Pacchetti turistici - Diritti dei consumatori (dal 2018)

 

SINTESI DI:

Direttiva (EU) 2015/2302 — pacchetti turistici e ai servizi turistici collegati,

QUAL È LO SCOPO DELLA DIRETTIVA?

Mira a introdurre un livello elevato e uniforme di protezione dei consumatori in relazione ai contratti per i pacchetti di viaggio* e modalità di viaggio collegate*, tenendo conto del crescente utilizzo della prenotazione via Internet.

PUNTI CHIAVE

Informazioni

Le seguenti informazioni devono essere fornite dall’organizzatore o dal rivenditore prima che il contratto sia sottoscritto:

La conferma del contratto includerà anche quanto segue:

In tempo utile prima dell’inizio del pacchetto, l’organizzatore fornisce al viaggiatore le ricevute, i buoni e i biglietti necessari, nonché le informazioni di viaggio necessarie.

Aumento dei prezzi

Gli aumenti di prezzo (limitati all’8 % nella maggioranza dei casi) sono consentiti solo se il contratto contempla espressamente tale possibilità (nel qual caso sarà possibile effettuare anche riduzioni di prezzo) e se risultano direttamente legati:

Gli eventuali aumenti di prezzo devono essere notificati almeno 20 giorni prima dell’inizio del pacchetto.

Termine del contratto

Laddove l’organizzatore apporta modifiche significative al contratto o ne aumenta il prezzo di oltre l’8%, il viaggiatore può, prima dell’inizio del viaggio, accettare la modifica, accettare un pacchetto sostitutivo (di valore uguale o superiore) oppure avvalersi del diritto di recedere dal contratto con annesso rimborso di un eventuale pagamento entro 14 giorni.

Il viaggiatore può recedere dal contratto in qualsiasi momento prima dell’inizio del viaggio (pagando una penale appropriata).

Il viaggiatore può anche rescindere (senza pagare una penale) in caso di circostanze inevitabili e straordinarie che si verificano nel luogo di destinazione o nelle immediate vicinanze e che influiscono in modo significativo sulla qualità del viaggio o che incide in modo significativo sul trasporto dei passeggeri verso la destinazione. In tal caso, il viaggiatore otterrà un rimborso completo senza il pagamento di nessuna penale.

Rendimento

L’organizzatore del pacchetto è responsabile dell’esecuzione dei servizi turistici previsti dal contratto, indipendentemente dal fatto che tali servizi siano prestati da altri fornitori. Vi sono anche norme per eventuali non conformità, risoluzione e risarcimento:

I Paesi dell’UE devono garantire che messaggi, richieste o reclami possano essere inoltrati direttamente al rivenditore e che lo stesso li inoltri all’organizzatore, il quale si fa carico di prestare assistenza senza indebiti ritardi.

Ai viaggiatori viene garantita maggiore protezione in caso di insolvenza dell’organizzatore. Nei paesi dell’UE verrà istituita una rete di punti di contatto centrali per migliorare la cooperazione internazionale.

La presente direttiva non si applica ai servizi:

In generale, i paesi dell’UE non devono introdurre normative che prevedano un livello di protezione del viaggiatore non conforme con questa direttiva. Le nuove misure entrano in vigore il 1 luglio 2018.

La Direttiva abroga la Direttiva 90/314/CEE a partire dal 1 luglio 2018.

DA QUANDO SI APPLICA LA DIRETTIVA?

Gli Stati membri hanno l’obbligo di incorporarla nella legislazione nazionale entro il lunedì 1 gennaio 2018. Entra in vigore dal 1 luglio 2018.

La direttiva è stata incorporata nell’accordo sullo Spazio economico europeo il 22 settembre 2017.

QUADRO GENERALE

Per ulteriori informazioni, consultare

PAROLE CHIAVE

Pacchetto: nella maggior parte dei casi, si riferisce ad una combinazione di almeno 2 diversi tipi di servizi di viaggio (ad esempio volo, viaggio in treno e/o alloggio) come parte dello stesso viaggio, generalmente acquistati da un unico punto vendita. I servizi sono stati selezionati prima che il viaggiatore acconsenta al pagamento e vengono offerti a un prezzo cumulativo o pubblicizzati come pacchetto.
Modalità di viaggio collegato: almeno 2 diversi tipi di servizi di viaggio acquistati come parte dello stesso viaggio, che comprendono contratti separati con i singoli fornitori di servizi di viaggio. Ciò vale:

DOCUMENTO PRINCIPALE

Direttiva (UE) 2015/2302 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 novembre 2015 relativa ai pacchetti turistici e ai servizi turistici collegati, che modifica il regolamento (CE) n. 2006/2004 e la Direttiva 2011/83/UE del Parlamento europeo e del Consiglio e abroga la Direttiva 90/314/CEE del Consiglio (GU L 326, 11.12.2015, pag. 1-33)

Ultimo aggiornamento: 06.06.2016