Accept Refuse

EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 62014CN0402

Causa C-402/14: Domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal Dioikitiko Efeteio Athinon (Grecia) il 22 agosto 2014 — Viamar — Elliniki Aftokiniton kai Genikon Epicheiriseon Anonymi Etaireia/Elliniko Dimosio

OJ C 380, 27.10.2014, p. 4–4 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, HR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

27.10.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

C 380/4


Domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal Dioikitiko Efeteio Athinon (Grecia) il 22 agosto 2014 — Viamar — Elliniki Aftokiniton kai Genikon Epicheiriseon Anonymi Etaireia/Elliniko Dimosio

(Causa C-402/14)

2014/C 380/04

Lingua processuale: il greco

Giudice del rinvio

Dioikitiko Efeteio Athinon

Parti

Ricorrente: Viamar — Elliniki Aftokiniton kai Genikon Epicheiriseon Anonymi Etaireia

Resistente: Elliniko Dimosio (Stato ellenico)

Questioni pregiudiziali

1)

Se la disposizione dell’articolo 1, paragrafo 3, della direttiva 2008/118/CE (1) del 16 dicembre 2008, sia giuridicamente sufficiente e perfetta/incondizionata e sufficientemente chiara sicché, nonostante il mancato recepimento di tale specifica disposizione della direttiva nell’ordinamento giuridico interno dello Stato membro/dello Stato ellenico, essa ha un effetto diretto e può essere invocata da un privato, che ne trae diritti, dinanzi ai giudici nazionali e questi ultimi devono tenerne conto.

2)

In ogni caso, se le disposizioni dell’articolo 130, paragrafo 5, del codice doganale nazionale, in combinato disposto con quelle dell’articolo 128, paragrafo 1, dello stesso codice, secondo cui il certificato di sdoganamento dei veicoli comunitari importati all’interno del territorio nazionale viene rilasciato dopo la riscossione della tassa di immatricolazione, il cui obbligo di pagamento sorge quando tali veicoli entrano nel territorio nazionale, siano conformi alle disposizioni dell’articolo 3, lettera c) del Trattato CEE, che sanciscono l’eliminazione degli ostacoli, tra gli Stati membri, alla libera circolazione delle merci.


(1)  Direttiva 2008/118/CE del Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativa al regime generale delle accise e che abroga la direttiva 92/12/CEE (GU L 9 del 14.1.2009, pag. 12).


Top