EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Protezione contro gli organismi nocivi per le piante

Protezione contro gli organismi nocivi per le piante

 

SINTESI DI:

Regolamento (UE) 2016/2031 relativo alle misure di protezione contro gli organismi nocivi per le piante

QUAL È L’OBIETTIVO DEL REGOLAMENTO?

Il regolamento ha lo scopo di combattere gli organismi nocivi e le malattie delle piante, all’interno del regime UE sulla sanità delle piante, con misure di protezione più efficaci per l’UE e le sue piante rivolte ad assicurare un commercio sicuro e a mitigare l’impatto del cambiamento climatico. Tali misure includono:

  • una migliore protezione del paesaggio, foreste e altri spazi verdi, per ridurre l’uso di pesticidi;
  • una documentazione più semplice e trasparente per i vivaisti e i coltivatori, per migliorare la protezione delle coltivazioni;
  • sostegno finanziario per la sorveglianza, l’eliminazione ed il contenimento.

PUNTI CHIAVE

  • La salute delle piante è minacciata da specie dannose per le piante e i prodotti derivati che presentano un rischio elevato di introduzione nell’Unione a causa della globalizzazione degli scambi e del cambiamento del clima. Il regolamento stabilisce le azioni da intraprendere per determinare i rischi posti da queste specie nocive e per ridurli ad un livello accettabile attraverso misure fitosanitarie*.

Organismi nocivi da quarantena

Vengono definiti i criteri per l’identificazione di organismi nocivi da quarantena dei quali devono essere impedite l’introduzione e la diffusione nell’Unione. Con organismi nocivi da quarantena rilevanti per le zone protette si intendono quegli organismi nocivi il cui controllo è necessario solo in parti dell’Unione.

Organismi nocivi prioritari

  • Organismi nocivi prioritari sono quelli aventi il più grave impatto economico, ambientale o sociale per l’intero territorio dell’Unione. Agli organismi nocivi prioritari si devono applicare disposizioni speciali per quanto concerne l’informazione del pubblico, le indagini, i piani di emergenza, le prove di simulazione, i piani di eradicazione e il cofinanziamento delle misure da parte dell’Unione.
  • Ogni paese membro deve preparare un piano per ogni organismo nocivo prioritario che plausibilmente può entrare e stabilirsi nel suo territorio, con informazioni sul processo decisionale, le procedure e i protocolli da seguire. I piani d’emergenza sono condivisi con la Commissione europea, gli altri paesi membri e gli specialisti del settore tramite internet. Esercizi di simulazione vengono condotti a seconda del livello di rischio che rappresentano.

Passaporto delle piante e certificati fitosanitari

  • Il regolamento stabilisce un sistema per l’ingresso nell’Unione e la circolazione al suo interno di piante, prodotti derivati, e altri materiali che possano venire infettati da organismi nocivi (come ad esempio la terra o altro substrato culturale) o che rappresentino un rischio fitosanitario inaccettabile. Le nuove regole espandono, semplificano e armonizzano lo schema attuale di passaporto delle piante che è richiesto per tutti i loro movimenti all’interno dell’Unione tra operatori professionali. Prevedono inoltre che tutti gli operatori professionali siano registrati per garantire controlli più facili e una migliore tracciabilità.
  • I certificati fitosanitari, che confermano la conformità con la normativa dell’Unione, sono richiesti per un’ampia tipologia di piante, prodotti derivati dalle piante e altro materiale a rischio di infezione.
  • Il certificato di pre-esportazione è rilasciato per consentire lo scambio di informazioni tra i paesi dell’Unione in cui una pianta, un prodotto derivato dalle piante, o un altro oggetto collegato transiti attraverso più di un paese membro prima di venire esportato al di fuori dell’Unione.

Importazioni

Il regolamento si propone di prevenire l’introduzione di organismi nocivi nell’Unione europea. fornisce una serie di misure preventive basate sul rischio effettivo rivolte a proteggere l’Unione dall’ingresso di organismi nocivi che, sulla base di una valutazione preliminare del rischio, si ritiene potrebbero venire introdotti da piante, prodotti derivati dalle piante e altri oggetti collegati provenienti dall’esterno dell’Unione.

DA QUANDO È IN VIGORE IL REGOLAMENTO?

Esso si applica dal 14 dicembre 2019.

CONTESTO

Si veda anche:

TERMINI CHIAVE

Misure fitosanitarie: provvedimenti ufficiali rivolti a prevenire l’introduzione e la diffusione di organismi nocivo da quarantena o a limitare l’impatto economico di organismi nocivi non da quarantena ma comunque regolamentati.

DOCUMENTO PRINCIPALE

Regolamento (UE) n. 2016/2031 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 ottobre 2016, relativo alle misure di protezione contro gli organismi nocivi per le piante, che modifica i regolamenti (UE) n. 228/2013, (UE) n. 652/2014 e (UE) n. 1143/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio e abroga le direttive 69/464/CEE, 74/647/CEE, 93/85/CEE, 98/57/CE, 2000/29/CE, 2006/91/CE e 2007/33/CE del Consiglio (GU L 317 del 23.11.2016, pag. 4).

DOCUMENTI COLLEGATI

Regolamento (UE) n. 1143/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, recante disposizioni volte a prevenire e gestire l’introduzione e la diffusione delle specie esotiche invasive (GU L 317 4.11.2014, pag. 35).

Le successive modifiche al Regolamento (UE) n. 1143/2014 sono state integrate nel documento di base. La versione consolidata ha solo un valore documentario.

Regolamento (UE) n. 652/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, che fissa le disposizioni per la gestione delle spese relative alla filiera alimentare, alla salute e al benessere degli animali, alla sanità delle piante e al materiale riproduttivo vegetale, che modifica le direttive 98/56/CE, 2000/29/CE e 2008/90/CE del Consiglio, i regolamenti (CE) n. 178/2002, (CE) n. 882/2004 e (CE) n. 396/2005 del Parlamento europeo e del Consiglio, la direttiva 2009/128/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, nonché il regolamento (CE) n. 1107/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, e che abroga le decisioni 66/399/CEE, 76/894/CEE e 2009/470/CE del Consiglio (GU L 189 del 27.6.2014, pag. 1).

Si veda la versione consolidata.

Regolamento (UE) n. 228/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 marzo 2013, recante misure specifiche nel settore dell’agricoltura a favore delle regioni ultraperiferiche dell’Unione e che abroga il regolamento (CE) n. 247/2006 del Consiglio (GU L 78 del 20.3.2013, pag. 23).

Ultimo aggiornamento: 12.07.2019

Top