi. Il latte viene raffreddato nell'azienda fino a raggiungere una temperatura di non oltre 6 °C e conservato, sempre nell'azienda, in una cisterna frigorifera. Entro le 72 ore successive viene trasferito al caseificio. Dopo la consegna al caseificio il latte viene lavorato direttamente oppure sottoposto a termizzazione (trattamento termico leggero, non pastorizzante), conservato freddo per un breve periodo e poi lavorato fino a divenire latte cremoso.

Il tenore di grasso del latte viene standardizzato in modo tale che nel prodotto finale il rapporto grasso/proteine dia un tenore di grasso compreso tra il 48 e il 52 % rispetto alla sostanza secca. Il latte cremoso viene pastorizzato ad una temperatura di almeno 72 °C per 15 secondi. Per la cagliatura del latte cremoso si utilizza presame di abomaso di vitello ad una temperatura di ± 30 °C. La separazione e coagulazione delle proteine del latte che ne derivano sono tipiche dell'«Edam Holland».

La cagliata formatasi attraverso la coagulazione viene separata dal siero, lavorata e lavata in modo che il tenore di umidità e il pH raggiungano i valori desiderati. La cagliata viene pressata in fusti e poi sagomata a seconda della forma e del peso desiderati. Il «formaggio» che ne risulta viene immerso in salamoia. L'«Edam Holland» viene stagionato esclusivamente secondo procedimenti naturali: ciò significa che la stagionatura viene effettuata all'aria, voltando e controllando periodicamente il formaggio. Durante la stagionatura si sviluppa una crosta secca. Il tempo e la temperatura sono fattori importanti affinché i processi enzimatici e di invecchiamento possano conferire al formaggio quella qualità fisica ed organolettica che caratterizza così marcatamente l'«Edam Holland». La stagionatura dell'«Edam Holland» può durare più di un anno, a seconda del sapore che si desidera ottenere.

Il taglio e il confezionamento dell'«Edam Holland» possono avere luogo sia in loco, ossia nei Paesi Bassi, che al di fuori del paese, a condizione che chi procede all'imballaggio utilizzi un sistema di controllo amministrativo adeguato, in grado di garantire la rintracciabilità del prodotto in base alla combinazione unica di cifre e lettere che figura sul marchio di controllo dell'«Edam Holland» tagliato e di informare il consumatore in merito all'origine.

4.6.   Legame con l'ambiente geografico: La componente geografica della denominazione del prodotto è l'«Olanda». Come universalmente noto, il termine «Olanda» costituisce un equivalente della denominazione più ufficiale di «Paesi Bassi». All'epoca della Repubblica dei Paesi Bassi Uniti (dal XVII al XIX secolo) l'Holland (Olanda) era la più influente delle sette province. Da allora tale denominazione è passata gradualmente ad indicare l'intero territorio dei Paesi Bassi. In numerosi Stati i Paesi Bassi sono conosciuti meglio o addirittura solo con il nome di «Holland» («Olanda», e così via).

Sviluppo storico

L'«Edam Holland» è un rappresentante della cultura casearia olandese sviluppatasi nel Medio Evo e che già nel XVII secolo (il Secolo d'oro) aveva raggiunto la piena maturità.

A rendere il latte estremamente idoneo alla fabbricazione di un formaggio gustoso e di qualità sono in larga misura fattori quali la posizione dei Paesi Bassi (prevalentemente sotto il livello del mare), il clima (clima marittimo) e la composizione dei terreni da pascolo (prevalentemente argillosi e sabbiosi).

A garantire la qualità del latte è l'applicazione dei sistemi di garanzia della qualità alle imprese zootecniche, unita ad un sistema intensivo di valutazione della qualità (ogni consegna di latte viene ispezionata e valutata sulla base di diversi parametri qualitativi). Vi è inoltre una catena del freddo ininterrotta preliminarmente alla lavorazione del latte: questo viene collocato in deposito frigo (max. 6 °C) nell'azienda e trasportato sino al caseificio in cisterne termicamente isolate. Un altro elemento che contribuisce alla salvaguardia della qualità è rappresentato dalle distanze di trasporto relativamente brevi.

Partendo dalla produzione nelle fattorie e passando per i caseifici locali, l'«Edam Holland» è divenuto un prodotto nazionale che gode di reputazione a livello mondiale e costituisce un elemento importante e stabile nella valorizzazione del latte di fattoria. Ai primi del ventesimo secolo sono state introdotte norme di legge a livello nazionale per il formaggio di Edam e la denominazione «Edam Holland» è stata fissata nella «decisione sulla qualità agricola per i prodotti caseari» (Landbouwkwaliteitsbeschikking kaasproducten).

L'immagine dell'«Edam Holland» presso il consumatore europeo

Da un sondaggio su larga scala realizzato in sei paesi europei è emerso che il consumatore europeo considera i Paesi Bassi come il principale paese produttore di Edam (e Gouda), e che inoltre la reputazione e il prestigio di questi due formaggi risultano associati con i Paesi Bassi.

L'Edam (e il Gouda) simboleggiano il patrimonio culturale olandese. Per il consumatore europeo, le varietà di formaggio come l'Edam (e il Gouda) sono marche. L'Edam (e il Gouda) sono sinonimo di prodotti olandesi di qualità. Dall'indagine di mercato (campione rappresentativo di 1 250 intervistati per Stato membro, con un'affidabilità del 97,5 %) realizzata nei sei Stati membri in cui risulta più elevato il consumo di Edam (e Gouda) risulta che:

esiste una forte associazione fra l'Edam, da una parte, e i Paesi Bassi, dall'altra,

l'«Edam Holland» è più richiesto dell'Edam prodotto all'esterno dei Paesi Bassi,

quasi la metà dei consumatori negli Stati membri in cui si è svolta l'indagine pensa che tutto l'Edam sia prodotto nei Paesi Bassi (idea potenzialmente fuorviante per il consumatore europeo, visto che così non è),

l'«Edam Holland» ottiene punteggi significativamente più elevati alle voci «eccellente qualità», «preparazione tradizionale» e «il prodotto originale».

L'industria e il governo dei Paesi Bassi hanno, per secoli, messo in atto ogni sorta di misure e di leggi al fine di mantenere ad un livello molto alto la qualità dell'Edam (e del Gouda). L'industria casearia olandese ha inoltre effettuato considerevoli investimenti per venire incontro a questi elevati requisiti qualitativi e per aprirsi, coltivarsi e conservarsi i mercati. Dal 1950 sono stati investiti oltre 1,4 Mrd NLG (635 Mio EUR) in attività pubblicitarie, di informazione e di promozione in Europa (senza contare gli investimenti effettuati nei Paesi Bassi).

4.7.   Struttura di controllo:

Nome:

Stichting Centraal Orgaan voor Kwaliteitsaangelegenheden in de Zuivel (COKZ)

Indirizzo:

Kastanjelaan 7

3833 AN Leusden

Nederland

Tel.

(31-33) 496 56 96

Fax

(31-33) 496 56 66

E-mail:

productcontrole@cokz.nl

4.8.   Etichettatura: «Edam Holland» è un'indicazione geografica protetta dall'Unione europea (IGP).

Tale indicazione comparirà su tutti i formaggi in modo preminente, sotto forma di un'etichetta di carta applicata sulla parte piatta del formaggio e/o su una striscia apposta attorno al formaggio. Ciò non è obbligatorio se il formaggio viene tagliato e commercializzato in forma preconfezionata conformemente alla procedura descritta nella sezione 4.5; in tal caso l'indicazione «Edam Holland» figurerà sul pre-imballaggio.

Sull'imballaggio verrà chiaramente evidenziata la differenza, onde dar modo al consumatore di riconoscere l'«Edam Holland» sugli scaffali del negozio. La denominazione, l'utilizzo di un'identità propria (si sta mettendo a punto il marchio) e il logotipo IGP dell'UE devono servire a mettere in chiaro che l'«Edam Holland» è un prodotto diverso da altri formaggi di Edam. Obiettivo della presente domanda è di evitare che il consumatore europeo sia potenzialmente indotto in errore.


(1)  GU L 93 del 31.3.2006, pag. 12.