EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 62014TN0376

Causa T-376/14: Ricorso proposto il 30 maggio 2014 — Yassin/Consiglio

OJ C 245, 28.7.2014, p. 26–27 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, HR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

28.7.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

C 245/26


Ricorso proposto il 30 maggio 2014 — Yassin/Consiglio

(Causa T-376/14)

2014/C 245/35

Lingua processuale: il francese

Parti

Ricorrente: Khadiga Ahmed Ahmed Kamel Yassin (Il Cairo, Egitto) (rappresentanti: J.-F. Bellis, R. Luff, A. Bailleux, Q. Declève, P. Vovan, S. Rowe e A. Yehia, avvocati)

Convenuto: Consiglio dell’Unione europea

Conclusioni

La ricorrente chiede che il Tribunale voglia:

dichiarare il ricorso ricevibile e fondato;

annullare la decisione 2014/153, nella parte in cui proroga, fino al 22 marzo 2015, le misure restrittive nei confronti della ricorrente contenute nella decisione 2011/172/PESC concernente misure restrittive nei confronti di determinate persone, entità ed organismi in considerazione della situazione in Egitto;

condannare il Consiglio dell’Unione europea al pagamento delle spese processuali.

Motivi e principali argomenti

A sostegno del ricorso, la ricorrente deduce cinque motivi che sono essenzialmente identici o simili a quelli dedotti nell’ambito della causa T-375/14, Al Naggar/Consiglio.


Top