EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 51999PC0444

Proposta di regolamento del Consiglio che modifica il regolamento (CE) n. 3605/93 relativo all'applicazione del protocollo sulla procedura per i disavanzi eccessivi, allegato al trattato che istituisce la Comunità europea

/* COM/99/0444 def. - CNS 99/0196 */

GU C 376E del 28.12.1999, p. 18–19 (ES, DA, DE, EL, EN, FR, IT, NL, PT, FI, SV)

51999PC0444

Proposta di regolamento del Consiglio che modifica il regolamento (CE) n. 3605/93 relativo all'applicazione del protocollo sulla procedura per i disavanzi eccessivi, allegato al trattato che istituisce la Comunità europea /* COM/99/0444 def. - CNS 99/0196 */

Gazzetta ufficiale n. C 376 E del 28/12/1999 pag. 0018 - 0019


Proposta di REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO che modifica il regolamento (CE) n. 3605/93 relativo all'applicazione del protocollo sulla procedura per i disavanzi eccessivi, allegato al trattato che istituisce la Comunità europea (presentata dalla Commissione)

RELAZIONE

La presente proposta è intesa ad apportare le modifiche al regolamento (CE) n. 3605/93 che si impongono a seguito dell'introduzione del sistema europeo dei conti nazionali e regionali nella Comunità (SEC 95).

L'attuale regolamento contiene definizioni precise degli aggregati di finanza pubblica che sono oggetto di vigilanza nel quadro della procedura relativa ai disavanzi eccessivi, con riferimento ai codici di nomenclatura del sistema europeo di conti economici integrati (SEC 79). La sostituzione di quest'ultimo con il sistema europeo dei conti nazionali e regionali nella Comunità (SEC 95) nel 1999, conformemente al regolamento (CE) n. 2223/96 del Consiglio, obbliga a modificare gli articoli 1, 4 e 7 del regolamento (CE) n. 3605/93.

Non vi sono modifiche rilevanti né alla definizione del debito pubblico, né alla sua base di valutazione che, conformemente al protocollo (n. 5) sulla procedura relativa ai disavanzi eccessivi, corrisponde al valore nominale. Tuttavia le componenti del debito devono essere leggermente adattate per tenere conto delle nuove categorie di attività finanziarie del SEC 95. Occorre tuttavia notare che gli strumenti finanziari derivati, che sono relativamente nuovi e vengono contemplati per la prima volta dal SEC 95, non saranno inclusi nel valore totale del debito in quanto non hanno valore nominale analogo a quello degli altri strumenti del debito. Tuttavia per le passività denominate in valuta estera che sono oggetto di accordi sul tasso di cambio, la conversione nella moneta nazionale deve tenere conto di tale tasso. Quanto precede si applica anche quando gli accordi riguardano tassi di cambio tra valute estere.

Una lieve modifica viene anche apportata all'articolo 5 del regolamento attuale, allo scopo di precisare che le cifre corrispondenti alle "spese per interessi" devono essere fornite su base consolidata.

La definizione del prodotto interno lordo ai prezzi di mercato che serve al calcolo dei rapporti tra il disavanzo/il debito pubblico e il prodotto interno lordo figura all'articolo 2 dell'attuale regolamento, articolo che rinvia alla direttiva 89/130/CEE, Euratom, ovvero in pratica al SEC 79. Per garantire la coerenza tra le cifre utilizzate per il calcolo dei rapporti in questione, il regolamento proposto adotta una definizione del prodotto interno lordo conforme al SEC 95.

Come previsto dal regolamento (CE) n. 2223/96, il vecchio SEC continua ad essere utilizzato nel contesto della procedura relativa ai disavanzi eccessivi fino alla notifica del 1 settembre 1999. Si propone che il regolamento di modifica entri in vigore il 1 gennaio 2000 affinché la prima notifica di tale anno (1 marzo) abbia luogo sulla base del nuovo SEC 95.

L'articolo 7 del regolamento (CE) n. 3605/93 autorizza la Commissione ad introdurre i nuovi riferimenti al SEC negli articoli 1 e 4 del predetto regolamento. Piccole modifiche vengono tuttavia proposte anche per altri articoli del vecchio regolamento; la proposta di regolamento del Consiglio include pertanto tutte le modifiche necessarie. La base giuridica corrispondente è il terzo comma dell'articolo 104, paragrafo 14 (già articolo 104 C, paragrafo 14) che prevede la consultazione del Parlamento europeo.

Proposta di REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO che modifica il regolamento (CE) n. 3605/93 relativo all'applicazione del protocollo sulla procedura per i disavanzi eccessivi, allegato al trattato che istituisce la Comunità europea

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l'articolo 104, paragrafo 14, terzo comma,

vista la proposta della Commissione [1],

[1] GU C

visto il parere del Parlamento europeo [2],

[2] GU C

(1) considerando che le definizioni di « pubblico », « disavanzo » e « investimento » sono formulate nel protocollo sulla procedura per i disavanzi eccessivi allegato al trattato che istituisce la Comunità europea e nel regolamento (CE) n. 3605/93 del Consiglio del 22 novembre 1993 [3] con riferimento al Sistema europeo di conti economici integrati; che il regolamento (CE) n. 2223/96 del Consiglio del 25 giugno 1996 [4] ha sostituito il predetto sistema con il sistema europeo dei conti nazionali e regionali nella Comunità (denominato in appresso « SEC 95 »);

[3] GU L 332 del 31.12.1993, pag. 7.

[4] GU L 310 del 30.11.1996, pag. 1.

(2) considerando che la definizione di « debito pubblico » contenuta nel protocollo sulla procedura per i disavanzi eccessivi allegato al trattato che istituisce la Comunità europea e nel regolamento (CE) n. 3605/93 del Consiglio deve essere nuovamente precisata con riferimento ai codici della nomenclatura del SEC 95; che nel caso degli strumenti finanziari derivati, come definiti nel SEC 95, non esiste valore nominale identico a quello che si osserva per gli altri strumenti di debito; che pertanto gli strumenti finanziari derivati non devono essere inclusi nelle passività costitutive del debito pubblico ai fini del protocollo sulla procedura relativa ai disavanzi eccessivi; che inoltre per le passività denominate in valuta estera che sono oggetto di accordi sul tasso di cambio occorre tenere conto di questo tasso al momento della conversione nella moneta nazionale e che quanto precede si applica anche quando gli accordi riguardano i tassi di cambio tra valute estere;

(3) considerando inoltre che occorre rendere coerente il calcolo dei rapporti tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo e tra il debito pubblico e il prodotto interno lordo, di cui all'articolo 104 del trattato, sulla base del SEC 95; che il SEC 95 fornisce una definizione dettagliata ed appropriata del prodotto interno lordo ai prezzi di mercato corretti;

(4) considerando che le spese consolidate per interessi delle amministrazioni pubbliche sono un indicatore importante per la sorveglianza dell'evoluzione della situazione di bilancio negli Stati membri; che le spese per interessi sono intrinsecamente connesse al debito pubblico; che il debito pubblico che gli Stati membri devono notificare alla Commissione deve essere consolidato all'interno delle amministrazioni pubbliche; che occorre rendere coerenti i livelli del debito pubblico e le spese per interessi; che la metodologia del SEC 95 (punto 1.58) rileva che, per alcuni tipi di analisi, i dati sugli aggregati consolidati sono più significativi dei dati lordi globali; che occorre chiarire con quale modalità le cifre relative alle spese per interessi devono essere fornite dagli Stati membri alla Commissione;

(5) considerando che le definizioni e i codici di nomenclatura del SEC 95 possono essere soggetti a revisione nel quadro della necessaria armonizzazione delle statistiche nazionali o per altre ragioni; che le eventuali revisioni del SEC 95 o modifiche della sua metodologia vengono adottate dal Consiglio o dalla Commissione, in base alle regole di competenza e di procedura fissate dal trattato e dal regolamento (CE) n. 2223/96 del Consiglio;

(6) considerando che l'articolo 8, paragrafo 2 del regolamento (CE) n. 2223/96 del Consiglio stabilisce che il vecchio sistema europeo di conti economici integrati continua ad essere utilizzato nel quadro della procedura relativa ai disavanzi eccessivi per un periodo transitorio fino alla notifica del 1 settembre 1999,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO:

Articolo 1

Il regolamento (CE) n. 3605/93 è modificato come segue:

1) Gli articoli 1 e 2 sono sostituiti dal testo seguente:

« Articolo 1

1. Ai fini del protocollo sulla procedura per i disavanzi eccessivi e ai fini del presente regolamento, i termini che figurano nei paragrafi seguenti sono definiti conformemente al sistema europeo dei conti nazionali e regionali nella Comunità (denominato in appresso « SEC 95 ») adottato dal regolamento (CE) n. 2223/96 del Consiglio del 25 giugno 1996. I codici tra parentesi si riferiscono al SEC 95.

2. Per « pubblico » si intende ciò che riguarda il settore « amministrazioni pubbliche » (S.13), suddiviso nei sottosettori « amministrazioni centrali » (S.1311), « amministrazioni di Stati federati » (S.1312), « amministrazioni locali » (S.1313) e « enti di previdenza e assistenza sociale » (S.1314) ad esclusione delle operazioni commerciali, come definiti nel SEC 95.

L'esclusione delle operazioni commerciali significa che il settore « amministrazioni pubbliche » (S.13) comprende soltanto le unità istituzionali che, a titolo di funzione principale, producono servizi non destinabili alla vendita.

3. Per « disavanzo (o avanzo) pubblico » si intende l'indebitamento (o accreditamento) (B.9) del settore « amministrazioni pubbliche » (S.13), come definito nel SEC 95. Gli interessi compresi nel disavanzo pubblico sono gli interessi (D.41) come definiti nel SEC 95.

4. Per « investimenti pubblici » si intendono gli investimenti fissi lordi (P.51) del settore « amministrazioni pubbliche » (S.13), come definiti nel SEC 95.

5. Per « debito pubblico » si intende il valore nominale di tutte le passività (lorde) del settore « amministrazioni pubbliche » (S.13) in essere alla fine dell'anno, ad eccezione di quelle passività cui corrispondono attività finanziarie detenute dal settore « amministrazioni pubbliche » (S.13).

Il debito pubblico è costituito dalle passività delle amministrazioni pubbliche classificate nelle categorie seguenti: biglietti, monete e depositi (AF.2), titoli diversi dalle azioni, esclusi gli strumenti finanziari derivati (AF.33), e prestiti (AF.4), secondo le definizioni del SEC 95.

Il valore nominale di una passività in essere alla fine dell'anno è il valore facciale.

Il valore nominale di una passività indicizzata corrisponde al valore facciale incrementato del valore maturato alla fine dell'anno in seguito all'indicizzazione.

Le passività denominate in valuta estera sono convertite in moneta nazionale in base al tasso di cambio indicativo del mercato dell'ultimo giorno lavorativo di ciascun anno, ad eccezione delle passività il cui rischio di cambio è coperto da accordi contrattuali. Tali passività sono convertite nella moneta nazionale al tasso convenuto nei predetti accordi.

Articolo 2

Ai fini del protocollo sulla procedura per i disavanzi eccessivi e del presente regolamento il prodotto interno lordo è il prodotto interno lordo ai prezzi di mercato (PIL pm) (B.1*g), come definito nel SEC 95 ».

2) All'articolo 4, paragrafo 2, i codici dei sottosettori S61, S62 e S63, menzionati alla fine del secondo trattino, sono sostituiti dai codici S.1311, S.1312, S.1313 e S.1314.

3) Alla fine dell'articolo 5, i termini « e per interessi » sono sostituiti dai termini « e per interessi (consolidati) ».

4) L'articolo 7 è sostituito dal testo seguente :

« Articolo 7

In caso di revisione del SEC 95 o di modifica della sua metodologia, che dovrà essere decisa dal Consiglio o dalla Commissione, in base alle norme in materia di competenza e alle norme procedurali definite dal trattato e dal regolamento (CE) n. 2223/96, la Commissione introduce negli articoli 1, 2 e 4 i nuovi riferimenti al SEC 95».

Articolo 2

Il presente regolamento entra in vigore il 1 gennaio 2000.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il

Per il Consiglio

Il Presidente

Top