Accept Refuse

EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 62016TN0351

Causa T-351/16: Ricorso proposto il 1° luglio 2016 — Belgacom International Career Services/Commissione

OJ C 305, 22.8.2016, p. 49–50 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, HR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

22.8.2016   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

C 305/49


Ricorso proposto il 1o luglio 2016 — Belgacom International Career Services/Commissione

(Causa T-351/16)

(2016/C 305/66)

Lingua processuale: l'inglese

Parti

Ricorrente: Belgacom International Career Services (Bruxelles, Belgio) (rappresentanti: H. Vanhulle, B. van de Walle de Ghelcke, C. Borgers e N. Baeten, avvocati)

Convenuta: Commissione europea

Conclusioni

La ricorrente chiede che il Tribunale voglia:

annullare la decisione della Commissione dell’11 gennaio 2016 sul regime di aiuti di Stato in forma di esenzione degli utili in eccesso SA.37667 (2015/C) (ex 2015/NN) attuato dal Regno del Belgio;

in subordine, annullare gli articoli da 2 a 4 della decisione;

in ogni caso, condannare la Commissione europea alle spese.

Motivi e principali argomenti

A sostegno del ricorso, la ricorrente deduce quattro motivi.

Primo motivo, vertente su un errore di diritto e un errore manifesto di valutazione da parte della Commissione, laddove questa ha individuato la presunta misura di aiuto e l’ha qualificata quale aiuto di Stato ai sensi dell’articolo 1, lettera d), del regolamento del Consiglio n. 2015/1589 (1) e dell’articolo 107 TFUE.

Secondo motivo, vertente sulla violazione da parte della Commissione dell’articolo 107 TFUE e dell’obbligo di motivazione nonché su un errore manifesto di valutazione laddove questa ha ritenuto che il sistema belga di ruling sugli utili in eccesso costituisca una misura di aiuto di Stato.

Terzo motivo, vertente sulla violazione da parte della Commissione dell’articolo 16, paragrafo 1, del regolamento del Consiglio n. 2015/1589 e del principio generale di certezza del diritto e di legittimo affidamento laddove questa ha imposto il recupero del presunto aiuto.

Quarto motivo, vertente sulla violazione dell’articolo 2, paragrafo 6, TFUE, del principio di parità di trattamento e sullo sviamento di potere da parte della Commissione, laddove questa ha fatto ricorso alle regole sugli aiuti di Stato per proibire il sistema belga di ruling sugli utili in eccesso.


(1)  Regolamento (UE) 2015/1589 del Consiglio, del 13 luglio 2015, recante modalità di applicazione dell'articolo 108 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (GU 2015, L 248, pag. 9).


Top