EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 32002D0547

2002/547/CE: Decisione della Commissione, del 5 luglio 2002, concernente l'aiuto finanziario della Comunità all'espletamento delle mansioni di alcuni laboratori comunitari di riferimento nel settore della sanità pubblica veterinaria (residui) [notificata con il numero C(2002) 2524]

OJ L 179, 9.7.2002, p. 28–29 (ES, DA, DE, EL, EN, FR, IT, NL, PT, FI, SV)

No longer in force, Date of end of validity: 31/12/2002

ELI: http://data.europa.eu/eli/dec/2002/547/oj

32002D0547

2002/547/CE: Decisione della Commissione, del 5 luglio 2002, concernente l'aiuto finanziario della Comunità all'espletamento delle mansioni di alcuni laboratori comunitari di riferimento nel settore della sanità pubblica veterinaria (residui) [notificata con il numero C(2002) 2524]

Gazzetta ufficiale n. L 179 del 09/07/2002 pag. 0028 - 0029


Decisione della Commissione

del 5 luglio 2002

concernente l'aiuto finanziario della Comunità all'espletamento delle mansioni di alcuni laboratori comunitari di riferimento nel settore della sanità pubblica veterinaria (residui)

[notificata con il numero C(2002) 2524]

(I testi in lingua tedesca, francese, italiana e olandese sono i soli facenti fede)

(2002/547/CE)

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

vista la decisione 90/424/CEE del Consiglio, del 26 giugno 1990, relativa a talune spese nel settore veterinario(1), modificata da ultimo dalla decisione 2001/572/CE(2), in particolare l'articolo 28, paragrafo 2,

considerando quanto segue:

(1) È opportuno prevedere un aiuto finanziario della Comunità ai laboratori comunitari di riferimento che sono stati designati a livello comunitario per svolgere le funzioni e i compiti previsti dalla direttiva 96/23/CE del Consiglio, del 29 aprile 1996, concernente le misure di controllo su talune sostanze e sui loro residui negli animali vivi e nei loro prodotti(3).

(2) Il finanziamento è concesso a condizione che le azioni pianificate siano svolte correttamente e che le autorità forniscano tutte le informazioni necessarie rispettando i termini temporali stabiliti.

(3) Per motivi di bilancio, l'aiuto comunitario deve essere concesso per un periodo di un anno, sebbene, per adattare il periodo finanziario all'anno solare, le sovvenzioni concesse per il prossimo periodo copriranno eccezionalmente 6 mesi.

(4) A norma dell'articolo 3, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 1258/1999 del Consiglio, del 17 maggio 1999, relativo al finanziamento della politica agricola comune(4), le misure veterinarie e fitosanitarie eseguite secondo le norme comunitarie sono finanziate dalla sezione garanzia del Fondo europeo agricolo di orientamento e di garanzia. Per motivi di controllo finanziario, si applicano gli articoli 8 e 9 del regolamento (CE) n. 1258/1999.

(5) Le disposizioni previste dalla presente decisione sono conformi al parere del comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE:

Articolo 1

1. La Comunità concede ai Paesi Bassi un aiuto finanziario destinato al Rijksinstituut voor Volksgezondheid en Milieuhygiëne di Bilthoven, per svolgere le funzioni e i compiti di cui all'allegato V, capitolo 2, della direttiva 96/23/CE per la determinazione dei residui di talune sostanze.

2. L'aiuto finanziario della Comunità è fissato a un massimo di 200000 EUR per il periodo dal 1o luglio al 31 dicembre 2002.

Articolo 2

1. La Comunità concede alla Francia un aiuto finanziario destinato al Laboratoire de l'Agence française de sécurité sanitaire des aliments (precedentemente Laboratoire des médicaments vétérinaires) di Fougères, per svolgere le funzioni e i compiti di cui all'allegato V, capitolo 2, della direttiva 96/23/CE per la determinazione dei residui di talune sostanze.

2. L'aiuto finanziario della Comunità è fissato a un massimo di 200000 EUR per il periodo dal 1o luglio al 31 dicembre 2002.

Articolo 3

1. La Comunità concede alla Germania un aiuto finanziario destinato al Bundesinstitut für Gesundheitlichen Verbraucherschutz und Veterinärmedizin (precedentemente Institut für Veterinärmedizin) di Berlino, per svolgere le funzioni e i compiti di cui all'allegato V, capitolo 2, della direttiva 96/23/CE per la determinazione dei residui di talune sostanze.

2. L'aiuto finanziario della Comunità è fissato a un massimo di 200000 EUR per il periodo dal 1o luglio al 31 dicembre 2002.

Articolo 4

1. La Comunità concede all'Italia un aiuto finanziario destinato all'Istituto superiore di sanità di Roma, per svolgere le funzioni e i compiti di cui all'allegato V, capitolo 2, della direttiva 96/23/CE per la determinazione dei residui di talune sostanze.

2. L'aiuto finanziario della Comunità è fissato a un massimo di 200000 EUR per il periodo dal 1o luglio al 31 dicembre 2002.

Articolo 5

L'aiuto finanziario della Comunità è concesso secondo le seguenti modalità:

a) 70 % degli importi summenzionati a titolo di anticipo su richiesta dello Stato membro beneficiario;

b) il saldo previa presentazione, al più tardi entro tre mesi dalla fine del periodo per il quale è stato concesso l'aiuto finanziario, dei documenti giustificativi e della relazione tecnica da parte dello Stato membro beneficiario;

c) il finanziamento è concesso a condizione che le azioni pianificate siano svolte correttamente e che le autorità forniscano tutte le informazioni necessarie rispettando i termini temporali stabiliti;

d) qualora i termini non siano rispettati, l'aiuto finanziario subirà una riduzione del 25 % il 1o maggio, del 50 % il 1o giugno, del 75 % il 1o luglio e del 100 % il 1o settembre.

Articolo 6

La Repubblica federale di Germania, la Repubblica francese, la Repubblica italiana e il Regno dei Paesi Bassi sono destinatari della presente decisione.

Fatto a Bruxelles, il 5 luglio 2002.

Per la Commissione

David Byrne

Membro della Commissione

(1) GU L 224 del 18.8.1990, pag. 19.

(2) GU L 203 del 28.7.2001, pag. 16.

(3) GU L 125 del 23.5.1996, pag. 10.

(4) GU L 160 del 26.6.1999, pag. 103.

Top