EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 52020XC1029(02)

Pubblicazione della comunicazione di approvazione di una modifica ordinaria al disciplinare di produzione di un nome nel settore vitivinicolo di cui all’articolo 17, paragrafi 2 e 3, del regolamento delegato (UE) 2019/33 della Commissione 2020/C 365/11

PUB/2020/739

OJ C 365, 29.10.2020, p. 19–26 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, HR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

29.10.2020   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

C 365/19


Pubblicazione della comunicazione di approvazione di una modifica ordinaria al disciplinare di produzione di un nome nel settore vitivinicolo di cui all’articolo 17, paragrafi 2 e 3, del regolamento delegato (UE) 2019/33 della Commissione

(2020/C 365/11)

La presente comunicazione è pubblicata conformemente all’articolo 17, paragrafo 5, del regolamento delegato (UE) 2019/33 della Commissione (1).

COMUNICAZIONE DELL’APPROVAZIONE DI UNA MODIFICA ORDINARIA

«LIMBURG»

PGI-NL-A0961-AM04

Data della comunicazione: 18.8.2020

DESCRIZIONE E MOTIVI DELLA MODIFICA APPROVATA

1.   Descrizione e motivi delle modifiche al disciplinare di produzione e al documento unico per l’IGP «limburg»

Modifiche all’etichettatura

Descrizione e motivi

Descrizione: prevedere la possibilità di integrare il nome della provincia nell’IGP con la menzione di una zona geografica più circoscritta. La zona di produzione resta invariata.

Motivo: consentire ai produttori di integrare il nome della provincia sull’etichetta con la menzione di una zona geografica più circoscritta, rafforzando altresì il carattere regionale.

La modifica riguarda il punto 9 (Ulteriori condizioni) del documento unico e l’aggiunta della menzione nel disciplinare di produzione. Di conseguenza, viene modificata anche la numerazione dei punti del disciplinare di produzione.

È stata inclusa la menzione seguente:

Zuid-Limburg.

Aggiornamento a seguito di modifiche alla legislazione nazionale

Descrizione e motivi

Descrizione: al punto 1.9 (Nome tradizionale con menzione della provincia), il riferimento alla legislazione nazionale è stato sostituito.

Motivo: a seguito della modifica del decreto neerlandese sul vino e l’olio d’oliva entrata in vigore nel settembre 2019, è stata apportata una piccola modifica al testo di cui al punto 1.9 del disciplinare di produzione (Nome tradizionale con menzione della provincia) per sostituire il riferimento a detto decreto.

Formulazione precedente:

«I requisiti per l’uso di questo nome sono stabiliti nel decreto del ministro dell’Economia del 5 giugno 2014, n. WJZ/14070246 recante norme relative alla commercializzazione del vino e dell’olio d’oliva (decreto sul vino e l’olio d’oliva).»

Nuova formulazione:

«L’etichetta di un vino conforme ai requisiti del presente disciplinare di produzione può riportare le informazioni relative all’IGP utilizzando la menzione tradizionale “Landwijn Limburg” o la dicitura “Beschermde Geografische Aanduiding Limburg” [Indicazione geografica protetta “Limburg”]».

Aggiornamento in conseguenza della prassi

Descrizione e motivi

Descrizione: al punto 1.10 (Autorità di controllo/procedura di controllo):

la descrizione della procedura seguita dall’autorità di controllo è stata adeguata alla prassi.

Motivo: per allineare i requisiti di controllo alla prassi, la formulazione del testo di cui al punto 1.10 del disciplinare di produzione è stata modificata. L’autorità di controllo non può fornire e approvare un elenco con un numero limitato di laboratori. Questa parte del testo è stata pertanto cancellata dal disciplinare.

Formulazione precedente:

«L’analisi dei vini IGP è obbligatoria. Le aziende devono far analizzare i campioni da laboratori certificati (nei Paesi Bassi o all’estero); l’Autorità per la sicurezza alimentare e dei prodotti di consumo dei Paesi Bassi (NVWA) fornisce e approva un elenco di un numero limitato di laboratori. L’NVWA esegue i controlli del caso (tramite verifiche amministrative) e preleva controcampioni in maniera aleatoria per sottoporli ad analisi presso il proprio laboratorio.»

Nuova formulazione:

«L’analisi dei vini IGP è obbligatoria. Le aziende devono far analizzare i campioni da un laboratorio certificato dell’UE (nei Paesi Bassi o all’estero). L’Autorità per la sicurezza alimentare e dei prodotti di consumo (NVWA) esegue i controlli del caso (tramite verifiche amministrative) e preleva controcampioni in maniera aleatoria per sottoporli ad analisi presso il proprio laboratorio.»

DOCUMENTO UNICO

1.   Nome del prodotto

Limburg

2.   Tipo di indicazione geografica

IGP — indicazione geografica protetta

3.   Categorie di prodotti vitivinicoli

1.

Vino

4.

Vino spumante

5.

Vino spumante di qualità

8.

Vino frizzante

9.

Vino frizzante gassificato

4.   Descrizione del vino (dei vini)

Categoria di vini 1: vino

Caratteristiche organolettiche

I vini bianchi sono freschi e molto fruttati, con note verdi e soprattutto tropicali.

I vini rossi sono caratterizzati da frutta nera e sono corposi.

Caratteristiche analitiche

Le definizioni contenute nella normativa UE/nei decreti ministeriali neerlandesi si applicano alle caratteristiche indicate di seguito:

titolo alcolometrico totale massimo,

acidità volatile massima,

tenore massimo di anidride solforosa totale,

arricchimento, disacidificazione e, subordinatamente ad approvazione, acidificazione massimi.

Caratteristiche analitiche generali

Titolo alcolometrico totale massimo (in % vol)

 

Titolo alcolometrico effettivo minimo (in % vol)

6,5

Acidità totale minima

59,85 milliequivalenti per litro

Acidità volatile massima (in milliequivalenti per litro)

 

Tenore massimo di anidride solforosa totale (in milligrammi per litro)

 

Categoria di vini 4: vino spumante

Caratteristiche organolettiche

I vini bianchi sono freschi e molto fruttati, con note verdi e soprattutto tropicali.

I vini rossi sono caratterizzati da frutta nera e sono corposi.

Caratteristiche analitiche

Le definizioni contenute nella normativa UE/nei decreti ministeriali neerlandesi si applicano alle caratteristiche indicate di seguito:

titolo alcolometrico totale massimo,

acidità volatile massima,

tenore massimo di anidride solforosa totale,

arricchimento, disacidificazione e, subordinatamente ad approvazione, acidificazione massimi.

Caratteristiche analitiche generali

Titolo alcolometrico totale massimo (in % vol)

 

Titolo alcolometrico effettivo minimo (in % vol)

6,5

Acidità totale minima

59,85 milliequivalenti per litro

Acidità volatile massima (in milliequivalenti per litro)

 

Tenore massimo di anidride solforosa totale (in milligrammi per litro)

 

Categoria di vini 5: vino spumante di qualità

Caratteristiche organolettiche

I vini bianchi sono freschi e molto fruttati, con note verdi e soprattutto tropicali.

I vini rossi sono caratterizzati da frutta nera e sono corposi.

Caratteristiche analitiche

Le definizioni contenute nella normativa UE/nei decreti ministeriali neerlandesi si applicano alle caratteristiche indicate di seguito:

titolo alcolometrico totale massimo,

acidità volatile massima,

tenore massimo di anidride solforosa totale,

arricchimento, disacidificazione e, subordinatamente ad approvazione, acidificazione massimi.

Caratteristiche analitiche generali

Titolo alcolometrico totale massimo (in % vol)

 

Titolo alcolometrico effettivo minimo (in % vol)

6,5

Acidità totale minima

59,85 milliequivalenti per litro

Acidità volatile massima (in milliequivalenti per litro)

 

Tenore massimo di anidride solforosa totale (in milligrammi per litro)

 

Categoria di vini 8: vino frizzante

Caratteristiche organolettiche

I vini bianchi sono freschi e molto fruttati, con note verdi e soprattutto tropicali.

I vini rossi sono caratterizzati da frutta nera e sono corposi.

Caratteristiche analitiche

Le definizioni contenute nella normativa UE/nei decreti ministeriali neerlandesi si applicano alle caratteristiche indicate di seguito:

titolo alcolometrico totale massimo,

acidità volatile massima,

tenore massimo di anidride solforosa totale,

arricchimento, disacidificazione e, subordinatamente ad approvazione, acidificazione massimi.

Caratteristiche analitiche generali

Titolo alcolometrico totale massimo (in % vol)

 

Titolo alcolometrico effettivo minimo (in % vol)

6,5

Acidità totale minima

59,85 milliequivalenti per litro

Acidità volatile massima (in milliequivalenti per litro)

 

Tenore massimo di anidride solforosa totale (in milligrammi per litro)

 

Categoria di vini 9: vino frizzante gassificato

Caratteristiche organolettiche

I vini bianchi sono freschi e molto fruttati, con note verdi e soprattutto tropicali.

I vini rossi sono caratterizzati da frutta nera e sono corposi.

Caratteristiche analitiche

Le definizioni contenute nella normativa UE/nei decreti ministeriali neerlandesi si applicano alle caratteristiche indicate di seguito:

titolo alcolometrico totale massimo,

acidità volatile massima,

tenore massimo di anidride solforosa totale,

arricchimento, disacidificazione e, subordinatamente ad approvazione, acidificazione massimi.

Caratteristiche analitiche generali

Titolo alcolometrico totale massimo (in % vol)

 

Titolo alcolometrico effettivo minimo (in % vol)

6,5

Acidità totale minima

59,85 milliequivalenti per litro

Acidità volatile massima (in milliequivalenti per litro)

 

Tenore massimo di anidride solforosa totale (in milligrammi per litro)

 

5.   Pratiche di vinificazione

a.   Pratiche enologiche specifiche

Pratiche enologiche specifiche

BIANCHI => raccolta, selezione, pressatura, chiarificazione del mosto, fermentazione, chiarificazione/maturazione, imbottigliamento

ROSSI => raccolta, selezione, pigiatura/diraspatura, fermentazione primaria, pressatura, fermentazione malolattica, chiarificazione/maturazione, imbottigliamento

b.   Rese massime

Uve bianche

100 hl/ha

Uve rosse

85 hl/ha

Uve Dornfelder

100 hl/ha

6.   Zona geografica delimitata

Provincia del Limburgo, delimitata dai confini provinciali stabiliti conformemente alla Costituzione.

7.   Varietà principale/i di uve da vino

Acolon

Auxerrois B

Bacchus B

Baco noir

Baron N

Bianca B

Birstaler muscat

Bronner B

Cabaret Noir N (VB-91-26-4)

Cabernet Blanc B (VB-91-26-1)

Cabernet Cantor N

Cabernet Carbon N

Cabernet Carol N

Cabernet Cortis

Cabernet Cubin

Cabernet Dorio

Cabernet Dorsa

Cabernet Franc N

Cabernet Jura

Cabernet Mitos

Cabernet Sauvignon

Cabertin N (VB-91-26-17)

Calandro N

Carmenere

Chardonnay B

Dakapo

Domina N

Dornfelder N

Dunkelfelder N

Excelsior

Faber B

Florental N

Früburgunder N

Gamaret N

Gamay N

Gewürztraminer Rs

Golubok N

Hegel

Helios

Hibernal B

Huxelrebe B

Hölder B

Johanniter B

Juwel B

Kerner B

Kernling B

Landal N

Léon millot N

Maréchal Foch N

Melody

Merlot

Merzling B

Meunier N

Monarch

Morio muscat B

Muscaris B

Muscat Blanc

Muscat Blue

Müller thurgau B

Orion B

Ortega B

Palatina

Phoenix B

Pinot Gris G

Pinot Blanc B

Pinot Noir N

Pinotin N

Plantet N

Polo Muscat B

Portugiezer N

Prior N

Rayon d’or B

Reberger

Regent N

Riechensteiner B

Riesling B

Rondo N

Roter Elbling Rs

Ruländer G

Satin Noir N (VB-91-26-29)

Sauvignac B (Cal 6-04)

Sauvignon Blanc B

Sauvignon Soyhieres B (VB-32-7)

Scheurebe B

Schönburger Rs

Seyval B

Siegerrebe Rs

Silcher B

Sirius

Solaris

Souvignier Gris

St. Laurent

Staufer

Sylvaner B

Syrah

Tempranillo

Villaris B

Viognier B

Würzer B

Zweigeltrebe N

8.   Descrizione del legame/dei legami

«Zona geografica: descrizione e clima»

Le colline del Limburgo meridionale si sono formate dall’interazione di tettonica, sedimentazione ed erosione. Nell’estremo sud-est si trovano colline la più alta delle quali, il Vaalserberg, raggiunge circa 323 m sopra il NAP (Normal Amsterdam’s Peil, livello normale di Amsterdam), con, a sud e sud-est, calcare, arenaria o argilla del periodo Cretaceo, generalmente ricoperti da suoli franchi. Nel Limburgo meridionale, centrale e settentrionale, lungo la Mosa, sono presenti argilla fluviale, suolo franco e sabbia, spesso su sabbia fluviale e ghiaia. Più a sud e al centro è presente principalmente loess, alternato a suolo franco su sabbia fluviale e ghiaia, e al centro e al nord si trovano sabbia fine e sabbia franca fine (sabbia di copertura).

Il clima è caratterizzato da:

un tasso medio delle precipitazioni di 808 mm/anno;

1 561 ore di insolazione all’anno (Maastricht);

una temperatura media annua di 10,2 °C e di 17,5 °C durante l’estate;

un’escursione termica pari a 9,3 °C a settembre.

«Legame causale»

Il clima permette di raggiungere una resa maggiore garantendo una maturazione sufficiente. La maturazione conferisce al vino bianco freschezza e molto frutto, con note soprattutto tropicali, e al vino rosso note di frutta nera.

9.   Ulteriori condizioni essenziali (confezionamento, etichettatura, altri requisiti)

Quadro normativo

Norme dell’UE

Tipo di condizione supplementare

Deroga relativa alla produzione nella zona geografica delimitata

Descrizione della condizione

Zona di prossimità immediata per la produzione del vino

Per quanto riguarda la zona di produzione (vinificazione), tutte le province neerlandesi si considerano «zona di prossimità immediata».

Una parte o la totalità del vino di base prodotto nella zona coperta dall’IGP o in una zona di prossimità immediata può essere imbottigliata da terzi come vino frizzante o spumante.

Ciò può avvenire al di fuori della zona IGP o della zona di prossimità immediata, pur mantenendo l’IGP. In questo caso deve essere indicato anche l’imbottigliatore terzo, eventualmente utilizzando un numero di codice (imbottigliato da ................... per ..................).

Quadro normativo

Norme dell’UE

Tipo di condizione supplementare

Disposizioni supplementari in materia di etichettatura

Descrizione della condizione

La menzione seguente di una zona più circoscritta all’interno della zona coperta dall’IGP «Limburg» può essere utilizzata insieme all’indicazione «Limburg» se almeno l’85 % delle uve utilizzate proviene da tale zona:

Zuid-Limburg.

Link al disciplinare del prodotto

https://www.rvo.nl/sites/default/files/2017/09/BGA%20Limburg%20productdossier%20v1.1.pdf


(1)  GU L 9 dell’11.1.2019, pag. 2.


Top