EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 32015L2366R(05)

Rettifica della direttiva (UE) 2015/2366 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 novembre 2015, relativa ai servizi di pagamento nel mercato interno, che modifica le direttive 2002/65/CE, 2009/110/CE e 2013/36/UE e il regolamento (UE) n. 1093/2010, e abroga la direttiva 2007/64/CE (GU L 337 del 23.12.2015)

OJ L 102, 23.4.2018, p. 97–98 (BG, ES, DA, DE, ET, EL, EN, FR, HR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)
OJ L 102, 23.4.2018, p. 97–100 (CS)

ELI: http://data.europa.eu/eli/dir/2015/2366/corrigendum/2018-04-23/oj

23.4.2018   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

L 102/97


Rettifica della direttiva (UE) 2015/2366 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 novembre 2015, relativa ai servizi di pagamento nel mercato interno, che modifica le direttive 2002/65/CE, 2009/110/CE e 2013/36/UE e il regolamento (UE) n. 1093/2010, e abroga la direttiva 2007/64/CE

( Gazzetta ufficiale dell'Unione europea L 337 del 23 dicembre 2015 )

Pagina 42, considerando (47), terza frase:

anziché:

«… Tale approccio è conforme alla motivazione della raccomandazione speciale VI del gruppo di azione finanziaria internazionale sul riciclaggio, che prevede un meccanismo in base al quale i prestatori di servizi di pagamento che non siano in grado di soddisfare tutte le condizioni previste nella raccomandazione possano essere comunque trattati come istituti di pagamento. …»

leggasi:

«… Tale approccio è conforme alla motivazione della raccomandazione 14 del gruppo di azione finanziaria internazionale sul riciclaggio, che prevede un meccanismo in base al quale i prestatori di servizi di pagamento che non siano in grado di soddisfare tutte le condizioni previste nella raccomandazione possano essere comunque trattati come istituti di pagamento. …».

Pagina 62, articolo 5, paragrafo 2:

anziché:

«… delle responsabilità di cui agli articoli 73, 89, 90 e 92.»

leggasi:

«… delle responsabilità di cui agli articoli 73, 90 e 92.».

Pagina 86, articolo 52, punto 5, lettera f):

anziché:

«… pagamento in conformità dell'articolo 89;»

leggasi:

«… pagamento in conformità degli articoli 89 e 90;».

Pagina 89, articolo 61, paragrafo 1, prima frase:

anziché:

«… di servizi di pagamento possono convenire che l'articolo 62, paragrafo 1, l'articolo 64, paragrafo 3, gli articoli 72, 74, 76, 77, 80 e 89 non siano in tutto o in parte applicati. …»

leggasi:

«… l'utente di servizi di pagamento e il prestatore di servizi di pagamento possono convenire che l'articolo 62, paragrafo 1, l'articolo 64, paragrafo 3, gli articoli 72, 74, 76, 77, 80 89 e 90 non siano in tutto o in parte applicati. …».

Pagina 89, articolo 62, paragrafo 1, prima frase:

anziché:

«… salvo le diverse disposizioni di cui all'articolo 79, paragrafo 1, all'articolo 80, paragrafo 5, e all'articolo 88, paragrafo 2.»

leggasi:

«… salvo le diverse disposizioni di cui all'articolo 79, paragrafo 1, all'articolo 80, paragrafo 5, e all'articolo 88, paragrafo 4.».

Pagina 97, articolo 76, paragrafo 1, quarto comma:

anziché:

«Fatto salvo il paragrafo 3, gli Stati membri assicurano che, oltre al diritto di cui al presente paragrafo, nel caso di addebiti diretti di cui all'articolo 1 del regolamento (UE) n. 260/2012, il pagatore goda di un diritto incondizionato di rimborso entro i termini di cui all'articolo 77 della presente direttiva.»

leggasi:

«Fatto salvo il paragrafo 3 del presente articolo, gli Stati membri assicurano che, oltre al diritto di cui al primo comma del presente paragrafo, nel caso di addebiti diretti di cui all'articolo 1 del regolamento (UE) n. 260/2012, il pagatore goda di un diritto incondizionato di rimborso entro i termini di cui all'articolo 77 della presente direttiva.».

Pagina 103, articolo 89, paragrafo 2, quarto comma, prima frase:

anziché:

«In caso di mancata esecuzione o di esecuzione inesatta di un'operazione di pagamento per la quale il prestatore di servizi di pagamento del beneficiario non è responsabile ai sensi del primo e del secondo comma, il prestatore di servizi di pagamento del pagatore è responsabile nei confronti del pagatore. …»

leggasi:

«In caso di mancata esecuzione o di esecuzione inesatta di un'operazione di pagamento per la quale il prestatore di servizi di pagamento del beneficiario non è responsabile ai sensi del primo e del terzo comma, il prestatore di servizi di pagamento del pagatore è responsabile nei confronti del pagatore. …».

Pagina 103, articolo 92, paragrafo 1, prima frase:

anziché:

«1.   Qualora la responsabilità di un prestatore di servizi di pagamento ai sensi degli articoli 73 e 89 sia attribuibile ad un altro prestatore di servizi di pagamento o ad un intermediario, tale prestatore di servizi di pagamento o intermediario risarcisce il primo prestatore di servizi di pagamento in caso di perdite subite o di importi versati ai sensi degli articoli 73 e 89. …»

leggasi:

«1.   Qualora la responsabilità di un prestatore di servizi di pagamento ai sensi degli articoli 73, 89 e 90 sia attribuibile ad un altro prestatore di servizi di pagamento o ad un intermediario, tale prestatore di servizi di pagamento o intermediario risarcisce il primo prestatore di servizi di pagamento in caso di perdite subite o di importi versati ai sensi degli articoli 73, 89 e 90. …».

Pagina 107, articolo 99, paragrafo 1:

anziché:

«1.   Gli Stati membri assicurano che siano istituite procedure che consentano agli utenti di servizi di pagamento e ad altre parti interessate, incluse le associazioni dei consumatori, di presentare ricorsi alle autorità competenti in relazione a presunte violazioni della presente direttiva da parte di prestatori di servizi di pagamento.»

leggasi:

«1.   Gli Stati membri assicurano che siano istituite procedure che consentano agli utenti di servizi di pagamento e ad altre parti interessate, incluse le associazioni dei consumatori, di presentare ricorsi alle autorità competenti in relazione a presunte violazioni delle disposizioni di diritto nazionale che attuano le disposizioni della presente direttiva da parte di prestatori di servizi di pagamento.».

Pagina 109, articolo 102, paragrafo 1, seconda frase:

anziché:

«… Gli Stati membri assicurano che tali procedure di risoluzione alternativa delle controversie (ADR) si applichino ai prestatori di servizi di pagamento e coprano anche le attività dei rappresentanti designati.»

leggasi:

«… Gli Stati membri assicurano che tali procedure di risoluzione alternativa delle controversie (ADR) si applichino ai prestatori di servizi di pagamento.».

Pagina 110, articolo 107, paragrafo 1:

anziché:

«… l'articolo 74, paragrafo 1, secondo comma, …»,

leggasi:

«… l'articolo 74, paragrafo 1, quarto comma, …».


Top