EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Potenziamento della cooperazione transfrontaliera (decisione di Prüm)

Potenziamento della cooperazione transfrontaliera (decisione di Prüm)

 

SINTESI DI:

Decisione 2008/615/GAI - Cooperazione transfrontaliera, in particolare nella lotta al terrorismo e alla criminalità transfrontaliera

QUAL È LO SCOPO DELLA DECISIONE?

La Decisione mira a migliorare la cooperazione transfrontaliera tra le autorità di polizia e giudiziarie dei Paesi dell’UE per combattere in maniera più efficace il terrorismo e la criminalità transfrontaliera. Si concentra in particolare sugli scambi automatizzati di informazioni. Allo stesso modo, si concentra su eventi importanti e sulla lotta al terrorismo.

La decisione scaturisce da un trattato multilaterale firmato nel 2005 da Belgio, Germania, Spagna, Francia, Lussemburgo, Paesi Bassi e Austria. È stata poi trasformata in uno strumento giuridico vincolante per tutti i Paesi dell’UE. Il Consiglio ha successivamente adottato la decisione di Prüm e le sue norme di attuazione.

PUNTI CHIAVE

La decisione stabilisce regole in merito a:

  • accesso automatizzato ai profili DNA e ai dati dattiloscopici* e alcuni dati nazionali di immatricolazione veicoli;
  • trasmissione dei dati relativi ad eventi di rilievo;
  • trasmissione delle informazioni per la prevenzione di reati terroristici;
  • altre misure per potenziare la cooperazione di polizia transfrontaliera.

Creazione di banche dati nazionali e accesso automatizzato ai dati

  • I Paesi dell’UE si fanno carico di creare archivi nazionali di analisi del DNA in modo da poter svolgere indagini su eventuali reati.
  • Dati di riferimento costituiti da sequenze di DNA non-codificante* e da un numero di riferimento che non consente di identificare un individuo devono essere messi a disposizione di altri Paesi dell’UE per effettuare ricerche automatizzate*.
  • Le ricerche vengono eseguite tramite punti di contatto nazionali confrontando i profili del DNA*, ma solo sulla base dei singoli casi e in caso di «hit/no-hit»* (concordanza/non concordanza).
  • I Paesi dell’UE devono inoltre rendere disponibili i dati di riferimento dei sistemi di identificazione automatizzati delle impronte digitali (AFIS)
  • Le consultazioni vengono effettuate mediante raffronto dei dati dattiloscopici e, analogamente alle consultazioni sul DNA, solo caso per caso e in base ad un sistema hit/no-hit.
  • I punti di contatto nazionali devono inoltre avere accesso a determinati dati nazionali di immatricolazione veicoli tramite ricerche online automatizzate.

Fornitura di dati relativi ad eventi importanti

  • In relazione ad eventi importanti che coinvolgono più di un Paese dell’UE, i Paesi interessati devono fornirsi reciprocamente dati non personali*, come richiesto allo scopo di prevenire reati e mantenere l’ordine pubblico e la sicurezza.
  • I dati personali possono essere trasmessi solo se si presuppone che le persone interessate costituiscano una minaccia per l’ordine e la sicurezza pubblici o se si ritiene che commetteranno reati in occasione di tali eventi. I dati possono essere utilizzati solo in relazione all’evento per cui sono stati forniti e devono essere cancellati una volta raggiunti gli scopi, e, in ogni caso, non oltre 1 anno dalla loro fornitura.

Fornitura di informazioni per combattere il terrorismo

In singoli casi e con alcune restrizioni, i Paesi dell’UE possono fornire reciprocamente i seguenti dati mirati alla prevenzione di attacchi terroristici:

  • cognome e nomi;
  • data e luogo di nascita;
  • una descrizione delle circostanze dalle quali deriva la presunzione che verranno commessi dei reati.

Altre misure per rafforzare la cooperazione tra forze di polizia transfrontaliera

  • I Paesi dell’UE possono effettuare pattugliamenti congiunti e altre operazioni congiunte per prevenire i reati e mantenere l’ordine pubblico e la sicurezza sul territorio di un determinato Paese dell’UE.
  • I Paesi dell’UE si prestano assistenza reciproca in caso di raduni e altri grandi eventi analoghi, disastri e gravi incidenti.

A PARTIRE DA QUANDO VIENE APPLICATA LA DECISIONE?

È stata applicata a partire dal martedì 26 agosto 2008.

CONTESTO

Per ulteriori informazioni, consultare:

TERMINI CHIAVE

Dati dattiloscopici: immagini di impronte digitali e di impronte digitali latenti (si tratta di impronte invisibili a occhio nudo e che devono essere analizzate da personale competente), impronte palmari, incluse quelle latenti, e modelli di tali immagini che vengono memorizzati e gestiti in un database automatizzato.
DNA non-codificante: regioni cromosomiche che non sono espresse geneticamente, e che, pertanto, non hanno nessuna proprietà funzionale per un organismo.
Ricerca automatizzata: procedura di accesso online per consultare le banche dati uno, più o tutti i Paesi dell’UE.
Profilo del DNA: lettera o codice numerico che rappresenta un insieme di caratteristiche di identificazione della parte non codificante di un campione di DNA umano analizzato.
Procedura di hit/no hit: le parti si danno reciprocamente l’accesso limitato ai dati di riferimento nelle loro banche dati nazionali sul DNA e sulle impronte digitali. Inoltre, concedono il diritto di utilizzare questi dati per condurre verifiche automatizzate di impronte digitali e profili del DNA. Le informazioni personali relative ai dati indicizzati non sono disponibili alla parte richiedente.
Dati non personali: dati contenenti profili individuali di DNA che possono essere utilizzati al fine di stabilire una corrispondenza o «concordanza», ma che non rivelano l’identità dell’interessato.

DOCUMENTO PRINCIPALE

Decisione 2008/615/GAI del Consiglio del 23 giugno 2008 sul rafforzamento della cooperazione transfrontaliera, in particolare nella lotta al terrorismo e alla criminalità transfrontaliera (GU L 210, 6.8.2008, pag. 1-11)

DOCUMENTI CORRELATI

Decisione di esecuzione (EU) 2017/617 del Consiglio del 27 marzo 2017 sull’avvio dello scambio automatizzato di dati riguardo ai dati sul DNA in Grecia (GU L 89, 1.4.2017, pag. 4-5)

Decisione di esecuzione (EU) 2017/618 del Consiglio del 27 marzo 2017 sull’avvio dello scambio automatizzato di dati di immatricolazione veicoli in Danimarca (GU L 89, 1.4.2017, pag. 6-7)

Decisione di esecuzione (EU) 2017/943 del Consiglio del 18 maggio 2017 sullo scambio automatizzato di dati relativi ai dati di immatricolazione veicoli a Malta, Cipro e in Estonia, e che sostituisce le Decisioni 2014/731/UE, 2014/743/UE e 2014/744/UE (GU L 142, 2.6.2017, pag. 84-86)

Decisione di esecuzione (EU) 2017/944 del Consiglio del 18 maggio 2017 sullo scambio automatizzato di dati per quanto riguarda i dati dattiloscopici in Lettonia, e che sostituisce la Decisione 2014/911/UE (GU L 142, 2.6.2017, pag. 87-88)

Decisione di esecuzione (EU) 2017/945 del Consiglio del 18 maggio 2017 sullo scambio automatico di dati relativi ai dati sul DNA in Slovacchia, Portogallo, Lettonia, Lituania, Repubblica ceca, Estonia, Ungheria, Cipro, Polonia, Svezia, Malta e Belgio, e che sostituisce le Decisioni 2010/689/EU, 2011/472/EU, 2011/715/EU, 2011/887/EU, 2012/58/EU, 2012/299/EU, 2012/445/EU, 2012/673/EU, 2013/3/EU, 2013/148/EU, 2013/152/EU e 2014/410/EU (GU L 142, 2.6.2017, pag. 89-92)

Decisione di esecuzione (EU) 2017/946 del Consiglio del 18 maggio 2017 sullo scambio automatizzato di dati relativi a dati dattiloscopici in Slovacchia, Bulgaria, Francia, Repubblica ceca, Lituania, Paesi Bassi, Ungheria, Cipro, Estonia, Malta, Romania e Finlandia, e che sostituisce le Decisioni 2010/682/UE, 2010/758/UE, 2011/355/UE, 2011/434/UE, 2011/888/UE, 2012/46/UE, 2012/446/UE, 2012/672/UE, 2012/710/UE, 2013/153/UE, 2013/229/UE e 2013/792/UE (GU L 142, 2.6.2017, pag. 93-96)

Decisione di esecuzione (EU) 2017/947 del Consiglio del 18 maggio 2017 sullo scambio automatizzato di dati relativi ai dati di immatricolazione veicoli in Finlandia, Slovenia, Romania, Polonia, Svezia, Lituania, Bulgaria, Slovacchia e Ungheria, e che sostituisce le Decisioni 2010/559/EU, 2011/387/EU, 2011/547/EU, 2012/236/EU, 2012/664/EU, 2012/713/EU, 2013/230/EU, 2013/692/EU e 2014/264/EU (GU L 142, 2.6.2017, pag. 97-99)

Decisione di esecuzione (EU) 2017/1866 del Consiglio del 12 ottobre 2017 sull’avvio dello scambio automatizzato di dati per quanto riguarda i dati di immatricolazione veicoli nella Repubblica ceca (GU L 266, 17.10.2017, pag. 6-7)

Decisione di esecuzione (EU) 2017/1867 del Consiglio del 12 ottobre 2017 sull’avvio dello scambio automatizzato di dati per quanto riguarda i dati dattiloscopici in Portogallo (GU L 266, 17.10.2017, pag. 8-9)

Decisione di esecuzione (EU) 2017/1868 del Consiglio del 12 ottobre 2017 sull’avvio dello scambio automatizzato di dati per quanto riguarda i dati dattiloscopici in Grecia (GU L 266, 17.10.2017, pag. 10-11)

Decisione di esecuzione (EU) 2016/254 del Consiglio del 12 febbraio 2016 sull’avvio dello scambio automatizzato di dati in merito ai dati di immatricolazione veicoli (VRD) in Lettonia (GU L 47, 24.2.2016, pag. 8-9)

Decisione di esecuzione (EU) 2016/2047 del Consiglio del 18 novembre 2016 sull;avvio dello scambio automatizzato di dati riguardo ai dati sul DNA in Danimarca (GU L 318, 24.11.2016, pag. 8-9)

Decisione di esecuzione (EU) 2016/2048 del Consiglio del 18 novembre 2016 sull’avvio dello scambio automatizzato di dati riguardo ai dati dattiloscopici in Danimarca (GU L 318, 24.11.2016, pag. 10-11)

Decisione di esecuzione (EU) 2015/2009 del Consiglio del 10 novembre 2015 sull’avvio dello scambio automatizzato di dati per quanto riguarda i dati dattiloscopici in Polonia (GU L 294, 11.11.2015, pag. 70-71)

Decisione di esecuzione (EU) 2015/2049 del Consiglio del 10 novembre 2015 sull’avvio dello scambio automatizzato di dati per quanto riguarda i dati dattiloscopici in Svezia (GU L 300, 17.11.2015, pag. 15-16)

Decisione di esecuzione (EU) 2015/2050 del Consiglio del 10 novembre 2015 sull’avvio dello scambio automatizzato di dati per quanto riguarda i dati dattiloscopici in Belgio (GU L 300, 17.11.2015, pag. 17-18)

Decisione di esecuzione 2010/482/UE del Consiglio del 26 luglio 2010 relativa alla conclusione dell’accordo tra l’Unione europea e l’Islanda e la Norvegia sull’applicazione di alcune disposizioni della Decisione 2008/516/GAI del Consiglio sul rafforzamento della cooperazione transfrontaliera, in particolare nella lotta al terrorismo e alla criminalità transfrontaliera, e della Decisione del Consiglio 2008/616/GAI sull’attuazione della decisione 2008/615/GAI sul rafforzamento della cooperazione transfrontaliera, in particolare nella lotta al terrorismo e alla criminalità transfrontaliera, e relativo allegato (GU L 238, 9.9.2010, pag. 1-2)

Decisione del Consiglio 2008/616/GAI del 23 giugno 2008 sull’attuazione della Decisione 2008/615/GAI sul rafforzamento della cooperazione transfrontaliera, in particolare nella lotta al terrorismo e alla criminalità transfrontaliera (GU L 210, 6.8.2008, pag. 12-72)

Ultimo aggiornamento: 04.05.2020

Top