EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Energia pulita per i trasporti: una strategia europea in materia di combustibili alternativi

Energia pulita per i trasporti: una strategia europea in materia di combustibili alternativi

L’Europa dipende in misura consistente dal petrolio d’importazione per quanto riguarda il sistema dei trasporti. Questa realtà rappresenta un costo elevato per l’economia europea, solleva preoccupazioni sulla sicurezza della fornitura e, nel lungo periodo, si rivelerà insostenibile dal punto di vista ambientale. È pertanto necessario sostituire questa dipendenza con combustibili alternativi supportati dalle infrastrutture necessarie.

ATTO

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni - Energia pulita per i trasporti: una strategia europea in materia di combustibili alternativi [COM(2013) 17 final del 24.1.2013].

SINTESI

L’Europa dipende in misura consistente dal petrolio d’importazione per quanto riguarda il sistema dei trasporti. Questa realtà rappresenta un costo elevato per l’economia europea, solleva preoccupazioni sulla sicurezza della fornitura e, nel lungo periodo, si rivelerà insostenibile dal punto di vista ambientale. È pertanto necessario sostituire questa dipendenza con combustibili alternativi supportati dalle infrastrutture necessarie.

COSA FA LA PRESENTE COMUNICAZIONE?

Presenta una strategia completa per i combustibili alternativi, spiegando il modo in cui questi ultimi possono essere applicati a tutti i mezzi di trasporto. La strategia contempla gli sviluppi tecnologici, l’investimento nell’impiego di nuovi combustibili e le modalità da seguire per illustrare i vantaggi al pubblico.

PUNTI CHIAVE

  • Non esiste una sola soluzione che valga per tutti i tipi di trasporto: stradale (passeggeri e merci), ferroviario, aereo e per vie navigabili.
  • Gas: esistono varie possibilità quali il gas di petrolio liquefatto, gas naturali come il biometano, il gas naturale liquefatto, il gas naturale compresso e la liquefazione del gas.
  • Elettricità: i veicoli elettrici che prelevano elettricità dalla rete diventano sempre più numerosi mano a mano che la tecnologia avanza.
  • Biocarburante: il tipo di combustibile alternativo più importante per realizzare l’obiettivo di raggiungere il 10 % di energia rinnovabile nel settore dei trasporti entro il 2020. Nel 2012, la quota media delle fonti di energia rinnovabile nel consumo di carburante per il trasporto nei 28 paesi dell’Unione europea (UE) era pari al 5,1 %.
  • Idrogeno: le celle a combustibile alimentato a idrogeno sono sempre più utilizzate su autovetture, autobus, furgoni leggeri e navigazione interna.
  • Infrastruttura per la distribuzione dei combustibili alternativi: deve essere quanto più estesa possibile cosicché i produttori abbiano modo di realizzare economie di scala e gli utenti possano usufruire di una rete adeguata.
  • Standard: l’esistenza di specifiche tecniche e di sicurezza condivise è fondamentale, specialmente per i veicoli elettrici.
  • Accettazione da parte dei consumatori: il pubblico deve essere informato sui vantaggi dei nuovi combustibili e deve essere incoraggiato ad accettarli.

CONTESTO

Nel 2012, il petrolio rappresentava il 94 % dell’energia utilizzata nei trasporti e ammontava a un deficit pari a 2,5 % del PIL nella bilancia commerciale UE. Entro il 2020, l’impiego di combustibili alternativi potrebbe determinare una riduzione della spesa relativa alle importazioni petrolifere dell’UE pari a 4,2 miliardi di EUR all’anno, arrivando fino a 9,3 miliardi di euro nel 2030.

Per maggiori informazioni, consultare il sito web Energia pulita per i trasporti della Commissione europea.

Ultimo aggiornamento: 30.04.2015

Top