26.5.2016   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 139/1


REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2016/799 DELLA COMMISSIONE

del 18 marzo 2016

che applica il regolamento (UE) n. 165/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio recante le prescrizioni per la costruzione, il collaudo, il montaggio, il funzionamento e la riparazione dei tachigrafi e dei loro componenti

(Testo rilevante ai fini del SEE)

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (UE) n. 165/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4 febbraio 2014, relativo ai tachigrafi nel settore dei trasporti su strada (1), in particolare l'articolo 11 e l'articolo 12, paragrafo 7,

considerando quanto segue:

(1)

Il regolamento (UE) n. 165/2014 ha introdotto tachigrafi digitali di seconda generazione, detti «tachigrafi intelligenti», che includono una connessione al sistema globale di navigazione satellitare (global navigation satellite system = GNSS), una comunicazione remota a fini di diagnosi precoce e un'interfaccia con i sistemi di trasporto intelligenti. È opportuno stabilire le specifiche per i requisiti tecnici per la costruzione dei tachigrafi intelligenti.

(2)

Lo strumento di diagnosi precoce remota istituito dall'articolo 9, paragrafo 4, del regolamento (UE) n. 165/2014 dovrebbe trasmettere ad un agente che effettua controlli su strada i dati del tachigrafo digitale e le informazioni relative ai pesi e al peso per asse del veicolo combinato completo (motrice e rimorchi o semirimorchi), a norma della direttiva 96/53/CE del Parlamento europeo e del Consiglio (2). Ciò dovrebbe consentire un controllo efficace e rapido dei veicoli da parte delle autorità preposte con un numero ridotto di dispositivi elettronici nella cabina del veicolo.

(3)

In conformità alla direttiva 96/53/CE, lo strumento di diagnosi precoce remota dovrebbe utilizzare le norme CEN DSRC (3) di cui alla medesima, nella banda di frequenza 5795-5805 MHz. Siccome tale banda di frequenza è utilizzata anche per il pedaggio elettronico e al fine di evitare interferenze tra le applicazioni del pedaggio e le applicazioni del controllo, gli agenti preposti al controllo non dovrebbero utilizzare il dispositivo di diagnosi precoce remota presso i caselli autostradali.

(4)

Al fine di affrontare le attuali vulnerabilità, con il tachigrafo intelligente è opportuno introdurre nuovi meccanismi di sicurezza per mantenere il livello di sicurezza del tachigrafo digitale. Una delle vulnerabilità è l'assenza di date di scadenza dei certificati digitali. Al fine di conformarsi alle migliori pratiche in materia di sicurezza, si raccomanda di evitare l'uso di certificati digitali privi di data di scadenza. Il periodo di validità in condizioni di funzionamento normali delle unità elettroniche di bordo dovrebbe essere di 15 anni a decorrere dalla data di rilascio dei relativi certificati digitali. Le unità elettroniche di bordo dovrebbero essere sostituite dopo tale periodo di validità.

(5)

La trasmissione di informazioni sicure e affidabili sul posizionamento è un elemento essenziale dell'efficacia di funzionamento dei tachigrafi intelligenti. Al fine di migliorare la sicurezza del tachigrafo intelligente è pertanto opportuno garantirne la compatibilità con i servizi a valore aggiunto offerti dal programma Galileo specificati nel regolamento (UE) n. 1285/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio (4).

(6)

A norma dell'articolo 8, paragrafo 1, dell'articolo 9, paragrafo 1, e dell'articolo 10, paragrafi 1 e 2, del regolamento (UE) n. 165/2014, i meccanismi di sicurezza introdotti da tale regolamento si dovrebbero applicare 36 mesi dopo l'entrata in vigore degli atti di esecuzione necessari, per consentire ai fabbricanti di sviluppare la nuova generazione di tachigrafi intelligenti e di ricevere le schede di omologazione dalle autorità competenti.

(7)

In conformità al regolamento (UE) n. 165/2014, i veicoli immatricolati per la prima volta in uno Stato membro 36 mesi dopo l'entrata in vigore del presente regolamento della Commissione dovrebbero essere dotati di un tachigrafo intelligente conforme alle prescrizioni del medesimo. In ogni caso, 15 anni dopo la data di applicazione di tali requisiti, tutti i veicoli circolanti in uno Stato membro diverso dallo Stato membro di immatricolazione dovrebbero essere dotati di un tachigrafo intelligente conforme.

(8)

Il regolamento (CE) n. 68/2009 della Commissione (5) autorizzava, per un periodo di transizione conclusosi il 31 dicembre 2013, l'impiego di un adattatore per consentire l'installazione dei tachigrafi sui veicoli delle categorie M1 e N1. A causa delle difficoltà tecniche connesse all'individuazione di un'alternativa all'impiego dell'adattatore, gli esperti dell'industria automobilistica e dei tachigrafi, insieme alla Commissione, hanno concluso che non era fattibile nessuna soluzione alternativa all'adattatore che non comportasse costi elevati per l'industria, che sarebbero sproporzionati rispetto alle dimensioni del mercato. L'impiego dell'adattatore nei veicoli delle categorie M1 ed N1 dovrebbe pertanto essere autorizzato a tempo indeterminato.

(9)

Le misure di cui al presente regolamento sono conformi al parere del comitato di cui all'articolo 42, paragrafo 3, del regolamento (UE) n. 165/2014,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

Oggetto e campo di applicazione

1.   Il presente regolamento reca le disposizioni necessarie all'applicazione uniforme dei seguenti aspetti riguardanti i tachigrafi:

a)

registrazione della posizione del veicolo in determinati punti nel corso del periodo di lavoro giornaliero del conducente;

b)

diagnosi precoce remota di eventuali manomissioni o uso improprio dei tachigrafi intelligenti;

c)

interfaccia con i sistemi di trasporto intelligenti;

d)

le prescrizioni amministrative e tecniche per le procedure di omologazione dei tachigrafi, compresi i meccanismi di sicurezza.

2.   La costruzione, il collaudo, l'installazione, l'ispezione, il funzionamento e la riparazione dei tachigrafi intelligenti e dei loro componenti soddisfano le prescrizioni tecniche di cui all'allegato 1C del presente regolamento.

3.   Per quanto riguarda la costruzione, il collaudo, l'installazione, l'ispezione, il funzionamento e la riparazione, i tachigrafi diversi dai tachigrafi intelligenti continuano a soddisfare le prescrizioni dell'allegato 1 o dell'allegato 1B, secondo i casi, del regolamento (CEE) n. 3821/85 del Consiglio (6).

4.   A norma dell'articolo 10 quinquies della direttiva 96/53/CE, il dispositivo di diagnosi precoce remota trasmette anche i dati sul peso forniti da un sistema di pesatura interno di bordo, ai fini della rapida individuazione delle frodi.

Articolo 2

Definizioni

Ai fini del presente regolamento si applicano le definizioni di cui all'articolo 2 del regolamento (UE) n. 165/2014.

Si applicano inoltre le seguenti definizioni:

1)

«tachigrafo digitale» o «tachigrafo di prima generazione», un tachigrafo digitale diverso da un tachigrafo intelligente;

2)

«dispositivo esterno del GNSS», un dispositivo comprendente il ricevitore GNSS, quando l'unità elettronica di bordo non è un'unità singola, nonché gli altri componenti necessari per proteggere la comunicazione dei dati sulla posizione al resto dell'unità elettronica di bordo;

3)

«fascicolo informativo», il fascicolo completo, in forma elettronica o cartacea, contenente tutte le informazioni fornite dal fabbricante o dal suo mandatario all'autorità di omologazione ai fini dell'omologazione di un tachigrafo o di un suo componente, compresi i certificati di cui all'articolo 12, paragrafo 3, del regolamento (UE) n. 165/2014, i risultati delle prove di cui all'allegato 1C del presente regolamento, nonché disegni, fotografie e altri documenti pertinenti;

4)

«fascicolo di omologazione», il fascicolo informativo, in formato elettronico o cartaceo, più i documenti aggiunti dall'autorità di omologazione al fascicolo informativo nello svolgimento delle proprie funzioni, compresa la scheda di omologazione CE del tachigrafo o di un suo componente aggiunta alla fine della procedura di omologazione;

5)

«indice del fascicolo di omologazione», il documento in cui è elencato il contenuto numerato del fascicolo di omologazione, che ne identifica tutte le parti pertinenti. Il formato di tale documento distingue le fasi successive della procedura di omologazione CE, incluse le date delle revisioni e degli aggiornamenti del fascicolo;

6)

«dispositivo di diagnosi precoce remota», le dotazioni dell'unità elettronica di bordo utilizzate per svolgere controlli su strada mirati;

7)

«tachigrafo intelligente» o «tachigrafo di seconda generazione», un tachigrafo digitale conforme agli articoli 8, 9 e 10 del regolamento (UE) n. 165/2014, nonché all'allegato 1C del presente regolamento;

8)

«componente del tachigrafo» o «componente», uno dei seguenti elementi: l'unità elettronica di bordo, il sensore di movimento, la carta tachigrafica, il foglio di registrazione, il dispositivo esterno del GNSS e il dispositivo di diagnosi precoce remota;

9)

«autorità di omologazione», l'autorità di uno Stato membro preposta all'omologazione del tachigrafo o dei suoi componenti, alla procedura di autorizzazione, al rilascio e, se del caso, alla revoca delle schede di omologazione, che agisce in qualità di punto di contatto per le autorità di omologazione degli altri Stati membri e che garantisce che i fabbricanti adempiano i loro obblighi relativamente alla conformità alle prescrizioni del presente regolamento.

Articolo 3

Servizi basati sulla localizzazione

1.   I fabbricanti garantiscono la compatibilità dei tachigrafi intelligenti con i servizi di posizionamento offerti dai sistemi Galileo e EGNOS (il servizio europeo di copertura per la navigazione geostazionaria).

2.   Oltre ai sistemi di cui al paragrafo 1, i fabbricanti possono anche scegliere di assicurare la compatibilità con altri sistemi di navigazione satellitare.

Articolo 4

Procedura di omologazione di un tachigrafo e dei componenti di un tachigrafo

1.   Il fabbricante o il suo mandatario presenta una domanda di omologazione di un tachigrafo o di uno dei suoi componenti o di un gruppo di componenti alle autorità di omologazione designate da ciascuno Stato membro. Tale domanda consiste in un fascicolo informativo contenente le informazioni relative a ciascuno dei componenti interessati, comprese, se del caso, le schede di omologazione di altri componenti necessari per completare il tachigrafo, nonché ogni altro documento pertinente.

2.   Uno Stato membro rilascia l'omologazione per i tachigrafi, i componenti o i gruppi di componenti conformi alle prescrizioni amministrative e tecniche di cui all'articolo 1, paragrafo 2 o 3, secondo i casi. In tal caso l'autorità di omologazione rilascia al richiedente una scheda di omologazione conforme al modello di cui all'allegato II del presente regolamento.

3.   L'autorità di omologazione può chiedere al fabbricante o al suo mandatario di fornire ulteriori informazioni.

4.   Il fabbricante o il suo mandatario mette a disposizione delle autorità di omologazione, nonché degli organismi responsabili del rilascio dei certificati di cui all'articolo 12, paragrafo 3, del regolamento (UE) n. 165/2014, tutti i tachigrafi o i relativi componenti necessari a garantire lo svolgimento soddisfacente della procedura di omologazione.

5.   Qualora il fabbricante o il suo mandatario chieda l'omologazione di determinati componenti o gruppi di componenti di un tachigrafo, egli fornisce alle autorità di omologazione gli altri componenti, già omologati, nonché le altre parti necessarie per la costruzione del tachigrafo completo, al fine di consentire loro di effettuare le prove necessarie.

Articolo 5

Modifiche delle omologazioni

1.   Il fabbricante o il suo mandatario informa senza indugio le autorità di omologazione che hanno rilasciato l'omologazione iniziale, in merito alle eventuali modifiche del software o dell'hardware del tachigrafo o della natura dei materiali usati per la sua fabbricazione che sono registrati nel fascicolo informativo e presenta una domanda di modifica dell'omologazione.

2.   Le autorità di omologazione possono rivedere o estendere un'omologazione esistente oppure rilasciare una nuova omologazione, secondo la natura e le caratteristiche delle modifiche.

Si procede a una «revisione» quando l'autorità di omologazione ritiene che le modifiche del software o dell'hardware del tachigrafo o della natura dei materiali usati per la sua fabbricazione siano di lieve entità. In tali casi, l'autorità di omologazione rilascia i documenti rivisti del fascicolo informativo, precisando la natura delle modifiche apportate e la data della loro approvazione. Una versione aggiornata del fascicolo informativo in una forma consolidata, accompagnata da una descrizione dettagliata delle modifiche apportate, è sufficiente a soddisfare questa prescrizione.

Si procede a un'«estensione» quando l'autorità di omologazione ritiene che le modifiche del software o dell'hardware del tachigrafo o della natura dei materiali usati per la sua fabbricazione siano sostanziali. In tali casi, l'autorità di omologazione può ritenere necessario che siano effettuate nuove prove e ne informa il fabbricante o il suo mandatario. Se i risultati di tali prove sono soddisfacenti, l'autorità di omologazione rilascia una scheda di omologazione rivista recante un numero che identifica l'estensione rilasciata. La scheda di omologazione riporta il motivo dell'estensione e la data del rilascio.

3.   L'indice del fascicolo informativo indica la data dell'ultima estensione o dell'ultima revisione dell'omologazione o la data dell'ultimo consolidamento della versione aggiornata dell'omologazione.

4.   Una nuova omologazione è necessaria quando le modifiche richieste del tachigrafo omologato o dei suoi componenti comporterebbero il rilascio di un nuovo certificato di sicurezza o di interoperabilità.

Articolo 6

Entrata in vigore

Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Esso si applica a decorrere dal 2 marzo 2016.

Tuttavia, gli allegati si applicano a decorrere dal 2 marzo 2019, ad eccezione dell'appendice 16 che si applica a decorrere dal 2 marzo 2016.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 18 marzo 2016

Per la Commissione

Il presidente

Jean-Claude JUNCKER


(1)  GU L 60 del 28.2.2014, pag. 1.

(2)  Direttiva 96/53/CE del Consiglio, del 25 luglio 1996, che stabilisce, per taluni veicoli stradali che circolano nella Comunità, le dimensioni massime autorizzate nel traffico nazionale e internazionale e i pesi massimi autorizzati nel traffico internazionale (GU L 235 del 17.9.1996, pag. 59).

(3)  Norme sulla comunicazione dedicata a corto raggio del comitato europeo di normazione (CEN) EN 12253, EN 12795, EN 12834, EN 13372 e ISO 14906.

(4)  Regolamento (UE) n. 1285/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 dicembre 2013, relativo all'attuazione e all'esercizio dei sistemi europei di radionavigazione via satellite e che abroga il regolamento (CE) n. 876/2002 del Consiglio e il regolamento (CE) n. 683/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 347 del 20.12.2013, pag. 1).

(5)  Regolamento (CE) n. 68/2009 della Commissione, del 23 gennaio 2009, che adegua per la nona volta al progresso tecnico il regolamento (CEE) n. 3821/85 del Consiglio relativo all'apparecchio di controllo nel settore dei trasporti su strada (GU L 21 del 24.1.2009, pag. 3).

(6)  Regolamento (CEE) n. 3821/85 del Consiglio, del 20 dicembre 1985, relativo all'apparecchio di controllo nel settore dei trasporti su strada (GU L 370 del 31.12.1985, pag. 8).


ALLEGATO IC

Requisiti per la costruzione, il collaudo, il montaggio e il controllo

INTRODUZIONE 12

1

DEFINIZIONI 13

2

CARATTERISTICHE GENERALI E FUNZIONI DELL'APPARECCHIO DI CONTROLLO 19

2.1

Caratteristiche generali 19

2.2

Funzioni 20

2.3

Modalità di funzionamento 21

2.4

Sicurezza 22

3

REQUISITI DI COSTRUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL'APPARECCHIO DI CONTROLLO 22

3.1

Controllo dell'inserimento e dell'estrazione delle carte 22

3.2

Misurazione della velocità, della posizione e della distanza 23

3.2.1

Misurazione della distanza percorsa 23

3.2.2

Misurazione della velocità 23

3.2.3

Misurazione della posizione 24

3.3

Misurazione del tempo 24

3.4

Controllo delle attività del conducente 24

3.5

Controllo delle condizioni di guida 25

3.6

Immissioni da parte del conducente 25

3.6.1

Immissione del luogo in cui inizia e/o termina il periodo di lavoro giornaliero 25

3.6.2

Immissione manuale delle attività del conducente e consenso del conducente per l'interfaccia ITS 25

3.6.3

Immissione di condizioni particolari 27

3.7

Gestione dei blocchi di un'impresa 27

3.8

Verifica delle attività di controllo 28

3.9

Rilevamento di anomalie e/o guasti 28

3.9.1

Anomalia «Inserimento di una carta non valida» 28

3.9.2

Anomalia «Conflitto di carte» 28

3.9.3

Anomalia «Sovrapposizione di orari» 28

3.9.4

Anomalia «Guida in assenza di una carta adeguata» 29

3.9.5

Anomalia «Inserimento carta durante la guida» 29

3.9.6

Anomalia «Chiusura errata ultima sessione carta» 29

3.9.7

Anomalia «Superamento della velocità» 29

3.9.8

Anomalia «Interruzione dell'alimentazione di energia» 29

3.9.9

Anomalia «Errore di comunicazione con il dispositivo di comunicazione remota» 29

3.9.10

Anomalia «Assenza di informazioni sulla posizione provenienti dal ricevitore GNSS» 29

3.9.11

Anomalia «Errore di comunicazione con il dispositivo GNSS esterno» 30

3.9.12

Anomalia «Errore dati di marcia» 30

3.9.13

Anomalia «Dati contrastanti sul movimento del veicolo» 30

3.9.14

Anomalia «Tentata violazione della sicurezza» 30

3.9.15

Anomalia «Conflitto di orari» 30

3.9.16

Guasto «Carta» 30

3.9.17

Guasto «Apparecchio di controllo» 30

3.10

Prove incorporate e prove automatiche 31

3.11

Lettura della memoria di dati 31

3.12

Registrazione e memorizzazione nella memoria di dati 31

3.12.1

Dati di identificazione dell'apparecchio 32

3.12.1.1

Dati di identificazione dell'unità elettronica di bordo 32

3.12.1.2

Dati di identificazione del sensore di movimento 32

3.12.1.3

Dati di identificazione dei sistemi globali di navigazione satellitare 33

3.12.2

Chiavi e certificati 33

3.12.3

Dati relativi all'inserimento e all'estrazione della carta del conducente o dell'officina 33

3.12.4

Dati relativi all'attività del conducente 34

3.12.5

Luoghi e posizioni dove iniziano e terminano i periodi di lavoro giornalieri e/o dove il periodo di guida continuo raggiunge le 3 ore 34

3.12.6

Dati relativi all'odometro 35

3.12.7

Dati dettagliati relativi alla velocità 35

3.12.8

Dati relativi alle anomalie 35

3.12.9

Dati relativi ai guasti 37

3.12.10

Dati relativi alla taratura 38

3.12.11

Dati relativi alla regolazione dell'ora 39

3.12.12

Dati relativi alle attività di controllo 39

3.12.13

Dati relativi ai blocchi di un'impresa 39

3.12.14

Dati relativi al trasferimento 39

3.12.15

Dati relativi a condizioni particolari 40

3.12.16

Dati della carta tachigrafica 40

3.13

Lettura delle carte tachigrafiche 40

3.14

Registrazione e memorizzazione nelle carte tachigrafiche 40

3.14.1

Registrazione e memorizzazione nelle carte tachigrafiche di prima generazione 40

3.14.2

Registrazione e memorizzazione nelle carte tachigrafiche di seconda generazione 41

3.15

Visualizzazione 41

3.15.1

Visualizzazione predefinita 42

3.15.2

Visualizzazione degli avvisi 43

3.15.3

Accesso guidato da menù 43

3.15.4

Visualizzazione di altre informazioni 43

3.16

Stampa 43

3.17

Avvisi 44

3.18

Trasferimento di dati a un dispositivo esterno 45

3.19

Comunicazione remota per controlli su strada mirati 45

3.20

Trasmissione di dati ad altri dispositivi esterni 46

3.21

Taratura 47

3.22

Verifica della taratura su strada 47

3.23

Regolazione dell'ora 48

3.24

Caratteristiche prestazionali 48

3.25

Materiali 48

3.26

Iscrizioni 49

4

REQUISITI DI COSTRUZIONE E FUNZIONAMENTO DELLE CARTE TACHIGRAFICHE 49

4.1

Dati visibili 49

4.2

Sicurezza 52

4.3

Norme 53

4.4

Specifiche ambientali ed elettriche 53

4.5

Memorizzazione dei dati 53

4.5.1

File elementari per l'identificazione e la gestione della carta 54

4.5.2

Identificazione della carta a circuito integrato 54

4.5.2.1

Identificazione del chip 54

4.5.2.2

DIR (presente solo nelle carte tachigrafiche di seconda generazione) 54

4.5.2.3

Informazioni ATR (opzionali, presenti solo nelle carte tachigrafiche di seconda generazione) 54

4.5.2.4

Informazioni di lunghezza estesa (opzionali, presenti solo nelle carte tachigrafiche di seconda generazione) 55

4.5.3

Carta del conducente 55

4.5.3.1

Applicazione del tachigrafo (accessibile alle unità elettroniche di bordo di prima e seconda generazione) 55

4.5.3.1.1

Identificazione dell'applicazione 55

4.5.3.1.2

Chiavi e certificati 55

4.5.3.1.3

Identificazione della carta 55

4.5.3.1.4

Identificazione del titolare della carta 55

4.5.3.1.5

Trasferimento dei dati della carta 55

4.5.3.1.6

Informazioni sulla patente di guida 55

4.5.3.1.7

Dati relativi alle anomalie 56

4.5.3.1.8

Dati relativi ai guasti 56

4.5.3.1.9

Dati relativi all'attività del conducente 57

4.5.3.1.10

Dati relativi ai veicoli impiegati 57

4.5.3.1.11

Luogo in cui inizia e/o termina il periodo di lavoro giornaliero 58

4.5.3.1.12

Dati relativi alla sessione della carta 58

4.5.3.1.13

Dati relativi alle attività di controllo 58

4.5.3.1.14

Dati relativi a condizioni particolari 58

4.5.3.2

Applicazione del tachigrafo di seconda generazione (non accessibile alle unità elettroniche di bordo di prima generazione) 59

4.5.3.2.1

Identificazione dell'applicazione 59

4.5.3.2.2

Chiavi e certificati 59

4.5.3.2.3

Identificazione della carta 59

4.5.3.2.4

Identificazione del titolare della carta 59

4.5.3.2.5

Trasferimento dei dati della carta 59

4.5.3.2.6

Informazioni sulla patente di guida 59

4.5.3.2.7

Dati relativi alle anomalie 59

4.5.3.2.8

Dati relativi ai guasti 60

4.5.3.2.9

Dati relativi all'attività del conducente 61

4.5.3.2.10

Dati relativi ai veicoli impiegati 61

4.5.3.2.11

Luogo e posizione in cui inizia e/o termina il periodo di lavoro giornaliero 62

4.5.3.2.12

Dati relativi alla sessione della carta 62

4.5.3.2.13

Dati relativi alle attività di controllo 62

4.5.3.2.14

Dati relativi a condizioni particolari 63

4.5.3.2.15

Dati relativi alle unità elettroniche di bordo usate 63

4.5.3.2.16

Dati relativi al luogo in cui si raggiungono le tre ore di guida ininterrotta 63

4.5.4

Carta dell'officina 63

4.5.4.1

Applicazione del tachigrafo (accessibile alle unità elettroniche di bordo di prima e seconda generazione) 63

4.5.4.1.1

Identificazione dell'applicazione 63

4.5.4.1.2

Chiavi e certificati 63

4.5.4.1.3

Identificazione della carta 64

4.5.4.1.4

Identificazione del titolare della carta 64

4.5.4.1.5

Trasferimento dei dati della carta 64

4.5.4.1.6

Dati relativi a taratura e regolazione dell'ora 64

4.5.4.1.7

Dati relativi ad anomalie e guasti 65

4.5.4.1.8

Dati relativi all'attività del conducente 65

4.5.4.1.9

Dati relativi ai veicoli impiegati 65

4.5.4.1.10

Dati relativi all'inizio e/o al termine del periodo di lavoro giornaliero 65

4.5.4.1.11

Dati relativi alla sessione della carta 65

4.5.4.1.12

Dati relativi alle attività di controllo 65

4.5.4.1.13

Dati relativi a condizioni particolari 65

4.5.4.2

Applicazione del tachigrafo di seconda generazione (non accessibile alle unità elettroniche di bordo di prima generazione) 65

4.5.4.2.1

Identificazione dell'applicazione 65

4.5.4.2.2

Chiavi e certificati 66

4.5.4.2.3

Identificazione della carta 66

4.5.4.2.4

Identificazione del titolare della carta 66

4.5.4.2.5

Trasferimento dei dati della carta 66

4.5.4.2.6

Dati relativi a taratura e regolazione dell'ora 66

4.5.4.2.7

Dati relativi ad anomalie e guasti 67

4.5.4.2.8

Dati relativi all'attività del conducente 67

4.5.4.2.9

Dati relativi ai veicoli impiegati 67

4.5.4.2.10

Dati relativi all'inizio e/o al termine del periodo di lavoro giornaliero 67

4.5.4.2.11

Dati relativi alla sessione della carta 67

4.5.4.2.12

Dati relativi alle attività di controllo 67

4.5.4.2.13

Dati relativi alle unità elettroniche di bordo usate 67

4.5.4.2.14

Dati relativi al luogo in cui si raggiungono le tre ore di guida ininterrotta 68

4.5.4.2.15

Dati relativi a condizioni particolari 68

4.5.5

Carta di controllo 68

4.5.5.1

Applicazione del tachigrafo (accessibile alle unità elettroniche di bordo di prima e seconda generazione) 68

4.5.5.1.1

Identificazione dell'applicazione 68

4.5.5.1.2

Chiavi e certificati 68

4.5.5.1.3

Identificazione della carta 68

4.5.5.1.4

Identificazione del titolare della carta 68

4.5.5.1.5

Dati relativi alle attività di controllo 69

4.5.5.2

Applicazione del tachigrafo di seconda generazione (non accessibile alle unità elettroniche di bordo di prima generazione) 69

4.5.5.2.1

Identificazione dell'applicazione 69

4.5.5.2.2

Chiavi e certificati 69

4.5.5.2.3

Identificazione della carta 69

4.5.5.2.4

Identificazione del titolare della carta 69

4.5.5.2.5

Dati relativi alle attività di controllo 70

4.5.6

Carta dell'azienda 70

4.5.6.1

Applicazione del tachigrafo (accessibile alle unità elettroniche di bordo di prima e seconda generazione) 70

4.5.6.1.1

Identificazione dell'applicazione 70

4.5.6.1.2

Chiavi e certificati 70

4.5.6.1.3

Identificazione della carta 70

4.5.6.1.4

Identificazione del titolare della carta 70

4.5.6.1.5

Dati relativi alle attività dell'impresa 70

4.5.6.2

Applicazione del tachigrafo di seconda generazione (non accessibile alle unità elettroniche di bordo di prima generazione) 71

4.5.6.2.1

Identificazione dell'applicazione 71

4.5.6.2.2

Chiavi e certificati 71

4.5.6.2.3

Identificazione della carta 71

4.5.6.2.4

Identificazione del titolare della carta 71

4.5.6.2.5

Dati relativi alle attività dell'impresa 71

5

MONTAGGIO DELL'APPARECCHIO DI CONTROLLO 72

5.1

Montaggio 72

5.2

Targhetta di montaggio 73

5.3

Sigilli 74

6

VERIFICHE, CONTROLLI E RIPARAZIONI 74

6.1

Autorizzazione di installatori, officine e costruttori di veicoli 74

6.2

Verifica degli strumenti nuovi o riparati 75

6.3

Controllo in sede di montaggio 75

6.4

Controlli periodici 75

6.5

Determinazione degli errori 76

6.6

Riparazioni 76

7

RILASCIO DELLA CARTA 76

8

OMOLOGAZIONE DELL'APPARECCHIO DI CONTROLLO E DELLE CARTE TACHIGRAFICHE 77

8.1

Prescrizioni generali 77

8.2

Certificato di sicurezza 78

8.3

Certificato funzionale 78

8.4

Certificato di interoperabilità 78

8.5

Scheda di omologazione 79

8.6

Procedura eccezionale: primi certificati di interoperabilità per gli apparecchi di controllo e le carte tachigrafiche di 2a generazione 80

INTRODUZIONE

Il sistema tachigrafico digitale di prima generazione è in uso dal 1o maggio 2006 e può essere utilizzato fino alla fine del proprio ciclo di vita per il trasporto interno. Per il trasporto internazionale invece, 15 anni dopo l'entrata in vigore del presente regolamento della Commissione, tutti i veicoli devono essere dotati di un tachigrafo intelligente di seconda generazione conforme, introdotto dal presente regolamento.

Il presente allegato reca i requisiti degli apparecchi di controllo e delle carte tachigrafiche di seconda generazione. A decorrere dalla data della sua introduzione, sui veicoli immatricolati per la prima volta si dovranno montare gli apparecchi di controllo di seconda generazione e per essi dovranno essere rilasciate le carte tachigrafiche di seconda generazione.

Al fine di agevolare l'introduzione del sistema tachigrafico di seconda generazione:

le carte tachigrafiche di seconda generazione devono essere progettate per poter essere utilizzate anche nelle unità elettroniche di bordo di prima generazione,

e non sarà richiesta la sostituzione delle carte tachigrafiche di prima generazione in corso di validità alla data di introduzione.

Ciò consentirà ai conducenti di mantenere la propria carta del conducente unica e di utilizzare con essa entrambi i sistemi.

Gli apparecchi di controllo di seconda generazione devono tuttavia essere tarati utilizzando unicamente carte dell'officina di seconda generazione.

Il presente allegato contiene tutti i requisiti relativi all'interoperabilità tra il sistema tachigrafico di prima e quello di seconda generazione.

L'appendice 15 specifica ulteriormente come gestire la coesistenza dei due sistemi.

Elenco delle appendici

App 1:

DIZIONARIO DEI DATI

App 2:

SPECIFICHE RIGUARDANTI LE CARTE TACHIGRAFICHE

App 3:

PITTOGRAMMI

App 4:

STAMPE

App 5:

DISPOSITIVO DI VISUALIZZAZIONE

App 6:

CONNETTORE ANTERIORE PER LA TARATURA E IL TRASFERIMENTO DEI DATI

App 7:

PROTOCOLLI DI TRASFERIMENTO DEI DATI

App 8:

PROTOCOLLO DI TARATURA

App 9:

OMOLOGAZIONE ED ELENCO DELLE PROVE MINIME PRESCRITTE

App 10:

REQUISITI DI SICUREZZA

App 11:

MECCANISMI COMUNI DI SICUREZZA

App 12:

POSIZIONAMENTO BASATO SUL SISTEMA GLOBALE DI NAVIGAZIONE SATELLITARE (GNSS)

App 13:

INTERFACCIA ITS

App 14:

FUNZIONE DI COMUNICAZIONE REMOTA

App 15:

MIGRAZIONE: GESTIONE DELLA COESISTENZA DI DIVERSE GENERAZIONI DI APPARECCHIATURE

App 16:

ADATTATORE PER VEICOLI DELLE CATEGORIE M1 E N1

1   DEFINIZIONI

Ai sensi del presente allegato, s'intende per:

a)

«attivazione»,

la fase in cui il tachigrafo diventa pienamente operativo e in grado di assolvere tutte le sue funzioni, comprese quelle di sicurezza, tramite l'uso di una carta dell'officina;

b)

«autenticazione»,

la funzione di identificazione e verifica dell'identità indicata;

c)

«autenticità»,

la caratteristica di un'informazione di provenire da una fonte di cui si può verificare l'identità;

d)

«prova incorporata»,

le prove effettuate su richiesta, azionate dall'operatore o da un apparecchio esterno;

e)

«giorno di calendario»,

una giornata che va dalle ore 00:00 alle ore 24:00. Tutti i giorni di calendario si riferiscono all'ora UTC (tempo universale coordinato);

f)

«taratura» del tachigrafo intelligente,

l'aggiornamento o la conferma dei parametri del veicolo da conservare nella memoria di dati. Tali parametri comprendono l'identificazione del veicolo (VIN, VRN e Stato membro di immatricolazione) e le caratteristiche del veicolo [w, k, l, dimensioni degli pneumatici, regolazione del limitatore di velocità (se applicabile), ora corrente (UTC), valore corrente dell'odometro]. Durante la taratura di un apparecchio di controllo, anche i tipi e gli identificativi di tutti i sigilli di omologazione pertinenti devono essere registrati nella memoria di dati.

Qualsiasi aggiornamento o conferma esclusivamente dell'ora UTC sono considerati una regolazione dell'ora e non una taratura, purché non siano in contrasto con il requisito 409.

La taratura di un apparecchio di controllo richiede l'impiego di una carta dell'officina;

g)

«numero della carta»,

un numero di 16 caratteri alfanumerici che identifica in modo inequivocabile una carta tachigrafica all'interno di uno Stato membro. Il numero della carta comprende un codice di serie (se applicabile), un codice di sostituzione e un codice di rinnovo della stessa.

Una carta è quindi identificata in modo inequivocabile dal codice dello Stato membro di rilascio e dal numero della carta;

h)

«codice di serie della carta»,

il 14o carattere alfanumerico del numero della carta inteso a differenziare le diverse carte rilasciate ad un'impresa, un'officina o un'autorità di controllo autorizzate ad ottenere più carte tachigrafiche. L'impresa, l'officina o l'autorità di controllo sono identificate in modo inequivocabile dai primi 13 caratteri del numero della carta;

i)

«codice di rinnovo della carta»,

il 16o carattere alfanumerico del numero della carta, che viene aumentato di un'unità ad ogni rinnovo della carta tachigrafica;

j)

«codice di sostituzione della carta»,

il 15o carattere alfanumerico del numero della carta, che viene aumentato di un'unità ad ogni sostituzione della carta tachigrafica;

k)

«coefficiente caratteristico del veicolo»,

la caratteristica numerica che esprime il valore del segnale di uscita emesso dalla parte del veicolo collegata all'apparecchio di controllo (asse o albero di uscita del cambio) quando il veicolo percorre la distanza di un chilometro in condizioni normali di prova, come definite nel requisito 414. Il coefficiente caratteristico è espresso in impulsi per chilometro (w = … imp/km);

l)

«carta dell'azienda»,

una carta tachigrafica rilasciata dalle autorità di uno Stato membro a un'impresa di trasporto stradale che deve usare veicoli muniti di tachigrafo, che identifica l'impresa di trasporto e consente la visualizzazione, il trasferimento e la stampa dei dati archiviati nel tachigrafo che sono stati bloccati da tale impresa di trasporto;

m)

«costante dell'apparecchio di controllo»,

la caratteristica numerica che esprime il valore del segnale di entrata necessario per ottenere l'indicazione e la registrazione della distanza percorsa di 1 chilometro. La costante è espressa in impulsi per chilometro (k = … imp/km);

n)

«periodo di guida continuo», calcolato all'interno dell'apparecchio di controllo come (1):

il periodo di guida continuo è calcolato come la somma corrente dei periodi di guida accumulati da un determinato conducente, a partire dal termine del suo ultimo periodo di DISPONIBILITÀ o di INTERRUZIONE/RIPOSO o NON NOTO (2) di 45 minuti o più [questo periodo può essere ripartito come prescritto dal regolamento (CE) n. 561/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio (3)]. I calcoli tengono conto, a seconda della necessità, delle attività precedenti memorizzate sulla carta del conducente. Qualora il conducente non abbia inserito la sua carta, i calcoli si basano sulle registrazioni nella memoria di dati riferite al periodo corrente durante il quale la carta non era inserita e relative alla sede (slot) pertinente;

o)

«carta di controllo»,

una carta tachigrafica rilasciata dalle autorità di uno Stato membro a un'autorità di controllo nazionale competente, che identifica l'organismo di controllo e, facoltativamente, l'agente di controllo, e consente l'accesso ai dati archiviati nella memoria di dati, nelle carte del conducente e, facoltativamente, nelle carte dell'officina, per la lettura, la stampa e/o il trasferimento.

Essa dà accesso anche alla funzione di verifica della taratura su strada e ai dati del lettore della comunicazione remota a fini di diagnosi precoce;

p)

«periodo cumulato di interruzione», calcolato all'interno dell'apparecchio di controllo come (1):

il periodo cumulato di interruzione della guida è calcolato come la somma corrente dei periodi di DISPONIBILITÀ o di INTERRUZIONE/RIPOSO o NON NOTI (2) di 15 minuti o più accumulati da un determinato conducente, a partire dal termine del suo ultimo periodo di DISPONIBILITÀ o di INTERRUZIONE/RIPOSO o NON NOTO (2) di 45 minuti o più [questo periodo può essere ripartito come prescritto dal regolamento (CE) n. 561/2006].

I calcoli tengono conto, a seconda della necessità, delle attività precedenti memorizzate sulla carta del conducente. I periodi non noti di durata negativa (inizio del periodo non noto > termine del periodo non noto), dovuti a sovrapposizioni di orari tra due diversi apparecchi di controllo, non sono presi in considerazione.

Qualora il conducente non abbia inserito la sua carta, i calcoli si basano sulle registrazioni nella memoria di dati riferite al periodo corrente durante il quale la carta non era inserita e relative alla sede (slot) pertinente;

q)

«memoria di dati»,

un dispositivo elettronico di memorizzazione di dati, incorporato nell'apparecchio di controllo;

r)

«firma digitale»,

i dati aggiunti a un blocco di dati o una trasformazione crittografica dello stesso, che consentono al destinatario del blocco di dati di verificarne l'autenticità e l'integrità;

s)

«trasferimento»,

la copia, unitamente alla firma digitale, di una parte o di una serie completa di file di dati, registrati nella memoria di dati dell'unità elettronica di bordo (VU) o nella memoria di una carta tachigrafica, a condizione che tale procedura non modifichi o cancelli i dati memorizzati.

I fabbricanti delle unità elettroniche di bordo (tachigrafo intelligente) e i fabbricanti delle apparecchiature destinate al trasferimento di file di dati devono adottare tutti i provvedimenti ragionevoli per garantire che il trasferimento dei dati in questione avvenga in modo da causare ritardi minimi all'attività delle imprese di trasporto o dei conducenti.

Il trasferimento del file relativo alla velocità può non essere necessario per stabilire la conformità al regolamento (CE) n. 561/2006, ma può essere usato per altri scopi, ad esempio per accertare le cause di un incidente;

t)

«carta del conducente»,

una carta tachigrafica rilasciata dalle autorità di uno Stato membro a un determinato conducente, che lo identifica e consente l'archiviazione dei dati sulla sua attività;

u)

«circonferenza effettiva delle ruote»,

la media delle distanze percorse da ciascuna delle ruote che imprimono il movimento al veicolo (ruote motrici) durante una rotazione completa. La misurazione di queste distanze deve essere effettuata in condizioni normali di prova, come definite nel requisito 414, ed è espressa come: «l = … mm». I costruttori di veicoli possono sostituire la misurazione di queste distanze con un calcolo teorico che tenga conto della ripartizione del peso sugli assi, con veicolo a vuoto in normali condizioni di marcia (4). I metodi di tale calcolo teorico devono essere approvati da un'autorità competente degli Stati membri e tale approvazione può avvenire solo prima dell'attivazione del tachigrafo;

v)

«anomalia»,

un'operazione anomala rilevata dal tachigrafo intelligente, potenzialmente risultante da un tentativo di frode;

w)

«dispositivo GNSS esterno»,

un dispositivo comprendente il ricevitore GNSS, quando l'unità elettronica di bordo non è un'unità singola, nonché gli altri componenti necessari per proteggere la comunicazione dei dati sulla posizione al resto delle unità elettroniche di bordo;

x)

«guasto»,

un'operazione anomala rilevata dal tachigrafo intelligente, che può essere dovuta al cattivo funzionamento o al guasto di un apparecchio;

y)

«ricevitore GNSS»,

un dispositivo elettronico che riceve ed elabora digitalmente i segnali di uno o più sistemi globali di navigazione satellitare (in inglese GNSS) per fornire informazioni sulla posizione, la velocità e l'ora;

z)

«montaggio»,

il montaggio di un tachigrafo su un veicolo;

aa)

«interoperabilità»,

la capacità dei sistemi e dei processi industriali e commerciali sottostanti di scambiare dati e di condividere informazioni;

bb)

«interfaccia»,

strumento posto tra sistemi, che fornisce i mezzi attraverso i quali detti sistemi possono collegarsi e interagire;

cc)

«posizione»,

coordinate geografiche del veicolo in un dato momento;

dd)

«sensore di movimento»,

una parte del tachigrafo che fornisce un segnale rappresentativo della velocità del veicolo e/o della distanza percorsa;

ee)

«carta non valida»,

una carta individuata come difettosa oppure la cui autenticazione iniziale è stata respinta o la cui data di inizio di validità non è ancora stata raggiunta o la cui data di scadenza è stata superata;

ff)

«standard aperto»,

uno standard definito in un documento contenente le relative specifiche disponibile gratuitamente o a un prezzo simbolico, che può essere copiato, divulgato o usato a titolo gratuito o previo pagamento di un importo simbolico;

gg)

«escluso dal campo di applicazione»,

la circostanza in cui non è prescritto l'uso dell'apparecchio di controllo, secondo le disposizioni del regolamento (CE) n. 561/2006;

hh)

«superamento della velocità»,

il superamento della velocità autorizzata del veicolo, definito come ogni periodo di durata superiore a 60 secondi durante il quale la velocità misurata del veicolo supera il limite del valore di regolazione del limitatore di velocità stabilito dalla direttiva 92/6/CEE del Consiglio (5), come modificata da ultimo;

ii)

«controllo periodico»,

un insieme di operazioni effettuate per verificare il corretto funzionamento del tachigrafo, la corrispondenza tra le impostazioni e i parametri del veicolo e l'assenza di un eventuale collegamento del tachigrafo a dispositivi di manipolazione;

jj)

«stampante»,

un componente dell'apparecchio di controllo che stampa i dati memorizzati;

kk)

«comunicazione remota a fini di diagnosi precoce»,

la comunicazione tra il dispositivo di comunicazione remota a fini di diagnosi precoce e il lettore della comunicazione remota a fini di diagnosi precoce durante i controlli su strada mirati al fine di individuare a distanza eventuali manomissioni o usi impropri dell'apparecchio di controllo;

ll)

«dispositivo di comunicazione remota»,

le dotazioni dell'unità elettronica di bordo utilizzate per svolgere controlli su strada mirati;

mm)

«lettore della comunicazione remota a fini di diagnosi precoce»,

il sistema utilizzato per i controlli su strada mirati dagli agenti preposti;

nn)

«rinnovo»,

il rilascio di una nuova carta tachigrafica quando una carta esistente raggiunge il termine del suo periodo di validità o non funziona correttamente e viene restituita alle autorità di rilascio. Il rinnovo implica sempre la certezza che due carte valide non coesistano;

oo)

«riparazione»,

qualunque riparazione di un sensore di movimento, di un'unità elettronica di bordo o di un cavo che comporti l'interruzione dell'alimentazione di energia o del suo collegamento ad altri componenti del tachigrafo o l'apertura del sensore di movimento o dell'unità elettronica di bordo;

pp)

«sostituzione della carta»,

il rilascio di una carta tachigrafica in sostituzione di una carta esistente, dichiarata smarrita, rubata o non funzionante, che non viene restituita alle autorità di rilascio. La sostituzione implica sempre il rischio che possano coesistere due carte valide;

qq)

«certificazione della sicurezza»,

la procedura, condotta da un organismo di certificazione di criteri comuni, volta a certificare che l'apparecchio di controllo (o un suo componente) o la carta tachigrafica in esame soddisfano i requisiti di sicurezza definiti nei rispettivi profili di protezione;

rr)

«prova automatica»,

le prove cicliche ed automatiche effettuate dall'apparecchio di controllo per rilevare eventuali guasti;

ss)

«misurazione del tempo»,

una registrazione digitale permanente del tempo (data e ora) universale coordinato (UTC);

tt)

«regolazione dell'ora»,

una regolazione automatica dell'ora ad intervalli regolari ed entro un margine di tolleranza massimo di un minuto o una regolazione effettuata durante la taratura;

uu)

«dimensioni degli pneumatici»,

l'indicazione delle dimensioni degli pneumatici (ruote motrici esterne), in conformità alla direttiva 92/23/CEE, del Consiglio (6), come modificata da ultimo;

vv)

«identificazione del veicolo»,

i numeri che identificano il veicolo: il numero di immatricolazione del veicolo (VRN), con indicazione dello Stato membro di immatricolazione, e il numero di identificazione del veicolo (VIN) (7);

ww)

«settimana», ai fini dei calcoli interni dell'apparecchio di controllo,

il periodo compreso tra le ore 00:00 UTC del lunedì e le ore 24:00 UTC della domenica;

xx)

«carta dell'officina»,

una carta tachigrafica rilasciata dalle autorità di uno Stato membro al personale designato di un produttore di tachigrafi, un installatore, un costruttore di veicoli o un'officina approvati da tale Stato membro, che identifica il titolare della carta e consente il collaudo, la taratura e l'attivazione dei tachigrafi e/o il trasferimento di dati dai medesimi;

yy)

«adattatore»,

un dispositivo, che fornisce un segnale costantemente rappresentativo della velocità del veicolo e/o della distanza percorsa, diverso da quello utilizzato per il rilevamento del movimento indipendente, e che:

è montato e utilizzato soltanto sui veicoli delle categorie M1 e N1 (quali definiti nell'allegato II della direttiva 2007/46/CE del Parlamento europeo e del Consiglio (8), come modificata da ultimo) messi in circolazione dal 1o maggio 2006,

è montato nei casi in cui non è meccanicamente possibile montare alcun altro tipo di sensore di movimento esistente altrimenti conforme alle disposizioni del presente allegato e delle appendici da 1 a 15 dello stesso,

è montato tra l'unità elettronica di bordo e il punto in cui gli impulsi relativi alla velocità/distanza sono generati da sensori integrati o interfacce alternative,

visto dall'unità elettronica di bordo, l'adattatore funziona come se un sensore di movimento, conforme alle disposizioni del presente allegato e delle appendici da 1 a 16 dello stesso, fosse collegato all'unità elettronica di bordo.

L'uso dell'adattatore nei veicoli sopra descritti deve consentire il montaggio e il corretto utilizzo di un'unità elettronica di bordo conforme a tutti i requisiti del presente allegato.

Per tali veicoli il tachigrafo intelligente comprende i cavi, l'adattatore e l'unità elettronica di bordo;

zz)

«integrità dei dati»,

l'accuratezza e la coerenza dei dati memorizzati, indicata dall'assenza di qualsiasi cambiamento dei dati tra due aggiornamenti di un registro di dati. L'integrità implica che i dati siano una copia conforme della versione originale, ad esempio che non siano stati danneggiati durante la scrittura su una carta tachigrafica o un dispositivo apposito e la lettura da essi o durante la trasmissione tramite qualsiasi canale di comunicazione;

aaa)

«riservatezza dei dati»,

l'insieme delle misure tecniche adottate per garantire la corretta attuazione dei principi enunciati nella direttiva 95/46/CE, del Parlamento europeo e del Consiglio (9), come pure di quelli previsti nella direttiva 2002/58/CE del Parlamento europeo e del Consiglio (10);

bbb)

«sistema tachigrafico intelligente»,

l'apparecchio di controllo, le carte tachigrafiche e l'insieme di tutte le apparecchiature che interagiscono direttamente o indirettamente durante la loro costruzione, installazione, uso, collaudo e controllo, come le carte, il lettore della comunicazione remota e qualsiasi altro dispositivo per il trasferimento dei dati, l'analisi dei dati, la taratura, la creazione, la gestione o l'introduzione di elementi di sicurezza, ecc.;

ccc)

«data di introduzione»,

36 mesi dopo l'entrata in vigore delle disposizioni dettagliate di cui all'articolo 11 del regolamento (UE) n. 165/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio (11).

È questa la data a partire dalla quale i veicoli immatricolati per la prima volta:

devono essere dotati di un tachigrafo collegato a un servizio di posizionamento basato su un sistema di navigazione satellitare,

devono essere in grado di comunicare i dati per i controlli su strada mirati alle autorità di controllo competenti, mentre il veicolo è in movimento,

e possono essere muniti di interfacce standardizzate che consentono di usare i dati registrati o generati dal tachigrafo digitale nel modo funzionamento, mediante un dispositivo esterno;

ddd)

«profilo di protezione»,

un documento, utilizzato come parte del processo di certificazione secondo criteri comuni, che fornisce le specifiche indipendenti dall'attuazione dei requisiti di sicurezza per la garanzia di sicurezza delle informazioni;

eee)

«accuratezza del GNSS»,

nel contesto della registrazione della posizione dal sistema globale di navigazione satellitare (GNSS) con i tachigrafi, il valore dell'HDOP (Horizontal Dilution of Precision), calcolato come il valore HDOP minimo tra quelli raccolti sui sistemi GNSS disponibili.

2   CARATTERISTICHE GENERALI E FUNZIONI DELL'APPARECCHIO DI CONTROLLO

2.1   Caratteristiche generali

L'apparecchio di controllo ha la finalità di registrare, memorizzare, visualizzare, stampare e trasmettere dati relativi alle attività del conducente.

I veicoli su cui è montato un apparecchio di controllo conforme alle disposizioni del presente allegato devono essere muniti di un indicatore di velocità e di un odometro. Tali funzioni possono essere incorporate nell'apparecchio di controllo.

1)

L'apparecchio di controllo comprende i cavi, un sensore di movimento e un'unità elettronica di bordo.

2)

L'interfaccia tra i sensori di movimento e le unità elettroniche di bordo deve soddisfare le prescrizioni specificate nell'appendice 11.

3)

L'unità elettronica di bordo deve essere collegata a uno o più sistemi globali di navigazione satellitare, come specificato nell'appendice 12.

4)

L'unità elettronica di bordo deve comunicare con i lettori della comunicazione remota a fini di diagnosi precoce, come specificato nell'appendice 14.

5)

L'unità elettronica di bordo può comprendere un'interfaccia ITS, specificata nell'appendice 13.

L'apparecchio di controllo può essere collegato ad altri dispositivi attraverso interfacce supplementari e/o l'interfaccia ITS opzionale.

6)

L'eventuale presenza nell'apparecchio di controllo di altre funzioni o altri dispositivi, omologati o meno, o il loro collegamento ad esso non deve interferire direttamente o indirettamente con il funzionamento corretto e sicuro dell'apparecchio di controllo e con le disposizioni del presente regolamento.

Gli utilizzatori dell'apparecchio di controllo sono identificati dall'apparecchio per mezzo di carte tachigrafiche.

7)

L'apparecchio di controllo fornisce diritti di accesso selettivi ai dati e alle funzioni, a seconda del tipo e/o dell'identità dell'utilizzatore.

L'apparecchio di controllo registra e memorizza dati nella sua memoria di dati, nel dispositivo di comunicazione remota e sulle carte tachigrafiche.

Queste operazioni sono effettuate in conformità alla direttiva 95/46/CE, del 24 ottobre 1995, relativa alla tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati (12), alla direttiva 2002/58/CE, del 12 luglio 2002, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche (13) e all'articolo 7 del regolamento (UE) n. 165/2014.

2.2   Funzioni

8)

L'apparecchio di controllo deve garantire le seguenti funzioni:

controllo dell'inserimento e dell'estrazione delle carte,

misurazione della velocità, della distanza e della posizione,

misurazione del tempo,

controllo delle attività del conducente,

controllo delle condizioni di guida,

immissioni manuali da parte del conducente:

luogo in cui inizia e/o termina il periodo di lavoro giornaliero,

attività del conducente,

condizioni particolari,

gestione dei blocchi di un'impresa,

verifica delle attività di controllo,

rilevamento di anomalie e/o guasti,

prove incorporate e prove automatiche,

lettura della memoria di dati,

registrazione e memorizzazione nella memoria di dati,

lettura delle carte tachigrafiche,

registrazione e memorizzazione nelle carte tachigrafiche,

visualizzazione,

stampa,

avvisi,

trasferimento di dati su dispositivi esterni,

comunicazione remota per controlli su strada mirati,

trasmissione di dati a dispositivi aggiuntivi,

taratura,

verifica su strada della taratura,

regolazione dell'ora.

2.3   Modalità di funzionamento

9)

L'apparecchio di controllo deve prevedere quattro modalità di funzionamento:

modo funzionamento,

modo controllo,

modo taratura,

modo azienda.

10)

L'apparecchio di controllo deve passare alla modalità di funzionamento sotto riportata, a seconda delle carte tachigrafiche in corso di validità inserite nelle interfacce. Al fine di determinare la modalità di funzionamento, la generazione della carta tachigrafica è irrilevante, purché la carta inserita sia valida. Una carta dell'officina di prima generazione deve essere sempre considerata non valida quando è inserita in un'unità elettronica di bordo di seconda generazione.

Modalità di funzionamento

Sede (slot) del conducente

Carta assente

Carta del conducente

Carta di controllo

Carta dell'officina

Carta dell'azienda

Sede (slot) del secondo conducente

Carta assente

Funzionamento

Funzionamento

Controllo

Taratura

Azienda

Carta del conducente

Funzionamento

Funzionamento

Controllo

Taratura

Azienda

Carta di controllo

Controllo

Controllo

Controllo (*)

Funzionamento

Funzionamento

Carta dell'officina

Taratura

Taratura

Funzionamento

Taratura (*)

Funzionamento

Carta dell'azienda

Azienda

Azienda

Funzionamento

Funzionamento

Azienda (*)

11)

L'apparecchio di controllo deve ignorare le carte non valide inserite, fatta salva la possibilità di visualizzare, stampare o trasferire i dati memorizzati su una carta scaduta.

12)

Tutte le funzioni elencate al punto 2.2 devono essere disponibili in ogni modalità di funzionamento, con le seguenti eccezioni:

la funzione di taratura è accessibile solo nel modo taratura,

la funzione di verifica della taratura su strada è accessibile solo nel modo controllo,

la funzione di gestione dei blocchi di un'impresa è disponibile solo nel modo azienda,

la verifica delle attività di controllo è disponibile solo nel modo controllo,

la funzione di trasferimento dati non è disponibile nel modo funzionamento (fatto salvo quanto disposto nel requisito 193), fatta eccezione per il trasferimento dei dati di una carta del conducente quando nessun'altra carta è inserita nell'unità elettronica di bordo.

13)

L'apparecchio di controllo può trasmettere qualsiasi dato al dispositivo di visualizzazione, alla stampante o a interfacce esterne, con le seguenti eccezioni:

nel modo funzionamento, deve essere omessa ogni identificazione personale (cognome e nome/i) non corrispondente a una carta tachigrafica inserita e va parzialmente omesso (un carattere sì e uno no, da sinistra a destra) ogni numero di carta non corrispondente a una carta tachigrafica inserita,

nel modo azienda, i dati relativi al conducente (requisiti 102, 105 e 108) possono essere estratti soltanto per i periodi per cui non esista un blocco o nessun'altra azienda (identificata dai primi 13 caratteri del numero della carta dell'azienda) ne abbia attivato uno,

se nell'apparecchio di controllo non è inserita una carta, si possono trasmettere solo i dati relativi al conducente riferiti al giorno corrente e agli 8 giorni di calendario precedenti,

i dati personali provenienti dall'unità elettronica di bordo non devono essere trasmessi tramite l'interfaccia ITS dell'unità elettronica di bordo, salvo previa verifica che il conducente cui i dati si riferiscono abbia dato il proprio consenso,

le unità elettroniche di bordo hanno un periodo di validità in condizioni di funzionamento normali di 15 anni, che inizia con la data del rilascio dei relativi certificati, ma possono essere utilizzate per ulteriori 3 mesi, solo per il trasferimento dei dati.

2.4   Sicurezza

La sicurezza del sistema è intesa a proteggere la memoria di dati in modo da impedire l'accesso non autorizzato, la manipolazione dei dati e rilevarne eventuali tentativi, nonché da proteggere l'integrità e l'autenticità dei dati scambiati tra sensore di movimento e unità elettronica di bordo, l'integrità e l'autenticità dei dati scambiati tra l'apparecchio di controllo e le carte tachigrafiche, l'integrità e l'autenticità dei dati scambiati tra l'apparecchio di controllo e il dispositivo GNSS esterno, la riservatezza, l'integrità e l'autenticità dei dati scambiati per finalità di controllo tramite la comunicazione remota a fini di diagnosi precoce e da verificare l'integrità e l'autenticità dei dati trasferiti.

14)

Al fine di garantire la sicurezza del sistema, i seguenti componenti devono soddisfare i requisiti di sicurezza specificati nei rispettivi profili di protezione, come richiesto nell'appendice 10:

unità elettronica di bordo,

carta tachigrafica,

sensore di movimento,

dispositivo GNSS esterno (questo profilo è necessario e applicabile solo per la variante esterna del GNSS).

3   REQUISITI DI COSTRUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL'APPARECCHIO DI CONTROLLO

3.1   Controllo dell'inserimento e dell'estrazione delle carte

15)

L'apparecchio di controllo deve rilevare ogni inserimento ed estrazione di carte nelle relative interfacce.

16)

All'atto dell'inserimento, l'apparecchio di controllo deve verificare se la carta inserita è una carta tachigrafica in corso di validità ed in tal caso identificarne il tipo e la generazione.

Se una carta con lo stesso numero e un codice di rinnovo maggiore è già stata inserita nell'apparecchio di controllo, la carta è dichiarata non valida.

Se una carta con lo stesso numero e lo stesso codice di rinnovo, ma con un codice di sostituzione maggiore è già stata inserita nell'apparecchio di controllo, la carta è dichiarata non valida.

17)

Le carte tachigrafiche di prima generazione devono essere considerate non valide dall'apparecchio di controllo dopo che la possibilità di utilizzare carte tachigrafiche di prima generazione è stata preclusa da un'officina, in conformità all'appendice 15 (req. MIG003).

18)

Le carte dell'officina di prima generazione inserite nell'apparecchio di controllo di seconda generazione devono essere considerate non valide.

19)

L'apparecchio di controllo deve essere realizzato in modo tale che le carte tachigrafiche vengano bloccate in posizione quando sono inserite correttamente nelle relative interfacce.

20)

Le carte tachigrafiche devono poter essere estratte solo a veicolo fermo e dopo la memorizzazione dei dati pertinenti nelle carte stesse. L'estrazione della carta deve richiedere l'intervento fisico dell'utilizzatore.

3.2   Misurazione della velocità, della posizione e della distanza

21)

Il sensore di movimento (eventualmente incorporato nell'adattatore) è la principale fonte di misurazione della velocità e della distanza.

22)

Questa funzione deve misurare costantemente ed essere in grado di fornire il valore dell'odometro corrispondente alla distanza totale percorsa dal veicolo utilizzando gli impulsi provenienti dal sensore di movimento.

23)

Questa funzione deve misurare costantemente ed essere in grado di fornire la velocità del veicolo utilizzando gli impulsi provenienti dal sensore di movimento.

24)

La funzione di misurazione della velocità deve inoltre segnalare se il veicolo è in marcia o fermo. Il veicolo va considerato in marcia non appena la funzione rileva più di 1 imp/sec per almeno 5 secondi sul sensore di movimento, in caso contrario il veicolo si considera fermo.

25)

I dispositivi che visualizzano la velocità (tachimetro) e la distanza totale percorsa (odometro), montati su ogni veicolo munito di un apparecchio di controllo conforme alle prescrizioni del presente regolamento, devono soddisfare i requisiti relativi alle tolleranze massime fissati nel presente allegato (cfr. punti 3.2.1 e 3.2.2).

26)

Al fine di individuare una manipolazione dei dati di movimento, le informazioni provenienti dal sensore di movimento devono essere confermate dalle informazioni sul movimento del veicolo provenienti dal ricevitore GNSS e facoltativamente da altre fonti indipendenti dal sensore di movimento.

27)

Questa funzione deve misurare la posizione del veicolo al fine di consentire la registrazione automatica:

delle posizioni dove il conducente e/o il secondo conducente iniziano il loro periodo di lavoro giornaliero;

delle posizioni dove il periodo di guida continuo del conducente raggiunge un multiplo di tre ore;

delle posizioni dove il conducente e/o il secondo conducente terminano il loro periodo di lavoro giornaliero.

3.2.1   Misurazione della distanza percorsa

28)

La distanza percorsa può essere misurata:

a marcia avanti e a marcia indietro oppure

unicamente a marcia avanti.

29)

L'apparecchio di controllo deve misurare la distanza da 0 a 9 999 999,9 km.

30)

La distanza misurata deve rispettare le tolleranze seguenti (distanze di almeno 1 000 m):

± 1 % prima del montaggio,

± 2 % all'atto del montaggio e del controllo periodico,

± 4 % durante l'impiego.

31)

La distanza misurata deve avere una risoluzione maggiore o uguale a 0,1 km.

3.2.2   Misurazione della velocità

32)

L'apparecchio di controllo deve misurare la velocità tra 0 e 220 km/h.

33)

Per garantire una tolleranza massima sulla velocità visualizzata di ± 6 km/h durante l'impiego, tenuto conto di:

una tolleranza di ± 2 km/h per le variazioni in ingresso (variazioni degli pneumatici, …),

una tolleranza di ± 1 km/h per le misurazioni effettuate durante il montaggio o i controlli periodici,

l'apparecchio di controllo deve misurare la velocità, per velocità comprese tra 20 e 180 km/h e per coefficienti caratteristici del veicolo compresi tra 4 000 e 25 000 imp/km, con una tolleranza di ± 1 km/h (a velocità costante).

Nota: la risoluzione della memorizzazione dei dati apporta una tolleranza supplementare di ± 0,5 km/h alla velocità memorizzata dall'apparecchio di controllo.

34)

La velocità deve essere misurata correttamente, rispettando le tolleranze normali, entro 2 secondi dalla fine di una variazione di velocità, quando il tasso di variazione di velocità è inferiore o uguale a 2m/s2.

35)

La misurazione della velocità deve avere una risoluzione pari a 1 km/h o migliore.

3.2.3   Misurazione della posizione

36)

L'apparecchio di controllo deve misurare la posizione assoluta del veicolo utilizzando il ricevitore GNSS.

37)

La posizione assoluta è misurata in coordinate geografiche di latitudine e longitudine in gradi e minuti con una risoluzione di 1/10 di minuto.

3.3   Misurazione del tempo

38)

La funzione di misurazione del tempo deve misurare costantemente ed indicare data e ora UTC in formato digitale.

39)

La data e l'ora UTC vanno usate per datare tutti i dati dell'apparecchio di controllo (registrazioni, scambio di dati) e per tutti i documenti stampati di cui all'appendice 4 «Documenti stampati».

40)

Al fine di visualizzare l'ora locale, deve poter essere possibile regolare l'ora visualizzata in intervalli di mezz'ora. Non devono essere possibili regolazioni diverse dai multipli positivi o negativi della mezz'ora.

41)

Lo sfasamento dell'ora non deve superare ± 2 secondi al giorno in condizioni di omologazione, in assenza di regolazioni dell'ora.

42)

L'ora misurata deve avere una risoluzione pari a 1 secondo o migliore.

43)

La misurazione dell'ora non deve essere compromessa da un'interruzione dell'alimentazione esterna inferiore a 12 mesi in condizioni di omologazione.

3.4   Controllo delle attività del conducente

44)

Questa funzione deve controllare costantemente e separatamente le attività di un conducente e di un secondo conducente.

45)

Le attività del conducente sono GUIDA, LAVORO, DISPONIBILITÀ e INTERRUZIONE/RIPOSO.

46)

Il conducente e/o il secondo conducente devono poter selezionare manualmente LAVORO, DISPONIBILITÀ o INTERRUZIONE/RIPOSO.

47)

Quando il veicolo è in marcia, devono essere automaticamente selezionati GUIDA per il conducente e DISPONIBILITÀ per il secondo conducente.

48)

Quando il veicolo si arresta, deve essere automaticamente selezionato LAVORO per il conducente.

49)

Il primo passaggio di attività a RIPOSO o DISPONIBILITÀ che si verifica entro 120 secondi dalla selezione automatica di LAVORO dovuta all'arresto del veicolo va considerato avvenuto al momento dell'arresto del veicolo (annullando eventualmente il passaggio a LAVORO).

50)

Questa funzione deve trasmettere i cambi di attività alle funzioni di registrazione con una risoluzione di un minuto.

51)

Dato un intervallo di un minuto, se GUIDA è registrata come attività del minuto immediatamente precedente e del minuto immediatamente successivo, l'intero minuto va considerato come GUIDA.

52)

Dato un intervallo di un minuto non considerato come GUIDA in base al requisito 051, l'intero minuto va considerato come attività dello stesso tipo di quella continua di maggiore durata verificatasi entro tale minuto (o, nel caso di più attività di pari durata, dell'ultima di esse).

53)

Questa funzione deve controllare inoltre costantemente il periodo di guida continuo e il periodo cumulato di interruzione del conducente.

3.5   Controllo delle condizioni di guida

54)

Questa funzione deve controllare costantemente ed automaticamente le condizioni di guida.

55)

La condizione di guida EQUIPAGGIO deve essere selezionata quando nell'apparecchio sono inserite due carte del conducente in corso di validità; in ogni altro caso deve essere selezionata la condizione di guida SINGOLA.

3.6   Immissioni da parte del conducente

3.6.1   Immissione del luogo in cui inizia e/o termina il periodo di lavoro giornaliero

56)

Questa funzione deve consentire l'immissione del luogo in cui, secondo il conducente e/o il secondo conducente, il suo periodo di lavoro giornaliero inizia e/o termina.

57)

Per luogo s'intende lo Stato e inoltre, se del caso, la regione, che sono immessi o confermati manualmente.

58)

All'atto dell'estrazione di una carta del conducente, l'apparecchio di controllo deve invitare il conducente (o il secondo conducente) ad immettere il «luogo in cui termina il periodo di lavoro giornaliero».

59)

Il conducente deve quindi immettere il luogo in cui si trova il veicolo in quel momento, che è considerato come un dato temporaneo.

60)

I luoghi in cui iniziano e/o terminano i periodi di lavoro giornalieri devono poter essere immessi mediante comandi dei menù. Se durante un intervallo di un minuto viene immesso più di uno di tali dati, va conservata esclusivamente la registrazione dell'ultima immissione di inizio e dell'ultima immissione di fine effettuata in tale intervallo.

3.6.2   Immissione manuale delle attività del conducente e consenso del conducente per l'interfaccia ITS

61)

All'atto dell'inserimento della carta del conducente (o dell'officina), ed esclusivamente in tale momento, l'apparecchio di controllo deve consentire l'immissione manuale di attività. L'immissione manuale di attività deve essere effettuata utilizzando i valori dell'ora locale e della data del fuso orario (regolazione UTC) impostato in quel momento per l'unità elettronica di bordo.

Al momento di inserire una carta del conducente o dell'officina, il titolare della carta deve veder comparire le seguenti informazioni:

la data e l'ora dell'ultima estrazione della carta;

facoltativamente: la regolazione dell'ora locale impostata per l'unità elettronica di bordo.

All'atto del primo inserimento di una carta del conducente o dell'officina sconosciuta all'unità elettronica di bordo, il titolare della carta deve essere invitato a dare il proprio consenso alla trasmissione di dati personali connessi al tachigrafo tramite l'interfaccia ITS opzionale.

In qualsiasi momento il consenso del conducente (o dell'officina) può essere abilitato o disabilitato mediante comandi del menù, purché la carta del conducente (dell'officina) sia inserita.

L'immissione di attività deve essere possibile, ma con le seguenti restrizioni:

i tipi di attività devono essere: LAVORO, DISPONIBILITÀ e INTERRUZIONE/RIPOSO;

le ore di inizio e di fine per ciascuna attività devono rientrare esclusivamente nel periodo compreso tra l'ultima estrazione della carta e l'inserimento della carta in corso;

non deve essere consentita la sovrapposizione reciproca nel tempo delle attività.

L'immissione manuale deve essere possibile, se richiesta, all'atto del primo inserimento di una carta del conducente (o dell'officina) precedentemente inutilizzata.

La procedura di immissione manuale dei dati sulle attività deve comprendere tutte le fasi consecutive necessarie per inserire, per ciascuna attività, il tipo, l'ora di inizio e l'ora di fine. Per ogni parte del periodo compreso tra l'ultima estrazione della carta e l'inserimento della carta in corso, il titolare della carta deve avere la possibilità di non dichiarare alcuna attività.

Nel corso dell'immissione manuale di attività correlate all'inserimento della carta, il titolare della carta, se del caso, deve avere la possibilità di indicare:

il luogo in cui si è concluso il precedente periodo giornaliero di lavoro associato all'ora corrispondente (che va a sostituire il dato inserito al momento dell'ultima estrazione della carta);

il luogo in cui ha inizio il periodo giornaliero di lavoro in corso associato all'ora corrispondente.

Se il titolare della carta non immette alcun luogo di inizio o fine del periodo di lavoro, durante le immissioni manuali associate all'inserimento della carta ciò è da considerarsi una dichiarazione del fatto che il suo periodo di lavoro non è cambiato dall'ultima estrazione della carta. La successiva immissione di un luogo in cui termina un periodo di lavoro giornaliero precedente va allora a sovrascrivere il dato temporaneo immesso al momento dell'ultima estrazione della carta.

Se viene inserito un luogo, l'informazione relativa deve essere registrata nella carta tachigrafica pertinente.

Le immissioni manuali devono interrompersi:

in caso di estrazione della carta, oppure

se il veicolo è in movimento e la carta è inserita nella sede (slot) del conducente.

Sono consentite ulteriori interruzioni, ad esempio dopo un periodo di inattività dell'utente. In caso di interruzione delle immissioni manuali, l'apparecchio di controllo deve convalidare tutte le indicazioni complete di luogo e attività già inserite (che indichino senza ambiguità un luogo e un'ora o un tipo di attività e un'ora di inizio e di fine).

Qualora venga inserita una seconda carta del conducente o dell'officina mentre è in corso l'immissione manuale di dati di attività relative alla carta precedentemente inserita, tale immissione manuale deve poter essere completata prima che abbia inizio l'immissione manuale dei dati relativi alla seconda carta.

Il titolare della carta deve avere la possibilità di effettuare l'immissione manuale di dati secondo la seguente procedura minima:

Immissione manuale di attività in ordine cronologico per il periodo compreso tra l'ultima estrazione della carta e l'inserimento in corso.

L'ora di inizio della prima attività deve essere fissato al momento dell'estrazione della carta. Per ciascuna immissione di dati successiva, l'ora di inizio deve essere fissata in modo da seguire immediatamente l'ora di fine dell'immissione di dati precedente. Per ciascuna attività devono essere selezionati il tipo e l'ora di fine.

La procedura è completata quando l'ora in cui termina un'attività inserita manualmente corrisponde all'ora di inserimento della carta. L'apparecchio di controllo può quindi consentire facoltativamente al titolare della carta di modificare ogni attività inserita manualmente, fino alla convalida mediante un apposito comando. Successivamente tali modifiche non devono più essere consentite.

3.6.3   Immissione di condizioni particolari

62)

L'apparecchio di controllo deve consentire al conducente di inserire, in tempo reale, le due condizioni particolari seguenti:

«ESCLUSO DAL CAMPO DI APPLICAZIONE» (inizio, fine)

«ATTRAVERSAMENTO MEDIANTE TRAGHETTO/TRENO» (inizio, fine).

Un «ATTRAVERSAMENTO MEDIANTE TRAGHETTO/TRENO» non deve potersi verificare in presenza della condizione «ESCLUSO DAL CAMPO DI APPLICAZIONE».

Se presente, la condizione «ESCLUSO DAL CAMPO DI APPLICAZIONE» deve essere eliminata automaticamente dall'apparecchio di controllo quando viene inserita o estratta una carta del conducente.

L'eventuale condizione «ESCLUSO DAL CAMPO DI APPLICAZIONE» deve impedire i seguenti avvisi e le seguenti anomalie:

guida in assenza di una carta adeguata;

avvisi relativi al periodo di guida continuo.

L'indicatore (flag) di inizio dell'ATTRAVERSAMENTO MEDIANTE TRAGHETTO/TRENO deve essere impostato prima di spegnere il motore sul traghetto/treno.

Un ATTRAVERSAMENTO MEDIANTE TRAGHETTO/TRENO attivo deve terminare quando si verifica uno dei seguenti casi:

il conducente termina manualmente l'ATTRAVERSAMENTO MEDIANTE TRAGHETTO/TRENO,

il conducente espelle la sua carta.

Un ATTRAVERSAMENTO MEDIANTE TRAGHETTO/TRENO attivo deve terminare quando non è più valido sulla base delle regole indicate nel regolamento (CE) n. 561/2006.

3.7   Gestione dei blocchi di un'impresa

63)

Questa funzione deve consentire di gestire i blocchi previsti da un'impresa per limitare a se stessa l'accesso ai dati nel modo azienda.

64)

I blocchi di un'impresa consistono in una data/ora di inizio (attivazione blocco) e in una data/ora di termine (disattivazione blocco), associate all'identificazione dell'impresa risultante dal numero della carta dell'azienda (all'attivazione del blocco).

65)

I blocchi possono essere attivati o disattivati solo in tempo reale.

66)

Il blocco deve poter essere disattivato solo dall'impresa il cui blocco è attivo (identificata dai primi 13 caratteri del numero della carta dell'azienda) oppure

67)

la disattivazione del blocco deve avvenire automaticamente quando un'altra impresa attiva un blocco.

68)

Nel caso in cui un'impresa attivi un blocco e che il blocco precedente fosse della stessa impresa, allora si riterrà che il blocco precedente non sia stato disattivato e che sia tuttora attivato.

3.8   Verifica delle attività di controllo

69)

Questa funzione deve verificare le attività di controllo «VISUALIZZAZIONE, STAMPA, TRASFERIMENTO dati della VU e della carta» e «TARATURA SU STRADA» nel modo controllo.

70)

Essa deve inoltre verificare le attività di «CONTROLLO SUPERAMENTO DELLA VELOCITÀ» nel modo controllo. Un controllo del superamento della velocità si considera avvenuto quando, nel modo controllo, l'informazione «superamento della velocità» viene inviata alla stampante o al dispositivo di visualizzazione oppure quando i dati relativi ad «anomalie e guasti» vengono trasferiti dalla memoria di dati della VU.

3.9   Rilevamento di anomalie e/o guasti

71)

Questa funzione deve rilevare le anomalie e/o i guasti seguenti:

3.9.1   Anomalia «Inserimento di una carta non valida»

72)

Questa anomalia deve attivarsi all'inserimento di una carta non valida, all'inserimento di una carta del conducente già sostituita e/o quando una carta inserita in corso di validità scade.

3.9.2   Anomalia «Conflitto di carte»

73)

Questa anomalia deve attivarsi quando si verifica una combinazione di carte in corso di validità indicata con X nella tabella seguente:

Conflitto di carte

Sede (slot) del conducente

Carta assente

Carta del conducente

Carta di controllo

Carta dell'officina

Carta dell'azienda

Sede (slot) del secondo conducente

Carta assente

 

 

 

 

 

Carta del conducente

 

 

 

X

 

Carta di controllo

 

 

X

X

X

Carta dell'officina

 

X

X

X

X

Carta dell'azienda

 

 

X

X

X

3.9.3   Anomalia «Sovrapposizione di orari»

74)

Questa anomalia deve attivarsi quando la data/ora dell'ultima estrazione di una carta del conducente, letta sulla carta, è successiva alla data/ora corrente dell'apparecchio di controllo in cui è inserita la carta.

3.9.4   Anomalia «Guida in assenza di una carta adeguata»

75)

Questa anomalia deve attivarsi per ogni combinazione valida di carte tachigrafiche indicata con X nella tabella seguente, quando l'attività del conducente passa a GUIDA o quando si verifica un cambio di modalità di funzionamento mentre l'attività del conducente è GUIDA:

Guida in assenza di una carta adeguata

Sede (slot) del conducente

Carta assente (o carta non valida)

Carta del conducente

Carta di controllo

Carta dell'officina

Carta dell'azienda

Sede (slot) del secondo conducente

Carta assente (o carta non valida)

X

 

X

 

X

Carta del conducente

X

 

X

X

X

Carta di controllo

X

X

X

X

X

Carta dell'officina

X

X

X

 

X

Carta dell'azienda

X

X

X

X

X

3.9.5   Anomalia «Inserimento carta durante la guida»

76)

Questa anomalia deve attivarsi quando una carta tachigrafica viene inserita in qualsiasi sede, mentre l'attività del conducente è GUIDA.

3.9.6   Anomalia «Chiusura errata ultima sessione carta»

77)

Questa anomalia deve attivarsi quando all'inserimento della carta l'apparecchio di controllo rileva che, nonostante le prescrizioni di cui al punto 3.1, la sessione precedente della carta non è stata chiusa in modo corretto (la carta è stata estratta prima che tutti i dati pertinenti fossero memorizzati sulla carta stessa). Questa anomalia deve attivarsi solo per le carte del conducente e dell'officina.

3.9.7   Anomalia «Superamento della velocità»

78)

Questa anomalia deve attivarsi ad ogni superamento della velocità autorizzata.

3.9.8   Anomalia «Interruzione dell'alimentazione di energia»

79)

Quando l'apparecchio non si trova nel modo taratura o nel modo controllo, questa anomalia deve attivarsi nel caso di un'interruzione dell'alimentazione del sensore di movimento e/o dell'unità elettronica di bordo di durata superiore a 200 millisecondi. La soglia di interruzione deve essere definita dal fabbricante. La caduta di alimentazione dovuta all'avviamento del motore del veicolo non deve attivare questa anomalia.

3.9.9   Anomalia «Errore di comunicazione con il dispositivo di comunicazione remota»

80)

Questa anomalia deve attivarsi, quando non è attivo il modo taratura, quando il dispositivo di comunicazione remota non riconosce l'avvenuta ricezione dei dati della comunicazione remota inviati dall'unità elettronica di bordo per più di tre tentativi.

3.9.10   Anomalia «Assenza di informazioni sulla posizione provenienti dal ricevitore GNSS»

81)

Questa anomalia deve attivarsi, quando non è attivo il modo taratura, in caso di assenza di informazioni sulla posizione provenienti dal ricevitore GNSS (sia interno che esterno) per più di tre ore di periodo di guida cumulato.

3.9.11   Anomalia «Errore di comunicazione con il dispositivo GNSS esterno»

82)

Questa anomalia deve attivarsi, quando non è attivo il modo taratura, in caso di interruzione della comunicazione tra il dispositivo GNSS esterno e l'unità elettronica di bordo per più di 20 minuti consecutivi, quando il veicolo è in movimento.

3.9.12   Anomalia «Errore dati di marcia»

83)

Questa anomalia deve attivarsi, quando non è attivo il modo taratura, in caso di interruzione del normale flusso di dati tra il sensore di movimento e l'unità elettronica di bordo e/o nel caso di un errore di integrità dei dati o di autenticazione dei dati durante lo scambio di dati tra il sensore di movimento e l'unità elettronica di bordo.

3.9.13   Anomalia «Dati contrastanti sul movimento del veicolo»

84)

Questa anomalia deve attivarsi, quando non è attivo il modo taratura, nel caso in cui le informazioni sul movimento calcolate dal sensore di movimento siano contraddette dalle informazioni sul movimento calcolate dal ricevitore GNSS interno o dal dispositivo GNSS esterno e, facoltativamente, da altre fonti indipendenti, come specificato nell'appendice 12. Questa anomalia non deve attivarsi durante un attraversamento mediante traghetto/treno, una condizione «ESCLUSO DAL CAMPO DI APPLICAZIONE» o quando le informazioni sulla posizione provenienti dal ricevitore GNSS non sono disponibili.

3.9.14   Anomalia «Tentata violazione della sicurezza»

85)

Questa anomalia deve attivarsi, quando non è attivo il modo taratura, in caso di ogni altra anomalia che influisca sulla sicurezza del sensore di movimento e/o dell'unità elettronica di bordo e/o del dispositivo GNSS esterno, come richiesto nell'appendice 10.

3.9.15   Anomalia «Conflitto di orari»

86)

Questa anomalia deve attivarsi, quando non è attivo il modo taratura, quando la VU rileva una discrepanza di più di 1 minuto tra l'orario della funzione di misurazione del tempo dell'unità elettronica di bordo e l'orario proveniente dal ricevitore GNSS. Questa anomalia è registrata unitamente al valore dell'orologio interno dell'unità elettronica di bordo e con un meccanismo automatico di regolazione dell'ora. Dopo che si è attivata un'anomalia «Conflitto di orari», la VU non attiva altre anomalie dello stesso tipo per le successive 12 ore. Questa anomalia non deve attivarsi qualora nei precedenti 30 giorni non fosse rilevabile nessun segnale GNSS valido dal ricevitore GNSS. Tuttavia, quando le informazioni sulla posizione provenienti dal ricevitore GNSS sono nuovamente disponibili, deve avere luogo la regolazione automatica dell'ora.

3.9.16   Guasto «Carta»

87)

Questo guasto deve attivarsi in caso di funzionamento difettoso della carta tachigrafica.

3.9.17   Guasto «Apparecchio di controllo»

88)

Questo guasto deve attivarsi, quando non è attivo il modo taratura, in ciascuno dei casi seguenti:

guasto interno della VU

guasto della stampante

guasto del dispositivo di visualizzazione

guasto nel trasferimento di dati

guasto del sensore

guasto del ricevitore GNSS o del dispositivo GNSS esterno

guasto del dispositivo di comunicazione remota

3.10   Prove incorporate e prove automatiche

89)

L'apparecchio di controllo deve rilevare automaticamente i guasti mediante le prove automatiche e le prove incorporate, secondo la tabella seguente:

Sottoinsieme da sottoporre a prova

Prova automatica

Prova incorporata

Software

 

Integrità

Memoria di dati

Accesso

Accesso, integrità dei dati

Dispositivi di interfaccia della carta

Accesso

Accesso

Tastiera

 

Controllo manuale

Stampante

(a discrezione del fabbricante)

Stampa

Schermo

 

Controllo visivo

Trasferimento dati

(effettuato solo durante il trasferimento dati)

Funzionamento corretto

 

Sensore

Funzionamento corretto

Funzionamento corretto

Dispositivo di comunicazione remota

Funzionamento corretto

Funzionamento corretto

Dispositivo GNSS

Funzionamento corretto

Funzionamento corretto

3.11   Lettura della memoria di dati

90)

L'apparecchio di controllo deve essere in grado di leggere ogni dato memorizzato nella sua memoria di dati.

3.12   Registrazione e memorizzazione nella memoria di dati

Agli effetti del presente punto:

per «365 giorni» s'intende 365 giorni di calendario di attività media del conducente su un veicolo. L'attività media giornaliera su un veicolo è intesa come almeno 6 conducenti o secondi conducenti, 6 cicli di inserimento ed estrazione della carta e 256 cambi di attività. «365 giorni» comprende quindi almeno 2 190 conducenti (o secondi conducenti), 2 190 cicli di inserimento ed estrazione della carta e 93 440 cambi di attività,

il numero medio di posizioni per ciascun giorno è inteso come almeno 6 posizioni in cui inizia il periodo di lavoro giornaliero, 6 posizioni in cui il periodo di guida continuo del conducente raggiunge un multiplo di tre ore e 6 posizioni in cui termina il periodo di lavoro giornaliero, per cui «365 giorni» comprende almeno 6 570 posizioni,

se non diversamente specificato, i tempi sono registrati con una risoluzione di un minuto,

i valori dell'odometro sono registrati con una risoluzione di un chilometro,

le velocità sono registrate con una risoluzione di 1 km/h,

le posizioni (latitudini e longitudini) sono registrate in gradi e minuti, con una risoluzione di 1/10 di minuto, con il tempo di acquisizione e l'accuratezza del GNSS correlati.

91)

I dati memorizzati nella memoria di dati non devono essere compromessi da un'interruzione dell'alimentazione esterna di durata inferiore a dodici mesi in condizioni di omologazione. Inoltre, i dati archiviati nel dispositivo esterno di comunicazione remota, come definito nell'appendice 14, non devono essere compromessi da un'interruzione dell'alimentazione di durata inferiore a 28 giorni.

92)

L'apparecchio di controllo deve essere in grado di registrare e memorizzare implicitamente o esplicitamente nella sua memoria di dati le informazioni sotto elencate.

3.12.1   Dati di identificazione dell'apparecchio

3.12.1.1   Dati di identificazione dell'unità elettronica di bordo

93)

L'apparecchio di controllo deve essere in grado di memorizzare nella sua memoria di dati i seguenti dati di identificazione dell'unità elettronica di bordo:

nome del fabbricante,

indirizzo del fabbricante,

codice componente,

numero di serie,

generazione della VU,

capacità di utilizzare carte tachigrafiche di prima generazione,

numero di versione del software,

data di installazione della versione del software,

anno di fabbricazione dell'apparecchio,

numero di omologazione.

94)

I dati di identificazione dell'unità elettronica di bordo sono registrati e memorizzati una sola volta dal fabbricante dell'unità, eccetto i dati relativi al software e il numero di omologazione, che si possono modificare in caso di aggiornamento del software, e la capacità di utilizzare carte tachigrafiche di prima generazione.

3.12.1.2   Dati di identificazione del sensore di movimento

95)

Il sensore di movimento deve essere in grado di memorizzare nella sua memoria i seguenti dati di identificazione:

nome del fabbricante,

numero di serie,

numero di omologazione,

identificativo del componente di sicurezza incorporato (per es., codice componente del chip/processore interno),

identificativo del sistema operativo (per es., numero di versione del software).

96)

I dati di identificazione del sensore di movimento sono registrati e memorizzati una sola volta dal fabbricante del sensore.

97)

L'unità elettronica di bordo deve essere in grado di registrare e memorizzare nella sua memoria di dati i dati seguenti relativi agli ultimi 20 abbinamenti dei sensori di movimento (se in un giorno di calendario avvengono più abbinamenti, si registrano solo il primo e l'ultimo):

Per ciascuno di tali abbinamenti si devono registrare i dati seguenti:

dati di identificazione del sensore di movimento:

numero di serie

numero di omologazione

dati di abbinamento al sensore di movimento:

data dell'abbinamento.

3.12.1.3   Dati di identificazione dei sistemi globali di navigazione satellitare

98)

Il dispositivo GNSS esterno deve essere in grado di memorizzare nella sua memoria i seguenti dati di identificazione:

nome del fabbricante,

numero di serie,

numero di omologazione,

identificativo del componente di sicurezza incorporato (per es., codice componente del chip/processore interno),

identificativo del sistema operativo (per es., numero di versione del software).

99)

I dati di identificazione sono registrati e memorizzati una sola volta nel dispositivo GNSS esterno dal fabbricante dello stesso.

100)

L'unità elettronica di bordo deve essere in grado di registrare e memorizzare nella sua memoria di dati i dati seguenti relativi agli ultimi 20 accoppiamenti dei dispositivi GNSS esterni (se in un giorno di calendario avvengono più accoppiamenti, si registrano solo il primo e l'ultimo).

Per ciascuno di tali accoppiamenti devono essere registrati i dati seguenti:

dati di identificazione del dispositivo GNSS esterno:

numero di serie,

numero di omologazione,

dati di accoppiamento al dispositivo GNSS esterno:

data dell'accoppiamento

3.12.2   Chiavi e certificati

101)

L'apparecchio di controllo deve essere in grado di memorizzare una serie di chiavi crittografiche e di certificati, come specificato nell'appendice 11, parti A e B.

3.12.3   Dati relativi all'inserimento e all'estrazione della carta del conducente o dell'officina

102)

Per ogni ciclo di inserimento ed estrazione dall'apparecchio di una carta del conducente o dell'officina, l'apparecchio di controllo deve registrare e memorizzare nella sua memoria di dati:

cognome e nome/i del titolare della carta, memorizzati nella carta stessa,

numero della carta, Stato membro che l'ha rilasciata e data di scadenza, memorizzati nella carta stessa,

generazione della carta,

data e ora di inserimento,

valore dell'odometro del veicolo all'atto dell'inserimento,

sede (slot) in cui è inserita la carta,

data e ora di estrazione,

valore dell'odometro del veicolo all'atto dell'estrazione,

le seguenti informazioni relative al veicolo usato in precedenza dal conducente, memorizzate nella carta:

VRN e Stato membro di immatricolazione,

generazione della VU (se disponibile),

data e ora di estrazione della carta,

un indicatore (flag) che segnali se, all'atto dell'inserimento della carta, il titolare della carta abbia o meno inserito manualmente le attività.

103)

La memoria di dati deve essere in grado di conservare tali informazioni per almeno 365 giorni.

104)

Qualora si esaurisca la capacità di memorizzazione, i dati nuovi devono sostituire quelli meno recenti.

3.12.4   Dati relativi all'attività del conducente

105)

L'apparecchio di controllo deve registrare e memorizzare nella sua memoria di dati, ogniqualvolta si verifichi un cambio di attività del conducente e/o del secondo conducente e/o ogniqualvolta si verifichi una variazione della condizione di guida e/o ogniqualvolta venga inserita o estratta una carta del conducente o dell'officina:

la condizione di guida (EQUIPAGGIO, SINGOLA),

la sede (slot) (CONDUCENTE, SECONDO CONDUCENTE),

la condizione della carta nella relativa sede (slot) (INSERITA, NON INSERITA),

l'attività (GUIDA, DISPONIBILITÀ, LAVORO, INTERRUZIONE/RIPOSO),

la data e l'ora del cambio.

INSERITA significa che una carta del conducente o dell'officina in corso di validità è inserita nella sede (slot). NON INSERITA significa il contrario, cioè che nella sede non è inserita una carta del conducente o dell'officina in corso di validità (per es., è inserita una carta dell'azienda oppure non è inserita alcuna carta).

I dati relativi all'attività inseriti manualmente dal conducente non vengono registrati nella memoria di dati.

106)

La memoria di dati deve essere in grado di conservare i dati relativi all'attività del conducente per almeno 365 giorni.

107)

Qualora si esaurisca la capacità di memorizzazione, i dati nuovi devono sostituire quelli meno recenti.

3.12.5   Luoghi e posizioni dove iniziano e terminano i periodi di lavoro giornalieri e/o dove il periodo di guida continuo raggiunge le 3 ore

108)

L'apparecchio di controllo deve registrare e memorizzare nella sua memoria di dati:

i luoghi e le posizioni dove il conducente e/o il secondo conducente iniziano il loro periodo di lavoro giornaliero;

le posizioni dove il periodo di guida continuo del conducente raggiunge un multiplo di tre ore;

i luoghi e le posizioni dove il conducente e/o il secondo conducente terminano il loro periodo di lavoro giornaliero.

109)

Quando la posizione del veicolo non è rilevabile dal ricevitore GNSS in quei momenti, l'apparecchio di controllo deve utilizzare la posizione disponibile più recente e la relativa data e ora.

110)

Insieme a ciascun luogo o posizione, l'apparecchio di controllo deve registrare e memorizzare nella sua memoria di dati:

il numero di carta del conducente (o del secondo conducente) e lo Stato membro che l'ha rilasciata,

la generazione della carta,

la data e l'ora d'immissione dei dati,

il tipo di immissione (inizio, fine o 3 ore di periodo di guida continuo),

l'accuratezza del GNSS, la data e l'ora pertinenti, se applicabili,

il valore dell'odometro del veicolo.

111)

La memoria di dati deve essere in grado di conservare per almeno 365 giorni i luoghi e le posizioni in cui i periodi di lavoro giornalieri iniziano e terminano e/o in cui il periodo di guida continuo raggiunge le 3 ore.

112)

Qualora si esaurisca la capacità di memorizzazione, i dati nuovi devono sostituire quelli meno recenti.

3.12.6   Dati relativi all'odometro

113)

L'apparecchio di controllo deve registrare nella sua memoria di dati il valore dell'odometro del veicolo e la data di registrazione alla mezzanotte di ogni giorno di calendario.

114)

La memoria di dati deve essere in grado di memorizzare i valori dell'odometro registrati a mezzanotte per almeno 365 giorni di calendario.

115)

Qualora si esaurisca la capacità di memorizzazione, i dati nuovi devono sostituire quelli meno recenti.

3.12.7   Dati dettagliati relativi alla velocità

116)

L'apparecchio di controllo deve registrare e memorizzare nella sua memoria di dati la velocità istantanea del veicolo e la data e l'ora di registrazione ogni secondo per almeno le ultime 24 ore di marcia del veicolo.

3.12.8   Dati relativi alle anomalie

Agli effetti del presente punto, l'ora deve essere registrata con una risoluzione di 1 secondo.

117)

L'apparecchio di controllo deve registrare e memorizzare nella sua memoria di dati i dati sottoelencati per ogni anomalia rilevata, in base alle seguenti regole di memorizzazione:

Anomalia

Regole di memorizzazione

Dati da registrare per ogni anomalia

Inserimento di una carta non valida

le 10 anomalie più recenti.

data e ora dell'anomalia,

tipo, numero, Stato membro di rilascio e generazione della carta o delle carte che hanno dato origine all'anomalia.

numero di anomalie simili nel giorno in questione.

Conflitto di carte

le 10 anomalie più recenti.

data e ora di inizio dell'anomalia,

data e ora di fine dell'anomalia,

tipo, numero, Stato membro di rilascio e generazione delle due carte che hanno dato origine al conflitto.

Guida in assenza di una carta adeguata

l'anomalia di maggiore durata per ciascuno degli ultimi 10 giorni in cui si è verificata,

le 5 anomalie di maggiore durata nel corso degli ultimi 365 giorni.

data e ora di inizio dell'anomalia,

data e ora di fine dell'anomalia,

tipo, numero, Stato membro di rilascio e generazione delle carte inserite all'inizio e/o alla fine dell'anomalia,

numero di anomalie simili nel giorno in questione.

Inserimento della carta durante la guida

l'ultima anomalia per ciascuno degli ultimi 10 giorni in cui si è verificata,

data e ora dell'anomalia,

tipo, numero, Stato membro di rilascio e generazione della carta o delle carte,

numero di anomalie simili nel giorno in questione.

Chiusura errata dell'ultima sessione della carta

le 10 anomalie più recenti.

data e ora dell'inserimento della carta,

tipo, numero, Stato membro di rilascio e generazione della carta o delle carte,

dati relativi all'ultima sessione letti sulla carta:

data e ora dell'inserimento della carta,

VRN, Stato membro di immatricolazione e generazione della VU.

Superamento della velocità (1)

l'anomalia più grave per ciascuno degli ultimi 10 giorni in cui si è verificata (cioè quella con la più alta velocità media),

le 5 anomalie più gravi nel corso degli ultimi 365 giorni,

la prima anomalia verificatasi dopo l'ultima taratura.

data e ora di inizio dell'anomalia,

data e ora di fine dell'anomalia,

velocità massima misurata durante l'anomalia,

media aritmetica della velocità misurata durante l'anomalia,

tipo, numero, Stato membro di rilascio e generazione della carta del conducente (se applicabili),

numero di anomalie simili nel giorno in questione.

Interruzione dell'alimentazione di energia (2)

l'anomalia di maggiore durata per ciascuno degli ultimi 10 giorni in cui si è verificata,

le 5 anomalie di maggiore durata nel corso degli ultimi 365 giorni.

data e ora di inizio dell'anomalia,

data e ora di fine dell'anomalia,

tipo, numero, Stato membro di rilascio e generazione delle carte inserite all'inizio e/o alla fine dell'anomalia,

numero di anomalie simili nel giorno in questione.

Errore di comunicazione con il dispositivo di comunicazione remota

l'anomalia di maggiore durata per ciascuno degli ultimi 10 giorni in cui si è verificata,

le 5 anomalie di maggiore durata nel corso degli ultimi 365 giorni.

data e ora di inizio dell'anomalia,

data e ora di fine dell'anomalia,

tipo, numero, Stato membro di rilascio e generazione delle carte inserite all'inizio e/o alla fine dell'anomalia,

numero di anomalie simili nel giorno in questione.

Assenza di informazioni sulla posizione provenienti dal ricevitore GNSS

l'anomalia di maggiore durata per ciascuno degli ultimi 10 giorni in cui si è verificata,

le 5 anomalie di maggiore durata nel corso degli ultimi 365 giorni.

data e ora di inizio dell'anomalia,

data e ora di fine dell'anomalia,

tipo, numero, Stato membro di rilascio e generazione delle carte inserite all'inizio e/o alla fine dell'anomalia,

numero di anomalie simili nel giorno in questione.

Errore dei dati di movimento

l'anomalia di maggiore durata per ciascuno degli ultimi 10 giorni in cui si è verificata,

le 5 anomalie di maggiore durata nel corso degli ultimi 365 giorni.

data e ora di inizio dell'anomalia,

data e ora di fine dell'anomalia,

tipo, numero, Stato membro di rilascio e generazione delle carte inserite all'inizio e/o alla fine dell'anomalia,

numero di anomalie simili nel giorno in questione.

Dati contrastanti sul movimento del veicolo

l'anomalia di maggiore durata per ciascuno degli ultimi 10 giorni in cui si è verificata,

le 5 anomalie di maggiore durata nel corso degli ultimi 365 giorni.

data e ora di inizio dell'anomalia,

data e ora di fine dell'anomalia,

tipo, numero, Stato membro di rilascio e generazione delle carte inserite all'inizio e/o alla fine dell'anomalia,

numero di anomalie simili nel giorno in questione.

Tentativi di violazione della sicurezza

le ultime 10 anomalie per ogni tipo di anomalia.

data e ora di inizio dell'anomalia,

data e ora di fine dell'anomalia (se pertinenti),

tipo, numero, Stato membro di rilascio e generazione delle carte inserite all'inizio e/o alla fine dell'anomalia,

tipo di anomalia.

Dati contrastanti sull'ora

l'anomalia di maggiore durata per ciascuno degli ultimi 10 giorni in cui si è verificata,

le 5 anomalie di maggiore durata nel corso degli ultimi 365 giorni.

data e ora dell'apparecchio di controllo,

data e ora del GNSS,

tipo, numero, Stato membro di rilascio e generazione delle carte inserite all'inizio e/o alla fine dell'anomalia,

numero di anomalie simili nel giorno in questione.

(1)

L'apparecchio di controllo deve registrare e memorizzare nella sua memoria di dati anche:

la data e l'ora dell'ultimo CONTROLLO DEL SUPERAMENTO DELLA VELOCITÀ,

la data e l'ora del primo superamento della velocità successivo a tale CONTROLLO DEL SUPERAMENTO DELLA VELOCITÀ,

il numero di anomalie per superamento della velocità verificatesi dall'ultimo CONTROLLO DEL SUPERAMENTO DELLA VELOCITÀ.

(2)

Questi dati si possono registrare solo al ripristino dell'alimentazione di energia, l'ora può essere nota con un'accuratezza al minuto.

3.12.9   Dati relativi ai guasti

Agli effetti del presente punto, l'ora deve essere registrata con una risoluzione di 1 secondo.

118)

L'apparecchio di controllo deve cercare di registrare e memorizzare nella sua memoria di dati i dati sottoelencati per ciascun guasto rilevato, in base alle seguenti regole di memorizzazione:

Guasto

Regole di memorizzazione

Dati da registrare per ciascun guasto

Guasto della carta

gli ultimi 10 guasti della carta del conducente.

data e ora di inizio del guasto,

data e ora di fine del guasto,

tipo, numero, Stato membro di rilascio e generazione della carta o delle carte.

Guasti dell'apparecchio di controllo

gli ultimi 10 guasti per ogni tipo di guasto,

il primo guasto dopo l'ultima taratura.

data e ora di inizio del guasto,

data e ora di fine del guasto,

tipo di guasto,

tipo, numero, Stato membro di rilascio e generazione delle carte inserite all'inizio e/o alla fine del guasto.

3.12.10   Dati relativi alla taratura

119)

L'apparecchio di controllo deve registrare e memorizzare nella sua memoria di dati le informazioni relative a:

i parametri di taratura noti al momento dell'attivazione,

la prima taratura successiva all'attivazione,

la prima taratura sul veicolo in cui è montato (identificato dal VIN),

le ultime 20 tarature (se si effettuano diverse tarature nello stesso giorno di calendario, si devono memorizzare soltanto la prima e l'ultima del giorno).

120)

Per ciascuna di tali tarature si devono registrare i dati seguenti:

scopo della taratura (attivazione, primo montaggio, montaggio, controllo periodico),

denominazione e indirizzo dell'officina,

numero di carta dell'officina, Stato membro di rilascio della carta e data di scadenza della carta,

identificazione del veicolo,

parametri aggiornati o confermati: w, k, l, dimensioni degli pneumatici, regolazione del limitatore di velocità, odometro (vecchio e nuovo valore), data e ora (vecchio e nuovo valore),

i tipi e gli identificativi di tutti i sigilli apposti.

121)

Inoltre, l'apparecchio di controllo deve registrare e memorizzare nella sua memoria di dati la sua eventuale capacità di utilizzare le carte tachigrafiche di prima generazione (ancora attivate o meno).

122)

Il sensore di movimento deve registrare e memorizzare nella sua memoria i seguenti dati di montaggio del sensore stesso:

primo abbinamento con una VU (data, ora, numero di omologazione della VU, numero di serie della VU),

ultimo abbinamento con una VU (data, ora, numero di omologazione della VU, numero di serie della VU).

123)

Il dispositivo GNSS esterno deve registrare e memorizzare nella sua memoria i seguenti dati di montaggio del dispositivo stesso:

primo accoppiamento con una VU (data, ora, numero di omologazione della VU, numero di serie della VU),

ultimo accoppiamento con una VU (data, ora, numero di omologazione della VU, numero di serie della VU).

3.12.11   Dati relativi alla regolazione dell'ora

124)

L'apparecchio di controllo deve registrare e memorizzare nella sua memoria di dati i dati relativi alle regolazioni dell'ora effettuate in modo taratura al di fuori di un ciclo ordinario di taratura (def. f):

l'ultima regolazione dell'ora,

le 5 regolazioni dell'ora di maggiore portata.

125)

Per ciascuna di tali regolazioni dell'ora devono essere registrati i dati seguenti:

data e ora, vecchio valore,

data e ora, nuovo valore,

denominazione e indirizzo dell'officina,

numero di carta dell'officina, Stato membro di rilascio, generazione e data di scadenza della carta.

3.12.12   Dati relativi alle attività di controllo

126)

L'apparecchio di controllo deve registrare e memorizzare nella sua memoria di dati i dati seguenti relativi alle ultime 20 attività di controllo:

data e ora del controllo,

numero della carta di controllo, Stato membro di rilascio e generazione della carta,

tipo di controllo (visualizzazione e/o stampa e/o trasferimento dati VU e/o trasferimento dati carta e/o verifica della taratura su strada).

127)

Nel caso del trasferimento, si devono registrare anche le date del giorno meno recente e del giorno più recente cui si riferiscono i dati trasferiti.

3.12.13   Dati relativi ai blocchi di un'impresa

128)

L'apparecchio di controllo deve registrare e memorizzare nella sua memoria di dati i dati seguenti relativi agli ultimi 255 blocchi di un'impresa:

data e ora di attivazione del blocco,

data e ora di disattivazione del blocco,

numero della carta dell'azienda, Stato membro di rilascio e generazione della carta,

denominazione e indirizzo dell'impresa.

I dati precedentemente bloccati mediante un blocco rimosso dalla memoria a seguito del raggiungimento dei limiti di cui sopra devono essere considerati non bloccati.

3.12.14   Dati relativi al trasferimento

129)

L'apparecchio di controllo deve registrare e memorizzare nella sua memoria di dati i dati seguenti, relativi all'ultimo trasferimento della memoria di dati su un dispositivo esterno in modo azienda o taratura:

data e ora del trasferimento,

numero della carta dell'azienda o dell'officina, Stato membro di rilascio e generazione della carta,

denominazione dell'impresa o dell'officina.

3.12.15   Dati relativi a condizioni particolari

130)

L'apparecchio di controllo deve registrare e memorizzare nella sua memoria di dati i dati seguenti, relativi a condizioni particolari:

data e ora di immissione,

tipo di condizione particolare.

131)

La memoria di dati deve essere in grado di conservare i dati relativi alle condizioni particolari per almeno 365 giorni (nell'ipotesi che in media si apra e si chiuda 1 condizione al giorno). Qualora si esaurisca la capacità di memorizzazione, i dati nuovi devono sostituire quelli meno recenti.

3.12.16   Dati della carta tachigrafica

132)

L'apparecchio di controllo deve essere in grado di memorizzare i dati seguenti, relativi alle diverse carte tachigrafiche che sono state utilizzate nella VU:

il numero della carta tachigrafica e il suo numero di serie,

il fabbricante della carta tachigrafica,

il tipo di carta tachigrafica,

la versione della carta tachigrafica.

133)

L'apparecchio di controllo deve essere in grado di memorizzare almeno 88 di tali registrazioni.

3.13   Lettura delle carte tachigrafiche

134)

L'apparecchio di controllo deve essere in grado di leggere dalle carte tachigrafiche di prima e seconda generazione, se del caso, i dati necessari a:

identificare il tipo di carta, il titolare della carta, il veicolo usato in precedenza, la data e l'ora dell'ultima estrazione della carta e l'attività selezionata in quel momento,

verificare che l'ultima sessione della carta sia stata chiusa in modo corretto,

calcolare il periodo di guida continuo del conducente, il periodo cumulato di interruzione e i periodi cumulati di guida per la settimana corrente e per quella precedente,

stampare i documenti relativi ai dati registrati su una carta del conducente,

trasferire i dati di una carta del conducente su un dispositivo esterno.

Questo requisito si applica unicamente alle carte tachigrafiche di prima generazione, se il loro utilizzo non è stato precluso da un'officina.

135)

In caso di errore di lettura, l'apparecchio di controllo deve riprovare, un massimo di tre volte, ad inviare il medesimo comando di lettura; quindi, se l'errore persiste, deve dichiarare la carta guasta e non valida.

3.14   Registrazione e memorizzazione nelle carte tachigrafiche

3.14.1   Registrazione e memorizzazione nelle carte tachigrafiche di prima generazione

136)

Purché l'uso delle carte tachigrafiche di prima generazione non sia stato precluso da un'officina, l'apparecchio di controllo deve registrare e memorizzare i dati esattamente come farebbe un apparecchio di controllo di prima generazione.

137)

L'apparecchio di controllo deve impostare i «dati relativi alla sessione della carta» nella carta del conducente o dell'officina immediatamente dopo l'inserimento della carta.

138)

L'apparecchio di controllo deve aggiornare i dati memorizzati in una carta valida del conducente, dell'officina, dell'azienda e/o di controllo con tutti i dati necessari relativi al periodo durante il quale la carta è inserita e al titolare della carta. I dati memorizzati in tali carte sono specificati nella sezione 4.

139)

L'apparecchio di controllo deve aggiornare i dati relativi all'attività del conducente e ai luoghi (come specificato ai punti 4.5.3.1.9 e 4.5.3.1.11) memorizzati su una carta valida del conducente e/o dell'officina con i dati relativi all'attività e ai luoghi inseriti manualmente dal titolare della carta.

140)

Tutte le anomalie non definite per le apparecchiature di controllo di prima generazione non devono essere memorizzate sulle carte del conducente e dell'officina.

141)

L'aggiornamento dei dati delle carte tachigrafiche deve avvenire in modo tale che, all'occorrenza e tenuto conto della capacità di memorizzazione effettiva della carta, i nuovi dati sostituiscano quelli meno recenti.

142)

In caso di errore di scrittura, l'apparecchio di controllo deve riprovare, un massimo di tre volte, ad inviare il medesimo comando di scrittura; quindi, se l'errore persiste, deve dichiarare la carta guasta e non valida.

143)

Prima di consentire l'estrazione di una carta del conducente e dopo avere memorizzato nella carta tutti i dati pertinenti, l'apparecchio di controllo deve azzerare i «dati relativi alla sessione della carta».

3.14.2   Registrazione e memorizzazione nelle carte tachigrafiche di seconda generazione

144)

Le carte tachigrafiche di seconda generazione devono contenere 2 diverse applicazioni della carta, la prima esattamente uguale all'applicazione TACHO delle carte tachigrafiche di prima generazione, mentre la seconda deve essere l'applicazione «TACHO_G2», come specificato nella sezione 4 e nell'appendice 2.

145)

L'apparecchio di controllo deve impostare i «dati relativi alla sessione della carta» nella carta del conducente o dell'officina immediatamente dopo l'inserimento della carta.

146)

L'apparecchio di controllo deve aggiornare i dati memorizzati nelle 2 applicazioni di una carta valida del conducente, dell'officina, dell'azienda e/o di controllo con tutti i dati necessari relativi al periodo durante il quale la carta è inserita e al titolare della carta. I dati memorizzati in tali carte sono specificati nella sezione 4.

147)

L'apparecchio di controllo deve aggiornare i dati relativi ai luoghi e alle posizioni dell'attività del conducente (come specificato ai punti 4.5.3.1.9, 4.5.3.1.11, 4.5.3.2.9 e 4.5.3.2.11), memorizzati su una carta valida del conducente e/o dell'officina, con i dati relativi all'attività e ai luoghi inseriti manualmente dal titolare della carta.

148)

L'aggiornamento dei dati delle carte tachigrafiche deve avvenire in modo tale che, all'occorrenza e tenuto conto della capacità di memorizzazione effettiva della carta, i nuovi dati sostituiscano quelli meno recenti.

149)

In caso di errore di scrittura, l'apparecchio di controllo deve riprovare, un massimo di tre volte, ad inviare il medesimo comando di scrittura; quindi, se l'errore persiste, deve dichiarare la carta guasta e non valida.

150)

Prima di consentire l'estrazione di una carta del conducente e dopo avere memorizzato nelle 2 applicazioni della carta tutti i dati pertinenti, l'apparecchio di controllo deve azzerare i «dati relativi alla sessione della carta».

3.15   Visualizzazione

151)

Il dispositivo di visualizzazione deve comprendere almeno 20 caratteri.

152)

La dimensione minima prescritta per i caratteri è di 5 mm in altezza e 3,5 mm in larghezza.

153)

Il dispositivo di visualizzazione deve gestire i caratteri specificati nell'appendice 1, sezione 4, «Insiemi di caratteri». Il dispositivo di visualizzazione può usare caratteri semplificati (per es. le lettere accentate possono apparire senza l'accento o le lettere minuscole possono apparire come maiuscole).

154)

Il dispositivo di visualizzazione deve essere munito di un'illuminazione adeguata non abbagliante.

155)

Le indicazioni devono essere visibili dall'esterno dell'apparecchio di controllo.

156)

L'apparecchio di controllo deve essere in grado di visualizzare:

i dati predefiniti,

i dati relativi agli avvisi,

i dati relativi all'accesso guidato da menù,

altri dati richiesti dall'utilizzatore.

L'apparecchio di controllo può visualizzare altre informazioni, a condizione che siano chiaramente distinte da quelle di cui sopra.

157)

Il dispositivo di visualizzazione dell'apparecchio di controllo deve usare i pittogrammi o le combinazioni di pittogrammi elencati nell'appendice 3. Il dispositivo di visualizzazione può prevedere altri pittogrammi o combinazioni di pittogrammi, purché siano chiaramente distinti da quelli summenzionati.

158)

Il dispositivo di visualizzazione deve essere sempre acceso durante la marcia del veicolo.

159)

L'apparecchio di controllo può prevedere un comando manuale o automatico per spegnere il dispositivo di visualizzazione quando il veicolo non è in marcia.

Il formato di visualizzazione è specificato nell'appendice 5.

3.15.1   Visualizzazione predefinita

160)

In assenza di altre informazioni da visualizzare, l'apparecchio di controllo deve visualizzare, nell'impostazione predefinita, le seguenti informazioni:

l'ora locale (risultante dall'ora UTC, con regolazione effettuata dal conducente),

la modalità di funzionamento,

l'attività in corso del conducente e del secondo conducente,

informazioni relative al conducente:

se l'attività in corso è GUIDA, il periodo di guida continuo in corso e il periodo cumulato di interruzione in corso,

se l'attività in corso non è GUIDA, la durata di tale attività (a partire dal momento in cui è stata selezionata) e il periodo cumulato di interruzione in corso.

161)

La visualizzazione dei dati relativi a ciascun conducente deve essere chiara, semplice ed inequivocabile. Qualora non sia possibile visualizzare contemporaneamente le informazioni relative al conducente e al secondo conducente, l'apparecchio di controllo deve visualizzare per definizione le informazioni relative al conducente e consentire all'utente di visualizzare le informazioni relative al secondo conducente.

162)

Qualora la larghezza del dispositivo non consenta di visualizzare per definizione la modalità di funzionamento, ad ogni variazione l'apparecchio di controllo deve visualizzare brevemente la nuova modalità di funzionamento.

163)

L'apparecchio di controllo deve visualizzare brevemente il nome del titolare all'atto dell'inserimento della carta.

164)

Qualora si attivi una condizione «ESCLUSO DAL CAMPO DI APPLICAZIONE» o «TRAGHETTO/TRENO», la visualizzazione predefinita deve indicare, mediante l'apposito pittogramma, che tale condizione è attiva (è ammesso che l'attività in corso del conducente non sia indicata nel contempo).

3.15.2   Visualizzazione degli avvisi

165)

L'apparecchio di controllo deve visualizzare gli avvisi utilizzando principalmente i pittogrammi di cui all'appendice 3, integrati, se necessario, da un codice numerico supplementare. Si può anche aggiungere una descrizione dell'avviso nella lingua abituale del conducente.

3.15.3   Accesso guidato da menù

166)

L'apparecchio di controllo deve fornire i comandi necessari attraverso un'apposita struttura a menù.

3.15.4   Visualizzazione di altre informazioni

167)

Deve essere possibile visualizzare selettivamente, su richiesta:

la data e l'ora UTC e la regolazione dell'ora locale;

il contenuto di ciascuno dei sei documenti stampati, nello stesso formato dei documenti stessi;

il periodo di guida continuo e il periodo cumulato di interruzione del conducente;

il periodo di guida continuo e il periodo cumulato di interruzione del secondo conducente;

il periodo di guida cumulato del conducente relativo alla settimana in corso e a quella precedente;

il periodo di guida cumulato del secondo conducente relativo alla settimana in corso e a quella precedente;

informazioni facoltative:

la durata attuale dell'attività del secondo conducente (a partire dal momento in cui è stata selezionata);

il periodo di guida cumulato del conducente relativo alla settimana in corso;

il periodo di guida cumulato del secondo conducente relativo al giorno di lavoro in corso;

il periodo di guida cumulato del conducente relativo al giorno di lavoro in corso.

168)

La visualizzazione del contenuto dei documenti stampati deve essere sequenziale, riga per riga. Qualora la larghezza del dispositivo di visualizzazione sia inferiore a 24 caratteri, l'utilizzatore deve poter ottenere le informazioni complete mediante un sistema adeguato (più righe, scorrimento del testo, ecc.).

Ai fini della visualizzazione si possono omettere le righe dei documenti stampati riservate alle informazioni da riportare a mano.

3.16   Stampa

169)

L'apparecchio di controllo deve essere in grado di stampare le seguenti informazioni contenute nella sua memoria di dati e/o nelle carte tachigrafiche, in modo da ottenere i sette documenti stampati seguenti:

stampa giornaliera delle attività del conducente contenute nella carta,

stampa giornaliera delle attività del conducente contenute nell'unità elettronica di bordo,

stampa di anomalie e guasti contenuti nella carta,

stampa di anomalie e guasti contenuti nell'unità elettronica di bordo,

stampa dei dati tecnici,

stampa dei superamenti della velocità,

cronologia dei dati della carta tachigrafica per una determinata VU (cfr. punto 3.12.16).

Il formato e il contenuto precisi di tali documenti stampati sono specificati nell'appendice 4.

In fondo ai documenti stampati si possono riportare anche altre informazioni.

L'apparecchio di controllo può inoltre fornire altri documenti stampati, purché siano chiaramente distinguibili dai sette documenti summenzionati.

170)

I documenti «stampa giornaliera delle attività del conducente contenute nella carta» e «stampa di anomalie e guasti contenuti nella carta» devono essere disponibili solo quando nell'apparecchio di controllo è inserita una carta del conducente o una carta dell'officina. L'apparecchio di controllo deve aggiornare i dati contenuti nella carta prima di iniziare la stampa.

171)

Per produrre il documento «stampa giornaliera delle attività del conducente contenute nella carta» o il documento «stampa di anomalie e guasti contenuti nella carta», l'apparecchio di controllo deve:

selezionare automaticamente la carta del conducente o la carta dell'officina, se solo una delle due è inserita, oppure

prevedere un comando per selezionare la carta da cui attingere i dati o selezionare la carta inserita nella sede (slot) «conducente», se due di tali carte sono inserite nell'apparecchio di controllo.

172)

La stampante deve essere in grado di stampare 24 caratteri per riga.

173)

La dimensione minima prescritta per i caratteri è di 2,1 mm in altezza e 1,5 mm in larghezza.

174)

La stampante deve poter stampare i caratteri specificati nell'appendice 1, sezione 4, «Insiemi di caratteri».

175)

Le stampanti devono essere progettate in modo da fornire i suddetti documenti stampati con un grado di definizione atto ad evitare qualsiasi ambiguità nella lettura.

176)

I documenti stampati devono conservare le loro dimensioni e le loro registrazioni in condizioni normali di umidità (10-90 %) e di temperatura.

177)

La carta omologata usata per la stampa deve recare il marchio di omologazione pertinente e l'indicazione del tipo o dei tipi di apparecchio di controllo con cui può essere utilizzata.

178)

I documenti stampati devono rimanere chiaramente leggibili e identificabili in condizioni normali di conservazione, per quanto riguarda l'intensità luminosa, l'umidità e la temperatura, per almeno due anni.

179)

I documenti stampati devono essere quantomeno conformi alle specifiche di prova di cui all'appendice 9.

180)

Deve inoltre essere possibile aggiungere su questi documenti note manoscritte supplementari, come la firma del conducente.

181)

L'apparecchio di controllo deve gestire anomalie del tipo «mancanza carta» durante la stampa, riavviando la stampa dall'inizio del documento in seguito al caricamento della carta o continuando la stampa e fornendo un riferimento inequivocabile alla parte già stampata.

3.17   Avvisi

182)

L'apparecchio di controllo deve inviare un segnale di avviso al conducente quando rileva un'anomalia e/o un guasto.

183)

L'avviso di un'anomalia dovuta ad interruzione dell'alimentazione può attivarsi anche solo dopo il ripristino dell'alimentazione stessa.

184)

L'apparecchio di controllo deve inviare un segnale di avviso al conducente 15 minuti prima del superamento del periodo massimo di guida continuo consentito e nel momento in cui tale limite viene superato.

185)

I segnali di avviso devono essere visivi. Si possono anche prevedere avvisi acustici in aggiunta a quelli visivi.

186)

Gli avvisi visivi devono essere chiaramente riconoscibili dall'utente, devono rientrare nel campo visivo del conducente ed essere chiaramente leggibili sia di giorno che di notte.

187)

Gli avvisi visivi possono essere incorporati nell'apparecchio di controllo e/o collocati in posizione remota rispetto all'apparecchio di controllo.

188)

In quest'ultimo caso devono recare il simbolo «T».

189)

Gli avvisi devono avere una durata di almeno 30 secondi, salvo che l'utente con la pressione di uno o più tasti specifici dell'apparecchio di controllo non confermi di averne preso atto. Questa prima conferma non deve annullare la visualizzazione della causa dell'avviso menzionata nel paragrafo successivo.

190)

La causa dell'avviso deve essere visualizzata sull'apparecchio di controllo e rimanere visibile fino alla conferma da parte dell'utente mediante l'uso di un apposito tasto o comando dell'apparecchio di controllo.

191)

Si possono prevedere altri avvisi, purché non confondano i conducenti in relazione a quelli sopra definiti.

3.18   Trasferimento di dati a un dispositivo esterno

192)

L'apparecchio di controllo deve essere in grado di trasferire su richiesta i dati contenuti nella sua memoria o in una carta del conducente ad un dispositivo di memorizzazione esterno attraverso il connettore di taratura/trasferimento. L'apparecchio di controllo deve aggiornare i dati contenuti nella carta prima di iniziare il trasferimento.

193)

Inoltre, a titolo facoltativo, in qualsiasi modalità di funzionamento l'apparecchio di controllo può trasferire i dati tramite qualsiasi altro mezzo ad un'impresa autenticata attraverso questo canale. In tal caso, al trasferimento si applicano i diritti di accesso ai dati del modo azienda.

194)

Il trasferimento di dati non deve modificare o cancellare i dati memorizzati.

195)

L'interfaccia elettrica del connettore di taratura/trasferimento è specificata nell'appendice 6.

196)

I protocolli di trasferimento sono specificati nell'appendice 7.

3.19   Comunicazione remota per controlli su strada mirati

197)

Quando l'accensione è inserita, l'unità elettronica di bordo deve memorizzare ogni 60 secondi nel dispositivo di comunicazione remota i dati più recenti necessari ai fini dei controlli su strada mirati. Tali dati devono essere criptati e firmati come specificato nelle appendici 11 e 14.

198)

I dati da controllare a distanza devono essere resi disponibili a lettori di comunicazione remota attraverso una comunicazione senza fili, come specificato nell'appendice 14.

199)

I dati necessari ai fini dei controlli su strada mirati devono riguardare:

l'ultimo tentativo di violazione della sicurezza,

l'interruzione più lunga dell'alimentazione di energia,

guasto del sensore,

errore dei dati di movimento,

dati contrastanti sul movimento del veicolo,

guida in assenza di una carta valida,

inserimento della carta durante la guida,

dati relativi alla regolazione dell'ora,

dati relativi alla taratura, comprese le date delle ultime due registrazioni di tarature memorizzate,

numero d'immatricolazione del veicolo,

velocità registrata dal tachigrafo.

3.20   Trasmissione di dati ad altri dispositivi esterni

200)

L'apparecchio di controllo può anche essere munito di interfacce standardizzate che consentano di usare i dati registrati o generati dal tachigrafo nel modo funzionamento o taratura mediante un dispositivo esterno.

Nell'appendice 13 è specificata e standardizzata un'interfaccia ITS opzionale. Altre interfacce simili possono coesistere, purché siano pienamente conformi ai requisiti dell'appendice 13 in termini di elenco minimo dei dati, sicurezza e consenso del conducente.

I seguenti requisiti si applicano ai dati ITS resi disponibili mediante tale interfaccia:

tali dati sono una serie di dati esistenti scelti dal dizionario di dati del tachigrafo (appendice 1),

un sottoinsieme di tali dati scelti è contrassegnato «dati personali»,

il sottoinsieme «dati personali» è disponibile solo se è abilitato il consenso verificabile del conducente, con cui egli accetta che i propri dati personali possano lasciare la rete del veicolo,

in qualsiasi momento il consenso del conducente può essere abilitato o disabilitato con i comandi del menù, purché la carta del conducente sia inserita,

l'insieme e il sottoinsieme di dati sono trasmessi tramite protocollo senza fili Bluetooth nel raggio della cabina del veicolo, con una frequenza di aggiornamento di 1 minuto,

l'abbinamento del dispositivo esterno con l'interfaccia ITS è protetto da un PIN dedicato e casuale di almeno 4 cifre, registrate e disponibili mediante il dispositivo di visualizzazione di ciascuna unità elettronica di bordo,

in ogni caso, la presenza dell'interfaccia ITS non deve perturbare o pregiudicare il corretto funzionamento e la sicurezza dell'unità elettronica di bordo.

Si possono trasmettere anche altri dati in aggiunta all'insieme di dati esistenti scelti, considerato l'elenco minimo, a condizione che tali dati non si possano considerare dati personali.

L'apparecchio di controllo deve notificare il consenso del conducente agli altri dispositivi esterni.

Quando l'accensione del veicolo è inserita, tali dati devono essere trasmessi costantemente.

201)

Il tachigrafo può continuare ad essere munito dell'interfaccia del collegamento seriale, come specificato nell'allegato 1B del regolamento (CEE) n. 3821/85, come modificato da ultimo, per garantire la compatibilità con le versioni precedenti. In ogni caso, il consenso del conducente è comunque necessario qualora siano trasmessi dati personali.

3.21   Taratura

202)

La funzione di taratura deve consentire:

l'accoppiamento automatico del sensore di movimento alla VU,

l'accoppiamento automatico del dispositivo GNSS esterno alla VU, se del caso,

l'adattamento digitale della costante dell'apparecchio di controllo (k) al coefficiente caratteristico del veicolo (w),

la regolazione dell'ora corrente entro il periodo di validità della carta dell'officina inserita,

la regolazione del valore corrente dell'odometro,

l'aggiornamento dei dati di identificazione del sensore di movimento memorizzati nella memoria di dati,

l'aggiornamento, se del caso, dei dati di identificazione del dispositivo GNSS esterno memorizzati nella memoria di dati,

l'aggiornamento dei tipi e degli identificativi di tutti i sigilli apposti,

l'aggiornamento o la conferma di altri parametri noti all'apparecchio di controllo: identificazione del veicolo, w, l, dimensioni degli pneumatici e regolazione del limitatore di velocità, se applicabile.

203)

Inoltre, la funzione di taratura deve consentire di eliminare l'utilizzo delle carte tachigrafiche di prima generazione nell'apparecchio di controllo, purché siano soddisfatte le condizioni di cui all'appendice 15.

204)

L'abbinamento del sensore di movimento alla VU deve prevedere almeno:

l'aggiornamento dei dati di montaggio del sensore di movimento in esso contenuti (all'occorrenza),

la copia, nella memoria di dati della VU, dei dati di identificazione del sensore necessari.

205)

L'accoppiamento del dispositivo GNSS esterno alla VU deve prevedere almeno:

l'aggiornamento dei dati di montaggio del dispositivo GNSS esterno in esso contenuti (all'occorrenza),

la copia, nella memoria di dati della VU, dei dati di identificazione del dispositivo GNSS esterno necessari, compreso il numero di serie del dispositivo GNSS esterno.

L'accoppiamento deve essere seguito dalla verifica delle informazioni sulla posizione del GNSS.

206)

La funzione di taratura deve essere in grado di immettere i dati necessari, attraverso il connettore di taratura/trasferimento, in base al protocollo di taratura definito nell'appendice 8. La funzione di taratura può anche immettere i dati necessari attraverso altri mezzi.

3.22   Verifica della taratura su strada

207)

La funzione di verifica della taratura su strada deve consentire di leggere il numero di serie del sensore di movimento (eventualmente incorporato nell'adattatore) e il numero di serie del dispositivo GNSS esterno (se del caso), collegati all'unità elettronica di bordo, al momento della richiesta.

208)

Tale lettura deve essere possibile almeno sul dispositivo di visualizzazione dell'unità elettronica di bordo con i comandi dei menù.

209)

La funzione di verifica della taratura su strada deve anche consentire di controllare la selezione della modalità I/O della linea dei segnali I/O di taratura specificata nell'appendice 6, tramite l'interfaccia della linea K. A ciò si deve provvedere tramite la sessione di regolazione ECU, come specificato nell'appendice 8, Sezione 7 «Controllo degli impulsi di prova — Unità funzionale di controllo dei segnali di entrata/uscita».

3.23   Regolazione dell'ora

210)

La funzione di regolazione dell'ora deve consentire di regolare automaticamente l'ora corrente. Nell'apparecchio di controllo si devono usare due fonti di misurazione del tempo per regolare l'ora: 1) l'orologio interno della VU); 2) il ricevitore GNSS.

211)

Le impostazioni dell'ora dell'orologio interno della VU devono essere automaticamente ri-regolate ad intervalli di 12 ore al massimo. Se allo scadere dell'intervallo il segnale GNSS non è disponibile, l'impostazione dell'ora deve avvenire non appena la VU può accedere ad un orario valido fornito dal ricevitore GNSS, secondo le condizioni di accensione del veicolo. Il riferimento temporale per l'impostazione automatica dell'ora dell'orologio interno della VU deve essere costituito dal ricevitore GNSS. Un'anomalia «dati contrastanti sull'ora» deve attivarsi quando l'ora corrente si discosta di oltre un (1) minuto dalle informazioni sull'ora fornite dal ricevitore GNSS.

212)

La funzione di regolazione dell'ora deve anche consentire la regolazione dell'ora corrente in modo mirato, nel modo taratura.

3.24   Caratteristiche prestazionali

213)

L'unità elettronica di bordo deve essere in grado di funzionare correttamente nell'intervallo di temperatura compreso tra – 20 °C e 70 °C, il dispositivo GNSS esterno nell'intervallo di temperatura compreso tra – 20 °C e 70 °C e il sensore di movimento nell'intervallo di temperatura compreso tra – 40 °C e 135 °C. Il contenuto della memoria di dati deve conservarsi fino alla temperatura minima di – 40 °C.

214)

Il tachigrafo deve essere in grado di funzionare correttamente nell'intervallo di umidità compreso tra 10 % e 90 %.

215)

I sigilli utilizzati nel tachigrafo intelligente devono resistere alle stesse condizioni applicabili ai componenti del tachigrafo cui sono apposti.

216)

L'apparecchio di controllo deve essere protetto contro la sovratensione, l'inversione di polarità dell'alimentazione e i corto circuiti.

217)

I sensori di movimento:

devono reagire a un campo magnetico che disturbi il rilevamento dei dati di movimento del veicolo. In queste circostanze, l'unità elettronica di bordo del veicolo deve registrare e memorizzare un guasto del sensore (requisito 88); oppure

devono disporre di un elemento di rilevazione protetto dai campi magnetici o immune agli stessi.

218)

L'apparecchio di controllo e il dispositivo GNSS esterno devono essere conformi al regolamento internazionale UNECE n. 10 e devono essere protetti contro le scariche elettrostatiche ed i transitori.

3.25   Materiali

219)

Tutti gli elementi costitutivi dell'apparecchio di controllo devono essere realizzati con materiali dotati di stabilità e di resistenza meccanica sufficienti e con caratteristiche elettriche e magnetiche stabili.

220)

Per le normali condizioni di impiego, tutti gli elementi interni dell'apparecchio devono essere protetti contro l'umidità e la polvere.

221)

L'unità elettronica di bordo e il dispositivo GNSS esterno devono soddisfare il grado di protezione IP 40 e il sensore di movimento deve soddisfare il grado di protezione IP 64, secondo la norma IEC 60529:1989 comprese A1:1999 e A2:2013.

222)

L'apparecchio di controllo deve essere conforme alle specifiche tecniche applicabili in materia di ergonomia.

223)

L'apparecchio di controllo deve essere protetto contro i danni accidentali.

3.26   Iscrizioni

224)

Se l'apparecchio di controllo visualizza il valore dell'odometro e la velocità, sul dispositivo di visualizzazione devono figurare le seguenti iscrizioni:

in prossimità della cifra che indica la distanza, l'unità di misura della distanza espressa dal simbolo «km»,

in prossimità della cifra che indica la velocità, l'indicazione «km/h».

L'apparecchio di controllo deve inoltre consentire la visualizzazione della velocità in miglia all'ora, nel qual caso l'unità di misura della velocità sarà espressa dall'indicazione «mph». L'apparecchio di controllo deve inoltre consentire la visualizzazione della distanza in miglia, nel qual caso l'unità di misura della distanza sarà espressa dall'indicazione «mi».

225)

Una targhetta segnaletica deve essere affissa ad ogni componente distinto dell'apparecchio di controllo e deve riportare le seguenti indicazioni:

nome ed indirizzo del fabbricante dell'apparecchio,

codice componente del fabbricante e anno di fabbricazione dell'apparecchio,

numero di serie dell'apparecchio,

marchio di omologazione del tipo di apparecchio.

226)

Qualora lo spazio fisico non sia sufficiente per riportare tutte le indicazioni summenzionate, sulla targhetta segnaletica devono figurare almeno: il nome o il logo del fabbricante e il codice componente dell'apparecchio.

4   REQUISITI DI COSTRUZIONE E FUNZIONAMENTO DELLE CARTE TACHIGRAFICHE

4.1   Dati visibili

Il lato anteriore della carta deve recare:

227)

le diciture «Carta del conducente» o «Carta di controllo» o «Carta dell'officina» o «Carta dell'azienda» stampati in carattere maiuscolo nella lingua o nelle lingue ufficiali dello Stato membro che rilascia la carta, a seconda del tipo di carta;

228)

il nome dello Stato membro che rilascia la carta (facoltativo);

229)

il segno distintivo dello Stato membro che rilascia la carta, stampato in negativo in un rettangolo azzurro e circondato da dodici stelle gialle. I segni distintivi sono i seguenti:

B

BG

CZ

CY

Belgio

Bulgaria

Repubblica ceca

Cipro

LV

L

LT

M

Lettonia

Lussemburgo

Lituania

Malta

DK

Danimarca

NL

Paesi Bassi

D

EST

Germania

Estonia

A

PL

Austria

Polonia

GR

Grecia

P

RO

SK

SLO

Portogallo

Romania

Slovacchia

Slovenia

E

Spagna

FIN

Finlandia

F

HR

H

Francia

Croazia

Ungheria

S

Svezia

IRL

Irlanda

UK

Regno Unito

I

Italia

 

 

230)

le informazioni specifiche della carta, nell'ordine seguente:

 

Carta del conducente

Carta di controllo

Carta dell'azienda o carta dell'officina

1.

cognome del conducente

denominazione dell'organismo di controllo

denominazione dell'impresa o dell'officina

2.

nome/i del conducente

cognome del controllore

(se pertinente)

cognome del titolare della carta

(se pertinente)

3.

data di nascita del conducente

nome/i del controllore

(se pertinente)

nome/i del titolare della carta

(se pertinente)

4.a

data di inizio validità della carta

4.b

data di fine validità della carta

4.c

denominazione dell'autorità che rilascia la carta (può essere stampata sul retro);

4.d

un numero diverso da quello di cui alla voce 5, a fini amministrativi (facoltativo);

5.a

numero della patente di guida

(alla data di rilascio della carta del conducente)

5.b

numero della carta

6.

fotografia del conducente

fotografia del controllore (facoltativa)

fotografia dell'installatore (facoltativa)

7.

firma del titolare (facoltativa)

8.

luogo di residenza abituale o indirizzo postale del titolare (facoltativo)

indirizzo postale dell'organismo di controllo

indirizzo postale dell'azienda o dell'officina

231)

le date devono essere indicate nel formato «gg/mm/aaaa» o «gg.mm.aaaa» (giorno, mese, anno).

Il retro della carta deve recare:

232)

la spiegazione delle voci numerate che appaiono sul lato anteriore della carta;

233)

se del caso e con l'assenso specifico scritto del titolare, anche altre informazioni che non si riferiscono alla gestione della carta, purché tale aggiunta non modifichi in alcun modo l'impiego del modello come carta tachigrafica.

234)

Le carte tachigrafiche devono essere stampate con i seguenti colori di fondo predominanti:

—   carta del conducente: bianco,

—   carta di controllo: blu,

—   carta dell'officina: rosso,

—   carta dell'azienda: giallo.

235)

Le carte tachigrafiche devono avere almeno le caratteristiche seguenti ai fini della protezione contro la falsificazione e la manomissione:

stampa policroma del fondo di sicurezza finemente arabescato,

nell'area della foto, sovrapposizione del fondo di sicurezza e della fotografia,

almeno una linea bicromatica microstampata.

Image

236)

Previa consultazione della Commissione, gli Stati membri possono aggiungere colori o iscrizioni, quali simboli nazionali e caratteristiche di sicurezza, fatte salve le altre disposizioni del presente allegato.

237)

Le carte temporanee di cui all'articolo 26, paragrafo 4, del regolamento (UE) n. 165/2014 devono essere conformi alle disposizioni del presente allegato.

4.2   Sicurezza

La sicurezza del sistema è intesa a proteggere l'integrità e l'autenticità dei dati scambiati tra le carte e l'apparecchio di controllo e l'integrità e l'autenticità dei dati trasferiti dalle carte, a consentire determinate operazioni di scrittura sulle carte solo all'apparecchio di controllo, a decriptare alcuni dati, ad escludere ogni possibilità di falsificazione dei dati memorizzati sulle carte, ad impedire la manomissione e a rilevarne eventuali tentativi.

238)

Al fine di garantire la sicurezza del sistema, le carte tachigrafiche devono soddisfare i requisiti di sicurezza specificati nelle appendici 10 e 11.

239)

Le carte tachigrafiche devono poter essere lette da altri apparecchi, come i personal computer.

4.3   Norme

240)

Le carte tachigrafiche devono essere conformi alle norme seguenti:

ISO/IEC 7810 Carte di identificazione — Caratteristiche fisiche,

ISO/IEC 7816 Carte di identificazione — Carte a circuiti integrati:

Parte 1: Caratteristiche fisiche,

Parte 2: Dimensioni e posizione dei contatti (ISO/IEC 7816-2:2007),

Parte 3: Interfaccia elettrica e protocolli di trasmissione (ISO/IEC 7816-3:2006),

Parte 4: Organizzazione, sicurezza e comandi per gli scambi (ISO/IEC 7816-4:2013 + Cor 1:2014),

Parte 6: Elementi di dati interindustriali per gli scambi (ISO/IEC 7816-6:2004 + Cor 1:2006),

Parte 8: Comandi per le operazioni di sicurezza (ISO/IEC 7816-8:2004).

Le carte tachigrafiche devono essere sottoposte a prova in conformità alla norma ISO/IEC 10373-3:2010 Carte di identificazione — Metodi di prova — Parte 3: Carte a circuiti integrati con contatti e relative interfacce.

4.4   Specifiche ambientali ed elettriche

241)

Le carte tachigrafiche devono essere in grado di funzionare correttamente in tutte le condizioni climatiche abituali nel territorio della Comunità e almeno nell'intervallo di temperatura compreso tra – 25 °C e + 70 °C, con picchi occasionali fino a + 85 °C, dove per «occasionale» s'intende non superiore a 4 ore per volta e non superiore a 100 volte nell'intero periodo di durata della carta.

242)

Le carte devono poter funzionare correttamente con un'umidità compresa tra 10 e 90 %.

243)

Le carte tachigrafiche devono essere in grado di funzionare correttamente per un periodo di cinque anni, se impiegate nel rispetto delle specifiche ambientali ed elettriche.

244)

Durante il funzionamento, le carte tachigrafiche devono essere conformi al regolamento UNECE n. 10, relativo alla compatibilità elettromagnetica, e devono essere protette contro le scariche elettrostatiche.

4.5   Memorizzazione dei dati

Agli effetti del presente punto:

se non diversamente specificato, i tempi sono registrati con una risoluzione di un minuto,

i valori dell'odometro sono registrati con una risoluzione di un chilometro,

le velocità sono registrate con una risoluzione di 1 km/h,

le posizioni (latitudini e longitudini) sono registrate in gradi e minuti, con una risoluzione di 1/10 di minuto.

Le funzioni, i comandi e le strutture logiche delle carte tachigrafiche, che soddisfano i requisiti di memorizzazione dei dati, sono specificati nell'appendice 2.

Se non diversamente specificato, la memorizzazione dei dati nelle carte tachigrafiche deve essere organizzata in modo che i nuovi dati sostituiscano quelli più datati, nel caso in cui lo spazio della memoria previsto per quelle registrazioni specifiche sia esaurito.

245)

Il presente punto specifica la capacità minima di memorizzazione per i file di dati destinati alle diverse applicazioni. Le carte tachigrafiche devono essere in grado di indicare all'apparecchio di controllo la capacità effettiva di memorizzazione di tali file di dati.

246)

Gli eventuali dati supplementari che possono essere memorizzati nelle carte tachigrafiche, relativi ad altre applicazioni eventualmente supportate dalla carta, devono essere memorizzati in conformità alla direttiva 95/46/CE, alla direttiva 2002/58/CE e all'articolo 7 del regolamento (UE) n. 165/2014.

247)

Ogni file principale (MF) di ciascuna carta tachigrafica deve contenere fino a cinque file elementari (EF), ai fini della gestione della carta e dell'identificazione dell'applicazione e del chip, e due file dedicati (DF):

DF Tachograph, che contiene l'applicazione accessibile alle unità elettroniche di bordo di prima generazione, che è presente anche nelle carte tachigrafiche di prima generazione,

DF Tachograph_G2, che contiene l'applicazione accessibile solo alle unità elettroniche di bordo di seconda generazione, che è presente solo nelle carte tachigrafiche di seconda generazione.

Informazioni dettagliate sulla struttura delle carte tachigrafiche sono riportate nell'appendice 2.

4.5.1   File elementari per l'identificazione e la gestione della carta

4.5.2   Identificazione della carta a circuito integrato

248)

Le carte tachigrafiche devono essere in grado di memorizzare i seguenti dati di identificazione delle carte intelligenti:

arresto dell'orologio,

numero di serie della carta (compresi i riferimenti di fabbricazione),

numero di omologazione della carta,

identificazione personalizzata della carta (ID),

identificazione dell'assemblatore della carta,

identificativo del circuito integrato.

4.5.2.1   Identificazione del chip

249)

Le carte tachigrafiche devono essere in grado di memorizzare i seguenti dati di identificazione del circuito integrato:

numero di serie del circuito integrato,

riferimenti di fabbricazione del circuito integrato.

4.5.2.2   DIR (presente solo nelle carte tachigrafiche di seconda generazione)

250)

Le carte tachigrafiche devono essere in grado di memorizzare gli oggetti dei dati di identificazione dell'applicazione specificati nell'appendice 2.

4.5.2.3   Informazioni ATR (opzionali, presenti solo nelle carte tachigrafiche di seconda generazione)

251)

Le carte tachigrafiche devono essere in grado di memorizzare il seguente oggetto di dati informativi di lunghezza estesa:

nel caso in cui la carta tachigrafica supporti i campi di lunghezza estesa, l'oggetto di dati informativi di lunghezza estesa specificato nell'appendice 2.

4.5.2.4   Informazioni di lunghezza estesa (opzionali, presenti solo nelle carte tachigrafiche di seconda generazione)

252)

Le carte tachigrafiche devono essere in grado di memorizzare i seguenti oggetti di dati informativi di lunghezza estesa:

nel caso in cui la carta tachigrafica supporti i campi di lunghezza estesa, gli oggetti di dati informativi di lunghezza estesa specificati nell'appendice 2.

4.5.3   Carta del conducente

4.5.3.1   Applicazione del tachigrafo (accessibile alle unità elettroniche di bordo di prima e seconda generazione)

4.5.3.1.1   Identificazione dell'applicazione

253)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati di identificazione dell'applicazione:

identificazione dell'applicazione del tachigrafo,

identificazione del tipo di carta tachigrafica.

4.5.3.1.2   Chiavi e certificati

254)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare una serie di chiavi crittografiche e di certificati, come specificato nell'appendice 11, parte A.

4.5.3.1.3   Identificazione della carta

255)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati di identificazione della carta:

numero della carta,

Stato membro di rilascio, denominazione dell'autorità di rilascio, data di rilascio,

data di inizio validità della carta, data di scadenza della carta.

4.5.3.1.4   Identificazione del titolare della carta

256)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati di identificazione del titolare:

cognome del titolare,

nome/i del titolare,

data di nascita,

lingua abituale.

4.5.3.1.5   Trasferimento dei dati della carta

257)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati seguenti relativi al trasferimento dei dati della carta:

data e ora dell'ultimo trasferimento di dati della carta (a fini diversi da quelli di controllo).

258)

La carta del conducente deve essere in grado di conservare una di tali registrazioni.

4.5.3.1.6   Informazioni sulla patente di guida

259)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati relativi alla patente di guida:

Stato membro di rilascio, denominazione dell'autorità di rilascio,

numero della patente di guida (alla data di rilascio della carta).

4.5.3.1.7   Dati relativi alle anomalie

Agli effetti del presente punto, l'ora deve essere memorizzata con una risoluzione di 1 secondo.

260)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati relativi alle anomalie seguenti, rilevate dall'apparecchio di controllo a carta inserita:

sovrapposizione di orari (se questa carta è la causa dell'anomalia),

inserimento della carta durante la guida (se questa carta è l'oggetto dell'anomalia),

chiusura errata ultima sessione carta (se questa carta è l'oggetto dell'anomalia),

interruzione dell'alimentazione di energia,

errore dei dati di movimento,

tentativi di violazione della sicurezza.

261)

Per tali anomalie, la carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati seguenti:

codice dell'anomalia,

data e ora di inizio dell'anomalia (o di inserimento della carta se l'anomalia era in atto in tale momento),

data e ora di termine dell'anomalia (o di estrazione della carta se l'anomalia era in atto in tale momento),

VRN e Stato membro di immatricolazione del veicolo in cui si è verificata l'anomalia.

Nota: per l'anomalia «Sovrapposizione di orari»:

la data e l'ora di inizio dell'anomalia devono corrispondere alla data e all'ora di estrazione della carta dal veicolo precedente,

la data e l'ora di termine dell'anomalia devono corrispondere alla data e all'ora di inserimento della carta nel veicolo in uso,

i dati relativi al veicolo devono corrispondere al veicolo in uso su cui si verifica l'anomalia.

Nota: per l'anomalia «Chiusura errata ultima sessione carta»:

la data e l'ora di inizio dell'anomalia devono corrispondere alla data e all'ora di inserimento della carta per la sessione chiusa in modo errato,

la data e l'ora di termine dell'anomalia devono corrispondere alla data e all'ora di inserimento della carta della sessione durante la quale è stata rilevata l'anomalia (sessione in corso),

i dati relativi al veicolo devono corrispondere al veicolo in cui la sessione è stata chiusa in modo errato.

262)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati relativi alle sei anomalie più recenti di ciascun tipo (vale a dire 36 anomalie).

4.5.3.1.8   Dati relativi ai guasti

Agli effetti del presente punto, l'ora deve essere registrata con una risoluzione di 1 secondo.

263)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati relativi ai guasti seguenti, rilevati dall'apparecchio di controllo a carta inserita:

guasto della carta (se questa carta è l'oggetto del guasto),

guasto dell'apparecchio di controllo.

264)

Per tali guasti, la carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati seguenti:

codice di guasto,

data e ora di inizio del guasto (o di inserimento della carta se il guasto era in atto in tale momento),

data e ora di termine del guasto (o di estrazione della carta se il guasto era in atto in tale momento),

VRN e Stato membro di immatricolazione del veicolo in cui si è verificato il guasto.

265)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati relativi ai dodici guasti più recenti di ciascun tipo (vale a dire 24 guasti).

4.5.3.1.9   Dati relativi all'attività del conducente

266)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare, per ciascun giorno di calendario in cui viene usata o ogniqualvolta il conducente inserisca manualmente un'attività, i dati seguenti:

la data,

un contatore di presenza giornaliera (aumentato di un'unità per ogni giorno di calendario in cui la carta viene usata),

la distanza totale percorsa dal conducente durante tale giorno,

la condizione del conducente alle 00h00,

ad ogni cambio di attività del conducente e/o cambio di condizione di guida e/o inserimento o estrazione della carta:

la condizione di guida (EQUIPAGGIO, SINGOLA),

la sede (slot) (CONDUCENTE, SECONDO CONDUCENTE),

la condizione della carta (INSERITA, NON INSERITA),

l'attività (GUIDA, DISPONIBILITÀ, LAVORO, INTERRUZIONE/RIPOSO),

l'ora del cambio.

267)

La memoria della carta del conducente deve essere in grado di conservare i dati relativi all'attività del conducente per almeno 28 giorni (l'attività media di un conducente è intesa come 93 cambi di attività al giorno).

268)

I dati elencati ai requisiti 261, 264 e 266 devono essere memorizzati in modo da consentire il reperimento delle attività nell'ordine in cui hanno avuto luogo, anche in caso di sovrapposizione di orari.

4.5.3.1.10   Dati relativi ai veicoli impiegati

269)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare, per ogni giorno di calendario in cui viene usata e per ogni periodo di impiego di un determinato veicolo in tale giorno (un periodo di impiego comprende tutti i cicli consecutivi di inserimento/estrazione della carta nel veicolo, dal punto di vista della singola carta), i dati seguenti:

data e ora del primo impiego del veicolo (cioè il primo inserimento della carta per questo periodo di impiego del veicolo o 00h00 se il periodo di impiego è in corso in tale momento),

valore dell'odometro del veicolo in tale momento,

data e ora dell'ultimo impiego del veicolo (cioè l'ultima estrazione della carta per questo periodo di impiego del veicolo o 23h59 se il periodo di impiego è in corso in tale momento),

valore dell'odometro del veicolo in tale momento,

VRN e Stato membro di immatricolazione del veicolo.

270)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare almeno 84 di tali registrazioni.

4.5.3.1.11   Luogo in cui inizia e/o termina il periodo di lavoro giornaliero

271)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati seguenti relativi al luogo in cui inizia e/o termina il periodo di lavoro giornaliero, inseriti dal conducente:

la data e l'ora dell'immissione (o la data/ora relativa all'immissione, se questa viene effettuata durante la procedura di immissione manuale),

il tipo di immissione (inizio o termine, condizione di immissione),

il paese e la regione inseriti,

il valore dell'odometro del veicolo.

272)

La memoria della carta del conducente deve essere in grado di conservare almeno 42 coppie di tali registrazioni.

4.5.3.1.12   Dati relativi alla sessione della carta

273)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati relativi al veicolo che ha aperto la sessione in corso:

data e ora di apertura della sessione (cioè d'inserimento della carta) con una risoluzione di un secondo,

VRN e Stato membro di immatricolazione.

4.5.3.1.13   Dati relativi alle attività di controllo

274)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati seguenti, relativi alle attività di controllo:

data e ora del controllo,

numero della carta di controllo e Stato membro di rilascio,

tipo di controllo [visualizzazione e/o stampa e/o trasferimento dati VU e/o trasferimento dati carta (cfr. nota)],

periodo trasferito, in caso di trasferimento,

VRN e Stato membro di immatricolazione del veicolo in cui è stato effettuato il controllo.

Nota: il trasferimento dei dati della carta è registrato soltanto se viene effettuato attraverso un apparecchio di controllo.

275)

La carta del conducente deve essere in grado di conservare una di tali registrazioni.

4.5.3.1.14   Dati relativi a condizioni particolari

276)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati seguenti, relativi a condizioni particolari immesse a carta inserita [in qualsiasi sede (slot)]:

data e ora di immissione,

tipo di condizione particolare.

277)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare almeno 56 di tali registrazioni.

4.5.3.2   Applicazione del tachigrafo di seconda generazione (non accessibile alle unità elettroniche di bordo di prima generazione)

4.5.3.2.1   Identificazione dell'applicazione

278)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati di identificazione dell'applicazione:

identificazione dell'applicazione del tachigrafo,

identificazione del tipo di carta tachigrafica.

4.5.3.2.2   Chiavi e certificati

279)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare una serie di chiavi crittografiche e di certificati, come specificato nell'appendice 11, parte B.

4.5.3.2.3   Identificazione della carta

280)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati di identificazione della carta:

numero della carta,

Stato membro di rilascio, denominazione dell'autorità di rilascio, data di rilascio,

data di inizio validità della carta, data di scadenza della carta.

4.5.3.2.4   Identificazione del titolare della carta

281)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati di identificazione del titolare:

cognome del titolare,

nome/i del titolare,

data di nascita,

lingua abituale.

4.5.3.2.5   Trasferimento dei dati della carta

282)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati seguenti relativi al trasferimento dei dati della carta:

data e ora dell'ultimo trasferimento di dati della carta (a fini diversi da quelli di controllo).

283)

La carta del conducente deve essere in grado di conservare una di tali registrazioni.

4.5.3.2.6   Informazioni sulla patente di guida

284)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati relativi alla patente di guida:

Stato membro di rilascio, denominazione dell'autorità di rilascio,

numero della patente di guida (alla data di rilascio della carta).

4.5.3.2.7   Dati relativi alle anomalie

Agli effetti del presente punto, l'ora deve essere memorizzata con una risoluzione di 1 secondo.

285)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati relativi alle anomalie seguenti, rilevate dall'apparecchio di controllo a carta inserita:

sovrapposizione di orari (se questa carta è la causa dell'anomalia),

inserimento della carta durante la guida (se questa carta è l'oggetto dell'anomalia),

chiusura errata ultima sessione carta (se questa carta è l'oggetto dell'anomalia),

interruzione dell'alimentazione di energia,

errore di comunicazione con il dispositivo di comunicazione remota,

assenza di informazioni sulla posizione provenienti dal ricevitore GNSS,

errore di comunicazione con il dispositivo GNSS esterno,

errore dei dati di movimento,

dati contrastanti sul movimento del veicolo,

tentativi di violazione della sicurezza,

dati contrastanti sull'ora.

286)

Per tali anomalie, la carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati seguenti:

codice dell'anomalia,

data e ora di inizio dell'anomalia (o di inserimento della carta se l'anomalia era in atto in tale momento),

data e ora di termine dell'anomalia (o di estrazione della carta se l'anomalia era in atto in tale momento),

VRN e Stato membro di immatricolazione del veicolo in cui si è verificata l'anomalia.

Nota: per l'anomalia «Sovrapposizione di orari»:

la data e l'ora di inizio dell'anomalia devono corrispondere alla data e all'ora di estrazione della carta dal veicolo precedente,

la data e l'ora di termine dell'anomalia devono corrispondere alla data e all'ora di inserimento della carta nel veicolo in uso,

i dati relativi al veicolo devono corrispondere al veicolo in uso su cui si verifica l'anomalia.

Nota: per l'anomalia «Chiusura errata ultima sessione carta»:

la data e l'ora di inizio dell'anomalia devono corrispondere alla data e all'ora di inserimento della carta per la sessione chiusa in modo errato,

la data e l'ora di termine dell'anomalia devono corrispondere alla data e all'ora di inserimento della carta della sessione durante la quale è stata rilevata l'anomalia (sessione in corso),

i dati relativi al veicolo devono corrispondere al veicolo in cui la sessione è stata chiusa in modo errato.

287)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati relativi alle sei anomalie più recenti di ciascun tipo (vale a dire 66 anomalie).

4.5.3.2.8   Dati relativi ai guasti

Agli effetti del presente punto, l'ora deve essere registrata con una risoluzione di 1 secondo.

288)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati relativi ai guasti seguenti, rilevati dall'apparecchio di controllo a carta inserita:

guasto della carta (se questa carta è l'oggetto del guasto),

guasto dell'apparecchio di controllo.

289)

Per tali guasti, la carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati seguenti:

codice di guasto,

data e ora di inizio del guasto (o di inserimento della carta se il guasto era in atto in tale momento),

data e ora di termine del guasto (o di estrazione della carta se il guasto era in atto in tale momento),

VRN e Stato membro di immatricolazione del veicolo in cui si è verificato il guasto.

290)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati relativi ai dodici guasti più recenti di ciascun tipo (vale a dire 24 guasti).

4.5.3.2.9   Dati relativi all'attività del conducente

291)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare, per ciascun giorno di calendario in cui viene usata o ogniqualvolta il conducente inserisca manualmente un'attività, i dati seguenti:

la data,

un contatore di presenza giornaliera (aumentato di un'unità per ogni giorno di calendario in cui la carta viene usata),

la distanza totale percorsa dal conducente durante tale giorno,

la condizione del conducente alle 00h00,

ad ogni cambio di attività del conducente e/o cambio di condizione di guida e/o inserimento o estrazione della carta:

la condizione di guida (EQUIPAGGIO, SINGOLA),

la sede (slot) (CONDUCENTE, SECONDO CONDUCENTE),

la condizione della carta (INSERITA, NON INSERITA),

l'attività (GUIDA, DISPONIBILITÀ, LAVORO, INTERRUZIONE/RIPOSO),

l'ora del cambio.

292)

La memoria della carta del conducente deve essere in grado di conservare i dati relativi all'attività del conducente per almeno 28 giorni (l'attività media di un conducente è intesa come 93 cambi di attività al giorno).

293)

I dati elencati ai requisiti 286, 289 e 291 devono essere memorizzati in modo da consentire il reperimento delle attività nell'ordine in cui hanno avuto luogo, anche in caso di sovrapposizione di orari.

4.5.3.2.10   Dati relativi ai veicoli impiegati

294)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare, per ogni giorno di calendario in cui viene usata e per ogni periodo di impiego di un determinato veicolo in tale giorno (un periodo di impiego comprende tutti i cicli consecutivi di inserimento/estrazione della carta nel veicolo, dal punto di vista della singola carta), i dati seguenti:

data e ora del primo impiego del veicolo (cioè il primo inserimento della carta per questo periodo di impiego del veicolo o 00h00 se il periodo di impiego è in corso in tale momento),

valore dell'odometro del veicolo all'ora di tale primo impiego,

data e ora dell'ultimo impiego del veicolo (cioè l'ultima estrazione della carta per questo periodo di impiego del veicolo o 23h59 se il periodo di impiego è in corso in tale momento),

valore dell'odometro del veicolo all'ora di tale ultimo impiego,

VRN e Stato membro di immatricolazione del veicolo,

VIN del veicolo.

295)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare almeno 84 di tali registrazioni.

4.5.3.2.11   Luogo e posizione in cui inizia e/o termina il periodo di lavoro giornaliero

296)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati seguenti relativi al luogo in cui inizia e/o termina il periodo di lavoro giornaliero, inseriti dal conducente:

la data e l'ora dell'immissione (o la data/ora relativa all'immissione, se questa viene effettuata durante la procedura di immissione manuale),

il tipo di immissione (inizio o termine, condizione di immissione),

il paese e la regione inseriti,

il valore dell'odometro del veicolo,

la posizione del veicolo,

l'accuratezza del GNSS, la data e l'ora in cui la posizione è stata determinata.

297)

La memoria della carta del conducente deve essere in grado di conservare almeno 84 coppie di tali registrazioni.

4.5.3.2.12   Dati relativi alla sessione della carta

298)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati relativi al veicolo che ha aperto la sessione in corso:

data e ora di apertura della sessione (cioè d'inserimento della carta) con una risoluzione di un secondo,

VRN e Stato membro di immatricolazione.

4.5.3.2.13   Dati relativi alle attività di controllo

299)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati seguenti, relativi alle attività di controllo:

data e ora del controllo,

numero della carta di controllo e Stato membro di rilascio,

tipo di controllo [visualizzazione e/o stampa e/o trasferimento dati VU e/o trasferimento dati carta (cfr. nota)],

periodo trasferito, in caso di trasferimento,

VRN e Stato membro di immatricolazione del veicolo in cui è stato effettuato il controllo.

Nota: i requisiti di sicurezza prevedono che il trasferimento dei dati della carta sia registrato soltanto se viene effettuato attraverso un apparecchio di controllo.

300)

La carta del conducente deve essere in grado di conservare una di tali registrazioni.

4.5.3.2.14   Dati relativi a condizioni particolari

301)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati seguenti, relativi a condizioni particolari immesse a carta inserita [in qualsiasi sede (slot)]:

data e ora di immissione,

tipo di condizione particolare.

302)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare almeno 56 di tali registrazioni.

4.5.3.2.15   Dati relativi alle unità elettroniche di bordo usate

303)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i dati seguenti, relativi alle diverse unità elettroniche di bordo in cui è stata usata la carta:

la data e l'ora d'inizio del periodo d'impiego dell'unità elettronica di bordo (cioè il primo inserimento della carta nell'unità elettronica di bordo per il periodo),

il fabbricante dell'unità elettronica di bordo,

il tipo di unità elettronica di bordo,

il numero di versione del software dell'unità elettronica di bordo.

304)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare almeno 84 di tali registrazioni.

4.5.3.2.16   Dati relativi al luogo in cui si raggiungono le tre ore di guida ininterrotta

305)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati relativi alla posizione del veicolo quando il periodo di guida continuo del conducente raggiunge un multiplo di tre ore:

la data e l'ora in cui il periodo di guida continuo del titolare della carta raggiunge un multiplo di tre ore;

la posizione del veicolo,

l'accuratezza del GNSS, la data e l'ora in cui la posizione è stata determinata.

306)

La carta del conducente deve essere in grado di memorizzare almeno 252 di tali registrazioni.

4.5.4   Carta dell'officina

4.5.4.1   Applicazione del tachigrafo (accessibile alle unità elettroniche di bordo di prima e seconda generazione)

4.5.4.1.1   Identificazione dell'applicazione

307)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati di identificazione dell'applicazione:

identificazione dell'applicazione del tachigrafo,

identificazione del tipo di carta tachigrafica.

4.5.4.1.2   Chiavi e certificati

308)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare una serie di chiavi crittografiche e di certificati, come specificato nell'appendice 11, parte A.

309)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare un numero di identificazione personale (codice PIN).

4.5.4.1.3   Identificazione della carta

310)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati di identificazione della carta:

numero della carta,

Stato membro di rilascio, denominazione dell'autorità di rilascio, data di rilascio,

data di inizio validità della carta, data di scadenza della carta.

4.5.4.1.4   Identificazione del titolare della carta

311)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati di identificazione del titolare della carta:

denominazione dell'officina,

indirizzo dell'officina,

cognome del titolare,

nome/i del titolare,

lingua abituale.

4.5.4.1.5   Trasferimento dei dati della carta

312)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare un registro di dati del trasferimento dei dati della carta allo stesso modo della carta del conducente.

4.5.4.1.6   Dati relativi a taratura e regolazione dell'ora

313)

La carta dell'officina deve essere in grado di conservare i dati relativi alle tarature e/o alle regolazioni dell'ora effettuate a carta inserita nell'apparecchio di controllo.

314)

Ogni registrazione relativa alla taratura deve essere in grado di contenere i dati seguenti:

scopo della taratura (attivazione, primo montaggio, montaggio, controllo periodico),

identificazione del veicolo,

parametri aggiornati o confermati (w, k, l, dimensioni degli pneumatici, regolazione del limitatore di velocità, odometro (vecchio e nuovo valore), data e ora (vecchio e nuovo valore),

identificazione dell'apparecchio di controllo (codice componente della VU, numero di serie della VU, numero di serie del sensore di movimento).

315)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare almeno 88 di tali registrazioni.

316)

La carta dell'officina deve contenere un contatore che indichi il numero totale di tarature effettuate con la carta stessa.

317)

La carta dell'officina deve contenere un contatore che indichi il numero di tarature effettuate a partire dall'ultimo trasferimento di dati della carta stessa.

4.5.4.1.7   Dati relativi ad anomalie e guasti

318)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i registri dei dati delle anomalie e dei guasti allo stesso modo della carta del conducente.

319)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i dati relativi alle ultime tre anomalie di ciascun tipo (cioè 18 anomalie) e agli ultimi sei guasti di ciascun tipo (cioè 12 guasti).

4.5.4.1.8   Dati relativi all'attività del conducente

320)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i dati relativi all'attività del conducente allo stesso modo della carta del conducente.

321)

La carta dell'officina deve essere in grado di conservare tali dati per almeno 1 giorno di attività media del conducente.

4.5.4.1.9   Dati relativi ai veicoli impiegati

322)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i dati relativi ai veicoli impiegati allo stesso modo della carta del conducente.

323)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare almeno 4 di tali registrazioni.

4.5.4.1.10   Dati relativi all'inizio e/o al termine del periodo di lavoro giornaliero

324)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i dati relativi all'inizio e/o al termine del periodo di lavoro giornaliero allo stesso modo della carta del conducente.

325)

La carta dell'officina deve essere in grado di conservare almeno 3 coppie di tali registrazioni.

4.5.4.1.11   Dati relativi alla sessione della carta

326)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare un registro di dati della sessione della carta allo stesso modo della carta del conducente.

4.5.4.1.12   Dati relativi alle attività di controllo

327)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i dati relativi alle attività di controllo allo stesso modo della carta del conducente.

4.5.4.1.13   Dati relativi a condizioni particolari

328)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i dati relativi a condizioni particolari allo stesso modo della carta del conducente.

329)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare almeno 2 di tali registrazioni.

4.5.4.2   Applicazione del tachigrafo di seconda generazione (non accessibile alle unità elettroniche di bordo di prima generazione)

4.5.4.2.1   Identificazione dell'applicazione

330)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati di identificazione dell'applicazione:

identificazione dell'applicazione del tachigrafo,

identificazione del tipo di carta tachigrafica.

4.5.4.2.2   Chiavi e certificati

331)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare una serie di chiavi crittografiche e di certificati, come specificato nell'appendice 11, parte B.

332)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare un numero di identificazione personale (codice PIN).

4.5.4.2.3   Identificazione della carta

333)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati di identificazione della carta:

numero della carta,

Stato membro di rilascio, denominazione dell'autorità di rilascio, data di rilascio,

data di inizio validità della carta, data di scadenza della carta.

4.5.4.2.4   Identificazione del titolare della carta

334)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati di identificazione del titolare della carta:

denominazione dell'officina,

indirizzo dell'officina,

cognome del titolare,

nome/i del titolare,

lingua abituale.

4.5.4.2.5   Trasferimento dei dati della carta

335)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare un registro di dati del trasferimento dei dati della carta allo stesso modo della carta del conducente.

4.5.4.2.6   Dati relativi a taratura e regolazione dell'ora

336)

La carta dell'officina deve essere in grado di conservare i dati relativi alle tarature e/o alle regolazioni dell'ora effettuate a carta inserita nell'apparecchio di controllo.

337)

Ogni registrazione relativa alla taratura deve essere in grado di contenere i dati seguenti:

scopo della taratura (attivazione, primo montaggio, montaggio, controllo periodico),

identificazione del veicolo,

parametri aggiornati o confermati (w, k, l, dimensioni degli pneumatici, regolazione del limitatore di velocità, odometro (vecchio e nuovo valore), data e ora (vecchio e nuovo valore),

identificazione dell'apparecchio di controllo (codice componente della VU, numero di serie della VU, numero di serie del sensore di movimento, numero di serie del dispositivo di comunicazione remota e numero di serie del dispositivo GNSS esterno, se applicabile),

tipo e identificativo di tutti i sigilli apposti,

capacità della VU di utilizzare carte tachigrafiche di prima generazione (attivata o meno).

338)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare almeno 88 di tali registrazioni.

339)

La carta dell'officina deve contenere un contatore che indichi il numero totale di tarature effettuate con la carta stessa.

340)

La carta dell'officina deve contenere un contatore che indichi il numero di tarature effettuate a partire dall'ultimo trasferimento di dati della carta stessa.

4.5.4.2.7   Dati relativi ad anomalie e guasti

341)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i registri dei dati delle anomalie e dei guasti allo stesso modo della carta del conducente.

342)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i dati relativi alle ultime tre anomalie di ciascun tipo (cioè 33 anomalie) e agli ultimi sei guasti di ciascun tipo (cioè 12 guasti).

4.5.4.2.8   Dati relativi all'attività del conducente

343)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i dati relativi all'attività del conducente allo stesso modo della carta del conducente.

344)

La carta dell'officina deve essere in grado di conservare tali dati per almeno 1 giorno di attività media del conducente.

4.5.4.2.9   Dati relativi ai veicoli impiegati

345)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i dati relativi ai veicoli impiegati allo stesso modo della carta del conducente.

346)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare almeno 4 di tali registrazioni.

4.5.4.2.10   Dati relativi all'inizio e/o al termine del periodo di lavoro giornaliero

347)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i dati relativi all'inizio e/o al termine del periodo di lavoro giornaliero allo stesso modo della carta del conducente.

348)

La carta dell'officina deve essere in grado di conservare almeno 3 coppie di tali registrazioni.

4.5.4.2.11   Dati relativi alla sessione della carta

349)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare un registro di dati della sessione della carta allo stesso modo della carta del conducente.

4.5.4.2.12   Dati relativi alle attività di controllo

350)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i dati relativi alle attività di controllo allo stesso modo della carta del conducente.

4.5.4.2.13   Dati relativi alle unità elettroniche di bordo usate

351)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i dati seguenti, relativi alle diverse unità elettroniche di bordo in cui è stata usata la carta:

la data e l'ora d'inizio del periodo d'impiego dell'unità elettronica di bordo (cioè il primo inserimento della carta nell'unità elettronica di bordo per il periodo),

il fabbricante dell'unità elettronica di bordo,

il tipo di unità elettronica di bordo,

il numero di versione del software dell'unità elettronica di bordo.

352)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare almeno 4 di tali registrazioni.

4.5.4.2.14   Dati relativi al luogo in cui si raggiungono le tre ore di guida ininterrotta

353)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati relativi alla posizione del veicolo quando il periodo di guida continuo del conducente raggiunge un multiplo di tre ore:

la data e l'ora in cui il periodo di guida continuo del titolare della carta raggiunge un multiplo di tre ore;

la posizione del veicolo,

l'accuratezza del GNSS, la data e l'ora in cui la posizione è stata determinata.

354)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare almeno 18 di tali registrazioni.

4.5.4.2.15   Dati relativi a condizioni particolari

355)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare i dati relativi a condizioni particolari allo stesso modo della carta del conducente.

356)

La carta dell'officina deve essere in grado di memorizzare almeno 2 di tali registrazioni.

4.5.5   Carta di controllo

4.5.5.1   Applicazione del tachigrafo (accessibile alle unità elettroniche di bordo di prima e seconda generazione)

4.5.5.1.1   Identificazione dell'applicazione

357)

La carta di controllo deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati di identificazione dell'applicazione:

identificazione dell'applicazione del tachigrafo,

identificazione del tipo di carta tachigrafica.

4.5.5.1.2   Chiavi e certificati

358)

La carta di controllo deve essere in grado di memorizzare una serie di chiavi crittografiche e di certificati, come specificato nell'appendice 11, parte A.

4.5.5.1.3   Identificazione della carta

359)

La carta di controllo deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati di identificazione della carta:

numero della carta,

Stato membro di rilascio, denominazione dell'autorità di rilascio, data di rilascio,

data di inizio validità della carta, data di scadenza della carta (se presente).

4.5.5.1.4   Identificazione del titolare della carta

360)

La carta di controllo deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati di identificazione del titolare:

denominazione dell'organismo di controllo,

indirizzo dell'organismo di controllo,

cognome del titolare,

nome/i del titolare,

lingua abituale.

4.5.5.1.5   Dati relativi alle attività di controllo

361)

La carta di controllo deve essere in grado di memorizzare i dati seguenti, relativi alle attività di controllo:

data e ora del controllo,

tipo di controllo (visualizzazione e/o stampa e/o trasferimento dati VU e/o trasferimento dati carta e/o verifica della taratura su strada),

periodo cui si riferiscono i dati (se del caso),

VRN e autorità di immatricolazione del veicolo controllato dello Stato membro,

numero della carta e Stato membro di rilascio della carta del conducente controllata.

362)

La carta di controllo deve essere in grado di conservare almeno 230 di tali registrazioni.

4.5.5.2   Applicazione del tachigrafo di seconda generazione (non accessibile alle unità elettroniche di bordo di prima generazione)

4.5.5.2.1   Identificazione dell'applicazione

363)

La carta di controllo deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati di identificazione dell'applicazione:

identificazione dell'applicazione del tachigrafo,

identificazione del tipo di carta tachigrafica.

4.5.5.2.2   Chiavi e certificati

364)

La carta di controllo deve essere in grado di memorizzare una serie di chiavi crittografiche e di certificati, come specificato nell'appendice 11, parte B.

4.5.5.2.3   Identificazione della carta

365)

La carta di controllo deve essere in grado di memorizzare i seguenti dati di identificazione della carta:

numero della carta,

Stato membro di rilascio, denominazione dell'autorità di rilascio, data di rilascio,