EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Immigrazione: la risposta dell’Unione europea

Immigrazione: la risposta dell’Unione europea

Agenda europea sulla migrazione - COM(2015) 240 final

ATTO

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni: Agenda europea sulla migrazione [COM(2015) 240 final del 13.5.2015]

SINTESI

CHE COSA FA LA PRESENTE COMUNICAZIONE?

Sviluppa un insieme di iniziative concrete per gestire meglio l’immigrazione, garantendo che tutti i paesi dell’Unione europea (UE) accolgano una giusta quota di immigrati e di richiedenti asilo.

Affrontando sia la dimensione esterna sia la dimensione interna della politica dell’UE in materia di migrazione, si propone di dare impulso alla cooperazione dell’Unione europea con i paesi terzi.

PUNTI CHIAVE

Priorità a breve termine

Azione immediata per evitare ulteriori perdite di vite umane nel Mediterraneo:

intensificare le attività di ricerca e soccorso nel Mediterraneo;

combattere le reti criminali di trafficanti che sfruttano la vulnerabilità dei migranti;

usare criteri obiettivi per il trasferimento e reinsediamento degli immigrati tra i paesi membri;

collaborare strettamente con i paesi africani per ridurre i flussi migratori;

aiutare i paesi dell’UE che ricevono nuovi arrivi.

Priorità a medio/lungo termine

Una migliore gestione di tutti gli aspetti della politica dell’UE in materia di migrazione:

ridurre gli incentivi alla migrazione irregolare:

collaborare con i paesi partner per affrontare le cause profonde che spingono le persone a provare a raggiungere l’Europa;

smantellare le reti della tratta e del traffico di migranti;

migliorare la politica dell’UE di rimpatrio degli immigrati irregolari nel loro paese di origine.

migliorare la gestione delle frontiere:

mettere in atto procedure per una gestione più efficiente delle frontiere esterne dell’UE;

aumentare l’uso della tecnologia;

sostenere i controlli di frontiera esistenti.

migliorare le politiche di asilo dell’UE:

sviluppare un chiaro sistema per ricevere i richiedenti asilo che condivida la responsabilità della loro accoglienza in modo più equo fra i diversi paesi dell’UE.

sviluppare una nuova politica in materia di migrazione regolare:

concentrarsi sull’attirare persone con le competenze di cui l’UE ha più bisogno in un momento in cui la popolazione attiva è in declino.

Ulteriori informazioni

ATTI COLLEGATI

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni: Agenda europea sulla sicurezza [COM(2015) 185 final del 28.4.2015]

Ultimo aggiornamento: 26.08.2015

Top