EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 62023CN0645

Causa C-645/23, Hera Comm: Domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dalla Corte d’appello di Bologna (Italia) il 26 ottobre 2023 — Hera Comm SpA / Falconeri Srl

GU C, C/2024/1083, 5.2.2024, ELI: http://data.europa.eu/eli/C/2024/1083/oj (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, GA, HR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

ELI: http://data.europa.eu/eli/C/2024/1083/oj

European flag

Gazzetta ufficiale
dell'Unione europea

IT

Serie C


C/2024/1083

5.2.2024

Domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dalla Corte d’appello di Bologna (Italia) il 26 ottobre 2023 — Hera Comm SpA / Falconeri Srl

(Causa C-645/23, Hera Comm)

(C/2024/1083)

Lingua processuale: l’italiano

Giudice del rinvio

Corte d’appello di Bologna

Parti nella causa principale

Appellante: Hera Comm SpA

Appellata: Falconeri Srl

Questioni pregiudiziali

1)

Se l’addizionale di un’accisa sull’energia elettrica, applicata dallo Stato membro come frazione o multiplo dell’accisa cui è già sottoposto il prodotto, rientri nel concetto di «altre imposte indirette» di cui all’articolo 1, paragrafo 2, della direttiva 2008/118/CE del Consiglio del 16 dicembre 2008, relativa al regime generale delle accise e che abroga la direttiva 92/12/CEE (1), o se debba essere intesa quale mera maggiorazione dell’aliquota dell’accisa, con conseguente libertà dello Stato membro di non destinarla alle «finalità specifiche» richieste dall’articolo 1, paragrafo 2, della direttiva 2008/118/CE;

2)

nel caso in cui l’addizionale di un’accisa sull’energia elettrica rientri nel concetto di «altre imposte indirette», se l’articolo 1, paragrafo 2, della direttiva 2008/118/CE del Consiglio, del 16 dicembre 2008, debba essere interpretato nel senso che soddisfa le condizioni per essere fatto valere dal singolo di fronte a un giudice nazionale al fine di:

contestare al venditore del prodotto soggetto all’addizionale dell’accisa, cui il singolo ha rimborsato l’imposta indiretta, che il prelievo fiscale dello Stato membro nei confronti del venditore è illegittimo, poiché fondato su una disposizione nazionale contraria alla norma della direttiva;

conseguentemente ripetere il pagamento indebito dal venditore che si è rivalso nei suoi confronti.


(1)   GU 2009, L 9, pag. 12.


ELI: http://data.europa.eu/eli/C/2024/1083/oj

ISSN 1977-0944 (electronic edition)


Top