Sicurezza stradale: attrezzature a pressione trasportabili

La presente direttiva stabilisce norme dettagliate riguardanti le attrezzature a pressione trasportabili per rafforzare la sicurezza e garantire la libera circolazione di tali attrezzature nell’Unione europea (UE). Aggiorna inoltre la legislazione precedente, in particolare per quanto riguarda i requisiti di conformità, le valutazioni di conformità e le procedure di conformità in relazione alle attrezzature a pressione trasportabili.

ATTO

Direttiva 2010/35/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 giugno 2010, in materia di attrezzature a pressione trasportabili e che abroga le direttive del Consiglio 76/767/CEE, 84/525/CEE, 84/526/CEE, 84/527/CEE e 1999/36/CE.

SINTESI

La presente direttiva aggiorna alcune disposizioni tecniche della direttiva 1999/36/CE onde evitare contraddizioni tra le norme. Stabilisce norme dettagliate riguardanti le attrezzature a pressione trasportabili * per rafforzare la sicurezza e garantire la libera circolazione di tali attrezzature nell’Unione europea (UE).

La presente direttiva si applica:

La presente direttiva non si applica:

Obblighi degli operatori economici *

I fabbricanti devono garantire che, all’atto dell’immissione delle loro attrezzature a pressione trasportabili sul mercato, esse siano state progettate, fabbricate e corredate di documentazione conformemente ai requisiti stabiliti nella direttiva 2008/68/CE e nella presente direttiva. Qualora tale conformità sia stata dimostrata dalla procedura di valutazione della conformità, i fabbricanti devono apporre il marchio Pi * all’attrezzatura. Tale marchio Pi deve essere apposto solo dal fabbricante oppure - nei casi di rivalutazione della conformità - dall’organismo notificato o sotto la sua vigilanza.

Se i fabbricanti ritengono di aver immesso sul mercato attrezzature a pressione trasportabili non conformi ai requisiti, devono adottare immediatamente le misure correttive necessarie per rendere conformi tali attrezzature, per ritirarle o richiamarle, a seconda dei casi. I fabbricanti, a seguito di una richiesta motivata dell’autorità nazionale competente, forniscono a quest’ultima tutte le informazioni e la documentazione necessarie per dimostrare la conformità delle attrezzature a pressione trasportabili, in una lingua che possa essere facilmente compresa da tale autorità.

I fabbricanti possono nominare, mediante mandato scritto, un rappresentante autorizzato. Il mandato deve specificare i compiti del rappresentante autorizzato e consente a quest’ultimo di eseguire almeno i seguenti compiti:

Gli importatori e i distributori possono immettere sul mercato dell’UE solo attrezzature a pressione trasportabili conformi alla direttiva 2008/68/CE e alla presente direttiva. Essi devono assicurare che il marchio Pi sia apposto sulle attrezzature e che tali attrezzature siano accompagnate dal certificato di conformità. Se l’importatore o il distributore ritiene che le attrezzature non siano conformi, non deve immettere tali attrezzature sul mercato.

Gli importatori, i distributori e i proprietari devono:

Le disposizioni di cui sopra non si applicano ai privati che intendono utilizzare l’attrezzatura per proprio uso personale, per proprie attività del tempo libero o sportive.

Conformità delle attrezzature a pressione trasportabili

Le attrezzature a pressione trasportabili devono soddisfare i requisiti pertinenti relativi alla valutazione della conformità, alle ispezioni periodiche, alle ispezioni intermedie e alle verifiche straordinarie, nonché le specificazioni della documentazione in base alla quale sono state fabbricate.

Libera circolazione delle attrezzature a pressione trasportabili

Nessun paese dell'UE può vietare, limitare od ostacolare nel proprio territorio la libera circolazione, la messa a disposizione sul mercato e l'uso di attrezzature a pressione trasportabili conformi alla presente direttiva.

Termini chiave dell’atto

Riferimenti

Atto

Entrata in vigore

Termine ultimo per il recepimento negli Stati membri

Gazzetta ufficiale

Direttiva 2010/35/UE

20.7.2010

30.6.2011

GU L 165 del 30.6.2010

Ultima modifica: 24.09.2010