Accept Refuse

EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 62013CA0437

Causa C-437/13: Sentenza della Corte (Sesta Sezione) del 23 ottobre 2014 (domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dallo Hoge Raad der Nederlanden — Paesi Bassi) — Unitrading Ltd/Staatssecretaris van Financiën (Rinvio pregiudiziale — Codice doganale comunitario — Recupero di dazi all’importazione — Origine delle merci — Mezzi probatori — Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea — Articolo 47 — Diritti della difesa — Diritto ad una tutela giurisdizionale effettiva — Autonomia procedurale degli Stati membri)

OJ C 439, 8.12.2014, p. 10–11 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, HR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

8.12.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

C 439/10


Sentenza della Corte (Sesta Sezione) del 23 ottobre 2014 (domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dallo Hoge Raad der Nederlanden — Paesi Bassi) — Unitrading Ltd/Staatssecretaris van Financiën

(Causa C-437/13) (1)

((Rinvio pregiudiziale - Codice doganale comunitario - Recupero di dazi all’importazione - Origine delle merci - Mezzi probatori - Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea - Articolo 47 - Diritti della difesa - Diritto ad una tutela giurisdizionale effettiva - Autonomia procedurale degli Stati membri))

(2014/C 439/14)

Lingua processuale: l’olandese

Giudice del rinvio

Hoge Raad der Nederlanden

Parti

Ricorrente: Unitrading Ltd

Convenuto: Staatssecretaris van Financiën

Dispositivo

1)

L’articolo 47 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea va interpretato nel senso che non osta a che la prova dell’origine delle merci importate, prodotta dalle autorità doganali sul fondamento del diritto processuale nazionale, si fondi sui risultati di analisi effettuate da un terzo, con riguardo alle quali il terzo rifiuti di fornire informazioni complementari, vuoi alle autorità doganali o al dichiarante in dogana, con la conseguenza di ostacolare o di rendere impossibile la verifica o la confutazione dell’esattezza delle conclusioni utilizzate, sempre che i principi di effettività e di equivalenza siano rispettati. Spetta al giudice nazionale accertare se ciò si sia verificato nel procedimento principale.

2)

In un caso come quello oggetto del procedimento principale, e a voler ritenere che le autorità doganali non siano in grado di fornire indicazioni complementari quanto alle analisi in parola, la questione se le autorità doganali debbano dare risposta affermativa alla domanda dell’interessato di far eseguire, a sue spese, analisi nel paese dichiarato quale paese di origine, nonché la questione se rilevi che siano state conservate per un certo periodo parti dei campioni delle merci, che l’interessato avrebbe potuto utilizzare per far effettuare verifiche ad un laboratorio diverso e, nell’ipotesi affermativa, se le autorità doganali debbano informare l’interessato dell’esistenza di sottocampioni di merci conservati e del fatto che può chiedere di disporne ai fini di dette verifiche vanno valutate sul fondamento del diritto processuale nazionale.


(1)  GU C 325 del 9.11.2013.


Top