Appalti pubblici: norme per i settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei servizi postali

 

SINTESI DI:

Direttiva 2014/25/UE sulle procedure d’appalto degli enti erogatori nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei servizi postali

QUAL È LO SCOPO DELLA DIRETTIVA?

PUNTI CHIAVE

Soglie

Gli appalti devono essere assegnati dalle autorità nazionali, regionali e locali, da imprese pubbliche o da enti che beneficiano di diritti speciali o esclusivi (ossia gli enti contemplati dalla presente direttiva), in conformità alle norme della direttiva, qualora gli importi superino le soglie indicate di seguito (validità a decorrere dall'1 gennaio 2016):

La Commissione europea verifica ogni due anni tali soglie, per determinare se i valori delle stesse debbano essere modificati secondo gli obblighi internazionali dell’UE.

Attività interessate

La direttiva si applica agli appalti pubblici nei seguenti settori:

Esenzioni

La direttiva non si applica agli appalti:

Nuovi modelli di formulari per i bandi di gara

Il regolamento di esecuzione (UE) 2015/1986 della Commissione introduce nuovi modelli di formulari per la pubblicazione di avvisi sugli appalti pubblici. Tali nuovi formulari si applicano a tutti i nuovi avvisi sugli appalti pubblici fino al 18 aprile 2016.

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA LA DIRETTIVA?

Essa è in vigore dal 17 aprile 2014. I paesi dell'UE dovevano recepirla nella normativa nazionale entro il 18 aprile 2016.

CONTESTO

La legislazione generale dell’UE che stabilisce le norme riguardanti gli appalti pubblici è contenuta nella direttiva 2014/24/UE. Tali norme definiscono le procedure da seguire e stabiliscono che, quando le autorità nazionali si servono degli appalti pubblici per invitare gli offerenti in merito a lavori che desiderano eseguire, devono trattare tutti i candidati su un piano di parità e in modo non discriminatorio. Esse devono inoltre agire e prendere decisioni in maniera trasparente.

Per ulteriori informazioni si veda:

DOCUMENTO PRINCIPALE

Direttiva 2014/25/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 febbraio 2014, sulle procedure d’appalto degli enti erogatori nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei servizi postali e che abroga la direttiva 2004/17/CE (GU L 94 del 28.3.2014, pag. 243-374)

Modifiche successive alla direttiva 2014/25/UE sono state integrate nel testo originale. La presente versione consolidata ha esclusivamente valore documentale.

DOCUMENTI COLLEGATI

Direttiva 2014/24/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 febbraio 2014, sugli appalti pubblici e che abroga la direttiva 2004/18/CE (GU L 94 del 28.3.2014, pag. 65-242)

Si veda la versione consolidata.

Direttiva 2014/23/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 febbraio 2014, sull’aggiudicazione dei contratti di concessione (GU L 94 del 28.3.2014, pag. 1-64).

Si veda la versione consolidata.

Regolamento di esecuzione (UE) 2015/1986 della Commissione, dell'11 novembre 2015, che stabilisce modelli di formulari per la pubblicazione di avvisi in ambito di appalti pubblici e che abroga il regolamento di esecuzione (UE) n. 842/2011 (GU L 296 del 12.11.2015, pag. 1-146)

Ultimo aggiornamento: 19.09.2016