EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (2014-2020)

Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (2014-2020)

 

SINTESI DI:

Regolamento (UE) 508/2014: il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca

QUALE È L’OBIETTIVO DEL REGOLAMENTO?

Il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP) mira ad assistere le popolazioni costiere affinché si adeguino alla nuova politica comune della pesca (PCP) riformata dell’Unione europea (UE) per il periodo 2014-2020.

PUNTI CHIAVE

Dotazione finanziaria e priorità

Con una dotazione finanziaria di 6,5 miliardi di euro per il periodo 2014-2020, il FEAMP mira a:

  • ricostruire gli stock ittici, ridurre l’impatto della pesca sull’ambiente marino ed eliminare progressivamente gli scarti — lo scarico in mare delle catture indesiderate — ovvero la pratica di rigettare i pesci in mare, morti o vivi, perché sono troppo piccoli, perché il pescatore non ha le quote corrispondenti per catturarli o a causa di alcune norme di composizione delle catture;
  • sostenere la pesca su piccola scala, la pesca locale e i giovani pescatori;
  • aiutare le comunità a diversificare l’economia locale;
  • finanziare progetti che creino occupazione e migliorino la qualità della vita sulle coste d’Europa;
  • sostenere l’acquacoltura europea (allevamento di pesci e molluschi);
  • finanziare il miglioramento della conoscenza scientifica dell’ambiente marino e la raccolta di dati pertinenti, in modo che le decisioni siano prese sulla base di informazioni attendibili;
  • rafforzare i programmi di controllo della pesca;
  • sostenere investimenti innovativi sui pescherecci, ad esempio per migliorare la selettività degli attrezzi da pesca (cioè garantire che gli attrezzi specifici per la cattura del pesce in base alla taglia e alla specie permetta ad altri pesci di non essere catturati o di essere rilasciati illesi);
  • sostenere (a determinate condizioni) gli investimenti destinati ad attrezzature o a bordo volti a ridurre l’emissione di sostanze inquinanti o gas a effetto serra;
  • migliorare la commercializzazione e la trasformazione nei settori della pesca e dell’acquacoltura;
  • sostenere la politica marittima integrata dell’UE facilitando il coordinamento transfrontaliero e fra settori (ad esempio nella pianificazione dello spazio marittimo, nella sorveglianza marittima integrata e nel miglioramento della conoscenza relativa allo stato dell’ambiente marino).

Attuazione

  • Il FEAMP cofinanzia i progetti insieme ai paesi dell’UE, che forniscono fondi nazionali. I paesi dell’UE redigono un programma operativo, nel quale dichiarano come intendono spendere il denaro loro destinato. Dopo l’approvazione da parte della Commissione europea di tali programmi, spetta alle autorità nazionali decidere quali progetti saranno finanziati.
  • Dall’adozione del regolamento (UE) n. 508/2014, la Commissione ha adottato norme che riguardano principalmente aspetti tecnici dettagliati concernenti l’attuazione. Essi comprendono:
  • Un elenco completo degli atti esecutivi e degli atti delegati è disponibile sul sito del FEAMP.

Pandemia di COVID-19 — modifiche al regolamento

  • Il regolamento (UE) 2020/560 modifica il regolamento (CE) n. 508/2014 introducendo misure specifiche per contenere l’impatto della pandemia di COVID-19. Si è verificato un calo significativo della domanda di prodotti della pesca e dell’acquacoltura a seguito dell’insorgenza della pandemia, con gravi conseguenze socio-economiche in quelle comunità in cui la pesca e l’acquacoltura svolgono un ruolo importante.
  • Il regolamento modificato consente al FEAMP di fornire supporto per:
    • la cessazione temporanea delle attività di pesca, anche per la pesca nelle acque interne e per i pescatori a piedi;
    • talune perdite economiche per i produttori di acquacoltura e le imprese di trasformazione e nelle regioni ultraperiferiche, se causate dall’insorgere di COVID-19.
  • Le misure possono anche comportare la messa a disposizione di capitale circolante per i produttori e le imprese di trasformazione di prodotti dell’acquacoltura e il sostegno alle organizzazioni di produttori e alle associazioni di organizzazioni di produttori per lo stoccaggio dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura.
  • Il regolamento modificato mira a consentire una ridistribuzione più flessibile delle risorse finanziarie nell’ambito dei programmi operativi in ciascuno Stato membro e a semplificare la procedura di modifica dei programmi operativi.

DA QUANDO SI APPLICA IL REGOLAMENTO?

Viene applicato dal 1o gennaio 2014. Le misure temporanee relative all’insorgenza di COVID-19 si applicano retroattivamente dal 1o febbraio 2020 e sono disponibili fino al 31 dicembre 2020.

CONTESTO

Il FEAMP è lo strumento finanziario che sostiene la PCP per il periodo 2014-2020. È uno dei 5 fondi strutturali e di investimento europei che si completano a vicenda e mirano a promuovere una ripresa in Europa basata sulla crescita e sull’occupazione.

DOCUMENTO PRINCIPALE

Regolamento (UE) n. 508/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativo al Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e che abroga i regolamenti (CE) n. 2328/2003, (CE) n. 861/2006, (CE) n. 1198/2006 e (CE) n. 791/2007 del Consiglio e il regolamento (UE) n. 1255/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 149 del 20.5.2014, pag. 1).

Le successive modifiche al Regolamento (UE) n. 508/2014 sono state incorporate nel testo originale. La versione consolidata ha esclusivamente valore documentale.

DOCUMENTI CORRELATI

Regolamento delegato (UE) 2015/852 della Commissione, del 27 marzo 2015, che integra il regolamento (UE) n. 508/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda i casi di inosservanza e i casi di inosservanza grave delle norme della politica comune della pesca che possono comportare un’interruzione dei termini di pagamento o la sospensione dei pagamenti nell’ambito del Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (GU L 135 del 2.6.2015, pag. 13).

Regolamento di esecuzione (UE) n. 1362/2014 della Commissione, del 18 dicembre 2014, che stabilisce le norme relative a una procedura semplificata per l’approvazione di talune modifiche dei programmi operativi finanziati nell’ambito del Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e le norme concernenti il formato e le modalità di presentazione delle relazioni annuali sull’attuazione di tali programmi (GU L 365 del 19.12.2014, pag. 124).

Regolamento di esecuzione (UE) n. 1243/2014 della Commissione, del 20 novembre 2014, recante disposizioni a norma del regolamento (UE) n. 508/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca per quanto riguarda le informazioni che devono essere trasmesse dagli Stati membri, i dati necessari e le sinergie tra potenziali fonti di dati (GU L 334 del 21.11.2014, pag. 39).

Si veda la versione consolidata.

Regolamento di esecuzione (UE) n. 1242/2014 della Commissione, del 20 novembre 2014, recante disposizioni a norma del regolamento (UE) n. 508/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca per quanto riguarda la presentazione dei dati cumulativi pertinenti sugli interventi (GU L 334 del 21.11.2014, pag. 11).

Si veda la versione consolidata.

Regolamento delegato (UE) n. 1014/2014 della Commissione, del 22 luglio 2014, che integra il regolamento (UE) n. 508/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e che abroga i regolamenti (CE) n. 2328/2003, (CE) n. 861/2006, (CE) n. 1198/2006 e (CE) n. 791/2007 del Consiglio e il regolamento (UE) n. 1255/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda il contenuto e l’architettura del sistema comune di monitoraggio e valutazione degli interventi finanziati dal Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (GU L 283 del 27.9.2014, pag. 11).

Si veda la versione consolidata.

Regolamento di esecuzione (UE) n. 763/2014 della Commissione, dell’11 luglio 2014, recante modalità di applicazione del regolamento (UE) n. 508/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca per quanto riguarda le caratteristiche tecniche delle misure di informazione e di comunicazione e le istruzioni per creare l’emblema dell’Unione (GU L 209 del 16.7.2014, pag. 1).

Decisione di esecuzione 2014/372/UE della Commissione, dell’11 giugno 2014, che fissa la ripartizione annuale per Stato membro delle risorse globali del Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca disponibili nel quadro della gestione concorrente per il periodo 2014-2020 (notificata con il numero C(2014) 3781) (GU L 180 del 20.6.2014, pag. 18).

Ultimo aggiornamento: 09.06.2020

Top