28.2.2009   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 56/15


DECISIONE DEL CONSIGLIO

del 26 febbraio 2009

che modifica la decisione del 27 marzo 2000 che autorizza il direttore dell’Europol ad avviare negoziati per la conclusione di accordi con Stati terzi e organismi non connessi all’UE

(2009/167/CE)

IL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA,

visti l’articolo 42, paragrafo 2, l’articolo 10, paragrafo 4, e l’articolo 18 della convenzione che istituisce un ufficio europeo di polizia (Convenzione Europol) (1),

visto l’atto del Consiglio, del 3 novembre 1998, che stabilisce le norme sulle relazioni esterne dell’Europol con Stati terzi e organismi non connessi all’Unione europea (2), e in particolare l’articolo 2 di tali norme,

visto l’atto del Consiglio, del 3 novembre 1998, che stabilisce le norme per la ricezione da parte dell’Europol di informazioni provenienti da Stati e organismi terzi (3), e in particolare l’articolo 2 di tali norme,

visto l’atto del Consiglio, del 12 marzo 1999, che stabilisce le norme per la trasmissione di dati di carattere personale da parte dell’Europol a Stati o organismi terzi (4), in particolare gli articoli 2 e 3 di tali norme,

considerando quanto segue:

(1)

Il 27 marzo 2000 il Consiglio ha adottato la decisione che autorizza il direttore dell’Europol ad avviare negoziati per la conclusione di accordi con Stati terzi e organismi non connessi all’UE (5).

(2)

Interessi operativi richiedono che l’India sia inserita nell’elenco degli Stati terzi con cui il direttore dell’Europol è autorizzato ad avviare negoziati.

(3)

La decisione del Consiglio del 27 marzo 2000 dovrebbe pertanto essere modificata di conseguenza,

DECIDE:

Articolo 1

La decisione del Consiglio del 27 marzo 2000 è così modificata:

all’articolo 2, paragrafo 1, sotto il titolo «Stati terzi» è aggiunto il seguente Stato nell’elenco alfabetico:

«—

India».

Articolo 2

La presente decisione è pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Articolo 3

La presente decisione ha effetto a decorrere dal giorno successivo alla data dell’adozione.

Fatto a Bruxelles, addì 26 febbraio 2009.

Per il Consiglio

Il presidente

I. LANGER


(1)  GU C 316 del 27.11.1995, pag. 2.

(2)  GU C 26 del 30.1.1999, pag. 19.

(3)  GU C 26 del 30.1.1999, pag. 17.

(4)  GU C 88 del 30.3.1999, pag. 1.

(5)  GU C 106 del 13.4.2000, pag. 1.