9.12.2017   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 326/53


DECISIONE DI ESECUZIONE (UE) 2017/2277 DELLA COMMISSIONE

dell'8 dicembre 2017

che stabilisce che la sospensione temporanea del dazio doganale preferenziale a norma dell'articolo 15 del regolamento (UE) n. 19/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio non è appropriata per quanto riguarda le importazioni di banane originarie del Perù

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sull'Unione europea e il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (UE) n. 19/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 gennaio 2013, recante attuazione della clausola bilaterale di salvaguardia e del meccanismo di stabilizzazione per le banane previsti dall'accordo commerciale tra l'Unione europea e i suoi Stati membri, da una parte, e la Colombia, il Perù e l'Ecuador, dall'altra (1), in particolare l'articolo 15, paragrafo 2,

considerando quanto segue:

(1)

L'accordo commerciale tra l'Unione europea e i suoi Stati membri, da una parte, e la Colombia, il Perù e l'Ecuador, dall'altra, che si applica a titolo provvisorio per quanto riguarda il Perù dal 1o marzo 2013, ha introdotto un meccanismo di stabilizzazione per le banane.

(2)

In base al tale meccanismo di stabilizzazione previsto dal regolamento (UE) n. 19/2013, una volta superato un volume limite specifico per le importazioni di banane fresche (sottovoce 0803 00 19 della nomenclatura combinata dell'Unione europea del 1o gennaio 2012) provenienti da uno dei paesi interessati, la Commissione può, mediante un atto di esecuzione adottato secondo la procedura d'urgenza stabilita all'articolo 14, paragrafo 4, del regolamento (UE) n. 19/2013, sospendere temporaneamente il dazio doganale preferenziale applicato alle importazioni di banane fresche per tale paese oppure decidere che tale sospensione non è appropriata.

(3)

Le importazioni nell'Unione di banane fresche originarie del Perù hanno superato il 16 ottobre 2017 il limite di 93 750 tonnellate fissato dall'accordo.

(4)

In questo contesto la Commissione, in conformità all'articolo 15, paragrafo 3, del regolamento (UE) n. 19/2013, ha preso in considerazione l'impatto delle importazioni in questione sulla situazione del mercato delle banane dell'Unione, al fine di decidere se sospendere o meno il dazio doganale preferenziale. La Commissione ha esaminato l'effetto delle importazioni in questione sul livello dei prezzi dell'Unione, lo sviluppo delle importazioni da altre fonti e la stabilità complessiva del mercato delle banane fresche dell'Unione.

(5)

Le importazioni di banane fresche dal Perù rappresentavano solo il 2,7 % delle importazioni di banane fresche nell'Unione soggette al meccanismo di stabilizzazione quando hanno superato il limite fissato per il 2017. Le importazioni provenienti dal Perù rappresentano inoltre solo il 2,25 % delle importazioni totali di banane fresche nell'Unione.

(6)

Le importazioni da grandi paesi esportatori con cui l'Unione detiene un analogo accordo di libero scambio, come la Colombia, l'Ecuador e la Costa Rica, hanno raggiunto il 58,7 %, 61,4 % e 60,4 % dei rispettivi limiti. I quantitativi «inutilizzati» nell'ambito del meccanismo di stabilizzazione (circa 2,3 milioni di tonnellate) sono significativamente superiori alle importazioni totali dal Perù ad oggi (93,8 tonnellate).

(7)

In termini di prezzo le importazioni di banane dal Perù non hanno esercitato una pressione al ribasso del prezzo all'importazione delle banane di qualsiasi origine. Il prezzo all'importazione delle banane originarie del Perù è stato infatti 732 EUR/t in media nel corso dei primi 8 mesi del 2017, quindi superiore al prezzo medio (ponderato) all'importazione nell'Unione delle banane di qualsiasi origine (circa 720 EUR/t). Quest'ultimo prezzo rispecchia inoltre la tendenza annuale ed è stato relativamente stabile.

(8)

Quando si valuta quindi l'effetto di tali importazioni sul prezzo all'ingrosso alla data in cui il Perù ha superato il proprio limite appare chiaramente che, sebbene il prezzo medio ponderato all'ingrosso delle banane (di qualsiasi origine) nell'Unione nel settembre 2017 (861 EUR/t) fosse inferiore del 9,5 % al prezzo del settembre 2016 (952 EUR/t), il prezzo all'ingrosso delle banane prodotte nell'UE è stato relativamente stabile, pari a 910 EUR/t nel settembre 2017 rispetto a 915 EUR/t nel settembre 2016.

(9)

Per il momento non vi sono quindi elementi che indichino che la stabilità del mercato dell'Unione sia stata perturbata dal fatto che le importazioni di banane fresche dal Perù abbiano superato il volume limite annuale specifico o che ciò abbia avuto un impatto significativo sulla situazione dei produttori dell'Unione.

(10)

Non vi sono segnali che indichino una minaccia di grave deterioramento o un grave deterioramento della situazione economica delle regioni ultraperiferiche dell'Unione nell'ottobre 2017.

(11)

Al momento la sospensione del dazio doganale preferenziale applicato alle importazioni di banane originarie del Perù non pare pertanto appropriata,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

La sospensione temporanea del dazio doganale preferenziale applicato alle importazioni di banane fresche originarie del Perù classificate nella sottovoce 0803 00 19 della nomenclatura combinata dell'Unione europea non è appropriata.

Articolo 2

La presente decisione entra in vigore il giorno della pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Fatto a Bruxelles, l'8 dicembre 2017

Per la Commissione

Il presidente

Jean-Claude JUNCKER


(1)  GU L 17 del 19.1.2013, pag. 1.