EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Rafforzare il partenariato Unione europea-Cina

This summary has been archived and will not be updated, because the summarised document is no longer in force or does not reflect the current situation.

Rafforzare il partenariato Unione europea-Cina

SINTESI DI:

UE-Cina: maggiori responsabilità nell’ambito di un partenariato più forte — COM(2006) 631 def.

SINTESI

CHE COSA FA LA COMUNICAZIONE?

Stabilisce le linee guida per una politica europea volta a rafforzare la cooperazione tra l’Unione europea (UE) e la Cina.

Tali linee guida riguardano:

la transizione verso la democrazia in Cina;

lo sviluppo sostenibile;

gli aspetti commerciali;

la cooperazione internazionale per un partenariato più forte.

PUNTI CHIAVE

Sostenere la transizione politica: l’UE e la Cina portano avanti un dialogo politico regolare sui diritti umani, la tutela delle minoranze e il rafforzamento dello stato di diritto.

Promuovere l’efficienza energetica e la tutela ambientale: essendo due dei principali attori nel mercato globale dell’energia, l’UE e la Cina cooperano per:

migliorare la trasparenza e il quadro normativo del settore energetico;

scambiarsi tecniche e informazioni sull’efficienza delle risorse e sulle energie rinnovabili;

favorire gli investimenti e l’apertura degli appalti pubblici;

promuovere l’applicazione di norme internazionali.

Un esempio di cooperazione in questo campo è la Dichiarazione congiunta UE-Cina relativa alla sicurezza energetica del 2012.

Bilanciare lo sviluppo economico e sociale: L’UE e la Cina collaborano per definire e attuare politiche monetarie e fiscali bilanciate volte ad affrontare problemi come gli scarsi standard lavorativi, la salute e l’invecchiamento della popolazione.

Migliorare le relazioni commerciali ed economiche: dal momento che l’Unione europea è il principale partner commerciale della Cina e la Cina è il secondo più grande partner commerciale dell’UE, entrambi i partner mirano a:

promuovere l’apertura del mercato cinese agli investimenti e alle esportazioni;

definire regole commerciali eque (in particolare in materia di diritti di proprietà intellettuale e di standard lavorativi dignitosi);

risolvere le controversie commerciali attraverso il dialogo o attraverso il sistema dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) per la composizione delle controversie.

Rafforzare la cooperazione settoriale: l’UE e la Cina intendono rafforzare la cooperazione bilaterale nel campo:

della scienza e della tecnologia;

dell’immigrazione;

degli scambi culturali;

dell’istruzione.

Promuovere la sicurezza e la cooperazione internazionale: il dialogo tra l’UE e la Cina sulla pace e la sicurezza in talune regioni del mondo (soprattutto in Asia orientale). L’UE sostiene anche il dialogo tra la Cina e gli altri paesi della regione al fine di promuovere la stabilità. La cooperazione tra i partner riguarda anche la trasparenza delle spese militari, la non proliferazione nucleare e la progressiva revoca dell’embargo europeo sulle armi.

Le delegazioni europee e cinesi si incontrano ogni anno in occasione del vertice UE-Cina, la cui sede si alterna tra Bruxelles e Pechino. In occasione del 2013, è stata concordata l’agenda strategica UE-Cina 2020 per la cooperazione, che è attualmente il documento di riferimento per la relazione.

CONTESTO

I rapporti diplomatici tra l’UE e la Cina sono stati avviati per la prima volta nel 1975 mentre nel 1985 è stato firmato il primo atto giuridico: l’accordo commerciale e di cooperazione. Da allora, il rapporto è cresciuto fino a comprendere gli affari esteri, le questioni di sicurezza e altre problematiche quali il cambiamento climatico e la governance economica globale.

Rapporti dell’UE con la Cina

ATTO

Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento Europeo «UE-Cina: maggiori responsabilità nell’ambito di un partenariato più forte» (COM(2006) 631 def. del 24.10.2006)

Ultimo aggiornamento: 20.10.2015

Top