EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document C2012/169/08

Invito a presentare proposte — EACEA/20/12 — nell’ambito del programma per l’apprendimento permanente — Attuazione degli obiettivi strategici europei nel campo dell’istruzione e della formazione (IF 2020) (cooperazione tra parti interessate, sperimentazione e innovazione)

GU C 169 del 15.6.2012, p. 19–24 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

15.6.2012   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 169/19


Invito a presentare proposte — EACEA/20/12

nell’ambito del programma per l’apprendimento permanente

Attuazione degli obiettivi strategici europei nel campo dell’istruzione e della formazione (IF 2020) (cooperazione tra parti interessate, sperimentazione e innovazione)

2012/C 169/08

Parte A

Sostegno all’attuazione e alla sensibilizzazione a livello nazionale in merito agli obiettivi della cooperazione europea nel campo dell’istruzione e della formazione (IF 2020).

Parte B

Sostegno all’attuazione di ambienti di apprendimento innovativi utilizzando le TIC (le cosiddette «classi creative») nel quadro della cooperazione transnazionale per lo sviluppo e l’attuazione di aspetti trasversali della politica dell’istruzione e della formazione legati alle priorità definite nella strategia Europa 2020 e nella strategia IF 2020.

1.   Obiettivi e descrizione

L’obiettivo generale dell’invito a presentare proposte è il seguente:

promuovere l’attuazione dei quattro obiettivi strategici previsti dal «quadro strategico per la cooperazione europea in materia di istruzione e formazione (IF 2020)» (istruzione e formazione permanenti e mobilità; qualità ed efficacia dell’insegnamento; equità, coesione sociale e cittadinanza attiva; creatività e innovazione) e le priorità strategiche concordate per il periodo 2012-2014 attraverso attività volte a migliorare l’impegno istituzionale, il coordinamento e il partenariato con tutti i soggetti interessati a livello nazionale/regionale/locale, mediante:

il sostegno alla sensibilizzazione e l’impegno istituzionale, il coordinamento e il partenariato con tutti i soggetti interessati, prestando particolare attenzione al ruolo dell’istruzione e della formazione nella prevenzione e riduzione della disoccupazione giovanile (Parte A),

il sostegno alla cooperazione transnazionale (sperimentazione di politiche, elaborazione congiunta di politiche, scambio di buone prassi e innovazione) nell’ambito dello sviluppo e dell’attuazione di approcci politici innovativi, in linea con le priorità fissate nella strategia Europa 2020 e nella strategia IF 2020, con particolare riguardo per le «classi creative» (Parte B).

La cooperazione transnazionale può essere avviata a livello nazionale, regionale o locale e può interessare diversi tipi (formale, non formale, informale) e livelli di apprendimento (prescolare, primario, secondario, terziario, per adulti, istruzione e formazione professionale iniziale e continua), compresi i collegamenti con altri settori (per esempio, l’occupazione e le imprese).

2.   Organizzazioni ammissibili

Il presente invito è aperto alle organizzazioni stabilite nei paesi partecipanti al Programma di apprendimento permanente.

Le domande devono essere presentate da una persona giuridica avente capacità giuridica. Le persone fisiche non possono presentare la domanda di sovvenzione.

I beneficiari possono essere ministeri nazionali o regionali responsabili delle politiche di istruzione, formazione e apprendimento permanente, e altri organismi/autorità e organizzazioni di parti interessate attivi nello sviluppo e nell’attuazione delle politiche di apprendimento permanente. Le organizzazioni di parti interessate comprendono associazioni o organizzazioni europee, nazionali e regionali le cui principali attività o responsabilità sono direttamente collegate a un qualunque settore relativo all’istruzione e alla formazione, in particolare organizzazioni di parti sociali e altre associazioni nazionali o regionali che rappresentano gli interessi di un gruppo sociale nell’ambito della creazione e dell’attuazione di politiche di apprendimento permanente.

Ai fini del presente invito, sono ritenuti organismi pubblici tutti gli istituti d’istruzione superiore accreditati dagli Stati membri (paesi partecipanti), nonché tutti gli istituti o tutte le organizzazioni che offrono opportunità di apprendimento e che hanno percepito da fonti pubbliche oltre il 50 % del loro reddito annuale nel corso degli ultimi due anni (sono escluse altre sovvenzioni dell’Unione europea per un’azione), o che sono controllati da organismi pubblici o dai loro rappresentanti. Tali organizzazioni sono tenute ad attestare, firmando una dichiarazione sull’onore (contenuta nel fascicolo di domanda), che la loro organizzazione rientra nella definizione di organismo pubblico di cui sopra. L’Agenzia si riserva il diritto di richiedere la documentazione comprovante la veridicità di tale dichiarazione.

Parte A.1 —   Sostegno all’attuazione nazionale e sensibilizzazione in merito agli obiettivi della cooperazione europea nel campo dell’istruzione e della formazione (IF 2020).

Le domande di finanziamento possono essere presentate da una o più autorità nazionali o regionali dello stesso paese responsabili delle politiche in materia di istruzione, formazione e apprendimento permanente (scuole materne, istituti di istruzione di vario grado, IFP, istruzione superiore e apprendimento per gli adulti), o da altri organismi pubblici incaricati da tali autorità a rispondere all’invito. La lettera o le lettere di designazione firmate dall’autorità interessata devono essere inviate unitamente alla versione cartacea della proposta.

Parte A.2 —   Sostegno all’attuazione e alla sensibilizzazione a livello nazionale in merito agli obiettivi della cooperazione europea nel campo dell’istruzione e della formazione (IF 2020), favorendo in particolare la partecipazione delle organizzazioni delle parti interessate.

Le domande di finanziamento possono essere presentate unicamente da partenariati nazionali composti da almeno tre organizzazioni coinvolte direttamente nello sviluppo e nell’attuazione di politiche di apprendimento permanente.

Parte B —   Sostegno all’attuazione di ambienti di apprendimento innovativi utilizzando le TIC (le cosiddette «classi creative») nel quadro della cooperazione transnazionale per lo sviluppo e l’applicazione di aspetti trasversali della politica dell’istruzione e della formazione legati alle priorità definite nella strategia Europa 2020 e nella strategia IF 2020.

Le domande di finanziamento possono essere presentate unicamente da un ministero nazionale o regionale direttamente coinvolto nell’elaborazione e nell’attuazione di politiche di apprendimento permanente o da un’altra organizzazione designata da un siffatto ministero per rispondere all’invito a presentare proposte.

I partenariati transnazionali devono essere composti da almeno 5 organizzazioni, cui partecipano 3 o più paesi ammissibili. Almeno uno dei partner per ciascun paese deve essere un ministero nazionale o regionale direttamente coinvolto nell’elaborazione e nell’attuazione di politiche di apprendimento permanente o un’altra organizzazione designata da un siffatto ministero per rispondere all’invito a presentare proposte.

La lettera o le lettere di designazione firmate dal ministero o dai ministeri deleganti devono essere inviate unitamente alla versione cartacea della proposta.

Le domande possono essere presentate da organizzazioni (comprese tutte le organizzazioni partner) stabilite nei paesi che partecipano al Programma di apprendimento permanente:

i 27 Stati membri dell’UE,

i tre paesi del SEE/EFTA: Islanda, Liechtenstein e Norvegia,

i paesi candidati: Croazia, ex Repubblica iugoslava di Macedonia, Serbia e Turchia,

la Svizzera.

Per questa azione non è consentita la partecipazione di paesi terzi.

Almeno un paese del partenariato deve essere uno Stato membro dell’UE (ciò si applica unicamente alla Parte B del presente invito).

3.   Attività ammissibili

Parte A.1 —   Sostegno all’attuazione nazionale e sensibilizzazione in merito agli obiettivi della cooperazione europea nel campo dell’istruzione e della formazione (IF 2020).

Le attività finanziabili nel quadro di questa parte dell’invito comprendono (obiettivi specifici):

attività di sensibilizzazione a sostegno dei dibattiti nazionali e del dialogo legato all'attuazione dei quattro obiettivi strategici della strategia IF 2020 (quali conferenze, seminari o workshop nazionali o regionali), in particolare su come i giovani possono utilizzare gli strumenti e i servizi dell’apprendimento permanente per acquisire competenze e abilità spendibili sul mercato del lavoro,

l’istituzione di forum delle parti interessate e altre attività che contribuiranno a migliorare la coerenza e il coordinamento a livello nazionale del processo di creazione e attuazione di strategie nazionali complete e coerenti di apprendimento permanente, in particolare per quanto concerne il trasferimento ai giovani di competenze e abilità spendibili sul mercato del lavoro,

attività di sensibilizzazione e diffusione, nel quadro di riferimento della strategia IF 2020, di strumenti o materiale di riferimento (per esempio, attività d’informazione, incluse campagne mediatiche, eventi pubblicitari, ecc.), con particolare attenzione agli strumenti e ai servizi di apprendimento permanente che possono valorizzare percorsi di apprendimento alternativi per gli adulti scarsamente qualificati e per i giovani, che in tal modo possono acquisire competenze e abilità spendibili sul mercato del lavoro (per esempio, il riconoscimento dell’apprendimento non formale e formale, l’orientamento professionale, i quadri delle qualifiche, la mobilità, ecc.),

azioni di follow-up legate ai programmi nazionali esistenti, finalizzate a creare e attuare a livello nazionale il metodo aperto di coordinamento nel campo dell’istruzione e della formazione a titolo della strategia IF 2020, con particolare riguardo per i giovani e gli adulti non qualificati o scarsamente qualificati.

Parte A.2 —   Sostegno all’attuazione e alla sensibilizzazione a livello nazionale in merito agli obiettivi della cooperazione europea nel campo dell’istruzione e della formazione (IF 2020), favorendo in particolare la partecipazione delle organizzazioni delle parti interessate.

Le attività finanziabili nell’ambito di questa parte dell’invito comprendono (obiettivi specifici):

attività di sensibilizzazione a sostegno dei dibattiti nazionali e del dialogo legato all'attuazione dei quattro obiettivi strategici della strategia IF 2020 (quali conferenze, seminari o workshop nazionali o regionali), in particolare su come i giovani possono utilizzare gli strumenti e i servizi dell’apprendimento permanente per acquisire competenze e abilità spendibili sul mercato del lavoro,

l’istituzione di forum delle parti interessate e altre attività che contribuiranno a migliorare la coerenza e il coordinamento a livello nazionale del processo di creazione e attuazione di strategie nazionali complete e coerenti di apprendimento permanente, in particolare per quanto concerne il trasferimento ai giovani di competenze e abilità spendibili sul mercato del lavoro,

azioni di follow-up legate ai programmi nazionali esistenti, finalizzate a creare e attuare a livello nazionale il metodo aperto di coordinamento nel campo dell’istruzione e della formazione a titolo della strategia IF 2020, con particolare riguardo per i giovani e gli adulti non qualificati o scarsamente qualificati.

Parte B —   Sostegno all’attuazione di ambienti di apprendimento innovativi utilizzando le TIC (le cosiddette «classi creative») nel quadro della cooperazione transnazionale per lo sviluppo e l’applicazione di aspetti trasversali della politica dell’istruzione e della formazione legati alle priorità definite nella strategia Europa 2020 e nella strategia IF 2020.

Le attività finanziabili nell’ambito di questa parte dell’invito comprendono (obiettivi specifici):

la sperimentazione di politiche attraverso partenariati transnazionali, con la partecipazione di autorità, parti interessate e istituzioni di ricerca competenti. Le azioni non saranno incentrate su tematiche generali, bensì su aspetti critici concreti e comuni sul piano politico. Dovrà essere riservata la debita importanza allo sviluppo di una solida base di conoscenze comprovate, che preveda procedure affidabili di controllo, valutazione e comunicazione dei molteplici esperimenti riguardo agli ambienti di apprendimento delle «classi creative»,

la progettazione e la sperimentazione comuni di strumenti e pratiche innovativi attraverso esperimenti che interesseranno un numero sufficientemente elevato di istituti di istruzione, al fine di avere una massa critica rappresentativa,

azioni volte ad analizzare, dal punto di vista strategico, l’efficacia, l’efficienza e le condizioni di generalizzazione degli esperimenti, oltre che il trasferimento a livello transnazionale delle lezioni apprese e delle buone prassi (apprendimento tra pari), tra cui analisi, conferenze e seminari destinati a supportare direttamente la definizione e l’attuazione delle politiche,

azioni per garantire la diffusione sistematica a livello nazionale e internazionale e per promuovere la trasferibilità tra diversi sistemi e politiche di istruzione e formazione.

Per le Parti A e B:

Le attività devono essere avviate tra il 1o marzo 2013 e il 31 maggio 2013.

La durata obbligatoria dei progetti è di 12 mesi per la Parte A e di 24 per la Parte B. Non saranno accettate le domande per progetti pianificati in modo da avere una durata diversa rispetto a quella specificata nel presente invito.

Non sarà concessa alcuna proroga del periodo di ammissibilità al di là di tale durata massima. Tuttavia, qualora dopo la firma dell’accordo e l’inizio del progetto il beneficiario dovesse constatare che, per motivi del tutto giustificati e sui quali egli non ha alcun controllo, risulta impossibile completare il progetto entro il periodo previsto, si potrà concedere un’estensione del periodo di ammissibilità. Se richiesta entro i termini indicati nell’accordo, potrà essere concessa un’estensione massima supplementare di 3 mesi per la Parte A e di 6 mesi per la Parte B. La durata massima sarà quindi di 15 mesi per la Parte A e di 30 mesi per la Parte B.

I consorzi devono prevedere, nei bilanci e nella pianificazione, due riunioni a Bruxelles durante lo svolgimento dei progetti: una riunione iniziale con i responsabili di tutti i progetti selezionati e una seconda riunione di controllo (che potrebbe essere richiesta dall’Agenzia durante lo svolgimento dei progetti). È probabile che ciascun consorzio sarà invitato a mandare al massimo due rappresentanti.

4.   Criteri di aggiudicazione

Le candidature ammissibili saranno valutate in base ai seguenti criteri:

Parte A —   Sostegno all’attuazione nazionale e campagna di sensibilizzazione sugli obiettivi della cooperazione europea in materia di istruzione e formazione (IF 2020).

1.   Pertinenza: in conformità con l’invito a presentare proposte, gli obiettivi sono chiari, concreti e mirati a questioni e gruppi di beneficiari pertinenti, comprendenti una vasta gamma di operatori chiave a tutti i livelli interessati alla creazione e all’attuazione di strategie di apprendimento permanente, ivi compresi i responsabili delle politiche e delle decisioni, i professionisti, i fornitori, le parti sociali, i rappresentanti della società civile e gli studenti (30 %).

2.   Qualità del piano delle azioni: l’organizzazione del lavoro è chiara e adeguata al conseguimento degli obiettivi; compiti/attività sono definiti in modo tale che i risultati siano raggiunti nel rispetto delle tempistiche e del bilancio (10 %).

3.   Qualità della metodologia: gli strumenti e i metodi pratici proposti sono coerenti e adeguati a rispondere alle necessità rilevate per gruppi di beneficiari chiaramente individuati (10 %).

4.   Qualità del gruppo di progetto: il gruppo di progetto comprende tutte le competenze, comprovata esperienza e capacità necessarie a sviluppare tutti gli aspetti del piano delle azioni e vi è un’adeguata distribuzione delle missioni fra i membri del gruppo (10 %).

5.   Rapporto costi-benefici: la richiesta di sovvenzionamento dimostra un buon rapporto costi-benefici in termini delle attività pianificate in relazione al bilancio previsto (10 %).

6.   Impatto: gli impatti prevedibili delle attività del progetto sui gruppi di beneficiari e sui sistemi interessati sono definiti chiaramente e sono coerenti con gli obiettivi fissati; le misure sono pianificate al fine di garantire che tali impatti possano essere realizzati. I risultati delle attività sono verosimilmente significativi (20 %).

7.   Qualità del piano di valorizzazione (diffusione e utilizzo dei risultati): la misura in cui le attività di diffusione e utilizzazione pianificate garantiranno, non solo ai partecipanti alla proposta, un uso ottimale dei risultati, sia durante che dopo la durata del progetto (10 %).

Parte B —   Sostegno all’attuazione di ambienti di apprendimento innovativi utilizzando le TIC (le cosiddette «classi creative») nel quadro della cooperazione transnazionale per lo sviluppo e l’applicazione di aspetti trasversali della politica dell’istruzione e della formazione legati alle priorità definite nella strategia Europa 2020 e nella strategia IF 2020.

1.   Pertinenza: in conformità con l’invito a presentare proposte, gli obiettivi sono chiari, concreti e mirati a questioni e gruppi di beneficiari pertinenti, comprendenti una vasta gamma di operatori chiave a tutti i livelli interessati alla creazione e all’attuazione di strategie di apprendimento permanente, ivi compresi i responsabili delle politiche e delle decisioni, i professionisti, i fornitori, le parti sociali, i rappresentanti della società civile e gli studenti (30 %).

2.   Qualità del piano delle azioni: l’organizzazione del lavoro è chiara e adeguata al conseguimento degli obiettivi; i compiti/le attività sono distribuiti fra i partner in maniera tale da raggiungere i risultati nel rispetto delle tempistiche e del bilancio (10 %).

3.   Qualità della metodologia: gli strumenti e i metodi pratici proposti sono coerenti, innovativi e adeguati a rispondere alle necessità rilevate per gruppi di beneficiari chiaramente individuati (10 %).

4.   Qualità del consorzio: il consorzio comprende tutte le competenze, comprovata esperienza e capacità necessarie a sviluppare tutti gli aspetti del piano delle azioni e vi è un’adeguata distribuzione dei compiti fra i partner (10 %).

5.   Rapporto costi-benefici: la richiesta di sovvenzionamento dimostra un buon rapporto costi-benefici in termini delle attività pianificate in relazione al bilancio previsto (10 %).

6.   Impatto e valore aggiunto europeo: gli impatti prevedibili delle attività del progetto sui gruppi di beneficiari e sui sistemi interessati sono definiti chiaramente e sono coerenti con gli obiettivi fissati; le misure sono pianificate al fine di garantire che tali impatti possano essere realizzati. I risultati delle attività sono presumibilmente significativi e i vantaggi e la necessità di una cooperazione europea (in aggiunta agli approcci nazionali, regionali o locali) sono chiaramente dimostrati (20 %).

7.   Qualità del piano di valorizzazione (diffusione e utilizzo dei risultati): la misura in cui le attività di diffusione e utilizzazione pianificate garantiranno, non solo ai partecipanti alla proposta, un uso ottimale dei risultati, sia durante che dopo la durata del progetto (10 %).

5.   Bilancio

Il bilancio complessivo assegnato al cofinanziamento di progetti ammonta a 3,8 milioni di EUR.

Il contributo finanziario dell’Unione europea non può superare il 75 % del totale dei costi ammissibili.

La sovvenzione massima per progetto sarà di 120 000 EUR per la Parte A (A.1 e A.2) e di 800 000 EUR per la Parte B.

L’Agenzia intende assegnare la somma disponibile secondo la proporzione indicativa che segue: 1 500 000 EUR per la Parte A — 2 300 000 EUR per la Parte B. Tuttavia, l’assegnazione finale dipenderà dal numero e dalla qualità delle proposte ricevute per la Parte A e per la Parte B.

L’Agenzia si riserva il diritto di non distribuire tutti i fondi disponibili.

6.   Termine di presentazione

Saranno accettate solo le candidature che utilizzano il modulo corretto, debitamente completato e datato, riportanti un bilancio pareggiato (ricavi/costi), trasmesso online (in originale) e firmato dalla persona autorizzata ad assumere impegni vincolanti per conto dell’organizzazione richiedente.

Termine ultimo: lunedì 1o ottobre 2012, ore 12:00 (orario dell’Europa centrale).

Le domande non contenenti tutti i documenti previsti e presentate oltre il termine non saranno prese in considerazione.

Per essere completa, la domanda deve comprendere quanto segue:

un fascicolo di domanda originale (modulo elettronico e i relativi quattro allegati), che deve essere trasmesso online, secondo le indicazioni contenute nella guida d’uso del modulo elettronico. Questa versione, compresi gli allegati, è ritenuta la versione facente fede,

una versione cartacea da inviare subito dopo la decorrenza del termine e contenente:

una copia cartacea del fascicolo di domanda: il modulo trasmesso per via elettronica (con il numero di riferimento assegnato) e i relativi allegati (compresa la dichiarazione sull’onore sottoscritta in originale),

per le Parti A e B (se del caso): la lettera di designazione firmata dall’autorità pubblica/dal ministero deve essere inviata con la versione cartacea della proposta. La lettera deve rispettare i modelli forniti. In fase di proposta saranno accettati fax o versioni scansionate della lettera di designazione debitamente firmati; tuttavia, gli originali dovranno essere disponibili all’atto di stipula del contratto. In mancanza della lettera di designazione la proposta potrebbe essere dichiarata non ammissibile,

le lettere di mandato di tutti i partner (per tutti gli accordi multibeneficiari, ossia nel caso in cui siano coinvolti più partecipanti). Le lettere devono rispettare i modelli forniti. In fase di proposta saranno accettati fax o versioni scansionate delle lettere di mandato debitamente firmati; tuttavia, gli originali dovranno essere disponibili all’atto di stipula del contratto,

la prova dell’esistenza legale (copia dello statuto e/o dei registri commerciali),

il bilancio dell’ultimo esercizio finanziario,

il modulo di capacità finanziaria (solamente per le organizzazioni private),

la scheda di identificazione finanziaria,

la partita IVA (ove applicabile).

La versione cartacea deve essere inviata per posta ordinaria o raccomandata immediatamente dopo la trasmissione per via elettronica al seguente indirizzo:

Education, Audiovisual and Culture Executive Agency

Unit P9 — Lifelong Learning: Eurydice and Policy Support

Key Activity 1 — ECET

Call for proposals EACEA/20/12 — Part A.1/Part A.2/Part B (si prega di specificare)

BOU2 01/055

Avenue du Bourget/Bourgetlaan 1

1140 Bruxelles/Brussel

BELGIQUE/BELGIË

Le domande presentate oltre il termine non saranno prese in considerazione.

Non saranno accettate le domande inviate via fax o solo per posta elettronica.

7.   Ulteriori informazioni

Le linee guida dettagliate dell’invito a presentare proposte unitamente al fascicolo di domanda sono disponibili sul seguente sito web:

http://eacea.ec.europa.eu/llp/funding/2012/call_ecet_2012_en.php

Le domande devono essere presentate utilizzando i moduli previsti a tale effetto e devono contenere tutte le informazioni e tutti gli allegati richiesti nelle linee guida dettagliate.


Top