EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document C2016/131A/01

Invito a manifestazione d’interesse — Agenti contrattuali — Gruppo di funzioni I — Autisti (U/D) — EP/CAST/S/16/2016

OJ C 131A , 14.4.2016, p. 1–7 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, GA, HR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

14.4.2016   

IT

Gazzetta ufficiale dell’Unione europea

CA 131/1


INVITO A MANIFESTAZIONE D’INTERESSE

AGENTI CONTRATTUALI — GRUPPO DI FUNZIONI I — AUTISTI (U/D)

EP/CAST/S/16/2016

(2016/C 131 A/01)

 

I.   INTRODUZIONE

Il Parlamento europeo pubblica il presente invito a manifestazione d’interesse in vista della costituzione di una base di dati di candidati idonei a essere assunti in qualità di agente contrattuale, gruppo di funzioni I (GF I), Autisti (U/D).

La procedura di selezione sarà organizzata con il supporto tecnico dell’Ufficio europeo di selezione del personale (EPSO).

La base di dati sarà gestita dal Parlamento europeo. La sede di servizio sarà essenzialmente a Bruxelles.

Il numero di posti disponibili è di circa 110. I candidati cui verrà offerto un impiego saranno assunti secondo le modalità indicate nel titolo IX del presente invito a manifestazione d’interesse.

Le condizioni di lavoro degli agenti contrattuali sono definite dal regime applicabile agli altri agenti dell’Unione europea (RAA) (1).

La retribuzione mensile di base (GF I, grado 1, scatto 1) è di 1 907,24 EUR. Alla retribuzione di base possono eventualmente aggiungersi gli assegni e le indennità previste dal RAA. La retribuzione è soggetta all’imposta comunitaria e ad altre trattenute previste dal RAA. Essa è esente da qualsiasi imposta nazionale.

Gli agenti contrattuali sono assunti su una base geografica quanto più ampia possibile tra i cittadini degli Stati membri.

Ogni riferimento, nel presente invito a manifestazione d’interesse, a una persona di sesso maschile si intende altresì come fatto a persona di sesso femminile e viceversa.

II.   NATURA DELLE FUNZIONI

L’agente contrattuale sarà incaricato, sotto la supervisione di un funzionario o di un agente temporaneo, di eseguire i compiti di autista. A titolo indicativo, detti compiti si possono riassumere nel modo seguente:

trasportare personalità e funzionari o altri agenti del Parlamento europeo principalmente a Bruxelles, Lussemburgo e Strasburgo, nonché in altri Stati membri e paesi terzi

trasportare visitatori (corpo diplomatico e personalità esterne)

trasportare beni e documenti

trasportare corrispondenza

provvedere all’uso corretto del veicolo, segnatamente dei relativi strumenti tecnologici

garantire la sicurezza delle persone e dei beni nel corso del trasporto nel rispetto del codice della strada nazionale

effettuare, eventualmente, il carico e lo scarico dei veicoli

effettuare, eventualmente, lavori amministrativi o di supporto logistico.

Il Parlamento europeo fornirà agli autisti una tenuta di servizio recante il logo dell’Istituzione.

All’agente contrattuale potrà essere chiesto di lavorare la notte e il fine settimana, con orari flessibili legati alle esigenze di servizio.

III.   CALENDARIO INDICATIVO DELLA PROCEDURA

La gestione della procedura sarà effettuata dal Parlamento europeo in collaborazione con EPSO. Sarà costituito di un comitato di selezione composto di rappresentanti del Parlamento europeo. Il calendario indicativo è il seguente:

Fasi

Date indicative

Iscrizione elettronica

14 aprile — 18 maggio 2016

Selezione per titoli

giugno 2016

Comunicazione dei risultati

luglio 2016

IV.   REQUISITI DI AMMISSIONE

Il Parlamento europeo applica una politica di pari opportunità e accetta le candidature senza distinzione di origine razziale o etnica, di convinzione politica, filosofica o religiosa, di età o di disabilità, di sesso o di orientamento sessuale e indipendentemente dallo stato civile o dalla situazione familiare dei candidati.

L’assunzione in qualità di agente contrattuale è possibile unicamente se alla scadenza prevista per l’iscrizione elettronica, sono rispettate le condizioni seguenti:

A.

Condizioni generali

a)

Essere cittadino di uno degli Stati membri dell’Unione europea.

b)

Godere dei diritti civili.

c)

Essere in regola per quanto riguarda gli obblighi imposti dalle leggi in materia di obblighi militari.

d)

Offrire le garanzie di moralità richieste per l’esercizio dei compiti previsti.

e)

Soddisfare i requisiti fisici per l’esercizio dei compiti.

B.

Condizioni minime specifiche — Formazione/esperienza

Formazione minima richiesta

Completamento della scuola dell’obbligo.

Possesso di una patente di guida B in corso di validità.

Esperienza professionale

Alla scadenza fissata per l’iscrizione elettronica il candidato deve, per essere ammesso alla selezione, comprovare un’esperienza professionale minima di 2 anni in qualità di autista nel trasporto di persone, acquisita dopo il completamento della scuola dell’obbligo.

C.

Conoscenze linguistiche

a)

lingua 1 (L1)

e

b)

lingua 2 (L2)

Lingua principale: conoscenza approfondita [livello minimo C1 (2)] di una delle 24 lingue ufficiali dell’Unione europea (3).

Una conoscenza soddisfacente (livello B2) del francese, dell’inglese o del tedesco; la lingua 2 deve essere differente dalla lingua 1.

Conformemente alla sentenza pronunciata dalla Corte di giustizia dell’Unione europea (Grande Sezione) nella causa C-566/10 P, Repubblica italiana/Commissione, il Parlamento europeo è tenuto, nell’ambito del presente invito a manifestazione d’interesse, a motivare la limitazione della scelta della seconda lingua a un numero ristretto di lingue ufficiali dell’Unione.

Si informano pertanto i candidati che le tre lingue 2 indicate ai fini del presente invito a manifestazione d’interesse sono state scelte alla luce dell’interesse del servizio, secondo cui il personale neoassunto deve essere immediatamente operativo e capace di comunicare in modo efficace nel lavoro quotidiano.

Secondo una prassi consolidata del Parlamento europeo per quanto riguarda le lingue di comunicazione interna, e dato che le esigenze dei servizi in materia di comunicazione esterna e di trattamento dei fascicoli, il francese, l’inglese e il tedesco sono le lingue maggiormente utilizzate. Inoltre, nei rapporti informativi del 2013, il 92 % del personale ha dichiarato di conoscere l’inglese, l’84 % di conoscere il francese e il 56 % di conoscere il tedesco. Le altre lingue ufficiali non superano la soglia del 50 % del personale che dichiara di averne una conoscenza soddisfacente.

Pertanto, per conciliare l’interesse del servizio e le esigenze e capacità dei candidati, tenendo conto del settore specifico della presente selezione, è legittimo esigere la conoscenza di una di queste tre lingue per garantire che, a prescindere dalla loro prima lingua, tutti i candidati padroneggino almeno una di queste tre lingue ufficiali come lingua di lavoro.

Peraltro, ai fini della parità di trattamento, ogni candidato al concorso, anche se ha una di queste tre lingue come prima lingua ufficiale, deve possedere una conoscenza soddisfacente di una seconda lingua, scelta tra queste tre lingue.

Tramite un esame delle competenze linguistiche specifiche il Parlamento europeo intende valutare, in un ambiente assai simile a quello in cui i neoassunti dovranno lavorare, se i candidati sono in grado di essere immediatamente operativi.

Al momento dell’iscrizione i candidati possono scegliere come lingua principale (L1) solo una delle 24 lingue ufficiali dell’Unione europea. Non sarà più possibile modificare la scelta delle lingue dopo che il modulo d’iscrizione elettronico sarà stato convalidato.

V.   ATTITUDINI

Essere rigoroso e apprezzare il lavoro in seno a un’equipe multiculturale.

Essere puntuale, disponibile e flessibile.

Essere dotato di buone capacità relazionali e dar prova di diplomazia, cortesia e discrezione.

Dimostrare capacità d’iniziativa, polivalenza e organizzazione.

VI.   PROCEDURA DI ISCRIZIONE E TERMINE ULTIMO PER LA PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE

I candidati devono iscriversi on line sul sito Internet di EPSO all’indirizzo http://europa.eu/epso/apply/jobs/index_fr.htm e seguirne le istruzioni, in particolare per quanto riguarda l’iscrizione elettronica.

I candidati sono tenuti a prendere tutte le misure necessarie affinché l’iscrizione elettronica sia conclusa entro il termine richiesto. Si consiglia di non aspettare la fine del periodo d’iscrizione per iscriversi in quanto un sovraccarico eccezionale delle linee o un’avaria nel collegamento Internet può obbligare a ripetere l’iscrizione elettronica che sarà impossibile dopo la scadenza di tale termine.

Una volta convalidata, l’iscrizione non sarà più modificabile poiché i dati saranno immediatamente trattati dal Parlamento europeo, in collaborazione con EPSO, per organizzare la selezione.

TERMINE ULTIMO PER LA PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE (convalida compresa):

18 maggio 2016 alle 12:00 (mezzogiorno) ora di Bruxelles.

VII.   TAPPE DELLA SELEZIONE

SELEZIONE PER TITOLI

La procedura di selezione è organizzata esclusivamente per titoli, sulla base dell’esame delle risposte dettagliate alle domande del «Valutatore di talento» (Évaluateur de talent — Talentfilter — Talent Screener) che figura nel modulo di iscrizione:

ciascuna domanda è ponderata sulla base di una scala da 1 a 3 a seconda dell’importanza annessa al criterio corrispondente;

il comitato di selezione esaminerà le risposte dei candidati e attribuirà tra 0 e 4 punti per ciascuna di esse; il punteggio è successivamente moltiplicato per il coefficiente di ponderazione attribuito al criterio corrispondente.

Le domande legate ai criteri sono le seguenti:

1.

esperienza professionale in qualità di autista nel settore del trasporto delle persone nel corso degli ultimi cinque anni

2.

esperienza professionale, di almeno un anno, in qualità di autista nel settore del trasporto di personalità ufficiali (quali autista di limousine, autista per il corpo diplomatico, ministri, alti funzionari ecc.)

3.

possesso di un certificato o di altro titolo che consente l’accesso alla professione di autista di taxi, rilasciato da un’autorità competente abilitata

4.

formazione in stile di guida difensiva di veicoli

5.

formazione in stile di guida ecologica

6.

formazione e/o esperienza professionale nel settore della sicurezza delle persone

7.

possesso di un nullaosta di sicurezza nazionale e/o europea o equipollente

8.

attestato nel campo del pronto soccorso rilasciato da un’autorità competente abilitata

9.

esperienza professionale in qualità di autista acquisita presso organizzazioni europee o internazionali o in ambiente multiculturale/multinazionale

10.

conoscenza (livello minimo A2) (4) di una o più lingue dell’Unione europea diverse dalle lingue 1 e 2 indicate di cui al punto IV. C. del presente invito a manifestazione d’interesse.

La selezione per titoli è svolta unicamente sulla base delle informazioni comunicate dal candidato nella sezione «Valutatore dei talenti» del modulo d’iscrizione.

VIII.   RISULTATI DELLA SELEZIONE

I risultati della selezione saranno pubblicati sul conto EPSO dei candidati.

I nomi dei 300 candidati che avranno conseguito il maggior numero di punti (5) al termine della selezione e che rispondono alle condizioni generali e particolari di cui al titolo IV punti A. e B. del presente invito a manifestazione d’interesse, saranno iscritti nella base di dati ma non saranno resi pubblici in nessun’altra forma. L’accesso alla base di dati sarà aperto al Parlamento europeo.

La base di dati resta valida fino al 31 dicembre 2019.

IX.   ASSUNZIONE

L’iscrizione nella base di dati non costituisce una garanzia di assunzione.

Ove si presenti una possibilità di contratto, i servizi incaricati dell’assunzione consulteranno la banca dati e convocheranno i candidati il cui profilo corrisponde meglio alle esigenze del posto in questione.

I candidati sosterranno un colloquio inteso a valutare se il loro profilo corrisponde al posto disponibile. Nel corso del colloquio, saranno valutate le conoscenze linguistiche (lingua 1 e lingua 2). Potranno essere valutate anche le conoscenze linguistiche delle altre lingue indicate dal candidato.

Il colloquio potrà essere integrato da test teorici e/o pratici.

Alla luce dell’esito del colloquio e degli eventuali test teorici e/o pratici ai candidati potrà essere proposto un impiego.

I candidati convocati dovranno produrre per il colloquio tutti i documenti giustificativi comprovanti che soddisfano tutte le condizioni del presente invito a manifestazione d’interesse, altrimenti non sarà loro offerto un impiego. Nel contempo si dispone che, ove i dati forniti risultassero inesatti, i candidati saranno esclusi dalla procedura di selezione e il loro nominativo sarà depennato dalla banca dati.

Il contratto sarà stipulato conformemente agli articoli 3 bis, 84 e 85 del RAA. Esso avrà la durata di un (1) anno e potrà essere rinnovato per un periodo di un (1) anno, prima di essere eventualmente rinnovato una seconda volta per una durata indeterminata.

Il rinnovo del contratto potrà essere subordinato:

all’ottenimento di un certificato di sicurezza rilasciato dai servizi del Parlamento europeo, e/o

alla partecipazione a formazioni obbligatorie seguite da un esame finale, organizzate dal Parlamento europeo, e/o

all’ottenimento di un nullaosta di sicurezza rilasciato dalle autorità nazionali competenti.

Nello stesso modo ogni contratto potrà essere sciolto in caso di inadempimento di una della condizioni di cui sopra.

X.   COMUNICAZIONI

Il Parlamento europeo contatterà i candidati attraverso il loro conto EPSO o per posta elettronica. È loro compito seguire l’evoluzione della procedura e verificare le informazioni che li riguardano consultando il proprio conto EPSO e la loro posta elettronica personale a intervalli regolari, almeno 2 volte alla settimana. Se, a causa di un problema tecnico, un candidato non è in grado di verificare tali informazioni, è tenuto a segnalarlo immediatamente all’indirizzo elettronico della procedura

ACdrivers2016@ep.europa.eu

Per qualsiasi comunicazione relativa alla procedura, occorre inviare un messaggio di posta elettronica alla stessa casella funzionale.

XI.   CASI DI ESCLUSIONE INERENTI ALL’ISCRIZIONE

Il Parlamento europeo vigila scrupolosamente sul rispetto del principio di parità di trattamento. Di conseguenza, qualora in una qualsiasi fase della procedura il Parlamento europeo constati che un candidato ha creato più conti EPSO o presentato più di una candidatura per questa procedura di selezione o prodotto false dichiarazioni, questi sarà escluso dalla procedura di selezione.

Qualsiasi frode o tentativo di frode sarà passibile di eventuali sanzioni. A tale riguardo, si richiama l’attenzione dei candidati sul fatto che soltanto le persone che avranno dato prova della massima integrità sono assunte dal Parlamento europeo.

XII.   DISPOSIZIONI SPECIALI

I candidati portatori di handicap o che si trovino in una condizione particolare che possa porre difficoltà al momento del colloquio devono barrare l’apposita casella nel modulo di iscrizione e fornire ogni informazione utile al fine di permettere all’amministrazione del Parlamento di adottare, se possibile, tutte le misure necessarie.

XIII.   PROCEDURE DI RIESAME/RICORSO

I candidati che ritengono che una decisione rechi loro pregiudizio possono chiedere il riesame di tale decisione, esperire uno dei mezzi di ricorso previsti o presentare una denuncia al Mediatore europeo (6).

Richieste di riesame

Per inoltrare una richiesta di riesame motivato, occorre rivolgersi per posta elettronica alla casella funzionale della procedura:

ACdrivers2016@ep.europa.eu

entro un termine di dieci giorni di calendario a decorrere dalla data di pubblicazione dell’esito della selezione nel conto EPSO dei candidati. La risposta sarà notificata all’interessato al più presto possibile.

Procedure di ricorso (questa azione è esperibile in tutte le fasi della procedura)

Inoltrare un reclamo sulla base dell’articolo 90, paragrafo 2, dello Statuto dei funzionari dell’Unione europea, indirizzato a:

sig. Segretario generale

Parlamento europeo

Bât. Konrad Adenauer

2929 Luxembourg

LUSSEMBURGO

Si richiama l’attenzione dei candidati sull’ampio potere di apprezzamento di cui godono i comitati di selezione, che deliberano in piena indipendenza e le cui decisioni non possono essere modificate dall’autorità avente il potere di nomina. L’ampio potere di apprezzamento dei comitati di selezione è sottoposto a controllo solo in caso di violazione manifesta delle regole che presiedono ai lavori. In quest’ultimo caso la decisione del comitato può essere impugnata direttamente dinanzi al Tribunale della funzione pubblica dell’Unione europea senza che in precedenza sia stato presentato un reclamo a norma dell’articolo 90, paragrafo 2, dello Statuto dei funzionari.

Inoltro di un ricorso presso il:

Tribunale della funzione pubblica dell’Unione europea

2925 Luxembourg

LUSSEMBURGO

sulla base dell’articolo 270 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea e dell’articolo 91 dello Statuto.

Questa possibilità è prevista solo per le decisioni prese dal comitato di selezione.

Contro le decisioni amministrative di rifiuto dell’accesso, motivate dalla non conformità della candidatura alle condizioni di ammissione alla procedura di selezione di cui al titolo IV B, del presente invito a manifestazione d’interesse, è possibile presentare un ricorso dinanzi al Tribunale della funzione pubblica dell’Unione europea solo dopo aver presentato in precedenza un reclamo come sopra specificato.

La presentazione di un ricorso dinanzi al Tribunale della funzione pubblica dell’Unione europea richiede tassativamente l’intervento di un avvocato abilitato a esercitare dinanzi a una giurisdizione di uno Stato membro dell’Unione europea o dello Spazio economico europeo.

I termini di cui agli articoli 90 e 91 dello Statuto dei funzionari (7) previsti per questi due tipi di procedure di ricorso iniziano a decorrere dalla notifica della decisione iniziale recante pregiudizio oppure, limitatamente alle domande di riesame, dalla notifica della risposta iniziale del comitato di selezione a tale domanda.

Denuncia al Mediatore europeo

Indirizzare, come qualsiasi cittadino dell’Unione europea, una denuncia al:

Mediatore europeo

1, avenue du Président Robert Schuman — BP 403

F-67001 STRASBOURG Cedex

FRANCIA

conformemente all’articolo 228, paragrafo 1, del trattato sul funzionamento dell’Unione europea e alle condizioni previste dalla decisione del Parlamento europeo, del 9 marzo 1994, sullo statuto e le condizioni generali per l’esercizio delle funzioni del Mediatore (GU L 113 del 4.5.1994).

Si richiama l’attenzione dei candidati sul fatto che la denuncia al Mediatore europeo non sospende i termini previsti dall’articolo 90, paragrafo 2, e dall’articolo 91 dello statuto per la presentazione di un ricorso dinanzi al Tribunale della funzione pubblica dell’Unione europea ai sensi dell’articolo 270 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea.


(1)  Regolamento (CEE, Euratom, CECA) n. 259/68 del Consiglio (GU L 56 del 4.3.1968, pag. 1) modificato dal regolamento (CE, Euratom) n. 723/2004 (GU L 124 del 27.4.2004, pag. 1) e da ultimo dal regolamento (UE, Euratom) n. 1023/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2013, che modifica lo statuto dei funzionari dell’Unione europea e il regime applicabile agli altri agenti dell’Unione europea (GU L 287 del 29.10.2013, pag. 15).

(2)  Quadro di riferimento sul sito Europass:

http://europass.cedefop.europa.eu/it/resources/european-language-levels-cefr

(3)  Le lingue ufficiali dell’Unione europea sono: bulgaro (BG), ceco (CS), croato (HR), danese (DA), estone (et), finlandese (FI), francese (FR), greco (EL), inglese (EN), irlandese (GA), italiano (IT), lettone (LV), lituano (LT), maltese (MT), neerlandese (NL), polacco (PL), portoghese (PT), rumeno (RO), slovacco (SK), sloveno (SL), spagnolo (ES), svedese (SV), tedesco (DE) e ungherese (HU).

(4)  Quadro di riferimento sul sito Europass:

http://europass.cedefop.europa.eu/it/resources/european-language-levels-cefr

(5)  Se vari candidati ottengono lo stesso punteggio per l’ultimo posto, il comitato di selezione li ammetterà tutti a pari merito.

(6)  La presentazione di un reclamo, ricorso o denuncia presso il Mediatore europeo non interrompe i lavori del comitato di selezione.

(7)  Cfr. nota a pag. 1.


Top