Accept Refuse

EUR-Lex Access to European Union law

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 32014L0045

Direttiva 2014/45/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 3 aprile 2014 , relativa ai controlli tecnici periodici dei veicoli a motore e dei loro rimorchi e recante abrogazione della direttiva 2009/40/CE Testo rilevante ai fini del SEE

OJ L 127, 29.4.2014, p. 51–128 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, HR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

In force

ELI: http://data.europa.eu/eli/dir/2014/45/oj

29.4.2014   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 127/51


DIRETTIVA 2014/45/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

del 3 aprile 2014

relativa ai controlli tecnici periodici dei veicoli a motore e dei loro rimorchi e recante abrogazione della direttiva 2009/40/CE

(Testo rilevante ai fini del SEE)

IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA,

visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea, in particolare l’articolo 91,

vista la proposta della Commissione europea,

previa trasmissione del progetto di atto legislativo ai parlamenti nazionali,

visto il parere del Comitato economico e sociale europeo (1),

previa consultazione del Comitato delle regioni,

deliberando secondo la procedura legislativa ordinaria (2),

considerando quanto segue:

(1)

Nel suo Libro bianco del 28 marzo 2011 intitolato «Tabella di marcia verso uno spazio unico europeo dei trasporti — Per una politica dei trasporti competitiva e sostenibile» la Commissione stabilisce un obiettivo «zero vittime», attraverso il quale l’Unione dovrebbe avvicinarsi al risultato di azzerare le vittime della circolazione stradale entro il 2050. Nell’ottica del raggiungimento di tale obiettivo, si prevede che la tecnologia dei veicoli contribuirà in modo sostanziale al miglioramento dei risultati in termini di sicurezza del traffico stradale.

(2)

La Commissione, nella sua comunicazione intitolata «Verso uno spazio europeo della sicurezza stradale: orientamenti 2011-2020 per la sicurezza stradale», ha proposto di dimezzare ulteriormente il numero complessivo di vittime della strada nell’Unione entro il 2020, iniziando dal 2010. Nell’ottica del raggiungimento di tale obiettivo, la Commissione ha definito sette obiettivi strategici e identificato azioni dirette a realizzare veicoli più sicuri, una strategia per ridurre il numero di feriti e misure per il miglioramento della sicurezza degli utenti della strada più vulnerabili, in particolare dei motociclisti.

(3)

Il controllo tecnico dei veicoli rientra in un regime più ampio concepito per garantire che i veicoli siano mantenuti in condizioni sicure e accettabili sotto il profilo ambientale durante l’uso. Tale regime dovrebbe prevedere controlli tecnici periodici dei veicoli e controlli tecnici su strada dei veicoli utilizzati per attività di trasporto commerciale su strada nonché disposizioni relative a una procedura di immatricolazione dei veicoli tale da consentire di sospendere l’autorizzazione alla circolazione stradale del veicolo ove esso rappresenti un rischio immediato per la sicurezza stradale. I controlli periodici dovrebbero costituire lo strumento principale per garantire la conformità. I controlli tecnici su strada per i veicoli commerciali dovrebbero avere natura esclusivamente complementare ai controlli periodici.

(4)

Agli Stati membri dovrebbe essere concessa la facoltà di stabilire norme più rigorose di quelle previste dalla presente direttiva.

(5)

L’esecuzione delle misure relative ai controlli tecnici può includere campagne di sensibilizzazione incentrate sui proprietari dei veicoli finalizzate a sviluppare le buone prassi e l’abitudine di effettuare controlli di base sui propri veicoli.

(6)

I veicoli il cui funzionamento tecnico presenti anomalie hanno incidenza sulla sicurezza stradale e possono provocare incidenti stradali con feriti o morti. Tale incidenza potrebbe essere ridotta se venissero introdotti adeguati miglioramenti al sistema dei controlli tecnici L’accertamento tempestivo di anomalie tecniche nei veicoli a motore favorirebbe la riparazione delle stesse, prevenendo pertanto gli incidenti.

(7)

I veicoli in cui i dispositivi di controllo delle emissioni non funzionano correttamente hanno un impatto ambientale maggiore di quelli sottoposti a una corretta manutenzione. Pertanto, un regime periodico di controlli tecnici contribuirebbe a migliorare l’ambiente attraverso la riduzione delle emissioni medie per veicolo.

(8)

Gli Stati membri dovrebbero valutare misure appropriate onde evitare manipolazioni o manomissioni negative di elementi o componenti del veicolo che potrebbero incidere negativamente sulla sicurezza richiesta e sulle caratteristiche ambientali del veicolo, segnatamente tramite controlli tecnici regolari, che prevedano sanzioni efficaci, proporzionate, dissuasive e non discriminatorie.

(9)

Negli ultimi vent’anni i requisiti per l’omologazione in materia di emissioni dei veicoli sono stati progressivamente inaspriti. La qualità dell’aria non risulta tuttavia migliorata come previsto a seguito del maggiore rigore delle norme in materia di emissioni dei veicoli, specialmente per quanto riguarda gli ossidi di azoto (NOx) e il particolato sottile. Occorre esaminare con particolare attenzione le possibilità di migliorare i cicli di prova al fine di meglio riprodurre le condizioni di uso su strada onde sviluppare soluzioni future, tra cui l’introduzione di metodi di controllo per la misurazione dei livelli di NOx e di valori limiti per le emissioni di NOx.

(10)

Per i veicoli conformi alle classi di emissioni euro 6 ed euro VI, i sistemi di diagnostica di bordo (OBD) presentano sempre maggiore efficacia nella valutazione delle emissioni e ciò giustifica il loro impiego ai fini dei controlli tecnici come equivalente ai controlli standard delle emissioni. Nell’ottica di disporre l’utilizzazione dei sistemi OBD nei controlli tecnici per i veicoli fino alle classi di emissioni euro 5 ed euro V è opportuno che gli Stati membri possano consentire tale metodo di prova per tali veicoli, in conformità delle raccomandazioni del costruttore e di altri requisiti, a condizione che l’equivalenza, tenendo conto della pertinente normativa in materia di omologazione, sia stata accertata in modo indipendente.

(11)

Numerose norme tecniche e requisiti sulla sicurezza dei veicoli sono stati adottati nell’Unione. È necessario garantire attraverso un regime di controlli tecnici periodici che i veicoli continuino a rispettare gli standard di sicurezza. Tale regime dovrebbe applicarsi a talune categorie di veicoli definite nelle direttive del Parlamento europeo e del Consiglio 2002/24/CE (3), 2003/37/CE (4) e 2007/46/CE (5).

(12)

I trattori a ruote con una velocità massima superiore a 40 km/h sono sempre più spesso utilizzati per sostituire i veicoli pesanti nelle attività di trasporto locali e di trasporto di merci su strada. Il loro rischio potenziale è paragonabile a quello dei veicoli pesanti e i veicoli di tale categoria, utilizzati soprattutto su strade pubbliche, dovrebbero pertanto essere sottoposti a controlli tecnici.

(13)

Si ritiene che il valore dei veicoli di interesse storico consista nel preservare il patrimonio del periodo storico in cui sono stati costruiti e che essi siano utilizzati solo raramente sulla rete stradale pubblica. Dovrebbe essere lasciato alla decisione degli Stati membri stabilire la periodicità dei controlli tecnici per questo tipo di veicoli. Dovrebbe inoltre spettare agli Stati membri regolamentare i controlli tecnici riguardanti altri tipi di veicoli speciali.

(14)

I veicoli utilizzati esclusivamente in territori remoti degli Stati membri, in particolare nelle piccole isole con meno di 5 000 abitanti o nelle zone scarsamente popolate con una densità di popolazione inferiore a cinque persone per chilometro quadrato, sono utilizzati in condizioni che possono richiedere un regime di controlli tecnici specifico. È pertanto opportuno concedere agli Stati membri la facoltà di esentare tali veicoli dall’applicazione della presente direttiva.

(15)

I controlli tecnici sono una prerogativa delle autorità pubbliche e dovrebbero essere quindi effettuati dagli Stati membri o da organismi incaricati, pubblici o privati, sotto la loro supervisione. Gli Stati membri dovrebbero conservare la responsabilità dei controlli tecnici in ogni caso anche se il sistema nazionale consente di autorizzare a effettuare controlli tecnici soggetti privati, compresi quelli che effettuano anche riparazioni di veicoli.

(16)

Agli Stati membri dovrebbe essere concessa la facoltà di designare centri di controllo, situati al di fuori del loro territorio, a effettuare controlli tecnici di veicoli immatricolati nel loro territorio, se tali centri di controllo sono già stati autorizzati a effettuare controlli di veicoli dallo Stato membro nel quale sono situati.

(17)

Ai fini del controllo dei veicoli, in particolare per quanto attiene ai loro componenti di sicurezza elettronici è fondamentale poter accedere alle specifiche tecniche di ogni singolo veicolo. Di conseguenza i costruttori di veicoli dovrebbero fornire i dati necessari per la verifica del funzionamento dei componenti relativi alla sicurezza e alla tutela dell’ambiente. Le disposizioni sull’accesso alle informazioni a fini di riparazione e manutenzione dovrebbero essere applicate in modo analogo a questo fine, consentendo ai centri di controllo di accedere alle informazioni necessarie per effettuare i controlli tecnici. I dati dovrebbero contenere informazioni dettagliate che consentano di controllare la funzionalità dei sistemi di sicurezza del veicolo, in modo tale da poterli testare nel contesto di un controllo tecnico periodico. Ciò è particolarmente importante nel settore dei sistemi a controllo elettronico e dovrebbe riguardare tutti gli elementi che sono stati installati dal costruttore.

(18)

I veicoli utilizzati sulle strade pubbliche dovrebbero essere in condizioni di conformità al momento dell’uso. L’intestatario della carta di circolazione e, se del caso, l’utilizzatore del veicolo dovrebbero essere responsabili della conservazione del veicolo in condizioni di conformità.

(19)

Ai fini della sicurezza stradale e dell’impatto sulla società è opportuno che i veicoli utilizzati nella circolazione stradale siano in condizioni tecniche corrette. Pertanto, agli Stati membri non dovrebbe essere precluso, su basi volontarie, di consentire controlli tecnici supplementari.

(20)

Per permettere una certa flessibilità agli intestatari di una carta di circolazione e agli operatori, gli Stati membri dovrebbero avere la possibilità di specificare un periodo di alcune settimane durante il quale effettuare il controllo tecnico.

(21)

I controlli da effettuare durante il ciclo di vita di un veicolo dovrebbero essere relativamente semplici, rapidi e poco costosi, ma al tempo stesso efficaci ai fini del conseguimento degli obiettivi della presente direttiva.

(22)

I controlli tecnici dovrebbero riguardare tutti gli aspetti specifici attinenti alla progettazione, alla costruzione e all’equipaggiamento del veicolo sottoposto a controllo. La compatibilità tra parti e componenti, ad esempio tra ruote e mozzo, dovrebbe essere considerata un fattore critico per la sicurezza e dovrebbe essere verificata nel corso dei controlli tecnici. Nell’ambito di questi elementi e considerando lo stato attuale della tecnologia dei veicoli, è opportuno includere i moderni sistemi elettronici nell’elenco degli elementi da controllare. Nell’ottica dell’ulteriore armonizzazione del controllo tecnico dei veicoli a motore è opportuno stabilire metodi di prova raccomandati per ciascuno di tali elementi. Tali elementi dovrebbero essere aggiornati per tenere conto dell’evoluzione della ricerca e dei progressi tecnici nel settore della sicurezza dei veicoli.

(23)

Al fine di facilitare l’armonizzazione e assicurare la coerenza delle norme, dovrebbe essere previsto un elenco non tassativo delle principali ragioni che conducono a esito negativo del controllo in relazione a tutti gli elementi oggetto del controllo. Per conseguire una coerenza nel giudizio sulle condizioni del veicolo oggetto del controllo, le carenze individuate dovrebbero essere esaminate secondo un criterio comune.

(24)

Allo scopo di una migliore applicazione del principio della libera circolazione all’interno dell’Unione, ai fini della reimmatricolazione di un veicolo gli Stati membri dovrebbero riconoscere i certificati di controllo tecnico rilasciati da altri Stati membri. Tale circostanza non dovrebbe ostare al diritto di uno Stato membro di verificare il certificato di controllo tecnico e l’identificazione del veicolo nel corso della reimmatricolazione ed esigere un nuovo controllo tecnico alle condizioni di cui alla presente direttiva.

(25)

La frode relativa al contachilometri dovrebbe inoltre essere considerata un reato passibile di sanzione dato che la manipolazione del contachilometri può portare a una valutazione non corretta della conformità di un veicolo. L’indicazione nel certificato di revisione dei chilometri percorsi e l’accesso degli ispettori a tale informazione dovrebbe facilitare l’individuazione di manomissioni o manipolazioni del contachilometri. La Commissione dovrebbe valutare lo scambio di dati sulle letture dei contachilometri tra le autorità competenti degli Stati membri.

(26)

Al termine di ogni controllo dovrebbe essere rilasciato un certificato di revisione. Questo dovrebbe includere, tra l’altro, informazioni sull’identità del veicolo e informazioni sui risultati del controllo. Il risultato del controllo tecnico dovrebbe essere reso disponibile per via elettronica. Nell’ottica di assicurare un appropriato seguito ai controlli tecnici, gli Stati membri dovrebbero raccogliere e conservare tali informazioni in una banca dati, specialmente ai fini dell’analisi dei risultati dei controlli tecnici periodici.

(27)

L’intestatario della carta di circolazione e, se del caso, l’utilizzatore del veicolo sottoposto a un controllo tecnico nel corso del quale vengono individuate delle carenze, in particolare quelle che rappresentano un rischio per la sicurezza stradale, dovrebbe correggere tali carenze senza ulteriori ritardi. Nel caso di carenze pericolose, potrebbe risultare necessario sottoporre a restrizioni l’uso del veicolo fino a quando tali carenze non siano state pienamente corrette.

(28)

Se il veicolo controllato rientra in una categoria di veicoli non soggetti a immatricolazione nello Stato membro in cui è entrato in servizio, a detto Stato membro dovrebbe essere consentito di esigere che l’attestato di avvenuto superamento del controllo sia esposto in modo visibile sul veicolo.

(29)

Al fine di raggiungere un elevato livello qualitativo dei controlli tecnici in tutta l’Unione, è opportuno verificare le attrezzature che devono essere utilizzate durante il controllo, nonché la loro manutenzione e taratura facendo riferimento alle specifiche previste dagli Stati membri o dai costruttori.

(30)

Dovrebbe essere possibile utilizzare attrezzature alternative frutto dei progressi tecnologici e dell’innovazione a condizione che sia assicurato un livello di elevata qualità dei controlli.

(31)

Quando autorizzano centri di controllo nel loro territorio, gli Stati membri dovrebbero tenere conto del fatto che la direttiva 2006/123/CE del Parlamento europeo e del Consiglio (6) esclude dal proprio ambito di applicazione servizi d’interesse generale nel settore dei trasporti.

(32)

I centri di controllo dovrebbero assicurare l’obiettività e l’elevata qualità del controllo dei veicoli. Per soddisfare i requisiti minimi in termini di gestione della qualità, i centri di controllo dovrebbero pertanto rispettare i requisiti stabiliti dallo Stato membro che concede l’autorizzazione.

(33)

Gli standard elevati dei controlli tecnici richiedono che il personale che effettua i controlli possieda un livello elevato di capacità e di competenze. È opportuno quindi introdurre un sistema di formazione che comprenda una formazione iniziale e corsi periodici di aggiornamento o un esame appropriato. Dovrebbe essere definito un periodo transitorio per consentire il passaggio senza difficoltà del personale attuale addetto ai controlli a un regime di formazione periodico o di esame. Al fine di assicurare standard elevati in materia di formazione, competenze e controllo, agli Stati membri dovrebbe essere consentito di prescrivere competenze supplementari e corrispondenti requisiti in materia di formazione.

(34)

È opportuno che gli ispettori, durante l’effettuazione dei controlli, agiscano in modo indipendente e che il loro giudizio non sia condizionato da conflitti di interesse, compresi quelli di natura economico o personale. È opportuno che il compenso degli ispettori non sia direttamente collegato ai risultati dei controlli tecnici. Gli Stati membri dovrebbero poter prescrivere requisiti in materia di separazione delle attività o autorizzare un organismo privato a effettuare i controlli tecnici e le riparazioni di veicoli, anche sullo stesso veicolo, qualora l’organo di controllo abbia accertato positivamente che resta mantenuto un elevato livello di obiettività.

(35)

I risultati di un controllo tecnico non dovrebbero essere modificati per fini commerciali. Solo se i risultati del controllo tecnico effettuato da un ispettore sono manifestamente errati, l’organo di supervisione dovrebbe poterli modificare.

(36)

Al fine di assicurare che l’elevata qualità dei controlli possa essere mantenuta nel tempo gli Stati membri dovrebbero istituire un sistema di garanzia della qualità che comprenda le procedure di autorizzazione, supervisione, revoca, sospensione o cancellazione dell’autorizzazione a effettuare controlli tecnici.

(37)

L’accreditamento dei centri di controllo ai sensi del regolamento (CE) n. 765/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio (7) non dovrebbe costituire un obbligo per gli Stati membri.

(38)

In diversi Stati membri numerosi centri di controllo privati autorizzati eseguono controlli tecnici. Per garantire l’efficacia dello scambio di informazioni fra gli Stati membri a tale riguardo, dovrebbero essere designati punti di contatto nazionali.

(39)

I controlli tecnici rientrano in un regime di controlli più ampio, che segue i veicoli per tutto il loro ciclo di vita, dall’omologazione attraverso le immatricolazioni e i controlli fino alla demolizione. Lo scambio di informazioni contenute nelle banche dati elettroniche dei veicoli nazionali e dei costruttori in linea di principio dovrebbe contribuire a migliorare l’efficienza dell’intera catena amministrativa del veicolo e a ridurre i costi e gli oneri amministrativi. La Commissione dovrebbe esaminare la fattibilità, i costi e i vantaggi dell’istituzione di una piattaforma elettronica di informazioni sui veicoli avvalendosi delle soluzioni informatiche esistenti già attuate in materia di scambi di dati internazionali, in modo da ridurre al minimo i costi ed evitare duplicazioni. Nell’effettuare tale esame, la Commissione dovrebbe tener conto del modo più adeguato di collegare i sistemi nazionali esistenti al fine dello scambio di informazioni sui dati relativi ai controlli tecnici e alle letture del contachilometri tra le autorità competenti degli Stati membri responsabili per il controllo, l’immatricolazione e l’omologazione dei veicoli, i centri di controllo, i produttori di strumenti di collaudo e i costruttori dei veicoli. La Commissione dovrebbe esaminare la fattibilità, i costi e i vantaggi della raccolta e archiviazione dei dati disponibili riguardanti i componenti maggiormente legati alla sicurezza di veicoli coinvolti in incidenti gravi nonché le possibilità per rendere disponibili, in forma anonima, i dati sulla cronistoria di incidenti e le letture del contachilometri agli ispettori,agli intestatari di carte di circolazione e ai ricercatori sugli incidenti.

(40)

Al fine di garantire condizioni uniformi di applicazione della presente direttiva, alla Commissione dovrebbero essere attribuite competenze di esecuzione. Tali competenze di esecuzione dovrebbero essere esercitate conformemente al regolamento (UE) n. 182/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio (8).

(41)

La Commissione dovrebbe astenersi dall’adottare atti di esecuzione per quanto riguarda i dati che i costruttori di veicoli rendono disponibili ai fini del controllo tecnico qualora il comitato istituito a norma della presente direttiva non esprima alcun parere sul progetto di atto di esecuzione presentato dalla Commissione.

(42)

Al fine di aggiornare le designazioni delle categorie di veicoli di cui all’articolo 2, paragrafo 1, e all’articolo 5, paragrafi 1 e 2, di aggiornare il punto 3 dell’allegato I, per quanto riguarda i metodi, e di adattare il punto 3 dell’allegato I, in relazione all’elenco dei componenti, metodi e accertamento delle carenze, dovrebbe essere delegato alla Commissione il potere di adottare atti conformemente all’articolo 290 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea. È di particolare importanza che durante i lavori preparatori la Commissione svolga adeguate consultazioni, anche a livello di esperti. Nella preparazione e nell’elaborazione degli atti delegati la Commissione dovrebbe provvedere alla contestuale, tempestiva e appropriata trasmissione dei documenti pertinenti al Parlamento europeo e al Consiglio.

(43)

La conformità dei veicoli ha un’incidenza diretta sulla sicurezza stradale e pertanto dovrebbe essere riesaminata periodicamente. La Commissione dovrebbe riferire sull’efficacia delle disposizioni della presente direttiva, tra cui quelle concernenti l’ambito di applicazione, la periodicità dei controlli, l’ulteriore perfezionamento del sistema di controllo tecnico tramite lo scambio elettronico di dati nonché l’eventuale futuro riconoscimento reciproco dei certificati di revisione.

(44)

Gli impianti e le apparecchiature utilizzati nei centri di controllo tecnico dovrebbero rispondere ai requisiti stabiliti per effettuare i suddetti controlli. Dato che ciò richiede importanti investimenti e adattamenti che è possibile non possano essere effettuati immediatamente, dovrebbe essere concesso un periodo di cinque per conformarsi ai suddetti requisiti. Un periodo di cinque anni dovrebbe essere analogamente accordato per permettere agli organismi di supervisione di rispettare tutti i criteri e requisiti relativi all’autorizzazione e alla supervisione dei centri di controllo.

(45)

Poiché l’obiettivo della presente direttiva, vale a dire migliorare la sicurezza stradale mediante l’adozione di requisiti minimi comuni e norme armonizzate relativi ai controlli tecnici dei veicoli a motore all’interno dell’Unione, non può essere conseguito in misura sufficiente dagli Stati membri, ma, a motivo della portata dell’azione in questione, può essere conseguito meglio a livello dell’Unione, quest’ultima può intervenire in base al principio di sussidiarietà sancito dall’articolo 5 del trattato sull’Unione europea. La presente direttiva si limita a quanto è necessario per conseguire tale obiettivo, in ottemperanza al principio di proporzionalità enunciato nello stesso articolo.

(46)

La presente direttiva rispetta i diritti fondamentali e osserva i principi riconosciuti, in particolare, nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, di cui all’articolo 6 del trattato sull’Unione europea.

(47)

La presente direttiva integra e aggiorna le norme contenute nella raccomandazione 2010/378/UE della Commissione (9) al fine di regolamentare meglio i risultati del controllo tecnico dei veicoli a motore.

(48)

La presente direttiva aggiorna i requisiti tecnici stabiliti dalla direttiva 2009/40/CE del Parlamento europeo e del Consiglio (10) e ne estende l’ambito di applicazione al fine di includere in particolare disposizioni concernenti l’istituzione di centri di controllo e dei loro organismi di supervisione nonché la designazione di ispettori incaricati di effettuare i controlli tecnici dei veicoli a motore. È pertanto opportuno abrogare tale direttiva,

HANNO ADOTTATO LA PRESENTE DIRETTIVA:

CAPO I

OGGETTO, DEFINIZIONI E AMBITO DI APPLICAZIONE

Articolo 1

Oggetto

La presente direttiva stabilisce requisiti minimi per un regime periodico di controlli tecnici dei veicoli a motore utilizzati sulle strade pubbliche.

Articolo 2

Ambito di applicazione

1.   La presente direttiva si applica ai veicoli con una velocità di progetto superiore a 25 km/h delle seguenti categorie, con riferimento alla direttiva 2002/24/CE, alla direttiva 2003/37/CE e alla direttiva 2007/46/CE:

veicoli a motore, progettati e costruiti essenzialmente per il trasporto di persone e dei loro bagagli, aventi non più di otto posti a sedere oltre al posto a sedere del conducente — veicoli della categoria M1,

veicoli a motore progettati e costruiti essenzialmente per il trasporto di persone e dei loro bagagli, aventi più di otto posti a sedere oltre al posto a sedere del conducente — veicoli delle categorie M2 e M3,

veicoli a motore, progettati e costruiti essenzialmente per il trasporto di merci, aventi una massa massima non superiore a 3,5 tonnellate — veicoli di categoria N1,

veicoli a motore progettati e costruiti essenzialmente per il trasporto di merci aventi una massa massima superiore a 3,5 tonnellate — veicoli delle categorie N2 e N3,

rimorchi progettati e costruiti per il trasporto di merci o persone, nonché per l’alloggiamento di persone, aventi una massa massima superiore a 3,5 tonnellate — veicoli delle categorie O3 e O4;

dal 1o gennaio 2022, veicoli a due o tre ruote — veicoli delle categorie L3e, L4e, L5e e L7e, con motori di cilindrata superiore a 125 cm3,

trattori a ruote della categoria T5 utilizzati principalmente sulle strade pubbliche con una velocità massima di progetto superiore a 40 km/h.

2.   Gli Stati membri possono escludere dall’ambito di applicazione della presente direttiva i seguenti veicoli immatricolati nel loro territorio:

veicoli utilizzati in condizioni eccezionali e veicoli che non sono mai, o quasi mai, utilizzati sulle strade pubbliche, quali veicoli di interesse storico o veicoli da competizione,

veicoli che godono di immunità diplomatica,

veicoli utilizzati dalle forze armate, dalle forze responsabili dell’ordine pubblico, dai vigili del fuoco, dalla protezione civile, dai servizi di emergenza o di soccorso,

veicoli utilizzati per attività agricole, orticole, forestali o della pesca esclusivamente nel territorio dello Stato membro e principalmente nelle zone in cui si svolgono dette attività, comprese strade agricole e forestali o terreni agricoli,

veicoli utilizzati esclusivamente nelle piccole isole o nelle zone scarsamente popolate,

veicoli speciali per il trasporto di attrezzature per circhi e giostre con una velocità massima di progetto non superiore a 40 km/h e che operano solo nel territorio dello Stato membro interessato,

veicoli delle categorie L3e, L4e, L5e e L7e, con motore di cilindrata superiore a 125 cm3, qualora gli Stati membri abbiano posto in essere efficaci misure alternative in materia di sicurezza stradale per veicoli a due o tre ruote, tenendo in considerazione in particolare le pertinenti statistiche in materia di sicurezza stradale riguardanti gli ultimi cinque anni. Gli Stati membri notificano tali esenzioni alla Commissione.

3.   Gli Stati membri possono introdurre requisiti nazionali relativi ai controlli tecnici per i veicoli immatricolati nel loro territorio che non rientrano nell’ambito di applicazione della presente direttiva o per i veicoli di cui al paragrafo 2.

Articolo 3

Definizioni

Unicamente ai fini della presente direttiva si intende per:

1)   «veicolo»: ogni veicolo a motore a eccezione di quelli su rotaia o il suo rimorchio;

2)   «veicolo a motore»: ogni veicolo su ruote semovente azionato da un motore, con una velocità massima di progetto superiore a 25 km/h;

3)   «rimorchio»: ogni veicolo su ruote non semovente progettato e fabbricato per essere trainato da un veicolo a motore;

4)   «semirimorchio»: ogni rimorchio progettato per essere agganciato a un veicolo a motore in modo che parte di esso poggi sul veicolo a motore e che una parte importante della sua massa e la massa del suo carico sia trasportata dal veicolo a motore;

5)   «veicolo a due o tre ruote»: ogni veicolo a motore su due ruote con o senza sidecar, triciclo e quadriciclo;

6)   «veicolo immatricolato in uno Stato membro»: ogni veicolo immatricolato o immesso in servizio in uno Stato membro;

7)   «veicolo di interesse storico»: ogni veicolo considerato storico dallo Stato membro d’immatricolazione o da uno dei suoi organismi di autorizzazione designati e che risponda alle seguenti condizioni:

sia stato costruito o immatricolato per la prima volta almeno trent’anni fa,

il suo tipo specifico, ai sensi del diritto unionale o nazionale pertinente, non sia più in produzione,

sia preservato e mantenuto storicamente nel suo stato originario e non abbia subito modifiche sostanziali nelle caratteristiche tecniche delle sue componenti principali;

8)   «intestatario di una carta di circolazione»: la persona fisica o giuridica al cui nome il veicolo è immatricolato;

(9)   «controllo tecnico»: un’ispezione, a norma dell’allegato I, intesa ad assicurare che un veicolo possa essere utilizzato in condizioni di sicurezza sulle strade pubbliche e sia conforme alle caratteristiche ambientali richieste e obbligatorie;

(10)   «omologazione»: la procedura con cui uno Stato membro certifica che un veicolo è conforme alle pertinenti disposizioni amministrative e prescrizioni tecniche di cui alla direttiva 2002/24/CE, alla direttiva 2003/37/CE e alla direttiva 2007/46/CE;

(11)   «carenze»: i difetti tecnici e altre tipologie di non conformità riscontrati durante un controllo tecnico;

(12)   «certificato di revisione»: verbale di controllo tecnico rilasciato dall’autorità competente o da un centro di controllo contenente i risultati del controllo tecnico;

(13)   «ispettore»: persona autorizzata da uno Stato membro o dalla sua autorità competente a effettuare i controlli tecnici in un centro di controllo o, ove opportuno, per conto di un’autorità competente;

(14)   «autorità competente»: un’autorità o organismo pubblico a cui uno Stato membro conferisce la responsabilità della gestione del sistema di controllo tecnico, compresa, se del caso, l’esecuzione dei controlli tecnici;

(15)   «centro di controllo»: organismo o soggetto pubblico o privato autorizzato da uno Stato membro a eseguire controlli tecnici;

(16)   «organismo di supervisione»: organismo istituito da uno Stato membro, responsabile della supervisione dei centri di controllo; l’organismo di supervisione può far parte dell’autorità o delle autorità competenti;

(17)   «piccola isola»: un’isola con meno di 5 000 abitanti e non collegata ad altre parti del territorio da ponti stradali o gallerie stradali;

(18)   «zona scarsamente popolata»: una zona prestabilita con una densità di popolazione inferiore a cinque persone per chilometro quadrato;

(19)   «strada pubblica»: una strada di pubblica utilità, come le strade locali, regionali o nazionali, le strade a scorrimento veloce, le superstrade o le autostrade.

CAPO II

OBBLIGHI GENERALI

Articolo 4

Responsabilità

1.   Ciascuno Stato membro provvede affinché i veicoli immatricolati nel suo territorio siano sottoposti a un controllo periodico a norma della presente direttiva effettuato da centri di controllo autorizzati dallo Stato membro nel quale tali veicoli sono immatricolati.

2.   I controlli tecnici sono effettuati dallo Stato membro o da un organismo pubblico a cui tale compito è affidato dallo Stato oppure da organismi o soggetti designati da tale Stato e sottoposti alla sua supervisione, compresi soggetti privati autorizzati.

3.   In conformità dei principi enunciati dal regolamento (CE) n. 715/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio (11) e dal regolamento (CE) n. 595/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio (12), entro il 20 maggio 2018 la Commissione adotta mediante atti di esecuzione:

a)

un insieme di informazioni tecniche sui dispositivi di frenatura, lo sterzo, la visibilità, i fari, i catadiottri, i circuiti elettrici, gli assi, i pneumatici, le sospensioni, il telaio, gli elementi fissati al telaio, gli altri equipaggiamenti e l’inquinamento necessarie al controllo tecnico delle componenti da controllare e l’uso dei metodi di controllo raccomandati, a norma dell’allegato I, punto 3; e

b)

le norme dettagliate riguardanti il formato dei dati e le procedure di accesso alle informazioni tecniche pertinenti.

Tali atti di esecuzione sono adottati conformemente alla procedura d’esame di cui all’articolo 19, paragrafo 2.

I costruttori mettono a disposizione dei centri di controllo e delle autorità competenti pertinenti le informazioni tecniche di cui al primo comma, lettera a), a titolo gratuito o a un prezzo ragionevole e con modalità non discriminatorie.

La Commissione esamina la fattibilità della creazione di un unico punto di accesso a tali informazioni tecniche.

4.   Gli Stati membri assicurano che la legislazione nazionale disciplini le responsabilità per quanto riguarda la conservazione del veicolo in condizioni conformi e sicure.

CAPO III

REQUISITI MINIMI RELATIVI AI CONTROLLI TECNICI

Articolo 5

Data e frequenza dei controlli

1.   I veicoli sono soggetti a un controllo tecnico almeno entro i seguenti intervalli, fatto salvo il periodo di flessibilità applicato negli Stati membri a norma del paragrafo 3:

a)

veicoli delle categorie M1 e N1: quattro anni dopo la data alla quale il veicolo è stato immatricolato per la prima volta e successivamente ogni due anni;

b)

veicoli della categoria M1 utilizzati come taxi o ambulanze, veicoli delle categorie M2, M3, N2, N3, O3 e O4: un anno dopo la data alla quale il veicolo è stato immatricolato per la prima volta e successivamente ogni anno;

c)

veicoli di categoria T5 utilizzati soprattutto su strade pubbliche per finalità di trasporto di merci su strada: quattro anni dopo la data alla quale il veicolo è stato immatricolato per la prima volta e successivamente ogni due anni.

2.   Gli Stati membri stabiliscono intervalli appropriati entro i quali i veicoli delle categorie L3e, L4e, L5e e L7e, con motore di cilindrata superiore a 125 cm3, devono essere sottoposti a controllo tecnico.

3.   Gli Stati membri o l’autorità competente possono fissare il periodo ragionevole durante il quale deve essere effettuato il controllo tecnico senza superare gli intervalli di cui al paragrafo 1.

4.   Indipendentemente dalla data in cui è stato effettuato l’ultimo controllo tecnico, lo Stato membro o l’autorità competente interessati possono chiedere che un veicolo sia sottoposto a un controllo tecnico prima delle date di cui ai paragrafi 1 e 2, nei seguenti casi:

dopo un incidente che pregiudichi le principali componenti rilevanti ai fini della sicurezza come ruote, sospensioni, zone di deformazione, sistemi airbag, sterzo o freni,

quando i sistemi e componenti ambientali e di sicurezza del veicolo siano stati alterati o modificati,

quando è cambiato l’intestatario di una carta di circolazione di un veicolo,

quando il veicolo ha raggiunto un chilometraggio di 160 000 km,

qualora la sicurezza stradale sia gravemente compromessa.

Articolo 6

Oggetto e metodi del controllo

1.   Per le categorie di veicoli rientranti nell’ambito di applicazione della presente direttiva, con l’eccezione delle categorie L3e, L4e, L5e e L7e, con motore di cilindrata superiore a 125 cm3, gli Stati membri assicurano che il controllo tecnico riguardi almeno le aree di cui all’allegato I, punto 2.

2.   Per ogni area di cui al paragrafo 1, le autorità competenti dello Stato membro o il centro di controllo effettuano un controllo tecnico che riguardi almeno gli elementi di cui all’allegato I, punto 3, utilizzando il metodo raccomandato o equivalente approvato dall’autorità competente applicabile al controllo di questi elementi, come indicato nell’allegato I, punto 3. Il controllo può comprendere anche una verifica della conformità delle rispettive parti e componenti del veicolo in questione alle caratteristiche ambientali e di sicurezza obbligatorie che erano in vigore al momento dell’omologazione o, se del caso, al momento dell’ammodernamento.

È opportuno che i controlli siano effettuati utilizzando le tecniche e le attrezzature attualmente disponibili e senza l’uso di strumenti per smontare o rimuovere parti del veicolo.

3.   Per le categorie di veicoli L3e, L4e, L5e e L7e, con motore di cilindrata superiore a 125 cm3, gli Stati membri determinano le aree, gli elementi e i metodi appropriati di controllo.

Articolo 7

Valutazione delle carenze

1.   Per ogni elemento da sottoporre al controllo, l’allegato I fornisce un elenco minimo di possibili carenze e del loro livello di gravità.

2.   Le carenze rilevate nel corso dei controlli periodici dei veicoli sono classificate in uno dei seguenti gruppi:

a)

carenze lievi che non hanno conseguenze significative sulla sicurezza del veicolo o ripercussioni sull’ambiente e altri casi lievi di non conformità;

b)

carenze gravi che possono pregiudicare la sicurezza del veicolo o avere ripercussioni sull’ambiente o mettere a repentaglio la sicurezza degli altri utenti della strada o altri casi più gravi di non conformità;

c)

carenze pericolose che costituiscono un rischio diretto e immediato per la sicurezza stradale o hanno ripercussioni sull’ambiente e che giustificano che uno Stato membro o le sue autorità competenti possano vietare l’utilizzo del veicolo sulle strade pubbliche.

3.   Un veicolo con carenze che rientrano in più di un gruppo di carenze di cui al paragrafo 2 è classificato nel gruppo che corrisponde alla carenza più grave. Un veicolo che presenta diverse carenze relative alle stesse aree oggetto del controllo, identificate nell’allegato I, punto 2, può essere classificato nel gruppo di carenze del livello di gravità immediatamente superiore se è possibile dimostrare che l’effetto combinato di tali carenze comporta un rischio più elevato per la sicurezza stradale.

Articolo 8

Certificato di revisione

1.   Gli Stati membri assicurano che i centri di controllo o, se del caso, le autorità competenti che hanno effettuato un controllo tecnico su un veicolo rilascino a quest’ultimo un certificato di revisione che contiene almeno gli elementi standardizzati dei codici armonizzati dell’Unione di cui all’allegato II.

2.   Gli Stati membri assicurano che i centri di controllo o, se del caso, le autorità competenti rendano disponibili alla persona che ha presentato il veicolo al controllo il certificato di revisione o, in caso di certificato di revisione elettronico, una copia cartacea autenticata di tale certificato.

3.   Fatto salvo l’articolo 5, in caso di reimmatricolazione di un veicolo già immatricolato in un altro Stato membro, lo Stato membro riconosce il certificato di revisione rilasciato da tale altro Stato membro, come se avesse esso stesso rilasciato tale certificato, a condizione che il certificato di revisione sia valido tenendo conto della frequenza dei controlli dello Stato membro che effettua la reimmatricolazione. In caso di dubbio, gli Stati membri possono verificare la validità del certificato di revisione prima di riconoscerlo. Gli Stati membri trasmettono alla Commissione una descrizione del certificato di revisione prima del 20 maggio 2018. La Commissione informa il comitato di cui all’articolo 19. Il presente paragrafo non si applica alle categorie di veicolo L3e, L4e, L5e e L7e.

4.   Fatti salvi l’articolo 5, paragrafo 4, e il paragrafo 3 del presente articolo, gli Stati membri riconoscono, in linea di principio, la validità dei certificati di revisione in caso di cambio di proprietà del veicolo che abbia un valido attestato del controllo tecnico periodico.

5.   A decorrere dal 20 maggio 2018 e non oltre il 20 maggio 2021, i centri di controllo comunicano per via elettronica all’autorità competente dello Stato membro interessato le informazioni contenute nei certificati di revisione da essi rilasciati. Tale comunicazione avviene entro un termine ragionevole dopo il rilascio di ogni certificato di revisione. Fino all’ultima data in precedenza menzionata, i centri di controllo possono comunicare le informazioni pertinenti all’autorità competente con qualsiasi altro mezzo. Gli Stati membri stabiliscono il periodo durante il quale l’autorità competente conserva tali informazioni. La durata di tale periodo non deve essere inferiore a 36 mesi, fatti salvi i regimi fiscali nazionali degli Stati membri.

6.   Gli Stati membri provvedono affinché, ai fini del controllo del contachilometri, se di normale dotazione, l’informazione relativa al precedente controllo tecnico sia messa a disposizione degli ispettori non appena disponibile per via elettronica. Qualora si accerti che un contachilometri sia stato manomesso per ridurre o falsare la distanza percorsa da un veicolo, tale manomissione è punibile con sanzioni effettive, proporzionate, dissuasive e non discriminatorie.

7.   Gli Stati membri provvedono affinché i risultati del controllo tecnico siano comunicati o resi disponibili quanto prima all’autorità responsabile dell’immatricolazione del veicolo. Tale comunicazione contiene le informazioni presenti nel certificato di revisione.

Articolo 9

Monitoraggio delle carenze

1.   Unicamente in caso di accertamento di carenze lievi, il controllo si considera superato, le carenze sono corrette e non vi è l’obbligo di ripresentare il veicolo al controllo.

2.   In caso di accertamento di carenze gravi, il controllo si considera non superato. Lo Stato membro o l’autorità competente decide in merito al periodo di tempo durante il quale il veicolo in questione può essere utilizzato prima di essere sottoposto a un altro controllo tecnico. Quest’ultimo avviene nel corso del periodo stabilito dallo Stato membro o dall’autorità competente, ma entro due mesi dal controllo iniziale.

3.   In caso di accertamento di carenze pericolose, il controllo si considera non superato. Lo Stato membro o l’autorità competente può decidere che il veicolo in questione non può essere utilizzato su strade pubbliche e che l’autorizzazione al suo utilizzo su strada è sospesa per un periodo di tempo limitato, senza comportare una nuova procedura di immatricolazione, finché non siano state corrette le carenze e non sia stato rilasciato un nuovo certificato di revisione attestante la conformità del veicolo.

Articolo 10

Attestato di superamento del controllo

1.   Il centro di controllo o, se del caso, l’autorità competente dello Stato membro che ha effettuato il controllo tecnico su un veicolo immatricolato nel suo territorio fornisce un attestato, ad esempio un autoadesivo, un certificato o qualsiasi altra informazione facilmente accessibile, a ogni veicolo che ha superato il controllo. L’attestato indica la data entro la quale deve avvenire il successivo controllo tecnico.

Gli Stati membri trasmettono alla Commissione una descrizione dell’attestato prima del 20 maggio 2018. La Commissione informa a sua volta il comitato di cui all’articolo 19.

2.   Se il veicolo controllato rientra in una categoria di veicoli non soggetti a immatricolazione nello Stato membro in cui è entrato in servizio, detto Stato membro può esigere che l’attestato del controllo superato sia esposto in modo visibile su tale veicolo.

3.   Ai fini della libera circolazione, ogni Stato membro riconosce l’attestato rilasciato da un centro di controllo o dall’autorità competente di un altro Stato membro in conformità al paragrafo 1.

CAPO IV

DISPOSIZIONI AMMINISTRATIVE

Articolo 11

Impianti e apparecchiature di controllo

1.   Gli Stati membri assicurano che gli impianti e le apparecchiature utilizzati per effettuare i controlli tecnici siano conformi ai requisiti tecnici minimi di cui all’allegato III.

2.   Gli Stati membri assicurano che i centri di controllo o, se del caso, l’autorità competente mantengano gli impianti e le apparecchiature di controllo conformi alle specifiche fornite dai costruttori.

3.   Le apparecchiature utilizzate per le misurazioni vengono periodicamente tarate secondo le disposizioni di cui all’allegato III e collaudate in conformità alle specifiche fornite dallo Stato membro oppure dal costruttore delle apparecchiature.

Articolo 12

Centri di controllo

1.   I centri di controllo, nei quali gli ispettori effettuano i controlli tecnici, sono autorizzati da uno Stato membro o dalla sua autorità competente.

2.   Per soddisfare i requisiti minimi in termini di gestione della qualità, i centri di controllo rispettano i requisiti stabiliti dallo Stato membro che rilascia l’autorizzazione. I centri di controllo assicurano l’obiettività e l’elevata qualità dei controlli tecnici.

Articolo 13

Ispettori

1.   Gli Stati membri assicurano che i controlli tecnici siano effettuati da ispettori che soddisfano i requisiti minimi di competenza e formazione di cui all’allegato IV. Gli Stati membri possono introdurre requisiti supplementari specifici in materia di competenza e formazione.

2.   Le autorità competenti o, se del caso, i centri di formazione riconosciuti rilasciano un certificato agli ispettori che soddisfano i requisiti minimi di competenza e formazione. Tale certificato comprende almeno le informazioni menzionate all’allegato IV, punto 3.

3.   Gli ispettori impiegati o autorizzati da autorità competenti degli Stati membri o da un centro di controllo al 20 maggio 2018 sono esentati dai requisiti di cui all’allegato IV, punto 1.

4.   Al momento di effettuare un controllo tecnico, l’ispettore deve essere esente da conflitti di interesse, in modo da assicurare, con piena soddisfazione dello Stato membro o dell’autorità competente interessati, che è mantenuto un elevato livello di imparzialità e obiettività.

5.   La persona che presenta il veicolo al controllo è informata delle carenze riscontrate nel veicolo e da correggere.

6.   I risultati del controllo tecnico possono essere modificati, se del caso, solo dall’organismo di supervisione o secondo la procedura stabilita dall’autorità competente, se le risultanze del controllo tecnico sono manifestamente errate.

Articolo 14

Supervisione dei centri di controllo

1.   Gli Stati membri provvedono alla supervisione dei centri di controllo.

2.   Un organismo di supervisione svolge almeno i compiti previsti all’allegato V, punto 1, e soddisfa i requisiti stabiliti ai punti 2 e 3 di tale allegato.

Gli Stati membri rendono pubbliche le norme e procedure concernenti l’organizzazione, i compiti e i requisiti, anche in materia di indipendenza, applicabili al personale degli organismi di supervisione.

3.   I centri di controllo gestiti direttamente da un’autorità competente sono esentati dai requisiti in materia di autorizzazione e supervisione qualora l’organismo di supervisione faccia parte dell’autorità competente.

4.   I requisiti di cui ai paragrafi 2 e 3 del presente articolo possono essere considerati soddisfatti dagli Stati membri che impongono l’obbligo dell’accreditamento dei centri di controllo a norma del regolamento (CE) n. 765/2008.

CAPO V

COOPERAZIONE E SCAMBIO DI INFORMAZIONI

Articolo 15

Cooperazione amministrativa fra Stati membri

1.   Gli Stati membri designano un punto di contatto nazionale responsabile dello scambio di informazioni con gli altri Stati membri e la Commissione per quanto riguarda l’applicazione della presente direttiva.

2.   Gli Stati membri trasmettono alla Commissione i nomi e le coordinate relativi al loro punto di contatto nazionale entro il 20 maggio 2015 e ne comunicano immediatamente eventuali cambiamenti. La Commissione redige l’elenco di tutti i punti di contatto nazionali e lo trasmette agli Stati membri.

Articolo 16

Piattaforma elettronica di informazioni sui veicoli

La Commissione esamina la fattibilità, i costi e i vantaggi della creazione di una piattaforma elettronica di informazioni sui veicoli usufruendo delle soluzioni informatiche esistenti e già attuate in materia di scambi di dati internazionali, in modo da ridurre al minimo i costi ed evitare duplicazioni. Nell’esame la Commissione tiene conto del modo più adeguato di collegare i sistemi nazionali esistenti al fine di agevolare lo scambio di informazioni sui dati relativi ai controlli tecnici e sulle letture del contachilometri tra le autorità competenti degli Stati membri responsabili per il controllo, l’immatricolazione e l’omologazione dei veicoli, i centri di controllo, i produttori di strumenti di collaudo e i costruttori dei veicoli.

La Commissione esamina altresì la fattibilità, i costi e i vantaggi della raccolta e archiviazione dei dati disponibili riguardanti le componenti maggiormente legate alla sicurezza di veicoli coinvolti in incidenti gravi nonché le possibilità per rendere disponibili, in forma anonima, i dati sulla cronistoria di incidenti e le letture del contachilometri agli ispettori, ai titolari dei certificati di immatricolazione e ai ricercatori sugli incidenti.

CAPO VI

ATTI DELEGATI E ATTI DI ESECUZIONE

Articolo 17

Atti delegati

Alla Commissione è conferito il potere di adottare atti delegati conformemente all’articolo 18 al fine di:

aggiornare unicamente le designazioni delle categorie di veicoli di cui all’articolo 2, paragrafo 1, e all’articolo 5, paragrafi 1 e 2, se del caso, nell’eventualità di modifiche apportate alle categorie di veicoli derivanti da modifiche della legislazione in materia di omologazione di cui all’articolo 2, paragrafo 1, senza incidere sull’ambito di applicazione e sulla frequenza dei controlli,

aggiornare il punto 3 dell’allegato I per quanto riguarda i metodi nel caso in cui divengano disponibili metodi di controllo più efficaci ed efficienti, senza ampliare l’elenco dei componenti da sottoporre a controllo,

adattare il punto 3 dell’allegato I, a seguito di una valutazione positiva dei costi e dei benefici, in relazione all’elenco degli elementi oggetto del controllo, ai metodi, alle ragioni dell’esito negativo e dell’accertamento delle carenze in caso di modifica dei requisiti obbligatori derivanti dalla legislazione dell’Unione riguardante l’omologazione in materia di sicurezza o ambiente.

Articolo 18

Esercizio della delega

1.   Il potere di adottare atti delegati è conferito alla Commissione alle condizioni stabilite nel presente articolo.

2.   Il potere di adottare atti delegati di cui all’articolo 17 è conferito alla Commissione per un periodo di cinque anni a decorrere dal 19 maggio 2014. La Commissione elabora una relazione sulla delega di potere al più tardi nove mesi prima della scadenza del periodo di cinque anni. La delega di potere è tacitamente prorogata per periodi di identica durata, a meno che il Parlamento europeo o il Consiglio non si oppongano a tale proroga al più tardi tre mesi prima della scadenza di ciascun periodo.

3.   La delega di potere di cui all’articolo 17 può essere revocata in qualsiasi momento dal Parlamento europeo o dal Consiglio. La decisione di revoca pone fine alla delega di potere ivi specificata. Gli effetti della decisione decorrono dal giorno successivo alla pubblicazione della decisione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea o da una data successiva ivi specificata. Essa non pregiudica la validità degli atti delegati già in vigore.

4.   Non appena adotta un atto delegato, la Commissione ne dà contestualmente comunicazione al Parlamento europeo e al Consiglio.

5.   L’atto delegato adottato ai sensi dell’articolo 17 entra in vigore solo se né il Parlamento europeo né il Consiglio hanno sollevato obiezioni entro il termine di due mesi dalla data in cui esso è stato loro notificato o se, prima della scadenza di tale termine, sia il Parlamento europeo che il Consiglio hanno informato la Commissione che non intendono sollevare obiezioni. Tale termine è prorogato di due mesi su iniziativa del Parlamento europeo o del Consiglio.

Articolo 19

Procedura di comitato

1.   La Commissione è assistita da un comitato («comitato per il controllo tecnico»). Esso è un comitato ai sensi del regolamento (UE) n. 182/2011.

2.   Nei casi in cui è fatto riferimento al presente paragrafo, si applica l’articolo 5 del regolamento (UE) n. 182/2011. Qualora il comitato non esprima alcun parere, la Commissione non adotta il progetto di atto di esecuzione e si applica l’articolo 5, paragrafo 4, terzo comma, del regolamento (UE) n. 182/2011.

CAPO VII

DISPOSIZIONI FINALI

Articolo 20

Relazioni

1.   Entro il 30 aprile 2020, la Commissione presenta al Parlamento europeo e al Consiglio una relazione sull’attuazione e sugli effetti della presente direttiva, in particolare per quanto riguarda il livello di armonizzazione dei controlli tecnici periodici, l’efficacia delle disposizioni concernenti l’ambito di applicazione, la frequenza dei controlli, il mutuo riconoscimento dei certificati di revisione in caso di reimmatricolazione di veicoli provenienti da un altro Stato membro e i risultati dell’esame relativo alla fattibilità dell’introduzione di una piattaforma elettronica di informazioni sui veicoli, di cui all’articolo 16. La relazione valuta altresì la necessità o meno di aggiornare gli allegati, segnatamente alla luce dei progressi e delle prassi tecnici. La relazione è trasmessa previa consultazione del comitato di cui all’articolo 19 ed è corredata, se del caso, di proposte legislative.

2.   Entro il 30 aprile 2019, la Commissione presenta al Parlamento europeo e al Consiglio una relazione, basata su studi indipendenti, in merito all’efficacia dell’inserimento di rimorchi leggeri e veicoli a due o tre ruote nell’ambito di applicazione della presente direttiva. La relazione esamina l’evoluzione della situazione nel settore della sicurezza stradale nell’Unione e, per ogni sottocategoria di veicoli L, procede alla comparazione dei risultati delle misure per la sicurezza stradale nazionali tenendo in considerazione la distanza media percorsa da detti veicoli. La Commissione valuta in particolare se le norme e i costi del controllo tecnico periodico per ogni categoria di veicolo siano proporzionati agli obiettivi in materia di sicurezza stradale fissati. La relazione è corredata di una valutazione dettagliata che analizza i costi e i benefici nell’Unione, comprese le specificità degli Stati membri. La relazione è resa disponibile almeno sei mesi prima della presentazione di ogni eventuale proposta legislativa, ove appropriata, intesa a inserire nuove categorie nell’ambito di applicazione della presente direttiva.

Articolo 21

Sanzioni

Gli Stati membri stabiliscono le norme relative alle sanzioni da irrogare in caso di violazione delle disposizioni della presente direttiva e adottano tutti i provvedimenti necessari per assicurarne l’applicazione. Tali sanzioni sono efficaci, proporzionate, dissuasive e non discriminatorie.

Articolo 22

Disposizioni transitorie

1.   Gli Stati membri possono autorizzare l’utilizzo degli impianti e delle apparecchiature di controllo di cui all’articolo 11 che non sono conformi ai requisiti minimi di cui all’allegato III per effettuare controlli tecnici per un periodo non superiore a cinque anni dopo il 20 maggio 2018.

2.   Gli Stati membri applicano i requisiti stabiliti all’allegato V al più tardi dal 1o gennaio 2023.

Articolo 23

Recepimento

1.   Gli Stati membri adottano e pubblicano entro il 20 maggio 2017 le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie per conformarsi alla presente direttiva. Essi comunicano immediatamente alla Commissione il testo di tali disposizioni.

Essi applicano tali disposizioni a decorrere dal 20 maggio 2018.

Le disposizioni adottate dagli Stati membri contengono un riferimento alla presente direttiva o sono corredate di tale riferimento all’atto della pubblicazione ufficiale. Le modalità del riferimento sono stabilite dagli Stati membri.

2.   Gli Stati membri comunicano alla Commissione il testo delle disposizioni fondamentali di diritto interno che adottano nel settore disciplinato dalla presente direttiva.

Articolo 24

Abrogazione

La direttiva 2009/40/CE è abrogata a decorrere dal 20 maggio 2018.

Articolo 25

Entrata in vigore

La presente direttiva entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Articolo 26

Destinatari

Gli Stati membri sono destinatari della presente direttiva.

Fatto a Bruxelles, il 3 aprile 2014

Per il Parlamento europeo

Il presidente

M. SCHULZ

Per il Consiglio

Il presidente

D. KOURKOULAS


(1)  GU C 44 del 15.2.2013, pag. 128.

(2)  Posizione del Parlamento europeo dell’11 marzo 2014 (non ancora pubblicata nella Gazzetta ufficiale) e decisione del Consiglio del 24 marzo 2014.

(3)  Direttiva 2002/24/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 marzo 2002, relativa all’omologazione dei veicoli a motore a due o tre ruote e che abroga la direttiva 92/61/CEE del Consiglio (GU L 124 del 9.5.2002, pag. 1).

(4)  Direttiva 2003/37/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 maggio 2003, relativa all’omologazione dei trattori agricoli o forestali, dei loro rimorchi e delle loro macchine intercambiabili trainate, nonché dei sistemi, componenti ed entità tecniche di tali veicoli e abroga la direttiva 74/150/CEE (GU L 171 del 9.7.2003, pag. 1).

(5)  Direttiva 2007/46/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 settembre 2007, che istituisce un quadro per l’omologazione dei veicoli a motore e dei loro rimorchi, nonché dei sistemi, componenti ed entità tecniche destinati a tali veicoli (GU L 263 del 9.10.2007, pag. 1).

(6)  Direttiva 2006/123/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 dicembre 2006, relativa ai servizi nel mercato interno (GU L 376 del 27.12.2006, pag. 36).

(7)  Regolamento (CE) n. 765/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 luglio 2008, che pone norme in materia di accreditamento e vigilanza del mercato per quanto riguarda la commercializzazione dei prodotti e che abroga il regolamento (CEE) n. 339/93 (GU L 218 del 13.8.2008, pag. 30).

(8)  Regolamento (UE) n. 182/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 febbraio 2011, che stabilisce le regole e i principi generali relativi alle modalità di controllo da parte degli Stati membri dell’esercizio delle competenze di esecuzione attribuite alla Commissione (GU L 55 del 28.2.2011, pag. 13).

(9)  Raccomandazione 2010/378/UE della Commissione, del 5 luglio 2010, relativa alla valutazione delle anomalie riscontrate nel corso dei controlli tecnici dei veicoli conformemente alla direttiva 2009/40/CE del Parlamento europeo e del Consiglio concernente il controllo tecnico dei veicoli a motore e dei loro rimorchi (GU L 173 dell’8.7.2010, pag. 74).

(10)  Direttiva 2009/40/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 maggio 2009, concernente il controllo tecnico dei veicoli a motore e dei loro rimorchi (GU L 141 del 6.6.2009, pag. 12).

(11)  Regolamento (CE) n. 715/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 giugno 2007, relativo all’omologazione dei veicoli a motore riguardo alle emissioni dai veicoli passeggeri e commerciali leggeri (Euro 5 ed Euro 6) e all’ottenimento di informazioni sulla riparazione e la manutenzione del veicolo (GU L 171del 29.6.2007, pag. 1).

(12)  Regolamento (CE) n. 595/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 giugno 2009, relativo all’omologazione dei veicoli a motore e dei motori riguardo alle emissioni dei veicoli pesanti (Euro VI) e all’accesso alle informazioni relative alla riparazione e alla manutenzione del veicolo e che modifica il regolamento (CE) n. 715/2007 e la direttiva 2007/46/CE e che abroga le direttive 80/1269/CEE, 2005/55/CE e 2005/78/CE (GU L 188 del 18.7.2009, pag. 1).


ALLEGATO I

REQUISITI MINIMI CONCERNENTI L’OGGETTO E LA METODOLOGIA DI CONTROLLO RACCOMANDATA

1.   CONSIDERAZIONI GENERALI

Il presente allegato identifica i sistemi e i componenti dei veicoli da sottoporre a controllo, illustra i metodi raccomandati per il controllo e i criteri da utilizzare per determinare se le condizioni del veicolo siano accettabili.

Il controllo deve essere effettuato almeno sugli elementi indicati al punto 3, purché essi si riferiscano all’equipaggiamento del veicolo sottoposto a controllo nello Stato membro interessato. Il controllo può comprendere anche una verifica della conformità delle parti e dei componenti pertinenti del veicolo in questione alle caratteristiche ambientali e di sicurezza prescritte in vigore al momento dell’omologazione o, se applicabile, al momento del suo adeguamento.

Qualora il veicolo sia progettato in modo da non permettere l’applicazione dei metodi di controllo stabiliti nel presente allegato, il controllo è effettuato conformemente ai metodi raccomandati accettati dalle autorità competenti. L’autorità competente accerta che siano tutelate le norme di sicurezza e ambientali.

Nell’ambito dei controlli tecnici periodici il controllo di tutti gli elementi elencati dovrebbe essere considerato obbligatorio a eccezione di quelli contrassegnati da «X», che, pur essendo relativi allo stato del veicolo e alla sua idoneità di impiego su strada, non sono considerati essenziali nell’ambito del controllo tecnico.

Le «ragioni dell’esito negativo» non si applicano nei casi in cui si riferiscono a requisiti che non erano obbligatori nella pertinente legislazione sull’omologazione dei veicoli al momento della prima omologazione, della prima messa in circolazione o nei requisiti per l’ammodernamento.

Quando un metodo di controllo è indicato come visivo, significa che, oltre a osservare gli elementi, l’ispettore dovrebbe, eventualmente, anche maneggiarli, valutare i rumori o utilizzare qualsiasi altro mezzo di controllo opportuno senza far uso di apparecchiature.

2.   AMBITO DEL CONTROLLO

Il controllo riguarda almeno le seguenti aree:

0)

identificazione del veicolo;

1)

impianto di frenatura;

2)

sterzo;

3)

visibilità;

4)

impianto elettrico e parti del circuito elettrico;

5)

assi, ruote, pneumatici, sospensioni;

6)

telaio ed elementi fissati al telaio;

7)

altre dotazioni;

8)

effetti nocivi;

9)

controlli supplementari per veicoli delle categorie M2 e M3 adibiti al trasporto di passeggeri.

3.   CONTENUTI E METODI DEL CONTROLLO, VALUTAZIONE DELLE CARENZE DEI VEICOLI

Il controllo deve riguardare quantomeno gli elementi e utilizzare le norme e i metodi minimi raccomandati riportati nella seguente tabella.

Per i sistemi e componenti di ogni veicolo oggetto del controllo la valutazione delle carenze è effettuata, caso per caso, secondo i criteri riportati nella tabella.

Le carenze non indicate nel presente allegato sono valutate in base ai rischi per la sicurezza stradale.

Voce

Metodo

Motivi dell’esito negativo del controllo

Valutazione delle carenze

 

Lieve

Grave

Pericolosa

0.   

IDENTIFICAZIONE DEL VEICOLO

0.1.

Targhe di immatricolazione (se previste dai requisiti)1

Esame visivo

a)

Targhe mancanti o fissate in modo tale da renderne probabile il distacco

 

X

 

b)

Iscrizione mancante o illeggibile

 

X

 

c)

Non conformi ai documenti o alle registrazioni del veicolo

 

X

 

0.2.

Numero di identificazione del veicolo/telaio/numero di serie

Esame visivo

a)

Assente o non individuabile

 

X

 

b)

Incompleto, illeggibile, chiaramente falsificato o non corrispondente ai documenti del veicolo

 

X

 

c)

Documenti del veicolo illeggibili o che presentano inesattezze

X

 

 

1.   

IMPIANTO DI FRENATURA

1.1.   

Stato meccanico e funzionamento

1.1.1.

Pedale/leva a mano del freno

Esame visivo delle componenti mentre è azionato l’impianto di frenatura

Nota: i veicoli con impianti frenanti servoassistiti devono essere controllati a motore spento

a)

Leva troppo tirata

 

X

 

b)

Usura o gioco eccessivi

 

X

 

1.1.2.

Condizione e corsa del pedale/leva a mano del dispositivo di frenatura

Esame visivo delle componenti mentre è azionato l’impianto di frenatura

Nota: i veicoli con impianti frenanti servoassistiti devono essere controllati a motore spento

a)

Eccessiva corsa o insufficiente riserva di corsa

 

X

 

b)

Rilascio del freno difficile

Se il funzionamento è compromesso

X

X

 

c)

Superficie antisdrucciolo del pedale del freno mancante, mal fissata o consumata

 

X

 

1.1.3.

Pompa a vuoto o compressore e serbatoi

Esame visivo delle componenti a una normale pressione operativa. Controllare il tempo necessario affinché la pressione vuoto/aria raggiunga un valore operativo sicuro e il funzionamento del dispositivo di allarme, della valvola di protezione multicircuito e della valvola di sicurezza alla sovrapressione

a)

Insufficiente pressione/vuoto per assicurare almeno quattro frenature ripetute dopo lo scatto del dispositivo di allarme (o quando l’indicatore del manometro è sulla posizione di pericolo)

Almeno due frenature ripetute dopo lo scatto del dispositivo di allarme (o quando l’indicatore del manometro è sulla posizione di pericolo)

 

X

X

b)

Il tempo necessario affinché la pressione vuoto/aria raggiunga un valore operativo sicuro è troppo lungo rispetto ai requisiti1

 

X

 

c)

Mancato funzionamento della valvola di protezione multicircuito o della valvola di sicurezza alla sovrapressione

 

X

 

d)

Perdita d’aria che causa un notevole calo di pressione o rumori udibili di perdita d’aria

 

X

 

e)

Danno esterno che può influire sul funzionamento dei freni

Prestazione del freno di emergenza insufficiente

 

X

X

1.1.4.

Manometro o indicatore di pressione

Controllo funzionale

Cattivo funzionamento o difetti del manometro o dell’indicatore

Bassa pressione non rilevabile

X

X

 

1.1.5.

Valvola di controllo del freno a mano

Esame visivo delle componenti mentre è azionato l’impianto di frenatura

a)

Comando incrinato, danneggiato o eccessivamente usurato

 

X

 

b)

Scarsa affidabilità del comando della valvola o della valvola stessa

 

X

 

c)

Tenuta difettosa o perdite del sistema

 

X

 

d)

Funzionamento insoddisfacente

 

X

 

1.1.6.

Freno di stazionamento, leva di comando, dispositivo di bloccaggio, freno di stazionamento elettronico

Esame visivo delle componenti mentre è azionato l’impianto di frenatura

a)

Insufficiente tenuta del dispositivo di bloccaggio

 

X

 

b)

Usura a livello dell’asse della leva o del dispositivo di bloccaggio

Usura eccessiva

X

X

 

c)

Corsa troppo lunga (cattiva regolazione)

 

X

 

d)

Meccanismo mancante, danneggiato o inattivo

 

X

 

e)

Difetti di funzionamento, l’indicatore luminoso indica anomalie

 

X

 

1.1.7.

Valvole di frenatura (valvole di fondo, valvole di scarico, regolatori di pressione)

Esame visivo delle componenti mentre è azionato l’impianto di frenatura

a)

Valvola danneggiata o eccessiva perdita d’aria

Se il funzionamento è compromesso

 

X

X

b)

Eccessivo efflusso di olio dal compressore

X

 

 

c)

Valvola fissata male o montaggio difettoso

 

X

 

d)

Efflusso o perdita di liquido del freno idraulico

Se il funzionamento è compromesso

 

X

X

1.1.8.

Giunti mobili di accoppiamento per freni di rimorchio (elettrici e pneumatici)

Disinserire e reinserire i collegamenti dell’impianto di frenatura tra il veicolo trainante e il rimorchio

a)

Rubinetto o valvola a chiusura automatica difettosi

Se il funzionamento è compromesso

X

X

 

b)

Rubinetto o valvola fissati male o montaggio difettoso

Se il funzionamento è compromesso

X

X

 

c)

Tenuta insufficiente

Se il funzionamento è compromesso

 

X

X

d)

Funzionamento difettoso

Utilizzo del freno compromesso

 

X

X

1.1.9.

Accumulatore o serbatoio di pressione

Esame visivo

a)

Serbatoio leggermente danneggiato o leggermente corroso

Serbatoio gravemente danneggiato, corroso o con perdite

X

X

 

b)

Funzionamento del dispositivo di spurgo compromesso

Dispositivo di spurgo non funzionante

X

X

 

c)

Serbatoio fissato male o montaggio difettoso

 

X

 

1.1.10.

Dispositivo servofreno, cilindro principale del freno (sistemi idraulici)

Esame visivo dei componenti mentre è azionato l’impianto di frenatura, se possibile

a)

Dispositivo servofreno difettoso o inefficace

Se non funziona

 

X

X

b)

Difetti del cilindro principale che non impediscono il funzionamento del freno

Difetti o perdite del cilindro principale

 

X

X

c)

Cilindro principale fissato male senza impedire il funzionamento del freno

Cilindro principale fissato male

 

X

X

d)

Liquido del freno insufficiente, sotto il livello minimo

Liquido del freno significativamente sotto il livello minimo

Liquido del freno non visibile

X

X

X

e)

Mancanza del tappo del serbatoio del cilindro principale del freno

X

 

 

f)

Indicatore del liquido del freno acceso o difettoso

X

 

 

g)

Funzionamento difettoso del dispositivo di allarme per il livello del liquido

X

 

 

1.1.11.

Condotti rigidi dei freni

Esame visivo dei componenti mentre è azionato l’impianto di frenatura, se possibile

a)

Rischio imminente di guasto o di rottura

 

 

X

b)

Perdite nei condotti o nei collegamenti (sistemi di frenatura ad aria)

Perdite nei condotti o nei collegamenti (sistemi di frenatura idraulici)

 

X

X

c)

Condotti danneggiati o eccessivamente corrosi

In modo da compromettere il funzionamento dei freni per bloccaggio o per rischio imminente di perdite

 

X

X

d)

Cattiva installazione dei condotti

Rischio di danneggiamento

X

X

 

1.1.12.

Tubi flessibili dei freni

Esame visivo dei componenti mentre è azionato l’impianto di frenatura, se possibile

a)

Rischio imminente di guasto o di rottura

 

 

X

b)

Tubi danneggiati, con punti di attrito, ritorti o troppo corti

Tubi danneggiati o con punti di attrito

X

X

 

c)

Perdite nei tubi o nei collegamenti (sistemi di frenatura ad aria)

Perdite nei tubi o nei collegamenti (sistemi di frenatura idraulici)

 

X

X

d)

Eccessivo rigonfiamento dei tubi sotto pressione

Cavo danneggiato

 

X

X

e)

Tubi porosi

 

X

 

1.1.13.

Guarnizioni per freni

Esame visivo

a)

Eccessiva usura di guarnizioni o pastiglie (raggiunta tacca del minimo)

Eccessiva usura di guarnizioni o pastiglie (tacca del minimo non visibile)

 

X

X

b)

Guarnizioni o pastiglie sporche (olio, grasso ecc.)

Funzionamento del freno compromesso

 

X

X

c)

Guarnizioni o pastiglie mancanti o non fissate correttamente

 

 

X

1.1.14.

Tamburi dei freni, dischi dei freni

Esame visivo

a)

Tamburi o dischi usurati

Tamburi o dischi fortemente usurati, corrosi, graffiati o con incrinature o rotture o altri difetti che compromettono la sicurezza

 

X

X

b)

Tamburi o dischi sporchi (olio, grasso ecc.)

Funzionamento del freno compromesso

 

X

X

c)

Mancanza di tamburi o dischi

 

 

X

d)

Fissaggio difettoso del disco portafreno

 

X

 

1.1.15.

Cavi dei freni, tiranteria

Esame visivo dei componenti mentre è azionato l’impianto di frenatura, se possibile

a)

Cavi danneggiati o flessi

Funzionamento del freno compromesso

 

X

X

b)

Usura o corrosione fortemente avanzata di un componente

Funzionamento del freno compromesso

 

X

X

c)

Cavo, tirante o giunto non sicuro

 

X

 

d)

Fissaggio dei cavi difettoso

 

X

 

e)

Impedimento al libero movimento del sistema frenante

 

X

 

f)

Anomalie nel movimento della tiranteria a seguito di imperfetta regolazione o di eccessiva usura

 

X

 

1.1.16.

Cilindri dei freni (compresi i freni a molla e a cilindri idraulici)

Esame visivo dei componenti mentre è azionato l’impianto di frenatura, se possibile

a)

Cilindri incrinati o danneggiati

Funzionamento del freno compromesso

 

X

X

b)

Perdite nei cilindri

Funzionamento del freno compromesso

 

X

X

c)

Cilindri fissati male o montaggio difettoso

Funzionamento del freno compromesso

 

X

X

d)

Cilindri fortemente corrosi

Rischio di incrinatura

 

X

X

e)

Corsa insufficiente o eccessiva del cilindro

Funzionamento del freno compromesso (margine di movimento insufficiente)

 

X

X

f)

Dispositivo di protezione contro la polvere danneggiato

Dispositivo di protezione contro la polvere mancante o fortemente danneggiato

X

X

 

1.1.17.

Correttore automatico di frenatura in funzione del carico

Esame visivo dei componenti mentre è azionato l’impianto di frenatura, se possibile

a)

Giunzione difettosa

 

X

 

b)

Imperfetta regolazione della giunzione

 

X

 

c)

Correttore grippato o non funzionante (ABS funzionante)

Correttore grippato o non funzionante

 

X

X

d)

Correttore mancante (se prescritto)

 

 

X

e)

Targhetta dei dati mancante

X

 

 

f)

Dati illeggibili o non conformi ai requisiti1

X

 

 

1.1.18.

Dispositivi e indicatori di regolazione

Esame visivo

a)

Dispositivo danneggiato, grippato o che presenta un movimento anormale, un’eccessiva usura o un’imperfetta regolazione

 

X

 

b)

Dispositivo difettoso

 

X

 

c)

Dispositivo montato o sostituito in modo scorretto

 

X

 

1.1.19.

Sistema ausiliario di frenatura (se installato o necessario)

Esame visivo

a)

Montaggio o accoppiatori difettosi

Se il funzionamento è compromesso

X

X

 

b)

Sistema chiaramente difettoso o mancante

 

X

 

1.1.20.

Azionamento automatico dei freni del rimorchio

Disinserire i collegamenti dei freni tra il veicolo trainante e il rimorchio

Il freno del rimorchio non è azionato automaticamente quando il collegamento è disinserito

 

 

X

1.1.21.

Sistema di frenatura completo

Esame visivo

a)

Altri dispositivi del sistema (come la pompa antigelo, l’essiccatore d’aria ecc.) danneggiati esternamente o fortemente corrosi, tanto da compromettere il funzionamento del sistema di frenatura

Funzionamento del freno compromesso

 

X

X

b)

Eccessive perdite di aria o di liquido antigelo

Funzionamento del sistema compromesso

X

X

 

c)

Fissaggio o montaggio difettoso di un qualsiasi componente

 

X

 

d)

Componente modificato in modo da compromettere la sicurezza3

Funzionamento del freno compromesso

 

X

X

1.1.22.

Collegamenti di prova (se installati o obbligatori)

Esame visivo

a)

Mancanti

 

X

 

b)

Danneggiati

Inutilizzabili o con perdite

X

X

 

1.1.23.

Freno a inerzia

Esame visivo e tramite il funzionamento

Efficienza insufficiente

 

X

 

1.2.   

Prestazioni ed efficienza del freno di servizio

1.2.1.

Prestazioni

Nel corso di un controllo con un banco di prova freni o, se impossibile, nel corso di una prova su strada azionare progressivamente i freni fino allo sforzo massimo

a)

Sforzo di frenatura inadeguato su una o più ruote

Assenza di sforzo di frenatura su una o più ruote

 

X

X

b)

Sforzo di frenatura della ruota meno frenata dell’asse inferiore al 70 % dello sforzo massimo dell’altra ruota. In caso di prova di frenatura su strada, eccessiva deviazione del veicolo rispetto a una linea retta

Sforzo di frenatura della ruota meno frenata dell’asse inferiore al 50 % dello sforzo massimo dell’altra ruota sullo stesso asse nel caso di assi sterzanti

 

X

X

c)

Frenatura non gradualmente moderabile (blocco)

 

X

 

d)

Tempo di risposta alla frenatura troppo lungo su una qualsiasi ruota

 

X

 

e)

Fluttuazione eccessiva dello sforzo di frenatura durante ciascun giro completo della ruota

 

X

 

1.2.2.

Efficienza

Controllo con un banco di prova freni o, se essa non può essere utilizzata per motivi tecnici, prova su strada utilizzando un decelerometro per stabilire il rapporto di frenatura in relazione alla massa massima autorizzata o, per i semirimorchi, alla somma dei carichi autorizzati per asse.

I veicoli o i rimorchi la cui massa massima autorizzata sia superiore a 3,5 tonnellate devono essere ispezionati applicando i requisiti della norma ISO 21069 o metodi equivalenti

Le prove su strada devono essere effettuate in condizioni di tempo asciutto e su una strada pianeggiante e diritta

Non si ottiene almeno il seguente valore minimo (1):

1.

Veicoli immatricolati per la prima volta dopo il 1o gennaio 2012:

Categoria M1: 58 %

Categorie M2 e M3: 50 %

Categoria N1: 50 %

Categorie N2 e N3: 50 %

Categorie O2, O3 e O4:

per i semirimorchi: 45 % (2)

per i rimorchi: 50 %

 

X

 

2.

Veicoli immatricolati per la prima volta prima del 1o gennaio 2012:

Categorie M1, M2 e M3: 50 % (3)

Categoria N1: 45 %

Categorie N2 e N3: 43 % (4)

Categorie O2, O3 e O4: 40 % (5)

 

X

 

3.

Altre categorie:

Categorie L (entrambi i freni insieme):

Categorie L1e: 42 %

Categorie L2e, L6e: 40 %

Categoria L3e: 50 %

Categoria L4e: 46 %

Categorie L5e, L7e: 44 %

Categoria L (freno della ruota posteriore):

tutte le categorie: 25 % della massa complessiva del veicolo

Si ottiene meno del 50 % dei valori sopra indicati

 

X

X

1.3.   

Prestazioni ed efficienza del freno di soccorso (se basato su sistema separato)

1.3.1.

Prestazioni

Se il sistema del freno di soccorso è separato dal freno di servizio, utilizzare il metodo precisato al punto 1.2.1

a)

Sforzo di frenatura inadeguato su una o più ruote

Assenza di sforzo di frenatura su una o più ruote

 

X

X

b)

Sforzo di frenatura della ruota meno frenata dell’asse inferiore al 70 % dello sforzo massimo dell’altra ruota. In caso di prova di frenatura su strada, eccessiva deviazione del veicolo rispetto a una linea retta

Sforzo di frenatura della ruota meno frenata dell’asse inferiore al 50 % dello sforzo massimo dell’altra ruota sullo stesso asse nel caso di assi sterzanti

 

X

X

c)

Frenatura non gradualmente moderabile (blocco)

 

X

 

1.3.2.

Efficienza

Se il sistema del freno di soccorso è separato dal freno di servizio, utilizzare il metodo precisato al punto 1.2.2

Sforzo di frenata inferiore al 50 % (6) delle prestazioni del freno di servizio di cui al punto 1.2.2 in relazione alla massa massima autorizzata

Raggiunto meno del 50 % dei valori di sforzo di frenata suddetti

 

X

X

1.4.   

Prestazioni ed efficienza del freno a mano (di stazionamento)

1.4.1.

Prestazioni

Azionare il freno durante un controllo su un banco di prova freni

Freno non funzionante su un lato o in caso di prova di frenatura su strada, eccessiva deviazione del veicolo rispetto a una linea retta

Meno del 50 % dello sforzo di frenata di cui al punto 1.4.2 raggiunto in relazione alla massa del veicolo durante il controllo

 

X

X

1.4.2.

Efficienza

Controllo con un banco di prova freni. Se impossibile, allora prova su strada utilizzando un decelerometro (in grado di indicare o registrare i dati) o prova del veicolo su una strada di pendenza nota.

Non si ottiene almeno per tutti i veicoli un coefficiente di frenatura del 16 % in relazione alla massa massima autorizzata o, per i veicoli a motore, del 12 % in relazione alla massa massima combinata del veicolo, a seconda di quale sia il valore più elevato

Raggiunto meno del 50 % dei valori dello sforzo di frenata suddetti

 

X

X

1.5.

Prestazioni del sistema di frenatura elettronico

Esame visivo e, se possibile, prova di funzionamento del sistema

a)

Efficienza non moderabile (non si applica a sistemi di freno sullo scarico)

 

X

 

b)

Sistema non funzionante

 

X

 

1.6.

Sistema antibloccaggio (ABS)

Esame visivo e controllo del dispositivo di allarme e/o utilizzando l’interfaccia elettronica del veicolo

a)

Cattivo funzionamento del dispositivo di allarme

 

X

 

b)

Il dispositivo di allarme indica che il funzionamento del sistema è difettoso

 

X

 

c)

Sensori di velocità della ruota mancanti o danneggiati

 

X

 

d)

Cablatura danneggiata

 

X

 

e)

Altri componenti mancanti o danneggiati

 

X

 

f)

Il sistema indica un guasto attraverso l’interfaccia elettronica del veicolo

 

X

 

1.7.

Sistema di frenatura elettronica (EBS)

Esame visivo e controllo del dispositivo di allarme e/o utilizzando l’interfaccia elettronica del veicolo

a)

Cattivo funzionamento del dispositivo di allarme

 

X

 

b)

Il dispositivo di allarme indica che il funzionamento del sistema è difettoso

 

X

 

c)

Il sistema indica un guasto attraverso l’interfaccia elettronica del veicolo

 

X

 

1.8.

Liquido dei freni

Esame visivo

Liquido dei freni contaminato o sedimentato

Rischio imminente di guasto

 

X

X

2.   

STERZO

2.1.   

Stato meccanico

2.1.1.

Stato dello sterzo

Con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore, con le ruote staccate dal suolo o a contatto con piastre mobili, ruotare il volante da un’estremità all’altra. Esame visivo della scatola dello sterzo

a)

Ruvidezza di funzionamento della scatola

 

X

 

b)

Albero dello sterzo torto o scanalature consumateche compromettono la funzionalità

 

X

X

c)

Usura eccessiva dell’albero dello sterzo

che compromette la funzionalità

 

X

X

d)

Gioco eccessivo dell’albero dello sterzo

che compromette la funzionalità

 

X

X

e)

Perdite

Formazione di gocce

X

X

 

2.1.2.

Fissaggio dell’alloggiamento della scatola dello sterzo

Con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore, con il peso delle ruote al suolo, ruotare il volante o la barra in senso orario e antiorario o utilizzare uno strumento di rilevazione del gioco delle ruote. Esame visivo per verificare il fissaggio della scatola dello sterzo al telaio

a)

Scatola dello sterzo non adeguatamente fissata al telaio

I fissaggi sono allentati in modo pericoloso o è visibile un movimento relativo rispetto al telaio/alla carrozzeria

 

X

X

b)

Fori di fissaggio oblunghi sul telaio

Fissaggi gravemente compromessi

 

X

X

c)

Bulloni di fissaggio mancanti o rotti

Fissaggi gravemente compromessi

 

X

X

d)

Rottura dell’alloggiamento della scatola dello sterzo

Stabilità o fissaggio dell’alloggiamento compromessi

 

X

X

2.1.3.

Stato degli organi di sterzo

Con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore, con il peso delle ruote al suolo, muovere il volante in senso orario e antiorario o utilizzare uno strumento di rilevazione del gioco delle ruote. Esame visivo degli organi di sterzo per verificare usura, rottura e fissaggio

a)

Movimento relativo tra componenti che richiede un intervento di riparazione

Gioco eccessivo o probabilità di distacco

 

X

X

b)

Eccessiva usura a livello dei giunti

Rischio molto grave di distacco

 

X

X

c)

Rottura o deformazione di uno dei componenti

che compromette la funzione

 

X

X

d)

Assenza del bloccasterzo

 

X

 

e)

Scorretto allineamento di componenti (ad esempio tirante trasversale o asta di accoppiamento)

 

X

 

f)

Modifica che compromette la sicurezza3

che compromette la funzione

 

X

X

g)

Rivestimento antipolvere mancante o deteriorato

Rivestimento antipolvere mancante o gravemente deteriorato

X

X

 

2.1.4.

Azionamento degli organi di sterzo

Con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore, con il peso delle ruote al suolo, muovere il volante in senso orario e antiorario o utilizzare uno strumento di rilevazione del gioco delle ruote. Esame visivo degli organi di sterzo per verificare usura, rottura e fissaggio

a)

Parte mobile dello sterzo a contatto con una parte fissa del telaio

 

X

 

b)

Limitatore di corsa dello sterzo assente o fuori uso

 

X

 

2.1.5.

Servosterzo

Controllare il sistema sterzante alla ricerca di eventuali perdite e per verificare il livello del liquido idraulico, se visibile. Con le ruote a contatto del suolo e il motore in funzione verificare il funzionamento del servosterzo

a)

Perdita di liquido o funzionamento compromesso

 

X

 

b)

Liquido insufficiente (sotto il livello minimo)

Serbatoio insufficiente

X

X

 

c)

Meccanismo non funzionante

Sterzo danneggiato

 

X

X

d)

Meccanismo rotto o fissato male

Sterzo danneggiato

 

X

X

e)

Componenti mal allineati o in attrito con altri

Sterzo danneggiato

 

X

X

f)

Modifica che compromette la sicurezza3

Sterzo danneggiato

 

X

X

g)

Cavi/flessibili danneggiati o eccessivamente corrosi

Sterzo danneggiato

 

X

X

2.2.   

Volante, colonna e barra

2.2.1.

Stato del volante/della barra

Con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore e la massa del veicolo gravante sul suolo, spingere e tirare il volante in linea con la colonna, spingere il volante/la barra in varie direzioni perpendicolarmente alla colonna/alle forcelle. Esame visivo del gioco e dello stato dei raccordi flessibili o giunti universali

a)

Movimento relativo tra volante e colonna indicante un fissaggio inadeguato

Rischio molto grave di distacco

 

X

X

b)

Assenza di dispositivo di ritenuta sul mozzo del volante

Rischio molto grave di distacco

 

X

X

c)

Rottura o cattivo fissaggio del mozzo, della corona o delle razze del volante

Rischio molto grave di distacco

 

X

X

2.2.2.

Colonna/forcelle dello sterzo e stabilizzatori dello sterzo

Con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore e la massa del veicolo gravante sul suolo, spingere e tirare il volante in linea con la colonna, spingere il volante/la barra in varie direzioni perpendicolarmente alla colonna/alle forcelle. Esame visivo del gioco e dello stato dei raccordi flessibili o giunti universali

a)

Movimento eccessivo del centro del volante verso l’alto o il basso

 

X

 

b)

Movimento eccessivo della parte superiore della colonna in rapporto all’asse della stessa

 

X

 

c)

Raccordo flessibile deteriorato

 

X

 

d)

Fissaggio difettoso

Rischio molto grave di distacco

 

X

X

e)

Modifica che compromette la sicurezza3

 

 

X

2.3.

Gioco dello sterzo

Con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore, con la massa del veicolo gravante sulle ruote, il motore, se possibile, in funzione per i veicoli dotati di servosterzo e le ruote diritte, ruotare leggermente il volante in senso orario e antiorario, nella misura del possibile senza muovere le ruote. Esame visivo del movimento libero

Gioco eccessivo dello sterzo (ad esempio il movimento da un punto della corona superiore a un quinto del diametro del volante o non conforme ai requisiti)1

Sterzo di sicurezza compromesso

 

X

X

2.4.

Allineamento delle ruote (X)2

Verificare l’allineamento delle ruote sterzanti mediante apparecchiature idonee

L’allineamento non è conforme ai dati o requisiti del costruttore del veicolo1

Direzione in avanti danneggiata; stabilità direzionale compromessa

X

X

 

2.5.

Asse sterzante del rimorchio

Esame visivo o utilizzo di uno strumento di rilevazione del gioco delle ruote

a)

Componente leggermente danneggiato

Componente gravemente danneggiato o incrinato

 

X

X

b)

Gioco eccessivo

Direzione in avanti danneggiata; stabilità direzionale compromessa

 

X

X

c)

Fissaggio difettoso

Fissaggio gravemente compromesso

 

X

X

2.6.

Servosterzo elettrico (EPS)

Esame visivo e controllo di coerenza tra l’angolo del volante e l’angolo delle ruote al momento dell’accensione/spegnimento del veicolo e/o mediante l’interfaccia elettronica del veicolo

a)

L’indicatore di guasto (MIL) del sistema EPS indica un qualsiasi tipo di malfunzionamento del sistema

 

X

 

b)

Incoerenza tra l’angolo del volante e l’angolo delle ruote

Sterzo danneggiato

 

X

X

c)

Servosterzo non funzionante

 

X

 

d)

Il sistema indica un guasto attraverso l’interfaccia elettronica del veicolo

 

X

 

3.   

VISIBILITÀ

3.1.

Campo di visibilità

Esame visivo dal sedile del conducente

Ostacoli nel campo visivo del conducente che incidono materialmente sulla visibilità in avanti o sui lati (area di pulitura esterna delle spazzole del parabrezza)

X

 

 

Area di pulitura interna delle spazzole del parabrezza danneggiata o specchi esterni non visibili

X

3.2.

Stato dei vetri

Esame visivo

a)

Vetro, o pannello trasparente (se autorizzato), graffiato o scolorito (area di pulitura esterna delle spazzole del parabrezza)

X

 

 

Area di pulitura interna delle spazzole del parabrezza danneggiata o specchi esterni non visibili

X

b)

Vetro o pannello trasparente (comprese le pellicole riflettenti o colorate) non conformi alle specifiche dei requisiti1 (area di pulitura esterna delle spazzole del parabrezza)

X

 

 

Area di pulitura interna delle spazzole del parabrezza danneggiata o specchi esterni non visibili

X

c)

Vetro o pannello trasparente in condizioni inaccettabili

 

X

 

Visibilità attraverso l’area di pulitura interna delle spazzole del parabrezza gravemente compromessa

X

3.3.

Specchietti o dispositivi retrovisori

Esame visivo

a)

Specchietto o dispositivo mancante o non montato conformemente ai requisiti1 (devono essere disponibili almeno due possibilità di retrovisione)

 

X

 

Disponibilità di meno di due possibilità di retrovisione

X

b)

Specchietto o dispositivo lievemente danneggiato o fissato male

X

 

 

Specchietto o dispositivo non funzionante, gravemente danneggiato, fissato male o in modo non sicuro

X

c)

Campo visivo insufficiente

 

X

 

3.4.

Tergicristallo del parabrezza anteriore

Esame visivo e azionamento

a)

Spazzole non funzionanti o mancanti o non conformi alle prescrizioni1

 

X

 

b)

Lama del tergicristallo non funzionante

X

 

 

Lama del tergicristallo mancante o chiaramente non funzionante

X

3.5.

Lavacristalli

Esame visivo e azionamento

Lavacristalli non adeguatamente funzionanti (mancanza di liquido per pulire ma pompa operante o getto dell’acqua disallineato)

X

 

 

Lavacristalli non funzionanti

X

3.6

Sistema antiappannamento (X)2

Esame visivo e azionamento

Sistema non operativo o chiaramente difettoso

X

 

 

4.   

LUCI, RIFLETTORI E CIRCUITO ELETTRICO

4.1.   

Fari

4.1.1.

Stato e funzionamento

Esame visivo e azionamento

a)

Luce o sorgente luminosa difettosa o mancante (luci/sorgenti luminose multiple; in caso di LED sino a 1/3 non funzionanti)

Luci/sorgenti luminose singole; in caso di LED visibilità gravemente compromessa

X

X

 

b)

Sistema di proiezione leggermente difettoso (riflettori e lenti)

Sistema di proiezione gravemente difettoso o mancante (riflettori e lenti)

X

X

 

c)

Luci fissate male

 

X

 

4.1.2.

Allineamento

Determinare l’orientamento orizzontale di ciascun faro in posizione anabbagliante utilizzando un dispositivo per l’orientamento dei fari o uno schermo o utilizzando l’interfaccia elettronica del veicolo

a)

L’orientamento del faro non rientra nei limiti fissati dai requisiti1

 

X

 

b)

Il sistema indica un guasto attraverso l’interfaccia elettronica del veicolo

 

X

 

4.1.3.

Accensione

Esame visivo e azionamento o utilizzo dell’interfaccia elettronica del veicolo

a)

L’accensione non è conforme ai requisiti1 (numero di fari accesi simultaneamente)

Luminosità frontale superiore al massimo consentito

X

X

 

b)

Malfunzionamento del dispositivo di accensione

 

X

 

c)

Il sistema indica un guasto attraverso l’interfaccia elettronica del veicolo

 

X

 

4.1.4.

Rispetto dei requisiti1

Esame visivo e azionamento

a)

La luce, il colore emesso, la posizione, la luminosità o la marcatura non sono conformi ai requisiti1

 

X

 

b)

Prodotti sulle lenti o sulle sorgenti luminose che riducono chiaramente la luminosità o modificano il colore emesso

 

X

 

c)

Sorgente luminosa e faro non compatibili

 

X

 

4.1.5.

Sistemi per regolare l’inclinazione (se obbligatori)

Esame visivo e azionamento, se possibile, o utilizzo dell’interfaccia elettronica del veicolo

a)

Dispositivo non funzionante

 

X

 

b)

Il dispositivo manuale non può essere azionato dal sedile del conducente

 

X

 

c)

Il sistema indica un guasto attraverso l’interfaccia elettronica del veicolo

 

X

 

4.1.6.

Dispositivo tergifari (se obbligatorio)

Esame visivo e azionamento se possibile

Dispositivo non funzionante

In caso di unità ottiche a scarica

X

X

 

4.2.   

Luci di posizione anteriori e posteriori, luci laterali, luci d’ingombro e luci di marcia diurna

4.2.1.

Stato e funzionamento

Esame visivo e azionamento

a)

Sorgente di luce difettosa

 

X

 

b)

Lenti difettose

 

X

 

c)

Luci fissate male

Rischio molto grave di distacco

X

X

 

4.2.2.

Accensione

Esame visivo e azionamento

a)

L’accensione non è conforme ai requisiti1

Le luci di posizione posteriori e le luci laterali possono essere spente quando sono accesi i fari

 

X

X

 

b)

Malfunzionamento del dispositivo di accensione

 

X

 

4.2.3.

Rispetto dei requisiti1

Esame visivo e azionamento

a)

La luce, il colore emesso, la posizione, la luminosità o la marcatura non sono conformi ai requisiti1

Luce rossa davanti o luce bianca sul retro; luminosità fortemente ridotta

X

X

 

b)

Prodotti sulle lenti o sulle sorgenti luminose che riducono la luminosità o modificano il colore emesso

Luce rossa davanti o luce bianca sul retro; luminosità fortemente ridotta

X

X

 

4.3.   

Luci di arresto

4.3.1.

Stato e funzionamento

Esame visivo e azionamento

a)

Sorgente di luce difettosa (sorgenti luminose multiple; in caso di LED sino a 1/3 non funzionanti)

Sorgenti luminose singole; in caso di LED meno di 2/3 funzionanti)

Nessuna fonte luminosa funziona

X

X

X

b)

Lenti leggermente difettose (nessuna influenza sulla luce emessa)

Lenti fortemente difettose (emissione luminosa compromessa)

X

X

 

c)

Luci fissate male

Rischio molto grave di distacco

X

X

 

4.3.2.

Accensione

Esame visivo e azionamento o utilizzo dell’interfaccia elettronica del veicolo

a)

L’accensione non è conforme ai requisiti1

Funzionamento ritardato

Assenza totale di funzionamento

X

X

X

b)

Malfunzionamento del dispositivo di accensione

 

X

 

c)

Il sistema indica un guasto attraverso l’interfaccia elettronica del veicolo

 

X

 

d)

La luce del freno di emergenza non funziona o non funziona correttamente

 

X

 

4.3.3.

Rispetto dei requisiti1

Esame visivo e azionamento

La luce, il colore emesso, la posizione, la luminosità o la marcatura non sono conformi ai requisiti1

Luce bianca sul retro; luminosità fortemente ridotta

X

X

 

4.4.   

Indicatori luminosi di direzione e di emergenza

4.4.1.

Stato e funzionamento

Esame visivo e azionamento

a)

Sorgente di luce difettosa (sorgenti luminose multiple; in caso di LED sino a 1/3 non funzionanti)

Sorgenti luminose singole; in caso di LED meno di 2/3 funzionanti

X

X

 

b)

Lenti leggermente difettose (nessuna influenza sulla luce emessa)

Lenti fortemente difettose (emissione luminosa compromessa)

X

X

 

c)

Luci fissate male

Rischio molto grave di distacco

X

X

 

4.4.2.

Accensione

Esame visivo e azionamento

L’accensione non è conforme ai requisiti1

Assenza totale di funzionamento

X

X

 

4.4.3.

Rispetto dei requisiti1

Esame visivo e azionamento

La luce, il colore emesso, la posizione, la luminosità o la marcatura non sono conformi ai requisiti1

 

X

 

4.4.4.

Frequenza di lampeggiamento

Esame visivo e azionamento

La velocità di lampeggiamento non è conforme ai requisiti1 (deviazione della frequenza superiore al 25 %)

X

 

 

4.5.   

Proiettore fendinebbia anteriore e faro antinebbia posteriore

4.5.1.

Stato e funzionamento

Esame visivo e azionamento

a)

Sorgente di luce difettosa (sorgenti luminose multiple; in caso di LED sino a 1/3 non funzionanti)

Sorgenti luminose singole; in caso di LED meno di 2/3 funzionanti)

X

X

 

b)

Lenti leggermente difettose (nessuna influenza sulla luce emessa)

Lenti fortemente difettose (emissione luminosa compromessa)

X

X

 

c)

Luci fissate male

Rischio molto grave di distacco o di abbagliamento di conducenti di altri veicoli

X

X

 

4.5.2.

Allineamento (X)2

Funzionamento e utilizzo di un dispositivo per l’orientamento dei fari

Il proiettore fendinebbia anteriore mostra un errato allineamento orizzontale quando il fascio luminoso presenta una linea di demarcazione (linea di demarcazione troppo bassa)

Linea di demarcazione sopra quella dei fari

X

X

 

4.5.3.

Accensione

Esame visivo e azionamento

L’accensione non è conforme ai requisiti1

Non funzionante

X

X

 

4.5.4.

Rispetto dei requisiti 1

Esame visivo e azionamento

a)

La luce, il colore emesso, la posizione, la luminosità o la marcatura non sono conformi ai requisiti1

 

X

 

b)

Il sistema non funziona conformemente ai requisiti1

 

X

 

4.6.   

Luci di retromarcia

4.6.1.

Stato e funzionamento

Esame visivo e azionamento

a)

Sorgente di luce difettosa

X

 

 

b)

Lenti difettose

X

 

 

c)

Luci fissate male

Rischio molto grave di distacco

X

X

 

4.6.2.

Rispetto dei requisiti1

Esame visivo e azionamento

a)

La luce, il colore emesso, la posizione, la luminosità o la marcatura non sono conformi ai requisiti1

 

X

 

b)

Il sistema non funziona conformemente ai requisiti1

 

X

 

4.6.3.

Accensione

Esame visivo e azionamento

L’accensione non è conforme ai requisiti1

Le luci di retromarcia possono essere accese con il cambio non in posizione di retromarcia

X

X

 

4.7.   

Dispositivo di illuminazione della targa posteriore

4.7.1.

Stato e funzionamento

Esame visivo e azionamento

a)

Il dispositivo emette all’indietro luce diretta o bianca

X

 

 

b)

Sorgente di luce difettosa, sorgente luminosa multipla

Sorgente di luce difettosa, sorgente luminosa singola

X

X

 

c)

Luci fissate male

Rischio molto grave di distacco

X

X

 

4.7.2.

Rispetto dei requisiti1

Esame visivo e azionamento

Il sistema non funziona conformemente ai requisiti1

X

 

 

4.8.   

Catarifrangenti, evidenziatori (retroriflettenti) e targhette marcatrici posteriori

4.8.1.

Condizioni

Esame visivo

a)

Catarifrangenti difettosi o danneggiati

Catarifrangenti compromessi

X

X

 

b)

Catarifrangente fissato in modo non sicuro

Fissato in modo da renderne probabile il distacco

X

X

 

4.8.2.

Rispetto dei requisiti1

Esame visivo

Il dispositivo, il colore riflesso o la posizione non sono conformi ai requisiti1

Dispositivo mancante o riflettente luce rossa davanti o luce bianca sul retro

X

X

 

4.9.   

Spie obbligatorie per l’impianto di illuminazione

4.9.1.

Stato e funzionamento

Esame visivo e azionamento

Non funzionanti

Non funzionante per fascio abbagliante o faro antinebbia posteriore

X

X

 

4.9.2.

Rispetto dei requisiti1

Esame visivo e azionamento

Non conformi ai requisiti1

X

 

 

4.10.

Collegamenti elettrici tra il veicolo trainante e il rimorchio o il semirimorchio

Verifica visiva: se possibile esaminare la continuità elettrica della connessione

a)

Componenti fissati in modo non sicuro

Connessione malsicura

X

X

 

b)

Isolamento danneggiato o deteriorato

Con probabilità di provocare un corto circuito

X

X

 

c)

Connessioni elettriche del rimorchio o del veicolo trainante non correttamente funzionanti

Luci di arresto del rimorchio non funzionanti

 

X

X

4.11.

Circuito elettrico

Esame visivo con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore, se del caso anche all’interno del compartimento motore

a)

Cavi collegati in modo non sicuro o non fissati adeguatamente

Unioni difettose, bordi taglienti a contatto, connettori a rischio disconnessione

Cavi che possono toccare parti sensibili, parti rotanti o il terreno, connettori a rischio disconnessione (componenti importanti per la frenatura/lo sterzo)

X

X

X

b)

Cavi leggermente deteriorati

Cavi gravemente deteriorati

Cavi estremamente deteriorati (componenti importanti per la frenatura/lo sterzo)

X

X

X

c)

Isolamento danneggiato o deteriorato

Con probabilità di provocare un corto circuito

Grave rischio di incendio, formazione di scintille

X

X

X

4.12.

Fari e catarifrangenti non obbligatori (X)2

Esame visivo e azionamento

a)

Faro/catarifrangente montato in modo non conforme ai requisiti1

Il dispositivo emette/riflette luce rossa davanti o luce bianca sul retro

X

X

 

b)

Funzionamento del faro non conforme ai requisiti1

Il numero di fari in funzionamento simultaneo supera la luminosità consentita; emissione anteriore di luce rossa e posteriore di luce bianca

X

X

 

c)

Faro/catarifrangente fissato male

Rischio molto grave di distacco

X

X

 

4.13.

Batteria(e)

Esame visivo

a)

Cattivo fissaggio

Batteria non correttamente fissata; con probabilità di provocare un corto circuito

X

X

 

b)

Perdite

Perdita di sostanze pericolose

X

X

 

c)

Interruttore difettoso (se obbligatorio)

 

X

 

d)

Fusibili difettosi (se obbligatori)

 

X

 

e)

Raffreddamento non adeguato (se obbligatorio)

 

X

 

5.   

ASSI, RUOTE, PNEUMATICI E SOSPENSIONI

5.1.   

Assi

5.1.1.

Assi

Esame visivo con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore. I dispositivi di rilevazione del gioco delle ruote possono essere utilizzati e sono raccomandati per i veicoli aventi una massa massima superiore a 3,5 tonnellate

a)

Asse spezzato o deformato

 

 

X

b)

Asse fissato al veicolo non correttamente

Stabilità pregiudicata, funzionalità compromessa: movimento eccessivo in relazione ai fissaggi

 

X

X

c)

Modifica che compromette la sicurezza3

Stabilità e funzionalità compromesse, distanza insufficiente rispetto alle altre parti del veicolo o al suolo

 

X

X

5.1.2.

Fuselli

Esame visivo con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore. I dispositivi di rilevazione del gioco delle ruote possono essere utilizzati e sono raccomandati per i veicoli aventi una massa massima superiore a 3,5 tonnellate. Applicare a ciascuna ruota una forza verticale o laterale e rilevare il movimento tra la traversa dell’asse e i fuselli

a)

Fusello rotto

 

 

X

b)

Usura eccessiva del perno e/o delle boccole

Probabilità di allentamento; stabilità direzionale compromessa

 

X

X

c)

Movimento eccessivo tra fusello e traversa dell’asse

Probabilità di allentamento; stabilità direzionale compromessa

 

X

X

d)

Gioco del fusello nell’asse

Probabilità di allentamento; stabilità direzionale compromessa

 

X

X

5.1.3.

Cuscinetti delle ruote

Esame visivo con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore. I dispositivi di rilevazione del gioco delle ruote possono essere utilizzati e sono raccomandati per i veicoli aventi una massa massima superiore a 3,5 tonnellate. Muovere le ruote o applicare una forza laterale a ciascuna ruota e rilevare il movimento verso l’alto della ruota relativamente al fusello

a)

Gioco eccessivo in un cuscinetto della ruota

Stabilità direzionale compromessa; pericolo di distruzione

 

X

X

b)

Cuscinetto fissato in modo eccessivo, bloccato

Rischio di surriscaldamento; pericolo di distruzione

 

X

X

5.2.   

Ruote e pneumatici

5.2.1.

Mozzo della ruota

Esame visivo

a)

Dadi o viti della ruota mancanti o allentati

Mozzo non fissato, o fissato così male da compromettere gravemente la sicurezza stradale

 

X

X

b)

Mozzo usurato o danneggiato

Mozzo usurato o danneggiato in modo tale da compromettere la sicurezza del fissaggio delle ruote

 

X

X

5.2.2.

Ruote

Esame visivo di entrambi i lati di ciascuna ruota con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore

a)

Eventuali rotture o problemi di saldatura

 

 

X

b)

Anelli di tenuta dei pneumatici non adeguatamente fissati

Con probabilità di distacco

 

X

X

c)

Ruota fortemente deformata o usurata

Fissaggio sicuro al mozzo compromesso; fissaggio sicuro del pneumatico compromesso

 

X

X

d)

Tipo, dimensioni, specifiche tecniche di progettazione o compatibilità della ruota non conformi ai requisiti1 con rischi per la sicurezza stradale

 

X

 

5.2.3.

Pneumatici

Esame visivo di tutto il pneumatico sia ruotando la ruota staccata dal suolo con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore oppure muovendo avanti e indietro il veicolo sopra una fossa d’ispezione

a)

Dimensioni, capacità di carico, marchio di omologazione o indice di velocità del pneumatico non conformi ai requisiti1 con rischi per la sicurezza stradale

Insufficiente capacità di carico o indice di velocità per l’uso effettivo, il pneumatico tocca altre parti fisse del veicolo compromettendo la sicurezza della guida

 

X

X

b)

Pneumatici di dimensioni differenti sullo stesso asse o su due ruote gemelle

 

X

 

c)

Pneumatici di costruzione differente (radiale/diagonale)

 

X

 

d)

Danni o tagli gravi sul pneumatico

Tortiglia visibile o danneggiata

 

X

X

e)

L’indicatore di usura del pneumatico diventa esposto

Profondità del battistrada non conforme ai requisiti1

 

X

X

f)

Pneumatico in attrito con altri componenti (dispositivi flessibili anti-spray)

Pneumatico in attrito con altri componenti (senza compromettere la sicurezza della guida)

X

X

 

g)

Pneumatici riscolpiti non conformi ai requisiti1

Strato di protezione della tortiglia danneggiato

 

X

X

h)

Sistema di controllo della pressione del pneumatico difettoso o pneumatico chiaramente non gonfiato sufficientemente

Chiaramente non funzionante

X

X

 

5.3.   

Sistema di sospensioni

5.3.1.

Molle e stabilizzatori

Esame visivo con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore. I dispositivi di rilevazione del gioco delle ruote possono essere utilizzati e sono raccomandati per i veicoli di massa massima superiore a 3,5 tonnellate

a)

Molle fissate male al telaio o all’asse

Movimento relativo visibile. Fissaggi fortemente allentati

 

X

X

b)

Componente di una molla rotto o danneggiato

Molla principale o lamina principale della balestra o lamine addizionali compromesse molto gravemente

 

X

X

c)

Molla mancante

Molla principale o lamina principale della balestra o lamine addizionali compromesse molto gravemente

 

X

X

d)

Modifica che compromette la sicurezza3

Distanza insufficiente rispetto alle altre parti; sistema delle sospensioni non funzionante

 

X

X

5.3.2.

Ammortizzatori

Esame visivo con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore o utilizzando apparecchiature speciali, se disponibili

a)

Ammortizzatori fissati male al telaio o all’asse

Ammortizzatore allentato

X

X

 

b)

Ammortizzatore danneggiato che evidenzia segni di gravi perdite o difetti

 

X

 

5.3.2.1.

Prova dell’efficienza ammortizzante (X)2

Utilizzando un’attrezzatura speciale confrontare le differenze destra/sinistra

a)

Differenze significative tra destra e sinistra

 

X

 

b)

Mancato raggiungimento dei valori minimi

 

X

 

5.3.3.

Tubi di torsione, puntoni articolati, forcelle e bracci della sospensione

Esame visivo con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore. I dispositivi di rilevazione del gioco delle ruote possono essere utilizzati e sono raccomandati per i veicoli aventi una massa massima superiore a 3,5 tonnellate

a)

Componenti fissati male al telaio o all’asse

Probabilità di allentamento; stabilità direzionale compromessa

 

X

X

b)

Componente danneggiato o eccessivamente corroso

Stabilità del componente colpita o componente rotto

 

X

X

c)

Modifica che compromette la sicurezza3

Distanza insufficiente rispetto alle altre parti; sistema non operativo

 

X

X

5.3.4.

Attacchi sospensioni

Esame visivo con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore. I dispositivi di rilevazione del gioco delle ruote possono essere utilizzati e sono raccomandati per i veicoli aventi una massa massima superiore a 3,5 tonnellate

a)

Usura eccessiva del perno e/o delle boccole o a livello dei giunti delle sospensioni

Probabilità di allentamento; stabilità direzionale compromessa

 

X

X

b)

Rivestimento antipolvere gravemente deteriorato

Rivestimento antipolvere mancante o rotto

X

X

 

5.3.5.

Sospensioni pneumatiche

Esame visivo

a)

Sistema inutilizzabile

 

 

X

b)

Un qualsiasi componente danneggiato, modificato o deteriorato in modo tale da compromettere il funzionamento del sistema

Funzionamento del sistema gravemente compromesso

 

X

X

c)

Perdita udibile dal sistema

 

X

 

6.   

TELAIO ED ELEMENTI FISSATI AL TELAIO

6.1.   

Telaio o cassone ed elementi fissati al telaio

6.1.1.

Stato generale

Esame visivo con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore

a)

Lieve rottura o deformazione di un longherone o traversa

Grave rottura o deformazione di un longherone o traversa

 

X

X

b)

Placche di rinforzo o elementi di fissaggio montati male

Maggior parte delle unioni allentate; resistenza dei pezzi insufficiente

 

X

X

c)

Eccessiva corrosione che mette a repentaglio la rigidità dell’insieme

Resistenza dei pezzi insufficiente.

 

X

X

6.1.2.

Tubi di scappamento e silenziatori

Esame visivo con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore

a)

Sistema di scappamento fissato male o con perdite

 

X

 

b)

Penetrazione di fumi nella cabina o abitacolo del veicolo

Pericolo per la salute delle persone a bordo

 

X

X

6.1.3.

Serbatoi e tubi per carburante (tra cui serbatoio e tubi del carburante di riscaldamento)

Esame visivo con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore e, nel caso di sistemi GPL/GNC/GNL, uso di dispositivi di rilevazione delle perdite

a)

Serbatoi e tubi fissati male con un particolare rischio di incendio

 

 

X

b)

Perdita di carburante o tappo del carburante mancante o difettoso

Rischio d’incendio; perdita eccessiva di materiale pericoloso

 

X

X

c)

Tubi con punti di attrito

Tubi danneggiati

X

X

 

d)

Rubinetto a maschio del carburante (se richiesto) non funzionante correttamente

 

X

 

e)

Rischio di incendio dovuto a:

perdita di carburante

scarsa protezione del serbatoio o del sistema di scappamento

stato del compartimento motore

 

 

X

f)

Sistemi GPL/GNC/GNL o a idrogeno non conformi ai requisiti, qualsiasi pezzo del sistema difettoso1

 

 

X

6.1.4.

Paraurti, protezioni laterali e dispositivi posteriori antincastro

Esame visivo

a)

Elementi fissati male o danneggiati in modo tale da poter causare ferite in caso di contatto

Parti di cui è probabile il distacco; funzionalità gravemente compromessa

 

X

X

b)

Dispositivi chiaramente non conformi ai requisiti1.

 

X

 

6.1.5.

Supporto della ruota di scorta (se montato sul veicolo)

Esame visivo

a)

Supporto in condizioni non adeguate

X

 

 

b)

Supporto rotto o fissato male

 

X

 

c)

Ruota di scorta non fissata adeguatamente al supporto

Rischio molto grave di distacco

 

X

X

6.1.6.

Dispositivo meccanico di accoppiamento e rimorchio

Esame visivo per verificarne l’usura e il corretto funzionamento con particolare attenzione agli eventuali dispositivi di sicurezza e/o utilizzando uno strumento di misurazione

a)

Componente danneggiato, difettoso o incrinato (se non utilizzato)

Componente danneggiato, difettoso o incrinato (se utilizzato)

 

X

X

b)

Usura eccessiva di un componente

Sotto il limite di usura

 

X

X

c)

Fissaggio difettoso

Eventuali fissaggi allentati con un rischio molto grave di distacco

 

X

X

d)

Dispositivi di sicurezza mancanti o dal funzionamento difettoso

 

X

 

e)

Eventuali indicatori di accoppiamento non funzionanti

 

X

 

f)

Ostruzione della targa di immatricolazione o di luci (quando non utilizzate)

Targa di immatricolazione non leggibile (quando non utilizzata)

X

X

 

g)

Modifica che compromette la sicurezza3 (pezzi secondari)

Modifica che compromette la sicurezza3 (pezzi primari)

 

X

X

h)

Dispositivi di accoppiamento troppo deboli

 

X

 

6.1.7.

Trasmissione

Esame visivo

a)

Bulloni mancanti o allentati

Bulloni mancanti o allentati in modo tale da costituire un grave pericolo per la sicurezza stradale

 

X

X

b)

Usura eccessiva dei cuscinetti dell’albero di trasmissione

Rischio molto grave di allentamento o incrinatura

 

X

X

c)

Usura eccessiva dei giunti universali o delle catene/cinghie di trasmissione

Rischio molto grave di allentamento o incrinatura

 

X

X

d)

Raccordi flessibili deteriorati

Rischio molto grave di allentamento o incrinatura

 

X

X

e)

Albero danneggiato o incrinato

 

X

 

f)

Alloggiamento dei cuscinetti rotto o fissato male

Rischio molto grave di allentamento o incrinatura

 

X

X

g)

Rivestimento antipolvere gravemente deteriorato

Rivestimento antipolvere mancante o rotto

X

X

 

h)

Modifica illegale della trasmissione

 

X

 

6.1.8.

Castelli motore

Esame visivo non necessariamente utilizzando una fossa d’ispezione o un ponte sollevatore

Castelli deteriorati, chiaramente e gravemente danneggiati

Castelli allentati o rotti

 

X

X

6.1.9.

Prestazioni del motore (X)2

Esame visivo e/o mediante l’interfaccia elettronica

a)

Unità di controllo modificata in modo da compromettere la sicurezza e/o nuocere all’ambiente

 

X

 

b)

Motore modificato in modo da compromettere la sicurezza e/o nuocere all’ambiente

 

 

X

6.2.   

Cabina e carrozzeria

6.2.1.

Condizioni

Esame visivo

a)

Pannello o elemento montati male o danneggiati in modo tale da poter provocare ferite

Con probabilità di distacco

 

X

X

b)

Montante fissato male

Stabilità compromessa

 

X

X

c)

Ingresso di fumi del motore o di scarico

Pericolo per la salute delle persone a bordo

 

X

X

d)

Modifica che compromette la sicurezza3

Distanza insufficiente dalle parti rotanti o in movimento e dalla strada

 

X

X

6.2.2.

Fissaggio

Esame visivo con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore

a)

Carrozzeria o cabina fissati in modo inadeguato

Stabilità compromessa

 

X

X

b)

Carrozzeria o cabina chiaramente mal centrate sul telaio

 

X

 

c)

Carrozzeria o cabina non fissate o fissate male al telaio o alle traverse e se simmetriche

Carrozzeria o cabina non fissate o fissate male al telaio o alle traverse in modo tale da costituire un grave pericolo per la sicurezza stradale

 

X

X

d)

Eccessiva corrosione nei punti di fissaggio sulla carrozzeria autoportante

Stabilità compromessa

 

X

X

6.2.3.

Porte e serrature

Esame visivo

a)

Una porta non si apre o chiude in modo adeguato

 

X

 

b)

Vi è il rischio che una porta si apra improvvisamente o che non resti chiusa (porte scorrevoli)

Vi è il rischio che una porta si apra improvvisamente o che non resti chiusa (porte girevoli)

 

X

X

c)

Porte, cerniere, serrature o montanti deteriorati.

Porte, cerniere, serrature, montanti mancanti o fissati male

X

X

 

6.2.4.

Pavimento

Esame visivo con il veicolo sopra una fossa d’ispezione o su un ponte sollevatore

Pavimento fissato male o fortemente deteriorato

Stabilità insufficiente

 

X

X

6.2.5.

Sedile del conducente

Esame visivo

a)

Sedile con struttura difettosa

Sedile fissato male

 

X

X

b)

Meccanismo di regolazione non correttamente funzionante.

Sedile che si sposta o schienale non fissabile

 

X

X

6.2.6.

Altri sedili

Esame visivo

a)

Sedili difettosi o fissati male (pezzi secondari)

Sedili difettosi o fissati male (pezzi principali)

X

X

 

b)

Sedili non fissati in modo conforme ai requisiti1

Numero di sedili superiore a quello consentito; posizionamento non conforme all’omologazione

X

X

 

6.2.7.

Comandi di guida

Esame visivo e azionamento

Un qualsiasi comando essenziale per una condotta sicura del veicolo non funziona correttamente

Sicurezza di funzionamento compromessa

 

X

X

6.2.8.

Gradini della cabina

Esame visivo

a)

Gradino o anello del gradino fissati male

Stabilità insufficiente

X

X

 

b)

Gradini o anelli in uno stato tale da poter provocare ferite agli utilizzatori

 

X

 

6.2.9.

Altri dispositivi e attrezzature interne ed esterne

Esame visivo

a)

Fissaggio difettoso di altri dispositivi o attrezzature

 

X

 

b)

Funzionamento di altri dispositivi o attrezzature non conforme ai requisiti1.

Parti fissate in modo tale da poter causare ferite; sicurezza di funzionamento compromessa

X

X

 

c)

Perdite dall’impianto idraulico

Perdita eccessiva di materiale pericoloso

X

X

 

6.2.10.

Parafanghi (ali), dispositivi antispruzzo

Esame visivo

a)

Mancanti, fissati male o fortemente corrosi

A rischio di provocare ferite e a rischio di distacco.

X

X

 

b)

Distanza insufficiente dalla ruota/pneumatico (antispruzzo)

Distanza insufficiente dalla ruota/pneumatico (parafanghi)

X

X

 

c)

Non conforme ai requisiti1

Copertura insufficiente del battistrada

X

X

 

6.2.11.

Cavalletto

Esame visivo

a)

Mancante, fissato male o fortemente corroso

 

X

 

b)

Non conforme ai requisiti1

 

X

 

c)

Rischio di sblocco quando il veicolo è in movimento

 

 

X

6.2.12.

Impugnature e poggiapiedi

Esame visivo

a)

Mancanti, fissati male o fortemente corrosi

 

X

 

b)

Non conformi ai requisiti1

 

X

 

7.   

ALTRI EQUIPAGGIAMENTI

7.1.   

Cinture di sicurezza/fibbie e sistemi di ritenuta

7.1.1.

Sicurezza di montaggio di cinture di sicurezza/fibbie

Esame visivo

a)

Punto di ancoraggio fortemente deteriorato

Stabilità compromessa

 

X

X

b)

Ancoraggio fissato male

 

X

 

7.1.2.

Stato delle cinture di sicurezza/fibbie

Esame visivo e azionamento

a)

Cintura di sicurezza obbligatoria mancante o non montata

 

X

 

b)

Cintura di sicurezza danneggiata

Tagli o segni di sforzo

X

X

 

c)

Cintura di sicurezza non conforme ai requisiti1

 

X

 

d)

Fibbia della cintura di sicurezza danneggiata o non correttamente funzionante

 

X

 

e)

Riavvolgitore della cintura di sicurezza danneggiato o non correttamente funzionante

 

X

 

7.1.3.

Limitatore di carico della cintura di sicurezza

Esame visivo e/o mediante l’interfaccia elettronica

a)

Limitatore di carico chiaramente mancante o non adatto al veicolo

 

X

 

b)

Il sistema indica un guasto attraverso l’interfaccia elettronica del veicolo

 

X

 

7.1.4.

Pretensionatori per le cinture di sicurezza

Esame visivo e/o mediante l’interfaccia elettronica

a)

Pretensionatore chiaramente mancante o non adatto al veicolo

 

X

 

b)

Il sistema indica un guasto attraverso l’interfaccia elettronica del veicolo

 

X

 

7.1.5.

Airbag

Esame visivo e/o mediante l’interfaccia elettronica

a)

Airbag chiaramente mancante o non adatto al veicolo

 

X

 

b)

Il sistema indica un guasto attraverso l’interfaccia elettronica del veicolo

 

X

 

c)

Airbag chiaramente non funzionante

 

X

 

7.1.6.

Sistemi SRS

Esame visivo dell’indicatore di guasto e/o mediante l’interfaccia elettronica

a)

L’indicatore di guasto del sistema SRS indica un qualsiasi tipo di malfunzionamento del sistema

 

X

 

b)

Il sistema indica un guasto attraverso l’interfaccia elettronica del veicolo

 

X

 

7.2.

Estintore (X)2

Esame visivo

a)

Mancante

 

X

 

b)

Non conforme ai requisiti1

Se prescritto (ad esempio taxi, bus di linea, bus da turismo ecc.)

X

X

 

7.3.

Serrature e dispositivi antifurto

Esame visivo e azionamento

a)

Dispositivo antifurto non funzionante

X

 

 

b)

Il dispositivo è difettoso

Il dispositivo si blocca inopinatamente

 

X

X

7.4.

Triangolo di segnalazione (se prescritto) (X)2

Esame visivo

a)

Mancante o incompleto

X

 

 

b)

Non conforme ai requisiti1

X

 

 

7.5.

Cassetta di pronto soccorso (se prescritta) (X)2

Esame visivo

Mancante, incompleta o non conforme ai requisiti1.

X

 

 

7.6.

Cunei da ruota (zeppe) (se prescritti) (X)2

Esame visivo

Mancanti o non in buone condizioni, stabilità o dimensioni insufficienti

 

X

 

7.7.

Segnalatore acustico

Esame visivo e azionamento

a)

Non funzionante correttamente

Assenza totale di funzionamento

X

X

 

b)

Comando fissato male

X

 

 

c)

Non conforme ai requisiti1

Possibilità di confondere il suono emesso con quello delle sirene ufficiali

X

X

 

7.8.

Tachimetro

Esame visivo o controllo nel corso di prova su strada o con mezzi elettronici

a)

Non montato conformemente ai requisiti1

Mancante (se richiesto)

X

X

 

b)

Funzionamento compromesso

Totalmente non funzionante

X

X

 

c)

Non sufficientemente illuminato

Non in condizione di illuminarsi

X

X

 

7.9.

Tachigrafo (se montato/richiesto)

Esame visivo

a)

Non montato conformemente ai requisiti1

 

X

 

b)

Non funzionante

 

X

 

c)

Sigilli mancanti o difettosi

 

X

 

d)

Targhetta di installazione mancante, illeggibile o scaduta

 

X

 

e)

Evidente manomissione o manipolazione

 

X

 

f)

Dimensioni dei pneumatici non compatibili con i parametri di taratura

 

X

 

7.10.

Limitatore di velocità (se montato/richiesto)

Esame visivo e azionamento se sono disponibili apparecchiature adeguate

a)

Non montato conformemente ai requisiti1

 

X

 

b)

Chiaramente non funzionante

 

X

 

c)

Velocità impostata scorretta (se verificata)

 

X

 

d)

Sigilli mancanti o difettosi

 

X

 

e)

Targhetta mancante o illeggibile

 

X

 

f)

Dimensioni dei pneumatici non compatibili con i parametri di taratura

 

X

 

7.11.

Contachilometri se disponibile (X)2

Esame visivo e/o mediante l’interfaccia elettronica

a)

Manomissione evidente (frode) per ridurre o rappresentare in modo falso la percorrenza registrata di un veicolo

 

X

 

b)

Chiaramente non funzionante

 

X

 

7.12.

Controllo elettronico della stabilità (ESC) (se montato/richiesto)

Esame visivo e/o mediante l’interfaccia elettronica

a)

Sensori di velocità della ruota mancanti o danneggiati

 

X

 

b)

Cablatura danneggiata

 

X

 

c)

Altri componenti mancanti o danneggiati

 

X

 

d)

Commutatore danneggiato o non funzionante in modo corretto

 

X

 

e)

L’indicatore di guasto del sistema ESC indica un qualsiasi tipo di malfunzionamento del sistema

 

X

 

f)

Il sistema indica un guasto attraverso l’interfaccia elettronica del veicolo

 

X

 

8.   

EFFETTI NOCIVI

8.1.   

Rumore

8.1.1.

Sistema di protezione dal rumore

Valutazione soggettiva (a meno che l’ispettore ritenga che il livello sonoro è ai limiti del consentito, nel qual caso può essere effettuata una misurazione del rumore emesso da un veicolo in posizione di stazionamento utilizzando un apparecchio fonometrico)

a)

Livelli di rumore superiori a quelli consentiti dai requisiti1

 

X

 

b)

Un qualsiasi elemento del sistema di protezione dal rumore è fissato male, è danneggiato, montato in modo scorretto, mancante o chiaramente modificato in modo tale da avere conseguenze negative a livello di rumore

Rischio molto grave di distacco

 

X

X

8.2.   

Emissioni allo scarico

8.2.1.

Emissioni dei motori ad accensione comandata

8.2.1.1.

Sistema di controllo delle emissioni di gas di scarico

Esame visivo

a)

Dispositivo di controllo delle emissioni installato dal costruttore mancante, modificato o chiaramente difettoso.

 

X

 

b)

Perdite che potrebbero incidere sulle misurazioni delle emissioni

 

X

 

8.2.1.2.

Emissioni gassose

Per i veicoli fino alle classi di emissione Euro 5 ed Euro V (7):

misurazione tramite un analizzatore dei gas di scarico conformemente alle prescrizioni1 o lettura del dispositivo OBD. La prova all’uscita del tubo di scappamento costituisce il metodo standard per la valutazione delle emissioni dei gas di scarico. Sulla base di una valutazione di equivalenza e tenendo conto della legislazione applicabile al tipo di omologazione, gli Stati membri possono autorizzare l’utilizzo dei sistemi ODB in conformità alle raccomandazioni di condizionamento del costruttore e alle altre prescrizioni.

Per i veicoli a partire dalle classi di emissioni Euro 6 ed Euro VI (8):

misurazione tramite un analizzatore dei gas di scarico conformemente alle prescrizioni1 o lettura del dispositivo OBD in conformità alle raccomandazioni di condizionamento del costruttore e alle altre prescrizioni1.

Misurazione non applicabile ai motori a due tempi

a)

Le emissioni gassose superano i livelli specifici indicati dal costruttore

 

X

 

b)

Oppure, se queste informazioni non sono disponibili, le emissioni di CO superano:

i)

per i veicoli non controllati tramite un sistema avanzato di controllo delle emissioni,

4,5 %, oppure

3,5 %

a seconda della data di prima immatricolazione o di messa in circolazione di cui ai requisiti1

ii)

per i veicoli controllati tramite un sistema avanzato di controllo delle emissioni,

con il motore al minimo: 0,5 %

con il motore al minimo accelerato: 0,3 %

oppure

con il motore al minimo: 0,3 % (7)

con il motore al minimo accelerato: 0,2 %

a seconda della data di prima immatricolazione o di messa in circolazione di cui ai requisiti1

 

X

 

c)

Coefficiente lambda superiore a 1 ± 0,03 o non conforme alle specifiche del costruttore

 

X

 

d)

Dal dispositivo OBD risultano disfunzioni significative

 

X

 

8.2.2.   

Emissioni dei motori ad accensione spontanea

8.2.2.1.

Sistema di controllo delle emissioni di gas di scarico

Esame visivo

a)

Dispositivo di controllo delle emissioni installato dal costruttore mancante o chiaramente difettoso

 

X

 

b)

Perdite che potrebbero incidere sulle misurazioni delle emissioni

 

X

 

8.2.2.2.

Opacità

I veicoli immatricolati o messi in circolazione prima del 1o gennaio 1980 sono esentati da tale requisito

Per i veicoli fino alle classi di emissioni Euro 5 ed Euro V (7):

La misurazione dell’opacità dei gas di scarico è effettuata in libera accelerazione (motore disinnescato, ovvero il motore è accelerato dal regime minimo al regime massimo), con cambio in folle e frizione innestata o lettura del dispositivo OBD. La prova all’uscita del tubo di scappamento costituisce il metodo standard per la valutazione delle emissioni dei gas di scarico. Sulla base di una valutazione di equivalenza, gli Stati membri possono autorizzare l’utilizzo dei sistemi ODB in conformità alle raccomandazioni di condizionamento del costruttore e alle altre prescrizioni.

Per i veicoli a partire dalle classi di emissioni Euro 6 ed Euro VI (8):

La misurazione dell’opacità dei gas di scarico è effettuata in libera accelerazione (motore disinnescato, ovvero il motore è accelerato dal regime minimo al regime massimo), con cambio in folle e frizione innestata o lettura del dispositivo OBD in conformità alle raccomandazioni di condizionamento del costruttore e alle altre prescrizioni1.

Condizionamento del veicolo:

1)

i veicoli possono essere sottoposti a prova senza condizionamento anche se, per questioni di sicurezza, è necessario verificare che il motore sia caldo e in condizioni meccaniche soddisfacenti;

2)

requisiti in materia di condizionamento:

i)

il motore deve aver raggiunto la temperatura di esercizio; ad esempio, la temperatura dell’olio motore, rilevata con una sonda nell’alloggiamento dell’asta di misurazione del livello dell’olio, deve essere di almeno 80 °C, o corrispondere alla normale temperatura di esercizio, se essa è inferiore, o ancora la temperatura del blocco motore, misurata mediante il livello delle radiazioni infrarosse, deve essere almeno equivalente. Se, per la configurazione del veicolo, questo tipo di misurazione non è realizzabile, la normale temperatura di esercizio del motore può essere ottenuta in altro modo, ad esempio azionando la ventola di raffreddamento del motore;

ii)

l’impianto di scarico deve essere spurgato mediante almeno tre cicli di accelerazione libera o con un metodo equivalente.

a)

Per i veicoli immatricolati o messi in circolazione per la prima volta dopo la data indicata dai requisiti1,

l’opacità supera il livello indicato sulla targhetta apposta dal costruttore sul veicolo;

 

X

 

 

 

b)

Se tali informazioni non sono disponibili o i requisiti1 non consentono l’utilizzazione di valori di riferimento,

per motori ad aspirazione naturale: 2,5 m–1,

per motori a turbocompressione: 3,0 m–1,oppure,

per i veicoli identificati nei requisiti1 o immatricolati o messi in circolazione per la prima volta dopo la data indicata nei requisiti1,

1,5 m–1. (9)

o 0,7 m–1 o 0,7 m–1  (10)

 

X

 

 

Procedura di prova:

1)

il motore e gli eventuali turbocompressori devono essere al minimo prima di iniziare ciascun ciclo di accelerazione libera. Nel caso di veicoli pesanti a motore diesel, ciò implica un intervallo di almeno dieci secondi dopo aver rilasciato l’acceleratore;

2)

per iniziare ciascun ciclo di accelerazione libera, il pedale dell’acceleratore deve essere azionato a fondo, velocemente e regolarmente (ovvero, in meno di un secondo), ma non bruscamente, in modo da ottenere l’erogazione massima dalla pompa di iniezione;

3)

durante ciascun ciclo di accelerazione libera, prima di rilasciare il comando dell’acceleratore, il motore deve raggiungere il regime massimo o, nel caso dei veicoli con trasmissione automatica, il regime specificato dal costruttore o ancora, se tale dato non è disponibile, i 2/3 del regime massimo. Ciò può essere verificato ad esempio controllando il regime del motore o lasciando trascorrere un intervallo di tempo sufficiente tra l’azionamento e il rilascio dell’acceleratore, laddove per i veicoli delle categorie M2, M3, N2 e N3, tale intervallo deve essere di almeno 2 secondi;

4)

si considera che i veicoli non abbiano superato la prova soltanto se la media aritmetica dei valori registrati in almeno gli ultimi tre cicli di accelerazione libera è superiore al valore limite. Ciò può essere calcolato ignorando i valori che si discostano fortemente dalla media registrata o i risultati di un qualsiasi altro calcolo statistico che tenga conto della dispersione delle misurazioni. Gli Stati membri possono limitare il numero massimo dei cicli di prova;

5)

per evitare prove inutili, gli Stati membri possono considerare che un veicolo non ha superato la prova se i valori registrati sono considerevolmente superiori ai valori limite dopo meno di tre cicli di accelerazione libera o dopo i cicli di spurgo. Sempre per evitare prove inutili, gli Stati membri possono considerare che un veicolo ha superato la prova se i valori registrati sono considerevolmente inferiori ai valori limite dopo meno di tre cicli di accelerazione libera o dopo i cicli di spurgo.

 

 

 

 

8.3.   

Soppressione delle interferenze elettromagnetiche

Interferenza radio (X)2

 

Mancato rispetto di uno qualsiasi dei requisiti1

X

 

 

8.4.   

Altri elementi relativi all’ambiente

8.4.1.

Perdite di liquidi

 

Qualsiasi perdita anormale di liquidi diversi dall’acqua che potrebbe danneggiare l’ambiente o mettere a repentaglio la sicurezza di altri utenti della strada

Formazione costante di gocce che costituisce un rischio molto grave

 

X

X

9.   

CONTROLLI SUPPLEMENTARI PER VEICOLI DELLE CATEGORIE M2 E M3 ADIBITI AL TRASPORTO DI PASSEGGERI

9.1.   

Porte

9.1.1.

Porte di entrata e di uscita

Esame visivo e azionamento

a)

Funzionamento difettoso

 

X

 

b)

Stato di deterioramento

A rischio di provocare ferite

X

X

 

c)

Comando di emergenza difettoso

 

X

 

d)

Comando a distanza delle porte o dispositivi di segnalazione difettosi

 

X

 

e)

Non conformi ai requisiti1

Larghezza insufficiente della porta

X

X

 

9.1.2.

Uscite di emergenza

Esame visivo e azionamento (se del caso)

a)

Funzionamento difettoso

 

X

 

b)

Indicazioni delle uscite di emergenza illeggibili

Indicazioni delle uscite di emergenza mancanti

X

X

 

c)

Assenza del martello per rompere i vetri

X

 

 

d)

Non conformi ai requisiti1

Larghezza insufficiente o accesso bloccato

X

X

 

9.2.

Sistema antiappannante e di sbrinamento (X)2

Esame visivo e azionamento

a)

Funzionamento difettoso

che compromette il funzionamento sicuro del veicolo

X

X

 

b)

Emissione di gas tossici o di scarico nella cabina di guida o nell’abitacolo

Pericolo per la salute delle persone a bordo

 

X

X

c)

Sbrinamento difettoso (se obbligatorio)

 

X

 

9.3.

Sistema di aerazione o riscaldamento (X)2

Esame visivo e azionamento

a)

Funzionamento difettoso

Rischio per la salute delle persone a bordo

X

X

 

b)

Emissione di gas tossici o di scarico nella cabina di guida o nell’abitacolo

Pericolo per la salute delle persone a bordo

 

X

X

9.4.   

Sedili

9.4.1.

Sedili dei passeggeri (inclusi sedili per il personale di accompagnamento)

Esame visivo

Gli strapuntini (se consentiti) non funzionano automaticamente

Uscita di emergenza bloccata

X

X

 

9.4.2.

Sedile del conducente (requisiti supplementari)

Esame visivo

a)

Dispositivi speciali, ad esempio protezione antiriflesso, difettosi.

Campo visivo compromesso

X

X

 

b)

Protezione del conducente fissata male o non conforme ai requisiti1

A rischio di provocare infortuni

X

X

 

9.5.

Illuminazione interna e indicazioni dei percorsi(X)2

Esame visivo e azionamento

Dispositivi difettosi o non conformi ai requisiti1

Assenza totale di funzionamento

X

X

 

9.6.

Corridoi, spazi per passeggeri in piedi

Esame visivo

a)

Pavimento fissato male

Stabilità compromessa

 

X

X

b)

Corrimani o maniglie difettosi

Fissati male o inutilizzabili

X

X

 

c)

Non conformi ai requisiti1

Larghezza o spazio insufficiente

X

X

 

9.7.

Scale e gradini

Esame visivo e azionamento (se del caso)

a)

Deteriorati

Danneggiati

Stabilità compromessa

X

X

X

b)

Gradini retrattili non funzionanti in modo corretto

 

X

 

c)

Non conformi ai requisiti1

Larghezza insufficiente o altezza eccessiva

X

X

 

9.8.

Sistema di comunicazione con i passeggeri (X)2

Esame visivo e azionamento

Sistema difettoso

Assenza totale di funzionamento

X

X

 

9.9.

Indicazioni scritte (X)2

Esame visivo

a)

Mancanti, scritte in modo erroneo o illeggibili

X

 

 

b)

Non conformi ai requisiti1

Informazioni errate

X

X

 

9.10.   

Requisiti relativi al trasporto di bambini (X)2

9.10.1.

Porte

Esame visivo

Protezione delle porte non conforme ai requisiti1 relativi a questa forma di trasporto

 

X

 

9.10.2.

Equipaggiamenti speciali e di segnalazione

Esame visivo

Equipaggiamenti speciali e di segnalazione assenti o non conformi ai requisiti1

X

 

 

9.11.   

Requisiti relativi al trasporto di persone a mobilità ridotta (X)2

9.11.1.

Porte, rampe e sollevatori

Esame visivo e azionamento