EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Rafforzare la competitività globale dei fondi di investimento dell’Unione europea

Rafforzare la competitività globale dei fondi di investimento dell’Unione europea

 

SINTESI DI:

Direttiva 2009/65/CE — Concernente le regole in materia di organismi d’investimento collettivo in valori mobiliari (OICVM)

QUAL È LO SCOPO DI QUESTA DIRETTIVA?

  • Stabilisce norme comuni relative ai fondi di investimento, favorendo l’offerta di fondi di investimento regolati a livello dell’UE.
  • Stabilisce le norme principali che regolano gli OICVM*.

PUNTI CHIAVE

Gli obiettivi principali della direttiva sono:

  • offrire agli investitori una più ampia scelta di prodotti a un costo inferiore, attraverso:
    • un mercato degli OICVM più efficiente nell’UE;
    • maggiori informazioni per gli investitori;
    • una vigilanza dei fondi più efficiente; e
  • mantenere competitivo il settore degli investimenti dell’UE, adattando le norme agli sviluppi del mercato.

In particolare, la presente direttiva stabilisce norme su:

  • le informazioni per gli investitori, grazie ad un documento informativo di sintesi standardizzato, per semplificare la comprensione del prodotto da parte del consumatore;
  • un vero e proprio passaporto europeo per le società di gestione degli OICVM, che consentirà ad una società di gestione situata in un paese dell’UE di gestire fondi in altri paesi dell’Unione;
  • la commercializzazione degli OICVM in altri paesi, ad esempio semplificando le procedure amministrative;
  • le fusioni tra OICVM in altri paesi;
  • una vigilanza più severa sugli OICVM e sulle società che li gestiscono, ad esempio attraverso una migliore cooperazione fra gli enti nazionali di vigilanza finanziaria.

La direttiva 2009/65 è la quarta versione della normativa sugli OICVM e sostituisce la direttiva 85/611/CEE.

La direttiva 2009/65 è stata modificata dalla direttiva 2014/91/UE (OICVM V) che ha introdotto nuove norme sui depositari di OICVM (le entità che gestiscono le attività), ossia le entità idonee ad assumere tale ruolo, i loro compiti, gli accordi di delega e la responsabilità dei depositari.

È stata quindi integrata dal regolamento (UE) 2016/438 che affronta i rischi non legati al mercato per quanto riguarda le attività dei depositari. Copre aspetti degli obblighi dei depositari quali:

  • la custodia delle attività OICVM;
  • gli obblighi di controllo (ad esempio verificando che gli investimenti OICVM sono coerenti con le loro strategie di investimento, come descritto nelle loro regole e presentando documenti o garantendo che gli OICVM non violino i loro limiti di investimento);
  • la responsabilità per le attività.

Il regolamento (UE) 2016/438 ha anche stabilito obblighi di due diligence specifici per le procedure di insolvenza delle attività OICVM, nonché requisiti di indipendenza dettagliati per gli amministratori e custodi degli OICVM.

La direttiva 2009/65/UE è completata dai requisiti per gli OICVM che si assumono un’esposizione verso una cartolarizzazione (Regolamento (UE) 2017/2402).

A PARTIRE DA QUANDO SI APPLICA LA DIRETTIVA?

La direttiva è entrata in vigore dal lunedì 7 dicembre 2009 e doveva diventare legge negli Stati membri entro il giovedì 30 giugno 2011.

CONTESTO

Per ulteriori informazioni, consultare:

TERMINI CHIAVE

Organismo di investimento collettivo in valori mobiliari (OICVM): veicoli di investimento che raccolgono capitali da una pluralità di investitori al fine di investire tali capitali collettivamente tramite un portafoglio di strumenti finanziari quali azioni, obbligazioni e altri titoli.

DOCUMENTO PRINCIPALE

Direttiva 2009/65/CEdel Parlamento europeo e del Consiglio del 13 luglio 2009 concernente il coordinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative in materia di taluni organismi d’investimento collettivo in valori mobiliari (OICVM) (rifusione) (GU L 302 del 17.11.2009, pag. 32).

Le successive modifiche alla Direttiva 2009/65/CE sono state integrate nel testo originale. La presente versione consolidata ha esclusivamente valore documentale.

DOCUMENTI CORRELATI

Regolamento (UE) 2017/2402 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 dicembre 2017, che stabilisce un quadro generale per la cartolarizzazione, instaura un quadro specifico per cartolarizzazioni semplici, trasparenti e standardizzate e modifica le direttive 2009/65/CE, 2009/138/CE e 2011/61/UE e i regolamenti (CE) n. 1060/2009 e (UE) n. 648/2012 (GU L 347 del 28.12.2017, pag. 35).

Regolamento delegato della Commissione (EU) 2016/438 del 17 dicembre 2015 che integra la direttiva 2009/65/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda gli obblighi dei depositari C/2015/9160 (GU L 78 del 24.3.2016, pag. 11).

Direttiva 2014/91/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 luglio 2014, che modifica la direttiva 2009/65/CE concernente il coordinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative in materia di taluni organismi d’investimento collettivo in valori mobiliari (OICVM), per quanto riguarda le funzioni di depositario, le politiche retributive e le sanzioni (GU L 257 del 28.8.2014, pag. 186).

Regolamento (UE) No 583/2010 della Commissione del 1 luglio 2010 recante modalità di esecuzione della direttiva 2009/65/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le informazioni chiave per gli investitori e le condizioni per la presentazione di tali informazioni o del prospetto su un supporto durevole diverso dalla carta o tramite un sito web (GU L 176 del 10.7.2010, pag. 1).

Regolamento (UE) n. 584/2010 della Commissione del 1 luglio 2010 recante modalità di esecuzione della direttiva 2009/65/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda la forma e il contenuto del modello standard della lettera di notifica e dell’attestato OICVM, l’utilizzo dei mezzi elettronici per le comunicazioni tra le autorità competenti ai fini della notifica, nonché le procedure per le verifiche sul posto e le indagini e lo scambio di informazioni tra le autorità competenti (GU L 176 del 10.7.2010, pag. 16).

Direttiva 2010/43/UE della Commissione del 1 luglio 2010 recante modalità di esecuzione della direttiva 2009/65/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda i requisiti organizzativi, i conflitti di interesse, le regole di condotta, la gestione del rischio e il contenuto dell’accordo tra il depositario e la società di gestione (GU L 176 del 10.7.2010, pag. 42).

Direttiva 2010/42/UE della Commissione, del 1 luglio 2010, recante modalità di esecuzione della direttiva 2009/65/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda talune disposizioni inerenti alle fusioni di fondi, alle strutture master-feeder e alla procedura di notifica (GU L 176 del 10.7.2010, pag. 28).

Rettifica

Ultimo aggiornamento: 02.08.2016

Top