31990D0644

90/644/CEE: Decisione della Commissione, del 30 novembre 1990, relativa alla liquidazione dei conti presentati dagli Stati membri per le spese dell'esercizio 1988 finanziate dal Fondo europeo agricolo di orientamento e di garanzia (FEAOG), sezione «garanzia»

Gazzetta ufficiale n. L 350 del 14/12/1990 pag. 0082 - 0096
edizione speciale finlandese: capitolo 3 tomo 35 pag. 0266
edizione speciale svedese/ capitolo 3 tomo 35 pag. 0266


DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 30 novembre 1990 relativa alla liquidazione dei conti presentati dagli Stati membri per le spese dell'esercizio 1988 finanziate dal Fondo europeo agricolo di orientamento e di garanzia (FEAOG), sezione «garanzia» (90/644/CEE)

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea,

visto il regolamento (CEE) n. 729/70 del Consiglio, del 21 aprile 1970, relativo al finanziamento della politica agricola comune (1), modificato da ultimo dal regolamento (CEE) n. 2048/88 (2), in particolare l'articolo 5, paragrafo 2,

previa consultazione del comitato del Fondo,

considerando che, a norma dell'articolo 5, paragrafo 2, lettera b) del regolamento (CEE) n. 729/70, la Commissione, sulla base dei conti annuali presentati dagli Stati membri, liquida i conti relativi alle spese pagate dai servizi e dagli organismi di cui all'articolo 4 dello stesso regolamento;

considerando che gli Stati membri hanno inviato alla Commissione i documenti necessari per la liquidazione dei conti relativi all'esercizio 1988 ; che, secondo le disposizioni del regolamento (CEE) n. 3183/87 del Consiglio, del 19 ottobre 1987, che definisce norme particolari relative al finanziamento della politica agricola comune (3), l'esercizio 1988 è iniziato nel novembre del 1987 con l'esaurimento dei mezzi finanziari comunitari messi alla disposizione degli Stati membri ; che, secondo le disposizioni del regolamento (CEE) n. 2048/88, questo esercizio termina il 15 ottobre 1988;

considerando che la Commissione ha effettuato le verifiche previste all'articolo 9, paragrafo 2 del regolamento (CEE) n. 729/70;

considerando che, ai sensi dell'articolo 8 del regolamento (CEE) n. 1723/72 della Commissione, del 26 luglio 1972, relativo alla liquidazione dei conti per quanto concerne il FEAOG, sezione «garanzia» (4), modificato da ultimo dal regolamento (CEE) n. 295/88 (5), la decisione di liquidazione comprende la determinazione dell'importo delle spese effettuate in ciascuno Stato membro durante l'esercizio in questione, riconosciute a carico del FEAOG, sezione «garanzia» ; che, conformemente all'articolo 102 del regolamento finanziario, del 21 dicembre 1977 (6), modificato da ultimo dal regolamento (Euratom, CECA, CEE) n. 610/90 (7), il risultato della decisione di liquidazione, che costituisce l'eventuale differenza tra il totale delle spese imputate ai conti di un esercizio in applicazione degli articoli 100 e 101 ed il totale delle spese riconosciute dalla Commissione all'atto della liquidazione dei conti, è contabilizzato come spesa in più o in meno su un articolo unico;

considerando che, a norma degli articoli 2 e 3 del regolamento (CEE) n. 729/70, si possono finanziare soltanto le restituzioni all'esportazione verso i paesi terzi e gli interventi destinati a regolarizzare i mercati, rispettivamente concesse ed intrapresi conformemente alle norme comunitarie nel quadro dell'organizzazione comune dei mercati agricoli ; che, stante le verifiche effettuate, una frazione delle spese dichiarate dagli Stati membri non risponde a tali condizioni e non può pertanto essere finanziata dal FEAOG, sezione «garanzia» ; che gli importi dichiarati da ciscuno Stato membro interessato, quelli riconosciuti a carico del FEAOG, sezione «garanzia», e le differenze tra questi due importi, nonché le differenze tra le spese riconosciute dal FEAOG, sezione «garanzia», e quelle imputate ai conti dell'esercizio figurano nell'allegato della presente decisione;

considerando che agli Stati membri sono state fornite informazioni complete sulle correzioni ai loro conti e che è stata loro offerta la possibilità di esporre la loro posizione al riguardo;

considerando che le spese dichiarate dall'Italia per gli aiuti al consumo dell'olio d'oliva, pari a un importo di 183 369 315 937 lire italiane, nonché le spese dichiarate dalla Grecia per l'aiuto alla produzione di cotone, pari a un importo di 48 065 056 733 dracme greche, non formano oggetto della presente decisione, data la necessità di un esame supplementare di queste pratiche ; che detti importi sono stati quindi detratti dalle spese dichiarate da tali Stati membri per il presente esercizio e verranno liquidati in un secondo tempo ; che inoltre, per quanto concerne i premi concessi in Grecia ai tabacchi in foglia dei raccolti 1981 a 1985, le cauzioni costituite nel quadro del regolamento (CEE) n. 1726/70 della Commissione (8), modificato da ultimo dal regolamento (CEE) n. 4263/88 (9) verranno pure liquidate in un secondo tempo ; che tali (1) GU n. L 94 del 28.4.1970, pag. 13. (2) GU n. L 185 del 15.7.1988, pag. 1. (3) GU n. L 304 del 27.10.1987, pag. 1. (4) GU n. L 186 del 16.8.1972, pag. 1. (5) GU n. L 30 del 2.2.1988, pag. 7. (6) GU n. L 356 del 31.12.1977, pag. 1. (7) GU n. L 70 del 16.3.1990, pag. 1. (8) GU n. L 191 del 27.8.1970, pag. 1. (9) GU n. L 376 del 31.12.1988, pag. 34. pratiche saranno liquidate sulla base delle informazioni complementari che tali Stati membri dovranno fornire entro un termine che verrà loro comunicato dalla Commissione;

considerando che le spese non riconosciute per la Germania comprendono un importo di 27 510 204 marchi tedeschi, per i Paesi Bassi un importo di 125 403 941 fiorini olandesi, per la Francia un importo di 547 383 456 franchi francesi e per la Danimarca un importo di 45 027 353 corone danesi, corrispondenti a delle restituzioni all'esportazione concesse nel settore dei cereali e dello zucchero ; che, in virtù della presente decisione, tali importi devono essere assunti a proprio carico dagli Stati membri in questione ; che, date le particolari circostanze di questi casi, è opportuno tuttavia che la Commissione provveda a riconsiderare il rifiuto di finanziamento da essa deciso in occasione della presente liquidazione dei conti sempreché gli Stati membri interessati forniscano le prove richieste entro un termine di sei mesi a decorrere dalla notificazione della presente decisione ; che ciò lascia comunque impregiudicato il carattere immediatamente esecutivo della presente decisione;

considerando che le spese non riconosciute per la Germania comprendono un importo di 104 418 850 marchi tedeschi, corrispondenti al prelievo supplementare che avrebbe dovuto essere riscosso nel settore lattiero-caseario ; che, in virtù della presente decisione, detto importo deve essere assunto a proprio carico dallo Stato membro in questione ; che, date le particolari circostanze di questo caso, è opportuno tuttavia che la Commissione provveda a riconsiderare tale rifiuto di finanziamento parallelamente alle dichiarazioni di spesa che la Repubblica federale dovrà effettuare entro il 31 marzo 1991 nell'ambito di un programma di riscatto di quantitativi di riferimento che successivamente non potranno più essere ridistribuiti ; che ciò lascia comunque impregiudicato il carattere immediatamente esecutivo della presente decisione;

considerando che le spese non riconosciute per l'Italia comprendono un importo di 13 953 883 351 lire italiane corrispondenti ai premi ai produttori di carni ovine e caprine ; che, in virtù della presente decisione, tale importo deve essere preso a carico dello Stato membro in questione ; che date le particolari circostanze di tale caso, è opportuno tuttavia che la Commissione provveda a riconsiderare il rifiuto di finanziamento da essa deciso in occasione della presente liquidazione dei conti sempreché lo Stato membro interessato fornisca le prove richieste entro un termine che verrà loro comunicato dalla Commissione ; che ciò lascia comunque impregiudicato il carattere immediatamente esecutivo della presente decisione;

considerando che le spese non riconosciute per la Francia comprendono un importo di 446 472 537 franchi francesi corrispondenti al prelievo supplementare nel settore lattiero-caseario ; che, in virtù della presente decisione, tale importo deve essere preso a carico dello Stato membro in questione ; che, date le particolari circostanze di tale caso, è opportuno tuttavia che la Commissione provveda a riconsiderare il rifiuto di finanziamento da essa deciso in occasione della presente liquidazione dei conti sempreché lo Stato membro interessato fornisca le prove richieste entro un termine che verrà loro comunicato dalla Commissione ; che ciò lascia comunque impregiudicato il carattere immediatamente esecutivo della presente decisione;

considerando che gli importi compensativi monetari relativi alle esportazioni verso dei paesi terzi sono stati dichiarati da parte della Grecia come risorse proprie ; che la Commissione ha chiesto dei chiarimenti in merito e si riserva di stabilire delle rettifiche finanziarie necessarie nel quadro di una decisione di liquidazione ulteriore nel caso in cui risultasse da tali dati che, a norma delle disposizioni regolamentari in vigore, gli importi compensativi monetari in questione avrebbero dovuto essere dedotti dalle restituzioni;

considerando che la Corte di giustizia, con sentenza pronunciata nella causa C-10/88, ha annullato la decisione di liquidazione dei conti dell'Italia per l'esercizio 1985, la quale aveva escluso dal finanziamento comunitario le spese dichiarate dallo Stato membro relative ai premi per la nascita dei vitelli ; che, di conseguenza, conformemente all'articolo 176 del trattato, devono essere ammessi al finanziamento comunitario nel quadro della presente liquidazione dei conti un importo di 19 045 553 222 lire italiane a valere sull'esercizio 1985 ; che ne deriva inoltre di ammettere al finanziamento comunitario nel quadro della presente liquidazione, gli importi che, per lo stesso motivo, sono stati esclusi dal finanziamento comunitario a valere sugli esercizi 1986 e 1987 pari a un totale di 57 665 488 647 lire italiane per quanto concerne l'Italia, 173 871,44 sterline inglesi per quanto concerne il Regno Unito, 7 683 sterline irlandesi per quanto concerne l'Irlanda;

considerando che la Corte, con sentenza pronunciata nella causa C-8/88, ha annullato la decisione di liquidazione dei conti della Germania per l'esercizio 1984, la quale aveva escluso dal finanziamento comunitario taluni importi relativi ai premi per il mantenimento del gregge di vacche nutrici ; che di conseguenza, conformemente all'articolo 176 del trattato, deve essere ammesso al finanziamento comunitario nel quadro della presente liquidazione dei conti un importo di 42 585,88 marchi tedeschi, a valere sull'esercizio 1984 ; che ne deriva inoltre di ammettere al finanziamento comunitario nel quadro della presente liquidazione l'importo che, per lo stesso motivo, era stato escluso dal finanziamento comunitario a valere sull'esercizio 1986 pari a 40 324,06 marchi tedeschi;

considerando che la Corte, con sentenza pronunciata nella causa C-259/87, ha annullato la decisione di liquidazione dei conti della Grecia per l'esercizio 1983, la quale aveva escluso dal finanziamento comunitario le spese dichiarate dallo Stato membro relative alla vendita di due partite di 30 000 t di frumento tenero provenienti dagli ammassi pubblici ; che di conseguenza, conformemente all'articolo 176 del trattato, deve essere ammesso al finanziamento comunitario nel quadro della presente liquidazione dei conti un importo di 596 040 000 dracme greche a valere sull'esercizio 1983;

considerando che la Corte, con sentenza pronunciata nella causa C-334/87, ha annullato la decisione di liquidazione dei conti della Grecia per l'esercizio 1984, la quale aveva escluso dal finanziamento comunitario le spese dichiarate dallo Stato membro relative alle spese di ammasso di una partita di olio di sansa per il periodo compreso tra il 14 marzo e il 7 agosto 1984 ; che di conseguenza, conformemente all'articolo 176 del trattato, deve essere ammesso al finanziamento comunitario nel quadro della presente liquidazione dei conti un importo di 9 389 270 dracme greche a valere sull'esercizio 1984;

considerando che, per quanto riguarda l'Italia, le indagini relative alla qualità e all'origine dell'olio conferito all'intervento, al premio per le vacche nutrici, all'aiuto per la trasformazione di soia, all'aiuto alla produzione di frumento duro e alla qualità di tabacco all'intervento risultano attualmente concluse ; che, per quanto riguarda la Francia, l'indagine relativa all'ammasso privato di carni bovine risulta ugualmente conclusa ; che la presente decisione stabilisce quale seguito adottare in relazione a questo caso;

considerando che, a norma del regolamento (CEE) n. 1078/77 del Consiglio, del 17 maggio 1977, che istituisce un regime di premi per la non commercializzazione del latte e dei prodotti lattiero-caseari e per la riconversione di mandrie bovine a orientamento lattiero (1), modificato da ultimo dal regolamento (CEE) n. 1300/84 (2), la sezione «garanzia» e la sezione «orientamento» del FEAOG assumono a proprio carico rispettivamente il 60 % e il 40 % delle spese relative a tali misure ; che queste ultime sono considerate interventi ai sensi dell'articolo 3 del regolamento (CEE) n. 729/70 e costituiscono un'azione comune ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1 dello stesso regolamento ; che occorre pertanto procedere alla liquidazione dei conti relativamente alle spese finanziate dal FEAOG, includendovi le spese della sezione «orientamento»;

considerando che la presente decisione non pregiudica le conseguenze finanziarie che la Commissione potrà eventualmente trarre, nel quadro di una successiva liquidazione dei conti, per quanto riguarda gli aiuti nazionali o le infrazioni le cui procedure ai sensi rispettivamente degli articoli 93 e 169 del trattato sono attualmente in corso o sono state chiuse dopo la data del 18 luglio 1989, oppure per quanto riguarda le infrazioni commesse nel 1988 o gli aiuti nazionali incompatibili col trattato e versati nel 1988 che possono influenzare le spese imputabili al FEAOG in un esercizio posteriore al 1988;

considerando che la presente decisione non pregiudica le conseguenze finanziarie che la Commissione trarrà, nel quadro di una successiva liquidazione dei conti, per quanto riguarda inchieste in corso alla data della presente decisione, irregolarità ai sensi dell'articolo 8 del regolamento (CEE) n. 729/70 o sentenze della Corte di giustizia in cause ancora pendenti su materie oggetto della presente decisione;

considerando che, per quanto concerne l'aiuto alimentare di cui la liquidazione dei conti non è ancora intervenuta, le conseguenze finanziarie per la sezione «garanzia» saranno determinate in occasione di una successiva liquidazione dei conti,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

I conti degli Stati membri riguardanti le spese finanziate dal FEAOG, sezione «garanzia», per l'esercizio 1988 sono liquidati come indicato nell'allegato della presente decisione.

Articolo 2

Gli importi che risultano al punto 3 della colonna c) dell'allegato sono da contabilizzare tra le spese di cui all'articolo 3 del regolamento (CEE) n. 2776/88 della Commissione (3), modificato da ultimo dal regolamento (CEE) n. 775/90 (4), a titolo del mese che segue quello della notifica della presente decisione.

Articolo 3

Gli Stati membri sono destinatari della presente decisione.

Fatto a Bruxelles, il 30 novembre 1990.

Per la Commissione

Ray MAC SHARRY

Membro della Commissione

(1) GU n. L 131 del 26.5.1977, pag. 1. (2) GU n. L 125 del 12.5.1984, pag. 3. (3) GU n. L 249 dell'8.9.1988, pag. 9. (4) GU n. L 83 del 30.9.1990, pag. 85.

ALLEGATO

>PIC FILE= "T0047908"> >PIC FILE= "T0047909">

>PIC FILE= "T0047910">

>PIC FILE= "T0047911">

>PIC FILE= "T0047912">

>PIC FILE= "T0047913">

>PIC FILE= "T0047914">

>PIC FILE= "T0047915">

>PIC FILE= "T0047916">

>PIC FILE= "T0047917">

>PIC FILE= "T0047918">

>PIC FILE= "T0047919">