Accept Refuse

EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 62017CN0602

Causa C-602/17: Domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal tribunal de première instance de Liège (Belgio) il 19 ottobre 2017 — Benoît Sauvage, Kristel Lejeune / Stato belga

OJ C 437, 18.12.2017, p. 23–24 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, HR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

18.12.2017   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

C 437/23


Domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal tribunal de première instance de Liège (Belgio) il 19 ottobre 2017 — Benoît Sauvage, Kristel Lejeune / Stato belga

(Causa C-602/17)

(2017/C 437/28)

Lingua processuale: il francese

Giudice del rinvio

Tribunal de première instance de Liège

Parti

Ricorrenti: Benoît Sauvage, Kristel Lejeune

Convenuto: Stato belga

Questione pregiudiziale

Se l’articolo 15, paragrafo 1, della convenzione diretta a evitare la doppia imposizione conclusa tra il Belgio e il Granducato di Lussemburgo in data 17 settembre 1970, interpretato nel senso che permette di limitare il potere impositivo dello Stato della fonte sulle retribuzioni corrisposte a un lavoratore subordinato residente in Belgio che svolge le sue attività per un datore di lavoro lussemburghese proporzionalmente all’attività esercitata sul territorio del Lussemburgo, interpretato nel senso che permette di riconoscere allo Stato di residenza un potere impositivo sulla restante parte delle retribuzioni riferite ad attività svolte al di fuori del territorio lussemburghese, interpretato nel senso che richiede una presenza fisica permanente e quotidiana del lavoratore dipendente presso la sede del datore di lavoro benché, secondo una valutazione giudiziale compiuta in maniera flessibile sulla base di elementi oggettivi e verificabili, non sia contestato che egli ivi si reca regolarmente e interpretato nel senso che richiede agli organi giurisdizionali di valutare l’esistenza e l’importanza delle prestazioni svolte, giorno per giorno, in un luogo o nell’altro, in vista di individuare una proporzione su 220 giorni lavorativi, violi l’articolo 45 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea in quanto costituisce un ostacolo di natura fiscale idoneo a disincentivare le attività transfrontaliere e il principio generale della certezza del diritto poiché non prevede un regime stabile e sicuro di esenzione della totalità delle retribuzioni percepite da un soggetto residente in Belgio alle dipendenze di un datore di lavoro la cui sede di direzione effettiva di trova nel Granducato di Lussemburgo e lo espone al rischio di una doppia imposizione con riferimento a tutti i suoi redditi o a parte di essi e a un regime non prevedibile e privo di ogni certezza del diritto.


Top