Accept Refuse

EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 22015D2419

Raccomandazione (UE) 2015/2419, del 16 marzo 2015, sull'attuazione dell'agenda di associazione UE-Ucraina

OJ L 333, 19.12.2015, p. 150–151 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, HR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

In force

ELI: http://data.europa.eu/eli/reco/2015/2419/oj

19.12.2015   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 333/150


RACCOMANDAZIONE (UE) 2015/2419

del 16 marzo 2015

sull'attuazione dell'agenda di associazione UE-Ucraina

IL CONSIGLIO DI ASSOCIAZIONE UE-UCRAINA,

visto l'accordo di associazione tra l'Unione europea e la Comunità europea dell'energia atomica e i loro Stati membri, da una parte, e l'Ucraina, dall'altra, in particolare l'articolo 463,

considerando quanto segue:

(1)

A norma dell'articolo 463 dell'accordo di associazione tra l'Unione europea e la Comunità europea dell'energia atomica e i loro Stati membri, da una parte, e l'Ucraina, dall'altra (1) («accordo»), il Consiglio di associazione ha il potere di formulare adeguate raccomandazioni ai fini della realizzazione degli obiettivi stabiliti dall'accordo.

(2)

A norma dell'articolo 476 dell'accordo, le parti adottano ogni misura di natura generale o specifica necessaria per adempiere gli obblighi loro incombenti in forza dell'accordo.

(3)

In attesa della sua entrata in vigore, l'accordo è applicato in via provvisoria a norma della decisione 2014/295/UE del Consiglio (2), della decisione 2014/668/UE del Consiglio (3) e della decisione 2014/691/UE del Consiglio (4).

(4)

Le parti hanno concordato il testo dell'agenda di associazione, che mira a preparare e agevolare l'attuazione dell'accordo attraverso la creazione di un quadro pratico per raggiungere i loro obiettivi generali di associazione politica e di integrazione economica.

(5)

L'agenda di associazione ha il duplice scopo di stabilire misure concrete che consentano alle parti di adempiere gli obblighi previsti nell'accordo e di fornire un contesto più ampio per intensificare ulteriormente le relazioni UE-Ucraina, al fine di imprimere un notevole impulso all'integrazione economica e alla cooperazione politica conformemente all'obiettivo generale dell'accordo,

HA ADOTTATO LA PRESENTE RACCOMANDAZIONE:

Articolo unico

Il Consiglio di associazione raccomanda che le parti attuino l'agenda di associazione UE-Ucraina (5), nella misura in cui tale attuazione è finalizzata al conseguimento degli obiettivi dell'accordo di associazione tra l'Unione europea e la Comunità europea dell'energia atomica e i loro Stati membri, da una parte, e l'Ucraina, dall'altra.

Fatto a Bruxelles, il 16 marzo 2015

Per il Consiglio di associazione

Il presidente

A. YATSENYUK


(1)  GU L 161 del 29.5.2014, pag. 3.

(2)  Decisione 2014/295/UE del Consiglio, del 17 marzo 2014, relativa alla firma, a nome dell'Unione europea, e all'applicazione provvisoria dell'accordo di associazione tra l'Unione europea e la Comunità europea dell'energia atomica e i loro Stati membri, da una parte, e l'Ucraina, dall'altra, per quanto riguarda il preambolo, l'articolo 1 e i titoli I, II e VII (GU L 161 del 29.5.2014, pag. 1).

(3)  Decisione 2014/668/UE del Consiglio, del 23 giugno 2014, relativa alla firma, a nome dell'Unione europea, e all'applicazione provvisoria dell'accordo di associazione tra l'Unione europea e la Comunità europea dell'energia atomica e i loro Stati membri, da una parte, e l'Ucraina, dall'altra, per quanto riguarda il titolo III (fatta eccezione per le disposizioni relative al trattamento di cittadini di paesi terzi legalmente assunti come lavoratori subordinati nel territorio dell'altra parte) e i titoli IV, V, VI e VII dello stesso, nonché i relativi allegati e protocolli (GU L 278 del 20.9.2014, pag. 1).

(4)  Decisione 2014/691/UE del Consiglio, del 29 settembre 2014, che modifica la decisione 2014/668/UE relativa alla firma, a nome dell'Unione europea, e all'applicazione provvisoria dell'accordo di associazione tra l'Unione europea e la Comunità europea dell'energia atomica e i loro Stati membri, da una parte, e l'Ucraina, dall'altra, per quanto riguarda il titolo III (fatta eccezione per le disposizioni relative al trattamento di cittadini di paesi terzi legalmente assunti come lavoratori subordinati nel territorio dell'altra parte) e i titoli IV, V, VI e VII dello stesso, nonché i relativi allegati e protocolli (GU L 289 del 3.10.2014, pag. 1).

(5)  Cfr. il documento st 6978/15 su http://register.consilium.europa.eu


Top