Dalla dipendenza dagli aiuti all’autosufficienza

 

SINTESI DI:

Comunicazione COM(2016) 234 final «Vivere in dignità: dalla dipendenza dagli aiuti all’autosufficienza»

QUAL È LO SCOPO DELLA COMUNICAZIONE?

La comunicazione intende indicare all’UE una strategia per sostenere al meglio rifugiati e sfollati in situazioni protratte ed estenuanti come la crisi siriana, mirando a favorire la resilienza* e l’autosufficienza.

PUNTI CHIAVE

Il problema dello sfollamento forzato richiede una continua azione da parte dell’UE. La comunicazione della Commissione europea propone un approccio orientato allo sviluppo al problema dello sfollamento forzato, basato su dati comprovati riguardo a ciò che funziona e non funziona. Essa mira a prevenire situazioni protratte di sfollamento e a porre fine gradualmente alla dipendenza dagli aiuti umanitari per le persone che sono già state sfollate.

Un’enfasi mutata

La politica parte dalla strategia europea di collegamento tra aiuto, risanamento e sviluppo (LRRD) per sviluppare una nuova strategia che integra aiuti umanitari, cooperazione e impegno politico. Tale politica suggerisce di:

CONTESTO

Per maggiori informazioni, consultare:

* TERMINI CHIAVE

resilienza: La capacità di riprendersi da eventi traumatici o di recuperare rapidamente.

DOCUMENTO PRINCIPALE

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni «Vivere in dignità: dalla dipendenza dagli aiuti all’autosufficienza», COM(2016) 234 final del 26.4.2016

DOCUMENTI COLLEGATI

Documento di lavoro dei servizi della Commissione che accompagna il documento della comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni «Vivere in dignità: dalla dipendenza dagli aiuti all’autosufficienza», SWD(2016) 142 final del 26.4.2016

Ultimo aggiornamento: 19.09.2016