Accept Refuse

EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 32016R1613

Regolamento delegato (UE) 2016/1613 della Commissione, dell'8 settembre 2016, che prevede un aiuto eccezionale di adattamento per i produttori di latte e gli allevatori di altri settori zootecnici

C/2016/5663

OJ L 242, 9.9.2016, p. 10–14 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, HR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

In force

ELI: http://data.europa.eu/eli/reg_del/2016/1613/oj

9.9.2016   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 242/10


REGOLAMENTO DELEGATO (UE) 2016/1613 DELLA COMMISSIONE

dell'8 settembre 2016

che prevede un aiuto eccezionale di adattamento per i produttori di latte e gli allevatori di altri settori zootecnici

LA COMMISSIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

visto il regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013, recante organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli e che abroga i regolamenti (CEE) n. 922/72, (CEE) n. 234/79, (CE) n. 1037/2001 e (CE) n. 1234/2007 del Consiglio (1), in particolare l'articolo 219, paragrafo 1, in combinato disposto con l'articolo 228,

visto il regolamento (UE) n. 1306/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013, sul finanziamento, sulla gestione e sul monitoraggio della politica agricola comune e che abroga i regolamenti del Consiglio (CEE) n. 352/78, (CE) n. 165/94, (CE) n. 2799/98, (CE) n. 814/2000, (CE) n. 1290/2005 e (CE) n. 485/2008 (2), in particolare l'articolo 106, paragrafo 5,

considerando quanto segue:

(1)

Il settore lattiero deve far fronte a perturbazioni di mercato dovute a uno squilibrio tra l'offerta e la domanda a livello mondiale, aggravato dalla proroga fino al termine del 2017 dell'embargo imposto dalla Russia sull'importazione di prodotti agricoli e alimentari originari dell'Unione.

(2)

La domanda mondiale di latte e prodotti lattiero-caseari ha registrato un lieve aumento nel 2015 e nei primi mesi del 2016, ma a un ritmo nettamente inferiore rispetto alla crescita della produzione.

(3)

L'offerta di latte a livello mondiale è in generale aumentata nel corso del 2015, con una crescita combinata della produzione nell'Unione, negli Stati Uniti e in Nuova Zelanda pari a circa 4,5 milioni di t, mentre le esportazioni totali in equivalente latte in provenienza dall'Unione e da questi due paesi terzi sono diminuite di circa 200 000 t.

(4)

Nei primi quattro mesi del 2016, la produzione di latte nell'Unione, negli Stati Uniti e in Nuova Zelanda è aumentata di circa 3,6 milioni di t, di cui meno dell'1 % è stato assorbito da un aumento delle esportazioni.

(5)

Di conseguenza, i prezzi del latte crudo nell'Unione sono ulteriormente diminuiti e la pressione al ribasso sembra destinata a continuare, raggiungendo livelli insostenibili per i produttori di latte. Nel maggio 2016, i prezzi medi del latte franco azienda nell'Unione sono stati inferiori del 22 % al prezzo medio del mese di maggio degli anni dal 2011 al 2015.

(6)

In parallelo si sono ampliati i divari di prezzo tra gli Stati membri. Questa situazione colpisce principalmente i piccoli allevatori, costituendo una minaccia per il tessuto sociale delle zone rurali.

(7)

Altri settori zootecnici, in particolare quelli delle carni suine, delle carni bovine e delle carni ovine e caprine, registrano altresì difficoltà di mercato. Per quanto riguarda le carni suine, tali difficoltà sono principalmente connesse all'embargo sulle importazioni imposto dalla Russia, legato in particolare alla comparsa di focolai di peste suina africana in taluni Stati membri, mentre per il settore delle carni bovine si tratta di un effetto secondario delle perturbazioni del mercato del latte.

(8)

Gli strumenti di intervento sul mercato sotto forma di intervento pubblico e di ammasso privato per il burro e il latte scremato in polvere sono rimasti disponibili senza interruzioni a partire da settembre 2014. Tali strumenti hanno attenuato l'impatto della crisi e hanno arginato il continuo calo dei prezzi dei prodotti a base di latte, ma a livello mondiale gli squilibri persistono.

(9)

Poiché le normali misure disponibili nell'ambito del regolamento (UE) n. 1308/2013 risultano insufficienti e per far fronte a una situazione di ulteriore calo dei prezzi e di aggravamento delle perturbazioni del mercato, è fondamentale rendere disponibile un aiuto per i produttori di latte e gli allevatori di altri settori zootecnici dell'Unione colpiti da perturbazioni di mercato che hanno gravemente indebolito la loro redditività e liquidità. Gli Stati membri dovrebbero selezionare uno o più settori interessati, o parte di essi, al fine di sostenere i produttori e gli allevatori maggiormente colpiti dalle perturbazioni del mercato.

(10)

Al fine di migliorare la capacità di recupero degli allevatori, il suddetto aiuto dovrebbe essere riservato a metodi di produzione più sostenibili. Una particolare attenzione dovrebbe essere rivolta alle piccole aziende agricole che costituiscono l'asse portante dell'economia rurale.

(11)

Per alleviare la crisi attuale, è opportuno concedere agli Stati membri una sovvenzione una tantum destinata a sostenere i produttori di latte e/o gli allevatori di altri settori zootecnici dediti ad attività che favoriscono la sostenibilità economica e la stabilizzazione del mercato.

(12)

La sovvenzione disponibile per ciascuno Stato membro dovrebbe tener conto delle principali caratteristiche dei rispettivi settori, compresa la produzione, i prezzi di mercato e il peso dei piccoli allevatori.

(13)

Gli Stati membri dovrebbero concepire misure basate su una o più delle seguenti attività che favoriscono la sostenibilità economica e la stabilizzazione dei mercati: congelamento o riduzione della produzione, agricoltura su piccola scala, produzione estensiva, produzione rispettosa dell'ambiente e del clima, cooperazione tra agricoltori, miglioramento della qualità e del valore aggiunto e formazione sui metodi di buona gestione.

(14)

Tenuto conto della situazione particolare dei produttori di latte e degli allevatori di altri settori zootecnici, che varia da una parte all'altra dell'Unione, gli Stati membri dovrebbero scegliere le misure più appropriate, in particolare in termini di stabilizzazione del mercato e di sostenibilità economica, e dovrebbero fornire una descrizione delle misure concrete da adottare.

(15)

Poiché l'importo assegnato a ciascuno Stato membro compenserà solo una parte limitata delle perdite effettive subite dai produttori di latte e dagli allevatori di altri settori zootecnici, è opportuno autorizzare gli Stati membri a concedere un sostegno supplementare a tali produttori, alle stesse condizioni di oggettività e non discriminazione ed evitando distorsioni della concorrenza.

(16)

Gli aiuti previsti dal presente regolamento dovrebbero essere considerati una misura volta a sostenere i mercati agricoli ai sensi dell'articolo 4, paragrafo 1, lettera a), del regolamento (UE) n. 1306/2013.

(17)

Per offrire agli Stati membri la flessibilità necessaria per distribuire l'aiuto a seconda di quanto richiesto dalle circostanze per far fronte alle difficoltà, essi andrebbero autorizzati a cumularlo con altre misure di sostegno finanziate dal Fondo europeo agricolo di garanzia e dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale.

(18)

Poiché la sovvenzione è fissata in euro, è necessario, al fine di garantire un'applicazione uniforme e simultanea, fissare una data per la conversione in moneta nazionale dell'importo stanziato per gli Stati membri che non hanno adottato l'euro. Occorre pertanto determinare il fatto generatore del tasso di cambio a norma dell'articolo 106 del regolamento (UE) n. 1306/2013. In base al principio di cui al paragrafo 2, lettera b), dello stesso articolo e ai criteri di cui al paragrafo 5, lettera c), del medesimo, il fatto generatore dovrebbe essere la data di entrata in vigore del presente regolamento.

(19)

Per motivi di bilancio, l'Unione dovrebbe finanziare le spese sostenute dagli Stati membri in relazione ai produttori di latte e agli allevatori di altri settori zootecnici solo a condizione che tali spese siano effettuate entro un termine determinato.

(20)

Per garantire la trasparenza, la sorveglianza e la corretta amministrazione dell'importo messo a loro disposizione, gli Stati membri dovrebbero informare la Commissione in merito alle misure concrete da adottare, ai criteri oggettivi utilizzati, alle ragioni per sostenere settori zootecnici diversi da quello del latte, alle misure adottate per evitare distorsioni del mercato, all'impatto previsto delle misure e ai metodi per verificarne il raggiungimento.

(21)

Per garantire che i produttori di latte e gli allevatori di altri settori zootecnici ricevano gli aiuti quanto prima, gli Stati membri dovrebbero poter attuare il presente regolamento nel più breve tempo possibile. È dunque opportuno che il presente regolamento entri in vigore il giorno successivo alla pubblicazione,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

1.   L'Unione mette a disposizione degli Stati membri un importo totale di 350 000 000 EUR per la concessione di un sostegno eccezionale di adattamento ai produttori di latte e/o agli allevatori dei settori delle carni bovine, delle carni suine e delle carni ovine e caprine («allevatori di altri settori zootecnici»).

Gli Stati membri utilizzano gli importi messi a loro disposizione secondo quanto previsto in allegato per le misure adottate sulla base di criteri oggettivi e non discriminatori, a condizione che i pagamenti risultanti non provochino distorsioni della concorrenza.

Le misure adottate dagli Stati membri sostengono i produttori di latte e/o gli allevatori di altri settori zootecnici dediti a una o più delle seguenti attività intese a favorire la sostenibilità economica delle proprie aziende e che contribuiscono alla stabilizzazione del mercato:

a)

riduzione della produzione superiore a quella contemplata dal regolamento delegato (UE) 2016/1612 della Commissione (3) o non aumento della produzione;

b)

agricoltura su piccola scala;

c)

applicazione di metodi di produzione estensivi;

d)

applicazione di metodi di produzione rispettosi dell'ambiente e del clima;

e)

realizzazione di progetti di cooperazione;

f)

applicazione di regimi di qualità o progetti intesi a promuovere la qualità e il valore aggiunto;

g)

formazione in materia di strumenti finanziari e strumenti di gestione dei rischi.

Gli Stati membri garantiscono che, quando i produttori di latte e gli allevatori di altri settori zootecnici non sono i beneficiari diretti dei pagamenti, il vantaggio economico dell'aiuto è integralmente trasferito su di loro.

Le spese sostenute dagli Stati membri in relazione ai pagamenti a norma del presente regolamento sono ammissibili all'aiuto dell'Unione solo se tali pagamenti sono stati effettuati entro il 30 settembre 2017.

2.   Per quanto riguarda la Bulgaria, la Repubblica ceca, la Danimarca, la Croazia, l'Ungheria, la Polonia, la Romania, la Svezia e il Regno Unito, il fatto generatore del tasso di cambio relativo agli importi fissati nell'allegato è la data di entrata in vigore del presente regolamento.

3.   Le misure di cui al presente regolamento possono essere cumulate con altre misure di sostegno finanziate dal Fondo europeo agricolo di garanzia e dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale.

Articolo 2

Gli Stati membri possono concedere un sostegno supplementare per le misure adottate in applicazione dell'articolo 1 fino a un massimo del 100 % dell'importo corrispondente che figura in allegato, alle stesse condizioni di oggettività e non discriminazione ed evitando distorsioni della concorrenza secondo quanto previsto all'articolo 1.

Gli Stati membri versano il sostegno supplementare al più tardi entro il 30 settembre 2017.

Articolo 3

Gli Stati membri comunicano alla Commissione:

a)

senza indugio e non oltre il 30 novembre 2016:

i)

una descrizione delle misure concrete da adottare;

ii)

i criteri oggettivi utilizzati per determinare i metodi per la concessione dell'aiuto e, se del caso, la giustificazione per destinare l'aiuto a settori zootecnici diversi da quello del latte;

iii)

l'effetto previsto delle misure al fine di stabilizzare il mercato;

iv)

le misure adottate per verificare il raggiungimento dell'effetto previsto;

v)

le misure adottate per evitare distorsioni della concorrenza;

vi)

il livello di sostegno supplementare concesso a norma dell'articolo 2;

b)

non oltre il 15 ottobre 2017, gli importi totali degli aiuti versati per ciascuna misura, il numero e il tipo di beneficiari e la valutazione dell'efficacia della misura.

Articolo 4

Il presente regolamento entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, l'8 settembre 2016

Per la Commissione

Il presidente

Jean-Claude JUNCKER


(1)  GU L 347 del 20.12.2013, pag. 671.

(2)  GU L 347 del 20.12.2013, pag. 549.

(3)  Regolamento delegato (UE) 2016/1612 della Commissione, dell'8 settembre 2016, che istituisce un aiuto per la riduzione della produzione lattiera (cfr. pag. 4 della presente Gazzetta ufficiale).


ALLEGATO

Stato membro

EUR

Belgio

10 979 636

Bulgaria

5 809 941

Repubblica ceca

10 346 106

Danimarca

9 294 305

Germania

57 955 101

Estonia

8 081 123

Irlanda

11 086 327

Grecia

1 683 910

Spagna

14 665 678

Francia

49 900 853

Croazia

1 517 133

Italia

20 942 300

Cipro

297 165

Lettonia

9 760 362

Lituania

13 298 661

Lussemburgo

560 115

Ungheria

9 543 566

Malta

100 092

Paesi Bassi

22 952 419

Austria

5 863 491

Polonia

22 670 129

Portogallo

3 988 059

Romania

10 896 083

Slovenia

1 145 506

Slovacchia

2 062 803

Finlandia

7 521 715

Svezia

6 881 425

Regno Unito

30 195 996


Top