EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 31994L0021

Settima direttiva 94/21/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 maggio 1994, concernente le disposizioni relative all'ora legale

OJ L 164, 30.6.1994, p. 1–2 (ES, DA, DE, EL, EN, FR, IT, NL, PT)
Special edition in Finnish: Chapter 12 Volume 002 P. 172 - 173
Special edition in Swedish: Chapter 12 Volume 002 P. 172 - 173

No longer in force, Date of end of validity: 31/12/1997

ELI: http://data.europa.eu/eli/dir/1994/21/oj

31994L0021

Settima direttiva 94/21/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 maggio 1994, concernente le disposizioni relative all'ora legale

Gazzetta ufficiale n. L 164 del 30/06/1994 pag. 0001 - 0002
edizione speciale finlandese: capitolo 12 tomo 2 pag. 0172
edizione speciale svedese/ capitolo 12 tomo 2 pag. 0172


SETTIMA DIRETTIVA 94/21/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 30 maggio 1994 concernente le disposizioni relative all'ora legale

IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l'articolo 100 A,

vista la proposta della Commissione (1),

visto il parere del Comitato economico e sociale (2),

deliberando secondo la procedura prevista all'articolo 189 B del trattato (3),

considerando che la sesta direttiva 92/20/CEE del Consiglio, del 26 marzo 1992, concernente le disposizioni relative all'ora legale (4), ha introdotto in tutta la Comunità una data e un'ora comuni per l'inizio del periodo dell'ora legale per il 1993 ed il 1994 e due date diverse per quanto riguarda la fine di detto periodo nei medesimi anni, una per tutti gli Stati membri salvo l'Irlanda e il Regno Unito e l'altra per l'Irlanda e il Regno Unito;

considerando che, poiché gli Stati membri applicano disposizioni relative all'ora legale, è importante, ai fini del funzionamento del mercato interno, fissare una data e un'ora comuni d'inizio e di fine del periodo dell'ora legale, valide nello spazio comunitario a partire dal 1995;

considerando che, tenuto conto del principio di sussidiarietà, un'azione comunitaria appare necessaria per garantire la completa armonizzazione del calendario, onde facilitare i trasporti e le comunicazioni e ridurre i relativi costi;

considerando che la data ritenuta più appropriata dagli Stati membri per la cessazione del periodo dell'ora legale è la fine di ottobre e non di settembre come in precedenza;

considerando che è ormai opportuno prevedere che il periodo dell'ora legale termini alla fine di ottobre; che, tuttavia, per problemi di ordine tecnico connessi ai tempi di adeguamento di taluni settori dei trasporti, conviene che per il 1995 tale periodo si concluda ancora alla fine di settembre;

considerando che, per lo stesso anno, il termine del periodo dell'ora legale deve essere mantenuto ad una data diversa in Irlanda e nel Regno Unito;

considerando che l'articolo 4 della sesta direttiva prevede che entro il 1° gennaio 1994 il Consiglio adotti, su proposta della Commissione, il regime applicabile a decorrere dal 1995;

considerando che per motivi di ordine geografico è opportuno che le disposizioni comuni relative all'ora legale non si applichino ai territori d'oltremare degli Stati membri;

considerando che è opportuno procedere al riesame del periodo dell'ora legale e che occorre pertanto adottare disposizioni solo per gli anni 1995, 1996 e 1997,

HANNO ADOTTATO LA PRESENTE DIRETTIVA:

Articolo 1

Ai fini della presente direttiva si intende per «periodo dell'ora legale» il periodo dell'anno durante il quale l'ora è anticipata di 60 minuti rispetto all'ora del resto dell'anno.

Articolo 2

In ciascuno Stato membro, il periodo dell'ora legale per gli anni 1995, 1996 e 1997 ha inizio alle ore 1.00 del mattino, tempo universale (TU), dell'ultima domenica di marzo, ossia:

- nel 1995: il 26 marzo,

- nel 1996: il 31 marzo,

- nel 1997: il 30 marzo.

Articolo 3

1. In ciascuno Stato membro, il periodo dell'ora legale cessa alle ore 1.00 del mattino, tempo universale (TU), dell'ultima domenica di settembre per l'anno 1995 e dell'ultima domenica di ottobre per gli anni 1996 e 1997, ossia:

- nel 1995: il 24 settembre,

- nel 1996: il 27 ottobre,

- nel 1997: il 26 ottobre.

2. Tuttavia, in Irlanda e nel Regno Unito il periodo dell'ora legale per l'anno 1995 cessa alle ore 1.00 del mattino, tempo universale (TU), della quarta domenica di ottobre e precisamente il 22 ottobre.

Articolo 4

Il regime applicabile a decorrere dal 1998 è adottato anteriormente al 1° gennaio 1997, su proposta della Commissione, presentata anteriormente al 1° gennaio 1996.

Articolo 5

La presente direttiva non si applica ai territori d'oltremare degli Stati membri.

Articolo 6

Gli Stati membri mettono in vigore le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie per conformarsi alla presente direttiva entro il 31 decembre 1994. Essi ne informano immediatamente la Commissione.

Quando gli Stati membri adottano tali disposizioni, queste contengono un riferimento alla presente direttiva o sono corredate da un siffatto riferimento all'atto della pubblicazione ufficiale. Le modalità di tale riferimento sono decise dagli Stati membri.

Articolo 7

Gli Stati membri sono destinatari della presente direttiva.

Fatto Bruxelles, addì 30 maggio 1994.

Per il Parlamento europeo Il Presidente E. KLEPSCH Per il Consiglio Il Presidente C. SIMITIS

(1) GU n. C 278 del 16. 10. 1993, pag. 13.

(2) GU n. C 34 del 2. 2. 1994, pag. 21.

(3) Parere del Parlamento europeo del 17 dicembre 1993 (GU n. C 20 del 24. 1. 1994). Posizione comune del Consiglio del 4 marzo 1994 (GU n. C 137 del 19. 5. 1994, pag. 38). Decisione del Parlamento europeo del 22 aprile 1994 (GU n. C 128 del 9. 5. 1994).

(4) GU n. L 89 del 4. 4. 1992, pag. 28.

Top