Accept Refuse

EUR-Lex Access to European Union law

Back to EUR-Lex homepage

This document is an excerpt from the EUR-Lex website

Document 62009CN0441

Causa C-441/09: Ricorso proposto l’ 11 novembre 2009 — Commissione delle Comunità europee/Repubblica d'Austria

OJ C 24, 30.1.2010, p. 27–27 (BG, ES, CS, DA, DE, ET, EL, EN, FR, IT, LV, LT, HU, MT, NL, PL, PT, RO, SK, SL, FI, SV)

30.1.2010   

IT

Gazzetta ufficiale dell'Unione europea

C 24/27


Ricorso proposto l’11 novembre 2009 — Commissione delle Comunità europee/Repubblica d'Austria

(Causa C-441/09)

2010/C 24/50

Lingua processuale: il tedesco

Parti

Ricorrente: Commissione delle Comunità europee (rappresentanti: D. Triantafyllou e B.-R. Killmann, agenti)

Convenuta: Repubblica d'Austria

Conclusioni della ricorrente

La ricorrente conclude che la Corte voglia:

dichiarare che, applicando un’aliquota IVA ridotta alle forniture, alle importazioni e all’acquisto intracomunitario di determinati animali vivi, segnatamente dei cavalli, non impiegati per la preparazione di prodotti alimentari o di mangimi, la Repubblica d’Austria ha è venuta meno agli obblighi ad essa incombenti in forza del combinato dispsoto degli artt. 96 e 98 e dell’allegato III della direttiva sull’IVA (1).

condannare la Repubblica d'Austria alle spese.

Motivi e principali argomenti

La Commissione afferma che la normativa austriaca sull’IVA viola il combinato disposto degli artt. 96 e 98 e dell’allegato III della direttiva IVA, laddove applica alla fornitura di determinati animali vivi (in particolare di cavalli) un’aliquota IVA ridotta anche quando tali animali non sono destinati alla produzione di alimenti.

Il termine «animali vivi» di cui al punto 1 dell’allegato III della direttiva IVA non costituirebbe una categoria autonoma ma comprenderebbe unicamente animali destinati abitualmente ad essere impiegati come prodotti alimentari o mangimi. Detta interpretazione verrebbe avvalorata dalle versioni spagnola, francese, inglese, italiana, olandese, portoghese nonché svedese della disposizione in parola. Inoltre, secondo giurisprudenza consolidata, il carattere derogatorio di tale disposizione comporterebbe un’interpretazione restrittiva.

Segnatamente nel caso di animali appartenenti alla famiglia degli equidi sarebbe manifestamente predominante un impiego come animali da soma e da equitazione (e non come alimento o mangime).


(1)  Direttiva del Consiglio 28 novembre 2006, 2006/12/CE, relativa al sistema comune d’imposta sul valore aggiunto (GU L 347, pag. 1).


Top