EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 52021XC0225(04)

Pubblicazione della comunicazione di approvazione di una modifica ordinaria al disciplinare di produzione di un nome nel settore vitivinicolo di cui all’articolo 17, paragrafi 2 e 3, del regolamento delegato (UE) 2019/33 della Commissione 2021/C 65/14

PUB/2020/956

OJ C 65, 25.2.2021, p. 42–46 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, HR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

25.2.2021   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

C 65/42


Pubblicazione della comunicazione di approvazione di una modifica ordinaria al disciplinare di produzione di un nome nel settore vitivinicolo di cui all’articolo 17, paragrafi 2 e 3, del regolamento delegato (UE) 2019/33 della Commissione

(2021/C 65/14)

La presente comunicazione è pubblicata conformemente all’articolo 17, paragrafo 5, del regolamento delegato (UE) 2019/33 della Commissione (1).

COMUNICAZIONE DI MODIFICA ORDINARIA CHE MODIFICA IL DOCUMENTO UNICO

«CASA DEL BLANCO»

PDO-ES-A0060-AM02

Data della comunicazione: 16.11.2020

DESCRIZIONE E MOTIVI DELLA MODIFICA APPROVATA

1.   Adeguamento dei parametri analitici a seguito dell’inclusione di nuove varietà e dei vini giovani (punto 2.1 del disciplinare di produzione e sezione 3 del documento unico)

Descrizione e motivi

A seguito dell’inclusione di due nuove varietà, Garnacha e Airén, e dei vini giovani ottenuti da tali varietà e altri vitigni, occorre ridefinire i parametri analitici. Le caratteristiche analitiche dei vini bianchi e rossi devono pertanto essere adeguate a tali nuove produzioni.

La zona geografica della DOP «Casa del Blanco» comprende una parcella coltivata a Garnacha e una ad Airén e i vini giovani ottenuti da tali varietà e altri vitigni conservano le caratteristiche e il profilo degli altri vini della DOP «Casa del Blanco», caratterizzati da concentrazioni elevate di litio. Per tali ragioni, nonché per rispondere alle esigenze del mercato, che vede il consumatore chiedere con sempre maggiore frequenza vini particolari, molto fruttati, morbidi al palato, le cui caratteristiche siano direttamente riconducibili alla cultivar, la modifica richiesta al disciplinare si propone di includere le caratteristiche analitiche dei vini giovani ottenuti da tali varietà.

Tipo di modifica: ordinaria

L’adeguamento delle caratteristiche analitiche dei vini non modifica l’unica categoria di vino autorizzata nel disciplinare di produzione, vale a dire la categoria 1 di cui all’allegato VII, parte II, del regolamento (UE) n. 1308/2013, del 17 dicembre 2013. Pertanto, si ritiene che non sia variata, aggiunta né soppressa alcuna categoria, e che detta modifica non rientri in nessuno dei tipi di cui all’articolo 14, paragrafo 1, del regolamento (UE) 2019/33.

2.   Adeguamento alla normativa vigente della terminologia relativa al parametro analitico «zuccheri riduttori» (punto 2.1.1 del disciplinare e nessuna modifica al documento unico)

Descrizione e motivi

Conformemente all’articolo 20 del regolamento di esecuzione (UE) 2019/34 della Commissione, del 17 ottobre 2018, che prevede la determinazione degli zuccheri totali espressi in fruttosio e glucosio, il parametro analitico «zuccheri riduttori» è rinominato «zuccheri totali espressi in fruttosio e glucosio».

Tipo di modifica: ordinaria

Tale modifica costituisce un adeguamento della terminologia impiegata per le caratteristiche fisico-chimiche che non implica alcuna modifica del prodotto finale, il quale continua a mantenere le caratteristiche e il profilo descritti nella sezione relativa al legame, derivanti dall’interazione tra i fattori naturali e umani. Pertanto si ritiene che detta modifica non rientri in nessuno dei tipi di cui all’articolo 14, paragrafo 1, del regolamento (UE) 2019/33.

3.   Modifica delle caratteristiche organolettiche (punto 2.2 del disciplinare e sezione 3 del documento unico)

Descrizione e motivi

L’attuazione della norma UNE-EN-ISO 17065 nel quadro delle mansioni di certificazione rende necessaria una modifica della descrizione organolettica dei vini protetti, affinché le loro caratteristiche possano essere collegate a descrittori valutabili mediante un panel di degustazione che rispetti i principi della norma UNE-EN-ISO 17025.

Tipo di modifica: ordinaria

Tale modifica costituisce un adeguamento delle caratteristiche organolettiche ai fini di una migliore verifica attraverso l’analisi sensoriale; queste caratteristiche non implicano una modifica del prodotto, il quale continua a mantenere le caratteristiche e il profilo descritti nella sezione relativa al legame, derivanti dall’interazione tra fattori naturali e umani. Pertanto si ritiene che detta modifica non rientri in nessuno dei tipi di cui all’articolo 14, paragrafo 1, del regolamento (UE) 2019/33.

4.   Definizione delle caratteristiche organolettiche a seguito dell’inclusione dei vini ottenuti dalle nuove varietà e dei vini giovani (punto 2.2 del disciplinare e nessuna modifica al documento unico)

Descrizione e motivi

L’inclusione di due nuove varietà, Garnacha e Airén, e i vini giovani ottenuti a partire da tali varietà e altri vitigni rende necessario definire le caratteristiche organolettiche di tali vini.

La zona geografica della DOP Pago «Casa del Blanco» comprende una parcella coltivata a Garnacha e una ad Airén e i vini giovani ottenuti da tali varietà e altri vitigni conservano le caratteristiche e il profilo degli altri vini degli altri vini della DOP «Casa del Blanco», caratterizzati da concentrazioni elevate di litio. Per rispondere alle esigenze del mercato, che vede il consumatore chiedere con sempre maggiore frequenza vini particolari, molto fruttati, la modifica richiesta al disciplinare si propone di includere le caratteristiche organolettiche di tali vini.

Tipo di modifica: ordinaria

L’inclusione delle caratteristiche organolettiche di tali varietà non modifica l’unica categoria di vino autorizzata nel disciplinare di produzione, vale a dire la categoria 1 di cui all’allegato VII, parte II, del regolamento (UE) n. 1308/2013 del 17 dicembre 2013. Pertanto, si ritiene che nessuna categoria di vino sia variata, aggiunta né soppressa, e che detta modifica non rientri in nessuno dei tipi di cui all’articolo 14.1 del regolamento (UE) 2019/33.

5.   Adeguamento delle pratiche enologiche specifiche relative ai vini bianchi e rossi (punto 3 del disciplinare e nessuna modifica al documento unico)

Descrizione e motivi

L’inclusione di due nuove varietà, la Garnacha e l’Airén, e di un nuovo tipo di produzione, vale a dire quella di vini giovani ottenuti da tali varietà e altri vitigni, rende necessario definire il pertinente processo di vinificazione.

Al contempo, la capacità nominale dei contenitori è aumentata ed è ora pari o superiore a 750 ml.

Alla luce delle circostanze descritte nei paragrafi precedenti, quindi, nella presente sezione sono inserite le pratiche enologiche specifiche della produzione dei nuovi tipi di vino introdotti. Allo stesso tempo, per adeguare i vini alle tendenze attuali in fatto di invecchiamento, è previsto che il vino sia invecchiato in botti di capacità pari o superiore a 225 litri. Infine, poiché il consumatore chiede ora diversi formati di condizionamento, la capacità nominale dei contenitori è aumentata e può essere pari o superiore a 750 ml.

Tipo di modifica: ordinaria

La modifica non incide sulle caratteristiche e sul profilo dei vini della DOP «Casa del Blanco», né sulla relativa identità. Pertanto si ritiene che detta modifica non rientri in nessuno dei tipi di cui all’articolo 14, paragrafo 1, del regolamento (UE) 2019/33.

6.   Revisione delle parcelle viticole della demarcazione della zona geografica (punto 4 del disciplinare e nessuna modifica al documento unico)

Descrizione e motivi

La domanda di vini della varietà Airén è aumentata soprattutto nei mercati esteri per il periodo estivo, nei quali sono richiesti vini dal profilo più rinfrescante, meno potenti al naso e con una persistenza leggermente superiore al palato, meno pesanti dei vini ottenuti da altre varietà più aromatiche. Nella zona geografica adiacente a quella della DOP «Casa del Blanco» si trovano una parcella in cui è coltivata la varietà Airén, impiantata negli anni 1945 e 1962, e una parcella vitata a Garnacha, impiantata nel 2006. Entrambe le parcelle confinano con le parcelle viticole individuate nel disciplinare e, per la maggior parte, la parcella coltivata a Garnacha è circondata dalle parcelle viticole già riconosciute dal disciplinare. Per tali ragioni, e considerato che, presentando le stesse caratteristiche climatiche, pedologiche e orografiche della zona geografica delimitata, anche tali parcelle sono caratterizzate da concentrazioni elevate di litio, la modifica richiesta al disciplinare è tesa a includere tali parcelle nella zona geografica delimitata.

Tipo di modifica: ordinaria

L’inclusione di tali parcelle non implica alcun cambiamento del legame, dal momento che i fattori naturali e umani che caratterizzano l’area che si intende inglobare sono gli stessi di quelli presenti nella zona delimitata inizialmente. I vini prodotti, pertanto, mantengono le stesse caratteristiche e lo stesso profilo dei vini della DOP «Casa del Blanco». Pertanto si ritiene che detta modifica non rientri in nessuno dei tipi di cui all’articolo 14, paragrafo 1, del regolamento (UE) 2019/33.

7.   Inclusione delle varietà Garnacha e Airén (punto 6 del disciplinare e nessuna modifica al documento unico)

Descrizione e motivi

A seguito dell’inclusione, nella descrizione dei vini di cui al disciplinare di produzione, del vino bianco monovarietale ottenuto dalla varietà Airén e del vino rosso multivarietale ottenuto, tra l’altro, dalla varietà Garnacha, tali varietà sono aggiunte anche nella sezione di cui sopra.

Tipo di modifica: ordinaria

A seguito dell’inclusione, nella sezione relativa alla descrizione dei vini, del vino bianco monovarietale ottenuto dalla varietà Airén e del vino rosso multivarietale ottenuto, tra l’altro, dalla varietà Garnacha, per le ragioni illustrate al punto 1, sono aggiunte le varietà Airén e Garnacha. Pertanto si ritiene che detta modifica non rientri in nessuno dei tipi di cui all’articolo 14, paragrafo 1, del regolamento (UE) 2019/33.

8.   Aggiornamento dei riferimenti normativi (punto 8 del disciplinare e nessuna modifica al documento unico)

Descrizione e motivi

Nel primo e nel secondo paragrafo del punto 8 del disciplinare di produzione, i riferimenti ai regolamenti derogati sono sostituiti da riferimenti ai regolamenti vigenti e sono aggiornate le menzioni tradizionali, così come l’utilizzo delle menzioni disciplinate dal decreto reale 1363/2011, del 7 ottobre, che sviluppa la normativa comunitaria in materia di etichettatura, presentazione e identificazione di determinati prodotti vitivinicoli, introdotte nel terzo paragrafo.

Tipo di modifica: ordinaria

La modifica costituisce un aggiornamento dei riferimenti normativi. Pertanto si ritiene che detta modifica non rientri in nessuno dei tipi di cui all’articolo 14, paragrafo 1, del regolamento (UE) 2019/33.

9.   Aggiornamento dei riferimenti normativi (punto 9.2 del disciplinare e nessuna modifica al documento unico)

Descrizione e motivi

Nel terzo e nel nono paragrafo del punto 9.2 del disciplinare di produzione, i riferimenti ai regolamenti derogati sono sostituiti da riferimenti ai regolamenti vigenti.

Tipo di modifica: ordinaria

La modifica costituisce un aggiornamento dei riferimenti normativi. Pertanto si ritiene che detta modifica non rientri in nessuno dei tipi di cui all’articolo 14, paragrafo 1, del regolamento (UE) 2019/33.

DOCUMENTO UNICO

1.   Nome del prodotto

«Casa del Blanco»

2.   Tipo di indicazione geografica

DOP — Denominazione di origine protetta

3.   Categorie di prodotti vitivinicoli

1.

Vino

4.   Descrizione del vino (dei vini)

Vino rosso

Tali vini sono caratterizzati da una concentrazione di ioni di litio fino a dieci volte superiore rispetto ai vini prodotti nella zona circostante. Esiste inoltre una correlazione tra le parcelle che presentano una maggiore quantità di litio e i vini che contengono una maggiore concentrazione di tale metallo.

I vini rossi sono color ciliegia o rosso intenso e presentano una veste di elevata intensità e aromi forti; sono intensi, carnosi e potenti.

*

Il titolo alcolometrico totale massimo deve essere compreso nei limiti di legge, conformemente alla pertinente legislazione dell’UE.

Caratteristiche analitiche generali

Titolo alcolometrico totale massimo (in % vol)

 

Titolo alcolometrico effettivo minimo (in % vol)

12,5

Acidità totale minima

5 grammi per litro, espressa in acido tartarico

Acidità volatile massima (in milliequivalenti per litro)

16,7

Tenore massimo di anidride solforosa totale (in milligrammi per litro)

120

Vino bianco

Di colore giallo paglierino con riflessi dorati, tali vini sono limpidi e cristallini. Caratterizzati da aromi di frutta bianca, sono freschi e presentano un’acidità gradevole ben compensata. Il retrogusto è persistente e ben equilibrato.

*

Il titolo alcolometrico totale massimo deve essere compreso nei limiti di legge, conformemente alla pertinente legislazione dell’UE.

Caratteristiche analitiche generali

Titolo alcolometrico totale massimo (in % vol)

 

Titolo alcolometrico effettivo minimo (in % vol)

11,50

Acidità totale minima

6 grammi per litro, espressa in acido tartarico

Acidità volatile massima (in milliequivalenti per litro)

16

Tenore massimo di anidride solforosa totale (in milligrammi per litro)

120

5.   Pratiche di vinificazione

a)   Pratiche enologiche specifiche

Pratica enologica specifica

Per i vini bianchi, il mosto ottenuto per pigiatura e pressatura delle uve diraspate è sottoposto a schiumatura a una temperatura compresa tra 10 e 15 °C per un tempo non inferiore a 18 ore e a fermentazione controllata a una temperatura compresa tra 13 e 21 °C.

I vini rossi sono sottoposti, ciascuna varietà singolarmente, a fermentazione alcolica con vinacce per un tempo non inferiore a 10 giorni a una temperatura compresa tra 22 e 32 °C. L’invecchiamento avviene, anch’esso per ciascuna varietà singolarmente, in botti di rovere francese e americano per un tempo non inferiore a 12 mesi, al termine di tale fase si procede all’assemblaggio dei vini che rimangono in bottiglia per almeno altri 12 mesi.

b)   Rese massime

7 500 chilogrammi di uve per ettaro

52,5 ettolitri per ettaro

6.   Zona geografica limitata

L’azienda agricola è situata nel comune di Manzanares (Ciudad Real)

7.   Varietà principale/i di uve da vino

CABERNET SAUVIGNON

MERLOT

PETIT VERDOT

SYRAH

TEMPRANILLO - CENCIBEL

8.   Descrizione del legame/dei legami

L’azienda agricola è situata a 1 080 metri di altitudine, in un’area caratterizzata da un clima continentale con aria molto secca e importanti escursioni termiche tra il giorno e la notte nel periodo di maturazione. I terreni sono argillo-calcarei, poveri, ghiaiosi e ben drenati, con un pH basico che si aggira intorno a 8.

I vini presentano il giusto equilibrio tra una buona acidità e il titolo alcolometrico che, essendo solitamente piuttosto elevato, si traduce in vini che risultano più freschi e meglio si prestano all’invecchiamento. Caratterizzati da aromi di frutta fresca più acida e note floreali e minerali, tali vini da invecchiamento presentano un taglio continentale piuttosto che mediterraneo, con una concentrazione medio-alta di aromi, eleganza, equilibrio e freschezza.

9.   Ulteriori condizioni essenziali (condizionamento, etichettatura, altri requisiti)

NESSUNO/NESSUNA

Link al disciplinare del prodotto

http://pagina.jccm.es/agricul/paginas/comercial-industrial/consejos_new/pliegos/PC_Mod_Casa_del_Blanco_20200721_mp.pdf


(1)  GU L 9 dell’11.1.2019, pag. 2.


Top