EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 32005D0926

2005/926/CE: Decisione della Commissione, del 21 dicembre 2005 , che introduce misure integrative di lotta contro le infezioni da virus dell’influenza aviaria a bassa patogenicità in Italia e abroga la decisione 2004/666/CE [notificata con il numero C(2005) 5566] (Testo rilevante ai fini del SEE)

OJ L 349M , 12.12.2006, p. 697–707 (MT)
OJ L 337, 22.12.2005, p. 60–70 (ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, IT, LV, LT, HU, NL, PL, PT, SK, SL, FI, SV)
Special edition in Bulgarian: Chapter 03 Volume 067 P. 258 - 268
Special edition in Romanian: Chapter 03 Volume 067 P. 258 - 268

No longer in force, Date of end of validity: 23/09/2007; abrogato da 32007D0638

ELI: http://data.europa.eu/eli/dec/2005/926/oj

22.12.2005   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 337/60


DECISIONE DELLA COMMISSIONE

del 21 dicembre 2005

che introduce misure integrative di lotta contro le infezioni da virus dell’influenza aviaria a bassa patogenicità in Italia e abroga la decisione 2004/666/CE

[notificata con il numero C(2005) 5566]

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(2005/926/CE)

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

vista la direttiva 89/662/CEE del Consiglio, dell’11 dicembre 1989, relativa ai controlli veterinari applicabili negli scambi intracomunitari, nella prospettiva della realizzazione del mercato interno (1), in particolare l’articolo 9, paragrafo 4,

vista la direttiva 90/425/CEE del Consiglio, del 26 giugno 1990, relativa ai controlli veterinari e zootecnici applicabili agli scambi intracomunitari di taluni animali vivi e prodotti di origine animale, nella prospettiva della realizzazione del mercato interno (2), in particolare l’articolo 10, paragrafo 4,

vista la direttiva 92/40/CEE del Consiglio, del 19 maggio 1992, che istituisce delle misure comunitarie di lotta contro l’influenza aviaria (3), in particolare l’articolo 16,

vista la direttiva 2002/99/CE del Consiglio, del 16 dicembre 2002, che stabilisce norme di polizia sanitaria per la produzione, la trasformazione, la distribuzione e l’introduzione di prodotti di origine animale destinati al consumo umano (4), in particolare l’articolo 4, paragrafo 3, e l’articolo 13, paragrafo 3,

considerando quanto segue:

(1)

Ai sensi della decisione 2002/975/CE della Commissione, del 12 dicembre 2002, relativa all’introduzione della vaccinazione ad integrazione delle misure di lotta contro le infezioni da virus dell’influenza aviaria a bassa patogenicità in Italia e recante misure specifiche di controllo dei movimenti (5), in alcune zone dell’Italia settentrionale è stato condotto un programma di vaccinazione per contrastare le infezioni da virus dell’influenza aviaria a bassa patogenicità del sottotipo H7N3. È stata applicata una strategia di vaccinazione «DIVA» (Differentiating Infected from Vaccinated Animals) utilizzando un vaccino eterologo ottenuto dal virus del sottotipo H7N1, che consente di distinguere i volatili infetti da quelli vaccinati.

(2)

Ai sensi della decisione 2004/666/CE della Commissione, del 29 settembre 2004, relativa all’introduzione della vaccinazione ad integrazione delle misure di lotta contro le infezioni da virus dell’influenza aviaria a bassa patogenicità in Italia e recante misure specifiche di controllo dei movimenti, che abroga la decisione 2002/975/CE (6), è stato approvato un nuovo programma di vaccinazione che copre una zona di territorio italiano più ristretta rispetto a quella della campagna di vaccinazione precedente effettuata a titolo della decisione 2002/975/CE. Il nuovo programma utilizza il vaccino bivalente che contiene i sottotipi H5 e H7 del virus dell’influenza aviaria. Questo tipo di vaccinazione è praticato almeno fino al 31 dicembre 2005. Suddetta decisione prevede inoltre il divieto degli scambi intracomunitari di volatili da cortile vivi e di uova da cova che provengono e/o originano dalla zona di vaccinazione e stabilisce le condizioni per gli scambi intracomunitari di carni fresche di pollame vaccinato in conformità dell’articolo 3 della decisione 2004/666/CE.

(3)

I risultati del programma di vaccinazione, di cui alla decisione 2004/666/CE e resi noti in diverse riunioni del comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali, sono stati in generale favorevoli.

(4)

Data la situazione favorevole all’interno della zona di vaccinazione di cui alla decisione 2004/666/CE e alla luce dell’esperienza acquisita nella somministrazione della vaccinazione, dovrebbe essere consentito che i volatili da cortile destinati alla macellazione, le uova da cova e i pulcini di un giorno lascino il territorio italiano, purché siano soddisfatte determinate condizioni.

(5)

Poiché le zone italiane in questione sono particolarmente soggette al rischio d’introduzione dell’influenza aviaria e dato che l’Italia ha richiesto, con lettera del 23 giugno 2005, l’approvazione di un programma di vaccinazione modificato, pare opportuno continuare la vaccinazione nelle zone in cui vi è un rischio maggiore che la malattia venga introdotta. Si dovrebbe inoltre eseguire un monitoraggio e una sorveglianza intensivi sia nella zona di vaccinazione che nelle zone confinanti.

(6)

Si dovrebbero applicare procedure speciali di campionamento e analisi anche ai volatili da cortile destinati ad essere macellati.

(7)

Per fini di chiarezza della normativa comunitaria è opportuno abrogare la decisione 2004/666/CE della Commissione e sostituirla con la presente decisione.

(8)

Le misure previste dalla presente decisione sono conformi al parere del comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

Approvazione del programma di vaccinazione

1.   Il programma modificato di vaccinazione contro l’influenza aviaria, presentato dall’Italia alla Commissione il 23 giugno 2005, è approvato (di seguito «il programma di vaccinazione»).

Il programma di vaccinazione si pratica con un vaccino bivalente nelle zone di cui all’allegato I (di seguito «la zona di vaccinazione»). Il programma di vaccinazione è realizzato in maniera efficace.

2.   La sorveglianza e i monitoraggi intensivi contemplati nel programma di vaccinazione sono effettuati nella zona di vaccinazione e nelle zone di cui all’allegato III.

Articolo 2

Restrizioni ai movimenti di volatili da cortile vivi, uova da cova, pulcini di un giorno e carni fresche di pollame

Le restrizioni ai movimenti di volatili da cortile vivi, uova da cova, pulcini di un giorno e carne fresca di pollame da, verso e dentro la zona di vaccinazione e dalle aziende situate nella zona soggetta a limitazioni stabilita conformemente alle disposizioni contenute nel programma di vaccinazione si applicano in conformità degli articoli da 3 a 9 della presente decisione.

Articolo 3

Restrizioni alla spedizione di volatili da cortile vivi, uova da cova e pulcini di un giorno

È vietata la spedizione dall’Italia di volatili da cortile vivi, delle uova da cova e dei pulcini di un giorno che provengono e/o originano da aziende situate nella zona di vaccinazione o nella zona soggetta a restrizioni stabilita conformemente alle disposizioni contenute nel programma di vaccinazione.

Articolo 4

Deroga alle restrizioni alla spedizione di volatili da cortile destinati alla macellazione

1.   In deroga all’articolo 3, i volatili da cortile destinati alla macellazione che provengono e/o sono originari da aziende situate nella zona di vaccinazione possono essere spediti dall’Italia a condizione che:

a)

provengano da aziende non situate in una zona soggetta a restrizioni stabilita conformemente alle disposizioni contenute nel programma di vaccinazione;

b)

originino da gruppi che sono stati regolarmente ispezionati e sottoposti con esito negativo ad un test per l’individuazione dell’influenza aviaria, prestando particolare attenzione ai volatili sentinella;

c)

originino da gruppi che sono stati sottoposti ad ispezione clinica da parte di un veterinario ufficiale nelle 48 ore precedenti il carico, prestando particolare attenzione ai volatili sentinella;

d)

originino da gruppi che sono stati sottoposti con esito negativo ad un test sierologico presso il laboratorio nazionale per l’influenza aviaria, conformemente alla procedura di campionamento e d’analisi prevista all’allegato II della presente decisione;

e)

siano inviati direttamente a un macello e macellati immediatamente dopo l’arrivo.

2.   Per esaminare i gruppi di cui al paragrafo 1, lettera b), si utilizzano i seguenti test:

a)

per i volatili vaccinati, il test di immunofluorescenza indiretta (test iIFA);

b)

per i volatili non vaccinati:

i)

il test di inibizione dell’emoagglutinazione (HI);

ii)

il test AGID;

iii)

il test ELISA; oppure

iv)

il test iIFA, se del caso.

Articolo 5

Deroga alle restrizioni alla spedizione di uova da cova

In deroga all’articolo 3, le uova da cova che provengono e/o originano da aziende situate nella zona di vaccinazione possono essere spedite dall’Italia a condizione che:

a)

provengano da aziende non situate in una zona soggetta a restrizioni stabilita conformemente alle disposizioni contenute nel programma di vaccinazione;

b)

originino da gruppi di volatili che sono stati regolarmente ispezionati e sottoposti con esito negativo ai test per l’individuazione dell’influenza aviaria indicati all’articolo 4, paragrafo 2;

c)

siano disinfettate prima di lasciare l’azienda;

d)

siano trasportate direttamente all’incubatoio di destinazione;

e)

l’incubatoio di destinazione possa garantire la tracciabilità delle uova da cova mediante la registrazione dell’azienda d’origine delle uova e dell’azienda di destinazione dei pulcini di un giorno nati da tali uova.

Articolo 6

Deroga alle restrizioni alla spedizione di pulcini di un giorno

In deroga all’articolo 3, i pulcini di un giorno che provengono e/o originano da aziende situate nella zona di vaccinazione possono essere spediti dall’Italia a condizione che originino da uova da cova conformi alle disposizioni dell’articolo 5.

Articolo 7

Certificati di polizia sanitaria per le partite di volatili da cortile vivi, uova da cova e pulcini di un giorno

I certificati di polizia sanitaria che scortano le partite di volatili da cortile vivi, uova da cova e pulcini di un giorno provenienti dall’Italia recano la seguente dicitura: «Le condizioni di polizia sanitaria della presente partita sono conformi alla decisione 2005/926/CE della Commissione.»

Articolo 8

Restrizione alla spedizione e alla bollatura speciale delle carni fresche di pollame

1.   Le carni fresche di pollame di cui all’articolo 2 sono bollate in conformità del paragrafo 2 e non sono spedite dall’Italia se ottenute da:

a)

volatili originari di aziende situate in una zona soggetta a restrizioni stabilita conformemente alle disposizioni contenute nel programma di vaccinazione;

b)

volatili vaccinati contro l’influenza aviaria;

c)

volatili provenienti da gruppi sieropositivi all’influenza aviaria destinati alla macellazione sotto controllo ufficiale conformemente al programma di vaccinazione.

2.   Le carni fresche di pollame di cui al paragrafo 1 recano uno speciale bollo sanitario o identificativo che non deve essere confuso con il bollo sanitario di cui all’allegato I, capitolo XII, della direttiva 71/118/CEE del Consiglio (7) e, in particolare, non è di forma ovale. Il bollo contiene il numero di riconoscimento dell’azienda ma non le lettere C.E.

Articolo 9

Deroga alle restrizioni alla spedizione di carni fresche di pollame

In deroga all’articolo 8, paragrafo 1, lettera b), e all’articolo 8, paragrafo 2, le carni fresche ottenute da tacchini e polli vaccinati contro l’influenza aviaria con un vaccino eterologo dei sottotipi (H7N1) e (H5N9) possono essere spedite dall’Italia, a condizione che tali carni provengano da tacchini e polli che:

a)

originino da gruppi che sono stati regolarmente ispezionati e sottoposti con esito negativo ad un test per l’individuazione dell’influenza aviaria, prestando particolare attenzione ai volatili sentinella;

b)

originino da gruppi che sono stati sottoposti ad ispezione clinica da parte di un veterinario ufficiale nelle 48 ore precedenti il carico, prestando particolare attenzione ai volatili sentinella;

c)

originino da gruppi che sono stati sottoposti con esito negativo ad un test sierologico presso il laboratorio nazionale per l’influenza aviaria, conformemente alla procedura di campionamento e d’analisi prevista all’allegato II della presente decisione;

d)

provengano da gruppi che sono stati sottoposti con esito negativo ai test per l’individuazione dell’influenza aviaria indicati all’articolo 4, paragrafo 2;

e)

siano tenuti separati da altri gruppi non conformi alle disposizioni del presente articolo;

f)

siano inviati direttamente a un macello e macellati immediatamente dopo l’arrivo.

Articolo 10

Certificato sanitario per carni fresche di tacchini e polli

Le carni fresche di tacchino e di pollo che soddisfano le condizioni di cui all’articolo 9 sono accompagnate da un certificato sanitario conforme al modello di cui all’allegato VI della direttiva 71/118/CEE, che include al punto IV, lettera a), la seguente attestazione del veterinario ufficiale:

«Le carni di tacchino/pollo (8) sopra descritte sono conformi alla decisione 2005/926/CE della Commissione.

Articolo 11

Lavaggio e disinfezione di imballaggi e mezzi di trasporto

Le autorità italiane provvedono affinché nella zona di vaccinazione indicata nell’allegato I:

a)

per la raccolta, il magazzinaggio ed il trasporto di uova da cova e pulcini di un giorno siano utilizzati esclusivamente imballaggi a perdere o imballaggi che possono essere debitamente lavati e disinfettati;

b)

tutti i mezzi utilizzati per trasportare volatili da cortile vivi, uova da cova, pulcini di un giorno, carni fresche di pollame e mangime siano puliti e disinfettati immediatamente prima e dopo ogni trasporto con disinfettanti e secondo metodi approvati dall’autorità competente.

Articolo 12

Relazioni

Le autorità italiane presentano alla Commissione una relazione recante informazioni sull’efficacia del programma di vaccinazione entro sei mesi dalla data di applicazione della presente decisione e successivamente ogni sei mesi.

Articolo 13

Abrogazione

La decisione 2004/666/CE è abrogata.

Articolo 14

Applicabilità

La presente decisione si applica a decorrere dal decimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Articolo 15

Destinatari

Gli Stati membri sono destinatari della presente decisione.

Fatto a Bruxelles, il 21 dicembre 2005.

Per la Commissione

Markos KYPRIANOU

Membro della Commissione


(1)  GU L 395 del 30.12.1989, pag. 13. Direttiva modificata da ultimo dalla direttiva 2004/41/CE del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 157 del 30.4.2004, pag. 33; rettifica nella GU L 195 del 2.6.2004, pag. 12).

(2)  GU L 224 del 18.8.1990, pag. 29. Direttiva modificata da ultimo dalla direttiva 2002/33/CE del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 315 del 19.11.2002, pag. 14).

(3)  GU L 167 del 22.6.1992, pag. 1. Direttiva modificata da ultimo dall’atto di adesione del 2003.

(4)  GU L 18 del 23.1.2003, pag. 11.

(5)  GU L 337 del 13.12.2002, pag. 87. Decisione modificata da ultimo dalla decisione 2004/159/CE (GU L 50 del 20.2.2004, pag. 63).

(6)  GU L 303 del 30.9.2004, pag. 35. Decisione modificata da ultimo dalla decisione 2005/10/CE (GU L 4 del 6.1.2005, pag. 15).

(7)  GU L 55 dell’8.3.1971, pag. 23.

(8)  Cancellare la dicitura non pertinente.».


ALLEGATO I

ZONA DI VACCINAZIONE IN CUI LA VACCINAZIONE È PRATICATA CON VACCINO BIVALENTE

Regione Veneto

Provincia di Verona

ALBAREDO D'ADIGE

 

ANGIARI

 

ARCOLE

 

BELFIORE

 

BONAVIGO

 

BOVOLONE

 

BUTTAPIETRA

 

CALDIERO

zona a sud dell’autostrada A4

CASALEONE

 

CASTEL D'AZZANO

 

CASTELNUOVO DEL GARDA

zona a sud dell’autostrada A4

CEREA

 

COLOGNA VENETA

 

COLOGNOLA AI COLLI

zona a sud dell’autostrada A4

CONCAMARISE

 

ERBÈ

 

GAZZO VERONESE

 

ISOLA DELLA SCALA

 

ISOLA RIZZA

 

LAVAGNO

zona a sud dell’autostrada A4

MINERBE

 

MONTEFORTE D'ALPONE

zona a sud dell’autostrada A4

MOZZECANE

 

NOGARA

 

NOGAROLE ROCCA

 

OPPEANO

 

PALÙ

 

PESCHIERA DEL GARDA

zona a sud dell’autostrada A4

POVEGLIANO VERONESE

 

PRESSANA

 

RONCO ALL'ADIGE

 

ROVERCHIARA

 

ROVEREDO DI GUÀ

 

SALIZZOLE

 

SAN BONIFACIO

zona a sud dell’autostrada A4

SAN GIOVANNI LUPATOTO

zona a sud dell’autostrada A4

SANGUINETTO

 

SAN MARTINO BUON ALBERGO

zona a sud dell’autostrada A4

SAN PIETRO DI MORUBIO

 

SOAVE

zona a sud dell’autostrada A4

SOMMACAMPAGNA

zona a sud dell’autostrada A4

SONA

zona a sud dell’autostrada A4

SORGÀ

 

TREVENZUOLO

 

VALEGGIO SUL MINCIO

 

VERONA

zona a sud dell’autostrada A4

VERONELLA

 

VIGASIO

 

VILLAFRANCA DI VERONA

 

ZEVIO

 

ZIMELLA

 


Regione Lombardia

Provincia di Brescia

ACQUAFREDDA

 

ALFIANELLO

 

BAGNOLO MELLA

 

BASSANO BRESCIANO

 

BORGOSATOLLO

 

BRESCIA

zona a sud dell’autostrada A4

CALCINATO

zona a sud dell’autostrada A4

CALVISANO

 

CAPRIANO DEL COLLE

 

CARPENEDOLO

 

CASTENEDOLO

zona a sud dell’autostrada A4

CIGOLE

 

DELLO

 

DESENZANO DEL GARDA

zona a sud dell’autostrada A4

FIESSE

 

FLERO

 

GAMBARA

 

GHEDI

 

GOTTOLENGO

 

ISORELLA

 

LENO

 

LONATO

zona a sud dell’autostrada A4

MANERBIO

 

MILZANO

 

MONTICHIARI

 

MONTIRONE

 

OFFLAGA

 

PAVONE DEL MELLA

 

PONCARALE

 

PONTEVICO

 

POZZOLENGO

zona a sud dell’autostrada A4

PRALBOINO

 

QUINZANO D'OGLIO

 

REMEDELLO

 

REZZATO

zona a sud dell’autostrada A4

SAN GERVASIO BRESCIANO

 

SAN ZENO NAVIGLIO

 

SENIGA

 

VEROLANUOVA

 

VEROLAVECCHIA

 

VISANO

 

Provincia di Mantova

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE

 

CAVRIANA

 

CERESARA

 

GOITO

 

GUIDIZZOLO

 

MARMIROLO

 

MEDOLE

 

MONZAMBANO

 

PONTI SUL MINCIO

 

ROVERBELLA

 

SOLFERINO

 

VOLTA MANTOVANA

 


ALLEGATO II

PROCEDURA DI CAMPIONAMENTO E DI ANALISI

1.   Introduzione e obiettivo generale

Il test di immunofluorescenza indiretta (test iIFA) è mirato a distinguere i tacchini ed i polli vaccinati/esposti al ceppo selvatico da quelli vaccinati/non esposti al ceppo selvatico nel quadro di una strategia di vaccinazione «DIVA» (Differentiating Infected from Vaccinated Animals = distinzione degli animali infetti da quelli vaccinati) utilizzando un vaccino eterologo ottenuto da un sottotipo del virus selvatico.

2.   Uso del test ai fini della spedizione di carni fresche di tacchino e di pollo dalla zona di vaccinazione in Italia

Le carni provenienti da gruppi di tacchini e polli vaccinati contro l’influenza aviaria possono essere spedite dall’Italia a condizione che, nel caso di animali tenuti nello stesso edificio, i campioni ematici siano stati prelevati dall’ufficiale veterinario nei sette giorni precedenti la macellazione da almeno 10 tacchini o polli vaccinati destinati alla macellazione.

Nel caso in cui i volatili siano tenuti in più di un gruppo o capannone, occorre procedere ad una selezione casuale di almeno 20 animali vaccinati da tutti i gruppi o capannoni dell’allevamento.

3.   Uso del test ai fini della spedizione di volatili destinati alla macellazione dalla zona di vaccinazione in Italia

I volatili destinati alla macellazione originari della zona di vaccinazione possono essere spediti dall’Italia a condizione che, nel caso di animali tenuti nello stesso edificio, i campioni ematici siano stati prelevati dall’ufficiale veterinario nei sette giorni precedenti la spedizione da almeno 10 volatili destinati alla macellazione. Nel caso in cui i volatili siano tenuti in più di un gruppo o capannone, occorre procedere ad una selezione casuale di almeno 20 animali da tutti i gruppi o capannoni dell’allevamento.


ALLEGATO III

ZONE CONFINANTI CON LA ZONA DI VACCINAZIONE IN CUI SI ESEGUONO MONITORAGGI E SORVEGLIANZA INTENSIVI

Regione Lombardia

Provincia di Bergamo

ANTEGNATE

 

BAGNATICA

zona a sud dell’autostrada A4

BARBATA

 

BARIANO

 

BOLGARE

zona a sud dell’autostrada A4

CALCINATE

 

CALCIO

 

CASTELLI CALEPIO

zona a sud dell’autostrada A4

CAVERNAGO

 

CIVIDATE AL PIANO

 

COLOGNO AL SERIO

 

CORTENUOVA

 

COSTA DI MEZZATE

zona a sud dell’autostrada A4

COVO

 

FARA OLIVANA CON SOLA

 

FONTANELLA

 

GHISALBA

 

GRUMELLO DEL MONTE

zona a sud dell’autostrada A4

ISSO

 

MARTINENGO

 

MORENGO

 

MORNICO AL SERIO

 

PAGAZZANO

 

PALOSCO

 

PUMENENGO

 

ROMANO DI LOMBARDIA

 

SERIATE

zona a sud dell’autostrada A4

TELGATE

zona a sud dell’autostrada A4

TORRE PALLAVICINA

 

Provincia di Brescia

AZZANO MELLA

 

BARBARIGA

 

BASSANO BRESCIANO

 

BERLINGO

 

BORGO SAN GIACOMO

 

BRANDICO

 

CASTEGNATO

zona a sud dell’autostrada A4

CASTEL MELLA

 

CASTELCOVATI

 

CASTREZZATO

 

CAZZAGO SAN MARTINO

zona a sud dell’autostrada A4

CHIARI

 

COCCAGLIO

 

COLOGNE

 

COMEZZANO-CIZZAGO

 

CORZANO

 

ERBUSCO

zona a sud dell’autostrada A4

LOGRATO

 

LONGHENA

 

MACLODIO

 

MAIRANO

 

ORZINUOVI

 

ORZIVECCHI

 

OSPITALETTO

zona a sud dell’autostrada A4

PALAZZOLO SULL'OGLIO

zona a sud dell’autostrada A4

POMPIANO

 

PONTOGLIO

 

ROCCAFRANCA

 

RONCADELLE

zona a sud dell’autostrada A4

ROVATO

zona a sud dell’autostrada A4

RUDIANO

 

SAN PAOLO

 

TORBOLE CASAGLIA

 

TRAVAGLIATO

 

TRENZANO

 

URAGO D'OGLIO

 

VILLACHIARA

 

Provincia di Cremona

CAMISANO

 

CASALE CREMASCO-VIDOLASCO

 

CASALETTO DI SOPRA

 

CASTEL GABBIANO

 

SONCINO

 

Provincia di Mantova

ACQUANEGRA SUL CHIESE

 

ASOLA

 

BIGARELLO

 

CANNETO SULL'OGLIO

 

CASALMORO

 

CASALOLDO

 

CASALROMANO

 

CASTEL D'ARIO

 

CASTEL GOFFREDO

 

CASTELBELFORTE

 

GAZOLDO DEGLI IPPOLITI

 

MARIANA MANTOVANA

 

PIUBEGA

 

PORTO MANTOVANO

 

REDONDESCO

 

RODIGO

 

RONCOFERRARO

 

SAN GIORGIO DI MANTOVA

 

VILLIMPENTA

 


Regione Veneto

Provincia di Padova

CARCERI

 

CASALE DI SCODOSIA

 

ESTE

 

LOZZO ATESTINO

 

MEGLIADINO SAN FIDENZIO

 

MEGLIADINO SAN VITALE

 

MONTAGNANA

 

OSPEDALETTO EUGANEO

 

PONSO

 

SALETTO

 

SANTA MARGHERITA D’ADIGE

 

URBANA

 

Provincia di Verona

BEVILACQUA

 

BOSCHI SANT'ANNA

 

BUSSOLENGO

 

PESCANTINA

 

SOMMACAMPAGNA

zona a nord dell’autostrada A4

SONA

zona a nord dell’autostrada A4

Provincia di Vicenza

AGUGLIARO

 

ALBETTONE

 

ALONTE

 

ASIGLIANO VENETO

 

BARBARANO VICENTINO

 

CAMPIGLIA DEI BERICI

 

CASTEGNERO

 

LONIGO

 

MONTEGALDA

 

MONTEGALDELLA

 

MOSSANO

 

NANTO

 

NOVENTA VICENTINA

 

ORGIANO

 

POIANA MAGGIORE

 

SAN GERMANO DEI BERICI

 

SOSSANO

 

VILLAGA

 


Top