Accept Refuse

EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 32019D1798

Decisione (UE) 2019/1798 del Parlamento europeo e del Consiglio del 14 ottobre 2019 relativa alla nomina del procuratore capo europeo della Procura europea

ST/6966/2019/INIT

OJ L 274, 28.10.2019, p. 1–2 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, GA, HR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

In force

ELI: http://data.europa.eu/eli/dec/2019/1798/oj

28.10.2019   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

L 274/1


DECISIONE (UE) 2019/1798 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

del 14 ottobre 2019

relativa alla nomina del procuratore capo europeo della Procura europea

IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea,

visto il regolamento (UE) 2017/1939 del Consiglio, del 12 ottobre 2017, relativo all’attuazione di una cooperazione rafforzata sull’istituzione della Procura europea («EPPO») (1), in particolare l’articolo 14,

vista la decisione di esecuzione (UE) 2018/1696 del Consiglio, del 13 luglio 2018, concernente le regole di funzionamento del comitato di selezione di cui all’articolo 14, paragrafo 3, del regolamento (UE) 2017/1939 relativo all’attuazione di una cooperazione rafforzata sull’istituzione della Procura europea («EPPO») (2),

vista la decisione (UE) 2018/1275 del Consiglio, del 18 settembre 2018, relativa alla nomina dei membri del comitato di selezione previsto all’articolo 14, paragrafo 3, del regolamento (UE) 2017/1939 (3),

vista la proposta di una rosa di candidati stabilita dal comitato di selezione, il 4 febbraio 2019, in conformità della decisione di esecuzione (UE) 2018/1696, ai fini della nomina del procuratore capo europeo della Procura europea,

considerando quanto segue:

(1)

La Procura europea («EPPO») è stata istituita dal regolamento (UE) 2017/1939. La Commissione è responsabile dell’istituzione e del funzionamento amministrativo iniziale dell’EPPO finché questa non avrà la capacità di eseguire il proprio bilancio.

(2)

Il procuratore capo europeo è a capo dell’EPPO e ne organizza il lavoro, dirige le sue attività e adotta le decisioni in conformità del regolamento (UE) 2017/1939 e del regolamento interno dell’EPPO. Il collegio dell’EPPO è composto dal procuratore capo europeo e da un procuratore europeo per Stato membro.

(3)

In conformità dell’articolo 120, paragrafo 2, secondo comma, del regolamento (UE) 2017/1939, l’EPPO deve assumere i compiti di indagine e azione penale ad essa conferiti da detto regolamento a una data che sarà stabilita con decisione della Commissione su proposta del procuratore capo europeo una volta costituita l’EPPO.

(4)

È pertanto necessario nominare, di comune accordo tra Parlamento europeo e il Consiglio, il primo procuratore capo europeo dell’EPPO.

(5)

Un avviso di posto vacante di procuratore capo europeo quale agente temporaneo di grado AD 15 è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea il 19 novembre 2018 (4).

(6)

La decisione di esecuzione (UE) 2018/1696, stabilisce le regole di funzionamento del comitato di selezione di cui all’articolo 14, paragrafo 3, del regolamento (UE) 2017/1939 («regole di funzionamento del comitato di selezione»).

(7)

Conformemente alla regola VII.1, primo paragrafo, delle regole di funzionamento del comitato di selezione, un elenco ristretto di tre candidati è stato stabilito dal comitato di selezione, che ha motivato la selezione dei candidati proposti nell’elenco ristretto nelle lettere inviate al Parlamento europeo e al Consiglio rispettivamente il 4 febbraio 2019 e il 14 febbraio 2019. Il Parlamento europeo e il Consiglio dovrebbero nominare, di comune accordo, al posto di procuratore capo europeo uno dei candidati preselezionati. Conformemente alla regola VII.1, secondo paragrafo, delle regole di funzionamento, il comitato di selezione ha stabilito la graduatoria dei candidati in base alle loro qualifiche ed esperienza. Tale graduatoria rispecchia l’ordine di preferenza del comitato di selezione e non è vincolante per il Parlamento europeo e il Consiglio.

(8)

Il 26 febbraio 2019, i tre candidati preselezionati sono comparsi dinanzi alla Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni del Parlamento europeo e dinanzi alla commissione per il controllo dei bilanci del Parlamento europeo. Il 7 marzo 2019, la conferenza dei presidenti del Parlamento europeo ha deciso che il candidato del Parlamento europeo fosse la sig.ra Laura Codruța Kövesi e il 18 luglio 2019 ha confermato tale posizione.

(9)

Il 20 febbraio 2019, il Comitato dei rappresentanti permanenti dei governi degli Stati membri (Coperer), conformemente alla procedura interna che aveva approvato il 15 febbraio 2019, ha proceduto a una votazione indicativa per stabilire la posizione del Consiglio in vista delle discussioni con i rappresentanti del Parlamento europeo. A seguito di tali discussioni, il 19 settembre 2019 il Coreper ha sostenuto la nomina della sig.ra Laura Codruța KÖVESI quale procuratore capo europeo.

(10)

Il procuratore capo europeo dell’EPPO deve essere nominato, di comune accordo, dal Parlamento europeo e dal Consiglio per un mandato non rinnovabile di sette anni a decorrere dalla data di entrata in vigore della presente decisione.

(11)

Un comune accordo relativo alla nomina del procuratore capo europeo è stato raggiunto dal Parlamento europeo e dal Consiglio a seguito di riunioni congiunte delle squadre di negoziatori nominate da ciascuna delle due istituzioni.

(12)

Nel nominare la sig.ra Laura Codruța KÖVESI, entrambe le istituzioni valutato i meriti rispettivi dei candidati, prendendo in considerazione le motivazioni fornite dal comitato di selezione,

HANNO ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

La sig.ra Laura Codruța KÖVESI è nominata procuratore capo europeo dell’EPPO quale agente temporaneo di grado AD 15 per un periodo non rinnovabile di sette anni a decorrere dal 31 ottobre 2019.

Articolo 2

La presente decisione entra in vigore il terzo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Fatto a Lussemburgo, il 14 ottobre 2019

Per il Parlamento europeo

Il presidente

D. M. SASSOLI

Per il Consiglio

La presidente

T. TUPPURAINEN


(1)  GU L 283 del 31.10.2017, pag. 1.

(2)  GU L 282 del 12.11.2018, pag. 8.

(3)  GU L 238 del 21.9.2018, pag. 92.

(4)  GU C 418 A del 19.11.2018, pag. 1.


Top