EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Accordo quadro interregionale di cooperazione tra la Comunità europea e il Mercosur

Accordo quadro interregionale di cooperazione tra la Comunità europea e il Mercosur

 

SINTESI DI:

Decisione 1999/279/CE del Consiglio: conclusione, a nome della Comunità europea, dell’accordo quadro interregionale di cooperazione tra la Comunità europea e i suoi Stati membri, e il Mercato comune del Sud e i suoi Stati parti

Accordo quadro interregionale di cooperazione tra la Comunità europea e i suoi Stati membri, e il Mercato comune del Sud e i suoi Stati parti

QUAL È LO SCOPO DELLA DECISIONE E DELL’ACCORDO?

  • La decisione conclude l’accordo per conto della Comunità europea (ora Unione europea).
  • L’accordo, che si basa sui principi democratici e sui diritti fondamentali, mira a rafforzare le relazioni esistenti fra le parti e a gettare le basi per un’associazione interregionale fra l’Unione europea (l’Unione) e il Mercato comune del Sud (Mercosur).

PUNTI CHIAVE

  • Oltre a una serie di accordi bilaterali, l’Unione ha concluso con il Mercosur questo accordo quadro interregionale.
  • Il Mercosur comprende Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay.
  • L’accordo riguarda questioni commerciali ed economiche, la cooperazione e altri settori di reciproco interesse.
  • In materia di scambi, il dialogo regolare sulle questioni commerciali ed economiche è volto a preparare una graduale e reciproca liberalizzazione degli stessi, e tra i principali settori di cooperazione figurano:
    • l’accesso al mercato, la liberalizzazione degli scambi e le discipline commerciali;
    • la compatibilità degli scambi con le norme dell’OMC;
    • l’individuazione dei prodotti sensibili e prioritari;
    • la cooperazione e scambi di informazioni in materia di servizi.
  • Benché nessun settore sia escluso dalla cooperazione economica, l’accordo riguarda nello specifico:
    • l’energia;
    • i trasporti;
    • le telecomunicazioni e le tecnologie dell’informazione;
    • la protezione dell’ambiente;
    • la scienza e la tecnologia;
    • la cooperazione tra imprese; e
    • la promozione degli investimenti.
  • Altri settori di cooperazione comprendono:
    • la formazione e l’istruzione;
    • la comunicazione, l’informazione e la cultura, ambiti in cui lo scopo è promuovere la comprensione reciproca e rafforzare i legami culturali;
    • la lotta contro il narcotraffico.

Finanziamento

  • Le parti si impegnano a fornire le risorse necessarie e a incoraggiare la Banca europea per gli investimenti a fornire un maggiore aiuto al Mercosur per raggiungere gli obiettivi dell’accordo.

Sostegno istituzionale

  • Un Consiglio di cooperazione che sovrintende all’attuazione dell’accordo si riunisce regolarmente a livello ministeriale.

Associazione interregionale

  • L’accordo istituisce un dialogo politico regolare per progredire verso un’associazione interregionale.
  • Nel giugno 2019 è stato raggiunto un accordo politico sull’accordo di associazione tra le parti.

DATA DI ENTRATA IN VIGORE

L’accordo è entrato in vigore il 1° luglio 1999 e ha una validità indeterminata.

CONTESTO

Per maggiori informazioni consultare:

DOCUMENTI PRINCIPALI

Decisione 1999/279/CE del Consiglio, del 22 marzo 1999, relativa alla conclusione, a nome della Comunità europea, dell’accordo quadro interregionale di cooperazione tra la Comunità europea e i suoi Stati membri, da una parte, e il Mercato comune del Sud e i suoi Stati parti, dall’altra (GU L 112 del 29.4.1999, pag. 65).

Accordo quadro interregionale di cooperazione tra la Comunità europea e i suoi Stati membri, da una parte, e il Mercato comune del Sud e i suoi Stati parti, dall’altra - Dichiarazione congiunta sul dialogo politico tra l’Unione europea e il Mercosur (GU L 69 del 19.3.1996, pag. 4).

DOCUMENTI COLLEGATI

Informazione concernente l’entrata in vigore dell’accordo quadro interregionale di cooperazione tra la Comunità europea e i suoi Stati membri, da una parte, e il Mercato comune del Sud e i suoi Stati parti, dall’altra (GU L 175 del 10.7.1999, pag. 62).

Ultimo aggiornamento: 06.03.2020

Top